Rimozione della cisti renale

Cliniche

L'operazione per perforare una neoplasia e il fluido di aspirazione è la rimozione di una cisti sul rene. A piccole dimensioni, le cavità non disturbano la persona e sono benigne. Tuttavia, col passare del tempo, una cisti sul rene cresce e deve essere rimossa. I motivi più frequenti per visitare un medico sono il forte dolore e la frequente necessità di urinare.

La chirurgia per rimuovere una cisti sul rene è una misura necessaria per eliminare una neoplasia che causa dolore.

Indicazioni per la chirurgia

Esistono diversi tipi di chirurgia, ma la più efficace - laparoscopia della cisti renale. Una cisti sul rene e i suoi segni appaiono gradualmente, il paziente non sente alcun sintomo per molto tempo. Di norma, la cavità viene rilevata durante il passaggio dei raggi X o degli esami a ultrasuoni. Solo quando una cisti raggiunge una dimensione superiore a 10 cm il paziente inizia a essere disturbato dalla sua presenza. Il trattamento chirurgico è necessario per tali segni:

  • dolore acuto, a volte doloroso nella regione lombare;
  • la dimensione della cisti supera i 10 cm;
  • problemi con il deflusso delle urine;
  • infiammazione purulenta della cavità o dell'organo;
  • ipertensione;
  • rottura della cisti;
  • sangue nelle urine.

Controindicazioni

Casi in cui il medico non può operare:

  • l'educazione non infastidisce il paziente;
  • nessun dolore;
  • scarsa coagulazione del sangue;
  • malattie cardiovascolari e patologie del tratto respiratorio;
  • diabete mellito acuto.
Torna al sommario

Preparazione per la chirurgia

Sulla base della conclusione del terapeuta, i risultati di esami del sangue e delle urine, ecografia o tomografia computerizzata, il medico prescrive l'operazione necessaria. Una dieta è raccomandata prima dell'intervento chirurgico. È necessario escludere prodotti a base di pane, verdura e frutta. È anche meglio non mangiare e bere prima dell'intervento. Evitare l'ipotermia o il raffreddore.

L'operazione è auspicabile da fare in assenza di mestruazioni.

I peli pubici e la pancia devono essere rimossi. Per evitare l'irritazione della pelle, non è consigliabile pulire i capelli con un rasoio. Cerca di tagliarli il più corti possibile. Un'attenzione particolare deve essere rivolta all'area dell'ombelico: lavare e rimuovere delicatamente il piercing, se ce n'è uno.

Tipi e operazioni per rimuovere una cisti sul rene

laparoscopia

Operare come piccole cisti e grandi. Le dimensioni dell'istruzione non contano. L'operazione richiede l'anestesia generale. La procedura viene eseguita per via laparoscopica (provetta con telecamera) e con l'ausilio di strumenti medici che il chirurgo utilizza perforando la zona addominale. Mentre la formazione procede, viene separata dal rene. A volte è necessario forare le pareti della formazione per estrarne il contenuto. La rimozione della cisti renale laparoscopica è un'operazione meno traumatica rispetto ad altre.

Scleroterapia per puntura percutanea

Dopo i risultati di ultrasuoni e radiografia, il medico calcola la posizione esatta della cisti. L'operazione viene eseguita in anestesia locale. Il chirurgo taglia la pelle e perfora la cisti con un ago. Quindi, inserire un tubo speciale nel liquido dalla cisti che scorre. Inoltre, l'etanolo viene introdotto nella formazione. Questo è fatto per incollare le pareti della cisti. Dopo 10-20 minuti, viene rimosso anche l'alcol stesso.

Chirurgia aperta

Le operazioni addominali vengono eseguite se:

  • una persona soffre di obesità nella terza fase;
  • una ciste è esplosa;
  • Tessuto significativamente danneggiato attorno alla formazione.

L'anestesia generale è utilizzata per l'operazione. Durante la procedura, viene eseguita una grande incisione di tessuto in modo che il rene possa essere esaminato. Il dottore lo trapassa e rimuove il contenuto della cisti. Il rene viene tagliato e le pareti della formazione vuota vengono suturate ai suoi tessuti. Per determinare l'integrità delle pareti della cisti aiutare i coloranti speciali. A volte ci sono casi in cui viene rilevato un ascesso o un cancro durante l'intervento chirurgico. In questo caso, il medico può rimuovere parzialmente o completamente il rene.

Chirurgia intrarenale retrograda o rimozione laser

Attraverso i canali urinari, l'endoscopio entra nella vescica, e quindi lo strumento viene trasportato al rene attraverso l'uretere. L'escissione della cisti viene eseguita utilizzando un laser. Allo stesso tempo le sue pareti sono cucite con i tessuti più vicini. Con una buona serie di circostanze nel tempo, la cisti si trasforma in una cicatrice e non è più piena. Operare in anestesia generale. La particolarità di questa procedura è che non lascia cicatrici, cicatrici esterne o forature.

Rischio di complicazioni

Una cisti renale può portare alle seguenti conseguenze:

  • divario educativo;
  • la diffusione dell'infezione;
  • sanguinamento;
  • danno ad organi e tessuti adiacenti;
  • ipertensione arteriosa.
Torna al sommario

reinserimento

Di norma, il periodo di recupero dura circa un mese. La riabilitazione dopo la rimozione di una cisti renale dipende dall'operazione eseguita. I primi 2 giorni dopo l'intervento richiedono riposo a letto. Se le condizioni del paziente sono migliorate, è possibile eseguire uno sforzo fisico leggero, ad esempio, camminando lungo il corridoio. Il paziente è dimesso a casa già il terzo giorno con esito favorevole. Se viene eseguito un intervento aperto, la degenza ospedaliera viene aumentata di diversi giorni. Dopo l'intervento chirurgico, vengono prescritti antidolorifici e antibiotici. Per monitorare la salute e prevenire le recidive, si consiglia ai pazienti di sottoporsi a un esame da un urologo, di essere sottoposti a test e di monitorare le condizioni dei reni con un'ecografia.

Dieta nel rene

I prodotti che dovrebbero essere esclusi dalla dieta includono:

  • tutti i tipi di zuppe, tranne i vegetali;
  • verdure in salamoia;
  • salsicce e prodotti affumicati;
  • bevande alcoliche;
  • caffeina;
  • cioccolato.

Il principale requisito della dieta postoperatoria è l'eliminazione di grandi quantità di liquidi.

Per una pronta guarigione, i medici raccomandano di attenersi a una dieta speciale. Prima di tutto, è importante ridurre l'assunzione di sale. Ciò riguarda non solo l'auto-cottura, ma anche prodotti alimentari pronti, come la salsiccia, il formaggio affumicato, il cibo in scatola. Il controllo sulla quantità di liquido bevuto è obbligatorio: acqua o tè, zuppe, piatti a base di borsch o liquidi. Il volume giornaliero di liquido è determinato individualmente dal medico curante. Le proteine ​​di origine animale nella dieta dovrebbero essere ridotte, ma non abbandonarle completamente. Sono sostituiti da semi di lino, legumi e latticini. Aderendo ad una dieta, si raccomanda di mangiare spesso, ma non abbastanza.

