Quali farmaci aiutano a curare la pielonefrite?

Pielonefrite

Il trattamento farmacologico della pielonefrite è un processo lungo e laborioso. Dalla sua efficacia dipende dalla prevenzione di gravi complicanze e dalla prognosi per la qualità della vita del paziente. Pertanto, è importante capire che il successo del trattamento dipenderà non solo dai farmaci usati, ma anche dalla conformità del paziente con tutte le raccomandazioni del medico curante.

Le principali regole per la selezione dei farmaci

Nell'elaborazione di un regime terapeutico individuale per la pielonefrite primaria acuta, lo specialista è guidato da diverse regole:

  1. L'uso di antibiotici altamente efficaci e agenti antimicrobici con suscettibilità agli agenti patogeni.
  2. Quando è impossibile stabilire una flora patogena nelle urine, le medicine vengono prescritte con un ampio spettro di azione che influenza la maggior parte dei possibili batteri.
  3. Se si assume la natura virale della malattia, non è necessario l'appuntamento con farmaci antibatterici per la pielonefrite.
  4. Condurre un corso di re-drug per prevenire il ripetersi della malattia.
  5. Allo stesso tempo è indicata la terapia antinfiammatoria e disintossicante.
  6. Profilassi con antibiotici, che hanno un effetto positivo nel trattamento del processo acuto.

La pielonefrite acuta secondaria comporta un intervento chirurgico, seguito dalla nomina di farmaci.

La terapia per le forme croniche di infiammazione del rene comporta le seguenti raccomandazioni per l'uso di droghe:

  • Il corso continuo iniziale di antibiotici per 6-8 settimane.
  • Una forte restrizione nell'uso di un numero di farmaci in caso di insufficienza renale cronica.
  • Per i bambini, la durata della terapia farmacologica è di 1,5 mesi. fino a un anno.
  • Il trattamento antimicrobico è effettuato solo dopo una valutazione preliminare della sensibilità del patogeno a loro.

Per il trattamento della pielonefrite, i farmaci vengono prescritti da vari gruppi farmacologici:

  • Antibiotici.
  • Mezzi con attività antimicrobica.
  • Farmaci anti-infiammatori
  • Immunostimolanti.
  • Complessi omeopatici e a base di erbe.
  • Farmaci che migliorano il trofismo locale dei tessuti.

Un regime di trattamento separato è stato sviluppato per lo sviluppo della pielonefrite nelle donne in gravidanza. Include farmaci con etichetta precisa:

Lo schema di trattamento per l'infiammazione dei reni nei pazienti viene selezionato da uno specialista, in base a ciascun caso specifico.

Breve descrizione dei singoli gruppi di farmaci

Gli antibiotici più efficaci per la pielonefrite includono:

  1. Fluoroquinoloni respiratori:
    • tsiprolet;
    • Tsiprobay;
    • Palin;
    • nolitsin;
    • Glewe;
    • Tavanic;
    • Fleksid;
    • Sparflo.
  2. cefalosporine:
    • per punture: Ceftriaxone, Cefataxi, Quadrotsef;
    • Compresse: Zinnat, Ceforal Soyub, Cedex.
  3. Aminopenicilline: Flemoxin, Amoxiclav.
  4. carbapenemi:
    • ertapenem;
    • imipenem;
    • Meropenem.
  5. Fosfomicina - Monural.
  6. Aminoglicosidi: Amikacina, gentamicina.

Le aminopenicilline negli ultimi anni sono controindicate per il trattamento primario delle forme acute di pielonefrite. Il loro scopo è permesso quando si rileva la flora sensibile.
La fosfomicina è ampiamente usata nei bambini e nelle donne incinte nella prevenzione delle ricadute. Il lato positivo del farmaco è una singola dose, l'assorbimento minimo nella circolazione sistemica, il massimo effetto terapeutico.

Gli antibiotici dal gruppo di carbapenemi e aminoglicosidi sono considerati ridondanti. Sono mostrati con l'inefficacia del trattamento con altri farmaci e con pielonefrite grave complicata. Introdurli solo per iniezione in un ospedale.

La combinazione di diversi farmaci di diversi gruppi è raccomandata per la flora patogena mista per migliorare l'effetto.

La dinamica degli indicatori clinici e di laboratorio della terapia antibiotica in corso per la pielonefrite è stimata in 3 giorni. In assenza di un effetto positivo, viene effettuata una sostituzione per un farmaco di un altro gruppo con controllo successivo. La durata totale della terapia con 7-14 giorni. L'aumento del periodo di assunzione di antibiotici dipende dalla gravità del processo infettivo.

Degli agenti antimicrobici per la pielonefrite, il paziente può essere prescritto:

Tuttavia, il loro uso è stato recentemente limitato a causa dell'elevato numero di agenti patogeni resistenti e della presenza di una vasta gamma di antibiotici efficaci.

I farmaci anti-infiammatori sono usati nel periodo acuto della malattia. Il termine della loro ricezione non supera i 3 giorni. Assegnazione:

Questi farmaci hanno un effetto antinfiammatorio pronunciato, riducendo il processo patologico nei reni. La conseguenza di ciò è considerata un'alta efficacia dei farmaci antimicrobici che penetrano nel fuoco infiammatorio.

Gli immunostimolanti sono usati per la natura virale della malattia e la pielonefrite costantemente ricorrente. Usato da:

I farmaci sono corsi prescritti. La durata totale del trattamento è di 3-6 mesi.

La ricezione di complessi a base di erbe e farmaci omeopatici per la pielonefrite ha una lieve azione diuretica, antinfiammatoria e antimicrobica. Approvato per l'uso nei bambini e nelle donne in gravidanza. L'effetto massimo si ottiene dopo un mese di trattamento continuo. Assegnazione:

Le compresse che migliorano l'apporto di sangue al tessuto renale, sono mostrate con un lungo corso di pielonefrite cronica. Il loro uso è dettato da cambiamenti permanenti locali che portano a gravi conseguenze. Dei farmaci è consentito applicare:

Grave pielonefrite, lo sviluppo di complicazioni implica il ricovero in ospedale nel dipartimento di urologia. Una parte integrante del processo di trattamento è la terapia di disintossicazione, compresa la somministrazione endovenosa di soluzioni:

  • Glucosio 5%;
  • reamberin;
  • Plasma nativo;
  • Cloruro di sodio

La selezione del regime di trattamento finale rimane per il medico curante. L'autotrattamento a casa è inaccettabile. Ciò porta ad un corso complicato della malattia e ad un processo cronico.

Elenco dei farmaci più efficaci

Nonostante i molti diversi farmaci usati per trattare la pielonefrite, più spesso solo pochi di loro sono prescritti. L'elenco dei mezzi più efficaci è presentato nella tabella.

Antibiotici per il trattamento della pielonefrite

La pielonefrite è attualmente ad alta prevalenza. Ciò è particolarmente vero per i bambini in età prescolare a causa della particolare struttura anatomica del sistema urinario. Anche le donne che sono in una posizione sono colpite da questa malattia. Un precursore comune dell'infiammazione del rene è la cistite.

La pielonefrite ha i seguenti sintomi:

  • alta temperatura corporea;
  • dolore lombare;
  • nausea e vomito;
  • grave debolezza;
  • sudorazione e brividi;
  • spesso la cistite è il precursore della pielonefrite, quindi la minzione frequente viene aggiunta ai sintomi generali.

Come è noto, il trattamento della pielonefrite con antibiotici è l'unica soluzione corretta. Quali antibiotici per la pielonefrite saranno più efficaci? Inoltre, esiste un antibiotico valido per la pielonefrite e la cistite?

I principali gruppi di antibiotici per il trattamento della pielonefrite

Tra la varietà di agenti antibatterici sono i seguenti gruppi:

  • penicilline;
  • fluorochinoloni;
  • sulfamidici;
  • derivati ​​dell'idrossichinolina;
  • cefalosporine;
  • nitrofurani;
  • aminoglikazidy.

Gli antibiotici per la cistite e la pielonefrite devono soddisfare i seguenti criteri:

  • nessun effetto tossico sui reni;
  • concentrazione massima in urina;
  • avere un ampio spettro di azione.

Come funzionano gli antibiotici?

Gli antibiotici per il trattamento della patologia renale hanno due principali meccanismi di azione. Il primo di essi è battericida, in questo caso si verifica la distruzione della microflora patogena. Il secondo meccanismo è batteriostatico, arresta la moltiplicazione dei microbi. Il più spesso, quando pyelonephritis ha prescritto farmaci in pillole. Iniettati per via endovenosa solo con gravi complicazioni.

penicilline

Questo gruppo di farmaci è caratterizzato dal fatto che agiscono sugli enterococchi, E. coli, che in molti casi causa la pielonefrite. Hanno relativamente pochi effetti collaterali. Al momento, i medici preferiscono le cosiddette penicilline protette, sono composte da acido clavulanico, che le protegge dalla distruzione da parte degli enzimi batterici. Un importante rappresentante delle penicilline semisintetiche è il flemossina soljutab, utilizzato con successo nel trattamento delle donne in gravidanza, con la pielonefrite nei bambini.

L'amoxiclav è aminopenicillina, è anche usato per trattare la pielonefrite nelle donne in posizione e nei bambini, ma nel secondo, a partire dai 12 anni.

Se si sospetta che l'infezione sia causata da Pseudomonas aeruginosa, vengono utilizzate le carbossipendine. La ticarcillina è uno dei farmaci in questo gruppo. Tuttavia, questo strumento è generalmente prescritto in combinazione con altri a causa dell'alto livello di resistenza secondaria alle carbossipeptilline. Molto spesso vengono aggiunti fluorochinoloni o aminogliciduri.

cefalosporine

Oltre ai suddetti mezzi, anche le droghe di questa serie vengono utilizzate con successo. Sono più spesso utilizzati in condizioni ospedaliere. Bene si accumulano nel tessuto renale e nelle urine, hanno una bassa tossicità.

