Trattamento di pyelonephritis a casa

Diete

In questo articolo parleremo del trattamento della pielonefrite a casa. Se la riacutizzazione della pielonefrite cronica è accompagnata da un brusco aumento o calo della pressione sanguigna, o febbre alta e dolore possono essere sospettati di fuoriuscita urinaria o processo suppurativo che può richiedere un intervento chirurgico, o il livello di tossine nel sangue aumenta, o nausea e vomito non consentono di essere trattati con pillole, quindi l'ospedalizzazione è meglio non rifiutare. In altri casi, puoi essere trattato a casa.

Quali fasi emettono durante la pielonefrite?

  1. Decorso attivo: dolore alla regione lombare o all'addome, febbre, aumento della pressione, minzione frequente, piccolo gonfiore, leucociti e batteri nelle urine in grandi quantità, segni di un processo infiammatorio nelle analisi del sangue.
  2. Infiammazione latente: nessun reclamo, conta ematica normale, tuttavia il numero di leucociti è aumentato nell'analisi delle urine. La batteriuria non può essere.
  3. Remissione: nessun reclamo, nessuna deviazione nei test del sangue e delle urine.

Quale modalità dovrebbe essere seguita nel trattamento della pielonefrite?

  • Nella fase di remissione o di infiammazione latente, è sufficiente evitare l'ipotermia, il freddo umido è particolarmente pericoloso: il rafting in kayak su un fiume di montagna o una battaglia con un raccolto nella pioggia autunnale potrebbe trasformarsi in un letto d'ospedale.
    È molto buono se si può prendere una posizione sdraiata per mezz'ora nel bel mezzo della giornata. E le situazioni in cui lo svuotamento della vescica è troppo raro sono completamente inaccettabili. È ottimale andare in bagno ogni 3-4 ore.
  • La fase di infiammazione attiva, soprattutto nei primi giorni, non riguarda solo la casa, ma il riposo a letto, la modalità "coperta". Puoi leggere, guardare la TV o giocare al computer - la cosa principale è che siano soddisfatte le seguenti condizioni: calore e posizione orizzontale.

Quale dieta è necessaria per la riacutizzazione della pielonefrite?

  • Il primo e il più importante è più fluido. Hai bisogno di bere almeno un litro e mezzo al giorno, e la bevanda migliore è il succo di mirtillo o di mirtillo rosso, il brodo di rosa canina, ma anche il tè, il succo di frutta, i succhi di frutta e verdura e l'acqua minerale sono meravigliosi.
  • Quando l'ipertensione è limitata al sale e tutti i prodotti con un alto contenuto di esso - salsicce, sottaceti, in scatola, affumicato.
  • È necessario escludere alcol, caffè, spezie, rafano, aglio, funghi e legumi durante l'esacerbazione della dieta.
  • Nella stagione, angurie, zucche e meloni completeranno il trattamento.

Quale trattamento farmacologico viene utilizzato per la pielonefrite?

Antibiotici. A una riacutizzazione non fare a meno di loro, ma in modo ottimale, se prescritti da un medico, meglio ancora, se allo stesso tempo si spiegherà come raccogliere e dove far passare l'urina per il raccolto sulla flora e la sensibilità agli antibiotici.

Tipicamente, gli agenti causali della pielonefrite sono rappresentanti della flora intestinale obbligata (E. coli, Klebsiella, Proteus), quindi la disbatteriosi durante il trattamento è quasi inevitabile. Pertanto, più accuratamente viene scelto un antibiotico, più velocemente sarà possibile far fronte alla batteriuria, maggiore è la probabilità che le esacerbazioni vengano evitate. Di solito per 5-7 giorni, il farmaco viene prescritto empiricamente, e poi modificato in base ai risultati della semina. La durata del corso dipende dai risultati dell'esame nel tempo: dopo la normalizzazione dei test delle urine, il trattamento viene continuato per un'altra settimana, in modo che i farmaci antibatterici possano essere prescritti per 2 e 3-4 settimane.

Una riduzione nel corso del trattamento o una pillola irregolare comporterà un decorso prolungato o una ricaduta e molto probabilmente la sensibilità all'antibiotico la prossima volta sarà ridotta. Pertanto, la pielonefrite a casa richiede coscienza e disciplina del paziente.

Il più delle volte in ambulatorio uso protetta penicilline (Augmentin), cefalosporine di seconda generazione (ceftibuten, cefuroxime), fluorochinoloni (ciprofloxacina, norfloxacina, ofloxacina) e nitrofurani (furadonin, FURAMAG) e Palin, Biseptol e nitroxolina - ma a loro la sensibilità di alcuni diminuito negli ultimi anni.

Medicina di erbe nel trattamento della pielonefrite

Certamente, con allergie, specialmente pollinosi, tale trattamento dovrà essere abbandonato. Ma in generale, è un'aggiunta piacevole e utile: oltre all'effetto antisettico, molte erbe possono ridurre gli spasmi del tratto urinario (avena, ortosiphon), ridurre il sanguinamento (ortica, rosa canina), ridurre il gonfiore (coda di cavallo, uva ursina) e ridurre la dispepsia, che spesso accompagna la somministrazione di antibiotici ( camomilla, piantaggine, foglia di fragola).
Ci sono farmaci a base di erbe (Kanefron, Phytolysinum), la farmacia ha venduto tasse finiti e estate nelenivyh potrebbe fare scorte di erbe, e poi bere tè di prevenzione - in particolare freddo tardo autunno e durante il disgelo primaverile.

Il problema del trattamento durante una riacutizzazione - per ottenere la completa remissione clinica e di laboratorio. A volte anche un trattamento di 6 settimane con antibiotici non dà il risultato desiderato. In questi casi, in pratica lo schema quando per sei mesi su base mensile è assegnato ad alcun farmaco antibatterico per 10 giorni (ogni volta - l'altra, ma tenendo conto della sensibilità dello spettro), e altre volte - erbe diuretiche.

Denti curati tempestivamente, indumenti adeguati, assenza di ipotermia, buona igiene intima, regime di consumo normale - tutto questo è la prevenzione delle esacerbazioni della pielonefrite cronica. E se la esacerbazione non è stata evitata, allora è possibile e necessario essere curati a casa - ma sotto la costante sorveglianza di laboratorio, perché con la pielonefrite il benessere non è sempre un segno di completa guarigione.

Quale dottore contattare

In caso di esacerbazione di pyelonephritis cronico, un nefrologo, un medico generico può prescrivere il trattamento e un pediatra in bambini. Puoi anche contattare il tuo urologo. Al paziente deve essere assegnato un test delle urine per determinare la sensibilità della microflora agli antibiotici. Inoltre, a casa dovrebbe essere monitorato la quantità di urina, monitorare la pressione sanguigna, la temperatura e il polso.

Come trattare la pielonefrite a casa: ricette e tecniche

La pielonefrite è una malattia caratterizzata dall'infiammazione dei tessuti dei reni causata dall'infezione. L'infezione può verificarsi sia quando viene ingerita da un agente patogeno dall'esterno, sia quando aumenta la crescita di microrganismi condizionatamente patogeni che risiedono costantemente nel corpo. La patologia si verifica spesso durante la gravidanza, ma si verifica anche negli uomini e nei bambini a qualsiasi età. Il corso può essere acuto o cronico. I sintomi principali sono affaticamento, dolore lombare, minzione dolorosa, febbre e così via. A seconda dei sintomi, il trattamento è selezionato.

