Pyelonephritis affilato

Test

La pielonefrite acuta è una lesione infiammatoria non specifica del tessuto interstiziale dei reni e del sistema pelvico renale. La clinica di pyelonephritis affilato è caratterizzata da febbre alta con brividi e sudorazione, mal di testa, mialgia, artralgiya, malessere generale, mal di schiena, cambiamenti in urina da leucocituria e piuria. La diagnosi di pyelonephritis affilato include l'esame microscopico e batteriologico di urina, l'ultrasuono dei reni; se necessario, urografia escretoria, studi di radioisotopi, tomografia. In pyelonephritis affilato, una dieta, molte bevande, antibiotici, nitrofurani, antispasmodici sono prescritti. Nella pielonefrite ostruttiva è indicata la nefrostomia; in caso di processi purulento-distruttivi, decapulazione renale o nefrectomia.

Pyelonephritis affilato

La pielonefrite acuta in urologia è la più comune malattia renale. La pielonefrite acuta si verifica spesso durante l'infanzia, quando il carico sui reni è molto intenso e il loro sviluppo morfo-funzionale è incompleto. Negli adulti, la pielonefrite acuta è più comune nelle donne di età inferiore ai 40 anni.

La pielonefrite acuta può essere primaria (non ostruttiva) e secondaria (ostruttiva). Pielonefrite primaria si verifica sullo sfondo del normale deflusso di urina dai reni; la pielonefrite secondaria è associata ad alterata pervietà delle vie urinarie superiori a causa della loro compressione o ostruzione esterna. Secondo la natura dei cambiamenti infiammatori, la pielonefrite acuta può essere di natura sierosa o purulenta-distruttiva (pielonefrite apostematica, ascesso o carbuncle renale). Nei casi gravi, la pielonefrite acuta può essere complicata da papillite necrotizzante - necrosi papillare. La pielonefrite acuta può coinvolgere uno o entrambi i reni.

Cause di pyelonephritis affilato

La pielonefrite acuta si sviluppa quando la penetrazione endogena o esogena di microrganismi patogeni nel rene. Più spesso, la pielonefrite acuta è causata da Escherichia coli (nel 50% dei casi), noi laviamo, Pseudomonas aeruginosa, meno spesso da stafilococchi o streptococchi.

Nella pielonefrite acuta primaria, un'infezione può entrare nel rene ematogena dall'infiammazione primaria degli organi urinari (con annessite, cistite, prostatite, ecc.) O da organi distanti (con tonsillite, carie, sinusite, foruncolosi, bronchite, colecistite, ecc.). ).. Meno comunemente, l'infezione si verifica lungo il meccanismo ascendente, lungo la parete o il lume dell'uretere (con reflusso vescico-ureterale).

La pielonefrite acuta secondaria è associata a passaggio alterato di urina sullo sfondo delle stenosi ureterali, ostruzione dell'uretere con una pietra, stenosi e valvole uretrali, adenoma prostatico, cancro alla prostata, fimosi, vescica neurogena. I punti predisponenti allo sviluppo della pielonefrite acuta sono ipotermia, disidratazione, carenze vitaminiche, superlavoro, infezioni respiratorie, gravidanza e diabete.

L'infiammazione nella pielonefrite acuta è associata non solo all'invasione microbica, ma anche al contenuto della pelvi che penetra nel tessuto interstiziale, che è causato dal flusso inverso dell'urina, cioè con reflusso fornico. I reni con pyelonephritis affilato sono a sangue pieno, piuttosto allargato. La mucosa della pelvi renale è gonfia, infiammata, ulcerata; nella pelvi può esserci essudato infiammatorio. In futuro, nel cervello e nello strato corticale del rene possono formarsi numerosi ascessi o ascessi; Talvolta si nota una fusione purulenta-distruttiva del parenchima renale.

Fasi di pyelonephritis affilato

Le fasi della pielonefrite acuta corrispondono ai cambiamenti morfologici che si verificano nel rene.

La fase iniziale dell'infiammazione sierosa è caratterizzata da un aumento e tensione del rene, edema del tessuto renale e infiltrazione perivascolare del tessuto interstiziale. Con trattamento tempestivo appropriato, questo stadio di pyelonephritis affilato subisce lo sviluppo inverso; altrimenti, entra in uno stadio di infiammazione purulento-distruttiva.

Nella fase di pyelonephritis purulento affilato, le fasi di pyelonephritis apostematico, carbonchio e ascesso di rene sono isolate. Apostematozny (pustolosa) pyelonephritis si verifica con la formazione nello strato corticale del rene di più piccole pustole con una dimensione di 1-2 mm. Nel caso della fusione di pustole, si può formare un focolaio suppurativo locale - un carbonchio del rene, che non ha la tendenza alla formazione progressiva di ascessi. I carbonchi hanno una dimensione da 0,3 a 2 cm, possono essere singoli o multipli. Quando si forma la fusione purulenta del parenchima nei fuochi della fusione degli ascessi o dell'ascesso renale del carbuncolo. Il pericolo di un ascesso renale è la possibilità di svuotare l'ascesso formato nella fibra perirenale con lo sviluppo di paranfrite purulenta o flemmone retroperitoneale.

Con un esito favorevole della pielonefrite acuta, i fuochi infiltrativi si dissolvono gradualmente, sostituendosi al tessuto connettivo, che è accompagnato dalla formazione di contrazioni cicatriziali sulla superficie del rene. Le cicatrici inizialmente hanno un rosso scuro, poi - bianco e grigio e una forma a forma di cuneo, che raggiunge il bacino sulla fessura.

Sintomi di pyelonephritis affilato

Il decorso della pielonefrite acuta è caratterizzato da sintomi e segni locali di un processo di infezione generale pronunciato, che differiscono a seconda dello stadio e della forma della malattia. La pielonefrite sierosa è più rilassata; quando pyelonephritis purulento sviluppa manifestazioni cliniche pronunciate. Nella pielonefrite acuta non ostruttiva, predominano i sintomi comuni dell'infezione; con pyelonephritis che fa dell'ostruzionismo - sintomi locali.

La clinica di pyelonephritis affilato non-ostruttivo si sviluppa con velocità di lampo (da parecchie ore a un giorno). Appare malessere, debolezza, brividi mozzafiato con un aumento significativo della temperatura fino a 39-40 ° C, sudorazione profusa. Mal di testa, tachicardia, artralgia, mialgia, nausea, stitichezza o diarrea, la flatulenza peggiora significativamente.

Tra i sintomi locali della pielonefrite acuta, vi è dolore nella parte bassa della schiena, che si diffonde lungo l'uretere alla coscia e talvolta all'addome e alla schiena. Dalla natura del dolore può essere costante noioso o intenso. Di solito l'orinazione non è compromessa; la diuresi diurna è ridotta a causa dell'eccessiva perdita di liquidi dal sudore. I pazienti possono prestare attenzione alla torbidità delle urine e al loro odore insolito.

La pielonefrite acuta secondaria causata dall'ostruzione delle vie urinarie, di solito si manifesta con colica renale. Al culmine di un attacco doloroso la febbre si manifesta con brividi, mal di testa, vomito, sete. Dopo una forte sudorazione, la temperatura viene ridotta in modo critico a numeri subnormali o normali, accompagnati da un miglioramento del benessere. Tuttavia, se il fattore di ostruzione delle vie urinarie non viene eliminato nelle prossime ore, si verificherà di nuovo l'attacco della colica e l'aumento della temperatura.

Le forme purulente di pielonefrite acuta si verificano con dolore lombare persistente, febbre di tipo febbrile, brividi e tensioni improvvise nei muscoli della parete addominale e nella regione lombare. Sullo sfondo di gravi intossicazioni, possono verificarsi confusione e delirio.

