Fibrosi renale

Cistite

Lascia un commento 4.154

La fibrosi retroperitoneale è un processo infiammatorio in cui i tessuti connettivi della cavità addominale si espandono, con conseguente cicatrizzazione in vari organi interni. Questa patologia influenza negativamente la funzione renale in particolare. Con questa malattia si forma un eccesso di tessuto connettivo intorno ai reni. È raro e di solito si verifica sullo sfondo di malattie renali o altre malattie degli organi interni adiacenti. Spesso la fibrosi è esposta alla metà maschile della popolazione dai 30 ai 60 anni.

cause di

È infine sconosciuto il motivo per cui si verifica questo disturbo, e dove esattamente è localizzato. Ci sono teorie secondo le quali una malattia può apparire come risultato di reazioni immunitarie o infiammatorie. La fibrosi può svilupparsi a causa dell'uso prolungato di agenti terapeutici con ergotamina (anti-emicrania) o idralazina. Si nota che la fibrosi si verifica per i seguenti motivi:

  • infiammazione cronica dei reni;
  • malattie del sistema riproduttivo;
  • malattia vascolare;
  • malattie virali.

La malattia può verificarsi a causa di lesioni spinali nella tubercolosi, tumori maligni, epatite e pancreatite, che hanno una forma cronica. Vale la pena prestare attenzione al fatto che i medici separano la fibrosi secondaria e primaria. Il secondo è associato a processi autoimmuni e si verifica come reazione allergica. La fibrosi secondaria si verifica insieme a malattie croniche.

Quadro patologico

Nella maggior parte dei casi, la malattia è localizzata e si sviluppa in un rene. Nel corso del tempo, la malattia si diffonde sul sito di un organo sano. È estremamente raro che la fibrosi si formi in entrambi i reni contemporaneamente. A volte è possibile notare la formazione (tessuto fibroso), che copre non solo i reni, ma anche i plessi nervosi e tronchi, l'uretere, la vena cava, che si trova sotto. Il tessuto può variare nella struttura e nella struttura. Tutto dipende dallo stadio della malattia. Quindi, lo stadio estremo della malattia è caratterizzato dalla presenza di tessuto fibroso denso con aree che includono solo fibre di collagene.

Quando questa malattia cambia la struttura del rene. Diventa raggrinzito, le dimensioni diminuiscono e il suo funzionamento è completamente disturbato. Il bacino si espande notevolmente, le pareti dell'uretere ipertrofica, e loro stessi si restringono. Quindi la malattia colpisce l'area della vena cava inferiore. Man mano che la malattia si sviluppa, l'ipertensione diventa più importante. Con la fibrosi, l'arteria renale si restringe, che può portare a ipertensione maligna (la pressione sale a 220 per 130 e più, e la malattia inizia a progredire più intensamente).

Se una malattia infettiva si unisce anche a questa malattia, la condizione peggiora drammaticamente. A causa del fatto che il corpo ha un'infezione, l'urina può rimanere nel corpo e questo "positivamente" influenza la diffusione dell'infezione. In questo caso, la persona avverte brividi, ci sono problemi con la minzione (sensazione di crampi, dolore, incontinenza).

sintomatologia

All'inizio, una persona potrebbe non sospettare la presenza di fibrosi. Potrebbe non avvertire alcun segno per diversi mesi o anche diversi anni. In questa malattia, i sintomi possono essere molto diversi e avere una natura mutevole. La loro intensità dipende dallo stadio e dall'estensione della malattia. Prima di tutto, una persona avverte i seguenti sintomi:

  • dolore del carattere noioso nella regione lombare;
  • dolore alla schiena (lati sinistro e destro);
  • aumento della pressione;
  • mal di testa;
  • mancanza di energia;
  • aumento della sudorazione;
  • gonfiore degli arti inferiori, addome gonfio.

Mentre la malattia si diffonde, cominciano ad essere aggiunti altri sintomi, più gravi. I dolori non cessano di tormentare e diventano più intensi. La minzione si verifica meno frequentemente, con una piccola quantità di urina. Accade anche che l'urina non sia affatto escreta, in questi casi i prodotti del metabolismo proteico penetrano nel sangue. Ciò provoca uremia (accumulo di prodotti di degradazione nel sangue, solitamente escreti nelle urine). Un ricovero urgente è indicato per tale paziente.

Negli stadi gravi, l'ipertensione venosa è aggiunta ai sintomi principali. A causa del fatto che la vena cava inferiore viene bloccata, appaiono le vene varicose e negli uomini le vene dei testicoli si gonfiano notevolmente. Meno probabilità di sviluppare trombosi della vena cava inferiore a causa del ristagno di sangue in alcune aree. Se ci sono diversi sintomi, non è necessario posticipare il viaggio all'urologo. Nel caso della fibrosi, è estremamente importante iniziare il trattamento il prima possibile.

Complicazioni di fibrosi

La complicazione più sgradevole è l'anuria, a causa della quale l'urina cessa di cadere nella vescica. Si sviluppa insufficienza renale cronica Questa complicazione è associata alla ritenzione di urina nella pelvi renale. A poco a poco, con il trattamento ritardato si verifica l'ipertensione arteriosa.

Quando il lume della vena cava inferiore viene ristretto, si sviluppa una forte dilatazione varicosa. Appaiono sensazioni dolorose e, nel caso avanzato, appaiono ulcere trofiche difficili da curare e curare. Nella fibrosi acuta, il lume dell'intestino crasso viene compresso, il che porta all'ostruzione intestinale. Se i gas e le feci si accumulano nel corpo per un lungo periodo di tempo, si verifica l'intossicazione intestinale.

Metodi diagnostici

Se c'è la fibrosi, quindi alla palpazione dell'addome, il medico noterà un tumore nella regione addominale e nella pelvi. Come risultato di test di laboratorio, nel siero del sangue verrà rilevata una proteina C-reattiva, una leucocitosi moderata e un'anemia. Un'analisi delle urine indicherà l'ipostenuria (un salto nella densità delle urine) e la proteinuria (rilevazione delle proteine) e un piccolo sedimento sarà presente nelle urine. Se la malattia dura a lungo, allora ci sarà un aumento del contenuto di creatinina e acido urico nelle analisi.

Un esame a raggi X mostrerà i cambiamenti avvenuti nell'uretere: un cambiamento di posizione, espansione o contrazione, una torsione sul lato destro o sinistro. Anche la pelvi renale verrà ingrandita. Spesso, un medico prescrive la reovasografia, con la quale è possibile esaminare la circolazione del sangue in un organo malato.

Trattamento della fibrosi renale

Trattamento conservativo

Applicare una tattica conservativa per questa malattia è possibile solo nei casi in cui non vi è alcuna compressione dell'uretere, vasi sanguigni e intestino. Questo trattamento ha lo scopo di prevenire lo sviluppo di patologie in aree sane dell'organo. Quando la terapia conservativa viene utilizzata farmaci contenenti ormoni e agenti non steroidei contro l'infiammazione. Più comunemente usato nel trattamento di farmaci come "Celecoxib" e "Prednisolone". Possono essere acquistati senza prescrizione medica, ma, dato che i farmaci hanno molti effetti collaterali, consultare un medico prima dell'uso.

Se il trattamento conservativo della fibrosi non ha prodotto risultati e la malattia progredisce, è necessario operare sui reni. Torna al sommario

Trattamento chirurgico

Nel decorso acuto della malattia o, se la terapia conservativa non ha dato risultati adeguati, viene utilizzato un trattamento chirurgico. Al paziente viene prescritta un'operazione, a seguito della quale l'uretere viene liberato dal tessuto cicatriziale che lo stringe. In casi gravemente trascurati, se il lume dell'uretere è completamente bloccato, viene eseguita un'operazione, durante la quale viene applicata al nefrostoma. Il paziente viene posizionato sulla parete addominale anteriore del tubo in un contenitore in cui viene scaricata l'urina.

