Pyelonephritis - sintomi e trattamento

Diete

La pielonefrite è un'infiammazione dei reni che si presenta in forma acuta o cronica. La malattia è abbastanza diffusa e molto pericolosa per la salute. I sintomi della pielonefrite comprendono dolore nella regione lombare, febbre, gravi condizioni generali e brividi. Si verifica più spesso dopo l'ipotermia.

Può essere primario, cioè si sviluppa in reni sani, o secondario, quando la malattia si verifica sullo sfondo di malattie renali già esistenti (glomerulonefrite, urolitiasi, ecc.). Anche distinguere pyelonephritis affilato e cronico. I sintomi e il trattamento dipenderanno direttamente dalla forma della malattia.

Questa è la più comune malattia renale in tutte le fasce d'età. Molto spesso, sono malati di donne giovani e di mezza età - 6 volte più spesso degli uomini. Nei bambini dopo le malattie respiratorie (bronchite, polmonite) prende il secondo posto.

Cause di pielonefrite

Perché si sviluppa la pielonefrite, e che cos'è? La causa principale della pielonefrite è l'infezione. Sotto l'infezione si riferisce a batteri come E. coli, Proteus, Klebsiella, Staphylococcus e altri. Tuttavia, quando questi microbi entrano nel sistema urinario, la malattia non si sviluppa sempre.

Per far comparire la pielonefrite, hai anche bisogno di fattori che contribuiscono. Questi includono:

  1. Violazione del normale flusso di urina (reflusso di urina dalla vescica al rene, "vescica neurogena", adenoma prostatico);
  2. Rifornimento di sangue al rene alterato (deposizione di placche nei vasi, vasculite, spasmo vascolare in ipertensione, angiopatia diabetica, raffreddamento locale);
  3. Immunosoppressione (trattamento con ormoni steroidei (prednisone), farmaci citotossici, immunodeficienza a seguito di diabete mellito);
  4. Contaminazione dell'uretra (mancanza di igiene personale, con incontinenza di feci, urina, durante i rapporti sessuali);
  5. Altri fattori (ridotta secrezione di muco nel sistema urinario, indebolimento dell'immunità locale, alterazione dell'afflusso di sangue alle membrane mucose, urolitiasi, oncologia, altre malattie del sistema e qualsiasi malattia cronica in generale, riduzione dell'assunzione di liquidi, anormalità dell'anatomia renale).

Una volta nel rene, i microbi colonizzano il sistema coppa-pelvi, quindi i tubuli e di essi il tessuto interstiziale, provocando l'infiammazione in tutte queste strutture. Pertanto, non è necessario posticipare la domanda su come trattare la pielonefrite, altrimenti sono possibili gravi complicanze.

Sintomi di pyelonephritis

Nella pielonefrite acuta, i sintomi sono pronunciati - inizia con brividi, quando si misura la temperatura corporea, il termometro mostra oltre 38 gradi. Dopo un po 'di tempo, c'è un dolore lancinante nella parte bassa della schiena, "tiri" nella parte bassa della schiena e il dolore può essere piuttosto intenso.

Il paziente è preoccupato per il frequente bisogno di urinare, molto doloroso e indicativo dell'adesione di uretrite e cistite. I sintomi della pielonefrite possono avere manifestazioni comuni o locali. I segni comuni sono:

  • Febbre alta intermittente;
  • Grave brividi;
  • Sudorazione, disidratazione e sete;
  • C'è intossicazione del corpo, con conseguente mal di testa, aumento della fatica;
  • Sintomi dispeptici (nausea, mancanza di appetito, mal di stomaco, comparsa di diarrea).

Segni locali di pielonefrite:

  1. Nella regione lombare del dolore, sul lato colpito. La natura del dolore è noiosa, ma costante, aggravata dalla palpazione o dal movimento;
  2. I muscoli della parete addominale possono essere stretti, specialmente sul lato affetto.

A volte la malattia inizia con cistite acuta: minzione frequente e dolorosa, dolore alla vescica, ematuria terminale (comparsa di sangue alla fine della minzione). Inoltre, ci possono essere debolezza generale, debolezza, muscoli e mal di testa, mancanza di appetito, nausea, vomito.

Al verificarsi dei sintomi elencati di pielonefrite deve consultare un medico il più presto possibile. In assenza di una terapia competente, la malattia può trasformarsi in una forma cronica, che è molto più difficile da curare.

complicazioni

  • insufficienza renale acuta o cronica;
  • varie malattie suppurative dei reni (carbuncle renale, ascesso renale, ecc.);
  • sepsi.

Trattamento della pielonefrite

In caso di pielonefrite acuta primaria, nella maggior parte dei casi il trattamento è conservativo, il paziente deve essere ricoverato in ospedale.

La principale misura terapeutica consiste nell'influenzare l'agente eziologico della malattia con antibiotici e farmaci antibatterici chimici in conformità con i dati dell'antibiogramma, la disintossicazione e la terapia di miglioramento dell'immunità in presenza di immunodeficienza.

Nella pielonefrite acuta, il trattamento deve iniziare con gli antibiotici più efficaci e con i farmaci antibatterici chimici a cui è sensibile la microflora delle urine, al fine di eliminare il più rapidamente possibile il processo infiammatorio nel rene, impedendo che diventi purulento-distruttivo. In caso di pielonefrite acuta secondaria, il trattamento dovrebbe iniziare con il ripristino del massaggio urinario dal rene, che è fondamentale.

Il trattamento della forma cronica è fondamentalmente lo stesso di acuto, ma più lungo e più laborioso. Nel trattamento della pielonefrite cronica dovrebbero essere incluse le seguenti misure principali:

  1. Eliminazione delle cause della violazione del passaggio dell'urina o della circolazione renale, soprattutto venosa;
  2. Scopo di agenti antibatterici o agenti chemioterapici che prendono in considerazione i dati dell'antibiogramma;
  3. Aumentare la reattività immunitaria del corpo.

Il recupero del deflusso delle urine è ottenuto principalmente mediante l'uso di uno o un altro tipo di intervento chirurgico (rimozione dell'adenoma prostatico, calcoli renali e del tratto urinario, nefropessi con nefroptozie, uretroplastica o segmento uretero-pelvico, ecc.). Spesso, dopo questi interventi chirurgici, è relativamente facile ottenere una remissione stabile della malattia senza trattamento antibatterico a lungo termine. Senza un massaggio urinario sufficientemente restaurato, l'uso di farmaci antibatterici di solito non dà una remissione duratura della malattia.