Diagnosi di pyelonephritis affilato

Nel processo di riconoscimento della pielonefrite acuta, i dati dell'esame obiettivo sono importanti. Alla palpazione della regione lombare e dell'ipocondrio vengono valutate le dimensioni del rene, la consistenza, la struttura superficiale, la mobilità e il dolore. Nella pielonefrite acuta, il rene di solito è ingrossato, i muscoli della vita e dell'addome sono tesi, il battito con il bordo del palmo lungo la costola XII è doloroso, il sintomo di Pasternack è positivo. Nella pielonefrite acuta negli uomini è necessario un esame rettale della prostata e la palpazione dello scroto, mentre nelle donne è necessario un esame vaginale.

Nelle urine con pielonefrite acuta, si nota una batteriuria totale, una proteinuria insignificante, una leucocituria con eritrocituria nelle lesioni secondarie. La coltura di urina batterica consente di determinare il tipo di agente patogeno e la sua sensibilità agli agenti antimicrobici. Le conte ematiche sono caratterizzate da anemia, leucocitosi, aumento della VES, granulosità dei neutrofili tossici.

L'ecografia dei reni nella pielonefrite acuta viene utilizzata non solo per la diagnosi, ma anche per il controllo dinamico del processo di trattamento. Il valore dei dati di ecografia è la capacità di visualizzare lesioni distruttive nel parenchima, lo stato del tessuto perirenale, identificare le cause di ostruzione delle vie urinarie superiori. Rilevamento accurato di lesioni distruttive, cause e livello di ostruzione nella pielonefrite purulenta acuta è possibile con una risonanza magnetica o TC dei reni.

In un esame urografico, l'attenzione è rivolta ad un aumento delle dimensioni dei reni, un'espulsione del contorno durante un ascesso o un carbonchio e la vaghezza del contorno del tessuto perirenale.

Con l'aiuto dell'urografia escretoria, viene determinata la restrizione della mobilità del rene durante la respirazione, che è un segno caratteristico della pielonefrite acuta. In caso di gravi condizioni del paziente o insufficienza renale, viene utilizzata pielouretrografia retrograda.

L'angiografia renale selettiva, la nephroscintigraphy del radionuclide per pyelonephritis acuto, pricipalmente è usata per chiarire la diagnosi come metodi ausiliari. La diagnosi differenziale di pyelonephritis affilato è effettuata con appendicite, colecistite, holangite, adneksit.

Trattamento di pyelonephritis affilato

Se viene rilevata pielonefrite acuta, il paziente viene ricoverato; il trattamento è effettuato sotto la supervisione di un nefrologo. Le tattiche terapeutiche per la pielonefrite acuta non ostruttiva e ostruttiva, la forma sierosa e quella purulenta-distruttiva sono diverse. Le misure generali comprendono la nomina di riposo a letto, bere abbondante (fino a 2-2,5 litri al giorno), una dieta di frutta e latte e una dieta proteica facilmente digeribile.

Nel caso della pielonefrite acuta primaria, inizia immediatamente la terapia patogenetica, che si basa su antibiotici attivi contro la flora gram-negativa - cefalosporine, aminoglicosidi, fluorochinoloni. Quando si seleziona un farmaco antimicrobico, vengono presi in considerazione anche i risultati dell'antibiogramma. Inoltre, vengono prescritti FANS, nitrofurani, immunocorrettori, terapia di disintossicazione, UFOC, fisioterapia (SMW-terapia, elettroforesi, UHF).

Quando rileva la pielonefrite acuta ostruttiva, la decompressione, il ripristino dell'urodinamica nel rene interessato, serve come misura primaria. A tale scopo, viene effettuata la cateterizzazione della pelvi renale con un catetere ureterale o uno stent catetere, in alcuni casi - imposizione di puntura di nefrostomia percutanea.

In presenza di focolai purulento-distruttivi, vengono utilizzati decapulazione renale e nefrostomia, con l'aiuto dei quali si ottiene una riduzione della pressione intrarenale, edema del tessuto interstiziale, espansione del lume dei vasi renali. All'atto di scoperta degli ascessi formati la loro apertura è fatta. Nel caso di una lesione totale del parenchima renale e dell'impossibilità di tattiche di conservazione degli organi, viene eseguita la nefrectomia.

Prognosi e prevenzione della pielonefrite acuta

La terapia tempestiva adeguata consente di raggiungere la cura della pielonefrite acuta nella maggior parte dei pazienti entro 2-3 settimane. In un terzo dei casi, si osserva la transizione della pielonefrite acuta alla forma cronica (pielonefrite cronica), seguita dall'indurimento del rene e dallo sviluppo di ipertensione arteriosa nefrogenica.

Tra le complicanze della pielonefrite acuta possono essere paranfrite, retroperitonite, urosepsi, insufficienza renale, shock batteriotossico, polmonite interstiziale, meningite. Grave complicanza settica peggiora la prognosi e spesso causa un esito fatale.

La prevenzione della pielonefrite acuta è la riabilitazione di focolai di infiammazione cronica, che può servire come fonte di potenziale trasporto ematogeno di patogeni ai reni; eliminazione delle cause di possibile ostruzione delle vie urinarie; igiene degli organi urinari per prevenire la diffusione verso l'alto dell'infezione; rispetto delle condizioni di asepsi e antisepsi durante le manipolazioni urologiche.

Pyelonephritis - sintomi e trattamento

La pielonefrite è un'infiammazione dei reni che si presenta in forma acuta o cronica. La malattia è abbastanza diffusa e molto pericolosa per la salute. I sintomi della pielonefrite comprendono dolore nella regione lombare, febbre, gravi condizioni generali e brividi. Si verifica più spesso dopo l'ipotermia.

Può essere primario, cioè si sviluppa in reni sani, o secondario, quando la malattia si verifica sullo sfondo di malattie renali già esistenti (glomerulonefrite, urolitiasi, ecc.). Anche distinguere pyelonephritis affilato e cronico. I sintomi e il trattamento dipenderanno direttamente dalla forma della malattia.

Questa è la più comune malattia renale in tutte le fasce d'età. Molto spesso, sono malati di donne giovani e di mezza età - 6 volte più spesso degli uomini. Nei bambini dopo le malattie respiratorie (bronchite, polmonite) prende il secondo posto.

Cause di pielonefrite

Perché si sviluppa la pielonefrite, e che cos'è? La causa principale della pielonefrite è l'infezione. Sotto l'infezione si riferisce a batteri come E. coli, Proteus, Klebsiella, Staphylococcus e altri. Tuttavia, quando questi microbi entrano nel sistema urinario, la malattia non si sviluppa sempre.

Per far comparire la pielonefrite, hai anche bisogno di fattori che contribuiscono. Questi includono:

  1. Violazione del normale flusso di urina (reflusso di urina dalla vescica al rene, "vescica neurogena", adenoma prostatico);
  2. Rifornimento di sangue al rene alterato (deposizione di placche nei vasi, vasculite, spasmo vascolare in ipertensione, angiopatia diabetica, raffreddamento locale);
  3. Immunosoppressione (trattamento con ormoni steroidei (prednisone), farmaci citotossici, immunodeficienza a seguito di diabete mellito);
  4. Contaminazione dell'uretra (mancanza di igiene personale, con incontinenza di feci, urina, durante i rapporti sessuali);
  5. Altri fattori (ridotta secrezione di muco nel sistema urinario, indebolimento dell'immunità locale, alterazione dell'afflusso di sangue alle membrane mucose, urolitiasi, oncologia, altre malattie del sistema e qualsiasi malattia cronica in generale, riduzione dell'assunzione di liquidi, anormalità dell'anatomia renale).

Una volta nel rene, i microbi colonizzano il sistema coppa-pelvi, quindi i tubuli e di essi il tessuto interstiziale, provocando l'infiammazione in tutte queste strutture. Pertanto, non è necessario posticipare la domanda su come trattare la pielonefrite, altrimenti sono possibili gravi complicanze.