Chirurgia per rimuovere una cisti renale: indicazioni, metodi, risultato

La cisti del rene è una cavità arrotondata formata dai tessuti dell'organo e piena di liquido. Viene diagnosticato nel 3% della popolazione. Molto spesso, una cisti renale solitaria (semplice, singola) non causa alcun sintomo nelle fasi iniziali del suo sviluppo. Man mano che cresce, provoca atrofia del tessuto dell'organo. Il trattamento principale della ciste operatoria. Consiste nella foratura delle sue mura o apertura, accompagnata dall'asportazione dell'istruzione.

In assenza di sintomi clinici, è possibile un trattamento conservativo con monitoraggio continuo mediante ultrasuoni. Il medico può raccomandare un intervento chirurgico con la crescita dei tumori. La rimozione di una cisti renale è più efficace nelle sue piccole dimensioni e nell'infanzia.

Indicazioni per la chirurgia

La necessità di passare al trattamento chirurgico si verifica nei seguenti casi:

  • Forte dolore acuto e dolore doloroso intermittente.
  • Grandi dimensioni di cisti - da 10 cm.
  • Il tumore costruisce l'uretere e interferisce con il normale flusso di urina.
  • La presenza di un processo purulento causato da una cisti, ascesso.
  • La distruzione del tessuto renale e la conseguente ipertensione vascolare (ipertensione del rene).
  • Rottura della cisti e deflusso dei suoi contenuti.
  • La presenza di sangue nelle urine.
  • La tendenza alla malignità del tumore o la rilevazione di cellule tumorali nella cisti.

In pratica, vale la pena pensare all'operazione quando la dimensione della cisti supera i 3 cm Nella maggior parte dei casi, tali pazienti prima o poi sperimentano un sintomo doloroso. Hanno bisogno di sottoporsi periodicamente a esami che, insieme ai loro sentimenti personali, dovrebbero confermare uno stato stabile.

Controindicazioni

Non è consigliabile eseguire un'operazione per rimuovere una cisti renale nei seguenti casi:

  1. Diabete mellito nella fase acuta.
  2. Violazioni dell'attività cardiovascolare e / o respiratoria.
  3. L'assenza di sintomi pronunciati della malattia.
  4. Infiammazione nella fase attiva.
  5. Allergy.

Anche con eruzioni erpetiche o naso che cola, è meglio avere un intervento chirurgico e attendere la remissione.

Preparazione per la chirurgia

Prima di intervento è necessario rifiutarsi di prendere medicine dirottanti del sangue. Qualsiasi intervento chirurgico minimamente invasivo - stress per il corpo e il sistema immunitario, quindi è preferibile evitare l'ipotermia e il raffreddore prima dell'ospedalizzazione. Per le donne, il tempo ottimale per la chirurgia è considerato di 7-20 giorni del ciclo, vale a dire il periodo in cui il sanguinamento è assente.

È anche necessario superare i test standard - sangue, urina, determinazione di un numero di infezioni, ECG, per ottenere la conclusione del terapeuta. Il loro periodo di limitazione può variare da 14 a 28 giorni. Quando si imposta la data dell'operazione, il paziente riceverà nell'istituto medico un promemoria in cui saranno indicati tutti i tipi di ricerca necessari per il suo trasferimento personale. Anche i test renali necessari sono prescritti da un medico. Almeno potresti aver bisogno di un'ecografia. È anche possibile studiare i vasi con il metodo Doppler, la tomografia computerizzata (se si sospetta la natura parassitaria della malattia), ecc.

Si raccomanda alcuni giorni prima dell'operazione per iniziare a seguire una dieta che esclude i prodotti di farina, frutta, verdura. Alla vigilia è necessario abbandonare la cena, fare un clistere purificante. 8 ore prima dell'intervento è meglio non bere o mangiare.

Con il pube e l'addome è necessario rimuovere tutti i capelli. Alcuni medici non raccomandano di raderli per non causare infiammazioni ai follicoli. È meglio tagliare il più corto possibile. L'area dell'ombelico deve essere accuratamente lavata, il piercing deve essere rimosso se presente.Se si è inclini alle vene varicose, è possibile portare con sé le calze compressive all'ospedale e indossarle durante l'intervento chirurgico. Forse il medico ti consiglierà di indossarlo dopo la procedura.

Tipi di chirurgia

Ci sono diversi trattamenti chirurgici per le cisti renali. In realtà la rimozione avviene solo con un'operazione aperta, che è accompagnata dall'asportazione di una parte o di tutto il corpo. Tuttavia, negli ultimi decenni, questi casi sono estremamente rari.

La rimozione di una cisti renale durante laparoscopia o altri metodi minimamente invasivi nel pieno senso della parola è fuori questione. Durante l'operazione, le pareti del neoplasma sono incollate insieme oppure vengono cucite ai bordi della ferita.

Secondo il metodo di accesso, le operazioni possono essere:

  • Retrograda (il chirurgo inserisce un endoscopio nell'uretra);
  • Percutanea (eseguita una puntura nell'addome o nella schiena).

Un medico specialista sarà in grado di scegliere un metodo per il trattamento di una cisti renale dopo una serie di ultrasuoni e una serie di altri test. A volte i pazienti devono recarsi presso diversi centri medici per prendere una decisione sul metodo di funzionamento, dal momento che i medici possono avere opinioni diverse su questo argomento.

Scleroterapia per puntura percutanea

L'intervento è effettuato sotto il controllo degli ultrasuoni ed è il trattamento chirurgico meno traumatico della malattia. La rimozione del tumore non si verifica, viene eseguita solo l'evacuazione del suo contenuto. Il metodo è usato per trattare le cisti semplici, ad es. nessuna tendenza alla malignità.

La procedura viene eseguita da un'équipe medica composta da un'infermiera, un urologo e uno specialista ecografico. Dopo aver esaminato l'immagine, viene selezionato il sito di puntura, che è il più vicino al centro della cisti, e la posizione del paziente. Molto spesso, si sdraierà dalla sua parte, il lato malato del corpo. È coperto con rulli, che fornisce al paziente una posizione comoda.

L'anestesia è applicata localmente. L'area della pelle nel sito di puntura viene trattata con una soluzione asettica. Il chirurgo taglia il tessuto molle con un bisturi. La cisti stessa viene perforata da un ago, dopodiché viene inserito un tubo di drenaggio nell'apertura. È cucito sulla pelle fino a quando il contenuto non è completamente trapelato. Dopo di che, l'alcol etilico viene introdotto nella cavità cistica per incollare le pareti (scleroterapia). Dopo 5-20 minuti, viene rimosso anche.

Il paziente deve sottoporsi a una seconda ecografia dopo 2 settimane. È considerato normale avere una piccola quantità di liquido nella cavità della cisti. Di regola, è auto-assorbito. In rari casi, la cisti diventa di nuovo piena. Con recidive, può essere indicata una puntura ripetuta o una chirurgia più radicale.

Cistectomia laparoscopica

Per la prima volta l'operazione è stata effettuata nel 1992. Oggi è il trattamento più comune per una malattia. Ti permette di rimuovere le cisti di diverse dimensioni, complicate e multiple. I medici moderni riconoscono che questo metodo è il meno traumatico e doloroso per il paziente.

Prima dell'operazione, il medico dopo aver studiato le immagini ad ultrasuoni determina la posizione ottimale del paziente, l'inclinazione del suo corpo. Più spesso, il paziente è posto sulla schiena.

L'anestesia è di solito comune. Nei bambini, è sempre l'anestesia endotracheale (generale, con un tubo nella gola). La prima puntura si trova vicino all'ombelico. Attraverso questa porta il gas viene iniettato nella cavità addominale per creare uno spazio per la manipolazione. Le posizioni delle altre due punture sono determinate dopo aver studiato il quadro clinico sotto il controllo del laparoscopio.

