Nefrosclerosi dei reni: che cos'è e come si manifesta

Test

Nessuna malattia renale va via senza lasciare traccia, qualsiasi processo patologico nel rene porta al danneggiamento e alla morte delle sue unità strutturali e funzionali - i nefroni. La perdita di singoli nefroni non influisce sulla funzione dell'organo. Con la morte di massa delle strutture renali, vengono sostituiti dal tessuto connettivo e la funzione renale viene persa.

Il processo di sostituzione dei nefroni funzionanti con tessuto connettivo è la nefrosclerosi. Questa non è una malattia indipendente, ma un possibile risultato di qualsiasi processo patologico nel rene. Il risultato della nefrosclerosi è la perdita completa della funzione, la riduzione delle dimensioni e infine la formazione di rughe del rene. A volte i medici sostituiscono persino il termine "nefrosclerosi" con il termine "rene avvizzito", in realtà è la stessa cosa.

Cause della nefrosclerosi

Si distinguono due forme di questa patologia: rene shriveled primario e secondario.

  • nephrosclerosis primaria causata da lesioni vascolari e apporto di sangue al tessuto renale alterata come conseguenza di ipertensione, aterosclerosi, infarto vascolare renale e renali, disturbi del deflusso venoso. La struttura dei reni subisce cambiamenti sclerotici con l'età, entro i 70 anni, il numero di unità strutturali renali attive nei reni diminuisce del 30-40%.
  • La forma secondaria della malattia si verifica a causa di danni del parenchima renale durante glomerulonefrite prolungato, pielonefrite cronica, urolitiasi, processi autoimmuni, diabete, amiloidosi, sifilide, tubercolosi, rene, nephrosclerosis può portare a gravi nefropatia lesioni gravidanza e organo.

Negli ultimi decenni, l'ipertensione e il diabete mellito sono stati considerati la causa principale di questa patologia, anche se letteralmente 20 anni fa la glomerulonefrite era in testa.

I principali sintomi della nefrosclerosi

La malattia può durare decine di anni, mentre il deterioramento delle funzioni renali avviene gradualmente e i sintomi inizialmente non disturbano i pazienti. Un medico viene spesso chiamato quando si manifestano edemi, disturbi della minzione e segni di ipertensione. Con tali sintomi, i cambiamenti nei reni sono spesso irreversibili e la funzione dell'organo è già significativamente ridotta.

Minzione compromessa

Questo sintomo comprende poliuria (troppa minzione - 2 litri al giorno o più) e nicturia (aumento del numero e del volume della minzione durante la notte).

Nella nefrosclerosi grave, la poliuria viene sostituita dall'oliguria, quando la quantità di urina, al contrario, diminuisce bruscamente. Anuria (completa assenza di urina può indicare insufficienza renale terminale).

Anche nelle urine appare sangue, ed è dipinto nel colore della brodaglia di carne - questo sintomo è chiamato ematuria macroscopica.

ipertensione arteriosa

Se la perfusione renale attivato meccanismo di protezione per aumentare la pressione nei vasi sanguigni renali, con conseguente espulsione del sangue sostanze che aumentano la pressione intorno al flusso sanguigno. Nella nefrosclerosi, l'ipertensione arteriosa raggiunge valori molto elevati, sono possibili crisi ipertensive con un aumento della pressione sistolica fino a 250-300 mm Hg. Art., Mentre la riduzione della pressione è molto difficile.

gonfiore

La ritenzione di liquidi nel corpo porta all'edema. All'inizio appaiono sul viso al mattino e dopo un po 'di tempo passano. Poi gradualmente scendono, le loro dita si gonfiano (i pazienti prestano attenzione che non possono togliersi gli anelli al mattino) e gli stinchi (non indossare scarpe, non allacciare gli stivali). Con la progressione della malattia, l'edema si diffonde in tutto il corpo, si verifica anasarca - edema generalizzato di grasso sottocutaneo, tessuti molli, nel peggiore dei casi, e organi interni.

Edema polmonare (asma cardiaco) si verifica a causa di sovraccarico del cuore a causa di una maggiore quantità di liquido nel corpo. Il risultato è l'insufficienza cardiaca e la stasi del sangue nei capillari polmonari. Il paziente ha respiro affannoso, tosse, durante un attacco c'è sudorazione, cianosi (pelle blu), aumento della frequenza cardiaca e frequenza respiratoria. L'asma cardiaco è una complicanza grave che può essere fatale se lasciato incustodito.

Fasi di nefrosclerosi

Ci sono 2 periodi nello sviluppo di questa patologia:

  1. Nella prima fase, non vi sono manifestazioni di nefrosclerosi, tuttavia, il paziente ha e può progredire in una o più patologie che portano alla sostituzione di un parenchima renale normale con tessuto connettivo. Durante questo periodo, i cambiamenti nel danno renale compaiono nelle urine e negli esami del sangue.
  2. I sintomi caratteristici della nefrosclerosi e, rispettivamente, dell'insufficienza renale, compaiono nella seconda fase del processo, quando i cambiamenti nella struttura dei reni possono essere rilevati utilizzando gli ultrasuoni e altri metodi di ricerca strumentali.

Inoltre, a seconda del corso del processo patologico, sono isolate forme maligne e benigne di nefrosclerosi.

Fortunatamente, nel numero schiacciante di pazienti, si verifica la seconda forma della malattia, in cui il processo progredisce lentamente, con un trattamento efficace della malattia di base, la progressione della nefrosclerosi può essere rallentata.

Con un decorso maligno, la nefrosclerosi progredisce rapidamente e nel corso di diversi anni può portare a una completa perdita della funzionalità renale, grave insufficienza renale e condanna del paziente a emodialisi permanente. Un risultato così sfavorevole può essere osservato con ipertensione maligna ed eclampsia in donne in gravidanza.

Diagnosi di nefrosclerosi

Poiché i sintomi del rene avvizzito compaiono nelle fasi avanzate, è molto importante identificare questa patologia il prima possibile con l'aiuto di un sondaggio, poiché l'efficacia del trattamento in questo caso sarà molto più alta. Un ruolo importante è giocato raccogliendo la storia del paziente.

  • Analisi delle urine. Qualsiasi esame dei reni, naturalmente, inizia con un'analisi delle urine, con nefrosclerosi iniziale, si possono identificare le seguenti deviazioni dalla norma: una diminuzione della densità relativa delle urine, la comparsa di proteine, singoli globuli rossi e cilindri.
  • Esami del sangue In un esame del sangue clinico, i livelli di emoglobina e piastrine possono diminuire. Nel biochimico - riducendo la quantità di proteine ​​totali, aumentando il livello di urea, creatinina, acido urico e sodio. Dovrebbe avvisare l'aumento di glucosio e colesterolo.

Tali cambiamenti nelle urine e negli esami del sangue sono molto aspecifici e possono essere osservati non solo nei casi di malattia renale. Tuttavia, la combinazione di tali deviazioni nei risultati di laboratorio, con una storia di fattori che possono portare a danni renali, fa pensare al medico di ulteriori diagnosi.