Sintomi di pyelonephritis

Nella pielonefrite acuta, i sintomi sono pronunciati - inizia con brividi, quando si misura la temperatura corporea, il termometro mostra oltre 38 gradi. Dopo un po 'di tempo, c'è un dolore lancinante nella parte bassa della schiena, "tiri" nella parte bassa della schiena e il dolore può essere piuttosto intenso.

Il paziente è preoccupato per il frequente bisogno di urinare, molto doloroso e indicativo dell'adesione di uretrite e cistite. I sintomi della pielonefrite possono avere manifestazioni comuni o locali. I segni comuni sono:

  • Febbre alta intermittente;
  • Grave brividi;
  • Sudorazione, disidratazione e sete;
  • C'è intossicazione del corpo, con conseguente mal di testa, aumento della fatica;
  • Sintomi dispeptici (nausea, mancanza di appetito, mal di stomaco, comparsa di diarrea).

Segni locali di pielonefrite:

  1. Nella regione lombare del dolore, sul lato colpito. La natura del dolore è noiosa, ma costante, aggravata dalla palpazione o dal movimento;
  2. I muscoli della parete addominale possono essere stretti, specialmente sul lato affetto.

A volte la malattia inizia con cistite acuta: minzione frequente e dolorosa, dolore alla vescica, ematuria terminale (comparsa di sangue alla fine della minzione). Inoltre, ci possono essere debolezza generale, debolezza, muscoli e mal di testa, mancanza di appetito, nausea, vomito.

Al verificarsi dei sintomi elencati di pielonefrite deve consultare un medico il più presto possibile. In assenza di una terapia competente, la malattia può trasformarsi in una forma cronica, che è molto più difficile da curare.

complicazioni

  • insufficienza renale acuta o cronica;
  • varie malattie suppurative dei reni (carbuncle renale, ascesso renale, ecc.);
  • sepsi.

Trattamento della pielonefrite

In caso di pielonefrite acuta primaria, nella maggior parte dei casi il trattamento è conservativo, il paziente deve essere ricoverato in ospedale.

La principale misura terapeutica consiste nell'influenzare l'agente eziologico della malattia con antibiotici e farmaci antibatterici chimici in conformità con i dati dell'antibiogramma, la disintossicazione e la terapia di miglioramento dell'immunità in presenza di immunodeficienza.

Nella pielonefrite acuta, il trattamento deve iniziare con gli antibiotici più efficaci e con i farmaci antibatterici chimici a cui è sensibile la microflora delle urine, al fine di eliminare il più rapidamente possibile il processo infiammatorio nel rene, impedendo che diventi purulento-distruttivo. In caso di pielonefrite acuta secondaria, il trattamento dovrebbe iniziare con il ripristino del massaggio urinario dal rene, che è fondamentale.

Il trattamento della forma cronica è fondamentalmente lo stesso di acuto, ma più lungo e più laborioso. Nel trattamento della pielonefrite cronica dovrebbero essere incluse le seguenti misure principali:

  1. Eliminazione delle cause della violazione del passaggio dell'urina o della circolazione renale, soprattutto venosa;
  2. Scopo di agenti antibatterici o agenti chemioterapici che prendono in considerazione i dati dell'antibiogramma;
  3. Aumentare la reattività immunitaria del corpo.

Il recupero del deflusso delle urine è ottenuto principalmente mediante l'uso di uno o un altro tipo di intervento chirurgico (rimozione dell'adenoma prostatico, calcoli renali e del tratto urinario, nefropessi con nefroptozie, uretroplastica o segmento uretero-pelvico, ecc.). Spesso, dopo questi interventi chirurgici, è relativamente facile ottenere una remissione stabile della malattia senza trattamento antibatterico a lungo termine. Senza un massaggio urinario sufficientemente restaurato, l'uso di farmaci antibatterici di solito non dà una remissione duratura della malattia.

Antibiotici e farmaci antibatterici chimici devono essere prescritti tenendo conto della sensibilità della microflora delle urine del paziente ai farmaci antibatterici. Inoltre, gli antibiogrammi prescrivono farmaci antibatterici con un ampio spettro di azione. Il trattamento per la pielonefrite cronica è sistematico e prolungato (almeno 1 anno). Il corso continuo iniziale di trattamento antibatterico è di 6-8 settimane, poiché durante questo periodo è necessario raggiungere la soppressione dell'agente infettivo nel rene e la risoluzione del processo infiammatorio purulento in esso senza complicazioni al fine di prevenire la formazione di tessuto connettivo cicatriziale. In presenza di insufficienza renale cronica, la somministrazione di farmaci antibatterici nefrotossici deve essere effettuata sotto il controllo costante della loro farmacocinetica (concentrazione ematica e urina). Con una diminuzione degli indici di immunità umorale e cellulare, vari farmaci vengono utilizzati per aumentare l'immunità.

Dopo che il paziente ha raggiunto lo stadio di remissione della malattia, il trattamento antibatterico deve essere continuato in cicli intermittenti. I termini di interruzione nel trattamento antibatterico sono stabiliti a seconda del grado di danno renale e del tempo di insorgenza dei primi segni di esacerbazione della malattia, cioè l'insorgenza dei sintomi della fase latente del processo infiammatorio.

antibiotici

Le medicine sono selezionate individualmente, tenendo conto della sensibilità della microflora a loro. I seguenti antibiotici sono più comunemente prescritti per la pielonefrite:

  • penicilline con acido clavulanico;
  • cefalosporine 2 e 3 generazioni;
  • fluorochinoloni.

Gli aminoglicosidi sono indesiderabili a causa della loro azione nefrotossica.

Come trattare i rimedi popolari pielonefrite

Il trattamento domiciliare dei rimedi pielonefriti popolari deve essere accompagnato da riposo a letto e da una dieta salutare costituita principalmente da alimenti vegetali in forma cruda, bollita o vapore.

  1. Nel periodo di esacerbazione aiuta una tale raccolta. Mescola anche foglie di betulla bianca, erba di erba di San Giovanni e poligono, fiori di calendula, frutti di finocchio (aneto farmaceutico). Versare in un thermos 300 ml di acqua bollente 1 cucchiaio. l. raccolta, insistono 1-1,5 ore, scarico. Beva l'infusione sotto forma di calore in 3-4 ricezione per 20 minuti prima dei pasti. Il corso dura 3-5 settimane.
  2. Al di fuori della esacerbazione della malattia, utilizzare un'altra raccolta: erba grossolana - 3 parti; l'erba del frassino (ortica sorda) e l'erba (paglia) dell'avena, le foglie di foglie medicinali, foglie d'inverno, cinorrodi e radici di liquirizia - in 2 parti. Prendi 2 cucchiai. l. raccolta, versare in un thermos 0,5 litri di acqua bollente, insistere 2 ore e filtrare. Bere un terzo di bicchiere 4 volte al giorno per 15-20 minuti prima dei pasti. Il corso dura 4-5 settimane, poi una pausa per 7-10 giorni e si ripete. Totale: fino a 5 corsi (fino a quando non si ottengono risultati stabili).

dieta

Quando l'infiammazione dei reni è importante per mantenere il riposo a letto e una dieta rigorosa. Usa molti liquidi per fermare la disidratazione, che è particolarmente importante per le donne incinte e le persone di età superiore ai 65 anni.

Nei processi infiammatori nei reni sono consentiti: carne magra e pesce, pane raffermo, zuppe vegetariane, verdure, cereali, uova sode, latticini, olio di semi di girasole. In piccole quantità, è possibile utilizzare cipolle, aglio, aneto e prezzemolo (essiccato), rafano, frutta e bacche, succhi di frutta e verdura. Proibito: carne e brodo di pesce, carne affumicata. È inoltre necessario ridurre il consumo di spezie e dolci.