Cefipim è una delle cefalosporine di quarta generazione. È attivo contro i batteri gram-negativi e gram-positivi, Pseudomonas aeruginosa. Rispetto ai farmaci di terza generazione, agiscono più fortemente sui batteri Gy +. La terza generazione della serie di cefalosporine è caratterizzata dal fatto che sono prescritti nel processo acuto, ma lo fermano rapidamente. La seconda generazione ha un effetto su E. coli e altri enterobatteri. Usato più spesso in condizioni policliniche. La prima generazione ha una gamma limitata di effetti, quindi queste cefalosporine non vengono utilizzate per l'infiammazione acuta.

aminoglicosidi

Gli aminoglicosidi (gentamicina, amikacina) sono prescritti solo in forme complicate della malattia. Sono molto tossici, agiscono sull'udito e sui reni. Scarsamente assorbito nel tratto digestivo. Ma riescono "perfettamente bene" con un pus ionico. Spesso con l'obiettivo di migliorare l'effetto del loro combinato con penicilline e fluorochinoloni.

fluorochinoloni

Sempre più usato per trattare la pielonefrite. La ciprofloxocina, ofloxocin è un farmaco di prima generazione. Distruggono attivamente la maggior parte dei patogeni, bassa tossicità, hanno una serie minima di reazioni avverse. Per lo più bere in forma di pillola. Attualmente un agente provato è la ciprofloxocina. È prescritto in una dose di 250 mg due volte al giorno, eventualmente aumentando il dosaggio se necessario.

La seconda generazione è rappresentata dalla levofloxocina. Ha meno successo nella lotta contro il bacillo pseudomuscolare, ma molto più efficacemente in relazione ai batteri Gr + rispetto alla prima generazione.

carbapenemici

Questo gruppo di antibiotici è usato in casi estremamente gravi. Hanno uno spettro di esposizione ultra-ampio, resistenza alla beta-lattamasi, speciali enzimi di batteri. Sono utilizzati per l'infezione del sangue, la pielonefrite, causata da diversi agenti patogeni contemporaneamente, con l'inefficacia del trattamento precedentemente prescritto.

Non lavorare in relazione alla flora dei clamidi, gli stafilococchi resistenti alla meticillium.

sulfamidici

I preparati di questa serie distruggono i batteri gram-positivi e gram-negativi, la flora dei clamidi, le barre gram-negative. Ma non sono efficaci nella lotta contro i batteri anaerobici, Pseudomonas aeruginosa. Utilizzato per il trattamento della pielonefrite biseptol (co-trimaxosol), groseptol, urosulfan).

nitrofurani

Questo è il secondo gruppo di farmaci dopo i sulfonamidi, che viene utilizzato per scopi medici estesi. Possiedono sia proprietà battericide che batteriostatiche. Il più delle volte vengono utilizzati dai seguenti rappresentanti della serie nitrofuran:

Entrambi i farmaci sono utilizzati nella pielonefrite cronica, nel caso di acuta sono inefficaci. Quando la gravidanza è autorizzata a usarli solo nel secondo trimestre, durante l'allattamento non vengono utilizzati.

Preparazioni di acido nalidoxic

Le droghe più comuni di questo gruppo sono Nevigramon, nalidiks, neri.

Derivati ​​dell'8-idrossichinolina

L'agente antibatterico del gruppo ossochinolina, un altro nome per questa serie di antibiotici, è la nitroxolina. Distrugge selettivamente alcuni batteri del genere Candida, gram-negativi e batteri gram-positivi. Esso, così come i nitrofurani, è usato per prevenire le esacerbazioni. Prescrivere il corso di nitroxolina (5-NOK) per 2-3 settimane.

conclusione

Gli antibiotici per la pielonefrite e la cistite dovrebbero essere scelti con molta attenzione, tenendo conto di tutte le circostanze della malattia. Per il trattamento della pielonefrite in casa è pericoloso, può portare a una grave complicanza, vale a dire insufficienza renale. Sii attento alla tua salute.

Antibiotico per pielonefrite

Lascia un commento 27.703

La pielonefrite viene curata principalmente in ospedale, perché i pazienti necessitano di cure e osservazioni costanti. Gli antibiotici per la pielonefrite sono inclusi nel complesso di trattamento obbligatorio, inoltre, al paziente viene prescritto riposo a letto, bere pesantemente e apportare aggiustamenti nutrizionali. A volte la terapia antibiotica è un coadiuvante del trattamento chirurgico.

Informazioni generali

La pielonefrite è una comune infezione dei reni causata da batteri. L'infiammazione si applica al parenchima del bacino, del calice e del rene. La malattia si trova spesso nei bambini piccoli, che è associata a caratteristiche strutturali del sistema urogenitale o con anomalie congenite. Il gruppo di rischio comprende anche:

  • donne durante la gravidanza;
  • ragazze e donne che sono sessualmente attive;
  • ragazze sotto i 7 anni;
  • uomini più anziani;
  • uomini con diagnosi di adenoma prostatico.
La transizione della malattia alla forma cronica si verifica a seguito di una terapia antibiotica ritardata.

La terapia antibatterica errata o non iniziata porta alla transizione della malattia da acuta a cronica. A volte, in seguito alla ricerca di un aiuto medico porta alla disfunzione renale, in rari casi, alla necrosi. I principali sintomi della pielonefrite sono la temperatura corporea da 39 gradi e più, minzione frequente e deterioramento generale. La durata della malattia dipende dalla forma e dalle manifestazioni della malattia. La durata del trattamento ospedaliero è di 30 giorni.

Principi di trattamento di successo

Per smaltire l'infiammazione con successo, la terapia antibiotica deve essere iniziata il prima possibile. Il trattamento di pyelonephritis consiste di parecchi stadi. Il primo stadio: eliminare la fonte di infiammazione e condurre una terapia antiossidante. Nella seconda fase, le procedure di miglioramento dell'immunità vengono aggiunte alla terapia antibiotica. La forma cronica è caratterizzata da recidive permanenti, quindi viene eseguita l'immunoterapia per evitare la reinfezione. Il principio base del trattamento della pielonefrite è la scelta dell'antibiotico. La preferenza è data a un agente che non ha un effetto tossicologico sui reni e combatte contro vari agenti patogeni. Nel caso in cui l'antibiotico prescritto per la pielonefrite non dia un risultato positivo al 4 ° giorno, viene modificato. La lotta contro una fonte di infiammazione include 2 principi:

  1. La terapia inizia fino ai risultati dell'urina bakposeva.
  2. Dopo aver ricevuto i risultati della semina, se necessario, viene effettuato un aggiustamento della terapia antibiotica.
Torna al sommario

Agenti causali

La pielonefrite non ha un agente patogeno specifico. La malattia è causata da microrganismi nel corpo o da microbi che hanno invaso l'ambiente. La terapia antibiotica prolungata porterà all'aggiunta di infezioni causate da funghi patogeni. I patogeni più comuni sono la microflora intestinale: se e cocchi sono batteri. Il trattamento avviato senza antibiotici provoca la comparsa simultanea di diversi agenti patogeni. germi:

  • Proteus;
  • Klebsiella;
  • E. coli;
  • enterococchi, stafilococchi e streptococchi;
  • candida;
  • clamidia, micoplasma e ureaplasma.
Torna al sommario

Quali antibiotici sono prescritti per la pielonefrite?

Recentemente, per curare la pielonefrite, applicare la terapia antibiotica a gradini - l'introduzione di antibiotici in 2 fasi. In primo luogo, i farmaci vengono iniettati con iniezioni e quindi trasferiti nella pillola. La terapia antibiotica Step riduce il costo del trattamento e il termine degenza ospedaliera. Prendere gli antibiotici fino a quando la temperatura corporea ritorna normale. La durata della terapia è di almeno 2 settimane. La terapia antibatterica include:

  • fluorochinoli - "Levofloxacina", "Ciprofloxacina", "Ofloxacile";
  • Cefalosporine di terza e quarta generazione - Cefotaxime, Cefoperazone e Ceftriaxone;
  • aminopenicilline - Amoxicillina, Flemoxin Soluteb, Ampicillina;
  • aminoglicosidi - "Tobramicina", "Gentamicina".
  • macrolidi - sono usati contro la clamidia, il micoplasma e l'ureaplasma. "Azitromicina", "Claritromicina".
Torna al sommario

Quali antibiotici trattano la pielonefrite cronica?

L'obiettivo principale della terapia nel trattamento della pielonefrite cronica è quello di distruggere l'agente patogeno nel tratto urinario. La terapia antibiotica per la pielonefrite cronica viene eseguita al fine di evitare la recidiva della malattia. Applicare antibiotici cefalosporina gruppo, a causa del fatto che il contenuto di droga nel sangue rimane il più a lungo possibile. Le cefalosporine di terza generazione sono assunte per via orale e sotto forma di iniezioni, pertanto il loro uso è consigliabile per la terapia incrementale. L'emivita della droga dai reni - 2-3 giorni. Le nuove cefalosporine dell'ultima generazione sono adatte alla lotta contro i batteri di cocchi gram-positivi. Nella malattia cronica, usare:

  • Cefuroxime e Cefotaxime;
  • "Amoxicillina clavulanato";
  • Ceftriaxone e Ceftibuten.
Torna al sommario

Trattamento per pyelonephritis affilato

La pielonefrite acuta emergente richiede una terapia antibiotica urgente. Per distruggere la fonte della malattia nella fase iniziale, viene utilizzato un antibiotico ad ampio spettro in un ampio dosaggio. I migliori farmaci in questo caso - la terza generazione di cefalosporine. Per migliorare l'efficacia del trattamento combinare l'uso di 2 strumenti - "Cefixime" e "Amoxicillina clavulanato". Il farmaco viene somministrato una volta al giorno e la terapia viene eseguita fino a quando i risultati del test non migliorano. Durata del trattamento per almeno 7 giorni. Insieme alla terapia antibatterica assumono farmaci che aumentano l'immunità. Il nome del farmaco e il dosaggio sono determinati solo da un medico, tenendo conto di molti fattori.