Antibiotici e farmaci antibatterici chimici devono essere prescritti tenendo conto della sensibilità della microflora delle urine del paziente ai farmaci antibatterici. Inoltre, gli antibiogrammi prescrivono farmaci antibatterici con un ampio spettro di azione. Il trattamento per la pielonefrite cronica è sistematico e prolungato (almeno 1 anno). Il corso continuo iniziale di trattamento antibatterico è di 6-8 settimane, poiché durante questo periodo è necessario raggiungere la soppressione dell'agente infettivo nel rene e la risoluzione del processo infiammatorio purulento in esso senza complicazioni al fine di prevenire la formazione di tessuto connettivo cicatriziale. In presenza di insufficienza renale cronica, la somministrazione di farmaci antibatterici nefrotossici deve essere effettuata sotto il controllo costante della loro farmacocinetica (concentrazione ematica e urina). Con una diminuzione degli indici di immunità umorale e cellulare, vari farmaci vengono utilizzati per aumentare l'immunità.

Dopo che il paziente ha raggiunto lo stadio di remissione della malattia, il trattamento antibatterico deve essere continuato in cicli intermittenti. I termini di interruzione nel trattamento antibatterico sono stabiliti a seconda del grado di danno renale e del tempo di insorgenza dei primi segni di esacerbazione della malattia, cioè l'insorgenza dei sintomi della fase latente del processo infiammatorio.

antibiotici

Le medicine sono selezionate individualmente, tenendo conto della sensibilità della microflora a loro. I seguenti antibiotici sono più comunemente prescritti per la pielonefrite:

  • penicilline con acido clavulanico;
  • cefalosporine 2 e 3 generazioni;
  • fluorochinoloni.

Gli aminoglicosidi sono indesiderabili a causa della loro azione nefrotossica.

Come trattare i rimedi popolari pielonefrite

Il trattamento domiciliare dei rimedi pielonefriti popolari deve essere accompagnato da riposo a letto e da una dieta salutare costituita principalmente da alimenti vegetali in forma cruda, bollita o vapore.

  1. Nel periodo di esacerbazione aiuta una tale raccolta. Mescola anche foglie di betulla bianca, erba di erba di San Giovanni e poligono, fiori di calendula, frutti di finocchio (aneto farmaceutico). Versare in un thermos 300 ml di acqua bollente 1 cucchiaio. l. raccolta, insistono 1-1,5 ore, scarico. Beva l'infusione sotto forma di calore in 3-4 ricezione per 20 minuti prima dei pasti. Il corso dura 3-5 settimane.
  2. Al di fuori della esacerbazione della malattia, utilizzare un'altra raccolta: erba grossolana - 3 parti; l'erba del frassino (ortica sorda) e l'erba (paglia) dell'avena, le foglie di foglie medicinali, foglie d'inverno, cinorrodi e radici di liquirizia - in 2 parti. Prendi 2 cucchiai. l. raccolta, versare in un thermos 0,5 litri di acqua bollente, insistere 2 ore e filtrare. Bere un terzo di bicchiere 4 volte al giorno per 15-20 minuti prima dei pasti. Il corso dura 4-5 settimane, poi una pausa per 7-10 giorni e si ripete. Totale: fino a 5 corsi (fino a quando non si ottengono risultati stabili).

dieta

Quando l'infiammazione dei reni è importante per mantenere il riposo a letto e una dieta rigorosa. Usa molti liquidi per fermare la disidratazione, che è particolarmente importante per le donne incinte e le persone di età superiore ai 65 anni.

Nei processi infiammatori nei reni sono consentiti: carne magra e pesce, pane raffermo, zuppe vegetariane, verdure, cereali, uova sode, latticini, olio di semi di girasole. In piccole quantità, è possibile utilizzare cipolle, aglio, aneto e prezzemolo (essiccato), rafano, frutta e bacche, succhi di frutta e verdura. Proibito: carne e brodo di pesce, carne affumicata. È inoltre necessario ridurre il consumo di spezie e dolci.

Metodi di trattamento con Pyelonephritis

La pielonefrite è una grave malattia infettiva che può essere causata da vari microrganismi patogeni. L'identificazione di un agente patogeno specifico e la selezione della terapia antibatterica è il principale metodo di trattamento di questa patologia. La causa dello sviluppo della malattia diventa spesso una violazione del passaggio di urina, nefrolitiasi e altre anomalie nel sistema urinario.

A questo proposito, il trattamento della pielonefrite dovrebbe includere necessariamente anche misure per eliminare il fattore eziologico per prevenire ulteriori recidive dei processi infiammatori nei reni. I metodi terapeutici applicati sono selezionati in base alla gravità della malattia, alla natura del decorso, alla presenza di complicanze e alle peculiarità dello stato di salute del paziente. Nella forma acuta di pielonefrite o esacerbazioni della forma cronica, il trattamento deve essere effettuato sotto la stretta supervisione di specialisti.

Trattamento di pyelonephritis affilato

La pielonefrite acuta è un'infiammazione sierosa o purulenta con una lesione primaria del tessuto interstiziale renale. Nella maggior parte dei casi, la malattia si sviluppa in un solo rene. Il decorso acuto della malattia è caratterizzato dall'improvvisa comparsa di sintomi gravi come brividi, febbre, febbre, debolezza, ecc. Per evitare conseguenze, il trattamento della pielonefrite deve iniziare immediatamente e includere una serie di misure, inclusi antibiotici e altri farmaci, dieta e riposo a letto. Se necessario, viene anche applicato un intervento chirurgico per eliminare la causa della malattia.

Terapia farmacologica

Come trattare la pielonefrite e quali farmaci assumere? Il trattamento della pielonefrite acuta è raccomandato in ospedale. Nei primi giorni vengono mostrati il ​​riposo e il calore del letto rigoroso. La selezione della terapia farmacologica viene effettuata sulla base dei dati della coltura di batteriologia urinaria, la presenza o l'assenza di ostruzione del tratto urinario, lo stato funzionale dei reni e la gravità dell'infiammazione. Se un paziente ha una violazione del flusso normale di urina, allora prima di tutto vengono prese misure per ripristinarlo.

  • penicilline;
  • sulfamidici;
  • cefalosporine;
  • fluorochinoloni;
  • derivati ​​dell'acido pimemidovoy;
  • derivati ​​dell'acido nalidixico;
  • nitrofuany.

I principali requisiti per gli antibiotici per il trattamento della pielonefrite sono:

  • alta attività battericida;
  • nefrotossicità minima;
  • il massimo grado di eliminazione dall'urina.

Il criterio dell'efficacia della terapia antibiotica è la riduzione dei sintomi, l'intossicazione, il miglioramento dei reni e le condizioni generali del paziente 2-3 giorni dopo l'inizio del trattamento. Alla fine degli antibiotici, viene eseguita un'analisi ripetuta generale e batteriologica delle urine per monitorare l'efficacia della terapia prescritta. Inoltre, i metodi strumentali di ricerca possono essere utilizzati per valutare lo stato del sistema urinario: urografia escretoria, ultrasuoni, citoscopia, ecc.

Importante: se compaiono sintomi di infiammazione acuta dei reni, il paziente deve passare l'urina per l'esame batteriologico. La scoperta di microrganismi patogeni e la determinazione della loro sensibilità agli antibiotici consentiranno di scegliere il trattamento giusto.