Prognosi della malattia

È problematico prevedere lo sviluppo della fibrosi, è necessario tenere conto della natura della malattia, delle condizioni dei reni e del sistema urinario, per tenere conto delle complicazioni che sono sorte. La terapia conservativa può portare solo un effetto temporaneo. Tuttavia, un metodo di trattamento più affidabile è la chirurgia, in cui l'uretere viene spostato. Se gli ormoni steroidei vengono assunti dopo l'intervento, la prognosi sarà più confortante. Ma l'operazione non garantisce che in pochi mesi o anni non ci saranno ricadute. Quando la fibrosi si verifica e fatale, spesso in caso di insufficienza renale. Se il trattamento viene applicato in tempo, la prognosi può essere più confortante. Se è stato possibile prevenire i cambiamenti nei reni e l'insorgenza dell'insufficienza renale, questo aumenta le possibilità di un esito positivo fino al 60%.

Misure preventive

La prevenzione, in primo luogo, consiste nell'escludere le malattie che possono portare alla fibrosi. Se una persona soffre di tubercolosi cronica o epatite, allora si dovrebbe prendere sul serio il loro trattamento. È necessario monitorare attentamente la loro salute, non permettere e non correre le malattie che sono sorte. È importante ricordare che la diagnosi precoce di questa malattia aiuta a risolvere il problema in modo sicuro e non a cercare un aiuto chirurgico.

Lipofibrosi dei seni renali

Fibrolipomatosi del pancreas

A volte, i pazienti sottoposti ad ultrasuoni sentono un termine come la fibrolipomatosi, ma non molti capiscono cosa sia. Molte persone erroneamente considerano questa una diagnosi.

In realtà, non lo è. Inoltre, la fibrolipomatosi è difficile persino chiamare una malattia, poiché questo termine definisce molto probabilmente il tipo di patologia che può indicare una particolare malattia.

La presenza più comune di fibrolipomatosi nella pancreatite cronica.

L'essenza del problema è la seguente: la pancreatite cronica è una malattia permanente, come qualsiasi altra cronaca, è presente tutto il tempo, ma si manifesta solo nei momenti di esacerbazione.

Quando si verifica una malattia, è necessario seguire un corso di trattamento per alleviare i sintomi. Poiché il trattamento avviene di volta in volta, la malattia progredisce lentamente. A questo proposito, il pancreas è soggetto a importanti cambiamenti. Questo porta a questa deviazione.

Le malattie della tiroide possono anche causare fibrolipomatosi del pancreas. A causa dell'incostanza del background ormonale, che è scatenato da una malattia della tiroide, tutto il corpo inizia a soffrire, incluso il pancreas.

Ma la fibrolipomatosi colpisce non solo il pancreas. Uno degli organi che possono essere colpiti da questo disturbo è la ghiandola mammaria. Solo in questo caso è un fenomeno normale che si verifica con l'età. Non è necessario suonare l'allarme su questo.

Con l'età, una donna perde la capacità di avere figli, il che significa che anche i suoi seni non sono necessari, poiché il suo scopo diretto è quello di nutrire il bambino. Ma se la fibrolipomatosi si verifica in età precoce (riproduttiva), tuttavia, questo è un motivo per consultare un medico. Questo può essere un segno della malattia e anche ormonale.

Fibrolipomatosi dei reni

Inoltre, questo termine è noto come pedunculite renale. È un processo infiammatorio nella regione della porta del rene, così come nel suo peduncolo vascolare. I cambiamenti sclerotici sono anche osservati.

Questa malattia è spesso scatenata dall'aumentata pressione renale. Tale pressione è caratteristica di malattie come: la bacchetta di Koch, l'infiammazione della pelvi renale, la nefroureterolitiasi, l'adenoma prostatico.

Educazione fibrosa nel pancreas

L'insorgenza di reflusso pelvico renale, causa l'ingresso di urina e prodotti prodotti a causa dell'infiammazione nel tessuto interstiziale del rene e della fibra del seno renale.

Tutto ciò porta alla comparsa di alterazioni fibro-sclerotiche nei linfonodi e nei vasi delle porte del rene.

A causa del fatto che il deflusso della linfa è bloccato, le manifestazioni stagnanti peggiorano nel rene.

Questa malattia provoca mal di schiena, che ricorda vagamente la sciatica.
Per la diagnosi di questa malattia sono prescritti radiografia, urogramma escretore, pielogramma retrogrado. Gli studi dovrebbero mostrare quanto segue:

  • Tazze di reni con contrasto aumentato, la densità dell'ombra di contrasto è indebolita, corrisponde al seno renale.
  • Grandi tazze sono allungate, ristrette, disposte in un arco.
  • Le grandi tazze sono convesse verso l'esterno.

Fibrolipomatosi della pelle

Fibrolipoatosi della pelle è una formazione di grasso dal tessuto connettivo di grasso sotto la pelle. Sul corpo è espresso da un certo tumulo, "sporgente" dalla pelle del corpo. Di solito una consistenza densa, può essere indolore e causare dolore quando viene toccato.

Se non esegui alcuna manipolazione (sfregamento, sfregamento) con la pelle nei luoghi dei tumori, allora esteriormente rimane invariato, se lo sfreghi, appaiono irritazioni e arrossamenti, di solito in punti in cui l'attrito è inevitabile.

Ad esempio, nella zona della cintura. La fibrolipomatosi della pelle può verificarsi in tutti, indipendentemente dall'età o dal sesso, ma le persone in sovrappeso sono maggiormente a rischio. Questa malattia si manifesta generalmente in luoghi quali: cervicale, cuoio capelluto, zona lombare, petto, addome e gambe.

La fibrolipomatosi di solito cresce in una capsula, ma non è sempre possibile rilevarla, poiché le sue pareti a volte diventano troppo sottili e questo rende l'operazione un po 'difficile. Oltre alle manifestazioni sulla pelle, la malattia può anche verificarsi tra i fasci di muscoli.

In questo caso, il fibrolipoma esternamente non si manifesta. Può essere determinato solo dalle sensazioni. In questo caso, il paziente si lamenta di un sigillo locale nei muscoli. In questo tipo di fibrolipomatosi, la capsula è praticamente assente, per questo è estremamente difficile da rimuovere e il rischio di recidiva è molto alto.

Tipicamente, questi tumori non portano al paziente sensazioni sgradevoli o dolorose. La rimozione avviene solo per ragioni estetiche, perché tali tumori non sembrano i migliori.

Ma in rari casi, la fibrolipomatosi può diventare maligna, quindi devi essere estremamente vigile, e se trovi dei tumori sotto la pelle, dovresti immediatamente consultare un medico.

Fibrolipomatosi nel pancreas

In generale, una tale malattia come la fibrolipomatosi non è pericolosamente pericolosa per la salute del paziente se il trattamento viene avviato in tempo, quindi è necessario monitorare attentamente la propria salute, ascoltare i propri sentimenti e quindi si sarà in grado di sentire il pericolo se qualcosa va storto.

Dopotutto, non esiste un consulente migliore in materia di salute rispetto al proprio corpo. E la cosa migliore è condurre uno stile di vita sano, mangiare bene e nessuna malattia ti farà paura.