Trattamenti non convenzionali per la pielonefrite

Dieta, terapia antibiotica, nonché rimedi popolari per pielonefrite vengono utilizzati per normalizzare la condizione. Grazie a quest'ultimo, è possibile accelerare il processo di recupero, nonché eliminare il verificarsi di complicazioni. Ci sono un numero enorme di ricette che ti permettono di normalizzare lo stato. Inoltre, l'omeopatia viene spesso utilizzata. Soprattutto questa tecnica è efficace nel decorso cronico della malattia. Il principale vantaggio di questi farmaci è che essi influenzano non solo il processo patologico, ma l'intero organismo. Questo aumenta la naturale resistenza al patogeno, che accelera il processo di recupero.

Inoltre, il programma di base Tiens ha funzionato bene. Include diversi farmaci mirati alla normalizzazione del lavoro dei reni e al ripristino dell'immunità. Inoltre, scegliendo l'integratore alimentare Tiens, il valore dovrebbe essere dato al trattamento sintomatico, cioè aggiungere ai complessi del corso volti a normalizzare la pressione sanguigna, oltre a ridurre gli effetti della patologia.

Quando si utilizzano questi metodi, non si dovrebbe scegliere il corso da soli. Si raccomanda di contattare uno specialista esperto e insieme a lui scegliere un trattamento a seconda delle condizioni dei reni, nonché sulla presenza o assenza di comorbidità.

Trattamento di pyelonephritis con ricette popolari

Prima di tutto, notiamo che l'efficacia del trattamento dipende direttamente dalla corretta alimentazione. Deve necessariamente includere tè e bevande alla frutta. I mirtilli e i mirtilli rossi sono eccellenti per la loro preparazione, poiché hanno una proprietà antinfiammatoria pronunciata. Inoltre, non dimenticare di verdure. Includere nella dieta anguria, melone, zucca e così via. A causa dell'effetto diuretico, la pulizia dei reni sarà molto più veloce.

Con la giusta selezione di erbe, è possibile alleviare l'infiammazione, rimuovere tutti gli agenti patogeni, migliorare i processi metabolici e migliorare l'immunità. A questo scopo, applicare ricette, tra cui menta, seta di mais, poligono, erba di San Giovanni, germogli di pino, equiseto e così via.

Anche i metodi popolari prevedono l'uso di propoli. Ha un effetto antinfiammatorio e analgesico pronunciato. Di regola, l'olio di propoli aiuta molto. Per la sua preparazione dovrebbe combinare burro fuso e propoli. La miscela deve essere infusa per 20-30 minuti, riscaldata a bagnomaria a 95-100 gradi e filtrata. La miscela risultante può essere conservata a temperatura ambiente.

Non meno popolare sanguisuga da trattamento. Per fare questo, sono posizionati nella regione lombare. A causa dell'effetto delle sanguisughe, la microcircolazione del sangue nei tessuti e negli organi è migliorata, l'infiammazione, il dolore e il gonfiore si riducono. Inoltre, è particolarmente importante utilizzare questo metodo in presenza della patologia dell'urodinamica, poiché sotto la sua influenza migliora la motilità degli ureteri, che influisce favorevolmente sulla produzione di urina. In alcuni casi, le sanguisughe possono essere utilizzate come primo soccorso a causa del pronunciato effetto analgesico.

Nonostante i metodi sopra descritti non abbiano praticamente controindicazioni, non dovresti usarli da soli. Questo è particolarmente vero per i bambini e le donne durante la gravidanza. La medicina tradizionale può essere molto efficace, ma in ogni caso, il trattamento della pielonefrite a domicilio dovrebbe essere effettuato sotto la supervisione di un medico con un test di follow-up per valutare l'efficacia e l'assenza di effetti collaterali.

Miglioriamo la circolazione del sangue nei reni.

Per curare la pielonefrite cronica, è sufficiente ottenere una migliore circolazione sanguigna e linfatica. Non male è stato raccomandato per questo scopo si abbassa basato sul pervinca. Aiutano a migliorare la circolazione del sangue negli organi e nelle articolazioni pelvici. Dovrebbero essere presi in pochi mesi per ottenere l'effetto desiderato.

Inoltre, viene spesso utilizzata l'urinoterapia, che ha raccomandato Malakhov. Per questo l'urina viene usata al posto dell'acqua per 3-4 mesi.

Come mantenere i reni sani è descritto nel video:

Puliamo i reni dalle cellule morte

Per normalizzare il lavoro dei reni in primo luogo dovrebbe aumentare la quantità di liquido consumato. A tale scopo vengono utilizzati tutti i tipi di tè, bevande alla frutta, infusi, decotti e così via. Alcuni preferiscono pulire i reni con acqua minerale. Questo metodo è efficace, ma ha le sue controindicazioni, poiché a spese di una grande quantità di gas può causare l'interruzione del tratto digestivo.

Inoltre, vengono utilizzate erbe come betulla, equiseto, mirtillo rosso, gryzhnik, uva ursina, poligono, calendula, camomilla e verga d'oro. Tutte queste piante sono efficaci non solo nei danni ai reni, ma anche in altri processi infiammatori, ad esempio nel trattamento della cistite.

Rimuovere i germi e ridurre l'infiammazione

Data l'esperienza dei pazienti, si può concludere che è possibile curare la pielonefrite renale a casa e senza antibiotici. Per fare questo, scegliere le erbe e la loro combinazione, nonché integrare con altri metodi efficaci di trattamento. Innanzitutto vengono selezionate formulazioni con un effetto antinfiammatorio pronunciato. Può essere salice, pioppo, sambuco, betulla, olmaria, lampone, celidonia, corteccia di pioppo tremolo, dente di leone e altri. Di queste erbe, puoi fare una miscela o prenderle separatamente. Inoltre, ci sono tè alle erbe pronti all'uso dopo la pielonefrite, così come durante i periodi di remissione della forma cronica della malattia.

Va notato che ogni erba ha le sue controindicazioni che devono essere prese in considerazione. Inoltre, alcuni di loro, per esempio, celidonia, sono velenosi. Ma allo stesso tempo, è quest'ultimo che viene più spesso utilizzato per trattare la pielonefrite senza antibiotici, soprattutto quando sono intolleranti. Con uno schema opportunamente selezionato e il rispetto del dosaggio, il rischio di avvelenamento e lo sviluppo di effetti collaterali è ridotto al minimo, mentre l'effetto dell'erba aumenta.

Per migliorare l'azione antibatterica, è possibile aggiungere alle erbe sopra, dormire, cladonia, cetraria e timo. Inoltre, ci sono alcune piante che contengono oli essenziali, che hanno anche un effetto antibatterico.

Migliora le difese corporee

Come già accennato, un'attenzione particolare è rivolta all'immunità. Certo, puoi bere costantemente succo di mirtillo con pielonefrite, ma in aggiunta, ci sono ancora grandi quantità di erbe e piante che ti permettono di aumentare le difese del corpo. Questi includono ginseng, zamaniha, leuzea, radiolo e così via. Prendi questi farmaci possono essere sotto forma di decotto o tintura. Il più grande bisogno per loro appare in primavera e in autunno, e in presenza di processi cronici, dovrebbe continuare a ricevere in inverno. L'unica cosa che dovrebbe essere considerata: quasi tutti causano un aumento della pressione sanguigna. Pertanto, in caso di ipertensione, è necessario consultare anche un medico.

Dieta e corretta alimentazione

Al fine di trattare i rimedi popolari dei reni nel modo più efficace possibile, è necessario seguire una certa dieta. I cereali grossolani possono essere sostituiti con l'avena. A proposito, c'è un metodo separato per eliminare la pielonefrite, usando solo un decotto di avena, che ha un effetto antinfiammatorio. Inoltre, è possibile includere semole di miglio nella dieta e anche per trattare la pielonefrite del miglio. Frutta e verdura sono obbligatorie.