Se la causa della pielonefrite è una malattia dei reni o di altri organi del sistema urinario, il trattamento della malattia di base è obbligatorio.

dieta

Una corretta alimentazione nella pielonefrite acuta aiuta l'organismo a far fronte all'infezione e riduce il carico sui reni. Inoltre, si raccomanda di bere molta acqua. Particolarmente utili saranno il succo di mirtillo e succo di mirtillo rosso o decotto di rosa canina, che hanno effetti anti-infiammatori e diuretici. Succhi di verdura o di frutta appena spremuti sono una preziosa fonte di vitamine aggiuntive di cui il corpo ha bisogno durante la malattia. È consentito bere acqua minerale, composte, tè verdi e alle erbe.

Per la pielonefrite acuta, è necessario rispettare le seguenti regole nutrizionali:

  • escludere completamente marinate, cibo in scatola, spezie, carni affumicate;
  • limitare il consumo di prodotti da forno e dolci;
  • escludere alcol, acqua gassata, tè nero forte e caffè;
  • non mangiare piatti fritti, grassi, piccanti e pepati contenenti pepe, rafano, aglio;
  • escludere cibi difficili da digerire (funghi, legumi, ecc.);
  • aumentare il numero di prodotti con azione diuretica (meloni, angurie, mele, zucchine, ecc.).

Frutta e verdura dovrebbero costituire la base della dieta in un primo momento, dopo aver rimosso l'infiammazione acuta, è possibile aggiungere carne magra bollita e prodotti lattiero-caseari.

Suggerimento: se l'infiammazione dei reni è accompagnata da un aumento della pressione, si consiglia di limitare o eliminare completamente l'assunzione di sale.

Trattamento chirurgico

Il trattamento chirurgico della pielonefrite viene effettuato in caso di grave danno al rene purulento, che è caratterizzato dalla formazione di carbuncoli e apostem, nel caso dell'inefficacia della terapia antibatterica e di altri metodi conservativi. Lo scopo dell'intervento chirurgico è fermare l'ulteriore progressione del processo infiammatorio, prevenirne la diffusione a rene sano, eliminare gli ostacoli al normale flusso di urina in caso di ostruzione. In questo caso, l'organo è decapulato, drenaggio e apertura di ascessi. Con una lesione completa dell'organo (stadio purulento-distruttivo), viene eseguita un'operazione per rimuovere il rene.

Trattamento di pyelonephritis cronico

In circa il 20% dei pazienti, la pielonefrite acuta diventa cronica, il cui corso è caratterizzato da un cambiamento nei periodi di remissione e riacutizzazioni. Nelle riacutizzazioni, gli stessi metodi terapeutici sono usati come nell'infiammazione acuta dei reni. Durante la remissione, il trattamento di pyelonephritis cronico è effettuato a casa sotto controlli medici regolari. In questo momento è necessario seguire una dieta, bere una tisana e, se possibile, sottoporsi a riabilitazione in un sanatorio specializzato. Una volta ogni tre mesi, tali pazienti devono visitare un medico, sottoporsi a un esame e essere sottoposti a test.

Per la prevenzione delle esacerbazioni raccomandate:

  • evitare l'ipotermia;
  • aderire al regime di bere corretto;
  • adottare misure per prevenire il raffreddore e le malattie infettive;
  • rafforzare il sistema immunitario;
  • seguire una dieta;
  • svuotamento regolare della vescica (ogni 3-4 ore);
  • prendere profilatticamente corsi brevi di farmaci antibatterici (in accordo con il medico);
  • seguire le regole dell'igiene intima.

Suggerimento: se si manifestano sintomi di esacerbazione della pielonefrite cronica, consultare immediatamente un medico.

Metodi tradizionali di trattamento

In caso di pielonefrite, il trattamento con rimedi popolari può essere utilizzato come ulteriore metodo di terapia sia per le riacutizzazioni che durante la remissione. A tale scopo, le erbe medicinali ad azione antinfiammatoria, battericida, antisettica e diuretica sotto forma di decotti o infusi vengono utilizzate singolarmente o come parte delle tasse. L'uso combinato di metodi tradizionali e tradizionali di trattamento della pielonefrite aiuta ad accelerare il recupero del paziente durante l'esacerbazione della malattia. Tra quelli utilizzati per scopi medicinali nell'infiammazione dei reni di rimedi popolari sono più efficaci:

  • succo dalle foglie di un uccello degli altipiani;
  • olio di propoli;
  • decotto di una miscela di foglie di uva ursina, palude di semi di lino, tè del rene, radice di liquirizia, boccioli di betulla;
  • decotto di avena in latte o acqua;
  • infusione di foglie di cowberry, fiori di fiordaliso blu, foglie di betulla;
  • decotto di corteccia di pioppo tremolo, uva ursina, foglie di sambuco di sambuco.

Importante: prima di iniziare l'uso di rimedi popolari per il trattamento della pielonefrite, è necessario consultare un medico, in quanto alcune piante potrebbero avere controindicazioni.

Ma forse è più corretto trattare non l'effetto, ma la causa?

Raccomandiamo di leggere la storia di Olga Kirovtseva, come ha guarito il suo stomaco. Leggi l'articolo >>

Medico di famiglia

Trattamento della pielonefrite cronica (articolo molto dettagliato e comprensibile, molte buone raccomandazioni)

Trattamento di pyelonephritis cronico

La pielonefrite cronica è un processo infettivo-infiammatorio cronico non specifico con danno predominante e iniziale al tessuto interstiziale, al sistema pelvico renale e ai tubuli renali con conseguente coinvolgimento dei glomeruli e dei vasi renali.

1. Modalità

Il regime del paziente è determinato dalla gravità della condizione, dalla fase della malattia (esacerbazione o remissione), dalle caratteristiche cliniche, dalla presenza o dall'assenza di intossicazione, dalle complicanze della pielonefrite cronica, dal grado di CRF.

Le indicazioni per il ricovero del paziente sono:

  • grave esacerbazione della malattia;
  • sviluppo di ipertensione arteriosa difficile da correggere;
  • progressione della CRF;
  • violazione dell'urodinamica, che richiede il ripristino del passaggio dell'urina;
  • chiarimento dello stato funzionale dei reni;
  • o sviluppo di una soluzione esperta.

In qualsiasi fase della malattia, i pazienti non devono essere sottoposti a raffreddamento, anche i carichi fisici significativi sono esclusi.
Con un decorso latente di pielonefrite cronica con un livello normale di pressione sanguigna o ipertensione lieve, così come la funzione renale preservata, non sono richieste limitazioni di modalità.
Con le riacutizzazioni della malattia, il regime è limitato ei pazienti con un alto grado di attività e febbre ricevono riposo a letto. Permesso di visitare la sala da pranzo e il bagno. Nei pazienti con ipertensione arteriosa alta, insufficienza renale, è consigliabile limitare l'attività motoria.
Con l'eliminazione della riacutizzazione, la scomparsa dei sintomi di intossicazione, la normalizzazione della pressione arteriosa, la riduzione o la scomparsa dei sintomi della malattia renale cronica, il regime del paziente viene ampliato.
L'intero periodo di trattamento della riacutizzazione della pielonefrite cronica alla piena espansione del regime dura circa 4-6 settimane (S. I. Ryabov, 1982).