Fibrolipomatosi dei seni renali: di cosa si tratta e trattamento

Ora con molte patologie renali, i metodi strumentali per confermare una diagnosi, come l'imaging ecografico e la tomografia, sono i più affidabili. Offrono l'opportunità di valutare visivamente la morfologia degli organi di escrezione e la struttura dei loro tessuti funzionali. Spesso, i medici che danno conclusioni sulla base della ricerca condotta, mettono diagnosi specifiche che non corrispondono alla terminologia clinica. Una delle conclusioni più comuni dopo aver superato gli esami strumentali è "cambiamenti tissutali diffusi", che comprendono diversi concetti, tra cui la fibrolipomatosi renale. Che cosa significa questa opinione del medico e quanto è pericoloso un cambiamento diffuso nella struttura renale, leggi nell'articolo.

Cosa può causare cambiamenti tissutali?

La natura dei cambiamenti dei tessuti può essere espressa da un aumento dell'organo

Il concetto di linfolipomatosi è collettivo e significa che alcune metamorfosi si sono verificate nel tessuto renale non in una particolare area, ma in generale, che ha interessato il tessuto connettivo e il tessuto adiposo. Dal punto di vista del nefrologo clinico, questo termine non è una diagnosi, ma semplicemente la conferma che determinati processi si verificano nei reni, la cui presenza può confermare o confutare il verdetto medico iniziale.

I processi diffusi non sono un cambiamento definitivo nella struttura del tessuto renale. Questo concetto si applica a molti stati del tessuto trovati sugli ultrasuoni. La natura dei cambiamenti dei tessuti può essere espressa dalle seguenti condizioni:

  • aumento della dimensione dell'organo escretore;
  • un ispessimento dello strato funzionale sullo sfondo della pelvi non aumentata;
  • deterioramento uniforme della struttura dei seni o delle piramidi renali;
  • compattazione del tessuto, accompagnata da una diminuzione del volume dell'organo.

A seconda della percezione visiva dei cambiamenti sullo schermo durante lo studio, sono chiari e non molto chiari, deboli, forti o moderatamente pronunciati. Ad esempio, i cambiamenti diffusi nei seni o nel parenchima nel suo insieme, espressi come un aumento del rene con il suo ispessimento, possono essere una conseguenza della nefrolitiasi progressiva (ICD) o di certe patologie vascolari renali.

Reni alterati diffusi inducono il paziente a sospettare la presenza di un certo numero di malattie, come ad esempio:

  • urolitiasi;
  • idronefrosi (idrolizzato renale);
  • violazione del processo di riassorbimento di alcuni sali;
  • violazione del tessuto trofico del corpo a causa di insufficiente circolazione del sangue;
  • deposizione nel parenchima di complessi immunitari e proteici patologici;
  • trombosi o vene varicose della vena renale.

Come puoi vedere, le variazioni diffuse possono essere rilevate in molte patologie. Al fine di effettuare correttamente una diagnosi accurata, la conclusione sugli organi di escrezione ampiamente modificati non è sufficiente. Tuttavia, il fatto che ci siano cambiamenti nella struttura tissutale renale a volte aiuta a identificare la malattia in assenza di sintomi e inizia il suo trattamento nelle fasi iniziali.

È importante! Molte patologie renali, comprese quelle gravi, si presentano inizialmente in modo latente, cioè senza sintomi gravi. Solo a causa dei moderni metodi di diagnosi sono spesso in grado di essere identificati nel tempo e non è possibile svilupparli ulteriormente.

Cambiamenti diffusi nel tessuto funzionale

Il parenchima diffuso degli organi escretori si trova spesso nei bambini dei primi tre anni di vita.

Il parenchima diffuso degli organi escretori si trova spesso nei bambini dei primi tre anni di vita. Tuttavia, questo non dovrebbe essere allarmante, poiché durante questo periodo si verifica la formazione finale di tessuti renali e questo stato nella stragrande maggioranza dei casi è transitorio. Negli adulti, tali cambiamenti nella struttura dei tessuti funzionali possono verificarsi senza la presenza di eventuali patologie renali pronunciate. La fibrolipomatosi può essere provocata da:

  • alimentazione eccessiva (obesità);
  • cambiamenti di età;
  • diabete e altre malattie in cui i processi metabolici sono disturbati;
  • fumo a lungo termine e abuso di alcool (intossicazione cronica);
  • problemi intestinali.

I cambiamenti diffusi che si verificano nel parenchima renale, nel tempo possono portare a tali manifestazioni esterne, indicando una leggera o moderata disfunzione degli organi di escrezione:

  • aumento della pressione sanguigna;
  • gonfiore del tessuto sottocutaneo;
  • dolore fastidioso nella zona renale (parte bassa della schiena);
  • aspetto nelle urine di eritrociti e leucociti.

Quando si trova l'ecografia, oltre ai segni di fibrolipomatosi, un aumento delle dimensioni degli organi, il loro ispessimento e asimmetria.

Fibrolipomatosi dei seni renali

I cambiamenti nella struttura dei seni renali situati all'ingresso degli organi di secrezione vascolare (peduncolo vascolare) sono il risultato di diverse patologie renali

I cambiamenti nella struttura dei seni renali situati all'ingresso degli organi di secrezione vascolare (peduncolo vascolare) sono il risultato di diverse patologie renali. I sigilli in questa formazione anatomica si verificano in tali malattie e condizioni:

  • compattazione aterosclerotica dei vasi entranti e intrarenali;
  • formazione di pietre nel bacino dell'organo associato;
  • modificazioni del tessuto intervascolare dei seni a causa di infiammazioni o anomalie dello sviluppo;
  • seno policistico;
  • un aumento della densità del bacino con pielite pigra prolungata e pielonefrite;
  • pressione sul tessuto della parete allungata dei seni del bacino con idronefrosi.

Spesso la fibrolipomatosi nei seni provoca infiammazione del peduncolo vascolare dell'organo (pedunculite), che si verifica con l'aumento della pressione nei vasi renali e nei loro sigilli sclerotiche. Ci sono cambiamenti diffusi nei tessuti dei seni renali con edema cutaneo, ipertensione e moderato mal di schiena dal rene interessato. Il dolore nelle lesioni diffuse dei seni degli organi di scarico assomiglia a quelli della radicolite.

trattamento

Dato che la fibrolipomatosi e altri cambiamenti diffusi nei tessuti renali non sono una diagnosi clinica indipendente, ma indicano solo la presenza di problemi con la salute dell'organo associato, non è necessario parlare di un singolo regime terapeutico. Quando viene rilevato un cambiamento diffuso durante uno studio, viene eseguito un complesso di ulteriori misure diagnostiche al fine di identificare la patologia di base che ha portato a compromissione della struttura renale.

Se viene diagnosticata la nefrite causata da ipertensione, vengono prescritti farmaci ipotensivi e cardiaci. Nella diagnosi di glomerulonefrite diffusa è prescritta una terapia antinfiammatoria e immunosoppressiva. Quando la pielonefrite prescriveva agenti antimicrobici e FANS. Se il deflusso dell'urina è disturbato e l'idropisia si sviluppa nel rene, a seguito della quale i seni vengono compressi, viene mostrato il recupero dell'urina dalla pelvi, che si verifica prevalentemente per via chirurgica.

Va tenuto presente che le violazioni della struttura dei tessuti renali non sono una diagnosi clinica, pertanto l'approccio al trattamento in questo caso non può essere standard. Un'auto-medicazione particolarmente inaccettabile, la base per cui può essere l'incompetente consiglio e guida di qualcuno.

Cause della fibrosi renale e possibilità del suo trattamento

La fibrosi retroperitoneale è un processo infiammatorio cronico nel tessuto fibro-adiposo dello spazio retroperitoneale. Questa condizione provoca danni renali, ostruzione degli ureteri e malattie degli organi pelvici. La patologia viene più spesso diagnosticata negli uomini di età compresa tra 30 e 60 anni, i pazienti lamentano dolori alla zona lombare e all'inguine, aumento della pressione sanguigna e problemi di minzione. Nel 30% dei pazienti è palpabile una formazione simile a un tumore nella regione pelvica. Come si manifesta la fibrosi renale, che cos'è e quali complicazioni possono svilupparsi, il nefrologo spiega in dettaglio.