Dosaggio di farmaci in compresse

  • "Amoxicillin" - 0, 375-0,625 g, bere 3 volte al giorno.
  • "Levofloxacina" - 0,25 g / giorno.
  • "Ofloxacina" - 0,2 g, preso 2 volte al giorno.
  • "Cifixime" - 0,4 g, bevuto una volta al giorno.
Torna al sommario

Iniezioni per pielonefrite

  • "Amoxicillin" - 1-2 g, 3 volte al giorno.
  • "Ampicillina" - 1,5-3 g, 4 volte al giorno.
  • "Levofloxacina" - 0,5 g / giorno.
  • "Gentamicina" - 0,08 g, 3 volte al giorno.
  • "Ofloxacin" - 0,2 g, 2 volte al giorno.
  • "Cefotaxime" - 1-2 g, 3 volte al giorno.
  • "Ceftriaxone" - 1-2 g / giorno.
Torna al sommario

resistenza

Terapia antibiotica impropria o non conformità con le regole del farmaco porta alla formazione di batteri resistenti agli antibiotici, seguiti da difficoltà nella scelta del trattamento. La resistenza dei batteri ai farmaci antibatterici si forma quando la beta-lattamasi appare in microrganismi patogeni - una sostanza che inibisce gli effetti degli antibiotici. L'uso improprio dell'antibiotico porta al fatto che i batteri sensibili ad esso muoiono e il loro posto è preso da microrganismi resistenti. Nel trattamento della pielonefrite non si applicano:

  • antibiotici di aminopenicilline e fluorochinoli, se l'agente eziologico è E. coli;
  • tetraciclina;
  • nitrofurantoina;
  • cloramfenicolo;
  • acido nalidico.
Torna al sommario

Antibiotici prescritti nelle donne durante la gravidanza

L'innocuità e la bassa sensibilità dei batteri patogeni sono i criteri principali per la selezione della terapia antibiotica durante la gravidanza. A causa della tossicità, molti farmaci non sono adatti alle donne in gravidanza. Ad esempio, le sulfonamidi causano l'encefalopatia da bilirubina. Il contenuto di trimethoprim nell'antibiotico interferisce con la normale formazione del tubo neurale in un bambino. Antibiotici tetracicline - displasia. In generale, i medici nelle donne in gravidanza usano cefalosporine del secondo e terzo gruppo, antibiotici meno comunemente prescritti per la penicillina e il gruppo degli aminoglicidi.

Quale antibiotico è meglio usare nei bambini?

Il trattamento della pielonefrite nei bambini avviene a casa o in una struttura medica, dipende dal decorso della malattia. Un lieve grado di pielonefrite non richiede la nomina di iniezioni, la terapia antibatterica viene eseguita per via orale (sospensioni, sciroppi o compresse). Un antibiotico somministrato a un bambino dovrebbe essere ben assorbito dal tratto gastrointestinale e preferibilmente avere un buon sapore.

Ai primi sintomi della malattia, prima di ottenere i risultati dell'urina urinata, al bambino viene prescritta penicillina "protetta" o cefalosporine del 2o gruppo. Il miglior farmaco per il trattamento della pielonefrite nei bambini è Augumentin, efficace nell'88% dei casi. Tratta farmaci a bassa tossicità. Dopo aver condotto una terapia antibiotica completa, è prescritto il rimedio omeopatico "Canephron". Una forma complicata della malattia comporta il cambiamento del farmaco antibatterico ogni 7 giorni.

Che tipo di antibiotici per curare la pielonefrite: una lista di farmaci e le regole della terapia farmacologica

Le malattie renali sono spesso accompagnate da infiammazione. In molti pazienti, gli urologi diagnosticano la pielonefrite. Il trattamento antibiotico inibisce l'attività dei microrganismi patogeni.

Quando si selezionano i farmaci, il medico prende in considerazione il tipo di batteri, il grado di danno renale, l'effetto del farmaco - battericida o batteriostatico. Nei casi più gravi, la combinazione di due composti antibatterici è efficace. Come trattare la pielonefrite con antibiotici? Quali farmaci vengono più spesso prescritti? Quanto dura il corso della terapia? Risposte nell'articolo

Cause della malattia

La pielonefrite è un'infiammazione del tessuto renale. L'infezione penetra dalla vescica (il più delle volte), da focolai patologici in altre parti del corpo con linfa e sangue (meno spesso). La vicinanza dei genitali e l'ano all'uretra spiega il frequente sviluppo della pielonefrite nelle donne. Il principale tipo di patogeno è E. coli. Inoltre, i medici secernono Klebsiella, Staphylococcus, Enterococcus, Proteus, Pseudomonas quando l'urina viene coltivata.

Una delle cause della patologia è il trattamento improprio delle malattie infettive del sistema urinario inferiore. I microrganismi patogeni aumentano gradualmente, penetrano nei reni. Il trattamento di pyelonephritis per molto tempo, spesso si verificano ricadute.

La seconda ragione è il ristagno di urina con un problema con il deflusso di liquido, ri-lancio di scarico nella pelvi renale. Il reflusso vescico-uretrale sconvolge il funzionamento della vescica e dei reni, provoca il processo infiammatorio, la riproduzione attiva di microrganismi patogeni.

Codice di pyelonephritis secondo ICD - 10 - N10 - N12.

Scopri i sintomi della tubercolosi dei reni e come trattare la malattia.

Come rimuovere i calcoli renali nelle donne? Le opzioni di trattamento efficaci sono descritte in questa pagina.

Segni e sintomi

La malattia è acuta e cronica. Quando si trascurano i casi di patologia, l'infezione copre molte parti del corpo, la condizione peggiora marcatamente.

I principali sintomi della pielonefrite:

  • dolore acuto grave nella colonna lombare;
  • periodi di nausea;
  • aumento della temperatura a +39 gradi;
  • tachicardia;
  • brividi;
  • mancanza di respiro;
  • mal di testa;
  • la debolezza;
  • minzione frequente;
  • leggero gonfiore dei tessuti;
  • decolorazione delle urine (verde o rosso);
  • il deterioramento;
  • in base ai risultati dell'analisi delle urine, il livello di leucociti aumenta di 18 unità o più.

Tipi, forme e stadi della patologia

I medici condividono:

  • pielonefrite acuta;
  • pielonefrite cronica.

Classificazione della pielonefrite renale secondo la forma:

Classificazione tenendo conto delle vie di infezione nei reni:

Classificazione dell'area di localizzazione:

Trattamento antibiotico dell'infiammazione renale

Come trattare la pielonefrite con antibiotici? In assenza di trattamento tempestivo per l'infiammazione dei reni, una malattia infettiva-infiammatoria provoca complicazioni. Nelle forme gravi di pielonefrite, 70 pazienti su 100 sviluppano ipertensione (aumento della pressione). Tra le conseguenze pericolose sullo sfondo di casi trascurati c'è la sepsi: la condizione è pericolosa per la vita.

Le regole di base della terapia farmacologica per la pielonefrite:

  • selezione di agenti antibatterici tenendo conto dello stato dei reni per prevenire danni ai tessuti interessati. Il farmaco non dovrebbe influire negativamente sugli organi indeboliti;
  • L'urologo deve prescrivere bacpossev per identificare il tipo di microrganismi patogeni. Solo in base ai risultati del test per la sensibilità alle composizioni antibatteriche, il medico consiglia un medicinale per sopprimere l'infiammazione nei reni. Nei casi gravi della malattia, mentre non vi è alcuna risposta dal laboratorio, vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro, sullo sfondo dell'uso di cui vengono uccisi i batteri gram-negativi e gram-positivi;
  • L'opzione migliore è la somministrazione di farmaci per via endovenosa. Con questo tipo di iniezione, i componenti attivi entrano immediatamente nel flusso sanguigno e nei reni, agiscono subito dopo l'iniezione;
  • quando si prescrive un agente antibatterico, è importante considerare il livello di acidità delle urine. Per ogni gruppo di farmaci, esiste un certo ambiente in cui le proprietà terapeutiche si manifestano maggiormente. Ad esempio, per Gentamicina, il pH dovrebbe essere compreso tra 7,6 e 8,5, Ampicillina da 5,6 a 6,0, Kanamicina da 7,0 a 8,0;
  • Un antibiotico a spettro ristretto o ad ampio spettro deve essere escreto nelle urine. È l'alta concentrazione del principio attivo nel fluido che indica una terapia di successo;
  • composizioni antibatteriche con proprietà battericide - la migliore opzione nel trattamento della pielonefrite. Dopo il corso terapeutico, non solo viene disturbata l'attività vitale dei batteri patogeni, ma anche i prodotti di decadimento vengono completamente eliminati in mezzo alla morte di microrganismi pericolosi.

Come capire che i farmaci antibatterici agiscono

I medici identificano diversi criteri per valutare l'efficacia del trattamento:

  • presto. Le prime modifiche positive sono evidenti dopo due o tre giorni. Segni di intossicazione, sindrome del dolore sono ridotti, la debolezza scompare e il lavoro sui reni è normalizzato. Dopo tre o quattro giorni, l'analisi mostra l'aspetto di urina sterile;
  • più tardi. Dopo 2-4 settimane, i pazienti notano un significativo miglioramento delle loro condizioni e scompaiono gli attacchi di brividi, nausea e febbre. L'analisi delle urine a 3-7 giorni dopo la fine del trattamento mostra l'assenza di microrganismi patogeni;
  • finale. I medici confermano l'efficacia della terapia se la reinfezione degli organi del sistema urinario non si manifesta per 3 mesi dopo il completamento degli antibiotici.

È importante:

  • Secondo i risultati degli studi, sulla base del monitoraggio del decorso della terapia antibiotica nella pielonefrite, i medici hanno scoperto che il trattamento più efficace è il frequente cambio di farmaci. Schema spesso usato: Ampicillin, allora - Erythromycin, allora - le cefalosporine, lo stadio seguente - nitrofurani. Non dovresti usare un tipo di antibiotici per molto tempo;
  • per le riacutizzazioni che si sviluppano dopo l'assunzione di due o quattro cicli di terapia antibiotica, i farmaci antinfiammatori (non antibiotici) sono prescritti per 10 giorni;
  • in assenza di alte temperature e sintomi pronunciati di intossicazione, è prescritto a Negs o composti nitrofuranici senza l'uso precedente di agenti antibatterici.

Scopri i segni di uretrite acuta nelle donne, nonché le opzioni di trattamento per la malattia.