Per l'esame vengono utilizzati molti metodi strumentali, come ultrasuoni, urografia escretoria (radiografia del rene con un mezzo di contrasto), angiografia, tomografia computerizzata, studi di radioisotopi, ecc. Tutti rivelano una diminuzione delle dimensioni dei reni, la presenza di depositi di calcio, alterata circolazione sanguigna nei vasi renali e altri cambiamenti che indicano la crescita del tessuto connettivo. La risposta esatta sullo stato del parenchima renale può dare una biopsia.

Trattamento di nefrosclerosi

La terapia speciale finalizzata al trattamento della nefrosclerosi, non esiste. È necessario curare la malattia, che ha provocato danni renali e morte del nefrone, seguita dalla loro sostituzione con tessuto connettivo. Ecco perché non solo un nefrologo è impegnato nel trattamento dei pazienti con nefrosclerosi, ma anche uno specialista specializzato.

Oltre alla terapia mirata al trattamento della malattia di base, i pazienti devono seguire una dieta. Si consiglia di limitare la quantità di proteine, sale, nella dieta dovrebbe essere sufficiente vitamine e sali minerali. In assenza di ipertensione arteriosa ed edema, non è richiesta la restrizione di liquidi e proteine.

Nella malattia renale allo stadio terminale, quando entrambi i reni hanno perso la loro funzione, l'emodialisi è indicata per i pazienti. L'unica via d'uscita in questa situazione è il trapianto di rene, negli ultimi anni questa operazione è stata eseguita con successo in Russia ed è gratuita per i cittadini del nostro paese.

Quale dottore contattare

Il trattamento delle malattie renali e delle loro complicanze, in particolare la nefrosclerosi e l'insufficienza renale, viene eseguito da un nefrologo. Se necessario, vengono nominati altri specialisti: un cardiologo (ad alta pressione), un endocrinologo (con diabete), un chirurgo vascolare (con aterosclerosi dell'arteria renale), un urologo (con urolitiasi), uno specialista di malattie infettive (con sospetta tubercolosi del rene). È possibile ottenere un rinvio per un esame renale contattando il terapeuta con i reclami appropriati.

Nefrosclerosi dei reni: cause e metodi di trattamento

La nefrosclerosi dei reni è un processo patologico caratterizzato dalla morte di nefroni e dalla sostituzione del tessuto renale funzionale (parenchima) con tessuto connettivo. Può essere il risultato di varie malattie dei reni o delle arterie e delle vene renali, a seguito della quale il normale apporto di sangue all'organo viene interrotto.


Con la progressione della malattia dovuta a una significativa proliferazione del tessuto connettivo nel rene colpito, si notano alterazioni delle funzioni, cambiamenti strutturali e morfologici caratteristici. I reni sono di dimensioni ridotte, diventando densi e rugosi. Principalmente la nefrosclerosi si sviluppa come una complicanza di diabete, ipertensione, aterosclerosi, glomerulonefrite o pielonefrite e porta gradualmente all'insufficienza renale cronica (CRF).

Tipi e cause della malattia

A seconda del meccanismo alla base dell'insorgenza della malattia, la nefrosclerosi renale primaria e secondaria è isolata. Come risultato di determinati processi patologici, la mancanza di apporto di nutrienti e ossigeno porta all'atrofia o alla necrosi delle unità strutturali e funzionali del rene (nefroni) situate nel parenchima dell'organo. Il tessuto connettivo cresce al posto dei nefroni morti, a seguito del quale il rene perde la capacità di svolgere pienamente le sue funzioni.

Nefrosclerosi primaria

La nefrosclerosi primaria è causata da un insufficiente apporto di sangue al parenchima renale ed è una conseguenza dei processi patologici nel corpo che non sono direttamente correlati ai reni. Questi includono:

  • ipertensione;
  • aterosclerosi vascolare;
  • cambiamenti di età;
  • fuoriuscita di sangue ostruito venoso.

La nefrosclerosi ipertensiva si sviluppa a causa di disturbi circolatori causati da spasmo e restringimento del lume vascolare. Esistono due tipi di questa malattia:

  • nefrosclerosi arteriosclerotica (benigna), caratterizzata dalla proliferazione del tessuto connettivo nelle pareti interne delle arterie renali, che porta ad una diminuzione della loro elasticità e causa cambiamenti atrofici nei nefroni;
  • nefrosclerosi arteriolonecrotica (maligna), caratterizzata da necrosi di arteriole e glomeruli, emorragie nelle pareti dei canalicoli urinari e alterato metabolismo proteico nell'epitelio del tubulo contorto.

Nell'aterosclerosi, placche specifiche di natura grassa si formano sulle pareti interne delle arterie. Portano ad una diminuzione del diametro dei vasi, un ispessimento delle loro pareti e una diminuzione dell'elasticità, con conseguente riduzione del flusso sanguigno e ischemia di organi e tessuti che ricevono nutrimento attraverso queste arterie. Molto spesso, le placche aterosclerotiche sono localizzate nel punto di ingresso dell'arteria renale nell'organo o nella regione della sua ramificazione all'interno del rene.

I cambiamenti senili nei vasi sanguigni iniziano a svilupparsi in persone di oltre 40 anni. Consistono nella compattazione delle pareti, perdita di elasticità e restringimento del lume delle arterie a causa di depositi sulle loro pareti interne di sali di calcio, crescita del tessuto connettivo, accumulo di cellule muscolari lisce. Questi processi portano ad assottigliamento dello strato corticale del rene e atrofia delle cellule dei tubuli urinari.

Importante: dopo aver raggiunto i 70 anni, il numero di nefroni funzionanti nel rene si riduce di quasi il 40%.

Con la difficoltà di deflusso venoso del sangue nei reni, si verifica la congestione, peggiorando l'afflusso di sangue all'organo. La formazione del tessuto connettivo in questo caso è dovuta ad un aumento del risultato di ipossia della sintesi del tropocollagene - l'unità strutturale del collagene.

Nefrosclerosi secondaria

La nefrosclerosi secondaria è il risultato della progressione della malattia renale infiammatoria o distrofica. Tra loro ci sono:

  • glomerulonefrite;
  • pielonefrite;
  • nefrolitiasi;
  • tubercolosi renale;
  • la sifilide;
  • reumatismi;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • iperparatiroidismo;
  • nefropatia diabetica;
  • nefrite interstiziale;
  • amiloidosi renale;
  • lesioni e chirurgia renale;
  • esposizione;
  • nefropatia in stato di gravidanza.

Molto spesso, la forma secondaria della malattia si sviluppa sullo sfondo della glomerulonefrite cronica. I reni colpiti allo stesso tempo hanno una superficie a grana fine, come nel caso della nefrosclerosi ipertensiva.

Suggerimento: il trattamento tempestivo e il controllo delle malattie che possono essere una complicazione della nefrosclerosi secondaria possono aiutare a prevenire lo sviluppo di questa grave patologia.

Sintomi e diagnosi

Nelle prime fasi della nefrosclerosi i sintomi sono trascurabili. I primi cambiamenti possono essere rilevati solo da test di laboratorio di urina e sangue, che riflettono la funzione renale. Nell'analisi delle urine si osservano le seguenti deviazioni:

  • aumento della diuresi giornaliera;
  • escrezione della maggior parte delle urine durante la notte;
  • la comparsa di grandi quantità di proteine;
  • rilevazione dei globuli rossi;
  • diminuzione del peso specifico.