Quadro clinico

La luminosità dei sintomi dipende dallo stadio della malattia e dal tasso di diffusione del processo patologico.

Nella maggior parte dei casi, i primi segni della malattia compaiono dopo 2 mesi dall'inizio della proliferazione del tessuto connettivo, ma a volte la malattia progredisce nell'arco di 2-10 anni.

Negli stadi iniziali della fibrosi renale provoca dolore sordo, implicito nella parte bassa della schiena. Il disagio è sempre presente, spesso il dolore "spara" nell'inguine, i genitali, nella superficie interna della coscia. I pazienti riportano un aumento della pressione sanguigna, debolezza generale, rapida perdita di efficienza. Il dolore è uno o due lati. Circa un terzo dei pazienti mostra tumori nell'addome, poiché sono facilmente palpabili.

Mentre la malattia progredisce, gli ureteri, l'aorta e la vena cava inferiore vengono compressi. Il volume di urina escreta diminuisce o completa l'anuria si verifica con sintomi di intossicazione generale dell'organismo. La violazione del processo urinario provoca infiammazione del rene (pielonefrite), lesione della pelvi (idronefrosi), formazione di calcoli e insufficienza renale cronica.

Se viene colpito solo un rene, il secondo compensa il lavoro dell'organo colpito.

Inoltre, i pazienti lamentano sintomi di ipertensione: edema degli arti inferiori, mal di testa, visione offuscata e udito, nausea. Gli indicatori di pressione sanguigna aumentano a causa di un aumento del volume di sangue circolante, che i reni non possono filtrare. Un gonfiore appare sul viso, più spesso sotto gli occhi, sulle mani e sui piedi. Quando si preme sulla pelle rimane un'ammaccatura evidente dalle dita.

Sintomi di uremia nella fibrosi renale:

  • nausea, vomito;
  • capogiri, confusione;
  • pelle secca e pruriginosa;
  • odore di ammoniaca dalla bocca;
  • convulsioni;
  • disturbi mestruali nelle donne;
  • impotenza, oligospermia negli uomini.

Con lo sviluppo della pielonefrite, l'aumento della temperatura corporea, l'urolitiasi (calcoli) può causare coliche renali, ematuria (sangue nelle urine). L'Uremia porta alla stagnazione del sangue, sullo sfondo del quale si sviluppa l'edema polmonare, la microflora e la funzione intestinale sono disturbate.

La fibrolipomatosi dei reni è caratterizzata da ipertensione venosa - la causa del suo sviluppo è la compressione della neoplasia fibrosa della vena cava inferiore. I pazienti sviluppano sintomi di vene varicose degli arti inferiori, varicocele.

Cause della malattia

Gli scienziati non sono stati in grado di comprendere appieno l'eziologia della fibrosi renale, ma emettono un complesso di fattori provocatori che possono causare patologia:

  • malattia epatica cronica;
  • lesioni addominali meccaniche;
  • avvelenamento con sostanze tossiche, droghe;
  • malattie del tubo digerente;
  • infezioni del sistema genito-urinario;
  • tubercolosi spinale;
  • malattie autoimmuni;
  • radioterapia e chemioterapia;
  • tumori;
  • assunzione a lungo termine o incontrollata di preparazioni di ergotamina, Metisergida.

È possibile determinare con precisione la causa della fibrosi renale in soli 2/3 dei pazienti, in altri casi la malattia è riconosciuta come idiopatica.

patogenesi

Il processo patologico di indurimento inizia a svilupparsi dalla periferia, è localizzato nel tessuto adiposo retroperitoneale, che si trova intorno ai vasi iliaci al posto della loro intersezione con l'uretere. Come la progressione della lipomatosi raggiunge il cancello del rene. In primo luogo, un organo è interessato, quindi un tumore fibroso può diffondersi al secondo (30%).

Durante il periodo attivo della malattia, l'uretere viene schiacciato, l'escrezione urinaria diventa difficile. Il processo è complicato dall'infiammazione del parenchima renale, dalla lesione della pelvi, dai seni paranasali, dall'insufficienza renale cronica e dall'atrofia graduale dell'organo urinario. La compressione del tessuto adiposo nel colon può causare ostruzione intestinale.

La fibrolipomatosi dei seni renali (pedunculite) si sviluppa con cambiamenti sclerotici nella fibra del portale del rene e lungo il peduncolo vascolare. Ci sono dei reflussi patologici, cioè l'urina viene gettata nel tessuto interstiziale, penetra nelle vene e nei vasi linfatici che drenano il rene.

Quando la fibrosi si diffonde alla vena cava e alle arterie che forniscono gli organi pelvici, si sviluppa trombosi, che possono portare a ischemia, causare intenso dolore pelvico, oliguria, anuria e un aumento della concentrazione di urea nel sangue. I sintomi non permanenti comprendono un cambiamento nel colore della pelle del paziente fino a ittero, gonfiore delle gambe e disturbi dispepsia. Con l'occlusione completa della nave è fatale.

Esame diagnostico

Nelle prime fasi della fibrosi possono manifestarsi debolmente, i cambiamenti caratteristici osservati nello studio della composizione delle urine, si trova nelle proteine. Un esame del sangue rivela un aumento dei livelli di ESR e α-globulina. Con l'uremia e l'insufficienza renale nel sangue, si nota un'alta concentrazione di urea, la creatinina.

Per valutare le condizioni dei reni, vengono eseguiti i loro canali escretori, i raggi X, l'urografia escretoria, gli ultrasuoni, la tomografia computerizzata. L'ecografia dei vasi iliaci con contrasto conferma l'espansione del lume renale, l'ostruzione dell'uretere.

Poiché la causa principale della fibrosi può essere una malattia cronica di altri organi interni, è necessario condurre un ulteriore esame e verificare se le loro funzioni principali non sono compromesse. Un metodo diagnostico altamente informativo è l'esame laparoscopico della cavità addominale e la biopsia della regione lombare. Quando si esegue l'esame istologico della biopsia ottenuta si rivela un gran numero di cellule di fibrina nel tessuto adiposo.

Il fibroma del rene si differenzia con il cancro, la tubercolosi del sistema urinario, le cisti pancreatiche con localizzazione atipica.

Metodi di trattamento

La terapia farmacologica è prescritta nelle fasi iniziali della malattia, quando non ci sono sintomi di compressione dell'uretere, dell'intestino o dei vasi sanguigni. I pazienti sono consigliati farmaci anti-infiammatori non steroidei, glucocorticoidi, immunosoppressori. Se necessario, trattamento sintomatico con antibiotici, antipiretici, antipertensivi compresse.

Nella fase attiva, non è pratico trattare la fibrosi con i farmaci, si consiglia ai pazienti di sottoporsi a un intervento chirurgico.

Il medico asporta il tessuto adiposo sclerosato, che consente di aumentare il lume di un organo schiacciato (ureterolisi). A volte, per ripristinare un flusso normale di urina o sangue, sono necessari interventi di chirurgia plastica e di inserimento dello stent. Se c'è un'ostruzione di entrambi gli ureteri e non c'è modo di ripristinare il passaggio delle urine, imporre il nefrostoma (foro artificiale) che va alla parete frontale della cavità addominale.

Quando il fibroma renale distrugge completamente l'organo, si manifesta la sua atrofia e rugosità, è indicata una nefrectomia parziale o completa. Tale operazione viene eseguita solo se il secondo rene funziona normalmente. In caso di più stenosi, nella fase grave dell'idronefrosi, l'uretere viene sostituito da un segmento intestinale.