Come trattare la pressione renale e che cos'è? Leggi la risposta a questo indirizzo.

Vai a http://vseopochkah.com/bolezni/drugie/polikistoz.html per informazioni sui sintomi e il trattamento della malattia del rene policistico.

I principali tipi di farmaci per la pielonefrite

Esistono diversi gruppi di composti antibatterici che sopprimono più attivamente l'attività dei microbi patogeni nei reni e nella vescica:

  • gli antibiotici per la pielonefrite nelle donne sono selezionati tenendo conto della gravità della malattia, del livello di acidità delle urine, della natura del processo (acuta o cronica). La durata media del trattamento per un corso varia da 7 a 10 giorni. Metodo di applicazione: somministrazione parenterale (iniezione) o orale (compresse);
  • antibiotici per la pielonefrite negli uomini, l'urologo seleziona tenendo conto degli stessi fattori che nelle donne. Il metodo di applicazione dipende dalla gravità della patologia renale. Per la rapida eliminazione dei sintomi con un processo infiammatorio attivo, vengono prescritte soluzioni endovenose.

Farmaci efficaci:

  • gruppo fluorochinolone. Gli antibiotici sono spesso scelti come prima linea di trattamento per il trattamento dei processi infiammatori nei reni. Pefloxacina, ciprofloxacina, ofloxacina, norfloxacina. Assegna pillole o iniezioni, a seconda della gravità. Applicazione - 1 o 2 volte al giorno per 7-10 giorni;
  • gruppo cefalosporine. In caso di patologia non complicata, vengono prescritte 2 generazioni: Cefuroxime, Cefaclor (tre volte al giorno, da una settimana a 10 giorni). Per il trattamento di forme gravi di pielonefrite in donne e uomini prescritti fondi per 3 generazioni. Pillole efficaci: Cefixime, Ceftibuten (1 o 2 volte al giorno, da 7 a 10 giorni). Le cefalosporine di 1a generazione sono prescritte con meno frequenza: Cefazolina, Cefradina (2 o 3 volte al giorno per 7-10 giorni);
  • gruppo β-lattamici. I farmaci non solo sopprimono il processo infiammatorio, ma hanno anche un effetto distruttivo sullo stafilococco, la verga piocianica. L'ampicillina, l'amoxicillina è prescritta sotto forma di compresse e soluzioni iniettabili. Combinazioni ottimali: Amoxicillina più acido clavulanico, Ampicillina più Sulbactam. La durata della terapia - da 5 a 14 giorni, il dosaggio e la frequenza di utilizzo dipendono dal decorso della malattia - da due a quattro iniezioni o tecniche;
  • gruppo minoglicosidi amminocicliti. Assegnare con pyelonephritis purulento. Farmaci efficaci della terza e quarta generazione: Izepamycin, Sizimitsin, Tobramycin;
  • gruppo aminoglicosidico (farmaci di seconda linea). Amikacin, gentamicina. Utilizzato nel rilevamento di infezioni nosocomiali o nel corso di pielonefrite complicata. Spesso combinato con cefalosporine, penicilline. Prescrivere le iniezioni di antibiotici 2 o 3 volte al giorno;
  • gruppo della penicillina, scarico della piperacillina. Nuove formulazioni 5 generazioni. Un ampio spettro d'azione, inibisce l'attività dei batteri gram-positivi e gram-negativi. Assegnare per via endovenosa e intramuscolare. Pipracil, Isipen, sale di sodio, Picillin.

Farmaci per i bambini con pielonefrite

In caso di patologia microbica infiammatoria dei reni, l'urina è necessariamente presa per bakposev. In base ai risultati del test, la flora patogena è isolata, viene determinata la sensibilità a uno o più farmaci antibatterici.

La terapia è lunga, con un cambio di antibiotico. Se dopo due o tre giorni mancano i primi segni di miglioramento, è importante scegliere un altro strumento. I farmaci antibatterici vengono utilizzati fino a quando i segni di intossicazione e la febbre scompaiono.

Raccomandazioni per il trattamento della pielonefrite nei bambini:

  • con grave intossicazione, forte dolore ai reni, problemi con il deflusso delle urine, vengono prescritti antibiotici: cefalosporine, ampicillina, carbenicillina, ampioks. La somministrazione intramuscolare della formulazione tre o quattro volte al giorno è adatta per i pazienti giovani;
  • Il medico osserva il risultato della terapia. In assenza di cambiamenti positivi, vengono utilizzati antibiotici di riserva. Gli aminoglicosidi hanno un effetto negativo sul tessuto renale, ma inibiscono rapidamente l'attività di microrganismi pericolosi. Per ridurre l'effetto nefrotossico, ai bambini viene prescritta una dose terapeutica media, somministrata due volte al giorno per una settimana. È importante sapere che gli aminoglicosidi non sono prescritti per la pielonefrite in tenera età. Questo gruppo di antibiotici non viene utilizzato per insufficienza renale e oliguria.

Linee guida di prevenzione

Per prevenire la malattia, è importante seguire semplici regole per la prevenzione della pielonefrite:

  • evitare l'ipotermia;
  • osservare un'igiene accurata dei genitali;
  • uso quotidiano di acqua pulita - fino a un litro e mezzo;
  • assicurati di mangiare primi piatti, bere tè, succo di frutta, succhi naturali - fino a 1,5 litri;
  • per curare malattie del rinofaringe, carie, periodontite;
  • evitare cibi piccanti, fritti, salati, carni affumicate, marinate, soda dolce;
  • trattamento tempestivo delle malattie dei genitali femminili e maschili, della vescica, dei reni;
  • Ogni anno per fare un'ecografia del sistema urinario, per passare l'analisi delle urine ogni sei mesi.

Video utili - consigli di esperti sulle caratteristiche del trattamento della pielonefrite con antibiotici:

Iniezioni per pielonefrite

La pielonefrite è una malattia infiammatoria acuta del parenchima renale e il sistema pelvico renale causato da un'infezione batterica.

Sullo sfondo di anomalie anatomiche del sistema urinario, ostruzioni, trattamento ritardato e frequenti recidive, il processo infiammatorio può assumere una forma cronica e portare a cambiamenti sclerotici nel parenchima renale.

Quando fai una diagnosi prendi in considerazione:

  1. La natura dell'infiammazione:
  • acuta (prima occorrenza);
  • cronico (nella fase acuta). Viene preso in considerazione anche il numero di esacerbazioni e intervalli di tempo tra le recidive;
  1. Disturbi del flusso urinario:
  • ostruttiva;
  • non ostruttiva.
  1. Funzione renale:
  • conservato;
  • alterato (insufficienza renale).

Antibiotici per compresse di pielonefrite (cefalosporine orali)

Applicato con la malattia di gravità leggera e moderata.

  1. Cefixime (Supraks, Cefspan). Adulti - 0,4 g / giorno; bambini - 8 mg / kg. in due modi: sono usati per via parenterale. Adulti 1-2 g due volte al giorno. Bambini 100 mg / kg per 2 somministrazione.
  2. Ceftibuten (Cedex). Adulti - 0,4 g / giorno. contemporaneamente; bambini 9 mg / kg in due dosi.
  3. Cefuroxime (Zinnat) è un farmaco di seconda generazione. Gli adulti nominano 250-500 mg due volte al giorno. Bambini 30 mg / kg due volte.

I farmaci di quarta generazione combinano l'attività antimicrobica di 1-3 generazioni.

Quinoli gram-negativi (fluorochinoloni di seconda generazione)

ciprofloxacina

A seconda della concentrazione, ha sia un effetto battericida che batteriostatico.
Efficace contro Escherichia, Klebsiella, Protea e Shigella.

Non intacca gli enterococchi, la maggior parte degli streptococchi, la clamidia e il micoplasma.

È vietato prescrivere contemporaneamente fluorochinoloni e farmaci antiinfiammatori non steroidei (aumento dell'effetto neurotossico).

È possibile la combinazione con clindamicina, eritromicina, penicilline, metronidazolo e cefalosporine.

Ha un gran numero di effetti collaterali:

  • fotosensibilità (fotodermatosi);
  • citopenia;
  • aritmia;
  • azione epatotossica;
  • può causare l'infiammazione dei tendini;
  • frequenti disturbi dispeptici;
  • danno al sistema nervoso centrale (mal di testa, insonnia, sindrome convulsiva);
  • reazioni allergiche;
  • nefrite interstiziale;
  • artralgia transitoria.

Dosaggio: Ciprofloxacina (Tsiprobay, Ziprinol) negli adulti - 500-750 mg ogni 12 ore.

Bambini non più di 1,5 g / giorno. Con un calcolo di 10-15 mg / kg per due iniezioni.

Leggi oltre: Istruzioni per l'uso di Ciprofloxacina con analoghi e recensioni

È efficace l'uso di acidi nalidixici (Negram) e pipemidievoy (Palin) per la terapia anti-ricaduta.

Antibiotici per pielonefrite causata da Trichomonas

metronidazolo

Altamente efficace contro Trichomonas, Giardia, anaerobes.
Ben assorbito dalla somministrazione orale.

Gli effetti indesiderati includono:

  1. disturbi del tratto gastrointestinale;
  2. leucopenia, neutropenia;
  3. effetto epatotossico;
  4. lo sviluppo dell'effetto disulfiramopodobnogo quando si beve alcolici.

Articolo principale: revisione, manuale, analoghi e recensioni di metronidazolo

Antibiotici per la pielonefrite nelle donne durante la gravidanza e l'allattamento

I preparati a base di penicillina e cefalosporina non hanno un effetto teratogeno e non sono tossici per il feto, ma possono essere utilizzati durante la gravidanza e l'allattamento (raramente possono portare a sensibilizzazione del neonato, causa di eruzioni cutanee, candidosi e diarrea).

Nelle forme più lievi della malattia è possibile una combinazione di beta-lattami con macrolidi.

Terapia empirica

Per il trattamento della pielonefrite moderata, prescrivere:

  • penicilline (protette e con un ampio spettro di attività);
  • cefalosporine di terza generazione.

penicilline

I preparati hanno bassa tossicità, alta azione battericida e sono escreti principalmente dai reni, il che aumenta l'efficacia del loro uso.