2. Nutrizione medica

La dieta dei pazienti con pielonefrite cronica senza ipertensione arteriosa, edema e insufficienza renale cronica è poco diversa dalla dieta abituale, vale a dire cibo consigliato con un alto contenuto di proteine, grassi, carboidrati, vitamine. Una dieta lattiero-vegetale risponde a questi requisiti: sono ammessi anche carne e pesce bollito. Nella razione giornaliera è necessario includere piatti a base di verdure (patate, carote, cavoli, barbabietole) e frutti ricchi di potassio e vitamine C, P, gruppo B (mele, prugne, albicocche, uvetta, fichi, ecc.), Latte, prodotti caseari ( ricotta, formaggio, kefir, panna acida, yogurt, panna), uova (bollite, uova strapazzate, uova strapazzate). Il valore energetico giornaliero della dieta è 2000-2500 kcal. Durante l'intero periodo della malattia, l'assunzione di cibi piccanti e condimenti è limitata.

In assenza di controindicazioni al paziente, si raccomanda di consumare fino a 2-3 litri di liquidi al giorno sotto forma di acque minerali, bevande fortificate, succhi, bevande alla frutta, composte, gelatina. Succo di mirtillo o bevanda alla frutta è particolarmente utile, in quanto ha un effetto antisettico sui reni e sulle vie urinarie.

La diuresi forzata contribuisce al sollievo del processo infiammatorio. La restrizione dei liquidi è necessaria solo quando una esacerbazione della malattia è accompagnata da una violazione del deflusso delle urine o dell'ipertensione arteriosa.

Nel periodo di esacerbazione della pielonefrite cronica, l'uso di sale da cucina è limitato a 5-8 g al giorno e in caso di violazione del deflusso delle urine e dell'ipertensione arteriosa - fino a 4 g al giorno. Al di fuori della riacutizzazione, nella normale pressione sanguigna, è consentita una quantità praticamente ottimale di sale comune: 12-15 g al giorno.

In tutte le forme e in qualsiasi fase della pielonefrite cronica, si raccomanda di includere nella dieta angurie, meloni e zucche, che sono diuretici e aiutano a pulire le vie urinarie da germi, muco, piccole pietre.

Con lo sviluppo di CRF, la quantità di proteine ​​nella dieta è ridotta, con iperazotemia, viene prescritta una dieta a basso contenuto proteico, con prodotti contenenti potassio con iperkaliemia (per i dettagli, vedere "Trattamento dell'insufficienza renale cronica").

Nella pielonefrite cronica, è consigliabile prescrivere per 2-3 giorni principalmente alimenti acidificanti (pane, prodotti a base di farina, carne, uova), quindi per 2-3 giorni di dieta alcalinizzante (verdure, frutta, latte). Questo cambia il pH dell'urina, il rene interstiziale e crea condizioni sfavorevoli per i microrganismi.


3. trattamento eziologico

Il trattamento eziologico include l'eliminazione delle cause che hanno causato la violazione del passaggio dell'urina o della circolazione sanguigna renale, specialmente venosa, così come la terapia anti-infettiva.

Il recupero del deflusso delle urine si ottiene utilizzando interventi chirurgici (rimozione dell'adenoma della ghiandola prostatica, calcoli renali e delle vie urinarie, nefropessi per nefroptozoi, plastica dell'uretra o segmento uretero-pelvico, ecc.) Il restauro di passaggio di urina è necessario per pyelonephritis secondario cosiddetto. Senza il passaggio dell'urina ripristinata in misura sufficiente, l'uso della terapia anti-infettiva non dà una remissione persistente e prolungata della malattia.

La terapia anti-infettiva per la pielonefrite cronica è l'evento più importante sia per la variante secondaria che per quella primaria della malattia (non associata ad alterazioni del flusso di urina attraverso il tratto urinario). La scelta dei farmaci viene effettuata tenendo conto del tipo di agente patogeno e della sua sensibilità agli antibiotici, l'efficacia dei precedenti cicli di trattamento, la nefrotossicità dei farmaci, lo stato della funzionalità renale, la gravità del CRF, l'effetto della reazione delle urine sull'attività dei farmaci.

La pielonefrite cronica è causata dalla flora più varia. L'agente causale più frequente è E. coli, inoltre, la malattia può essere causata da enterococchi, Proteus volgare, Stafilococco, Streptococco, Pseudomonas bacillus, Mycoplasma, meno spesso - da funghi, virus.

Spesso la pielonefrite cronica è causata da associazioni microbiche. In alcuni casi, la malattia è causata da forme L di batteri, ad es. microrganismi trasformati con perdita della parete cellulare. La forma L è la forma adattativa dei microrganismi in risposta agli agenti chemioterapici. Le L-forme senza guscio sono inaccessibili agli agenti antibatterici più comunemente usati, ma conservano tutte le proprietà tossiche-allergiche e sono in grado di supportare il processo infiammatorio (nessun batterio viene rilevato con metodi convenzionali).

Per il trattamento di pyelonephritis cronico ha usato vari farmaci anti-infettivi - uroantiseptics.

I principali agenti causali della pielonefrite sono sensibili ai seguenti uroantisettici.
E. coli: Levomicetina, ampicillina, cefalosporine, carbenicillina, gentamicina, tetracicline, acido nalidixico, composti nitrofuranici, sulfonamidi, fosfatina, nolitsin, palin sono altamente efficaci.
Enterobacter: Levomicetina, gentamicina, palin sono altamente efficaci; tetracicline, cefalosporine, nitrofurani, acido nalidixico sono moderatamente efficaci.
Proteus: ampicillina, gentamicina, carbenicillina, nolitsin, palin sono altamente efficaci; Levomicetina, cefalosporine, acido nalidixico, nitrofurani, sulfonamidi sono moderatamente efficaci.
Pseudomonas aeruginosa: gentamicina altamente efficace, carbenicillina.
Enterococcus: l'ampicillina è altamente efficace; Carbenicillina, gentamicina, tetracicline, nitrofurani sono moderatamente efficaci.
Staphylococcus aureus (non formando penicillinasi): penicillina altamente efficace, ampicillina, cefalosporine, gentamicina; Carbenicillina, nitrofurani, sulfonamidi sono moderatamente efficaci.
Staphylococcus aureus (formando penicillinasi): oxacillina, meticillina, cefalosporine, gentamicina sono altamente efficaci; le tetracicline e i nitrofurani sono moderatamente efficaci.
Streptococco: penicillina altamente efficace, carbenicillina, cefalosporine; ampicillina, tetracicline, gentamicina, sulfonamidi, nitrofurani sono moderatamente efficaci.
Infezione da micoplasma: le tetracicline e l'eritromicina sono altamente efficaci.