Fibrosi renale

Recentemente, le malattie del sistema urinario hanno colpito sempre più la popolazione, in particolare le persone sono interessate al problema della fibrosi renale, di cosa si tratta e quali conseguenze può avere questa malattia. Per affrontarlo in modo più dettagliato, è necessario conoscere le principali cause e sintomi della patologia, nonché i metodi diagnostici e le terapie utilizzate dagli specialisti per trattare questa malattia.

Cause della fibrosi renale

In modo affidabile, nessuno specialista può dire quali sono le cause dello sviluppo di questa malattia. Tuttavia, ci sono diverse teorie che descrivono alcuni dei meccanismi per l'attivazione dei processi necrotici in questo caso.

Questi includono:

  • malattie infiammatorie dei reni, che si trovano in una condizione cronica;
  • malattie del sistema riproduttivo umano, che possono essere suddivisi in cambiamenti batterici e infiammatori;
  • patologia nel sistema cardiovascolare del paziente;
  • malattie infettive di eziologia virale.

La fibrosi renale può anche svilupparsi a seguito di lesioni nella tubercolosi, tumori maligni, malattie del fegato e del pancreas.

Questa malattia può essere divisa in forma primaria e secondaria. Quest'ultima forma è strettamente associata ai processi immunitari nel corpo umano e può anche svilupparsi in presenza di malattie di vari organi e sistemi in forme croniche.

È importante ricordare che l'unico modo per ridurre il rischio di questa patologia è limitare le cause principali del suo sviluppo. Ma se questo non può essere evitato, è necessario conoscere i principali segni di fibrosi al fine di diagnosticare in tempo.

Sintomi e conseguenze della patologia

La fibrosi del rene è pericolosa perché nelle prime fasi della malattia non si manifesta in realtà. Ciò contribuisce allo sviluppo di segni e complicanze pericolosi di questa malattia.

Questi includono la violazione delle funzioni sessuali ed escretorie, in cui l'urina è in grado di smettere di uscire completamente. In alcuni casi, l'urina viene allocata con additivi di elementi patologici, tra i quali si trovano più spesso le proteine ​​e le cellule del sangue.

È interessante notare che la fibrosi può causare molte complicazioni di diversa gravità. Uno di questi è il fibroma renale. Questo è un tumore benigno, che è caratterizzato da crescita lenta e danno graduale. Si sviluppa come conseguenza del danneggiamento delle strutture cellulari dei reni.

Non meno pericolosa conseguenza della fibrosi può essere definita fibrolipomatosi renale. Questa malattia è caratterizzata da un aumento dell'ecogenicità dell'organo in relazione alla crescita del tessuto adiposo. L'aspetto della fibrolipomatosi dei seni renali non è un problema per la medicina moderna. Tuttavia, questa patologia richiede la tempestività della terapia.

La conoscenza dei sintomi della fibrosi renale consentirà di individuarlo nelle fasi iniziali. Ciò consentirà agli specialisti di iniziare presto la scelta delle tattiche di trattamento e della sua applicazione.

Diagnosi, trattamento e prevenzione della malattia

Uno dei primi metodi diagnostici è un esame soggettivo degli organi pelvici e della cavità addominale. Durante questo, uno specialista può notare un tumore, che è classificato come fibroma renale.

Inoltre, può utilizzare alcuni metodi di diagnostica strumentale e di laboratorio, tra i quali vale la pena evidenziare:

  • analisi biochimiche di sangue e urina;
  • esame ecografico degli organi addominali e del bacino;
  • tomografia computerizzata;
  • imaging a risonanza magnetica;
  • Diagnostica a raggi X;
  • test speciali per il rilevamento di determinati enzimi e componenti nel sangue o nelle urine.
Tra i metodi di trattamento della fibrosi renale è più spesso utilizzato:
  1. Trattamento conservativo
  2. Trattamento chirurgico

La strategia conservativa è efficace solo nei casi in cui il paziente ha confermato lo stato normale degli ureteri, delle strutture vascolari e degli organi addominali. Questa terapia ha lo scopo di prevenire il passaggio della patologia a strutture renali sane. Durante la terapia conservativa vengono utilizzati preparati ormonali e farmaci non steroidei. Questi includono Prednisolone e Celecoxib. Il loro uso deve essere accompagnato dal monitoraggio da parte del medico curante. Se questo metodo di trattamento non ha dato i risultati desiderati, è spostato dalle tattiche operative.

La terapia chirurgica è un trattamento radicale per la fibrosi renale. La sua essenza sta nel fatto che il medico durante l'intervento chirurgico rimuove le parti del corpo interessate per proteggere le strutture più sane. È anche possibile l'imposizione di nefrostomia, se gli ureteri si sovrappongono fortemente al tessuto connettivo dei reni. In questo caso, il paziente imposta un contenitore speciale che è in grado di prendere l'urina.

La fibrosi renale non è una malattia grave se diagnosticata nelle sue fasi iniziali. Pertanto, è necessario monitorare attentamente la propria salute e in presenza di qualsiasi sintomo consultare immediatamente un medico!

Qual è la fibrolipomatosi del seno renale?

Ora con molte patologie renali, i metodi strumentali per confermare una diagnosi, come l'imaging ecografico e la tomografia, sono i più affidabili. Offrono l'opportunità di valutare visivamente la morfologia degli organi di escrezione e la struttura dei loro tessuti funzionali. Spesso, i medici che danno conclusioni sulla base della ricerca condotta, mettono diagnosi specifiche che non corrispondono alla terminologia clinica. Una delle conclusioni più comuni dopo aver superato gli esami strumentali è "cambiamenti tissutali diffusi", che comprendono diversi concetti, tra cui la fibrolipomatosi renale. Che cosa significa questa opinione del medico e quanto è pericoloso un cambiamento diffuso nella struttura renale, leggi nell'articolo.

Cosa può causare cambiamenti tissutali?

Il concetto di linfolipomatosi è collettivo e significa che alcune metamorfosi si sono verificate nel tessuto renale non in una particolare area, ma in generale, che ha interessato il tessuto connettivo e il tessuto adiposo. Dal punto di vista del nefrologo clinico, questo termine non è una diagnosi, ma semplicemente la conferma che determinati processi si verificano nei reni, la cui presenza può confermare o confutare il verdetto medico iniziale.

I processi diffusi non sono un cambiamento definitivo nella struttura del tessuto renale. Questo concetto si applica a molti stati del tessuto trovati sugli ultrasuoni. La natura dei cambiamenti dei tessuti può essere espressa dalle seguenti condizioni:

  • aumento della dimensione dell'organo escretore;
  • un ispessimento dello strato funzionale sullo sfondo della pelvi non aumentata;
  • deterioramento uniforme della struttura dei seni o delle piramidi renali;
  • compattazione del tessuto, accompagnata da una diminuzione del volume dell'organo.

A seconda della percezione visiva dei cambiamenti sullo schermo durante lo studio, sono chiari e non molto chiari, deboli, forti o moderatamente pronunciati. Ad esempio, i cambiamenti diffusi nei seni o nel parenchima nel suo insieme, espressi come un aumento del rene con il suo ispessimento, possono essere una conseguenza della nefrolitiasi progressiva (ICD) o di certe patologie vascolari renali.

Reni alterati diffusi inducono il paziente a sospettare la presenza di un certo numero di malattie, come ad esempio:

  • urolitiasi;
  • idronefrosi (idrolizzato renale);
  • violazione del processo di riassorbimento di alcuni sali;
  • violazione del tessuto trofico del corpo a causa di insufficiente circolazione del sangue;
  • deposizione nel parenchima di complessi immunitari e proteici patologici;
  • trombosi o vene varicose della vena renale.