Quando pielonefrite è più efficace: Amoxiclav, Augmentin, Ampicillin, Unazin, Sullatsillin.

ampicillina

È altamente attivo contro batteri gram-negativi (E. coli, Salmonella, Proteus) e bacilli emofilici. Meno attivo contro gli streptococchi.
Inattivato dalla penicillinasi stafilococcica. Klebsiella e enterobacter hanno una resistenza naturale all'ampicillina.

Effetti collaterali dall'applicazione:

  • "Eruzione di ampicillina" - eruzioni non allergiche che scompaiono dopo la sospensione del farmaco;
  • disturbi del tratto gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea).

Leggi oltre: Tutto sul trattamento dell '"eruzione da ampicillina" - una reazione allergica alle penicilline

Penicilline protette

Avere un ampio spettro di attività Agisco su: E. coli, staphylo, streptococco e enterococchi, Klebsiella e Proteus.

Gli effetti collaterali del fegato sono più pronunciati nelle persone anziane (aumento delle transaminasi, ittero colestatico, prurito della pelle), nausea, vomito, sviluppo di colite pseudomembranosa e intolleranza individuale al farmaco sono anche possibili.

Penicilline antistaphylococcal (oxacillina)

L'oxacillina è utilizzata per il rilevamento di ceppi di Staphylococcus aureus resistenti alla penicillina. Inefficace contro altri agenti patogeni.
Gli effetti indesiderati si manifestano a causa di disturbi dispeptici, vomito, febbre, aumento delle transaminasi epatiche.

È inefficace se assunto per via orale (scarsamente assorbito nel tratto gastrointestinale).

Via di somministrazione parenterale raccomandata. Adulti 4-12 g / giorno. in 4 introduzioni. Ai bambini vengono prescritti 200-300 mg / kg per sei iniezioni.

Controindicazioni per l'uso di penicilline includono:

  • insufficienza epatica;
  • mononucleosi infettiva;
  • leucemia linfoblastica acuta.

Continua a leggere: 4 approcci al recupero del fegato dopo gli antibiotici

cefalosporine

Hanno un'azione battericida pronunciata, di solito sono normalmente tollerati dai pazienti e sono ben combinati con gli aminoglicosidi.

Agiscono sulla clamidia e sul micoplasma.

Alta attività contro:

  • flora gram-positiva (compresi i ceppi resistenti alla penicillina);
  • batteri gram-positivi;
  • E. coli, Klebsiella, Proteus, enterobatteri.

Gli antibiotici di cefalosporina di ultima generazione sono efficaci per la pielonefrite acuta e l'infiammazione cronica grave dei reni.

In caso di malattia moderata, viene utilizzata la terza generazione.

Cefoperazone / sulbactam è l'unica cefalosporina protetta dagli inibitori. È massimamente attivo contro gli enterobatteri, inferiore a cefoperazone in efficacia contro il Pus eculaus.

Ceftriaxone e Cefoperazone hanno una doppia via di escrezione, quindi possono essere utilizzati in pazienti con insufficienza renale.

Controindicazioni:

  • intolleranza individuale e presenza di una reazione allergica alle penicilline;
  • Ceftriaxone non è usato nelle malattie delle vie biliari (può cadere sotto forma di sali biliari) e nei neonati (il rischio di sviluppare ittero nucleare).
  • Cefoperazone può causare ipoprotrombinemia e non può essere combinato con bevande alcoliche (effetto disulfiram).

Caratteristiche della terapia antimicrobica nei pazienti con infiammazione dei reni

La scelta dell'antibiotico si basa sull'identificazione del microrganismo che ha causato la pielonefrite (E. coli, staphylo, entero- e streptococchi, meno spesso, micoplasma e clamidia). Nell'identificare il patogeno e stabilire lo spettro della sua sensibilità, viene utilizzato un agente antibatterico con l'attività più mirata.

Se è impossibile identificare, è prescritto un trattamento empirico. La terapia combinata offre il massimo raggio d'azione e riduce il rischio di sviluppo di resistenza microbica all'antibiotico.

È importante ricordare che i preparati di penicillina e cefalosporina sono applicabili alla monoterapia. Aminoglicosidi, carbapenem, macrolidi e fluorochinoloni sono usati solo in schemi combinati.

Se si sospetta una messa a fuoco purulenta che richiede un intervento chirurgico, viene presa una copertura antibatterica combinata per escludere complicanze settiche. Vengono utilizzati fluorochinoloni e carbapenemi (Levofloxacina 500 mg per via endovenosa 1-2 volte al giorno, Meropenem 1g tre volte al giorno).

I pazienti con diabete e immunodeficienza prescrivevano inoltre farmaci antifungini (fluconazolo).

È anche necessario prendere in considerazione l'età, la funzionalità renale e epatica del paziente, la presenza di gravidanza, le controindicazioni e le reazioni allergiche ai farmaci.

In presenza di insufficienza epatica, vengono utilizzate penicilline e cefalosporine (tranne cefoperazone).

La durata della terapia antibiotica per la pielonefrite

Primo stadio

Per le malattie gravi, si raccomanda un ciclo di 14 giorni. Gli antibiotici vengono somministrati per via endovenosa, con una transizione graduale alla somministrazione orale.

Con un corso leggero, è possibile un corso di dieci giorni di preparazione di compresse.

In assenza di dinamica positiva entro 48 ore, il farmaco antibatterico viene sostituito.

Secondo stadio

  • Derivati ​​5-nitrofuran (Furagin, Furamag);
  • acido nalidixico (negram);
  • pidemidium (palin).

Uroseptiki nominato per un massimo di un mese. Con una leggera infiammazione e nessuna recidiva, è possibile un corso di due settimane.

Il terzo stadio. Terapia anti-ricaduta

Oltre ai suddetti agenti antibatterici, l'uso di preparati a base di erbe è possibile al di fuori del periodo di esacerbazione.
"Kanefron" comprende estratti: centauro, rosa canina, levistico. rosmarino. Assumere 2 compresse tre volte al giorno.

Tisana Uroflux (corteccia di salice, foglie di uva ursina, equiseto, rocchetto, liquirizia) prendi 1 tazza tre volte al giorno.

Decotto utile di mirtilli rossi.

Trattamenti aggiuntivi

Il trattamento di pyelonephritis affilato è effettuato in un ospedale. Per via ambulatoriale, è consentito trattare solo lievi ricadute di infiammazione cronica dei reni.

La terapia farmacologica è effettuata sulla dieta di foto №7.

In caso di ostruzione delle vie urinarie, si raccomanda la cateterizzazione ureterale, al fine di ripristinare il passaggio delle urine e normalizzare l'urodinamica. In assenza di dinamiche positive, viene mostrata l'installazione di nefrostomia.

Il trattamento chirurgico è indicato in assenza dell'effetto della terapia conservativa, della presenza di calcoli, sospetto di ascesso renale.

La chirurgia per la pielonefrite purulenta comprende: inserimento di catetere, stenting o nefrostomia percutanea, decapulazione renale, dissezione e rimozione di focolai settici.

Per la sepsi progressiva, viene utilizzata la nefrectomia.

La terapia patogenetica comprende: disintossicazione, miglioramento delle proprietà reologiche del sangue, assunzione di antistaminici, immunomodulatori, terapia vitaminica.

Per ripristinare la microflora intestinale dopo un ciclo di terapia antibiotica, vengono utilizzate vitamine del gruppo B e probiotici.

Leggi oltre: eliminazione della temperatura dopo gli antibiotici nei bambini e negli adulti

Quadro clinico caratteristico

L'insorgenza della pielonefrite acuta è accompagnata da un forte aumento di temperatura, febbre, brividi, dolore nei muscoli e nelle articolazioni e un rapido aumento dei sintomi di intossicazione acuta.

Le manifestazioni tipiche della malattia sono dolore sordo, dolorante alla schiena e disturbi disurici. Possibili disturbi da: pelle secca e mucose, distensione addominale, vomito e nausea.

I primi segni di laboratorio di un processo infiammatorio nel rene sono:

  • batteriuria e leucocituria;
  • cambiamenti infiammatori nell'analisi generale del sangue (alta ESR e leucocitosi, chopticocitosi batterica).

Il quadro clinico nella pielonefrite cronica è determinato dal grado di modificazioni sclerotiche nei reni, dall'attività del processo infiammatorio e dalla presenza di comorbidità.

Con la lesione unilaterale, è possibile un decorso asintomatico, fino allo stadio di corrugazione del rene (completa, irreversibile interruzione dell'attività funzionale).

Il periodo di recidiva sintomatica è simile alla pielonefrite acuta.

Al di fuori di una esacerbazione, le uniche lamentele possono essere una lunga condizione di subfebbrile e disturbi della minzione.

Autore dell'articolo:
Medico infettivo Chernenko A. L.

Leggi oltre: Regimi di trattamento antibiotico per l'infiammazione dei reni in pillole

Principi della terapia con pielonefrite

La pielonefrite è un processo infiammatorio che si verifica nel rene quando i patogeni entrano nel tessuto renale. In risposta all'introduzione di batteri, il corpo intraprende azioni protettive: le cellule immunitarie chiamate leucociti migrano verso il focus patologico. Il loro compito principale è prevenire ulteriori infezioni. Un componente obbligatorio della terapia con pielonefrite è la droga con azione antimicrobica. Inoltre, aiuta l'organismo a far fronte alla malattia e agli immunomodulatori.

Lo sviluppo del processo infiammatorio nel rene è spesso preceduto da una combinazione di vari fattori negativi. In primo luogo - una violazione della circolazione sanguigna. I preparati che normalizzano il flusso sanguigno renale sono anche usati nel trattamento della pielonefrite.

L'attività vitale dei batteri intrappolati nei reni, porta all'avvelenamento del corpo con un gran numero di sostanze nocive. Possono causare febbre e deterioramento delle condizioni generali. In questo caso vengono utilizzati farmaci anti-infiammatori per eliminare i sintomi negativi.

Per la rapida rimozione delle tossine dal sangue, vengono utilizzati farmaci con effetto detossificante.