Nelle note biochimiche e generali del test del sangue:

  • aumentare il livello di prodotti tossici del metabolismo delle proteine;
  • riduzione delle proteine ​​totali;
  • concentrazione anormale di potassio, magnesio, fosforo, sodio;
  • diminuzione dei livelli di emoglobina e piastrine;
  • aumento della concentrazione di globuli bianchi.

Nei pazienti con nefrosclerosi renale avanzata, si nota:

  • ipertensione, non ridotta di solito assunta con farmaci ipertensivi;
  • debolezza, mal di testa;
  • gonfiore;
  • attacchi di angina;
  • insufficienza cardiaca e disturbi del ritmo cardiaco;
  • l'anemia;
  • pelle blu degli arti;
  • disabilità visiva, distacco della retina, infiammazione del nervo ottico.

Raccomandazione: se vengono rilevati i sintomi sopra indicati, contattare un istituto medico per assistenza. Quanto prima viene stabilita una diagnosi accurata e viene avviato il trattamento, tanto più è probabile che ciò impedisca lo sviluppo di gravi conseguenze.

Dai metodi strumentali di diagnosi per la sospetta nefrosclerosi dei reni utilizzati:

  • esame ecografico;
  • renografia di radionuclidi;
  • urografia escretoria;
  • tomografia computerizzata;
  • angiografia dei vasi renali;
  • La scintigrafia;
  • Studio Doppler di vasi renali.

Metodi di trattamento

Nella nefrosclerosi renale, il trattamento dipende dalla gravità della malattia e dai sintomi osservati. Quanto prima è avviato, tanto maggiore è la probabilità di ridurre il rischio di insorgenza o di ritardare lo sviluppo del CRF. Il compito principale nel trattamento della nefrosclerosi è quello di eliminare o controllare la malattia sottostante che ha provocato cambiamenti patologici nel parenchima renale. Altrimenti, i metodi applicati di trattamento della nefrosclerosi saranno inefficaci.

Trattamento farmacologico

I farmaci sono efficaci nelle prime fasi della malattia. Prendono corsi completi e di lunga durata con brevi pause. A seconda delle manifestazioni cliniche prescrive:

  • farmaci antipertensivi;
  • diuretici;
  • agenti anabolici;
  • farmaci che migliorano il flusso sanguigno renale;
  • chelanti;
  • vitamine.

Importante: quando la progressione dell'insufficienza renale, i farmaci antipertensivi devono essere assunti con estrema cautela, poiché possono causare un aumento dell'azotemia e un peggioramento del flusso sanguigno renale.

Trattamento chirurgico

I metodi di trattamento chirurgico sono utilizzati per il decorso rapido della malattia, l'insufficienza renale progressiva o la nefrosclerosi ipertensiva maligna. Questi includono:

  • embolizzazione delle arterie renali;
  • nefrectomia;
  • trapianto di rene da donatore.
Dopo la nefrectomia o l'embolizzazione dell'arteria renale, al paziente viene mostrata l'emodialisi regolare per pulire il sangue dai prodotti metabolici tossici e ripristinare l'equilibrio elettrolitico.

Caratteristiche della nutrizione nella nefrosclerosi

L'osservazione di una dieta speciale per la nefrosclerosi renale può ridurre il carico sull'organo e ridurre la quantità di metabolismo proteico tossico che si forma. È di particolare importanza nella fase iniziale dell'insufficienza renale cronica, che si riscontra nella rilevazione di alti livelli di urea e creatinina nel sangue.

Il principio di nutrizione è limitare l'assunzione di proteine, sale e liquidi. Inoltre, non è raccomandato mangiare cibi ricchi di potassio (banane, datteri, prugne, ecc.). Il cibo dovrebbe essere frazionario, suddiviso in 5-6 ricevimenti.

Nell'elaborare la dieta, lo stadio della nefrosclerosi è necessariamente preso in considerazione. In assenza di segni di CRF, la riduzione dell'apporto proteico è minima. Si consigliano carni magre, pesce, latticini, uova. Nel caso della malattia renale cronica, la base della dieta dovrebbe essere verdure, frutta, cereali. Con la pressione del sangue normale e senza edema, la quantità di sale che entra nel corpo non viene ridotta. La restrizione dei liquidi è necessaria nelle ultime fasi della nefrosclerosi.

Ma forse è più corretto trattare non l'effetto, ma la causa?

Raccomandiamo di leggere la storia di Olga Kirovtseva, come ha guarito il suo stomaco. Leggi l'articolo >>

Nephrosclerosis dei reni

Quando il tessuto renale parenchimale viene sostituito dal tessuto connettivo, la nefrosclerosi dei reni si verifica, causando la compromissione dell'organo. Ciò porta ad un cambiamento nell'afflusso di sangue ai reni, alle arterie e alle arteriole che si ispessiscono, i vasi diventano meno elastici e non sono più in grado di saturare il rene con il sangue per intero. I glomeruli e i tubuli del rene non ricevono un'alimentazione adeguata e alla fine muoiono. Di conseguenza, il rene diventa più piccolo e non svolge più le sue funzioni.

L'esito della malattia dipende da come vengono effettuati il ​​tempo e la qualità del trattamento e da come si comporta correttamente il paziente durante il periodo di recupero. Una prognosi più favorevole sarà se il trattamento inizi nelle prime fasi della malattia. In tutti gli altri casi, possiamo parlare solo della stabilizzazione dello stato il più a lungo possibile. Il trattamento improprio o la mancanza di esso porta ad un peggioramento della condizione e della morte.

Eziologia del fenomeno

La nefrosclerosi è primaria (l'afflusso di sangue all'organo è disturbato) e secondario (il parenchima renale è interessato). Le cause della nefrosclerosi primaria possono essere:

  1. Ipertensione. Uno spasmo dei vasi sanguigni provoca un prolungato aumento della pressione sanguigna, mentre i vasi si restringono, c'è una pressione che interferisce con il normale flusso sanguigno. La nefrosclerosi come conseguenza dell'ipertensione può essere benigna e maligna. Nel primo caso, il tessuto connettivo cresce nelle pareti arteriose e nel secondo caso, a seguito di un'alta pressione, i capillari e le arteriole muoiono e compaiono emorragie che causano atrofia cellulare.
  2. Infarto del rene Allo stesso tempo, il lume dell'arteria renale è parzialmente o completamente bloccato dall'embolo o trombo. Il risultato è la morte del tessuto vivente. Se l'infarto era insignificante o singolo, allora il lavoro del rene è compensato da altre navi, ma con infarti estesi, la parte principale dei nefroni muore, e in questo caso si sviluppa la nefrosclerosi.
  3. L'aterosclerosi. Le placche di colesterolo si depositano sulle arterie, che restringono il lume e addensano le pareti dei vasi sanguigni. Il sangue attraverso le navi strette si muove peggio e fornisce scarsamente ai tessuti e alle cellule nutrienti. Molto spesso, placche aterosclerotiche nelle arterie renali sono localizzate all'ingresso del rene o in luoghi in cui una grande nave è divisa in rami più piccoli.
  4. Età. Dopo i 40 anni, le pareti arteriose si addensano, a causa dei depositi di calcio o dell'accumulo di tessuto muscolare connettivo. All'età di 70 anni, i nefroni nel rene diventano quasi la metà della norma.
  5. Pletora venosa. Questa malattia porta al fatto che il deflusso del sangue venoso peggiora, cioè il tessuto connettivo si espande. Tali cambiamenti avvengono a lungo - più di 10 anni.