Come puoi vedere, le variazioni diffuse possono essere rilevate in molte patologie. Al fine di effettuare correttamente una diagnosi accurata, la conclusione sugli organi di escrezione ampiamente modificati non è sufficiente. Tuttavia, il fatto che ci siano cambiamenti nella struttura tissutale renale a volte aiuta a identificare la malattia in assenza di sintomi e inizia il suo trattamento nelle fasi iniziali.

È importante! Molte patologie renali, comprese quelle gravi, si presentano inizialmente in modo latente, cioè senza sintomi gravi. Solo a causa dei moderni metodi di diagnosi sono spesso in grado di essere identificati nel tempo e non è possibile svilupparli ulteriormente.

Cambiamenti diffusi nel tessuto funzionale

Il parenchima diffuso degli organi escretori si trova spesso nei bambini dei primi tre anni di vita. Tuttavia, questo non dovrebbe essere allarmante, poiché durante questo periodo si verifica la formazione finale di tessuti renali e questo stato nella stragrande maggioranza dei casi è transitorio. Negli adulti, tali cambiamenti nella struttura dei tessuti funzionali possono verificarsi senza la presenza di eventuali patologie renali pronunciate. La fibrolipomatosi può essere provocata da:

  • alimentazione eccessiva (obesità);
  • cambiamenti di età;
  • diabete e altre malattie in cui i processi metabolici sono disturbati;
  • fumo a lungo termine e abuso di alcool (intossicazione cronica);
  • problemi intestinali.

I cambiamenti diffusi che si verificano nel parenchima renale, nel tempo possono portare a tali manifestazioni esterne, indicando una leggera o moderata disfunzione degli organi di escrezione:

  • aumento della pressione sanguigna;
  • gonfiore del tessuto sottocutaneo;
  • dolore fastidioso nella zona renale (parte bassa della schiena);
  • aspetto nelle urine di eritrociti e leucociti.

Quando si trova l'ecografia, oltre ai segni di fibrolipomatosi, un aumento delle dimensioni degli organi, il loro ispessimento e asimmetria.

Fibrolipomatosi dei seni renali

I cambiamenti nella struttura dei seni renali situati all'ingresso degli organi di secrezione vascolare (peduncolo vascolare) sono il risultato di diverse patologie renali. I sigilli in questa formazione anatomica si verificano in tali malattie e condizioni:

  • compattazione aterosclerotica dei vasi entranti e intrarenali;
  • formazione di pietre nel bacino dell'organo associato;
  • modificazioni del tessuto intervascolare dei seni a causa di infiammazioni o anomalie dello sviluppo;
  • seno policistico;
  • un aumento della densità del bacino con pielite pigra prolungata e pielonefrite;
  • pressione sul tessuto della parete allungata dei seni del bacino con idronefrosi.

Spesso la fibrolipomatosi nei seni provoca infiammazione del peduncolo vascolare dell'organo (pedunculite), che si verifica con l'aumento della pressione nei vasi renali e nei loro sigilli sclerotiche. Ci sono cambiamenti diffusi nei tessuti dei seni renali con edema cutaneo, ipertensione e moderato mal di schiena dal rene interessato. Il dolore nelle lesioni diffuse dei seni degli organi di scarico assomiglia a quelli della radicolite.

trattamento

Dato che la fibrolipomatosi e altri cambiamenti diffusi nei tessuti renali non sono una diagnosi clinica indipendente, ma indicano solo la presenza di problemi con la salute dell'organo associato, non è necessario parlare di un singolo regime terapeutico. Quando viene rilevato un cambiamento diffuso durante uno studio, viene eseguito un complesso di ulteriori misure diagnostiche al fine di identificare la patologia di base che ha portato a compromissione della struttura renale.

Se viene diagnosticata la nefrite causata da ipertensione, vengono prescritti farmaci ipotensivi e cardiaci. Nella diagnosi di glomerulonefrite diffusa è prescritta una terapia antinfiammatoria e immunosoppressiva. Quando la pielonefrite prescriveva agenti antimicrobici e FANS. Se il deflusso dell'urina è disturbato e l'idropisia si sviluppa nel rene, a seguito della quale i seni vengono compressi, viene mostrato il recupero dell'urina dalla pelvi, che si verifica prevalentemente per via chirurgica.

Va tenuto presente che le violazioni della struttura dei tessuti renali non sono una diagnosi clinica, pertanto l'approccio al trattamento in questo caso non può essere standard. Un'auto-medicazione particolarmente inaccettabile, la base per cui può essere l'incompetente consiglio e guida di qualcuno.

Fibrosi renale: cause, sintomi e disturbi dei pazienti

La fibrosi renale è un'eccessiva formazione di tessuto connettivo nei reni in assenza di sintomi della loro rigenerazione.

Spesso questa patologia è combinata con qualsiasi processo autoimmune nel corpo. Di regola la proliferazione del tessuto connettivo colpisce non solo i reni, ma anche altri organi, per esempio il pancreas, l'intestino. La malattia colpisce inizialmente solo un rene. Ma successivamente, l'altro è sorprendente. Questa patologia si verifica in un terzo dei pazienti. Gli organi che hanno sofferto di fibrosi si stanno riducendo con il tessuto pelvico che è notevolmente ingrandito. E la struttura interna del rene interessato è completamente distrutta. Inoltre, anche i canali urinari sono colpiti, il loro lume si riduce, le pareti si addensano. Anche i vasi sanguigni del rene sono colpiti.

Con lo sviluppo della fibrosi, una grande quantità di tessuto connettivo si forma intorno ai reni. A volte questo processo viene osservato con l'uso prolungato di farmaci per l'emicrania o per il trattamento dell'ipertensione.

Questo è importante!

La lesione primaria, di regola, si forma in un punto fisso - questa è la capsula esterna, che contiene il rene stesso e la sua capsula grassa. Inoltre, la fonte di lesioni primarie sono strutture retroperitoneali o vasi sanguigni che forniscono sangue al rene.

Si ritiene che la fibrosi inizi a svilupparsi a causa di una reazione allergica, alcuni segni indicano un'origine autoimmune della malattia. Neoplasie maligne, l'effetto sul corpo umano dei farmaci chemioterapici. L'irradiazione, così come la tubercolosi nella colonna vertebrale possono anche fungere da fattore eziologico nella manifestazione della fibrosi renale.

Oltre a tutte le precedenti ragioni, trauma, varie irritazioni meccaniche, avvelenamento cronico del corpo e lesioni infettive croniche contribuiscono allo sviluppo della fibrosi.

A causa della varietà delle cause della fibrosi, la malattia è classificata in forme primarie e secondarie. La fibrosi primaria è associata a lesioni autoimmuni e a fibrosi secondaria - con varie malattie e condizioni patologiche del corpo umano.

Come si manifesta questa patologia

I sintomi della fibrosi renale possono essere abbastanza diversi. Il paziente lamenta sensazioni di dolore nella parte bassa della schiena, a volte il dolore si irradia nella zona inguinale. Inoltre, il paziente può soffrire di liquidi in eccesso nel corpo. A causa di una violazione del flusso sanguigno, le braccia o le gambe di una persona possono essere tolte per un po ', l'andatura cambia e, a volte, le gambe diventano piuttosto gonfie.

Se la malattia ha un impatto sul plesso nervoso, il paziente cessa di percepire normalmente la temperatura dell'ambiente. Inoltre, lo scarico delle urine è accompagnato da dolore e nel tempo, segni di insufficienza renale. Allo stesso tempo, una persona diventa molto debole, perde l'appetito e non può lavorare in modo produttivo, i suoi processi digestivi sono disturbati.