In alcuni casi, è necessario migliorare il movimento delle urine attraverso gli ureteri e la vescica. A questo scopo, sono prescritti diuretici e farmaci antispastici.

La pielonefrite richiede solitamente un trattamento complesso. La scelta della combinazione di farmaci è determinata dalla gravità dei sintomi e dallo stadio di sviluppo della malattia.

Trattamento della pielonefrite - video

Preparativi per l'eliminazione del patogeno

L'obiettivo principale del trattamento di un processo infiammatorio infettivo nei reni è eliminare la causa alla radice. Prima di tutto, vengono prescritti farmaci antimicrobici per alleviare i sintomi negativi.

antibiotici

Gli antibiotici sono i farmaci di scelta nel trattamento della pielonefrite nella fase acuta con segni pronunciati di infiammazione. Questo gruppo di fondi è estremamente vario. Alcuni dei farmaci hanno un effetto dannoso diretto sui batteri, altri solo fermano la loro crescita e consentono al sistema immunitario di far fronte all'infezione stessa.

Il meccanismo d'azione degli antibiotici è diverso e dipende dalla struttura chimica. Nella maggior parte dei casi, le molecole del farmaco sono percepite dai batteri come materiale normale per la costruzione di strutture cellulari (guscio, materiale genetico) o come sostanza nutritiva necessaria per il funzionamento. Un antibiotico, incorporato nella cellula del microbo, provoca danni irreparabili, portando alla morte del microrganismo.

Il farmaco penetra nel fuoco infiammatorio con il flusso sanguigno o entra nelle urine dopo aver passato il filtro renale.

Sfortunatamente, non tutti gli antibiotici possono solo danneggiare l'agente patogeno. Entrando nell'intestino, i farmaci uccidono la normale microflora, causando disturbi digestivi. Alcuni hanno un effetto negativo diretto sui reni, sugli organi uditivi, sulla formazione delle cellule del sangue.

La durata di ciascun farmaco è diversa, quindi la frequenza di somministrazione deve essere specificata nelle istruzioni.

La scelta di un particolare agente per la pielonefrite deve essere determinata dopo aver testato la sensibilità dei batteri. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, il medico prescriverà inizialmente un potente farmaco per alleviare i sintomi acuti.

Per il trattamento della pielonefrite vengono utilizzati diversi gruppi di farmaci:

  • penicilline - Amoxicillina, ampicillina;
  • cefalosporine - Cefazolin, Cefalexina, Ceftriaxone, Cefepime;
  • carbapenemi - Meronem, Tienam;
  • aminoglicosidi - gentamicina, amikacina;
  • chinoloni e fluorochinoloni - Levofloxacina, acido nalidixico.

I primi tre gruppi farmacologici causano la morte di batteri a causa della distruzione della parete cellulare dei microrganismi. Molti agenti patogeni sono riusciti a sviluppare resistenza agli antibiotici di penicillina. Per superare questo problema, l'acido clavulanico, sulbactam, tazobactam sono inclusi nella formulazione.

I farmaci a base di cefalosporina sono efficaci contro molti tipi di batteri. Inoltre, questi farmaci sono consentiti per bambini e donne incinte. I carbapenemi sono gli antibiotici più potenti disponibili per i medici per il trattamento della pielonefrite. Sono in grado di far fronte a qualsiasi agente patogeno.

Gli aminoglicosidi sono attualmente usati raramente per il trattamento dei reni, in quanto hanno molti gravi effetti collaterali. I chinoloni e i fluorochinoloni sono nominati nella seconda fase del trattamento della malattia. L'azione antimicrobica di questi farmaci si basa sul disturbo dei processi metabolici dei batteri.

Uroantiseptiki

Gli Uroantiseptics sono un gruppo speciale di farmaci. Di norma, hanno un effetto dannoso diretto sui processi vitali dei batteri. Tuttavia, questi agenti farmacologici funzionano dopo essere entrati nell'infiammazione con le urine. Il farmaco viene assorbito nell'intestino, quindi passa attraverso il filtro renale con il sangue, dopo di che si accumula in grandi quantità nella vescica.

Di norma, gli uroantisettici vengono utilizzati dopo la fine della terapia antibatterica per consolidare l'effetto terapeutico. I farmaci sono attivi contro tutti i patogeni della pielonefrite.

Uroseptics di verdure

I preparati antisettici di origine vegetale di solito completano il corso della terapia con pielonefrite. Possono anche essere usati per la profilassi. Nella loro composizione ci sono diversi componenti. Il rimedio alle erbe uccide i germi, allevia lo spasmo delle vie urinarie e ha un leggero effetto diuretico.

Preparati antimicrobici per il trattamento di pyelonephritis - la tavola

Farmaci antimicrobici per il trattamento della pielonefrite - galleria fotografica

Preparativi che migliorano l'apporto di sangue ai reni

L'apporto di sangue ai reni è un fattore importante nel trattamento della pielonefrite. Un adeguato flusso sanguigno nel corpo consente alle cellule immunitarie di entrare nel sito di infezione e iniziare la lotta contro l'agente patogeno.

Un buon apporto di sangue ai reni impedisce ai batteri di diffondersi rapidamente ai tessuti del bacino e delle coppe. Inoltre, con una buona saturazione del sangue, è molto più facile entrare nell'infiammazione di altri farmaci.

I mezzi hanno un effetto rilassante sulla membrana muscolare dei vasi sanguigni.

Miglioratori del flusso sanguigno renale - Tabella

Preparazioni che normalizzano il flusso sanguigno renale - galleria fotografica

Miglioratori Urodinamici

Il normale movimento delle urine è la chiave per il successo del trattamento di un'infezione renale. I farmaci antispastici influenzano principalmente la parete muscolare delle coppe, del bacino, degli ureteri e della vescica. Pertanto, gli agenti farmacologici contribuiscono all'eliminazione di tossine, batteri morti e cellule immunitarie.

In alcuni casi, è necessario assegnare diuretici per normalizzare la funzione renale e garantire il flusso di urina. Molti di loro agiscono sull'assorbimento di acqua nei tubuli renali (Furosemide, Diuver). Alcuni interferiscono con l'effetto dell'ormone aldosterone, che causa ritenzione di sodio e fluidi (Veroshpiron).

Preparativi per la normalizzazione della urodinamica - tabella

Preparativi per migliorare l'urodinamica - galleria fotografica

Preparati per alleviare il dolore e i sintomi dell'infiammazione

La pielonefrite è una malattia infettiva dei reni. In questo caso, è estremamente importante usare farmaci anti-infiammatori. Il meccanismo della loro azione si basa sul blocco della formazione di specifici composti chimici che causano dolore, febbre e gonfiore dei tessuti. Grazie a questi farmaci, i sintomi negativi della pielonefrite, che riducono significativamente la qualità della vita, sono alleviati: brividi, dolori alle articolazioni e ai muscoli e mal di testa.

Al fine di eliminare l'edema tissutale pronunciato, vengono utilizzati antistaminici. L'obiettivo per l'azione di questi farmaci sono mastociti specifici contenenti istamina. Il blocco della sua azione riduce significativamente la gravità dei sintomi dell'infiammazione.

Farmaci anti-infiammatori - tabella

Preparati per alleviare i sintomi dell'infiammazione - galleria fotografica

Preparati per la rimozione delle tossine

L'attività vitale dei batteri nei tessuti dei reni porta alla formazione nel sangue di un gran numero di tossine dannose. A loro volta, causano febbre, mal di testa, dolori muscolari e articolazioni.

L'eliminazione delle tossine dal corpo è risolta dall'introduzione di farmaci liquidi nel sangue. Il meccanismo della loro azione dipende dalla composizione può essere duplice. Alcuni massicci composti chimici (reamberina, plasma) attirano tossine sulla loro superficie e quindi li rimuovono dal corpo. Altre sostanze (glucosio, sodio cloruro) aumentano il passaggio del sangue attraverso i vasi renali, contribuendo così ad eliminare le tossine insieme all'urina.

Preparati per rimuovere le tossine - tavolo

Preparati per rimuovere le tossine dal corpo - galleria fotografica

immunomodulatori

Una delle cause della pielonefrite è una diminuzione della resistenza generale alle infezioni. Nonostante l'azione degli antibiotici, il corpo deve fare il massimo sforzo per eliminare l'agente patogeno. Questo compito è interamente responsabilità del sistema immunitario. Quando la pielonefrite è un componente importante del trattamento è la nomina di immunomodulatori e vitamine. Tutti questi farmaci hanno un effetto benefico sul corpo. Vitamine e immunomodulatori aiutano la formazione di cellule immunitarie e proteine ​​protettive, anticorpi.

Immunomodulatori e vitamine per il trattamento della pielonefrite - tabella

Immunomodulatori per il trattamento della pielonefrite - galleria fotografica

batteriofagi

Un farmaco speciale è un batteriofago. È un virus che influenza negativamente l'agente eziologico della pielonefrite. Per le cellule umane, il batteriofago è completamente sicuro. Tuttavia, ai fini del farmaco, è necessario sapere esattamente quale tipo di batteri ha causato la malattia. Per ogni patogeno ha il proprio batteriofago.

In quali casi i farmaci sono inefficaci.

L'inefficacia del trattamento della pielonefrite con i farmaci può essere causata da diversi motivi:

  • gli agenti antibatterici possono non avere l'effetto desiderato sui batteri a causa della mancanza di sensibilità al principio attivo o resistenza ad esso;
  • gli antispastici non affrontano il compito nel caso della presenza nel tratto urinario di grosse pietre, bloccando il normale percorso delle urine;
  • i farmaci anti-infiammatori non possono far fronte al grave decorso della pielonefrite con la formazione di complicanze purulente - la formazione di piccole (nefrite apostematoznogo) o grandi ulcere limitate (rene del carbonchio), infiammazione del tessuto grasso pararenale (paranfrite);
  • Gli immunomodulatori hanno scarso effetto nelle malattie del sistema immunitario ed ematopoietico.

Trattamento di pyelonephritis - il compito di uno specialista esperto. L'auto-prescrizione non è sicura e può portare a gravi complicazioni. La terapia della malattia richiede che il paziente segua accuratamente tutte le raccomandazioni del medico.