Inoltre, è possibile aggiungere un menu di additivi biologicamente attivi. La loro composizione dovrebbe includere estratti di bardana, sedano, asparagi, hervé lanoso e prezzemolo.

Quindi, offre un enorme numero di modi per sbarazzarsi della malattia. Alcuni di essi possono essere utilizzati anche nel periodo acuto, ma dovrebbero combinare il trattamento tradizionale e tradizionale sotto la costante supervisione di un medico.

La pielonefrite può essere curata per sempre?

La pielonefrite è considerata una delle patologie più comuni del sistema urinario. Soffrire persone di tutte le età. Tuttavia, il numero di pazienti tra le donne è molte volte superiore rispetto agli uomini. E sono le donne che sono più spesso interessate a sapere se sia possibile curare completamente la pielonefrite, visto che le donne portano un bambino nell'utero e partoriscono. Inoltre, la malattia stessa è molto ansiosa per il suo "proprietario", periodicamente esacerbato. Pertanto, nel materiale sottostante analizziamo in dettaglio la natura della patologia e consideriamo la possibilità di una cura completa dalla malattia.

Pyelonephritis: definizione e natura dello sviluppo

La pielonefrite è un'infiammazione del sistema pelvico renale che si sviluppa come una malattia secondaria in presenza di un'infezione virale o di grave ipotermia. Con la pielonefrite, il lavoro delle coppe e della pelvi renale, in cui si accumula l'urina, si riduce in modo significativo. E questo significa che il corpo non si sbarazza completamente di sali e microbi. Pertanto, il corpo del paziente viene gradualmente avvelenato dai prodotti della sua stessa attività di vita.

La pielonefrite si forma dopo che un patogeno è entrato nel sangue. Può essere E. coli, batteri Candida (mughetto standard nelle donne), stafilococco (tonsillite, tonsillite, infiammazione pustolosa della pelle), ecc. Allo stesso tempo, il microbo circola con il sangue prima nel sistema cardiovascolare, e quindi, come dovrebbe essere, passa attraverso i reni, dove nei glomeruli viene filtrato il sangue. È lì che si deposita l'agente patogeno. Fu lui che in seguito divenne la causa dell'insufficienza renale infiammatoria.

Importante: nel trattamento della pielonefrite è molto importante in tempo per notare i primi campanelli di allarme della patologia. È la diagnosi precoce della malattia renale che può farcela una volta per tutte. Quindi, se, dopo un'infiammazione o una malattia infiammatoria dopo 10-15 giorni, il paziente rivela dolore nell'area renale, torbidità delle urine e un leggero aumento della temperatura, allora si tratta di una pielonefrite secondaria. Qui è necessario contattare uno specialista il prima possibile.

Pyelonephritis: fase acuta

Il più favorevole dal punto di vista dei medici in termini di sollievo efficace dalla malattia è precisamente la fase acuta della pielonefrite. Qui i sintomi sono abbastanza pronunciati, il che ci permette di diagnosticare la patologia nel tempo e di sbarazzarcene. È importante ricordare che se la pielonefrite si fa sentire per la prima volta dopo una malattia infettiva, allora le possibilità di affrontarlo sono piuttosto grandi. Pari a quasi il 97%. Se non si presta attenzione ai sintomi, in pochi giorni il quadro clinico si attenuerà e la patologia entrerà in una fase cronica, che è molto peggiore per il paziente. Poiché affrontare la pielonefrite cronica è molto più difficile. Può essere più probabile che entri in uno stato di remissione stabile.

Importante: nella diagnosi di pyelonephritis affilato dovrebbe considerare i fattori che precedono il suo sviluppo. Quindi, se la malattia si manifesta dopo aver subito un'infezione virale, allora stiamo parlando di pielonefrite acuta. Se la patologia si manifesta spontaneamente (senza ipotermia o virus), allora probabilmente parleremo dell'esacerbazione della patologia cronica, che è stata persa una volta.

La pielonefrite acuta si manifesta con tali sintomi:

  • Dolore sordo e dolorante nella regione lombare;
  • Il forte aumento della temperatura al livello di 39-40 gradi;
  • Aumento della minzione per urinare mentre si riduce il volume giornaliero delle urine;
  • Torbidità di urina e sangue in essa.

Trattamento di pyelonephritis affilato

Se il paziente si rivolge a una struttura medica con pyelonephritis acuto primario, quindi le probabilità di recupero non sono piccole. Di regola, gli esperti prescrivono tali tattiche di trattamento:

  • Riposo a riposo, che consente di riscaldare il corpo del paziente in modo uniforme e quindi ridurre il tono vascolare. Questo trattamento aiuta a ridurre la pressione sanguigna nel paziente, e quindi un migliore flusso di urina. E la sua efficace e potente evacuazione è la chiave per la rapida erosione dell'infezione dalla pelvi renale, fino a quando l'infiammazione non è passata alla capsula del rene.
  • La terapia dietetica mirava a ridurre la quantità di sale e proteine ​​consumate. Il primo trattiene il fluido nel corpo e quindi impedisce il flusso di urina. Ridurre il sale a 3-5 gr. al giorno consente ai fluidi corporei di circolare liberamente. Le proteine, a loro volta, caricano i reni, il che è indesiderabile durante il recupero del paziente.
  • Bere regime in combinazione con diuretici. Cioè, un paziente con pielonefrite acuta dovrebbe bere una quantità sufficiente di liquido (2-3 litri al giorno) per lavare adeguatamente i reni e il tratto urinario. Le droghe diuretiche lo aiuteranno in questo.
  • La terapia antibatterica è prescritta per eliminare i batteri che si sono depositati nel corpo. Farmaci più spesso prescritti come Ampicillina, Levometsitina, Tetraciclina, Gentamicina, Carbenicillina, ecc., Ma solo a seconda dei batteri identificati. Il corso degli antibiotici continua fino alla completa eliminazione dei batteri patogeni. I risultati del trattamento sono confermati da test di laboratorio su urina e sangue. Cioè, la pielonefrite acuta è abbastanza curabile.
  • Sullo sfondo di tutte le tattiche di trattamento può essere applicata e la fitoterapia. Il trattamento della pielonefrite con le erbe è molto comune. Molto spesso vengono prescritti vari decotti e composte di erbe e bacche.

Importante: il trattamento efficace della pielonefrite acuta in ospedale deve essere assicurato da un trattamento di sanatorio-resort e da una diminuzione dello sforzo fisico entro un anno dalla malattia. Cioè, le persone curate dovrebbero evitare il freddo e non impegnarsi in pesanti lavori fisici o sportivi. Solo dopo possiamo parlare di una liberazione completa dalla patologia.

Pyelonephritis cronico - un pericolo speciale

Alla domanda se la pielonefrite cronica può essere curata, non c'è una risposta definitiva. I medici sono inclini a credere che il processo di pyelonephritis acuto, che è diventato cronico nel corso del tempo, può essere portato solo in uno stato di remissione molto stabile e prolungata. Poiché il processo infiammatorio nei reni è già stato avviato e non è completamente annullato in modo tempestivo. Qui si intende che qualsiasi fattore scatenante, come l'ipotermia, l'assunzione di cibi eccessivamente salati / affumicati / piccanti, o il travaglio fisico / nocivo, può esacerbare la malattia.

Di norma, l'esacerbazione della pielonefrite cronica può manifestarsi come fase acuta della malattia o avere un'immagine più sfocata, come ad esempio:

  • Dolore inespresso sordo nei reni e nella regione lombare;
  • Qualche torbidità di urina;
  • Aumento della temperatura non critico a 38 gradi.