Le cause della nefrosclerosi secondaria possono essere:

  1. Il diabete mellito. Con un alto livello di glucosio si formano vari composti che tendono ad essere depositati sulle pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, aumenta il rischio di coaguli di sangue nel lume dei vasi sanguigni.
  2. Gravidanza. Quando i cambiamenti ormonali avvengono nel corpo, i vasi possono ricevere i comandi sbagliati, questo può portare al loro spasmo, a seguito del quale i nefroni muoiono. A causa dell'aumento della permeabilità vascolare del glomerulo, i sali vengono trattenuti e la proteina viene escreta in grandi quantità. Quando ciò si verifica, gonfiore e aumento della pressione sanguigna.
  3. Pielonefrite cronica e glomerulonefrite. I microorganismi che provocano la pielonefrite si depositano nei tubuli urinari e i leucociti iniziano a riunirsi attorno a loro. Se la malattia è guarita, le cicatrici rimangono sui tubuli, se non trattate si formano ulcere. Tutto ciò provoca la morte di Nefroni.
  4. Nella urolitiasi, il deflusso delle urine è disturbato. Stagna e crea condizioni favorevoli per lo sviluppo di un'infezione batterica, i batteri vengono gettati nei tubuli urinari e danneggiati.
  5. La nefrosclerosi può provocare tubercolosi renale, lupus eritematoso, amiloidosi renale, chirurgia d'organo o trauma, radiazioni ionizzanti.

I sintomi della malattia

Poiché la distruzione del lavoro del rene è associata alla morte dei nefroni, meno rimangono, più brillanti saranno i sintomi della malattia. Nella fase iniziale, la malattia potrebbe non manifestarsi affatto, ma con la progressione della malattia, i sintomi aumenteranno anche:

  1. Il volume di minzione aumenta. Se una persona sana ha 1-1,5 litri di urina al giorno, quelli che soffrono di nefrosclerosi hanno un volume di 2 litri al giorno.
  2. Urgente di urinare di notte più frequente che durante il giorno.
  3. Se quasi tutti i nefroni muoiono, allora non c'è nessuna voglia di urinare affatto.
  4. L'urina ha impurità nel sangue.
  5. Gonfiore del viso e del corpo.
  6. Il peso corporeo aumenta a causa dell'edema.
  7. La pressione del sangue è alta e non diminuisce.
  8. La vista cade, la visione offuscata si verifica davanti ai tuoi occhi.
  9. Ci può essere dolore nella regione del cuore e dello sterno.
  10. Con piccoli lividi sotto la pelle si verificano emorragie, ci sono sangue dal naso e gengive sanguinanti.
  11. Emicrania e forti mal di testa.
  12. Fragili ossa
  13. Immunità ridotta, con conseguente frequenti malattie virali e infettive.
Gonfiore sul viso del paziente con insufficienza renale avanzata

Se si verificano almeno alcuni di questi sintomi, consultare immediatamente un medico. Nelle prime fasi della malattia, il trattamento sarà molto più facile e più efficace.

Misure diagnostiche

La diagnosi di nefrosclerosi renale comprende test strumentali e di laboratorio:

  1. Quando l'analisi biochimica del sangue ha rivelato un aumento di urea, acido urico e creatinina. La proteina, al contrario, diminuisce bruscamente e nei casi più gravi può scendere a valori critici. Il potassio nel sangue diminuisce, mentre il magnesio, il fosforo e il sodio aumentano.
  2. L'ecografia registra una diminuzione del volume renale, che si verifica a seguito dell'essiccazione dello strato corticale. La regione di confine scompare tra lo strato corticale e quello cerebrale dell'organo, il che indica che si è verificato un completo cambiamento sclerotico. Inoltre, la deposizione di sali di calcio è osservata nel parenchima.
  3. Il flusso sanguigno ridotto nel rene può essere visto su Doppler.
  4. La deposizione di sali e cambiamenti nella forma del corpo può essere vista sulla pielografia escretoria.
  5. Utilizzando la scintigrafia, è possibile determinare la sostituzione del tessuto connettivo parenchimale.

Trattamento della malattia

Affinché il trattamento sia il più efficace possibile, è necessario determinare il motivo dello sviluppo di questa patologia. Nelle fasi iniziali, la malattia viene trattata con anticoagulanti (Warfarin o Eparina), agenti antipiastrinici (Dipiridamolo, pentossifillina). Questi farmaci migliorano la circolazione sanguigna nel rene. Vengono mostrati farmaci che riducono la pressione sanguigna, ma negli stadi successivi della malattia dovrebbero essere usati con attenzione. Enalapril, Nifedipine, Atenolol, Hypothiazide sono prescritti. I farmaci contenenti potassio sono scaricati - Panangin, Asparkam, sono necessari per mantenere l'equilibrio salino. È anche importante prendere vitamine, assorbenti, preparati contenenti ferro.

Insufficienza renale cronica 3 e 4 stadi non sono trattati in modo conservativo per ripristinare la funzione renale, utilizzare l'emodialisi o il trapianto di organi. L'emodialisi è una procedura in cui il sangue del paziente passa attraverso speciali filtri, dove viene eliminato dai prodotti metabolici e dalle tossine. Quante volte è necessario eseguire questa procedura dipende da quanto il rene rimane attivo e dalle condizioni generali del paziente.

Un metodo radicale è il trapianto di rene. In questo caso, il paziente può tornare a uno stile di vita normale. Gli organi dei donatori vengono prelevati dai parenti (con il loro consenso) o da un cadavere. Dopo il trapianto, vengono prescritti farmaci speciali che promuoveranno la guarigione dei reni. Il trapianto di organi è un'operazione complessa e pericolosa che può comportare molte conseguenze e complicazioni negative. Pertanto, i medici ricorrono a questo metodo solo in casi estremi.

Spesso i medici raccomandano di trattare la nefrosclerosi con l'irudoterapia, soprattutto se il paziente presenta insufficienza renale cronica o glomerulonefrite. Le sanguisughe sono applicate alle zone epatiche, alla parte bassa della schiena e al fondo del peritoneo. Il corso del trattamento è di 10-12 sedute, 2-8 sanguisughe sono usate in una sessione.

Nutrizione in patologia

Dieta per nefrosclerosi dei reni - un prerequisito. Mangiare dovrebbe essere in piccole porzioni, ma spesso. È consigliabile limitare gli alimenti proteici. Porridge, patate, pane dovrebbero essere esclusi dalla dieta. Le proteine ​​sono meglio prendere da uova, latticini, carne. Si consiglia di utilizzare piatti a base di pesce, poiché c'è molto fosforo nei pesci. Per prevenire l'edema, è necessario limitare l'assunzione di cibi salati e sale di per sé. Tuttavia, abbandonare completamente il sale poco pratico.

La dieta dovrebbe essere equilibrata - contenere le vitamine e i minerali necessari. Puoi mangiare noci, grano saraceno, alghe, bere acque minerali con un alto contenuto di magnesio. Con la nefrosclerosi secondaria, si dovrebbe bere molta acqua (fino a 3 litri al giorno), ma in presenza di malattie cardiache o vascolari questo non dovrebbe essere fatto.