Kanefron-H

Canephron-H è un potente farmaco urospico. Disponibile sotto forma di pillole e soluzione per somministrazione orale.

Principio attivo - estratto idroalcolico di biocomponenti vegetali (radice levistico, centaurea, rosmarino).

Meccanismo d'azione

Quando viene ingerito, Canephron-N raggiunge una concentrazione massima nel sistema escretore dei reni, dove ha un effetto antinfiammatorio, antimicrobico e antisettico locale. Allevia lo spasmo del tratto urinario a causa del lieve effetto sulla muscolatura liscia dei reni. Ha anche un leggero effetto diuretico.

tsiston

Cystone è una preparazione antisettica a base di erbe multicomponente. Disponibile in forma di pillola.

Principio attivo - estratti vegetali:

  • i fiori inseguivano il dvorplodnik;
  • sagittum reed;
  • gambi di matto;
  • rizomi filmy syty;
  • semi di paglia;
  • brasi onosma;
  • basilico dolce;
  • semi di fagioli di cavallo;
  • semi di mimosa;
  • mummia di montagna.

Meccanismo d'azione

Cystone, come molti altri preparati a base di erbe, dopo l'ingestione del corpo si accumula nei tessuti dei reni. Il trattamento della pielonefrite avviene a causa dell'azione antisettica locale: le tavolette di Cystone migliorano l'effetto degli antibiotici e sanificano il sistema del pancreas del tratto renale e delle vie urinarie.

5-NOK è un agente sintetico con attività antibatterica. Rilascio di forma - compresse con un dosaggio di 50 mg.

Il principio attivo è la nitroxolina del gruppo delle ossietinoline. A causa del gran numero di reazioni avverse attualmente considerato l'opportunità del suo appuntamento per il trattamento della pielonefrite.

Meccanismo d'azione

Il trattamento delle malattie della sfera urogenitale si basa sull'azione antibatterica dell'agente: la nitroxolina è in grado di legarsi con enzimi-catalizzatori contenenti metalli della cellula microbica e bloccare il metabolismo in essa. Ciò interrompe la moltiplicazione e l'attività patologica dei batteri. Come altri farmaci del gruppo delle ossietinoline, il 5-NOC è attivo contro i microrganismi gram-positivi e gram-negativi. Può essere usato per trattare non solo l'infiammazione dei reni, ma anche altre infezioni batteriche del sistema urinario (cistite, uretrite, ecc.).

Biseptol

Biseptolo è un agente antimicrobico combinato che è attivo contro i principali agenti causali della pielonefrite. La forma prodotta è compresse (120, 480 mg).

Il principio attivo è una combinazione di trimetoprim e sulfometossazolo (co-trimoxazolo).

Meccanismo d'azione

I componenti attivi del farmaco, quando ingeriti, vengono assorbiti nel sangue e concentrati nei tessuti dei reni. Il sulfometossazolo, simile nella struttura al PABA (acido para-aminobenzoico), interferisce con la sintesi dell'acido diidrofolico e impedisce l'incorporazione del PABA nelle cellule del patogeno. Biseptol è in grado di trattare i processi infiammatori, anche ad alta attività.

nolitsin

Nolitsin - agente del gruppo dei fluorochinoloni, che ha attività antibatterica. Disponibile sotto forma di compresse con un dosaggio di 400 mg.

Il principio attivo è la norfloxacina.

Meccanismo d'azione

La nolitsina si concentra nei reni e ha un effetto battericida. Il principio attivo blocca l'enzima DNA girasi e destabilizza la catena genetica dei microrganismi. Attualmente i farmaci fluorochinolonici sono il mezzo di scelta nel trattamento delle malattie infiammatorie del sistema urinario. Nolitsin e suoi analoghi possono liberarsi dell'agente causativo di pyelonephritis tra 7-10 giorni.

FURAMAG

Furamag - agente antimicrobico dal gruppo di nitrofurani. Forma di rilascio di medicina - capsule (25, 50 mg).

L'ingrediente attivo è furazidin potassio.

Meccanismo d'azione

Agendo a livello dei reni, il furamag sopprime i principali processi biochimici nella cellula del patogeno, che porta alla sua morte. Il trattamento con un agente è attivo contro un ampio gruppo di agenti patogeni (gram-positivi, gram-negativi, Proteus, Klebsiella, protozoi, micoplasmi, ecc.).

Phytolysinum

Fitolysin - complesso preparato a base di erbe. Disponibile sotto forma di una pasta spessa per la somministrazione orale.

Ingrediente attivo - estratti:

  • verga d'oro;
  • germogli di un uccello degli altipiani;
  • germogli di equiseto di campo;
  • buccia di cipolla;
  • radici di wheatgrass;
  • radice levistico;
  • prezzemolo;
  • così come una miscela di oli essenziali (menta piperita, salvia, arancia, pino silvestre).

Meccanismo d'azione

I preparati a base di erbe, inclusa la fitolisi, hanno un effetto antinfiammatorio e antisettico locale. Questo trattamento aggiuntivo di pielonefrite allevia i sintomi della malattia in 10-14 giorni dall'inizio della terapia.

furadonin

La furadonina è un agente antimicrobico sintetico. La forma di rilascio - targhe 50 o 100 mg.

Il principio attivo è nitrofurantoina.

Meccanismo d'azione

Il principio attivo del farmaco ha un effetto battericida, distrugge la parete cellulare e contribuisce alla morte di microrganismi.

furazolidone

Furazolidone è un agente antibatterico del gruppo che è classificato come un ampio agente antimicrobico. Forma di rilascio di medicina - targhe 0,05 g.

Il principio attivo è il furazolidone, i preparati del suo gruppo appartengono ai derivati ​​del nitrofurano.

Meccanismo d'azione

Quando ingerito, è in grado di penetrare in tutti gli organi e sistemi. Esportato dai reni, qui e ha il principale effetto terapeutico. I componenti attivi del farmaco sono in grado di inibire alcuni sistemi protettivi degli enzimi del corpo e bloccare la proliferazione delle cellule microbiche.

Il trattamento con furazolidone è efficace contro i processi infiammatori nei reni e nel sistema urinario, causati dalla flora batterica (Streptococcus saprophyticus, Staphylococcus spp., Escherichia coli, ecc.), Salmonella, micoplasmi, Klebsiella e alcuni protozoi.

Nospanum

No-shpa è un noto antispasmodico. Disponibile sotto forma di compresse 40 mg.

Il principio attivo è la drotaverina cloridrato, che è un derivato di isochinolina.

Meccanismo d'azione

Come analoghi farmaci antispastici, il no-shpa inibisce l'enzima fosfodiesterasi, che è coinvolto nel metabolismo dell'energia muscolare. A causa di ciò, i muscoli lisci di tutto l'organismo, inclusi gli organi del sistema urinario, si rilassano.

diclofenac

Il diclofenac è ​​un agente antinfiammatorio ad ampio spettro. La forma di rilascio - le targhe 25, 50 mg e la soluzione per iniezioni 75 mg / 3 millilitri.

Il principio attivo è il diclofenac sodico, appartenente al gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei.

Il meccanismo d'azione per la pielonefrite

I preparati del gruppo FANS, incluso il diclofenac, inibiscono la cicloossigenasi, un enzima chiave che innesca una cascata di risposte. A causa di ciò, la produzione delle principali proteine ​​dell'infiammazione è inibita - PGE, semplicemente cicline, leucotrieni.

Il trattamento con Diclofenac è ​​indicato per un processo infiammatorio attivo nei tessuti renali, un quadro clinico vivido della malattia e sintomi pronunciati di intossicazione. Non è raccomandata la nomina di FANS senza terapia antibiotica etiotropica.

Immunoterapia delle malattie infiammatorie dei reni

L'infiammazione è la risposta del corpo all'introduzione dell'agente patogeno. Per attivare le difese e trattare l'eventuale immunodeficienza, vengono prescritti gli immunomodulatori.

  • Viferon - supposte rettali, il cui componente attivo è l'interferone umano ricombinante. Ha un effetto immunostimolante, antivirale, ha effetti collaterali minimi.
  • Genferon è un altro agente basato sull'interferone. L'efficacia clinica dello strumento è quella di ridurre gli effetti dell'intossicazione e accelerare la guarigione del fuoco infiammatorio nel tessuto renale, che contribuisce a un rapido recupero.

Il trattamento della pielonefrite con farmaci ad interferone può ridurre il corso della terapia antibiotica in media di 7-10 giorni.

Rimedi erboristici per il trattamento della pielonefrite

Come terapia di mantenimento per la pielonefrite, i rimedi erboristici sono spesso prescritti nella fase di remissione, che hanno un effetto antisettico e lieve diuretico. La composizione della collezione renale include:

  • spara l'iperico;
  • uva ursina;
  • rizoma di prezzemolo;
  • una successione;
  • foglie di fragola;
  • levistico;
  • viola;
  • salvia.

L'uso prolungato del farmaco è possibile come decongestionante, terapia urospica, ma si raccomanda il monitoraggio regolare dei test delle urine (1 volta in 3 mesi).

analgesici

I farmaci antidolorifici sono prescritti per il trattamento sintomatico della malattia. Per alleviare il dolore (nella pielonefrite, è spesso associato a spasmi delle vie urinarie), puoi usare i farmaci:

  • Ketanov (principio attivo - Ketorolac) - FANS con effetto analgesico, disponibile sotto forma di compresse da 10 mg e soluzione iniettabile 3% 1 ml;
  • Analgin (metamizolo sodico) è un analgesico del gruppo dei pyrozolones, prodotto sotto forma di compresse da 500 mg e una soluzione del 50% 2 ml.

Preparazioni vascolari

Gli agenti vascolari sono talvolta prescritti per il trattamento della pielonefrite acuta in ospedale. Ciò consente di migliorare la circolazione sanguigna nei vasi del letto mic circolare e ridurre il rischio di necrosi del tessuto renale. I farmaci di scelta sono:

  • Trental viene utilizzato per flebo endovenoso: 20 mg / 5 ml di farmaco + 400 ml di nat. soluzione per una introduzione.
  • Curantil (un agente antiaggregante) è disponibile sotto forma di compresse da 25 mg.