In ogni caso, il paziente è obbligato ad andare in ospedale per una terapia efficace. In questo caso, la tattica del trattamento dell'aggravamento apparirà come nel caso della pielonefrite acuta. Tuttavia, oltre alla rimozione dei sintomi acuti, al paziente verranno assegnate le seguenti procedure:

  • Fisioterapia. Questa tecnica consente di migliorare il flusso sanguigno nei reni, contribuendo a una migliore filtrazione del sangue e un migliore funzionamento degli organi.
  • Anche per un paziente con pyelonephritis cronico è mostrato la ginnastica passiva di reni malati. In questo caso, un basso carico si alterna con il riposo, che migliora anche la circolazione del sangue nella pelvi renale e nel parenchima.
  • Il trattamento con acqua minerale alcalina consente inoltre di ottenere una remissione stabile nella pielonefrite. In questo caso, si dovrebbe dare la preferenza alle acque contenenti bicarbonati di sodio o di calcio. Il corso del trattamento è di 4-6 settimane. Non ha senso bere acqua più a lungo, poiché può verificarsi una violazione del metabolismo del sale dell'acqua. Allo stesso tempo, in caso di patologia cronica, è opportuno ripetere i corsi con un intervallo di 4-5 mesi.

Importante: quando il trattamento con urina alcalina con acqua minerale non è raccomandato.

  • L'uso della fitoterapia è anche diffuso nel trattamento della pielonefrite. Così, molti guaritori, quando formano la risposta alla domanda "la pielonefrite è curata o no", affermano che con l'aiuto delle erbe è possibile migliorare significativamente le condizioni dei reni e resistere allo sviluppo delle esacerbazioni.
  • Inoltre, la terapia immunomodulante è indicata nei pazienti con pielonefrite cronica. Complessi vitaminici prescritti per esacerbazioni della malattia o semplicemente corsi 1-2 volte l'anno. E per ottenere l'effetto migliore, si mostra che il paziente usa tinture di ginseng o cinese Schisandra. Tale terapia riduce significativamente le probabilità di una recidiva della malattia, e i pazienti con pielonefrite cronica fino a decenni potrebbero non ricordare la loro patologia.

Importante: oltre ai metodi elencati della malattia, è necessario evitare il freddo e non usare prodotti / spezie eccessivamente aggressivi.

Stranacom.Ru

Un blog sulla salute dei reni

  • casa
  • Come trattare la pielonefrite senza antibiotici

Come trattare la pielonefrite senza antibiotici

Le malattie renali occupano una nicchia abbastanza grande tra tutte le malattie. Un ruolo significativo di questi organi nel corpo umano porta la pielonefrite al registro di malattie con un esito grave, anche fatale. Per evitare questo, è necessario sapere quali antibiotici dovrebbero essere presi per la pielonefrite.

Poiché la causa della malattia è un batterio, la pielonefrite deve essere trattata con terapia antibiotica.

Allora, prima di ottenere i dati dell'analisi di semina su microflora, gli antibiotici da pyelonephritis di uno spettro largo di azione sono prescritti. È necessario conoscere il nome di quali antibiotici sono prescritti per il trattamento della pielonefrite:

  • Penicilline. La piperacillina è un antibiotico della 5a generazione di penicilline, attivo contro ceppi gram-positivi e gram-negativi. Viene somministrato per via endovenosa o intramuscolare. Viene anche usato per la cistite.
  • Cefepime è un antibiotico del gruppo delle cefalosporine di quarta generazione. Attivo contro le specie gram-positive e negative. Iniettato in un muscolo o per via endovenosa.
  • Aminoglicosidi - amikacina. Colpisce un numero limitato di batteri a causa della resistenza stabilita.

    Dopo aver ottenuto il risultato della semina, il numero di antibiotici diminuisce a seconda del tipo di batteri. Prima di ottenere un risultato sulla sensibilità del farmaco, la terapia viene condotta con una preparazione ristretta che interessa un gruppo specifico di microrganismi. Con una sensibilità positiva a un particolare rimedio, tutti gli altri farmaci per la pielonefrite e la cistite vengono cancellati e vengono trattati fino a quando il microrganismo non viene completamente eliminato dal rene.

    Ciò è dovuto alla farmacodinamica del farmaco e dipende da quante reazioni il farmaco subisce prima che raggiunga la sua destinazione. Pertanto, è un farmaco per via endovenosa che provoca una pronta guarigione.

    Trattamento di pyelonephritis con antibiotici: requisiti

    Il primo antibiotico non dovrebbe avere un effetto dannoso sui reni. A causa di una malattia renale, l'apparato pelvi renale è già sottoposto a sovraccarico. Se l'antibiotico usato per il trattamento colpisce anche il rene, lo sovraccaricherà. E questo porterà all'insufficienza renale.

    Antibiotici per pielonefrite: complicanze

    Prima del trattamento della pielonefrite, è necessario consultare un medico per determinare il dosaggio specifico. Gli antibiotici per la pielonefrite cronica e la cistite diffusa sono prescritti in dosi standard e i farmaci più stretti per la pielonefrite cronica devono essere misurati con maggiore attenzione. Se la dose è inferiore a quella richiesta per eliminare i batteri, l'antibiotico consentirà ai batteri di adattarsi alla sua somministrazione. Se prescrivi troppi antibiotici per la pielonefrite cronica, il rischio di danni ai reni o al fegato è alto.

    Nel trattamento della pielonefrite e della cistite con antibiotici, ci sono frequenti casi di complicanze della malattia. Questi includono la disbiosi intestinale (si sviluppa con alte dosi dell'antibiotico usato o con trattamento a lungo termine (più di un mese)).

    Con l'errata introduzione dell'antibiotico per la pielonefrite e la cistite, è possibile lo sviluppo di ascessi nel sito di iniezione (tipico per il trattamento intramuscolare).

    In rari casi, un'allergia all'antibiotico somministrato si sviluppa con pielonefrite, manifestata da prurito, febbre. Nei casi più gravi, può svilupparsi una reazione anafilattica, fino allo shock o all'angioedema.

    Con una quantità eccessiva di farmaco somministrato, il rischio di sviluppare un'epatite metabolica (o, come si dice, tossico) o un'insufficienza renale cronica è alto. In alcuni casi, lo sviluppo di pancreatite.

    La scelta della terapia antibiotica per il trattamento della pielonefrite non è facile. Dovrebbe essere estremamente efficace contro l'agente causale che ha causato lo sviluppo della malattia e non dovrebbe appesantire il rene in modo da non peggiorare l'immagine esistente della malattia.

    È dovuto al fatto che è necessario prendere in considerazione queste due sfumature, il trattamento della pielonefrite deve essere completamente coordinato con il medico, in quanto con l'auto-trattamento non si può solo non avere alcun effetto sul decorso della malattia, ma anche danneggiare te stesso.

    Antibiotici moderni per pielonefrite

    Malattia renale: pielonefrite cronica

    Molto spesso, la malattia renale si sviluppa a causa di disturbi metabolici o reazioni autoimmuni. Un gruppo separato di malattie - infiammazione dei reni. Si sviluppano a seguito di un attacco alle proprie cellule immunitarie o direttamente a causa dell'effetto dei microrganismi sulla struttura dell'organo. La pielonefrite si distingue dalle malattie infiammatorie.

    La pielonefrite è una lesione infiammatoria del sistema pelvico renale. Si sviluppa più spesso in due modi: retrograda (se un'infezione proviene dalla vescica) o ematologica (il batterio entra nel rene attraverso la circolazione generale).