Il trattamento attivo con uro-antisettici deve iniziare dai primi giorni di esacerbazione e continuare fino all'eliminazione di tutti i sintomi del processo infiammatorio. Dopo di ciò, è necessario prescrivere un trattamento anti-ricaduta.

Regole di base per la prescrizione della terapia antibiotica:
1. Conformità di agente antibatterico e sensibilità di microflora di urina a esso.
2. Il dosaggio del farmaco deve essere effettuato tenendo conto dello stato della funzione renale, il grado di CRF.
3. La nefrotossicità di antibiotici e altri agenti antisettici deve essere presa in considerazione e deve essere prescritto il minimo nefrotossico.
4. In assenza di un effetto terapeutico entro 2-3 giorni dall'inizio del trattamento, il farmaco deve essere cambiato.
5. Con un alto grado di attività del processo infiammatorio, grave intossicazione, grave decorso della malattia, l'inefficacia della monoterapia, è necessario combinare uroanteptics.
6. È necessario sforzarsi di ottenere la reazione dell'urina, la più favorevole all'azione degli agenti antibatterici.

I seguenti agenti antibatterici sono usati nel trattamento della pielonefrite cronica: antibiotici (Tabella 1), sulfamidici, composti nitrofuranici, fluorochinoloni, nitroxoline, nevigramone, gramurina, palin.

3.1. antibiotici


3.1.1. Farmaci di penicillina
Se l'eziologia della pielonefrite cronica è sconosciuta (il patogeno non è stato identificato), è meglio scegliere penicilline con uno spettro di attività esteso (ampicillina, amoxicillina) dai farmaci del gruppo della penicillina. Questi farmaci influenzano attivamente la flora gram-negativa, la maggior parte dei microrganismi gram-positivi, ma non sono sensibili agli stafilococchi, producendo penicillinasi. In questo caso, devono essere combinati con oxacillina (ampiox) o applicare combinazioni altamente efficaci di ampicillina con inibitori della beta-lattamasi (penicillinasi): unazina (ampicillina + sulbactam) o augmentina (amoxicillina + clavulanato). Carbenicillina e azclocillina hanno una pronunciata attività anti-parassita.

3.1.2. Le droghe raggruppano cefalosporine
Le cefalosporine sono molto attive, hanno un potente effetto battericida, hanno un ampio spettro antimicrobico (influenzano attivamente la flora gram-positiva e gram-negativa), ma hanno poco o nessun effetto sugli enterococchi. Solo ceftazidima (fortum) e cefoperazone (cefobid) hanno un effetto attivo sulla pseudomonas aeruginosa da cefalosporine.

3.1.3. preparazioni carbapenemi
I carbapenemi hanno un ampio spettro d'azione (flora gram-positiva e gram-negativa, tra cui Pseudomonas aeruginosa e stafilococchi, producendo penicillinasi - beta-lattamasi).
Nel trattamento della pielonefrite dai farmaci di questo gruppo, si utilizza imipineum, ma necessariamente in associazione con cilastatina, poiché la cilastatina è un inibitore della deidropretidasi e inibisce l'inattivazione renale di imipinem.
L'imipineum è una riserva di antibiotici e viene prescritto per infezioni gravi causate da ceppi di microrganismi resistenti multipli e per infezioni miste.

3.1.5. Preparati aminoglicosidi
Gli aminoglicosidi hanno un'azione battericida potente e più rapida rispetto agli antibiotici beta-lattamici, hanno un ampio spettro antimicrobico (gram-positivo, flora gram-negativa, bacillo blu del pus). Va ricordato del possibile effetto nefrotossico degli aminoglicosidi.

3.1.6. Preparati a base di lincosamina
Le lincosamine (lincomicina, clindamicina) hanno un effetto batteriostatico, hanno uno spettro di attività piuttosto ristretto (cocchi gram-positivi, streptococchi, stafilococchi, compresi quelli che producono penicillinasi, anaerobi non sporogeni). Le lincosamine non sono attive contro gli enterococchi e la flora gram-negativa. La resistenza della microflora, in particolare gli stafilococchi, si sta rapidamente sviluppando verso le lincosamine. Nella pielonefrite cronica grave, le lincosamine devono essere combinate con aminoglicosidi (gentamicina) o con altri antibiotici che agiscono su batteri gram-negativi.

3.1.7. cloramfenicolo
Levomicetina - antibiotico batteriostatico, attivo contro batteri gram-positivi, gram-negativi, aerobi, anaerobi, micoplasma, clamidia. Pseudomonas aeruginosa è resistente al cloramfenicolo.

3.1.8. fosfomycin
La fosfomicina - un antibiotico battericida con un ampio spettro d'azione (agisce su microrganismi gram-positivi e gram-negativi, è anche efficace contro i patogeni resistenti ad altri antibiotici). Il farmaco viene escreto immodificato nelle urine, pertanto, è molto efficace nella pielonefrite ed è addirittura considerato un farmaco di riserva per questa malattia.

3.1.9. Considerazione della reazione di urina
Nell'appuntamento di antibiotici per pyelonephritis dovrebbe considerare la reazione di urina.
Con l'urina acida aumenta l'effetto dei seguenti antibiotici:
- penicillina e suoi farmaci semi-sintetici;
- tetracicline;
- novobiocina.
Quando l'urina alcalina aumenta l'effetto dei seguenti antibiotici:
- eritromicina;
- oleandomicina;
- lincomicina, dalacina;
- aminoglicosidi.
Farmaci la cui azione non dipende dal mezzo di reazione:
- cloramfenicolo;
- ristomycin;
- vancomicina.

3.2. sulfamidici

Sulfonamidi nel trattamento di pazienti con pielonefrite cronica sono utilizzati meno frequentemente rispetto agli antibiotici. Hanno proprietà batteriostatiche, agiscono su cocchi gram-positivi e gram-negativi, "bastoncini" gram-negativi (E. coli), clamidia. Tuttavia, gli enterococchi, il bastone piocianico, gli anaerobi non sono sensibili ai sulfonamidi. L'effetto delle sulfonamidi aumenta con l'urina alcalina.

Urosulfan - viene somministrato 1 g 4-6 volte al giorno, mentre nelle urine viene creata un'alta concentrazione del farmaco.

Preparati combinati di sulfonammidi con trimetoprim - sono caratterizzati da sinergismo, un marcato effetto battericida e un ampio spettro di attività (flora gram-positiva - streptococchi, stafilococchi, compresa la produzione di penicillina, flora gram-negativa - batteri, clamidia, micoplasma). I farmaci non agiscono sul bacillo e sugli anaerobi pseudomonas.
Bactrim (Biseptol) - una combinazione di 5 parti sulfametossazolo e 1 parte trimetoprim. È somministrato per via orale in compresse da 0,48 g a 5-6 mg / kg al giorno (in 2 dosi); per via endovenosa in fiale da 5 ml (0,4 g di sulfametossazolo e 0,08 g di trimetoprim) in una soluzione isotonica di cloruro di sodio 2 volte al giorno.
Groseptol (0,4 g di sulfamerazolo e 0,08 g di trimetoprim in 1 compressa) viene somministrato per via orale 2 volte al giorno a una dose media di 5-6 mg / kg al giorno.
Lidaprim è una preparazione combinata contenente sulfametrolo e trimetoprim.