Il grado di sviluppo della malattia è spiegato dalla relazione tra la degradazione del collagene e la sua sintesi. La reversibilità dei processi patologici, cioè la scomparsa del tessuto connettivo formato, dipende dalle capacità dei macrofagi che assorbono il collagene. E anche sulla composizione chimica della sostanza principale.

Nei fuochi della formazione di fibrosi si distinguono i siti passivi e attivi del tessuto connettivo. I siti attivi sono arricchiti con elementi cellulari e appaiono nei fuochi della fibrosi attiva a causa della comparsa di fibroblasti nel tessuto connettivo. Le aree passive diventano il risultato del collasso nei foci necrotici del parenchima renale e contengono un piccolo numero di cellule.

Questo è importante!

Quindi, i principali sintomi della fibrosi renale comprendono: dolore lombare, dolore nella zona inguinale, escrezione ritardata del fluido dal corpo, alterata circolazione sanguigna delle gambe e gonfiore, intorpidimento delle gambe, zoppia occasionale, dolore durante la minzione, mancanza di appetito, stitichezza, pigrizia e apatia.

Implementazione di misure diagnostiche

Nel 30% dei casi di malattia nei pazienti, il medico può sentire un consolidamento del tipo di tumore nella pelvi o nell'addome.

I test di laboratorio sul sangue indicano la presenza di anemia, una moderata concentrazione di leucociti e un'accelerazione della sedimentazione degli eritrociti. Nelle urine quando viene rilevata la proteina. Con un decorso prolungato della malattia aumenta la concentrazione di corpi di xantoproteine, acido urico e creatinina.

L'esame a raggi X dello sviluppo della fibrosi nel rene mostrerà violazioni negli ureteri - gli ureteri possono assumere una forma tortuosa, restringersi o espandersi, cambiarne la posizione in relazione alla colonna vertebrale. Con la fibrosi, la pelvi del rene interessato si espande.

Per identificare la velocità di funzionamento dei reni si utilizzava l'angiografia dei reni o il loro esame con radionuclidi.

Condurre il processo di trattamento per la fibrosi

Durante il decorso acuto della fibrosi renale, al paziente vengono prescritti farmaci ormonali steroidei, nella forma cronica viene eseguita l'ureterolisi e l'attività dei processi di ostruzione è ridotta a causa di nefrostomia o attraverso l'installazione di stent.

Se c'è un sospetto sull'origine medica della malattia, è necessario interrompere immediatamente l'assunzione di farmaci. Per una terapia di successo, è necessario interrompere lo sviluppo di processi infettivi cronici negli organi dell'apparato urogenitale e digerente. Il trattamento della fibrosi renale nelle prime fasi con un alto dosaggio di corticosteroidi e farmaci resorzionali aiuta a fermare lo sviluppo della malattia.

Nelle fasi successive dello sviluppo della patologia, i metodi chirurgici di trattamento sono già in fase di implementazione, come ad esempio:

  1. L'ureterolisi è il processo di rilascio dell'uretere dal tessuto cicatriziale, che lo stringe.
  2. Nefrostomia - rimozione dell'urina dal rene a causa di un drenaggio speciale nel contenitore.
  3. Nefrectomia - rimozione degli ureteri e loro successiva sostituzione con tubi di plastica - tale tecnologia può essere utilizzata solo in caso di lesione unilaterale e se l'organo associato funziona normalmente.
  4. Sostituzione del segmento dell'uretere dell'intestino tenue.
  5. Creazione di una membrana artificiale vicino all'uretere.
  6. L'autotrapianto del rene è il processo di spostamento del rene nella zona ileale quando si esegue il reimpianto dei vasi e degli ureteri.

Dopo l'operazione, al paziente viene mostrato di ricevere grandi dosi di corticosteroidi al fine di prevenire la crescita del tessuto fibroso per due o tre mesi.

Questo è importante!

Nell'attuazione del trattamento conservativo e dopo l'intervento chirurgico, sarà necessario condurre un esame ecografico dei reni ogni sei mesi, per sottoporsi a un esame del sangue biochimico e test delle urine generali.

Se il medico ha prescritto farmaci idralazinici, inizialmente sarà necessario controllare le condizioni dei vasi sanguigni e quindi esaminare regolarmente i reni e i canali urinari, nonché interrompere l'assunzione del farmaco anche con il minimo disturbo del loro lavoro.

Fibrosi renale

La fibrosi renale è una patologia dell'organo che si sviluppa come conseguenza di malattie infettive e infiammatorie.

I reni stessi, così come gli organi del sistema urogenitale situati nelle immediate vicinanze, possono essere oggetto di danni. Il termine medico è fibrosi retroperitoneale o retroperitoneale, infiammazione cronica non specifica nei tessuti del peritoneo con progressione ai reni. La malattia è considerata difficile e rara: sebbene i primi riferimenti si riferiscano al 1948, una conoscenza dettagliata del problema è iniziata solo nel 1965 e gli esperti solo recentemente hanno preso in esame un caso di studio.

Classificazione e ragioni studiate

La fibrosi renale (fibrosi retroperitoneale, precedentemente chiamata malattia di Ormond) è una patologia poco conosciuta, raramente trovata. La condizione si sviluppa sullo sfondo di processi infiammatori infettivi che iniziano negli organi pelvici e quindi si diffondono ai reni. La malattia interrompe il loro funzionamento, portando a gravi conseguenze sotto forma di idronefrosi acuta e insufficienza renale.

I nostri lettori raccomandano

Il nostro lettore regolare si è liberato dei problemi renali con un metodo efficace. Ha controllato su se stessa - il risultato è al 100% - completo sollievo dal dolore e problemi con la minzione. Questo è un rimedio naturale alle erbe. Abbiamo controllato il metodo e abbiamo deciso di consigliarlo a te. Il risultato è veloce. METODO EFFICACE.

La classificazione distingue due forme della malattia:

  • Primaria (la cosiddetta fibrosi idiopatica) è una condizione che si sviluppa attraverso il lancio di meccanismi autoimmuni;
  • secondario - a causa di malattie che si manifestano sullo sfondo di infezioni infettive e processi infiammatori nel sistema urogenitale.

Nonostante gli studi sui fattori predisponenti della fibrosi renale siano stati condotti per cinque decenni, i medici non hanno ancora stabilito in modo affidabile le cause della malattia.

La scienza ha diverse teorie praticabili, una delle quali, infiammatoria, dice che da sola questa patologia non inizia a svilupparsi. La fibrosi è uno stadio naturale nella progressione dei processi infiammatori in focolai localizzati in vari organi del sistema urogenitale. L'elenco include:

  • pielonefrite (infezione del parenchima renale);
  • perinefrite (infiammazione del tessuto renale);
  • colpitis ed endometrite (malattie degli organi genitali femminili);
  • tubercolosi spinale;
  • colite, pancreatite e colecistite (infiammazione del tratto gastrointestinale).

La seconda teoria, traumatica, afferma che la fibrosi renale progredisce sullo sfondo del danno meccanico agli organi del peritoneo. Ci sono anche opinioni che la causa della malattia sono:

  • reazione autoimmune del corpo ai tessuti dei propri organi interni;
  • Processo di trattamento del cancro - radiazioni e chemioterapia dei tumori maligni.

Nonostante la mancanza di dati precisi sui meccanismi di sviluppo della patologia, i seguenti dati sono noti alla medicina:

  • la malattia si verifica 2 volte più spesso negli uomini, l'età media è 30-50 anni;
  • il processo di solito colpisce entrambi i reni (la lesione unilaterale si verifica in un terzo dei casi noti);
  • la fibrosi si sviluppa in 3 fasi: dapprima si verifica un'infiammazione focale dei tessuti degli organi nella cavità addominale, quindi le aree colpite vengono rigenerate nel tessuto connettivo, e quindi lo strato di fibre viene cambiato in prossimità dei reni, che si restringe e si restringe.