Con l'aiuto di strumenti inseriti nelle porte, il chirurgo separa la cisti dal tessuto renale. Se necessario, il medico fora le sue pareti ed esegue l'aspirazione (rimozione del contenuto). Con l'aiuto di coboscage endoscans (l'effetto di "sigillare" i vasi per prevenire il sanguinamento), la cisti stessa viene asportata. Nella puntura è installato il tubo di drenaggio. È rimosso in 24-48 ore. Porte cucite con endosca.

Chirurgia intrarenale retrograda

L'operazione viene solitamente eseguita in anestesia generale. Il medico inserisce un endoscopio attraverso l'uretra, l'uretere. Porta lo strumento al rene per l'escissione della cisti. Le sue stesse pareti non vengono rimosse, ma sono cucite ai tessuti vicini (procedura di marsupializzazione). Con un risultato favorevole, una cisti si cicatrice nel tempo e non si manifesta. Dopo l'operazione, non ci sono cicatrici o punti di foratura, come durante la rimozione laparoscopica di una cisti renale.

Molti esperti hanno un atteggiamento negativo nei confronti di questa tecnica dell'operazione, definendola "un metodo di trattamento pericoloso e ingiustificato" (Trapeznikova MF et al., 1997). La connessione della cavità della cisti con la cavità del sistema urogenitale è considerata sfavorevole, specialmente nel caso di infiammazione o potenziale malignità della neoplasia, che potrebbe non essere sempre rilevata in anticipo.

Pertanto, al momento, nonostante il buon effetto cosmetico, la chirurgia retrograda per una cisti renale viene eseguita raramente. Le indicazioni per loro è la posizione speciale di una cisti semplice - nel segmento inferiore del rene.

Operazione aperta

Questo è il modo più traumatico per rimuovere una cisti. È usato quando è presente un esteso danno tissutale e la natura maligna della neoplasia è stata dimostrata. Oggi, solo il 5% delle operazioni per una cisti renale viene eseguito con il metodo aperto.

L'intervento chirurgico viene eseguito in anestesia generale. Il medico taglia la pelle e il tessuto molle, espone il rene. Determina visivamente o mediante palpazione (palpazione) la posizione della cisti. Dopo di ciò, esegue una puntura con un ago speciale.

Quando il contenuto della cisti viene completamente rimosso, il rene viene asportato prima che le pareti della neoplasia siano esposte. Non vengono rimossi e cuciti con filo sintetico assorbibile sui bordi della ferita. A volte il blu di metilene viene iniettato in una cisti - una tintura che consente di definire sezioni sottili delle sue pareti. Sono anche tagliati e cuciti. Se la cucitura non è stretta, l'urina può essere separata dalla ferita. In questo caso, viene nuovamente imposto.

In casi estremi - un ascesso, processo purulento, cancro, durante l'intervento il chirurgo decide di rimuovere una parte o tutto il rene. Spesso, le operazioni di tale piano vengono eseguite su base di emergenza, quando non c'è tempo per selezionare metodi alternativi di trattamento.

Periodo di recupero

Il tempo di riabilitazione dipende molto dal tipo di operazione, ma in media richiede un mese. I primi 1-2 giorni dopo la procedura dovranno passare a letto. Quindi, se lo stato lo consente e il medico lo consente, sarà possibile alzarsi e camminare lungo il corridoio. Con i metodi operativi minimamente invasivi, puoi tornare a casa già al secondo o terzo giorno. Il termine di ospedalizzazione per interventi aperti è di 5-7 giorni senza complicazioni.

Indossare una benda può essere mostrato con un'operazione aperta. Farmaci anestetici, antinfiammatori e antibiotici vengono spesso prescritti al paziente per 7 giorni. Il monitoraggio delle condizioni del paziente deve essere effettuato 4-6 mesi dopo l'intervento.

Costo della procedura

Tutti i tipi di ricerca e le operazioni relative a una cisti renale possono essere effettuate gratuitamente nelle istituzioni pubbliche nell'ambito di una polizza di assicurazione medica. Una condizione importante è la disponibilità di attrezzature adeguate in ospedale.

Un paziente può eseguire la procedura di sua volontà. Molto spesso, i centri medici eseguono interventi di chirurgia laparoscopica. Il costo medio di un'operazione a Mosca è di 100.000 rubli. Questo prezzo include l'ospedalizzazione (2 o 3 giorni), l'analisi del contenuto della cisti, l'ecografia.

L'aspirazione percutanea in cliniche private è eseguita, di regola, senza ricovero in ospedale. La fascia di prezzo per il servizio è molto ampia - da 3.000 a 100.000 rubli. La scleroterapia costa un po 'di più - aggiunge al costo della procedura il 10-20%.

La rimozione delle cisti in modo retrogrado non viene praticamente eseguita da società private. La chirurgia aperta viene eseguita solo in grandi centri multidisciplinari. Il prezzo per tale chirurgia inizia da 70.000 - 100.000 rubli.

Recensioni di medici e pazienti

Nella maggior parte dei casi i pazienti sono soddisfatti dell'operazione (parliamo spesso di laparoscopia), specialmente se eseguita in modo pianificato. Molti lo eseguono secondo la politica OMS e, tuttavia, raramente affrontano complicazioni. Nelle loro revisioni, i pazienti spesso indicano che rimangono piccole cicatrici dopo la laparoscopia, ma sono difficilmente percepibili e non influenzano significativamente l'aspetto.

I medici sulla chirurgia per una cisti renale sono divisi in sostenitori della puntura con tempra e laparoscopia. Entrambi i metodi hanno vantaggi e svantaggi. Il metodo retrogrado e la chirurgia aperta, gli esperti consigliano di usare solo in casi estremi.

Il trattamento di una cisti renale spesso porta il sollievo desiderato e migliora significativamente la qualità della vita del paziente. La chirurgia laparoscopica più comune è una tecnica semplice ed efficace che raramente porta a complicanze.

Chirurgia per rimuovere una cisti renale

Lascia un commento 7.284

La formazione renale cistica provoca numerose patologie. Per prevenirli, viene eseguita un'operazione per rimuovere una cisti renale, che implica una puntura o la sua completa eliminazione. Nella maggior parte dei casi, grazie a metodi moderni, l'operazione viene eseguita attraverso piccole incisioni o forature. L'uso dell'uno o dell'altro metodo dipende dalla particolare malattia.

Indicazioni per la chirurgia

Se si verificano segni di malfunzionamento del sistema urinario, è necessario essere esaminati. Se la cisti diagnosticata ha iniziato a manifestarsi, contatta immediatamente il tuo urologo.

Se la cisti non cresce e non si manifesta, la chirurgia viene ritardata. Ci sono diversi sintomi che parlano della necessità di eliminare una neoplasia. Se non si presta loro attenzione, la condizione può essere aggravata in modo significativo. Il trattamento chirurgico viene spesso eseguito se la dimensione della cisti è aumentata in modo significativo. In questo caso, la formazione mette sotto pressione il parenchima renale, l'organo disgregato. Inoltre, l'operazione viene eseguita se:

  • minzione disturbata;
  • l'ipertensione arteriosa si è sviluppata;
  • forte dolore presente;
  • cisti renale fratturata;
  • il sangue è apparso nelle urine;
  • la neoplasia è infetta;
  • La degenerazione della cisti è iniziata.