Queste sulfonamidi si dissolvono bene nelle urine, quasi non cadono sotto forma di cristalli nelle vie urinarie, ma è comunque consigliabile bere ogni dose del farmaco con acqua gassata. Nel corso del trattamento, è anche necessario controllare il numero di leucociti nel sangue, poiché lo sviluppo di leucopenia è possibile.

3.3. chinoloni

I chinoloni sono a base di 4-chinoloni e sono classificati in due generazioni:
I generazione:
- acido nalidixico (nevigramon);
- acido ossolinico (gramurina);
- acido pipemidovy (palin).
II generazione (fluorochinoloni):
- ciprofloxacina (cyprobay);
- Ofloxacina (Tarvid);
- pefloxacina (abactal);
- norfloxacina (nolitsin);
- lomefloxacina (maksakvin);
- enoxacina (penetrex).

3.3.1. I chinoloni di generazione
Acido nalidixico (Nevigramone, Negram) - il farmaco è efficace per le infezioni del tratto urinario causate da batteri Gram-negativi, ad eccezione di Pseudomonas aeruginosa. È inefficace contro i batteri gram-positivi (stafilococco, streptococco) e anaerobi. Agisce batteriostatico e battericida. Quando si prende il farmaco all'interno crea un'alta concentrazione nelle urine.
Con l'urina alcalina, l'effetto antimicrobico degli aumenti di acido nalidixico.
Disponibile in capsule e compresse da 0,5 g, viene somministrato per via orale in 1-2 compresse 4 volte al giorno per almeno 7 giorni. Con il trattamento a lungo termine, usare 0,5 g 4 volte al giorno.
Possibili effetti collaterali del farmaco: nausea, vomito, mal di testa, vertigini, reazioni allergiche (dermatiti, febbre, eosinofilia), aumento della sensibilità cutanea alla luce solare (fotodermatosi).
Controindicazioni all'uso di Nevigrammon: alterazione della funzionalità epatica, insufficienza renale.
L'acido nalidixico non deve essere somministrato contemporaneamente ai nitrofurani, poiché riduce l'effetto antibatterico.

L'acido ossolinico (gramurina) - sullo spettro antimicrobico della gramurina è vicino all'acido nalidixico, è efficace contro i batteri gram-negativi (E. coli, Proteus), Staphylococcus aureus.
Disponibile in compresse da 0,25 g Assegnato a 2 compresse 3 volte al giorno dopo i pasti per almeno 7-10 giorni (fino a 2-4 settimane).
Gli effetti collaterali sono gli stessi del trattamento con Nevigrammon.

L'acido pipemidovy (palin) - è efficace contro la flora gram-negativa, così come gli pseudomonas, gli stafilococchi.
Disponibile in capsule da 0,2 g e compresse da 0,4 g Nominato da 0,4 g 2 volte al giorno per 10 o più giorni.
La tollerabilità del farmaco è buona, a volte nausea, reazioni cutanee allergiche.

3.3.2. Chinoloni II generazione (fluorochinoloni)
I fluorochinoloni sono una nuova classe di agenti antibatterici sintetici ad ampio spettro. I fluorochinoloni hanno un ampio spettro d'azione, sono attivi contro la flora gram-negativa (E. coli, enterobacter, Pseudomonas aeruginosa), i batteri gram-positivi (stafilococco, streptococco), la legionella, il micoplasma. Tuttavia, gli enterococchi, la clamidia e la maggior parte degli anaerobi sono insensibili per loro. I fluorochinoloni penetrano bene in vari organi e tessuti: polmoni, reni, ossa, prostata, hanno una lunga emivita, quindi possono essere usati 1-2 volte al giorno.
Gli effetti collaterali (reazioni allergiche, disturbi dispeptici, disbiosi, agitazione) sono piuttosto rari.

La ciprofloxacina (Cyprobay) è il "gold standard" tra i fluorochinoloni, poiché è superiore nella resistenza antimicrobica a molti antibiotici.
Disponibile in compresse da 0,25 e 0,5 ge in flaconcini con una soluzione per infusione contenente 0,2 g di cyprobial. Nominato all'interno, indipendentemente dall'assunzione di cibo di 0,25-0,5 g 2 volte al giorno, con una grave esacerbazione della pielonefrite, il farmaco viene prima somministrato per via endovenosa 0,2 g 2 volte al giorno, e quindi la somministrazione orale continua.

Ofloxacina (Tarvid) - disponibile in compresse da 0,1 e 0,2 g e in flaconcini per somministrazione endovenosa di 0,2 g.
Molto spesso, la ofloxacina viene prescritta 0,2 g 2 volte al giorno per via orale, per infezioni molto gravi, il farmaco viene prima somministrato per via endovenosa alla dose di 0,2 g 2 volte al giorno, quindi trasferito alla somministrazione orale.

Pefloxacina (abactal) - disponibile in compresse da 0,4 g e 5 ml fiale contenenti 400 mg di abactal. Assegnato all'interno di 0,2 g 2 volte al giorno durante i pasti, in caso di gravi condizioni, 400 mg vengono introdotti per via endovenosa in 250 ml di soluzione di glucosio al 5% (l'abactal non può essere sciolto in soluzioni saline) al mattino e alla sera e poi trasferiti all'ingestione.

La norfloxacina (Nolitsin) è prodotta in compresse da 0,4 g, somministrata per via orale a 0,2-0,4 g 2 volte al giorno, per infezioni del tratto urinario acuto per 7-10 giorni, per infezioni croniche e ricorrenti - fino a 3 mesi.

Lomefloxacina (maksakvin) - si presenta in compresse da 0,4 g, somministrato per via orale 400 mg 1 volta al giorno per 7-10 giorni, nei casi più gravi è possibile utilizzare più a lungo (fino a 2-3 mesi).

Enoxacin (Penetrex) - disponibile in compresse da 0,2 e 0,4 g, somministrato per via orale a 0,2-0,4 g, 2 volte al giorno, non può essere combinato con i FANS (possono verificarsi convulsioni).

A causa del fatto che i fluorochinoloni hanno un effetto pronunciato sui patogeni delle infezioni urinarie, sono considerati il ​​mezzo di scelta nel trattamento della pielonefrite cronica. Con infezioni urinarie non complicate, un trattamento di tre giorni con fluorochinoloni è considerato sufficiente, con infezioni urinarie complicate, il trattamento viene continuato per 7-10 giorni, con infezioni croniche delle vie urinarie è anche possibile utilizzarlo per un periodo più lungo (3-4 settimane).