Le ricette della nonna per aiutare

Il trattamento dei rimedi popolari non è proibito, ma non dovrebbe essere l'unico mezzo di terapia. Senza il consiglio di un medico di utilizzare qualsiasi rimedio popolare è vietato!

Foglie di mirtillo rosso - il rimedio popolare più efficace per la nefrosclerosi renale. Per preparare il decotto medicinale sono necessari 70 g di foglie, versare 0,5 litri di acqua bollente, far bollire il prodotto per 15 minuti, quindi raffreddare, filtrare e bere 100 g 4-5 volte al giorno.

Il miele è sempre stato considerato uno strumento indispensabile nel trattamento di molti disturbi. Nel caso della nefrosclerosi, sarà anche molto utile. Prendere 100 g di miele naturale e mescolare con la stessa quantità di succo di limone, mettere a bagnomaria in modo che il prodotto sia riscaldato. Lo strumento risultante, prendi 1 cucchiaio. l. 1 volta al giorno prima dei pasti. La miscela deve essere conservata in frigorifero.

Con la nefrosclerosi è molto utile pulire il corpo, ma la pulizia non dovrebbe essere effettuata attraverso i reni, ma attraverso il tratto digestivo. Questo può aiutare il porridge dal riso e l'avena. Gli ingredienti devono essere presi in parti uguali, lavarli e poi farli bollire fino a quando non si consiglia di usare olio e sale nel porridge, dovrebbe essere mangiato senza additivi. Per fare il porridge un bicchiere di cereali richiederà 2,5-3 bicchieri d'acqua.

Le tossine possono essere eliminate dal corpo con l'aiuto delle barbabietole. Avrai bisogno di 3 cucchiai. l. torta di barbabietole e 1 barbabietola bollita, che dovrebbe essere grattugiata e spremuta fuori da esso. Il succo dovrebbe riposare per un paio d'ore, dopo di che può essere bevuto durante la notte. Per quanto riguarda la torta di barbabietola, è necessario far rotolare le palline e prenderla sulla palla mezz'ora prima dei pasti. Masticandoli non è necessario, arrotoli di queste dimensioni in modo da poterlo inghiottire intero.

Puoi preparare il seguente strumento molto utile: prendi 5 cucchiai. l. semi di lino, un cucchiaio di foglie di fragola, un paio di cucchiai di foglie di ortica e betulla. Tutto questo versare 0,5 litri di acqua, fate sobbollire per 10 minuti a fuoco basso e prendere mezza tazza 3-4 volte al giorno.

È utile bere la linfa di betulla, insistere e bere i frutti di cowberry, usare la tintura di alcool dei germogli di pioppo tremolo, così come la tintura di liquirizia.

Quali sono le previsioni?

La nefrosclerosi del rene è una malattia cronica, di norma questa patologia ha un decorso lungo ed è caratterizzata da remissioni periodiche e periodi di esacerbazione. A condizione che il paziente soddisfi tutte le raccomandazioni del medico, mangia correttamente e prenda tutti i farmaci necessari, la remissione può essere prolungata e il numero di esacerbazioni ridotte. In questo caso, possiamo parlare di una prognosi favorevole.

Se il trattamento della malattia è iniziato nelle fasi successive o la malattia procede in una forma maligna e progredisce rapidamente, allora la funzionalità degli organi appaiati si deteriorerà rapidamente, portando a insufficienza renale. In questo caso, la prognosi peggiora e talvolta l'emodialisi o il trapianto di organi donatori rimane l'unica via d'uscita.

Misure preventive

Se segui semplici regole ogni giorno, allora una malattia così grave come la nefrosclerosi renale può essere prevenuta. Affinché i reni funzionino correttamente e siano sani, è necessario:

  1. Mangiare è vario, senza mostrare preferenza per piatti salati, grassi e di carne, assicurati di introdurre verdure, frutta, verdure fresche nella dieta. Eliminare i prodotti contenenti conservanti e vari additivi aromatici e aromatici.
  2. Bere a meno di 2 litri in acqua al giorno. In questo caso, è necessario bere acqua, caffè, tè, succhi, bevande gassate diverse non contano.
  3. Escludere le cattive abitudini della tua vita, in particolare gli amanti della birra.
  4. È molto importante monitorare il peso, ma allo stesso tempo non seguire rigorose diete, è sufficiente mangiare bene e sostituire zucchero e pasticcini con frutta fresca.
  5. Non assumere senza l'uso urgente di analgesici, antibiotici e farmaci che hanno un effetto diuretico.
  6. Cerca di salvare il tuo corpo da raffreddori e infezioni virali e, se ce ne sono, trattali correttamente e fino al completo recupero.
  7. Monitorare regolarmente il livello di grasso nel corpo e monitorare la pressione sanguigna.

Aria fresca, uno stile di vita sano e attivo, una corretta alimentazione - queste sono le "tre balene", sulle quali vi è la prevenzione di molte malattie, compresa la prevenzione della nefrosclerosi renale.

Qual è la diagnosi di nefrosclerosi renale?

La nefrosclerosi dei reni è una malattia di natura cronica, che causa gradualmente la morte delle cellule renali funzionali (nefroni), per cui al suo posto si forma il tessuto connettivo, che non è in grado di svolgere le funzioni di un organo.

Classificazione della nefrosclerosi renale

La nefrosclerosi come rene avvizzito, a seconda della causa dello sviluppo della patologia e del tipo di sintomi, è suddivisa nei seguenti tipi:

  • Nefrosclerosi primaria - questa forma della malattia appare a causa di un'interruzione del funzionamento di alcuni sistemi corporei.
  • Nefrosclerosi secondaria: la patologia di questo tipo si sviluppa a causa dell'influenza sul corpo di circostanze avverse.
  • Nefrosclerosi ipertensiva - in questo caso, la malattia si verifica a causa di ipertensione e una violazione del passaggio del sangue attraverso l'arteria ristretta. È anche chiamata nefrosclerosi arteriosclerotica. Questo tipo, a sua volta, è diviso in due tipi: benigno (lento sviluppo dell'insufficienza renale, quando è possibile interrompere l'ulteriore sviluppo della malattia), che nella maggior parte dei casi non mostra sintomi caratteristici e maligni (la perdita di cellule renali avviene molto più velocemente).
  • La nefrosclerosi aterosclerotica - la caratteristica principale di questo tipo di malattia è la distribuzione unilaterale (colpisce solo un organo).
  • Nefrosclerosi diabetica - in questa forma di patologia, sono colpiti entrambi i reni, che si verificano in più fasi. Il primo stadio è caratterizzato dall'assenza di sintomi. Nella seconda fase, c'è un leggero aumento della pressione sanguigna. Il segno distintivo del terzo stadio è la comparsa di un forte edema. Al quarto stadio, l'insufficienza renale inizia a progredire, il che può manifestarsi dopo una grande quantità di tempo dopo il rilevamento delle proteine ​​nelle urine.

Cause e sintomi della nefrosclerosi renale

È più probabile che i seguenti fattori causino questa malattia:

  • età dopo 40 anni;
  • abuso di alcol;
  • il fumo;
  • portare un bambino;
  • dieta malsana;
  • predisposizione ereditaria a malattie di questo tipo.