Uno strato compatto di tessuto fibroso interferisce con la funzione renale sana - filtrando l'urina e mandandola attraverso il tratto urinario per un'ulteriore eliminazione attraverso l'uretra. Il tessuto patologico inizialmente comprime gli ureteri e quindi i vasi sanguigni renali, il che porta a un'interruzione significativa del funzionamento degli organi umani.

Sintomi e diagnosi della malattia

Nella prima fase della fibrosi renale, le manifestazioni della malattia non sono praticamente percepite. L'unico sintomo è il dolore, moderato, noioso, dolente, localizzato nella regione lombare, che alla fine passa da solo. Solo nel secondo stadio, quando la capacità di filtrazione dei reni viene disturbata e il corpo inizia a soffrire di uremia (intossicazione da metaboliti azotati), compaiono i seguenti sintomi del problema:

  • sindrome del dolore - non troppo intensa, fino a quando gli ureteri non sono bloccati, il che porterà a colica renale dolorosa e acuta;
  • la pressione sanguigna persistentemente elevata, con il progredire della malattia, porta a un fallimento della funzione cerebrale;
  • gonfiore;
  • prurito (reazione cutanea);
  • sintomi di dispepsia;
  • perdita di appetito;
  • ammoniaca, sapore estremamente sgradevole in bocca e lo stesso odore dalla bocca;
  • aumento della temperatura con infiammazione infettiva concomitante;
  • intossicazione, debolezza espressa, sonnolenza, affaticamento, diminuzione della concentrazione;
  • nelle donne, la condizione di amenorrea (prolungata assenza di mestruazioni), negli uomini, oligospermia (bassa concentrazione di spermatozoi nel liquido seminale), impotenza.

Nelle fasi successive dello sviluppo, i problemi con il lavoro del sistema cardiovascolare e del tratto digestivo diventano segni di fibrosi renale:

  • edema polmonare;
  • congestione nei vasi sanguigni;
  • violazioni della secrezione di succo gastrico;
  • progressione delle lesioni ulcerative dello stomaco.

Poiché nei primi periodi di fibrosi renale non si manifesta con sintomi specifici, può essere rilevato solo durante gli esami di laboratorio - il più delle volte ciò avviene per caso, durante la diagnosi di altre condizioni simili nelle manifestazioni cliniche.

Per rilevare la fibrosi, i pazienti devono superare i seguenti test:

  • sangue e urina per la ricerca generale;
  • analisi del sangue per biochimica.

Quando viene rilevata evidenza di danno renale, i medici eseguono la diagnostica strumentale:

  • Ultrasuoni, TAC e RM per valutare lo stato degli organi interni, nonché considerare la diffusione della lesione e determinare il grado di danno tissutale;
  • urografia escretoria per controllare la salute dei reni e del sistema urinario nel suo complesso;
  • scintigrafia (lo studio delle immagini ottenute fissando la radiazione che viene emessa nel corpo degli isotopi radioattivi) - per valutare la salute dei reni.

Due direzioni terapeutiche principali

Gli effetti conservativi sulla fibrosi renale comprendono interventi medici minimi. Quando l'esacerbazione della malattia, i medici prescrivono un corso di steroidi ormonali per sopprimere l'infiammazione e il dolore. Durante la "cronaca" è un corso di trattamento delle infezioni nel sistema urogenitale. Se la malattia è stata rilevata nelle fasi iniziali, i pazienti possono ricevere un ciclo di trattamento con corticosteroidi (a dosaggio elevato) e farmaci riassorbibili.

L'intervento chirurgico nella proliferazione fibrosa del tessuto renale è usato più spesso. Mentre la patologia non si è ancora sviluppata, aiuta a trattarla:

  • l'ureterolisi è un'operazione durante la quale viene rimosso il tessuto fibroso, che si sovrappone all'uretere e ne provoca l'ostruzione;
  • La nefrostomia è una procedura chirurgica che consente di bypassare l'ostruzione delle vie urinarie e liberare il corpo dall'urina accumulata attraverso il drenaggio direttamente dai reni.

Gli ultimi stadi di sviluppo della lesione includono altri metodi terapeutici:

  • nefrectomia - asportazione dell'uretere danneggiato, seguita da trapianto di un tubo o segmento di plastica dell'intestino tenue in quest'area;
  • la procedura per l'implementazione del nuovo guscio intorno alla bocca dell'uretere;
  • autotrapianto renale - il movimento di un organo nell'area ileale con una nuova disposizione del tratto urinario che emerge da esso e alimenta i vasi sanguigni.

Viene anche utilizzata la terapia farmacologica dopo l'intervento chirurgico: un ciclo di corticosteroidi impedirà un ulteriore aumento della quantità di tessuto fibroso.

Dopo aver subito un trattamento chirurgico della fibrosi renale, il paziente dovrà abituarsi a visitare il medico per il resto della sua vita - ogni sei mesi si sottoporrà a urine e esami del sangue, oltre a sottoporsi a ecografia del sistema urinario. Questo è necessario per controllare la progressione della malattia.

La medicina tradizionale aiuta a trattare la fibrosi renale in una certa misura. Questo metodo prevede l'uso di impacchi da decotti di varie piante medicinali, grazie ai quali è possibile rimuovere la sindrome del dolore e rallentare leggermente lo sviluppo della malattia. Anche i metodi di terapia non tradizionali includono la dieta - rigorosa, con la limitazione di cibi affumicati, fritti, salati, acidi e piccanti. Con lo sviluppo della fibrosi e il funzionamento dei reni, il paziente deve consumare più liquidi durante il giorno. A causa di ciò, la circolazione delle urine sarà regolata e l'infiammazione infettiva non si diffonderà.

Prevenzione e il pericolo di complicazioni

Poiché i processi che portano alla degenerazione fibrosa dei tessuti degli organi della cavità addominale e quindi i reni non sono completamente compresi, i medici hanno difficoltà a rispondere chiaramente alla domanda su cosa sia la prevenzione della patologia. L'unica cosa che si sa con certezza è la necessità di un trattamento tempestivo delle malattie croniche, nonché il mantenimento di uno stile di vita sano per la protezione delle difese immunitarie. Visite periodiche al medico per monitorare lo stato di salute e iniziare il trattamento della malattia in modo tempestivo, se ancora manifestato, non saranno superflui.

Un'alternativa alle suddette misure è la recidiva della fibrosi, che interrompe il normale funzionamento dei reni, portando a compromissione acuta della rimozione delle urine dal corpo, malfunzionamento cronico dei reni e intossicazione del corpo con prodotti metabolici non escreti. Inoltre il non passare la ritenzione urinaria porta allo sviluppo di ipertensione arteriosa.

Poiché la formazione di tessuto fibroso alla fine provoca spremitura e restringimento del lume dei vasi sanguigni della metà inferiore del corpo, il paziente sta progredendo nelle vene varicose. Nelle gambe inizia prima il dolore, poi si formano ulcere trofiche non cicatrizzanti.

La fibrosi renale acuta causa un restringimento del lume dell'intestino crasso e dell'ostruzione intestinale, a causa della quale le feci accumulate provocano intossicazione intestinale. È proprio a causa delle conseguenze elencate quando si trascura la fibrosi renale, in alcuni casi si verificano morti.

È possibile sconfiggere la malattia renale grave!

Se i seguenti sintomi ti sono familiari di prima mano:

  • mal di schiena persistente;
  • difficoltà a urinare;
  • violazione della pressione sanguigna.

L'unico modo è un intervento chirurgico? Aspetta e non agire con metodi radicali. Cura la malattia è possibile! Segui il link e scopri come lo specialista consiglia il trattamento.