È stato dimostrato che i fluorochinoloni possono essere combinati con antibiotici battericidi - penicilline antigene (carbenicillina, azlocillina), ceftazidima e imipenem. Queste combinazioni sono prescritte per la comparsa di ceppi batterici resistenti alla monoterapia con fluorochinoloni.
Va sottolineata la bassa attività dei fluorochinoloni in relazione a pneumococco e anaerobi.

3.4. Nitrofuran Composti

I composti nitrofuranici hanno un ampio spettro di attività (cocchi gram-positivi - streptococchi, stafilococchi, bacilli gram-negativi - Escherichia coli, Proteus, Klebsiella, Enterobacter). Insensibile ai composti nitrofuranici anaerobi, pseudomonas.
Durante il trattamento, i composti nitrofuranici possono avere effetti collaterali indesiderati: disturbi dispeptici;
epatotossicità; neurotossicità (danno al sistema nervoso centrale e periferico), in particolare con insufficienza renale e trattamento a lungo termine (più di 1,5 mesi).
Controindicazioni alla nomina di composti nitrofuranici: grave malattia del fegato, insufficienza renale, malattie del sistema nervoso.
I seguenti composti di nitrofurano sono usati più spesso nel trattamento della pielonefrite cronica.

Furadonina - disponibile in compresse da 0,1 g; è ben assorbito nel tratto gastrointestinale, crea basse concentrazioni nel sangue e alte concentrazioni nelle urine. Nominato all'interno da 0,1-0,15 g 3-4 volte al giorno durante o dopo i pasti. La durata del ciclo di trattamento è di 5-8 giorni, in assenza di effetti durante questo periodo non è pratico continuare il trattamento. L'effetto della furadonina aumenta con l'urina acida e si indebolisce quando il pH delle urine è> 8.
Il farmaco è raccomandato per la pielonefrite cronica, ma non è pratico per la pielonefrite acuta, in quanto non crea un'alta concentrazione nel tessuto renale.

Furagina: rispetto alla furadonina è meglio assorbita nel tratto gastrointestinale, è meglio tollerata, ma la sua concentrazione nelle urine è inferiore. Disponibile in compresse e capsule da 0,05 ge sotto forma di polvere in lattine da 100 g
È applicato internamente su 0,15-0,2 g 3 volte al giorno. La durata del trattamento è di 7-10 giorni. Se necessario, ripetere il trattamento dopo 10-15 giorni.
In caso di grave esacerbazione della pielonefrite cronica, la furagina solubile o il solforo possono essere iniettati per via endovenosa (300-500 ml di soluzione allo 0,1% al giorno).

I composti nitrofuranici sono ben combinati con antibiotici aminoglicosidi, cefalosporine, ma non combinati con penicilline e cloramfenicolo.

3.5. Chinoline (derivati ​​dell'8-idrossichinolina)

Nitroxolina (5-NOK) - disponibile in compresse da 0,05 g Ha un ampio spettro di azione antibatterica, vale a dire colpisce la flora gram-negativa e gram-positiva, rapidamente assorbita nel tratto digestivo, escreta invariata dai reni e crea un'alta concentrazione nelle urine.
Assegnato all'interno di 2 compresse 4 volte al giorno per almeno 2-3 settimane. Nei casi resistenti, vengono prescritte 3-4 compresse 4 volte al giorno. Come richiesto, è possibile richiedere un corso di lunga durata di 2 settimane al mese.
La tossicità del farmaco è insignificante, gli effetti collaterali sono possibili; disturbi gastrointestinali, eruzioni cutanee. Nel trattamento del 5-NOC, l'urina diventa giallo zafferano.


Quando si trattano pazienti con pielonefrite cronica, deve essere presa in considerazione la nefrotossicità dei farmaci e si deve dare la preferenza alla meno nefrotossica - penicillina e penicilline semisintetiche, carbenicillina, cefalosporine, cloramfenicolo, eritromicina. Il gruppo aminoglicosidico più nefrotossico.

Se è impossibile determinare l'agente eziologico della pielonefrite cronica o prima di ricevere i dati dell'antibiogramma, è necessario prescrivere farmaci antibatterici di ampio spettro d'azione: ampiks, carbenicillina, cefalosporine, chinoloni nitroxoline.

Con lo sviluppo di CRF, le dosi di uroanteptiche diminuiscono e gli intervalli aumentano (vedi "Trattamento dell'insufficienza renale cronica"). Gli aminoglicosidi non sono prescritti per il CRF, i composti nitrofuranici e l'acido nalidixico possono essere prescritti per il CRF solo in fasi latenti e compensate.

Tenendo conto della necessità di un aggiustamento della dose nell'insufficienza renale cronica, si possono distinguere quattro gruppi di agenti antibatterici:

  • antibiotici, il cui uso è possibile in dosi abituali: dicloxacillina, eritromicina, cloramfenicolo, oleandomicina;
  • antibiotici, la cui dose è ridotta del 30% con un aumento del contenuto di urea nel sangue di oltre 2,5 volte rispetto alla norma: penicillina, ampicillina, oxacillina, meticillina; questi farmaci non sono nefrotossici, ma con CRF si accumulano e producono effetti collaterali;
  • farmaci antibatterici, il cui uso nell'insufficienza renale cronica richiede un aggiustamento della dose e intervalli di somministrazione obbligatori: gentamicina, carbenicillina, streptomicina, kanamicina, biseptolo;
  • agenti antibatterici, il cui uso non è raccomandato per CKD grave: tetracicline (eccetto doxiciclina), nitrofurani, nevigramone.

Il trattamento con agenti antibatterici in pyelonephritis cronico è effettuato sistematicamente e per molto tempo. Il corso iniziale del trattamento antibatterico è di 6-8 settimane, durante questo periodo è necessario raggiungere la soppressione dell'agente infettivo nel rene. Di regola, durante questo periodo è possibile ottenere l'eliminazione di manifestazioni cliniche e di laboratorio dell'attività del processo infiammatorio. Nei casi gravi del processo infiammatorio, vengono utilizzate varie combinazioni di agenti antibatterici. Un'efficace combinazione di penicillina e suoi farmaci semi-sintetici. I preparati di acido nalidixico possono essere combinati con antibiotici (carbenicillina, aminoglicosidi, cefalosporine). Gli antibiotici combinano 5-NOK. Combina perfettamente e migliora reciprocamente l'azione degli antibiotici battericidi (penicilline e cefalosporine, penicilline e aminoglicosidi).

Dopo che il paziente ha raggiunto lo stadio di remissione, il trattamento antibatterico deve essere continuato in cicli intermittenti. I cicli ripetuti di terapia antibiotica nei pazienti con pielonefrite cronica devono essere prescritti 3-5 giorni prima della comparsa prevista dei segni di esacerbazione della malattia, in modo che la fase di remissione persista per un lungo periodo. I cicli ripetuti di trattamento antibatterico vengono eseguiti per 8-10 giorni con farmaci a cui è stata precedentemente identificata la sensibilità dell'agente causativo della malattia, poiché non vi è alcuna batteriuria nella fase latente dell'infiammazione e durante la remissione.