    Essendo localizzato nella pelvi renale, il batterio inizia a produrre attivamente antigeni, causando una reazione dal sistema immunitario. Una volta nel rene, le cellule (neutrofili) attaccano questi prodotti metabolici dei batteri e delle loro proprie cellule renali (sono danneggiati dagli antigeni dei batteri, e il loro stesso sistema immunitario inizia a percepirli come atipici).

    A causa di ciò, l'infiammazione si sviluppa con lo sviluppo del quadro clinico corrispondente.

    I principali segni clinici dello sviluppo della pielonefrite sono un aumento della temperatura fino a 38-39 ° C, sintomi di intossicazione generale (mancanza di respiro, brividi, tachicardia), mal di schiena (nonché un sintomo positivo di pestaggio). Leucocitosi significativa viene rilevata nelle urine - più di 18 (principalmente a causa di un aumento dei neutrofili come indicatore di infezione batterica). Un cambiamento nel suo colore è visivamente determinato (normalmente l'urina ha un colore giallo paglierino e con lo sviluppo della pielonefrite può diventare rossa e verde). L'esame microscopico delle urine è determinato da batteri, pronunciata neutrofilia.

    Antibiotici per pielonefrite

    Innanzitutto, prima dell'inizio del trattamento, è necessaria una serie di misure volte a confermare la diagnosi di pielonefrite infettiva ea verificare i batteri. Di solito, vengono prese diverse colture per questo scopo: per la flora (per determinare il tipo e la classe di agente patogeno) e la sensibilità agli antibiotici (per determinare il mezzo più efficace).

  • Antibiotici per pielonefrite e cistite dal gruppo dei fluorochinoloni - moxifloxacina. È attivo contro la maggior parte di microrganismi e parassiti, ma ha un effetto tossico piuttosto pronunciato. Il corso del trattamento con questo farmaco è di 7 giorni.
  • Carbapenems - imipenem. Il farmaco è abbastanza efficace, si riferisce ai farmaci di scelta per il trattamento della pielonefrite. Introdotto prevalentemente per via endovenosa in soluzione isotonica. La durata del trattamento è di 7 giorni.

    I farmaci sono usati principalmente per via endovenosa. Questo tipo di somministrazione è determinato dal fatto che in questo modo quasi il 100% del farmaco viene consegnato con sangue ai reni.

    Un altro prerequisito dovrebbe essere la rimozione dell'antibiotico con l'urina. In questo caso, viene creata una concentrazione massima del farmaco nelle urine, che determina l'efficacia del trattamento.

    Oltre alle condizioni sopra menzionate, ce n'è un'altra, non meno importante: un medicinale per il trattamento della pielonefrite deve avere un effetto battericida, non batteriostatico. batteriostatico è mirato a fermare tutti i processi metabolici nella cellula di un microrganismo. Tuttavia, tali antibiotici per la pielonefrite non eliminano il batterio, risultando in un alto rischio di recidiva della malattia.

    Quando si utilizzano antibiotici, i criteri per il successo del trattamento sono definiti - un insieme di segni che indicano una tendenza positiva o negativa nel trattamento della pielonefrite. Questi includono:

  • Il criterio finale è l'assenza di recidiva di malattie del tratto urogenitale entro 3 mesi dopo la fine della terapia etiotropica. Questo criterio diventa positivo quando l'antibiotico è riuscito a rimuovere completamente i batteri dal tratto urinario, comprese le forme "dormienti", così come i microrganismi che abitano l'uretra.

    Se uno qualsiasi dei criteri non si manifesta entro il tempo specificato, si dovrebbe pensare a cambiare il farmaco o integrare il trattamento esistente con un altro agente antimicrobico.

    È necessario osservare le condizioni di sterilità quando si somministrano farmaci, poiché potrebbe esserci una generalizzazione del processo infettivo (a causa della ricezione di un microrganismo dall'esterno dalla pelle o dall'ambiente).

    Se i farmaci vengono dosati correttamente, non vi è praticamente alcun rischio di sviluppare complicazioni (gli effetti collaterali si manifestano al massimo, ma quale tipo di antibiotico non li causa nella pielonefrite al momento attuale).

    Come curare una malattia: riassumendo

    Facendo riferimento alle statistiche, possiamo dire che la pielonefrite, un'infiammazione dei reni, causata da batteri, è ora diffusa.

    I bambini di una fascia di età scolare, all'età di 7-8 anni sono soggetti a questa malattia, il più spesso. Ciò è dovuto alla peculiare struttura anatomica del loro sistema urinario, così come alla necessità di adattarsi alla scuola.

    Predisposto a lui e alle ragazze, donne dell'epoca della vita sessuale attiva. Soffre della malattia e degli uomini della fascia di età più avanzata, specialmente con l'adenoma prostatico.

    Il quadro clinico si sviluppa con un mal di testa emergente, muscoli doloranti, elevata temperatura corporea a 38-39 gradi per un breve periodo di tempo, accompagnata da brividi.

    Gli antibiotici sono farmaci (di origine naturale o semi-sintetica) che possono attenuare o influenzare la crescita o la morte di alcuni microrganismi. Quando pielonefrite prescrive più spesso antibiotici in pillole. Inoltre, i requisiti principali per i farmaci antibatterici nel trattamento della pielonefrite dovrebbero essere la presenza di:

    Quale antibiotico è meglio assumere per la pielonefrite? Per rispondere a questa domanda, è necessario condurre un sondaggio in cui

  • determinare le condizioni e la funzione dei reni,
  • sulfonammidi (Co-Trimoxazolo, Urosulfan, Etazol, Sulfadimezin).

    Sebbene siano prescritti per forme più lievi della malattia, attualmente i sulfamidici sono usati raramente.

  • nitrofurani (Furadonin, Furagin, Furazolin)
  • produzione di acido nalidixico (Negram, Nalidix).

    Pyelonephritis: sintomi, trattamento

    Una delle più comuni malattie urologiche di natura infettiva, che colpisce il sistema a coppa-bacino e il parenchima renale, è la pielonefrite. Questa patologia piuttosto pericolosa in assenza di un trattamento tempestivo e competente può portare a una violazione delle funzioni escretorie e di filtraggio dell'organo.

    Il processo infiammatorio aspecifico che colpisce il sistema pelvico e il parenchima renale, in particolare il tessuto interstiziale (non connettivo connettivo), nella terminologia clinica è chiamato pielonefrite.

    Questa malattia può essere considerata come una forma nosologica indipendente o come complicazione di altre patologie del sistema urogenitale (urolitiasi, insufficienza renale acuta, adenoma e cancro alla prostata, malattie ginecologiche). La pilonefrite si sviluppa in varie circostanze: sullo sfondo di un'infezione batterica o virale, durante il periodo postoperatorio, durante la gravidanza, ecc.

    Di regola, le donne sono affette da questa malattia. Nelle ragazze di età compresa tra 2 e 15 anni, la pielonefrite viene diagnosticata 6 volte più spesso della loro nei loro coetanei maschi. Approssimativamente lo stesso rapporto è mantenuto nelle donne e negli uomini in età riproduttiva attiva. Allo stesso tempo, negli anni avanzati, la malattia, per la maggior parte, viene rilevata in rappresentanti della metà forte dell'umanità. Ciò è spiegato dal fatto che per le diverse fasce di età sono caratterizzate da varie violazioni dell'urodinamica associate all'infezione delle vie urinarie.