Se il medico sospetta il processo oncologico, durante l'operazione, prendere una particella di educazione per una biopsia. L'analisi viene eseguita rapidamente al fine di decidere l'ulteriore corso dell'operazione. Quando vengono rilevate cellule tumorali, viene eseguita una nefrectomia: una parte del rene o l'intero organo viene rimosso per prevenire una ricaduta. Il metodo di funzionamento è selezionato sulla base dei risultati di ultrasuoni e CT con l'introduzione di un mezzo di contrasto.

Controindicazioni

Il trattamento di una cisti renale senza chirurgia viene eseguito se:

  • Manifestazioni di patologia sono assenti.
  • Diagnosticato con policistico
  • Il paziente ha una bassa coagulazione del sangue.
  • Il paziente assume fluidificanti del sangue, come l'acido acetilsalicilico. L'uso di droghe con questa proprietà viene interrotto una settimana prima dell'operazione.
  • Patologia dell'apparato cardiovascolare o respiratorio.
  • La fase acuta del diabete mellito (un salto nei livelli di zucchero nel sangue).
Torna al sommario

Preparazione per la chirurgia

L'intervento chirurgico senza preparazione preliminare è impossibile. Se alcune delle raccomandazioni del medico non sono seguite dal paziente, l'intervento programmato può essere ritardato. La preparazione include diversi punti:

  • Il paziente deve evitare l'ipotermia e luoghi affollati per non prendere il raffreddore.
  • Non puoi assumere farmaci che riducono la coagulazione del sangue. Le donne operano nel 7-20 giorno del ciclo mensile.
  • Vengono eseguiti esami del sangue e delle urine e un elettrocardiogramma.
  • È richiesta la consulenza e l'opinione del terapeuta.
  • Possibile esame aggiuntivo dei reni e dei vasi sanguigni.
  • Entro 2-3 giorni prima dell'operazione è necessario abbandonare l'uso di verdure, frutta, prodotti di farina.
  • 8 ore prima della procedura, non si dovrebbe mangiare e bere, un clistere pulizia viene messo la sera precedente.
Torna al sommario

Tipi di operazioni di rimozione della cisti renale

Una cisti sul rene può essere eliminata con uno dei seguenti metodi:

  • rimozione percutanea (puntura);
  • laparoscopia;
  • operazione aperta;
  • metodo retrogrado.
Torna al sommario

Scleroterapia percutanea

Se la cisti renale è piccola e non si sospetta la sua degenerazione in un tumore maligno, la puntura viene utilizzata per rimuoverlo. Questo è il metodo meno traumatico, che viene eseguito in "anestesia locale". L'intera procedura è controllata da ultrasuoni. Il chirurgo tratta la pelle del paziente nell'area del rene interessato con un antisettico e allevia il dolore. Un ago speciale viene perforato attraverso la pelle, un ago viene inserito nella cisti e da esso viene estratto il fluido cistico. Per evitare la rieducazione, la cavità vacante per 5-20 minuti pieno di sostanza sclerosante che uccide le cellule che secernono il fluido cistico. Di conseguenza, la cavità "incolla", la ricaduta è impossibile.

La laparoscopia è il metodo più efficace e popolare per eliminare una cisti renale.

Asportazione laparoscopica

La rimozione della cisti renale laparoscopica è più comunemente usata. Questo metodo elimina tutte le formazioni cistiche, indipendentemente dal loro numero e dimensione. Inoltre, il vantaggio del metodo è un basso livello di lesioni e dolore. La riabilitazione del paziente richiede solo 2-3 giorni. Se la cisti si trova direttamente nel tessuto renale, durante la procedura, le tattiche possono essere cambiate e parte dell'organo rimosso. Il paziente viene avvertito in anticipo di questo, suggerendo possibili complicazioni sulla base dei risultati della diagnosi.

Le immagini ad ultrasuoni determinano quale posizione è la migliore per la procedura. Spesso il paziente si trova sulla schiena. In media, per via laparoscopica, la cisti renale viene eliminata in 1 ora. Nonostante le specifiche della procedura, questa è una procedura chirurgica completa, che viene eseguita in anestesia generale. L'anestesia endotracheale (tubo nella gola) viene utilizzata per i bambini.

Durante l'operazione, effettuare 3 incisioni di 2 cm, una delle quali si trova sull'addome vicino all'ombelico. La posizione del resto dipende dalle caratteristiche della patologia. Un laparoscopio, gli strumenti necessari e un endoscopio, una sonda con una telecamera che trasmette un'immagine a un monitor nella sala operatoria, vengono inseriti attraverso i fori formati. Un gas viene iniettato nella cavità addominale del paziente per espandere le sue pareti e per fornire più spazio per la manipolazione.

Una cisti renale è isolata dal parenchima renale e, se necessario, perforata per estrarre il liquido cistico. Per l'eliminazione della formazione stessa vengono utilizzati endonodicoli con funzione di coagulazione (i vasi sanguigni sono "sigillati" per prevenire il sanguinamento). Il sito di puntura è dotato di drenaggio, che viene rimosso dopo 1-2 giorni. Le incisioni nella pelle sono suturate.

Chirurgia intrarenale retrograda: trattamento laser

In presenza di cisti renali nel segmento inferiore dell'organo, viene utilizzato il metodo intrarenale retrogrado, poiché in questo caso è difficile operare con un altro metodo. Questo tipo di chirurgia non implica la realizzazione di incisioni ed è la più rapida e indolore. Tuttavia, i medici considerano la rimozione laser come pericolosa e la usano solo quando non c'è altro modo per rimuovere un tumore.

La procedura viene eseguita in anestesia generale. Attraverso il canale urinario, la vescica e l'uretere, una sonda con una telecamera viene inserita nel rene, gli strumenti necessari vengono portati. La microcamera trasferisce l'immagine sul monitor. Viene praticata un'incisione sul rene, una cisti viene estratta ed escissa. Le pareti della formazione cistica non vengono rimosse e cucite sul tessuto renale. A poco a poco si forma una cicatrice in questo posto.

Dopo l'operazione, non rimangono ferite, come dopo aver eseguito altri metodi per eliminare le cisti renali. La chirurgia intrarenale retrograda presenta un grave inconveniente: il tessuto cistico non viene rimosso. Questo minaccia con l'insorgenza di complicanze nello sviluppo del processo infiammatorio o se una cisti renale ha iniziato a degenerare in un tumore maligno.

Operazione aperta

Secondo le statistiche, il 5% delle operazioni per l'eliminazione di una cisti del rene viene eseguito con il metodo addominale, poiché è il più traumatico. La chirurgia addominale viene utilizzata se:

  • Il paziente soffre di obesità di terzo stadio.
  • Neoplasma cistico rotto.
  • È stata diagnosticata una lesione di gran parte del parenchima renale.
  • La formazione cistica rinasce in un tumore maligno.

L'intervento chirurgico viene eseguito in anestesia generale. Il chirurgo fa una grande incisione sul lato del paziente. La pelle e i tessuti sotto di essa sono tagliati per esporre il contenuto della cavità addominale. Il rene e il sito di una ciste vengono alla luce. Il medico fora il rene ed estrae il liquido cistico. L'organo viene tagliato e le pareti di una cisti già vuota vengono suturate al suo parenchima. Per stabilire l'integrità delle pareti dei tumori usando un colorante speciale. Se si riscontra un grave danno renale, come suppurazione o cancro, durante l'intervento chirurgico, il medico cambia tattica e rimuove tutto o parte dell'organo. A causa della presenza di una grande sutura sul lato, il paziente subisce un lungo corso di riabilitazione e viene curato in ospedale.