Le cause della nefrosclerosi possono essere completamente differenti. I fattori principali per l'insorgenza della patologia:

  • flusso sanguigno insufficiente ai sistemi di organi;
  • ipertensione;
  • la presenza di coaguli di sangue che interferiscono con la normale circolazione, a causa della quale un organo può essere infartuato;
  • Aterosclerosi: il lume arterioso inizia a restringersi a causa della formazione di grassi sulle pareti delle arterie e dei loro depositi;
  • età avanzata;
  • violazione dell'elasticità delle navi renali.

Le cause secondarie di nefrosclerosi includono:

  • diabete mellito;
  • Disturbo ormonale ormonale durante la gravidanza (in questo caso, la proteina viene espulsa dal corpo attraverso l'urina, a seguito della quale i nefroni muoiono);
  • glomerulonefrite cronica;
  • pielonefrite (infiammazione dovuta all'ingresso di microrganismi patogeni nei reni);
  • la presenza di calcoli renali;
  • pressione meccanica dell'uretere di varie eziologie;
  • la tubercolosi;
  • lupus eritematoso (in questa malattia, il corpo combatte le proprie cellule);
  • colpo di proteina di un amyloid in reni;
  • lesioni meccaniche ai reni;
  • effetti della chirurgia;
  • uso della radioterapia.

Il principale pericolo della malattia - all'inizio del suo sviluppo, quasi nessun sintomo appare. La patologia viene spesso identificata per caso, quando si superano i test generali del sangue e delle urine. In assenza della necessaria attenzione di una malattia progressiva nel tempo, causerà complicazioni, fino a insufficienza renale terminale.

In questa fase della malattia, i sintomi sono generalmente pronunciati, tuttavia, non è più possibile eliminare completamente la patologia e riportare lo stato del corpo alla normalità.

Con lo sviluppo di sintomi di nefrosclerosi può essere il seguente:

  • gonfiore pronunciato del viso e delle gambe;
  • dolore e disagio nella parte bassa della schiena;
  • ipertensione;
  • mal di testa frequente, a volte peggio;
  • cambiamento nell'aspetto delle urine (presenza di sedimenti o impurità ematiche, colore scuro);
  • falsa voglia di espellere l'urina, specialmente di notte;
  • una piccola quantità di urina secreta durante il giorno (meno di 0,5 litri);
  • minzione frequente;
  • sete costante;
  • avversione al cibo a base di carne;
  • aumento dell'affaticamento del corpo;
  • nessun desiderio di mangiare;
  • mancanza di respiro, tachicardia (anche in assenza di attività fisica);
  • prurito;
  • perdita di peso drammatica.

Se vengono rilevati uno o più sintomi, è necessario contattare immediatamente i medici e sottoporsi a un esame nefrologico.

Diagnosi di nefrosclerosi renale

Se si sospetta una nefrosclerosi, si raccoglie prima l'anamnesi e si esamina il paziente. Dopo aver studiato i sintomi della malattia, di solito si esegue sondando l'addome del paziente. La combinazione di questi metodi consente di stabilire una diagnosi preliminare e determinare ulteriori metodi di ricerca.

I metodi diagnostici di laboratorio includono:

  • un esame del sangue per la biochimica (con nefrosclerosi, vi è un aumento del livello di urea, creatina, una ridotta quantità di proteine, il contenuto di sostanze come sodio, magnesio, potassio, aumento del fosforo nelle fasi successive della malattia);
  • un esame del sangue (abbassamento dell'emoglobina e conta piastrinica);
  • lo studio delle urine (aumento dei livelli proteici, diminuzione della concentrazione di urina, tassi pronunciati di globuli rossi e cilindri, che sono assenti allo stato normale).

Per stabilire la diagnosi, è necessario condurre una serie di metodi di ricerca strumentale, ad esempio:

  • esame ecografico (la dimensione dell'organo è molto più piccola rispetto alla norma, atrofia della sostanza corticale);
  • angiografia renale (vengono individuati piccoli vasi localizzati stretti e deformati, assottigliamento della sostanza corticale, bordi dei reni leggermente sfocati);
  • Raggi X dei reni con un mezzo di contrasto (vengono iniettati i preparati di iodio, grazie ai quali diventa chiaro che i reni e la loro sostanza corticale sono molto più piccoli del normale);
  • Ecografia Doppler (c'è un rallentamento del flusso sanguigno nei vasi renali e nei nefroni);
  • scintigrafia (distribuzione isotopica non uniforme);
  • Scansione TC;
  • renografia di radionuclidi;
  • biopsia e istologia della biopsia (utilizzando una macropreparazione).

Trattamento della malattia

Nel caso della natura benigna del decorso della malattia, il trattamento prevede l'uso di farmaci diuretici e l'abbassamento della pressione sanguigna. È obbligatorio nominare una dieta a lungo termine, durante la quale è necessario utilizzare alimenti a basso contenuto di proteine ​​e con un basso contenuto di sale. Si consiglia di aumentare il numero di cereali, verdure fresche e frutta nella dieta, bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Il paziente deve sottoporsi a esami regolari per ottenere informazioni sullo stato dell'organo e sul suo funzionamento.

Durante il periodo di terapia, è necessario trattare la stitichezza in forma cronica, poiché l'accumulo di tossine ha un effetto negativo sui reni.

Al fine di migliorare la circolazione del sangue renale, si consiglia di eseguire regolarmente alcuni esercizi fisici. Le frequenti passeggiate all'aria aperta e il nuoto contribuiranno a migliorare le condizioni di una persona. In alcuni casi, il medico può consigliare al paziente di visitare il bagno e la sauna, poiché ciò aumenta la sudorazione e vi è una rimozione di sostanze nocive dal corpo.

Se la patologia è maligna, il trattamento deve essere effettuato in un ospedale. In questo caso, quando si assumono farmaci è necessario prestare attenzione per non causare il deterioramento del paziente. Occasionalmente può essere necessario un intervento chirurgico per eliminare l'occlusione vascolare o rimuovere una parte atrofizzata del rene. Molto spesso, dopo tale operazione, l'emodialisi o il trapianto di rene vengono eseguiti su un paziente.

Con questo tipo di nefrosclerosi, la prognosi è raramente favorevole, poiché è quasi impossibile normalizzare le condizioni del corpo.

Il trattamento può essere effettuato a casa nella fase iniziale della malattia. In caso di sviluppo di complicazioni e di un brusco deterioramento della salute, è necessaria un'assistenza medica urgente.


Quando si esegue la terapia per la nefrosclerosi, si possono usare le seguenti procedure e farmaci:

  • soluzione fisiologica e glucosata (utilizzata per rimuovere sostanze nocive dal corpo);
  • soluzioni poliioniche (utilizzate per regolare l'equilibrio acido-base);
  • preparazioni ferruterous, erythropoietins;
  • trasfusione di sangue di alcuni componenti (con sviluppo di anemia);
  • medicinali per abbassare la pressione sanguigna;
  • anticoagulanti (usati nella fase iniziale della malattia);
  • farmaci diuretici (se ci sono sintomi di ritenzione di liquidi nel corpo);
  • preparazioni di potassio e calcio;
  • assorbenti (usati per ridurre la quantità di tossine nell'intestino);
  • complessi multivitaminici;
  • epatoprotettori (farmaci che proteggono il fegato);
  • colagogo (più spesso di origine vegetale).