    Le cause della pielonefrite

    Ci sono due circostanze principali che provocano lo sviluppo di un processo infettivo-infiammatorio: la presenza di microflora patogena e la violazione dei meccanismi naturali di difesa del controllo delle infezioni. I fattori che aumentano la probabilità di una malattia includono:

  • violazione del flusso di urina (blocco del calcolo del tratto urinario o tumore);
  • sviluppo anormale dei reni;
  • patologie endocrine;
  • mancata osservanza delle regole di base dell'igiene personale;
  • microtrauma da contatto sessuale;
  • lesioni della regione lombare;
  • ipotermia;
  • manipolazione diagnostica o intervento chirurgico sulle vie urinarie;
  • litotripsia a distanza (schiacciamento delle pietre urinarie);
  • uso di un catetere permanente;
  • gravidanza (ureter hypotension);
  • uso di contraccettivi intrauterini.

    Agenti causativi di pielonefrite e vie di infezione nel rene

    La causa più comune di infiammazione delle vie urinarie diventa il batterio Kolya (E. coli), lo stafilococco o l'enterococco. Altri batteri gram-negativi hanno meno probabilità di provocare un processo infiammatorio aspecifico. Spesso i pazienti presentano forme combinate o multiresistenti di infezione (queste ultime sono il risultato di un trattamento antibatterico incontrollato e non sistematico). I più aggressivi in ​​termini di infezione sono i ceppi nosocomiali resistenti agli antibiotici.

    Modi di infezione:

  • Ascendente (dal retto o dai fuochi dell'infiammazione cronica, situato negli organi urogenitali);
  • Ematogena (realizzata attraverso il sangue). In questa situazione, la fonte dell'infezione può essere qualsiasi lesione distante situata al di fuori del tratto urinario.
  • Classificazione Pyelonephritis

    Sintomi di pyelonephritis

    Segni clinici di pielonefrite acuta

    La pratica urologica, a seconda del passaggio (deflusso) urine pielonefrite acuta diviso in non ostruttiva e ostruttiva (disturbato). Nelle prime fasi del processo patologico, i pazienti sviluppano dolore, nausea e vomito, la temperatura corporea sale a 38-39 ° C, e ci sono altri sintomi di intossicazione. Spesso il precursore della malattia diventa cistite acuta (frequente minzione dolorosa).

    Con lo sviluppo della pielonefrite non ostruttiva, la temperatura corporea aumenta quasi in un giorno, i dolori si verificano nella zona renale interessata e si sviluppano sintomi di intossicazione generale. Spesso il freddo viene sostituito dall'abbassamento della temperatura a breve termine e dall'aumento della sudorazione.

    Quando il blocco della urinario calcoli delle vie, tumori o prodotti infiammazione malattia ostruttiva (pielonefrite) si sviluppa (dolore a lenta crescita, mal di schiena, c'è la febbre e la temperatura corporea) a poco a poco.

    Nelle fasi iniziali, l'infiammazione acuta del rene è sierosa. In questa situazione, l'edema tissutale diventa la causa del ristagno urinario e della ridotta circolazione renale. Quindi, mentre il processo patologico si sviluppa, la formazione del pus inizia nel parenchima renale (pyelonephritis purulento), che causa cambiamenti irreversibili nel rene.

    Sintomi di pyelonephritis cronico

    La pielonefrite cronica è una malattia lenta e periodicamente esacerbante complicata da ipertensione e insufficienza renale. Di norma, i pazienti lamentano dolori alla schiena doloranti, non intensivi, più spesso unilaterali, aggravati durante la deambulazione e in piedi prolungati. L'ipestesia si sviluppa spesso (congelamento dei lombi). Nei bambini di età compresa tra 10 e 12 anni e nei pazienti con un rene mobile o basso, si osserva dolore addominale.

    Tuttavia, i sintomi di infiammazione cronica comprendono spontaneo aumento renale parenchima della temperatura corporea a 38 C, specialmente al momento di coricarsi, e la frequenza urinaria, aumentando nelle ore notturne. In remissione unico segno clinico può essere l'ipertensione pielonefrite cronica (pressione alta). I pazienti spesso hanno osservato il gonfiore mattina del viso e delle mani, debolezza, stanchezza, mal di testa, sbalzi d'umore per tutto il giorno, e la comparsa di edema nei piedi e parte inferiore della gamba la sera.

    diagnostica

    La diagnosi viene effettuata prendendo in considerazione il quadro clinico e sulla base della storia del paziente. Va notato che negli ultimi anni i casi di malosimptomno o latente (nascosto) corso di pielonefrite, che complica notevolmente il rilevamento di non solo cronico, ma sotto forma a volte acuta della malattia.

    Diagnosi di laboratorio

    Diagnostica strumentale

    Trattamento di pyelonephritis in donne

    Il trattamento della pielonefrite acuta e cronica è una prerogativa del nefrologo. Si svolge nel complesso e comprende le seguenti attività:

  • terapia antibiotica;
  • correzione della malattia di base che ha causato la violazione del deflusso di urina;
  • disintossicazione e terapia antinfiammatoria;
  • trattamenti a base di erbe;
  • terapia dietetica.

    In assenza dell'effetto del trattamento conservativo, al paziente può essere prescritto un intervento chirurgico.

    Terapia antibatterica

    La durata della terapia antibiotica per la pielonefrite acuta è di 5-14 giorni. Usa l'iniezione e la somministrazione parenterale di antibiotici ad ampio spettro. Penicilline semisintetiche attualmente utilizzate, aminoglicosidi e cefalosporine.

    Altri metodi di trattamento farmacologico

    Oltre alla terapia antibatterica, il trattamento complesso della pielonefrite include l'uso di farmaci che migliorano la microcircolazione, la disintossicazione e i farmaci antinfiammatori.

    Per la rimozione delle tossine dal corpo, vengono prescritte le infusioni endovenose di sorbilact e reosorbilact. Tuttavia, i pazienti possono essere raccomandati a ricevere enterosorbenti (carbone attivo, lattulosio).

    Come farmaci anti-infiammatori per pielonefrite, uso di FANS (paracetamolo, nimesulide, nimesil).

    Per alleviare lo spasmo, l'ingrandimento dei tubuli renali e migliorare il deflusso delle urine, sono prescritti papaverina o no-spa.

    Per migliorare la circolazione sanguigna nei reni, è indicato l'uso di farmaci anticoagulanti e venotonici (eparina, dipiridamolo, troxevasin). Diuretici forti periodicamente nominati, come la furosemide.

    Per normalizzare la microbiocenosi (con trattamento a lungo termine della pielonefrite), si consiglia di assumere probiotici, farmaci prebiotici e antifungini.

    Medicina di erbe per pielonefrite

    Nel trattamento della malattia, gli esperti raccomandano come supplemento ai preparati a base di erbe uso di farmaci, sono anti-infiammatori, antibatterico, effetto diuretico ed emostatico (ultima - se necessario). Uva ursina, mais seta, sorbo, piantaggine, foglie di fragola, equiseto, mirtilli ecc -. Sono piante che possiedono una vasta gamma di proprietà terapeutiche. Nella preparazione delle tasse mediche, questi componenti rafforzano e completano reciprocamente gli effetti terapeutici l'uno dell'altro.

    Uno dei farmaci vegetali più conosciuti e popolari usati nel trattamento della pielonefrite è Kanefron. Ha attività antinfiammatoria e antimicrobica, migliora l'effetto della terapia antibatterica, un effetto diuretico, migliora la circolazione sanguigna e rimuove vasospasmo renale.

    Trattamento chirurgico della pielonefrite

    L'intervento chirurgico è prescritto nel caso in cui durante il trattamento conservativo le condizioni del paziente rimangano gravi o peggiorino. Di regola, la correzione chirurgica è effettuata quando un pyelonephritis purulento (apostemozny), un ascesso o un rene di carbonchio è rivelato.