Pyelonephritis affilato: sintomi, diagnostics, trattamento

Quando un'infezione entra nel parenchima, nei tubuli, nella pelvi renale, il processo infiammatorio inizia lì. Quindi c'è una delle malattie più comuni - pyelonephritis affilato. È al secondo posto, il primo è ARVI. Questa infiammazione porta a atrofia renale, insufficienza renale acuta e altre gravi complicanze. Ecco perché non appena sono comparsi i primi sintomi caratteristici della pielonefrite acuta, è necessario sottoporsi a diagnosi e iniziare immediatamente il trattamento.

Sintomi tipici di pyelonephritis affilato

Quando la malattia è appena iniziata, il processo infiammatorio interessa il tessuto interstiziale, quindi sono coinvolti i tubuli e la pelvi renale. Successivamente sviluppa endarterite, arteriola sclerosi, atrofia renale. Non tardare ad andare dal dottore se ci sono tali lamentele:

  • alta temperatura corporea (39-40 0 С);
  • brividi;
  • bocca secca;
  • la sete;
  • sudorazione eccessiva;
  • dolore lombare;
  • vomito, nausea.

La localizzazione del dolore dipende dal fatto che un rene o entrambi siano interessati e aumenta quando si cammina, aumentando la temperatura. Raramente dà alla regione iliaca, ma quando si verifica, c'è tensione nei muscoli della vita. Se la malattia procede in forma purulenta, appare la caratteristica del dolore della colica renale. Ciò è dovuto al fatto che il pus ostruisce l'uretere.

La pielonefrite è primaria, secondaria (si verifica sullo sfondo di altre patologie), rispettivamente, il quadro clinico della malattia è diverso. Quindi, se l'infiammazione è dovuta ad altre malattie (urolitiasi, cistite, ecc.), I sintomi principali sono:

  • disuria;
  • dolore durante la minzione.

Per la pielonefrite primaria, questi sintomi non sono caratteristici.

Con danno bilaterale compaiono i sintomi di insufficienza renale. La forma acuta è raramente accompagnata da:

Tali manifestazioni indicano che la malattia è in corso o procede con complicazioni.

Con un aumento dell'intossicazione, i pazienti si lamentano di:

Se non si cerca aiuto medico in tempo, può verificarsi la complicazione più pericolosa della pielonefrite acuta: shock batteriologico. È accompagnato da un improvviso calo della pressione sanguigna, la probabilità di morte è del 30%, ma non è desiderabile trattarsi da soli. I sintomi caratteristici della pielonefrite sono dovuti ad altre malattie. Sarà stabilita una diagnosi accurata, lo specialista selezionerà una tattica di trattamento efficace dopo aver effettuato un esame clinico.

Come diagnosticare la pielonefrite

Quando un paziente viene chiamato da un medico con lamentele tipiche di infiammazione acuta dei reni (febbre alta, mal di schiena), è necessario confermare la diagnosi. Lo specialista esaminerà il paziente. Alla palpazione, rivelerà se l'area dei reni è dolorosa, e in caso contrario, il sintomo di Pasternatsky ha un'importanza clinica significativa (picchiettare nell'area del rene interessato è doloroso, accompagnato da eritrocituria). Assicurati di prescrivere di donare il sangue, l'urina per l'analisi.

Quando si interpreta un test delle urine, considerare:

  1. Durante la pielonefrite primaria, nella fase iniziale, talvolta non si verificano deviazioni dalla norma.
  2. Proteine, leucociti, cilindri, eritrociti nelle urine sono presenti nella maggior parte delle malattie infettive. Ciò è dovuto agli effetti negativi delle tossine sui reni.
  3. Leucocituria non è solo la prova di pielonefrite. Succede quando l'infiammazione del tratto urinario inferiore, organi genitali.
  4. Oliguria, l'aumento della densità delle urine dipende dalla perdita di liquidi attraverso la pelle, i polmoni.
  5. Batteriuria. Se la pielonefrite nelle urine non rileva un gran numero di batteri, molto probabilmente, la malattia è accompagnata da ostruzione della pelvi o dell'uretere. La semina microbiologica è necessaria per identificare l'agente eziologico e selezionare gli antibiotici più efficaci.

Se il sangue viene rilevato nelle urine, viene eseguita un'urografia escretoria. Per fare questo, una sostanza radiopaca viene iniettata per via endovenosa, vengono prese diverse immagini a raggi X (cambiamenti patologici dei reni e delle vie urinarie saranno evidenti).

Il paziente viene indirizzato a un esame del sangue generale, viene utilizzato per rilevare i segni infiammatori generali e a uno biochimico per determinare l'insufficienza renale. Per identificare una forma purulenta, la presenza di pietre prescrive l'ecografia dei reni. Per una diagnosi accurata consigliamo anche:

  • cromocitoscopia (l'urina torbida viene escreta dalla bocca dell'uretere);
  • CT.

Nei casi difficili, viene eseguita la biopsia mediante puntura (prendendo tessuto renale attraverso la pelle con un ago speciale). Questi metodi sono necessari per stabilire la causa della pielonefrite. Negli uomini, la malattia può verificarsi a causa di prostatite. Nelle donne, si sviluppa spesso durante la gravidanza. E anche l'urolitiasi, i tumori possono provocare la sua comparsa.

Assicurati di condurre una diagnosi differenziale. È particolarmente importante distinguere la pielonefrite dalla cistite acuta. Per fare questo, tieni un test di tre tazze. Per l'infiammazione renale è caratterizzata da un minor numero di elementi uniformi nel primo campione. E anche con la cistite sarà più pronunciata difficoltà, minzione dolorosa.

Una diagnosi accurata della pielonefrite si basa sulla totalità dei metodi clinici, radiologici e di laboratorio. Dopo questi studi, corso terapeutico selezionato.

Come trattare la pielonefrite

Se la malattia è lieve, allora viene curata a casa, ma sotto stretto controllo medico. In caso di pyelonephritis complicato, il paziente è mandato al reparto terapeutico (con una forma sierosa) o urologico (se la malattia purulenta).

A volte ricorreva alla chirurgia. L'operazione è richiesta:

  • con forma estremamente severa di pyelonephritis (ascesso, carbonchio);
  • se la malattia non è trattata con antibiotici e altri medicinali;
  • a causa di ostruzione delle vie urinarie, se il cateterismo non fosse efficace.

Se il flusso urinario è disturbato, prima di raccomandare antibiotici, sulfonamidi e altri medicinali, ripristinare la normale diuresi, altrimenti si possono verificare gravi complicazioni.

Per il trattamento della pielonefrite prescritto:

  1. Analgesici. Se la minzione è accompagnata da un rezu, o il paziente lamenta un forte dolore, ritenzione urinaria o incontinenza, raccomandare candele con belladonna, luminal, papaverina.
  2. Antibiotici. Il farmaco più efficace è determinato dopo uno studio microbiologico, ma dura troppo a lungo, pertanto viene immediatamente prescritto farmaci ad ampio spettro (ampicillina, levomicetina, lincomicina, gentamicina).
  3. Farmaci antibatterici La nitroxolina più efficace, il nevigramon, la gramurina. Dovrebbero essere prese se la funzione renale non è compromessa.
  4. Antifungini. La pielonefrite è talvolta causata da un'infezione fungina. In questo caso, è più opportuno prescrivere i derivati ​​di imidazolo, miconazolo.