Misure preventive

Non ci sono modi preventivi speciali della malattia. I principali metodi per prevenirne l'insorgenza e l'ulteriore sviluppo sono l'adesione a un'alimentazione corretta, l'assenza di sforzi fisici e mentali eccessivi, il riposo regolare e il costante monitoraggio della pressione arteriosa.

Inoltre, si raccomanda di lottare per uno stile di vita attivo e rinunciare a cattive abitudini.

Vale la pena ricordare che prima si inizia a trattare questa malattia, maggiori sono le possibilità di liberarsi dalla patologia e ripristinare lo stato normale del corpo.

Cos'è la nefrosclerosi dei reni, come trattare

La nefrosclerosi è una patologia dei reni, che è caratterizzata dalla graduale morte di nefroni - le cellule responsabili del funzionamento dell'organo, e sostituisce il loro tessuto in crescita che non è responsabile del funzionamento del rene. La malattia è caratterizzata dal fatto che i reni sono compatti, si restringono, rispettivamente perdono il loro volume normale e le loro prestazioni, a seguito del quale l'insufficienza renale inizia a progredire.

La malattia non appare in modo indipendente, ma si pone sullo sfondo di altri processi cronici o infettivi nel corpo umano, che sono caratterizzati da un decorso grave. Questa malattia viene diagnosticata in 600 persone su un milione, il 20% delle quali vive in emodialisi e il 22% del numero totale di persone che muoiono ogni anno muore.

Tale disturbo ha molte forme diverse e diversi tipi di cause, ma per ognuna di esse, per la diagnosi è necessario passare un'analisi delle urine ed essere esaminato usando gli ultrasuoni. Il principale metodo di trattamento è il mantenimento dell'attività vitale del rene mediante emodialisi o il trapianto di un organo sano.

eziologia

Come accennato in precedenza, le cause della nefrosclerosi sono diverse. Pertanto, i fattori principali per l'aspetto della malattia includono:

  • insufficienza di sangue;
  • ipertensione;
  • la formazione di coaguli di sangue, che bloccano il flusso di sangue all'intero rene o ad alcune aree di esso, che possono causare un infarto di organo;
  • Aterosclerosi - in cui il lume delle arterie si restringe, attraverso la formazione e la deposizione di grasso su di esse;
  • età del paziente;
  • diminuzione dell'elasticità dei vasi renali.

Le cause secondarie di nefrosclerosi sono:

  • diabete mellito;
  • le fluttuazioni ormonali associate alla gravidanza portano ad un costante aumento della pressione arteriosa e alla rimozione di proteine ​​dal corpo attraverso l'urina, che è la causa della morte di nefroni;
  • la glomerulonefrite cronica aumenta la probabilità di coaguli di sangue;
  • pielonefrite. Malattia infiammatoria che progredisce a causa di virus o batteri dal flusso sanguigno o quando l'urina viene respinta dalla vescica;
  • la formazione di calcoli renali;
  • pressione sull'uretere;
  • la tubercolosi;
  • lupus eritematoso: il corpo distrugge le sue stesse cellule;
  • la presenza di proteine ​​amiloidi nei reni;
  • numerose lesioni di questo organo;
  • effetti dalla chirurgia;
  • esposizione a radiazioni sul corpo.

specie

A seconda delle cause, la nefrosclerosi può essere:

  • nefrosclerosi primaria - causata da disturbi all'interno del corpo;
  • nefrosclerosi secondaria - derivante dall'influenza di qualsiasi fattore;
  • nefrosclerosi ipertensiva - appare sullo sfondo di alta pressione sanguigna e insufficiente flusso di sangue attraverso le arterie strette. Questo tipo è diviso in diverse forme: benigna, è possibile arrestare la progressione della malattia, spesso si manifesta senza sintomi, l'insufficienza renale si sviluppa più lentamente e maligna - la morte del rene avviene molto più velocemente. Chiamata anche nefrosclerosi arteriosclerotica;
  • nefrosclerosi aterosclerotica - a differenza di altri tipi, si diffonde unilateralmente;
  • la nefrosclerosi diabetica colpisce l'intero organo e procede in più fasi. Il primo è caratterizzato dall'assenza di segni, con il secondo, la pressione sanguigna sale leggermente, al terzo, oltre all'alta pressione, compare un edema grave, e il quarto è caratterizzato da insufficienza renale, che si fa sentire diversi anni dopo la rilevazione delle proteine ​​nelle urine.

Rene con nefrosclerosi

sintomi

Poiché questa insufficienza renale è caratterizzata dalla morte dei nefroni, più muoiono, più pronunciati appariranno i sintomi. In una fase iniziale, la nefrosclerosi non manifesta alcun segno, ma più lo sviluppo della malattia è aggravato, più i sintomi appariranno:

  • un aumento del volume di urina al giorno. Per una persona in buona salute, questa cifra è pari a un litro o a una e mezza di urina e, nei pazienti con nefrosclerosi, il volume aumenta a due litri di liquido escreto al giorno;
  • frequente voglia di urinare di notte che durante il giorno;
  • si osserva una diminuzione del volume di urina secreta con la morte del 70% o più dei nefroni;
  • la completa assenza della voglia di urinare si manifesta con il 90% di morte di nefrone;
  • l'urina viene escreta con impurità ematiche;
  • abbassando il livello di ferro nel sangue - ha origine dal 65% di morte cellulare;
  • rilevazione di urina nel sangue - si verifica quando la morte di quasi tutti i nefroni;
  • l'apparenza di gonfiore che si diffonde dal viso e più in basso attraverso il corpo;
  • l'aumento del peso corporeo del paziente è causato dall'aumento dell'edema;
  • ipertensione persistente;
  • visione offuscata, visione offuscata;
  • dolore al petto e al cuore;
  • sanguinamento del naso e delle gengive, le emorragie sottocutanee si formano anche alla minima lesione;
  • mal di testa grave e prolungato che sfocia in emicrania;
  • predisposizione di una persona a frequenti fratture. I reni smettono di convertire la vitamina D, in modo che il calcio non venga assorbito nell'intestino. Una persona può rompere un osso anche quando cade da un'altezza della sua stessa altezza;
  • immunità ridotta, motivo per cui una persona è incline a frequenti malattie infettive e virali.

Quando chiedi aiuto nelle fasi iniziali dei sintomi, il trattamento sarà molto più facile rispetto a quando non consulti gli specialisti in tempo per ricevere aiuto.

diagnostica

L'obiettivo principale della diagnosi è l'identificazione della nefrosclerosi nelle prime fasi dei sintomi. Le misure diagnostiche sono presentate nella forma del seguente complesso:

  • raccolta di informazioni complete sul decorso della malattia - dalla prima volta per identificare i sintomi, i reclami sul disagio del paziente, per designare le possibili cause della malattia;
  • studio delle analisi del sangue in laboratorio - in cui sarà rilevato un alto livello di urea, acido urico, fosforo, potassio, magnesio e creatinina, una diminuzione della concentrazione proteica. Il sodio è elevato, ma è possibile per una persona ridurlo da solo limitando l'aggiunta di sale al cibo. Emoglobina e livelli piastrinici sono abbassati;
  • uno studio dell'analisi delle urine - che mostrerà un aumento del contenuto proteico, la comparsa di globuli rossi e anche la densità delle urine;
  • Ultrasuoni dei reni;
  • radiografia con l'introduzione di un mezzo di contrasto;
  • La scintigrafia;
  • CT dei reni;
  • biopsia - durante la quale viene prelevato un piccolo frammento dell'organo per il successivo esame al microscopio.