Periodo postoperatorio e riabilitazione

Un'operazione riuscita è metà della battaglia. La riabilitazione dopo la rimozione di una cisti renale è di grande importanza, dal momento che in caso di violazione di alcune raccomandazioni, possono insorgere gravi complicazioni. Il giorno dopo la procedura, il paziente dovrebbe essere a letto. Il giorno dopo, sono consentite brevi passeggiate intorno al reparto. A seconda del ciclo di guarigione, il paziente deve rimanere in ospedale per 3-7 giorni. In 2 mesi la riabilitazione è completata e la persona può tornare al solito modo di vivere.

Dopo la chirurgia addominale, il decorso del recupero è significativamente più lungo rispetto ad altri metodi di rimozione della cisti. In assenza di complicanze in ospedale, il paziente deve rimanere per circa 3 settimane. Poiché una grande ferita è rimasta dopo l'intervento chirurgico, è necessario vestire costantemente e monitorare le condizioni delle suture. Il medico prescrive l'uso di antibiotici, antinfiammatori e antidolorifici.

Il periodo di riabilitazione dipende dal tipo di intervento chirurgico, ma in media dura circa un mese.

dieta

Nonostante il fatto che la rimozione di una cisti sul rene sia spesso eseguita rapidamente e non ha complicazioni, è un serio stress per il corpo che colpisce tutti i sistemi. In modo che il recupero sia rapido e non ci siano complicazioni dal sistema urinario, al paziente viene prescritta una dieta. La mancanza di controllo della dieta nel periodo postoperatorio porta allo sviluppo di un processo infiammatorio nel rene operato. Per evitare ciò, è necessario rispettare le seguenti regole:

  • Ridurre al minimo l'assunzione di sale. Se una cisti renale provoca disturbi funzionali dell'organo e vi è una minaccia di insufficienza renale, l'assunzione di sale deve essere completamente interrotta.
  • Se la presenza di una cisti ha portato allo sviluppo di patologie del sistema cardiovascolare e alla presenza di edema, è necessario limitare la quantità di fluido consumato.
  • Al momento del recupero, è necessario abbandonare l'uso di cibi fritti e grassi, spezie, spezie, salse, marinate, caffè, cioccolato, eventuali acidi.
  • Richiede un completo rifiuto delle cattive abitudini.
  • Le basi della dieta dovrebbero essere i carboidrati e le fibre vegetali. L'uso di proteine ​​deve essere ridotto al minimo in modo che le tossine non vengano raccolte nel corpo, perché a prima vista dopo l'intervento è impossibile dare un carico completo al sistema urinario.

Quando lascia l'ospedale, il medico imposta un programma di check-up. Con lo sviluppo di complicanze, viene eseguita una terapia aggiuntiva. La ricorrenza delle formazioni cistiche è rara. Per controllare le condizioni generali dei reni e la rilevazione tempestiva di possibili patologie, si raccomanda 1-2 volte all'anno di sottoporsi a ecografia, una radiografia e consultare un urologo o un nefrologo.

Quando viene rimossa una cisti renale?

Una cisti sul rene è un tumore benigno, la cui rimozione deve essere giustificata. Circa un quarto dei pazienti (indipendentemente dal genere) può per anni non essere nemmeno a conoscenza della presenza di una cisti, che si trova spesso durante gli esami casuali (raggi X, ultrasuoni). Di norma, la presenza di una cisti è asintomatica, inoltre non provoca alcun danno alla salute umana. In presenza di piccole neoplasie benigne, la chirurgia non è necessaria. Tuttavia, almeno 2 volte durante l'anno, una persona dovrebbe visitare lo specialista in cura per controllare la possibile crescita della neoplasia e prevenirne la rigenerazione.

Le cause della comparsa di tumori nei reni

La rimozione di una cisti renale allo stato normale non è necessaria. Si ritiene che i fattori ereditari, la presenza di un'infezione nel sistema urogenitale, le anomalie congenite e il danno d'organo (ad esempio a causa di un impatto) possano causare la comparsa di tumori benigni nei reni. Meno comunemente, una cisti si verifica nella regione della pelvi renale, e la sua crescita si verifica, di regola, a causa di un aumento del vaso linfatico in cui il processo infiammatorio è localizzato. Di conseguenza, la pelvi renale e il vaso linfatico crescono insieme e, di conseguenza, una forma di cisti (nei casi più gravi si possono osservare formazioni multi-cistiche).

Una cisti che cresce nel lume della pelvi renale spesso esiste asintomaticamente per un periodo piuttosto lungo. Con la sua crescita intensa, una persona può sentire un dolore sordo o sentimenti dolorosi di carattere estenuante. A questo punto, la cisti del bacino dell'uretere si stringe, quindi la minzione può essere difficile.

Suggerimento: la comparsa di minzione frequente e di eventi dolorosi, febbre, debolezza generale e dolore ai muscoli possono segnalare i processi infiammatori degli organi urinari, che spesso provocano la comparsa di pielonefrite. Quando compaiono questi sintomi, dovresti consultare immediatamente un urologo.

Va notato che in presenza di cisti renali, ischemia, indurimento dei tessuti (compattazione e riduzione del volume renale) e atrofia possono svilupparsi, pertanto sono necessari esami regolari per identificare i tumori.

Indicazioni per la rimozione della cisti

Cosa può causare una rimozione obbligatoria di una cisti renale? La chirurgia per la sua escissione può essere assegnata nei casi di:

  • suppurazione renale
  • ipertensione
  • l'emergere di varie patologie (indurimento dei tessuti)
  • deflusso disturbato di urina raccolta nei reni
  • la presenza di sanguinamento nelle urine
  • forte proliferazione di neoplasie benigne
  • aumento delle cisti nel volume (più di 50 mm di diametro)
  • recidiva persistente di infiammazione renale (pielonefrite)
  • rotture di cisti (inclusa una delle lesioni multicistiche)

Controindicazioni alla rimozione

Il medico può decidere l'inadeguatezza dell'intervento chirurgico in caso di:

  • la presenza di una cisti che scorre senza sintomi visibili, se non disturba il paziente
  • malattia del rene multicistico
  • compromissione della coagulabilità del sangue
  • scompenso delle malattie respiratorie e patologie del cuore
  • stadio acuto con diabete

Metodi di trattamento chirurgico

Rimozione laparoscopica di una cisti sul rene

Prima dell'operazione, il paziente deve sottoporsi a procedure standard di esame medico e una serie di analisi. Se necessario, il medico può prescrivere anche una puntura di cisti renale. Sarà inoltre richiesto un esame RM addominale e tomografia computerizzata.