Come metodo aggiuntivo di trattamento con agenti fitoterapici. Quando la pielonefrite è efficace:

  1. Le foglie di mirtillo rosso, madre-e-matrigna, fragola selvatica, fiori di fiordaliso blu, erba veronica, ortica dioica, semi di lino. A 2 cucchiai. l. la raccolta deve essere di 0,5 litri di acqua bollente. Versare, insistere almeno 8 ore. Bere dovrebbe essere 150 g 4 volte al giorno.
  2. Foglie di betulla, piantaggine, uva ursina, erba di ortica, uccello dell'altopiano, olmaria, Potentilla oca, borsetta da pastore, assenzio, motherwort, salvia, fragola selvatica, paglia di avena, radici di rizoma, fiori di camomilla, frutti di finocchio. A 3 cucchiaini. la raccolta richiede 250 g di acqua bollente. Versare, insistere per 4 ore, quindi far bollire a bagnomaria per 10 minuti. Bevi caldo, 100 g 4 volte al giorno.

Per il trattamento della pielonefrite, si raccomanda di preparare collezioni già pronte (sono vendute in farmacia):

La fitoterapia è un integratore di antibiotici, sulfonamidi e altri medicinali. Quali costi dovrebbero essere utilizzati, il medico consiglierà, perché le erbe non sono così innocue, possono causare non solo allergie, ma anche altre complicazioni.

Anche per trattamento complesso di pyelonephritis, la fisioterapia è raccomandata:

Ma in alcune forme purulente, la terapia del calore è dannosa, è prescritta solo dal medico dopo l'esame.

Per un rapido recupero, dovresti seguire un regime delicato, una dieta speciale e anche consigliare un sacco di bevande.

Trattamento adeguato prescritto dal medico curante. E dura molto a lungo, perché la pielonefrite è pericolosa, causando gravi complicazioni. Non smettere di prendere i farmaci se ti senti meglio. In questo caso, la malattia si trasformerà in una forma cronica, viene trattata più duramente, portando allo sviluppo dell'insufficienza renale.

Quale dottore contattare

La pielonefrite procede con sintomi caratteristici, ma solo uno specialista condurrà una diagnosi accurata. E in base ai risultati dello studio, il medico prescriverà un trattamento completo. Qualche volta perfino l'operazione è richiesta, così per prevenire il verificarsi di conseguenze serie, ai primi segni d'infiammazione è necessario contattare un nephrologist o un urologo.

Lo specialista della Clinica dottoressa di Mosca parla di pielonefrite acuta:

Trattamento per pyelonephritis affilato

La pielonefrite acuta è una malattia caratterizzata da un processo infiammatorio nel rene con coinvolgimento del tessuto interstiziale dell'organo e della pelvi renale. La pielonefrite è una delle malattie più comuni in urologia, che, in assenza di un trattamento adeguato, spesso diventa cronica con lo sviluppo di insufficienza renale.

Dalla natura della malattia si distinguono:

  • unilaterale;
  • pielonefrite bilaterale;
  • purulenta;
  • sierosa.

Molto spesso, la pielonefrite si verifica nelle persone di età superiore a 40 anni, ma ci sono casi in cui la malattia è stata rilevata nei bambini in età scolare. Il decorso della pielonefrite nei bambini si presenta in onde, spesso senza sintomi clinici marcati, che sono aggravati da alcuni fattori sul corpo.

Cause di pielonefrite

Lo sviluppo di un processo infiammatorio acuto nei reni è sempre dovuto all'effetto sul corpo di un patogeno infettivo patologico. Gli urologi hanno dimostrato che le forme purulente di pielonefrite possono verificarsi quando vi sono focolai di infezione cronica nel corpo, indipendentemente dalla localizzazione. Ciò significa che anche i denti cariati possono essere un prerequisito per lo sviluppo di un processo infiammatorio nei reni.

La pielonefrite acuta può svilupparsi come complicazione dopo tali malattie:

Molto spesso l'agente eziologico dell'infiammazione acuta dei reni sono i bastoncini intestinali, gli stafilococchi, gli streptococchi, i gonococchi, i bastoncini piocianici, i micoplasmi, i funghi candidi, i virus.

La diffusione del processo di infezione è possibile in diversi modi: linfogena, ematogena, ascendente.

La via ematogena di trasmissione può portare il patogeno patogeno nei reni da qualsiasi lesione del corpo - infiammazione della cistifellea, denti cariati, infiammazione cronica delle tonsille e altro ancora. Nelle malattie infettive, la microflora patogena penetra nei reni in modo discendente.

Il percorso ascendente di penetrazione dei patogeni infettivi (urogenici) è caratteristico della penetrazione della microflora patogena nei reni dalla vescica, dall'uretra e dagli ureteri infiammati. Di norma, la trasmissione ascendente dell'infezione è più caratteristica dei pazienti che hanno problemi con il deflusso delle urine, a causa di fenomeni stagnanti, anomalie congenite dello sviluppo degli organi urinari, presenza di sabbia e calcoli nella vescica.

Fattori predisponenti per lo sviluppo della pielonefrite

Fattore predisponente per lo sviluppo della pielonefrite acuta è una tendenza alle reazioni allergiche negli esseri umani. Altri prerequisiti per l'infiammazione renale sono:

  • debole difesa immunitaria;
  • frequenti malattie virali e infettive;
  • ipotermia (specialmente la regione lombare);
  • diabete mellito;
  • carenza di vitamine nel corpo;
  • la gravidanza;
  • disturbi circolatori;
  • lesione alla regione lombare.

Sintomi di pyelonephritis affilato

Molto spesso, i pazienti sviluppano una pielonefrite destra acuta. Ciò è dovuto alle caratteristiche anatomiche della struttura del rene destro, che contribuisce al verificarsi di stagnazione in esso.

Le manifestazioni cliniche di infiammazione acuta del tessuto renale dipendono in larga misura dalla forma e dal decorso del processo patologico. La forma sierosa di pielonefrite non è relativamente pesante. Con un quadro clinico pronunciato, si verifica una pielonefrite purulenta.

I seguenti sintomi sono caratteristici della pielonefrite acuta:

  • la comparsa di dolore doloroso sordo nella regione lombare;
  • un forte aumento della temperatura corporea (fino a 38.5-39.0);
  • fenomeni di dysuric (violazione di deflusso di urina);
  • brividi, febbre;
  • debolezza crescente;
  • aumento della sudorazione;
  • tachicardia, mancanza di respiro, muscoli e mal di testa.

Con pielonefrite acuta bilaterale, le sensazioni dolorose sono di diversa intensità, a volte il paziente ha la sensazione che tutto il mal di schiena e lo stomaco. Con pyelonephritis purulento, la natura di dolore assomiglia a colica renale - il paziente è irrequieto, si precipita su, e non può trovare una posizione comoda.

Il disordine della minzione è caratterizzato dalla frequente necessità di svuotare la vescica e la predominanza della diuresi notturna durante il giorno. Durante la palpazione dell'addome, il medico nota il dolore nella zona interessata. Spesso, nei primi giorni di pielonefrite, si osservano sintomi caratteristici di irritazione peritoneale, pertanto una diagnosi precoce con palpazione è estremamente difficile. Nella maggior parte dei casi, la pielonefrite acuta è accompagnata dalla comparsa di edema e da un aumento della pressione sanguigna.

Diagnosi di laboratorio di pyelonephritis affilato

Negli studi di laboratorio sugli esami del sangue si rivela:

  • leucocitosi neutrofila,
  • aumento di ESR,
  • proteinuria minore.

Rilevazione di proteine ​​nelle urine a causa di piuria. Per la forma acuta di pielonefrite, la comparsa di pus nelle urine, un gran numero di globuli rossi è più caratteristico. Tali manifestazioni sono particolarmente pronunciate con infiammazione concomitante della vescica.

Ai pazienti con forma acuta di pielonefrite deve essere prescritto un esame batteriologico dell'analisi delle urine. A tale scopo, l'urina viene raccolta utilizzando la cateterizzazione, in modo che i batteri dell'ambiente o degli organi genitali esterni non penetrino nel tubo. Di norma, il 90% dei pazienti rivela flora batterica patogena durante lo studio.