I metodi di corsi anti-recidivi in ​​pyelonephritis cronico sono descritti sotto.

A. Ya. Pytel raccomanda il trattamento della pielonefrite cronica in due fasi. Durante il primo periodo, il trattamento viene effettuato continuamente con la sostituzione del farmaco antibatterico con un altro ogni 7-10 giorni fino a quando si verifica la scomparsa persistente di leucocituria e batteriuria (per un periodo di almeno 2 mesi). Dopo di ciò, il trattamento intermittente con farmaci antibatterici per 15 giorni con intervalli di 15-20 giorni viene effettuato per 4-5 mesi. Con la remissione persistente a lungo termine (dopo 3-6 mesi di trattamento), non è possibile prescrivere agenti antibatterici. Dopo di ciò, viene eseguito un trattamento anti-recidivo - applicazione sequenziale (3-4 volte all'anno) di agenti antibatterici, antisettici, piante medicinali.


4. L'uso dei FANS

Negli ultimi anni è stata discussa la possibilità di utilizzare i FANS per la pielonefrite cronica. Questi farmaci hanno un effetto anti-infiammatorio a causa di una diminuzione della fornitura di energia del sito di infiammazione, ridurre la permeabilità capillare, stabilizzare le membrane dei lisosomi, causare un lieve effetto immunosoppressore, effetto antipiretico e analgesico.
Inoltre, l'uso dei FANS ha lo scopo di ridurre gli effetti reattivi causati dal processo infettivo, prevenendo la proliferazione, la distruzione delle barriere fibrose in modo che i farmaci antibatterici raggiungano il focus infiammatorio. Tuttavia, è stato stabilito che l'uso a lungo termine di indometacina può causare necrosi delle papille renali e compromissione dell'emodinamica renale (Yu. A. Pytel).
Dei FANS, il Voltarena (diclofenac-sodio), che ha un potente effetto anti-infiammatorio ed è il meno tossico, è il più appropriato. Voltaren viene prescritto 0,25 g 3-4 volte al giorno dopo i pasti per 3-4 settimane.


5. Miglioramento del flusso sanguigno renale

Flusso ematico renale compromesso ha un ruolo importante nella patogenesi della pielonefrite cronica. È stato stabilito che con questa malattia si verifica una distribuzione non uniforme del flusso ematico renale, che si esprime nell'ipossia della corteccia e flebostasi nella sostanza midollare (Yu. A. Pytel, I. I. Zolotarev, 1974). A questo proposito, nella terapia complessa di pyelonephritis cronico, è necessario usare medicine che correggono disordini circolatori nel rene. A questo scopo, vengono utilizzati i seguenti mezzi.

Trental (pentossifillina) - aumenta l'elasticità degli eritrociti, riduce l'aggregazione piastrinica, aumenta la filtrazione glomerulare, ha un leggero effetto diuretico, aumenta l'apporto di ossigeno nell'area interessata dal tessuto ischemico, così come il volume degli impulsi renali.
Trental viene somministrato per via orale a 0,2-0,4 g 3 volte al giorno dopo i pasti, dopo 1-2 settimane la dose è ridotta a 0,1 g 3 volte al giorno. La durata del trattamento è di 3-4 settimane.

Curantil - riduce l'aggregazione piastrinica, migliora la microcircolazione, è assegnato a 0,025 g 3-4 volte al giorno per 3-4 settimane.

Venoruton (troksevazin) - riduce la permeabilità capillare e l'edema, inibisce l'aggregazione di piastrine ed eritrociti, riduce il danno ischemico del tessuto, aumenta il flusso sanguigno capillare e il deflusso venoso dal rene. Il venoruton è un derivato semisintetico della rutina. Il farmaco è disponibile in capsule da 0,3 g e 5 ml fiale con soluzione al 10%.
Yu. A. Pytel e Yu. M. Esilevsky suggeriscono che, al fine di ridurre la durata del trattamento di esacerbazione della pielonefrite cronica, oltre alla terapia antibatterica venorutone deve essere prescritto per via endovenosa ad una dose di 10-15 mg / kg per 5 giorni, quindi di 5 mg / kg 2 volte giorno per l'intero corso del trattamento.

Eparina - riduce l'aggregazione piastrinica, migliora la microcircolazione, ha effetto anti-infiammatorio e anti-complementare, immunosoppressivo, inibisce l'effetto citotossico dei linfociti T, in piccole dosi protegge l'intima dei vasi sanguigni dall'azione dannosa di endotossina.
In assenza di controindicazioni (diatesi emorragica, ulcere gastriche e duodenali), l'eparina può essere prescritta durante la terapia complessa della pielonefrite cronica con 5.000 U o 2-3 volte al giorno sotto la pelle addominale per 2-3 settimane, seguita da una graduale diminuzione della dose oltre 7-10 giorni fino alla completa cancellazione.


6. Ginnastica passiva funzionale dei reni.

L'essenza della ginnastica passiva funzionale dei reni risiede nell'alternanza periodica del carico funzionale (dovuto allo scopo del saluretic) e nello stato di riposo relativo. I saluretici, che causano la poliuria, aiutano a massimizzare la mobilizzazione di tutte le capacità di riserva del rene includendo un gran numero di nefroni nell'attività (in normali condizioni fisiologiche, solo il 50-85% dei glomeruli sono in uno stato attivo). Nella ginnastica passiva funzionale dei reni, vi è un aumento non solo nella diuresi, ma anche nel flusso sanguigno renale. A causa dell'ipovolemia emersa, la concentrazione di sostanze antibatteriche nel siero del sangue e nel tessuto renale aumenta, aumenta la loro efficacia nella zona di infiammazione.

Come mezzo di ginnastica passiva funzionale dei reni, il lasix è comunemente usato (Yu. A. Pytel, I. I. Zolotarev, 1983). Nominato 2-3 volte a settimana 20 mg di lasix per via endovenosa o 40 mg di furosemide all'interno con il controllo della diuresi giornaliera, il contenuto di elettroliti nel siero del sangue e i parametri biochimici del sangue.

Reazioni negative che possono verificarsi durante la ginnastica passiva dei reni:

  • l'uso prolungato del metodo può portare all'esaurimento della capacità di riserva dei reni, che si manifesta nel deterioramento della loro funzione;
  • la ginnastica passiva senza supervisione dei reni può portare alla rottura del bilancio idrico ed elettrolitico;
  • la ginnastica passiva dei reni è controindicata in violazione del passaggio di urina dal tratto urinario superiore.


7. Medicina di erbe

Nella terapia complessa di pielonefrite cronica si usano farmaci che hanno proprietà antinfiammatorie, diuretiche e con sviluppo di ematuria - effetto emostatico (Tabella 2).