I seguenti tipi di interventi sono utilizzati per rimuovere una cisti renale:

  • Metodo per la laparoscopia della cisti renale. Durante l'ablazione laparoscopica, vengono praticate piccole perforazioni (tagli) sulla pelle nel lato e sulla parete addominale anteriore, dopo di che vengono inseriti un laparoscopio (sonda con videocamera) e strumenti. La rimozione laparoscopica può essere prescritta per moderate lesioni multicistiche, con la cisti situata sul lato o sulla parete frontale del rene.
  • Metodo di rimozione percutanea. Viene eseguita un'incisione nella regione lombare attraverso la quale viene inserito l'endoscopio con lo strumento. Usato per rimuovere le cisti che si trovano sul retro dell'organo interessato (rene). L'intervento (così come lo stenting dell'arteria renale) viene eseguito in anestesia generale.
  • Il metodo aperto è stato recentemente usato raramente a causa del suo alto trauma. Inoltre, il recupero dopo la rimozione del rene (cisti) richiede molto tempo e molto dolore.
  • Il metodo retrogrado intrarenale è considerato meno traumatico. L'attrezzatura laser viene iniettata nel rene danneggiato, il tumore benigno viene rimosso con ulteriore chiusura della ferita.

Periodo postoperatorio

Dopo la rimozione della cisti, i pazienti sono invitati a osservare il riposo a letto. Presto il paziente può alzarsi e abituarsi gradualmente allo sforzo fisico, che può iniziare con una breve passeggiata. Di solito, il periodo di recupero dura 1-1,5 mesi, dopo di che è possibile tornare al solito modo di vita e al lavoro fisico.

Nella prima settimana del periodo postoperatorio, dovresti evitare di mangiare cibi grassi e fritti, conservazione e piatti speziati. I modi delicati per rimuovere le cisti consentono al paziente di essere dimesso non più tardi che dopo una settimana in ospedale. Il dolore può essere eliminato assumendo farmaci antidolorifici. Durante il periodo di recupero, è raccomandata una terapia antibiotica.

Al fine di evitare la comparsa di nuove cisti, è necessario sottoporsi ad un esame almeno 2 volte all'anno.

Rimozione della cisti renale

La decisione di rimuovere una cisti renale è presa congiuntamente dal paziente e dal medico, dal momento che è necessario prendere in considerazione le opinioni di entrambi. Una cisti renale è una neoplasia benigna che si verifica nel lume della pelvi renale a causa della coalescenza del tessuto parenchimale e dei vasi linfatici. Nella maggior parte dei casi, si sviluppa in modo asintomatico. Identificare la malattia più spesso per caso, ad esempio durante il passaggio dei raggi X o degli ultrasuoni.

Questa patologia si verifica a causa di:

  • Fattore ereditario;
  • Malattie infettive del sistema genito-urinario;
  • Anomalie dello sviluppo;
  • Lesioni meccaniche.

La sua presenza nel corpo non è sempre un motivo dell'intervento chirurgico. Se il tumore non causa danni, allora l'operazione non è necessaria. Il paziente deve visitare uno specialista almeno due volte l'anno. Il nefrologo decide di rimuovere una cisti renale se cresce o rinasce. Nel primo caso si verifica la compressione della pelvi renale, che provoca dolori e difficoltà con il rilascio di urina. Nel secondo, c'è un alto rischio di sviluppare un tumore canceroso.

Una lesione benigna può causare cardiopatia ischemica e rughe dell'organo danneggiato. Quest'ultimo è causato da compattazione e atrofia del tessuto parenchimale. Eliminare solo una singola escrescenza, la presenza di diverse cisti nel rene è una controindicazione alla chirurgia.

Indicazioni e controindicazioni

Ci sono le seguenti indicazioni per la chirurgia:

  • Sindrome del dolore;
  • Le grandi dimensioni del tumore;
  • Rilevazione di globuli rossi nelle urine (un segno di disfunzione renale);
  • Problemi di minzione;
  • Il verificarsi di ascessi (complicazioni purulente);
  • Rottura cisti;
  • Alta pressione sanguigna;
  • Malattie croniche di organi parenchialny (pyelonephritis, glomerulonefrit).

Un'operazione per rimuovere una cisti è necessaria se il diametro del tumore è superiore a 50 mm. Con una dimensione più piccola della chirurgia della cisti renale non è giustificato, soprattutto se ci sono altre controindicazioni. Questi includono:

  • Ricorrenza del diabete;
  • Sviluppo della cisti asintomatica;
  • Malattia del rene policistico;
  • Scompenso delle patologie dell'apparato respiratorio o cardiovascolare;
  • Coagulazione del sangue insufficiente.

Come trattare una cisti renale asintomatica senza chirurgia? Dopo che il problema è stato diagnosticato, il medico curante prescrive i farmaci. Al paziente vengono prescritti farmaci che alleviano i sintomi e bloccano l'ulteriore sviluppo dell'istruzione. La puntura può essere eseguita. Questo metodo efficace è considerato un'alternativa alle soluzioni operative. Al primo stadio, viene effettuata una puntura nella cisti. Il liquido viene rimosso attraverso di esso. Nel secondo, i farmaci che hanno un effetto sclerotico vengono iniettati nel tumore.

Il costo della rimozione di una cisti renale da un intervento chirurgico dipende dalla complessità dell'operazione e dal costo dei farmaci utilizzati.

Preparazione per la chirurgia

La rimozione della cisti renale laparoscopica è un'operazione chirurgica che richiede una preparazione approfondita. Prima di un intervento chirurgico, il paziente deve:

  • Eseguire esercizi ginnici (per 2-3 settimane);
  • Mangia cibo che aiuta a pulire il tratto digestivo;
  • Assicurati di rispettare le regole sanitarie;
  • Rimuovere la vegetazione in eccesso sul corpo;
  • Rilassarsi completamente (dormire, camminare ogni giorno all'aria aperta).

Immediatamente prima della procedura, il medico prescrive un clistere purificante. Inoltre, prima della laparoscopia (rimozione chirurgica di una cisti renale) deve essere eseguito un esame completo. I suoi risultati consentiranno di calcolare il possibile rischio. Soddisfare le condizioni di cui sopra aiuterà a trasferire l'anestesia senza conseguenze speciali.

Per rimuovere una cisti renale senza un intervento chirurgico, devi anche prepararti. In particolare, è necessario superare esami del sangue e delle urine, eseguire esami ecografici e radiografici, risonanza magnetica addominale e TC. Tutte le procedure diagnostiche sono prescritte dal medico curante. È lui che decide in che modo è più sicuro rimuovere una cisti renale.

Tipi di operazioni

Come viene rimossa una cisti renale? Innanzitutto, il paziente viene iniettato in uno stato di anestesia. Questo può essere fatto in due modi. Il primo riguarda l'uso di droghe. È controindicato nei pazienti che soffrono di allergie ai componenti dei farmaci utilizzati. In questo caso, viene utilizzata l'anestesia epidurale.

La rimozione chirurgica dell'istruzione nel rene viene effettuata con diversi metodi chirurgici, tra cui:

  • Laparoscopia della cisti renale. La procedura viene eseguita attraverso incisioni sul lato del paziente. L'escissione laparoscopica di una cisti di un rene è prescritta nei casi più difficili. Con esso, davvero sbarazzarsi di policistico. La rimozione della cisti renale laparoscopica dura da 40 minuti a 2 ore.
  • Rimozione percutanea di una neoplasia. L'intervento è effettuato sul retro dell'organo parenchiale interessato. Una cisti renale viene rimossa attraverso una piccola incisione che viene effettuata sulla regione lombare. Un endoscopio è inserito in esso. Gli esperti controllano la situazione attraverso l'immagine trasmessa al monitor.
  • Rimozione intrarenale retrograda. Viene eseguito con l'aiuto di un endoscopio, che viene alimentato al rene danneggiato attraverso il tratto urinario. Il tumore viene rimosso da un laser. L'incisione viene suturata e lo stato degli organi parenchigiosi viene normalizzato. Rispetto alla rimozione di una cisti con il metodo laparoscopico, questo metodo è meno traumatico.
  • Ritiro ad accesso aperto. La procedura è caratterizzata dal maggior rischio, quindi è prescritta estremamente raramente. Allo stesso modo, i reni possono essere curati facendo un'incisione nella pelle e nei tessuti sottostanti. Tale operazione per rimuovere una cisti renale richiede una riabilitazione a lungo termine.