Con una pielonefrite prolungata e l'assenza di una terapia adeguata, la capacità di filtrazione del glomeruli renale diminuisce nel tempo con il risultato che i composti azotati iniziano ad accumularsi nel sangue (il livello di urea e acetone aumenta nel sangue), l'uremia si sviluppa rapidamente. In alcuni casi, la pielonefrite acuta può verificarsi senza un quadro clinico chiaro, specialmente nei bambini e nelle donne in gravidanza. In questi casi, la malattia viene diagnosticata utilizzando ampi studi di laboratorio.

La pielonefrite con sintomi clinici lievi viene diagnosticata contando il numero di leucociti nell'analisi delle urine, nonché durante la coltura batteriologica delle urine sul mezzo nutritivo.

Una forma speciale e rara di pielonefrite acuta è la necrosi papillare - una malattia renale che si verifica nelle donne anziane con diabete. Questo tipo di pielonefrite è caratterizzato da un esordio acuto: i pazienti hanno un forte aumento della temperatura corporea a 39,0-40,0 gradi, si osservano ematuria e piuria pronunciate nell'analisi delle urine, i sintomi di intossicazione e una condizione settica aumentano rapidamente.

Quali malattie possono essere confuse con pielonefrite acuta?

Con l'insorgenza acuta della pielonefrite, le lamentele del paziente per il mal di schiena sordo, la comparsa di disturbi disurici e i cambiamenti nelle analisi delle urine e del sangue, non è difficile diagnosticare la malattia. Tuttavia, quando si effettua una diagnosi, si deve ricordare che il blocco del tratto urinario da parte dell'essudato patologico non può modificare la composizione dell'urina, quindi i globuli rossi e i globuli bianchi nelle urine sono assenti. Questo è il motivo per cui nella diagnosi di pazienti affetti da pielonefrite si prescrivono diversi esami di laboratorio di urina e sangue, con una frequenza di 1-2 giorni. È più difficile differenziare la pielonefrite in presenza di processi infiammatori concomitanti negli organi del sistema urinario e nel corso della malattia con sintomi lievi.

La pielonefrite acuta deve essere differenziata dalla cistite acuta. Per questo, i medici usano il metodo di prova a tre vetri: in caso di infiammazione della vescica, il terzo campione di urina contiene un gran numero di diversi elementi formati. Inoltre, la cistite si manifesta con manifestazioni disuriche più luminose: forte dolore, sensazione di bruciore quando si svuota la vescica, frequente desiderio di urinare e poche gocce di sangue alla fine della minzione.

Oltre ai metodi di laboratorio per la diagnosi di pielonefrite acuta, sono richiesti i raggi X del rene, l'urografia escretoria con l'introduzione di un mezzo di contrasto nella vena e la renografia isotopica.

Il corso di pyelonephritis affilato e prognosi

Con trattamento tempestivo del paziente al dottore e il trattamento correttamente prescritto, il corso della forma affilata di pyelonephritis è favorevole. Poiché gli antibiotici sono la base per il trattamento dell'infiammazione dei reni, è estremamente raro ricorrere alla chirurgia. Con attenta osservanza delle raccomandazioni mediche, il paziente già dopo 2 settimane presenta un miglioramento significativo.

Se si ignorano le istruzioni del medico, non seguire il programma per l'assunzione di farmaci, ridurre in modo indipendente la dose dell'antibiotico e rifiutare la dieta, molti pazienti subiscono una ricaduta della malattia, che può in seguito portare alla pielonefrite acuta diventando cronica.

Inoltre, il decorso della forma acuta di pielonefrite in alcuni casi può essere complicato dallo sviluppo di un ascesso renale o infiammazione purulenta del tessuto renale. In rari casi, la pielonefrite acuta porta a urosepsi e allo sviluppo di insufficienza renale. Quando il corso della pielonefrite viene trascurato, il paziente sviluppa rapidamente uno shock settico.

Approssimativamente l'80% di pazienti è completamente guarito da pyelonephritis, soggetto a tutte le istruzioni del dottore e una diagnosi tempestiva. Il resto ha osservato la transizione di un processo infiammatorio acuto in una forma cronica.

Trattamento di pyelonephritis affilato

Durante la fase acuta del processo infiammatorio nei reni, il paziente deve osservare il riposo a letto fino a quando i fenomeni di disuria scompaiono e la temperatura corporea si normalizza.

Il paziente deve rispettare la dieta terapeutica. Quando la pielonefrite mostra il numero del tavolo 7. La dieta è di escludere piatti speziati, spezie, cibo in scatola, caffè e tè forte, bevande alcoliche. Limitare la dose giornaliera di sale (fino a 4-5 g), in modo da non provocare i liquidi stagnanti nel corpo e lo sviluppo di edema.

Ai fini del lavaggio naturale delle vie urinarie e dei reni, si raccomanda che il paziente beva in abbondanza fino a 3 litri al giorno, a condizione che non vi sia ipertensione arteriosa. Acque minerali come Mirgorodskaya, Essentuki, Naftusya, Berezovskaya sono eccellenti per questo scopo. Un effetto antisettico naturale ha un succo di mirtilli rossi, mirtilli rossi, lamponi.

Il cibo dovrebbe essere facilmente assorbito dal corpo. Zuppe vegetariane, pesce magro bollito o stufato di pesce, piatti di verdure, cereali, uova, omelette di vapore, mele cotte sono raccomandate per il paziente.

In caso di sindrome da dolore grave, gli analgesici sono indicati per il paziente. Per disturbi della minzione dolorosa, le candele con papaverina sono prescritte per via rettale o con belladonna.

I principali metodi di trattamento della forma acuta della pielonefrite, ovviamente, sono gli antibiotici. Quando pielonefrite oligosintomatica, senza complicazioni e patologie associate, i farmaci sulfanilamide sono prescritti al paziente. Allo stesso tempo, assicurati di monitorare il deflusso di urina e l'assenza di sintomi di insufficienza renale in aumento.

Nel caso di una clinica pronunciata, vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro a cui gli agenti infettivi sono sensibili. In combinazione con l'antibiotico principale, vengono spesso prescritti farmaci del gruppo nitrofurano (furadonina, furazolidone), nitroxolina e altri.

La somministrazione endovenosa di antibiotici è mostrata al paziente dopo il processo incendiario iniziato e le forme purulente di pyelonephritis. Di norma, la terapia antibiotica viene utilizzata fino a quando la temperatura corporea del paziente non si normalizza e i test del sangue e delle urine non migliorano. In media, il trattamento della pielonefrite dura 10-14 giorni, se necessario, e fino a 1 mese.

In assenza di un effetto terapeutico da parte degli antibiotici e di una crescente condizione settica in un paziente, sorge la domanda sulla rimozione chirurgica del rene interessato (a condizione che il secondo rene funzioni normalmente). Dopo il trattamento della pielonefrite acuta, tali pazienti devono essere osservati per un anno presso il terapeuta distrettuale.

Prevenzione della pielonefrite

Prevenire l'insorgenza della pielonefrite si trova nella riabilitazione dei focolai di infezione cronica nel corpo - denti cariati, infiammazione cronica delle tonsille, trattamento di colecistite, sinusite e altre malattie. Ricorda che in caso di malattie infiammatorie degli organi del sistema urinario non è possibile auto-medicare, poiché la cistite comune può spesso portare alla diffusione dell'infezione nei reni.

È molto importante monitorare l'igiene intima personale (in particolare per le ragazze e le donne), poiché la pielonefrite è favorita dall'infezione ascendente attraverso il tratto urinario.

Se ci sono problemi sotto forma di pietre e sabbia nella vescica, gli ureteri dovrebbero essere eliminati in modo tempestivo, poiché gli ostacoli meccanici che impediscono il normale flusso di urina portano allo stiramento della pelvi renale, allo sviluppo di congestione e alla conseguente infiammazione del rene.