    In questa situazione, lo sviluppo di tattiche di trattamento eseguito tenendo conto della natura e l'estensione delle lesioni tessuto parenchimale. Durante l'operazione, può essere rimosso concrezioni della pelvi renale o dell'uretere, tenuto uretere resezione e successivo inserimento delle anastomosi, uretrokutaneostomiya (in presenza di un tumore), apertura di ascessi, pustole escissione, decapsulation (esposizione rene) nefrostomia (diversione urinaria attraverso un drenaggio speciale) e nefroektomiya ( completa rimozione del rene).

    Dieta per la pielonefrite

    Nella fase acuta, la dieta dovrebbe essere il più delicata possibile. E 'necessario ridurre drasticamente l'assunzione di sale (non più di 5-10 grammi al giorno, con alta pressione sanguigna -. 2-3 once), e di eliminare completamente dalla dieta forte, piccante, affumicato e in scatola cibo, brodo di carne forte, spezie, caffè e alcol.

    Ammessi: albume, latticini, piatti vegetariani (vegetali), bolliti o al vapore. Man mano che l'infiammazione si attenua, pesce e carne magra vengono introdotti nella dieta. Si consiglia di consumare succhi, composte, meloni e zucche, verdure, frutta, oltre a bere 2-2,5 liquidi al giorno (in assenza di edema).

    Durante l'esacerbazione è severamente vietato l'uso di grassi animali (solo oli vegetali e non più di 15 grammi al giorno di burro) durante la cottura.

    Durante il periodo di remissione, è permesso entrare gradualmente nella dieta, in piccole porzioni, per introdurre alcune spezie, aglio e cipolle. Molto utile per i pazienti affetti da pielonefrite cronica, succo di mirtillo, che stimola la produzione di acido ippurico (un agente batteriostatico efficace). Prodotti consentiti: frutta, verdura, cereali, uova, carne e pesce bolliti a basso contenuto di grassi, latticini a basso contenuto di grassi.

    Possibili complicanze della pielonefrite

    Che tipo di antibiotici per curare la pielonefrite: una lista di farmaci e le regole della terapia farmacologica

    Le malattie renali sono spesso accompagnate da infiammazione. In molti pazienti, gli urologi diagnosticano la pielonefrite. Il trattamento antibiotico inibisce l'attività dei microrganismi patogeni.

    Quando si selezionano i farmaci, il medico prende in considerazione il tipo di batteri, il grado di danno renale, l'effetto del farmaco - battericida o batteriostatico. Nei casi più gravi, la combinazione di due composti antibatterici è efficace. Come trattare la pielonefrite con antibiotici? Quali farmaci vengono più spesso prescritti? Quanto dura il corso della terapia? Risposte nell'articolo

    Cause della malattia

    La pielonefrite è un'infiammazione del tessuto renale. L'infezione penetra dalla vescica (il più delle volte), da focolai patologici in altre parti del corpo con linfa e sangue (meno spesso). La vicinanza dei genitali e l'ano all'uretra spiega il frequente sviluppo della pielonefrite nelle donne. Il principale tipo di patogeno è E. coli. Inoltre, i medici secernono Klebsiella, Staphylococcus, Enterococcus, Proteus, Pseudomonas quando l'urina viene coltivata.

    Una delle cause della patologia è il trattamento improprio delle malattie infettive del sistema urinario inferiore. I microrganismi patogeni aumentano gradualmente, penetrano nei reni. Il trattamento di pyelonephritis per molto tempo, spesso si verificano ricadute.

    La seconda ragione è il ristagno di urina con un problema con il deflusso di liquido, ri-lancio di scarico nella pelvi renale. Il reflusso vescico-uretrale sconvolge il funzionamento della vescica e dei reni, provoca il processo infiammatorio, la riproduzione attiva di microrganismi patogeni.

    Codice di pyelonephritis secondo ICD - 10 - N10 - N12.

    Scopri i sintomi della tubercolosi dei reni. e anche sul trattamento della malattia.

    Come rimuovere i calcoli renali nelle donne? Le opzioni di trattamento efficaci sono descritte in questa pagina.

    Segni e sintomi

    La malattia è acuta e cronica. Quando si trascurano i casi di patologia, l'infezione copre molte parti del corpo, la condizione peggiora marcatamente.

    I principali sintomi della pielonefrite:

  • dolore acuto grave nella colonna lombare;
  • periodi di nausea;
  • aumento della temperatura a +39 gradi;
  • tachicardia;
  • brividi;
  • mancanza di respiro;
  • mal di testa;
  • la debolezza;
  • minzione frequente;
  • leggero gonfiore dei tessuti;
  • decolorazione delle urine (verde o rosso);
  • il deterioramento;
  • in base ai risultati dell'analisi delle urine, il livello di leucociti aumenta di 18 unità o più.

    Tipi, forme e stadi della patologia

    Classificazione della pielonefrite renale secondo la forma:

    Antibiotici per pielonefrite: quale farmaco scegliere

    Se hai questi sintomi, dovresti contattare urgentemente la clinica più vicina per l'esame, dove il medico selezionerà e prescriverà il programma di trattamento appropriato, o chiamerà uno specialista a casa tua per non causare complicazioni alla pielonefrite.

    Il trattamento della pielonefrite dei reni viene eseguito in un ospedale, nel quale sono raccomandati riposo a letto, bere abbondante, dieta e antibiotici (farmaci antibatterici). Come trattare la pielonefrite con antibiotici?

    Perché gli antibiotici sono efficaci contro la pielonefrite?

    Con l'insorgenza e lo sviluppo della pielonefrite, il ruolo principale è giocato dai batteri (microrganismi), che interessano principalmente il tessuto renale, il bacino e il calice, quindi nelle prime file, con un trattamento complesso della malattia, vale la pena usare

  • antibiotici (ampicillina, amoxicillina, cefaclor, gentamicina).

    Nominato se c'è un buon flusso di urina e non vi è alcuna insufficienza renale.

    In assenza di una delle due condizioni, l'uso di droghe non viene utilizzato.

    I farmaci antibatterici hanno un ampio spettro di azione e la loro concentrazione nell'urina del paziente viene osservata (sulla base di studi clinici sui farmaci) per 10-15 ore.

    Ben tollerato dal corpo, ma ha scarso effetto.

    Trattamento antibiotico per pielonefrite e cistite

  • Caratteristiche di ciascuna patologia
  • Segni simili e distintivi di malattia
  • Caratteristiche degli antibiotici
  • Dosaggio della droga
  • Controindicazioni
  • Possibili effetti collaterali
  • Efficaci antibiotici per l'infiammazione del sistema genito-urinario

    Gli antibiotici per la pielonefrite e la cistite sono componenti indispensabili per il successo del trattamento di queste malattie dei reni e del sistema urogenitale. Questi disturbi sono abbastanza diffusi e, secondo le statistiche, le donne sono più sensibili a loro. Tali processi infiammatori del sistema urogenitale sono piuttosto pericolosi e in assenza di una terapia tempestiva e competente, possono causare numerose complicazioni sotto forma di cambiamenti irreversibili negli organi interni e lo sviluppo di varie patologie.

    Le immagini e i sintomi clinici di queste malattie sono abbastanza simili, quindi sono spesso confusi l'uno con l'altro. Come distinguere tra cistite, pielonefrite?

    Caratteristiche di ciascuna patologia

    La cistite è una lesione infiammatoria della vescica. I sintomi caratteristici di questa malattia sono le seguenti manifestazioni:

  • Frequente voglia di urinare.
  • Sensazioni dolorose quando la tensione muscolare nella vescica.
  • Dolore nell'addome inferiore.