Prescrivi un tal trattamento può solo il medico generico essente presente.

reinserimento

Nel periodo postoperatorio, al paziente è richiesto di osservare il riposo a letto rigoroso. Soprattutto nei primi giorni dopo l'intervento. È permesso alzarsi solo dopo che il dottore è convinto che l'operazione è passata senza complicazioni e non c'è pericolo di sanguinamento interno. L'esercizio aumenta gradualmente. Il recupero dalla cura della malattia richiede 1-1,5 mesi.

La riabilitazione dopo l'intervento chirurgico include non solo il controllo dell'esercizio, ma anche un'alimentazione speciale. Non dovrebbero esserci cibi fritti, grassi e piccanti nella dieta del paziente. La dieta dopo l'operazione esclude l'uso di caffè, cioccolato e bevande alcoliche.

Rischio di complicazioni

A seguito di laparoscopia, possono verificarsi le seguenti complicanze:

  • Interruzione del tratto gastrointestinale;
  • Infezione infettiva;
  • Danneggiamento dei vasi sanguigni degli organi parenchiali.

Il trattamento di una cisti renale singola e policistica senza chirurgia consente di evitare queste conseguenze e ridurre la durata della riabilitazione.

Rimozione di una cisti sul rene mediante laparoscopia

Una cisti renale è un danno renale benigno comune e si verifica in almeno il 24% delle persone sopra i 40 anni e nel 50% delle persone sopra i 50 anni [2, 8]. In connessione con lo sviluppo di metodi diagnostici, la rilevazione di cisti renali in tutto il mondo sta aumentando.

Le cisti renali possono causare l'ostruzione del sistema di raccolta, comprimere il parenchima renale o causare emorragia spontanea, inducendo dolore ed ematuria. Inoltre, possono essere infettati o possono causare uropatia ostruttiva e ipertensione [3, 5]. Non molto tempo fa, prima che i metodi endoscopici di chirurgia fossero ampiamente utilizzati in medicina, a un paziente con una cisti renale veniva offerta un'osservazione prevalentemente dinamica della dimensione della cisti. Secondo la testimonianza, è stato eseguito un intervento chirurgico aperto, che non era sempre possibile con le comorbidità.

Bosniak (1997) ha sviluppato una comoda classificazione che divide le cisti dei reni in categorie in base al grado della loro possibile malignità:

Le categorie I sono cisti semplici, semplici e benigne dei reni, che sono chiaramente visualizzate dagli ultrasuoni, dalla tomografia computerizzata o dalla risonanza magnetica.

Categoria II - cisti benigne, minimamente complicate, che sono caratterizzate dalla comparsa di partizioni, dalla deposizione di calcio nelle loro pareti, dalle cisti infette e dall'iperdensità. Questa categoria di cisti non diventa quasi mai maligna e necessita di osservazione ecografica dinamica.

Categoria III - questo gruppo è più incerto e ha una tendenza alla malignità. Le caratteristiche radiologiche comprendono un contorno sfocato, partizioni ispessite e aree di depositi di calcio non uniformi per le quali è indicato il trattamento chirurgico.

Categoria IV - le formazioni hanno una grande componente liquida, un contorno irregolare e persino collinoso e, soprattutto, in alcuni punti si accumula una sostanza di contrasto dovuta alla componente tissutale, che indirettamente indica la malignità [6].

Indicazioni per un intervento chirurgico per una cisti renale sono: compressione del tratto urinario da una cisti, compressione della cisti dal rene, infezione della cavità della cisti e formazione di ascessi, rottura della cisti, cisti di grandi dimensioni, sintomi del dolore e ipertensione maligna. La maggior parte dei pazienti con una cisti di dimensioni superiori a 3 cm, prima o poi, inizia a provare dolore. Enormi cisti renali, tuttavia, di dimensioni superiori a 15 cm, sono un'osservazione piuttosto rara nella pratica [15].

Nel 1992, Hulbert fu il primo a eseguire e descrivere la tecnica della cistectomia laparoscopica [11]. Questa tecnica consente di rimuovere le cisti renali solitarie, multiple, peripelvic e bilaterali in un'unica operazione. Oggi la cistectomia viene eseguita con metodi laparoscopici e retroperitoneali. L'approccio laparoscopico è un metodo minimamente invasivo che consente la decompressione delle cisti sotto controllo visivo diretto. La laparoscopia è un trattamento efficace per i pazienti con malattia renale policistica autosomica dominante, che presentano un sintomo doloroso (Bosniak II e III) [8].

Nella letteratura a nostra disposizione, abbiamo trovato solo alcuni casi di rimozione laparoscopica di cisti renali giganti [1.7, 9, 12, 13, 14, 15]. Il caso presentato da noi è un'osservazione piuttosto rara nella pratica urologica e, a nostro avviso, susciterà interesse tra i colleghi.

Lo scopo del lavoro è dimostrare l'efficacia del metodo laparoscopico nel trattamento chirurgico delle cisti renali giganti.

Materiali e metodi di ricerca

Il paziente X., 57 anni, è stato ricoverato nella clinica urologica dell'Università di Medicina dell'Azerbaigian nel novembre 2010 con lamentele di dolore costante e doloroso nella regione lombare destra. Secondo il paziente, la malattia è iniziata circa 4 mesi prima del ricovero in ospedale. Al ricevimento, le condizioni generali sono soddisfacenti. Da parte del sistema cardiovascolare si evidenziano cardiopatia ischemica e cardiosclerosi aterosclerotica. Indicatori di esami del sangue generali e biochimici entro il range normale. Con gli ultrasuoni (US) e la tomografia computerizzata a contrasto (CT) nella cavità addominale non sono stati rilevati cambiamenti patologici. La dimensione, lo spessore del parenchima e lo stato funzionale dei reni sono soddisfacenti. Nell'area dei segmenti anteriore, posteriore e del polo superiore del rene, una cisti solitaria è definita in dimensioni di 16,5 × 12,5 × 10 cm (Figura 1). La cisti non ha aderenze con il lobo destro del fegato. Nel rene sinistro, sono definite quattro cisti di 1,5 × 1,5; 1,8 × 1,7; 3.1 × 2.4; 5,4 × 5,0 cm (Fig. 2). Linfonodi addominali e retroperitoneali invariati. Al paziente è stata diagnosticata una cisti gigante del rene destro, più cisti del rene sinistro, malattia coronarica, cardiosclerosi aterosclerotica.

Fig. 1. Ultrasuono del paziente prima dell'operazione. Cisti gigante del rene destro. Il rene a causa delle grandi dimensioni della cisti non è visualizzato

Il paziente è stato sottoposto a rimozione transperitoneale laparoscopica di una cisti gigante del rene destro.