Al fine di evitare l'infezione delle vie urinarie durante le procedure diagnostiche (cistoscopia, cateterismo della vescica e altri), il medico deve rispettare le misure asettiche e antisettiche.

Se trovate sintomi di pielonefrite, non esitate a contattare un medico! Una diagnosi tempestiva e il trattamento iniziato eviteranno la transizione della malattia alla forma cronica.

Pyelonephritis affilato

La pielonefrite acuta è un processo infiammatorio che colpisce il tessuto intermedio e il sistema renale a coppa dei reni, che è di natura non specifica.

Nella pratica urologica, la pielonefrite acuta è il processo infiammatorio più comune che colpisce i reni. Può verificarsi durante l'infanzia, una condizione favorevole per cui è la mancanza di formazione del sistema urinario e carico elevato su di esso. Anche gli adulti non rientrano nell'eccezione, le donne sotto i 40 anni sono più spesso colpite.

I medici condividono pielonefrite acuta primaria e secondaria. Il primario si verifica a causa di una violazione del deflusso di urina dai reni stessi, e il secondario è causato da una violazione del suo passaggio a causa dell'ostruzione delle vie urinarie.

La pielonefrite nella fase acuta differisce dalla pielonefrite cronica:

Il corso del processo incendiario in pyelonephritis affilato è veloce, e in cronico è lento.

La sintomatologia nella malattia acuta è pronunciata e nei sintomi cronici è più spesso sfocata o assente.

La pielonefrite acuta si conclude con il recupero del paziente o il passaggio allo stadio cronico.

La pielonefrite cronica è caratterizzata da frequenti recidive.

La pielonefrite cronica è più difficile da trattare.

La pielonefrite acuta può colpire sia uno che due reni. In media, l'1% delle persone provenienti da tutta la popolazione mondiale riceve la pielonefrite ogni anno. Inoltre, la pielonefrite acuta rappresenta il 14% della malattia renale e la complicazione purulenta si verifica in 1/3 dei pazienti.

Sintomi di pyelonephritis affilato

I sintomi della pielonefrite acuta dipendono dalla forma della malattia e dallo stadio in cui si trova.

Lo stadio iniziale di infiammazione sierosa. Il rene aumenta di dimensioni, ceppi, la fibra si gonfia situato vicino al film. Se la malattia viene iniziata per essere trattata in questa fase, la pielonefrite acuta verrà eliminata con successo.

Lo stadio di pyelonephritis purulento affilato è diviso a sua volta in tre fasi: pyelonephritis apomantico, un carbonchio e un ascesso di organo. All'inizio si formano piccole pustole nello strato corticale del rene che, se non trattato, si unifica e si forma un carbonchio. Nei fuochi della fusione del carbonchio, il parenchima dell'organo si scioglie e si sviluppa un ascesso tissutale di rene.

I sintomi della pielonefrite non ostruttiva nella fase acuta sono i seguenti:

La malattia si sviluppa molto rapidamente, quasi un fulmine. A volte ci vogliono molte ore per rendere difficili le condizioni del paziente, a volte peggiorano durante la notte.

Una persona sperimenta malessere e debolezza, la temperatura corporea sale bruscamente, raggiungendo i 40 gradi.

Aumenta la sudorazione, compare mal di testa, il battito del cuore accelera.

La malattia è accompagnata da nausea e vomito, artralgia, diarrea o costipazione.

Una persona avverte dolore nella regione lombare, irradia all'anca, alla schiena, allo stomaco. La natura del dolore è opaca o intensa.

I segni di minzione ridotta, di regola, non sono osservati.

C'è una diminuzione non troppo pronunciata della diuresi giornaliera, poiché il paziente perde grandi quantità di acqua con sudorazione.

L'urina diventa torbida, emana un odore sgradevole.

Sintomi di pyelonephritis secondario nella fase acuta:

L'esordio della malattia è del tipo di colica renale, che è associata all'ostruzione delle vie urinarie.

All'apice del dolore, la temperatura corporea aumenta, fino allo sviluppo della febbre.

Il paziente sta tremando, ha sete e soffre di vomito. (Vedi anche: cause e sintomi di vomito)

Quando la sudorazione eccessiva si arresta, la temperatura corporea a volte scende a livelli criticamente bassi, a volte a valori normali. Lo stato di salute si normalizza in qualche modo.

L'attacco della colica ritorna dopo alcune ore se l'ostruzione delle vie urinarie non viene eliminata.

Sintomi di pyelonephritis purulento nello stadio affilato:

Nella regione lombare, si verifica un dolore persistente.

Una persona soffre di febbre che si verifica in un tipo frenetico (le cadute di temperatura corporea sono 3-4 gradi e si verificano 2-3 volte al giorno).

Un aumento della temperatura è accompagnato da brividi.

Le pareti muscolari del ceppo del peritoneo, lo stesso vale per i muscoli lombari.

Quando l'intossicazione del corpo raggiunge il suo apice, ci può essere annebbiamento della coscienza e lo sviluppo del delirio.

Cause di pyelonephritis affilato

Le cause della pielonefrite acuta sono la penetrazione di microrganismi patogeni nel rene. Nel 50% dei casi, questo agente diventa Escherichia coli, in altri casi la malattia è scatenata da Proteus, Escherichia coli, Streptococco, Staphylococcus, virus e funghi. La pratica urologica moderna indica una rara scoperta di un solo agente eziologico della pielonefrite. Molto spesso la malattia è causata dall'associazione di diversi microrganismi. I ceppi ospedalieri di agenti patogeni sono particolarmente pericolosi in termini di sviluppo dell'infiammazione, poiché sono molto difficili da eliminare.

Ci sono due modi in cui gli agenti patogeni possono penetrare nel rene:

Via ematogena in cui l'infezione si verifica lungo il flusso sanguigno. Questa è la causa più rara di infiammazione dei reni, la via ematogena porta alla malattia solo nel 5% dei casi. I focolai principali dell'infezione possono essere: gli organi urinari, se c'è infiammazione (cistite, annessite, prostatite, ecc.), Organi distanti con sinusite, bronchite, carie, tonsillite, colecistite, foruncolosi, ecc.

La via urinaria dell'infezione è il modo più comune di infezione nei reni. I microrganismi li inseriscono dal tratto urinario inferiore. Un altro tale metodo di infezione è chiamato ascendente.

Vale la pena considerare che normalmente solo l'uretra distale può essere infettata.

Affinché l'ulteriore diffusione dell'infezione si verifichi, sono necessarie ulteriori cause o fattori provocatori, tra cui:

Predominanza nella zona periuretrale e nella zona perineale di E. coli. Questo può verificarsi a causa di disbiosi intestinale, con disbiosi vaginale nelle donne.

Aumento dell'ambiente acido della vagina nelle donne durante la menopausa, che è associato con la mancanza di estrogeni.

La vita sessuale attiva delle donne e frequenti cambiamenti dei partner sessuali facilitano la penetrazione delle infezioni nella vescica.

Il reflusso ureterale cistico può causare lo sviluppo della malattia. In questo caso, il percorso retrogrado delle urine facilita il movimento di microrganismi dal basso verso l'alto, lungo la membrana mucosa delle vie urinarie. Ciò contribuisce anche ad aumentare la pressione intrarenale. (Vedi anche: cause e sintomi della pressione intracranica)

Urolitiasi e blocco di pietra del lume dell'uretere, uretra valvolare.

Adenoma prostatico e cancro alla prostata.

Vescica neurogena.

Ipovitaminosi e superlavoro

La probabilità di pielonefrite acuta è notevolmente aumentata quando una combinazione di più cause, che si verifica più spesso.

Complicazioni ed effetti della pielonefrite acuta

Le complicanze e le conseguenze della pielonefrite acuta possono essere molto gravi e comportare una minaccia per la vita e la salute del paziente.