    La pielonefrite è una malattia infiammatoria che colpisce il calice e la pelvi renale. I seguenti sintomi sono caratteristici della malattia renale attuale:

  • Dolore alla colonna lombare.
  • Sudorazione eccessiva
  • Aumento significativo della temperatura corporea
  • Nausea.
  • Stanchezza aumentata
  • Insonnia.
  • Indebolimento generale del corpo
  • Febbre.
  • Brividi.
  • Aumento del contenuto proteico nella composizione delle urine.

    Segni simili e distintivi di malattia

    Entrambi con cistite e pyelonephritis le seguenti manifestazioni sono annotate:

  • Minzione aumentata per urinare.
  • Dolore tipico
  • Sensazione di disagio nella parte inferiore.
  • Sentimenti spiacevoli e dolorosi durante la minzione.
  • L'aumento del contenuto di leucociti nel sangue.
  • La presenza di batteri patogeni nelle urine.

    La principale differenza tra cistite e pielonefrite è la quasi completa assenza di sintomi esterni nel caso di lesioni infiammatorie nella vescica. Inoltre, gli esperti identificano una serie di caratteristiche distintive di queste malattie renali:

  • Nei processi infiammatori della vescica si osservano sensazioni dolorose principalmente nella zona sovrapubica. Se la pelvi renale è interessata, il dolore è concentrato nella regione lombare.
  • La pielonefrite causa febbre, nausea. Per la cistite, questo tipo di sintomi non sono caratteristici.
  • L'infiammazione nella pelvi renale è accompagnata da una disfunzione del sistema renale, che si riflette nei risultati della conta ematica completa. Con la cistite questo tipo di cambiamento è assente.
  • Nel caso di processi infiammatori nella vescica, la porzione di liquido espulso durante un atto di minzione è di solito molto piccola, che non è caratteristica della pielonefrite.
  • Abbastanza spesso ci sono casi in cui i processi infettivi aumentano dall'uretere alle tazze renali o viceversa.

    Caratteristiche degli antibiotici

    La cistite, così come la pielonefrite, non si riferisce solo a malattie infiammatorie, ma è provocata anche dall'azione degli stessi batteri. Nella maggior parte dei casi, gli agenti batterici come E. coli o proteus sono usati come catalizzatori. Ecco perché il trattamento della cistite e della pielonefrite viene effettuato principalmente con gli stessi antibiotici. Questa terapia ha le sue caratteristiche:

  • Il corso del trattamento deve essere somministrato solo dall'urologo sulla base della diagnosi e tenendo conto di tutte le caratteristiche individuali del paziente e delle patologie associate.
  • L'azione dell'antibiotico dovrebbe essere diretta strettamente sull'agente causativo di un particolare tipo.
  • Un efficace trattamento antibiotico dovrebbe essere regolare, sistematico.
  • Il farmaco deve essere assunto rigorosamente allo stesso tempo. Questo è necessario per il mantenimento permanente della concentrazione del principio attivo nel sangue.
  • Per mantenere la microflora del tratto gastrointestinale, il trattamento antibiotico deve essere combinato con l'assunzione di yogurt e probiotici speciali.
  • Nel processo di trattamento è necessario seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del dottore riguardo all'amministrazione di farmaci.

    Dosaggio della droga

    Il dosaggio e la durata del ciclo di trattamento sono selezionati singolarmente in ciascun caso. I seguenti fattori dovrebbero essere considerati:

  • Categoria di età
  • Il peso corporeo del paziente.
  • Caratteristiche strutturali individuali del corpo.
  • Diagnosi specifica
  • La presenza di malattie concomitanti.
  • La forma del processo infiammatorio.
  • La gravità e la durata della malattia.
  • Il corso del processo di trattamento.
  • Reazioni del corpo
  • La tendenza del paziente a reazioni allergiche.

    Anche la durata del corso terapeutico è importante. Con il trattamento a lungo termine, che non porta risultati tangibili, di solito si consiglia di cambiare il farmaco. Il fatto è che in alcuni casi, i batteri acquisiscono resistenza a un particolare tipo di antibiotico, quindi smette di agire. In ogni caso, questo processo dovrebbe essere eseguito esclusivamente da uno specialista, tenendo conto di tutti i fattori sopra citati. La scelta indipendente e l'uso incontrollato di antibiotici per la pielonefrite o la cistite sono assolutamente controindicati e possono portare a conseguenze molto gravi!

    Controindicazioni

    Nonostante il fatto che l'assunzione di antibiotici sia il metodo più efficace per combattere le malattie infiammatorie causate da agenti batterici, in alcuni casi l'uso di questi farmaci non è fortemente raccomandato. Le controindicazioni includono quanto segue:

    1. Gravidanza.
    2. Periodo di lattazione.
    3. Intolleranza individuale a determinati componenti
    4. Patologia renale.
    5. Grave danno al fegato.
    6. Tendenza pronunciata a reazioni allergiche.
    7. Età inferiore ai sedici anni.

    Torna al sommario

    Possibili effetti collaterali

    Gli antibiotici moderni hanno effetti tossici minimi e nella maggior parte dei casi influenzano l'agente patogeno specifico senza alterare l'organismo nel suo insieme. Tuttavia, la manifestazione degli effetti collaterali è ancora possibile. Il più comune di loro sono attribuiti:

  • Nausea.
  • Attacchi di vomito.
  • Vertigini.
  • Dolore nell'addome.
  • Mal di testa.
  • Indigestione.
  • La diarrea.
  • L'aspetto della natura allergica avventata.

    Quando si osservano tali eventi, consultare immediatamente il proprio medico. Potrebbe essere necessario regolare il dosaggio o semplicemente cambiare il farmaco.

    Efficaci antibiotici per l'infiammazione del sistema genito-urinario

    Gli antibiotici, che sono prescritti per i processi infiammatori nei reni o nella vescica, sono principalmente derivati ​​da palin o furadonina.

    Molti di questi farmaci hanno numerose controindicazioni. I seguenti farmaci sono tra i fluorochinoloni più sicuri:

  • Ciprofloxacina.
  • Pefloxacin.
  • Norfloxacin.
  • Monural (questo farmaco può essere utilizzato anche per le donne incinte).

    I seguenti tipi di antibiotici sono indicati per il trattamento della pielonefrite:

  • Amikacina.
  • Penicillina.
  • Carbapenemici.
  • Gentamicina.
  • Ceftriaxone.
  • Aminoglicosidi.
  • Cefepime.
  • Cefuroxime.

    Il ciclo di trattamento massimo consentito con questi farmaci non deve superare i tre mesi.

    Affinché il trattamento antibiotico produca i risultati attesi e non danneggi l'organismo, si raccomanda di seguire queste regole durante il corso terapeutico:

  • Bere molti liquidi (circa due o tre litri al giorno).
  • Smetti di bere alcolici.
  • Osservare una certa dieta. Una dieta co-occorrente include severe restrizioni riguardanti l'assunzione di cibi piccanti, grassi e fritti. Ma il contenuto dei prodotti lattiero-caseari fermentati, contribuendo al ripristino della microflora, dovrebbe essere massimo.

    La pielonefrite e la cistite sono malattie infiammatorie, quindi è necessario assumere antibiotici per il loro trattamento completo. Tuttavia, l'uso incontrollato di questi farmaci può non solo non dare i risultati attesi, ma anche portare a conseguenze gravi. Affinché ciò non avvenga, la terapia deve essere eseguita esclusivamente sotto stretto controllo medico!