Il paziente si trova nella posizione decubitale laterale con un angolo di 45 gradi. Data la posizione della cisti, il primo passaggio (11 mm) è stato collocato 2 cm sopra e distalmente all'ombelico e un pneumoperitoneo è stato creato. Quindi, sotto il controllo laparoscopico, sono state installate altre due porte (13 e 5 mm). Dopo la separazione delle aderenze nella cavità addominale, la cavità addominale è stata tagliata lungo la parete posteriore della cavità addominale lungo la linea bianca di Toldt fino alla flessione epatica dell'intestino crasso, quindi l'intestino crasso è stato separato dai tessuti dello spazio retroperitoneale e la fascia di Gerota è stata esposta. La superficie esterna della cisti è stata completamente mobilizzata dai tessuti circostanti (figura 3).

Fig. 2. Tomografia computerizzata del paziente prima dell'intervento chirurgico. Cisti giganti del rene destro, tessuto renale spinto a parte sotto il fegato e alla colonna vertebrale

Fig. 3. Cisti gigante di rene mobilizzato

Poi è stato aperto in una piccola area e aspirato il contenuto, che era 1,6 litri. Per l'escissione delle pareti della cisti, sono stati utilizzati l'apparato della legatura elettrotermica dosata dei tessuti "Liga sure" e endosores con coagulazione. Dopo la completa asportazione dei bordi della cisti, è stato installato un tubo di drenaggio (Fig. 4). La durata di insufflazione 65 minuti, la durata dell'operazione è stata di 75 minuti. Emorragia intraoperatoria - 20 ml. Il tempo di ospedalizzazione è di 2 giorni. Il primo giorno, lo scarico dal tubo di drenaggio era di 40 ml, il secondo giorno non si osservava alcuna scarica. Il tubo di scarico è stato rimosso e il paziente è stato scaricato in condizioni soddisfacenti. Il risultato di un esame istopatologico: le pareti della cisti asportata sono costituite da tessuti fibrosi.

Risultati della ricerca e discussione

La chirurgia laparoscopica delle cisti renali è un metodo moderno e meno traumatico di rimozione radicale delle cisti. Questo metodo consente di eseguire qualsiasi intervento sulla cisti, fino alla nefrectomia. Quando cisti intraparenchimale del rene, quando vi è un alto rischio di danni al sistema addominale del rene, il paziente deve essere avvertito prima della chirurgia laparoscopica sulla possibilità di espandere la portata dell'intervento. Questo può includere il trattamento di una cisti, la resezione del rene o la nefrectomia.

Fig. 4. Paziente dopo l'intervento chirurgico

Naturalmente, una cisti renale non è sempre un'indicazione per la chirurgia o in generale le azioni attive. Molto spesso, se la cisti non infastidisce il paziente, e ancor più se non era nemmeno consapevole della sua presenza, l'osservazione dinamica è sufficiente. Questo è che ogni sei mesi - un anno dovrebbe essere esaminato da un medico e condurre una ricerca (di solito un'ecografia dei reni).

La parete della cisti è costituita da una capsula di tessuto connettivo rivestita di epitelio squamoso e cubico, nella maggior parte dei casi con infiammazione cronica. Inoltre, in alcuni pazienti con esame istologico, le fibre muscolari vengono rilevate nella parete della cisti. La capsula fibrosa della cisti è rivestita internamente con epitelio che ricorda l'endotelio o il mesotelio, e nefroni degenerati, fibre muscolari lisce e cellule di infiammazione cronica si trovano nel tessuto di collagene della parete della cisti. L'epitelio della cisti può essere intermittente. In molti pazienti, il rivestimento epiteliale della cisti è assente. In alcuni punti della capsula l'epitelio scompare o atrofizza, e in altri, al contrario, ha 2-3 strati di cellule. In alcuni casi, si osservano depositi di calce, inclusioni embrionali, residui di tessuto renale e persino la ghiandola surrenale nello spessore della parete della cisti. La deposizione di calce nelle pareti della cisti indica la sua "vecchia" età.

Quanto sia trasparente e pulita la consistenza dei contenuti fluidi della cisti durante l'aspirazione, è la probabilità di avere un processo benigno nel rene [4]. In caso di cisti giganti, la presenza di un processo maligno nel rene non è descritta in letteratura. Nel paziente che abbiamo presentato durante l'aspirazione, abbiamo osservato un liquido chiaro e trasparente, il cui volume era superiore a 1600 ml, senza la presenza di emorragie e segni di infiammazione. La dimensione della cisti, la struttura del suo muro, la consistenza del contenuto non ci hanno indotto a sospettare la presenza di un processo maligno durante l'operazione, come confermato anche dai dati di esame istopatologico.

La resezione laparoscopica di una cisti renale è un intervento efficace con un piccolo numero di complicanze e una rapida riabilitazione dei pazienti [1]. Le complicanze intraoperatorie derivanti possono essere eliminate senza conversione con competenze sufficienti del chirurgo operativo e attrezzatura appropriata della sala operatoria. Con sufficiente esperienza e capacità, l'accesso retroperitoneoscopico è meno invasivo e riduce al minimo (anche se non esclude) il rischio di lesioni agli organi interni [5, 8]. Ma in questo caso, l'intervento chirurgico è stato effettuato da noi con accesso transperitoneale. Abbiamo preso questa decisione in base alle dimensioni dei giganti e alla posizione della cisti. L'accesso transperitoneale ci ha permesso di mobilizzare completamente le aree extrarenali della cisti dai tessuti circostanti, senza che si osservassero complicazioni intraoperatorie.

Il successo dell'ablazione laparoscopica di una cisti renale è il sollievo dei sintomi, è osservabile in media nel 97% dei pazienti e la mancanza di segni di recidiva della cisti nel 92% dei pazienti, che è superiore ad altri metodi di trattamento chirurgico [1, 3, 8].

Le principali lamentele del nostro paziente erano i dolori acuti costantemente opachi e intermittenti nella parte destra, specialmente quelli nella posizione prona sul lato destro. Dopo l'intervento chirurgico, il paziente scomparve completamente sentendo dolore, le sue condizioni generali erano soddisfacenti dopo un giorno, dopo alcuni giorni tornò alla vita attiva. Il paziente era sotto osservazione, gli studi condotti un anno dopo l'operazione hanno rivelato una funzione soddisfacente del rene destro, assenza di pieloelasia, idronefrosi e presenza di segni di recidiva della cisti. Il paziente era in buona salute e non ha presentato alcuna lamentela.

L'analisi della letteratura mondiale e la nostra esperienza nel trattamento di pazienti con cisti dei reni hanno dimostrato che al momento attuale la resezione laparoscopica e retroperitoneale di cisti renali è considerata un trattamento sicuro ed efficace.

La laparoscopia consente al chirurgo di applicare un approccio minimamente invasivo all'esame e al trattamento di questa categoria di alterazioni patologiche renali. La cisti nel suo complesso può essere completamente studiata sotto controllo oculare diretto ed escisso. Inoltre, è possibile eseguire la decorticazione o la marsupializzazione, senza esporre il paziente a un'operazione aperta. Un simile approccio minimamente invasivo non solo ha vantaggi diagnostici e terapeutici, ma riduce anche il periodo di dolore postoperatorio e il recupero del paziente rispetto agli approcci tradizionali di chirurgia aperta.

Il caso presentato da noi conferma ancora una volta che usando un approccio laparoscopico, è possibile rimuovere una cisti di un rene di qualsiasi dimensione e localizzazione. La marsupilazione delle cisti renali giganti con la tecnica laparoscopica è il metodo migliore e meno invasivo per il trattamento chirurgico [10,15].