Il pericolo può essere:

Pyonephrosis di tessuti renali con la loro fusione purulenta.

Insufficienza renale acuta.

Diagnosi di pyelonephritis affilato

La diagnosi di pyelonephritis affilato spesso non causa difficoltà per il nefrologo. Ciò è dovuto principalmente alla presenza di sintomi luminosi della malattia.

Spesso nella storia di tali pazienti ci sono malattie croniche o infiammazioni purulente acute. Il quadro clinico nella pielonefrite acuta è sempre accompagnato da un aumento della temperatura corporea a valori elevati e dolori paralleli nella regione lombare, per lo più unilaterali. I pazienti lamentano difficoltà a urinare e cambiare l'odore e il colore delle urine. Acquisisce una sfumatura rossastra, mostra scorie.

Gli esami di laboratorio rilevano la presenza di proteine ​​e batteri nelle urine. Per determinare il tipo di agente infettivo, sarà richiesta la coltura di urina batterica.

È anche richiesta la donazione di sangue per l'analisi generale. La pielonefrite acuta sarà indicata dall'aumento di ESR e leucocitosi. L'identificazione dell'agente causativo dell'infezione è possibile con l'esecuzione di test specializzati.

L'urografia del sondaggio indica che un rene aumenta di volume rispetto all'altro.

L'urografia escretoria indica una marcata restrizione della mobilità dell'organo interessato, che è evidente durante l'esame ortopedico. Se un paziente ha una pielonefrite apostematica, quindi dal lato dell'infiammazione, la funzione escretoria si riduce notevolmente, come si può osservare quando si esegue uno studio diagnostico. Sulla foruncolo o ascesso indicheranno il rigonfiamento del contorno del rene, la deformazione del bacino e delle coppe a causa della compressione.

Per valutare i cambiamenti strutturali nei reni causati dalla pielonefrite, è consigliabile eseguire un'ecografia. Per valutare la capacità di concentrazione degli organi, viene utilizzato un campione Zimnitsky per il quale è richiesta la raccolta delle urine.

La TC è un metodo per escludere o confermare la presenza di urolitiasi, nonché per identificare possibili anomalie anatomiche nella struttura degli organi.

Trattamento di pyelonephritis affilato

Il trattamento non farmacologico è un prerequisito per il recupero del paziente. Si tratta di mantenere una sufficiente diuresi giornaliera. Per fare questo, il paziente deve bere liquidi in un volume da 2 a 2,5 litri.

Per reintegrare l'approvvigionamento idrico è possibile utilizzare brodi fortificati sotto forma di bevande alla frutta, che hanno effetti antisettici. Questi sono mirtilli rossi, mirtilli rossi e rosa selvatica. Inoltre, l'uso di cariche diuretiche.

Tuttavia, è solo il medico a consigliare un consumo eccessivo di alcolici, in quanto è controindicato nell'insufficienza cardiaca e polmonare e nell'ipertensione. Se il paziente soffre di disturbi del metabolismo dei carboidrati, il liquido consumato non deve contenere zucchero.

Trattamento farmacologico di pyelonephritis affilato

Se un paziente non ha segni di ostruzione delle vie urinarie, la terapia antibiotica viene urgentemente prescritta. La sua durata può variare da 5 giorni a 2 settimane. È preferibile iniziare il trattamento con la somministrazione parenterale di antibiotici. Quando i sintomi della fase acuta della malattia vengono interrotti, i farmaci antibatterici vengono assunti per via orale.

I moderni agenti antibatterici includono:

Fluorochinoloni, che hanno proprietà antibatteriche. Questi farmaci comprendono: Levofloxacina, Sparfloxacina, Moxifloxacina, Ciprofloxacina, Tsiprinol, Ofloxacina, Pefloxacina, Lomefloxacina. Questi farmaci non sono utilizzati per il trattamento delle donne in gravidanza durante l'allattamento, non è consigliabile prescrivere un periodo di crescita attiva ai loro bambini e adolescenti.

I beta-lattamici sono aminopenicilline comuni, come amoxicillina e ampicillina. L'effetto terapeutico è osservato in relazione a Escherichia coli, Proteus, Enterococci. Tuttavia, i batteri spesso producono resistenza ai farmaci di questo gruppo e pertanto si raccomanda che vengano prescritti per il trattamento della pielonefrite nelle donne in gravidanza. Per tutti gli altri pazienti, usare penicilline protette: Amoxiclav, Flemoklav Solyutab e Sultamicillina. Se la pielonefrite si verifica in una forma complicata, vengono utilizzate le carbossipeptilline: Ticarcillina, Carbenicillina e anche ureidopenicilline: Piperacillina, Azlocillina.

Le cefalosporine, che più spesso di altri farmaci vengono utilizzate dagli esperti per liberarsi della pielonefrite. Questi possono essere: Cefazolin, Cefuroxime, Cefalexin, Cefradin, Cefixime, Ceftibuten, Ceftriaxone, Cefotaxime, Cefoperazone, Cefepime.

Per il trattamento di forme nosocomiali gravi di pielonefrite, nonché con gravi complicazioni della malattia, vengono prescritti aminoglicosidi: Netilmicina, gentamicina, tobramicina, amikacina.

Oltre agli antibiotici, i medici usano altri farmaci antimicrobici che continuano ad essere assunti anche dopo l'abolizione dei farmaci antibatterici. Questi sono nitrofurani: furazidina, nitrofurantoina, agenti antimicrobici combinati: Co-trixomazole, 8-idrossichinolines: Nitroxolina. Influenzano l'attività dei microbi, gli effetti sull'acidità delle urine.

Trattamento chirurgico della pielonefrite acuta

Quando l'uso di agenti antibatterici e altri farmaci è inefficace e non è possibile ripristinare la pervietà del tratto urinario superiore installando un catetere, è necessario un intervento chirurgico. Viene mostrato quando le condizioni del paziente si deteriorano. I casi più comuni sono forme purulente della malattia: apostemi e carboni del rene.

La natura dell'operazione rimane spesso aperta fino al momento della sua esecuzione, il problema viene risolto quando si visualizza la scala del coinvolgimento del rene nel processo patologico. Il suo obiettivo principale è prevenire l'ulteriore sviluppo del decorso infiammatorio della malattia nel rene, per impedire il passaggio della malattia a un organo sano, per ripristinare il normale flusso delle urine.

Fisioterapia per il trattamento della pielonefrite acuta

Come fisioterapia, utilizzare metodi come: terapia SMB, UHF ed elettroforesi.

È importante prestare attenzione alle caratteristiche nutrizionali del paziente con una predominanza di alimenti proteici facilmente digeribili.

Dieta per pielonefrite acuta

La dieta per la pielonefrite acuta comporta l'osservanza di regole severe. Grazie a lei, riesce a fermare la sindrome del dolore, correggere l'acidità delle urine. Bere dovrebbe essere abbondante e al momento del picco della malattia essere almeno 2 litri.

Quando i sintomi acuti vanno in declino, dovresti seguire una dieta a base di latte vegetale. Il sale nella dieta del paziente è limitato. Non può consumare più di 6 g al giorno. e in forme complicate della malattia, è completamente escluso dalla dieta.

Assicurati che sul tavolo del paziente siano presenti frutta e verdura con effetto diuretico: zucchine, meloni, angurie, cetrioli.

Sotto la proibizione assoluta caduta: brodi - carne e pesce, legumi, carne affumicata, marinate, sottaceti, funghi, cibi in scatola, bevande con gas, alcool, spezie e spezie (più: quali prodotti sono consentiti e vietati nella pielonefrite).

Nella fase di ripresa, i prodotti a base di carne e pesce vengono gradualmente restituiti al menu del paziente. I primi piatti dovrebbero essere vegetariani. I pasti dovrebbero essere frazionari e i metodi di lavorazione del cibo dovrebbero essere delicati.