La terapia di infiammazione acuta del tessuto renale deve essere effettuata in un ospedale sotto la supervisione di un nefrologo, una esacerbazione della forma cronica della malattia può essere trattata a casa utilizzando un algoritmo compilato dal medico locale.

Il trattamento patogenetico e sintomatico della pielonefrite, insieme alla terapia antibiotica, fornisce una rapida riorganizzazione della fonte di infezione, elimina gli effetti dell'infiammazione e riduce il rischio di esacerbazioni e insufficienza renale cronica.

Cos'è la terapia a gradini

Gli antibiotici prescritti per la pielonefrite possono essere usati in varie forme: orale, per infusione o endovenosa.

Se nella pratica urologica ambulatoriale, la terapia orale è del tutto possibile, con forme complicate di pielonefrite è preferibile somministrare farmaci antibatterici per via endovenosa per un più rapido sviluppo dell'effetto terapeutico e aumentare la biodisponibilità.

Dopo aver migliorato la salute, la scomparsa delle manifestazioni cliniche, il paziente viene trasferito all'assunzione orale. Nella maggior parte dei casi, ciò avviene 5-7 giorni dopo l'inizio del trattamento. La durata della terapia per questa forma di pielonefrite è di 10-14 giorni, ma è possibile prolungare il corso a 21 giorni.

A volte i pazienti fanno una domanda: "E 'possibile curare la pielonefrite senza antibiotici?"
È possibile che alcuni pazienti non siano fatali, ma il processo sarebbe cronologato (passaggio a una forma cronica con frequenti recidive).
Inoltre, non bisogna dimenticare le terribili complicazioni della pieloninfrite come shock tossico batterico, pironefrosi, carbonchio renale, pielonefrite apostematica.
Queste condizioni in urologia sono urgenti, richiedono una risposta immediata e, sfortunatamente, il tasso di sopravvivenza in questi casi non è al 100%.

Pertanto, è irragionevole mettere esperimenti su di te se tutti i mezzi necessari sono disponibili nell'urologia moderna.

Quali farmaci sono meglio per l'infiammazione non complicata dei reni, o usati antibiotici nel trattamento della pielonefrite acuta non ostruttiva

Quindi, quali antibiotici sono usati per la pielonefrite?

Droghe preferite: fluorochinoloni.

Ciprofloxacina 500 mg 2 volte al giorno, durata del trattamento 10-12 giorni.

Levofloxacin (Floracid, Glevo) 500 mg 1 volta al giorno per 10 giorni.

Norfloxacina (Nolitsin, Norbaktin) 400 mg 2 volte al giorno per 10-14 giorni.

Ofloxacin 400 mg 2 volte al giorno, durata 10 giorni (nei pazienti a basso peso, è possibile il dosaggio 200 mg 2 volte al giorno).

Medicine alternative

Se, per qualsiasi ragione, la prescrizione degli antibiotici di cui sopra per la pielonefrite non è possibile, i farmaci del gruppo di cefalosporine di 2-3 generazioni sono inclusi nello schema, ad esempio: Cefuroxime, Cefixime.

Aminopenicilline: Amoxicillina / acido clavulanico.

Antibiotici per pielonefrite acuta o infezione renale nosocomiale

Per il trattamento della pielonefrite acuta complicata, vengono prescritti fluorochinoloni (ciprofloxacina, levofloxacina, pefloxacina, ofloxacina), ma viene utilizzata la via di somministrazione endovenosa, vale a dire questi antibiotici per pyelonephritis esistono in iniezioni.

Aminopenicilline: amoxicillina / acido clavulanico.

Cefalosporine, ad esempio, Ceftriaxone 1,0 g 2 volte al giorno, un ciclo di 10 giorni,
Ceftazidima 1-2 g 3 volte al giorno per via endovenosa, ecc.

Aminoglicosidi: Amikacin 10-15 mcg per 1 kg al giorno - 2-3 volte.

Nei casi più gravi, è possibile la combinazione di aminoglicoside + fluorochinolone o cefalosporina + aminoglicoside.

Efficaci antibiotici per il trattamento della pielonefrite in donne in gravidanza e bambini

È chiaro a tutti che per il trattamento della pielonefrite gestazionale è necessario un farmaco antibatterico, l'effetto positivo del quale ha superato tutti i possibili rischi, non avrebbe alcun impatto negativo sullo sviluppo della gravidanza e, in generale, gli effetti collaterali sarebbero ridotti al minimo.

Quanti giorni per bere gli antibiotici, il medico decide individualmente.

Come trattamento iniziale per le donne in gravidanza, amoxicillina / acido clavulanico (aminopenicilline protette) alla dose di 1,5-3 g al giorno o 500 mg per via orale, 2-3 volte al giorno, un ciclo di 7-10 giorni, è il farmaco di scelta.

Cefalosporine 2-3 generazioni (Ceftriaxone 0,5 g 2 volte al giorno o 1,0 g al giorno per via endovenosa o intramuscolare.

I fluorochinoloni, le tetracicline, i sulfanilamidi non sono usati per il trattamento della pielonefrite nelle donne in gravidanza e nei bambini.

Nei bambini, così come nelle donne in gravidanza, l'antibiotico del gruppo delle aminopenicilline protette è il farmaco di scelta, il dosaggio è calcolato in base all'età e al peso.

Nei casi complicati, è anche possibile il trattamento con Ceftriaxone, 250-500 mg 2 volte al giorno per via intramuscolare, la durata del decorso dipende dalla gravità della condizione.

Quali sono le caratteristiche del trattamento antibatterico della pielonefrite negli anziani?

La pielonefrite in pazienti con età, di regola, procede sullo sfondo di malattie associate:

• diabete,
• iperplasia prostatica benigna negli uomini,
• processi aterosclerotici, compresi i vasi renali,
• ipertensione arteriosa.

Considerando la durata dell'infiammazione nei reni, è possibile ipotizzare in anticipo la multiresistenza della flora microbica, la tendenza della malattia a esacerbazioni frequenti e un decorso più grave.

Per i pazienti più anziani, il farmaco antibatterico viene scelto tenendo conto della capacità funzionale dei reni, malattie associate.

È consentita la cura clinica con una remissione incompleta del laboratorio (vale a dire, la presenza di leucociti e batteri è accettabile nei test delle urine).

Nitrofurans, Aminoglycosides, Polymyxins negli anziani non sono prescritti.

Riassumendo la revisione dei farmaci antibatterici, notiamo che il miglior antibiotico per la pielonefrite è un farmaco ben scelto che ti aiuterà.

È meglio non intraprendere questa attività da soli, altrimenti il ​​danno arrecato al corpo può superare di molto i benefici.

Il trattamento antibiotico della pielonefrite negli uomini e nelle donne non è fondamentalmente diverso.
A volte ai pazienti viene chiesto di prescrivere "antibiotici per l'ultima generazione di pielonefrite renale". Questa è una richiesta assolutamente irragionevole, ci sono farmaci il cui uso è giustificato per il trattamento di gravi complicanze (peritonite, urosepsis, ecc.), Ma non è in alcun modo applicabile per le forme non complicate di infiammazione nei reni.

Cos'altro sono farmaci efficaci per il trattamento della pielonefrite

Come già detto sopra, uno schema multicomponente è usato per il trattamento della pielonefrite.

Dopo la terapia antibiotica, la ricezione di uroseptics è giustificata.

I più frequentemente nominati includono:

Palin, Pimidel, Nitroxolin, Furomag, Furodonin, Nitroxoline, 5-NOK.

Come farmaci di prima linea per la pielonefrite acuta, sono inefficaci, ma un ulteriore collegamento, dopo un adeguato trattamento con agenti antibatterici, funziona bene.

Il ricevimento di uroseptics nel periodo autunnale-primaverile è fondato, per la prevenzione della ricaduta, dal momento che non vengono utilizzati antibiotici per la pielonefrite cronica. Di solito i farmaci di questo gruppo sono corsi prescritti per 10 giorni.

Il lavoro del sistema immunitario nel confrontarsi con i microrganismi che causano l'infiammazione degli organi urogenitali, gioca un ruolo significativo. Se l'immunità ha funzionato al livello adeguato, forse la pielonefrite primaria non ha avuto il tempo di svilupparsi. Quindi, il compito dell'immunoterapia è di migliorare la risposta immunitaria del corpo ai patogeni.

A questo scopo vengono prescritti i seguenti farmaci: Genferon, Panavir, Viferon, Kipferon, Cycloferon, ecc.

Inoltre giustificato prendendo multivitaminici con oligoelementi.

Il trattamento della pielonefrite acuta con antibiotici può essere complicato dalla candidosi (mughetto), quindi non bisogna dimenticare i farmaci antifungini: Diflucan, Flucostat, Pimafucin, Nystatin, ecc.

Mezzi che migliorano la circolazione sanguigna nei reni

Uno degli effetti collaterali del processo infiammatorio è l'ischemia vascolare renale. Non dimenticare che è attraverso il sangue che vengono consegnati medicinali e sostanze nutritive che sono così necessarie per il recupero.

Per rimuovere le manifestazioni di ischemia, applicare Trental, pentossifillina.

Medicina di erbe o come trattare la pielonefrite a base di erbe

Considerando il fatto che la pielonefrite dopo gli antibiotici richiede ulteriore attenzione, passiamo alle possibilità della natura.

Anche i nostri lontani antenati usavano varie piante nel trattamento dell'infiammazione dei reni, poiché nell'antichità i guaritori possedevano informazioni sugli effetti antimicrobici, antinfiammatori e diuretici di alcune erbe.

Le piante efficaci per l'infiammazione nei reni includono:

• poligono,
• equiseto,
• semi di aneto,
• uva ursina (orecchie d'orso),
• herv lanly e altri.

È possibile acquistare raccolte di erbe già pronte dai reni in farmacia, ad esempio Fitonefrol, Brusniver e infornare come tè in sacchetti di filtro.

Come opzione, è possibile utilizzare complessi rimedi a base di erbe, che includono:

• Fitolizin,
• Urolesan,
• Canephron.

Nel trattamento della pielonefrite, non dimenticare la dieta: grande importanza è attribuita alla corretta alimentazione.