Biopsia del rene sotto controllo ecografico

Dopo aver ricevuto informazioni complete sul decorso della malattia, i risultati del test, il medico determina la gravità della patologia (dipende direttamente dai sintomi della malattia) e prescrive il trattamento più efficace.

trattamento

Nelle fasi iniziali del ciclo della nefrosclerosi, così come nella manifestazione moderata dei sintomi, il trattamento della malattia è:

  • migliorare il flusso di sangue nei reni. Questo metodo di terapia è mostrato solo nelle fasi iniziali, poiché in seguito provoca gravi emorragie;
  • abbassare la pressione sanguigna;
  • eliminazione del bilanciamento salato del sale;
  • arricchimento del corpo con vitamine durante lo svolgimento di iniezioni appropriate;
  • aumento dell'emoglobina e dei globuli rossi;
  • eliminare il ritardo di proteine ​​e tossine nel corpo.

Con un decorso più complesso della malattia, quando il funzionamento del rene non può essere ripristinato, vengono forniti altri metodi di trattamento, consistenti in:

  • emodialisi - quando il sangue di una persona viene pulito attraverso un apparato speciale, il cosiddetto rene artificiale. Tale processo avviene come segue: il sangue entra nel dispositivo da una vena, viene sottoposto a pulizia ed entra nel corpo attraverso un tubo dall'altra. Questo metodo di trattamento combinato con l'assunzione di droghe;
  • impianto di un organo sano da un donatore, vicino a parenti o cadavere.

Dopo il ripristino della normale funzione renale, il paziente deve seguire una dieta speciale, che prevede il rifiuto dell'uso di cibi ricchi di proteine ​​e la restrizione dell'uso di sale alimentare per scopi culinari.

I pasti dovrebbero essere bilanciati e arricchiti con vitamine. Ci dovrebbero essere diversi pasti, preferibilmente cinque, ma in piccole porzioni.

Inoltre, è necessario aderire al regime di consumo di alcolici - se non c'è edema, bere almeno due litri di acqua al giorno e per edema, ridurre e bere meno di un litro di liquidi al giorno.

Malattie con sintomi simili:

Glomerulonefrite (sintomi corrispondenti: 5 su 19)

Glomerulonefrite significa una malattia infiammatoria in cui sono colpiti piccoli vasi dei reni (glomeruli).

La glomerulonefrite, i cui sintomi si manifestano sotto forma di danno alle principali funzioni dei reni, è una malattia bilaterale, mentre le funzioni direttamente interessate dalla malattia comprendono la formazione di urina e l'eliminazione di sostanze tossiche e generalmente non necessarie dal corpo.

La porpora trombocitopenica o il morbo di Verlgof è una malattia che si manifesta sullo sfondo di una diminuzione del numero di piastrine e della loro tendenza patologica ad attaccarsi ed è caratterizzata dalla comparsa di emorragie multiple sulla superficie della pelle e delle mucose.

La malattia appartiene al gruppo di diatesi emorragica, è abbastanza rara (secondo le statistiche, 10-100 persone si ammalano all'anno). Fu descritto per la prima volta nel 1735 dal famoso medico tedesco Paul Werlhof, da cui ricevette il nome.

Più spesso, tutto si manifesta all'età di 10 anni, mentre colpisce le facce di entrambi i sessi con la stessa frequenza, e se parliamo di statistiche tra gli adulti (dopo i 10 anni di età), le donne si ammalano due volte più degli uomini.

... sindrome nefritica (sintomi corrispondenti: 5 su 19)

La sindrome nefritica è una condizione patologica caratterizzata da infiammazione dei glomeruli del rene con segni di azotemia. Questo processo di solito procede sullo sfondo di grave ematuria, proteinuria. Di conseguenza, il sale e la ritenzione di liquidi si verificano nel corpo umano.

... Infiammazione dei reni (sintomi corrispondenti: 5 su 19)

Infiammazione del rene - una malattia caratterizzata dalla progressione dell'infiammazione nell'apparato pettorale-pelvico, glomeruli, tubuli e vasi dei reni.

Questa malattia colpisce allo stesso modo sia le donne che i rappresentanti del sesso più forte. È possibile la comparsa di infiammazione dei reni e nei bambini di diverse fasce d'età.

Come agente patogeno agiscono condizionatamente microrganismi patogeni che vivono nel corpo umano.

... Insufficienza renale (sintomi corrispondenti: 4 su 19)

L'insufficienza renale implica di per sé una tale sindrome in cui tutte le funzioni rilevanti per i reni sono compromesse, con la conseguente rottura di vari tipi di scambi in esse (azoto, elettrolita, acqua, ecc.). L'insufficienza renale, i cui sintomi dipendono dal decorso di questo disturbo, può essere acuta o cronica, ciascuna delle patologie si sviluppa a causa dell'effetto di diverse circostanze.

Nefrosclerosi dei reni: sintomi, trattamento (anche nazionale), dieta e altri aspetti

La maggior parte delle persone dopo i quaranta soffre di una forma benigna di nefrosclerosi, il che significa che i vasi sanguigni dei reni stanno gradualmente cambiando, ma questi cambiamenti non avvengono così rapidamente e non richiedono un trattamento.

Per i pazienti con nefrosclerosi benigna, è solo necessario controllare le loro condizioni e adottare misure per prevenire la progressione della malattia.

Altri pazienti hanno una forma maligna di nefrosclerosi, e in questo caso il danno vascolare renale si verifica così rapidamente che è necessario un trattamento medico o addirittura un intervento chirurgico.

definizione

La nefrosclerosi è il processo di sostituzione del parenchima renale con tessuto connettivo, che porta ad un ispessimento delle pareti delle arterie e delle arteriole nei reni.

Tali arterie non possono normalmente fornire sangue al rene, malnutrizione dei glomeruli e tubuli e, successivamente, la loro morte e la loro sostituzione con tessuto connettivo.

Il rene si restringe in dimensioni (principalmente rene rugoso) e inizia a perdere la sua funzione.

Il dolore nella regione lombare indica possibili problemi ai reni.

Tipi di malattia

A seconda del motivo, ci sono due tipi di nefrosclerosi renale:

  • primaria, che si verifica a causa di insufficiente apporto di sangue ai reni in tali malattie e condizioni come aterosclerosi, ipertensione, infarto renale, congestione venosa nei reni, ecc. Anche la nefrosclerosi primaria si verifica spesso a causa di cambiamenti senili nel corpo;
  • secondaria, che si sviluppa sullo sfondo di malattie renali già esistenti (glomerulo e pielonefrite, malattie renali, tubercolosi, sifilide, amiloidosi renale, diabete mellito), nonché a seguito della lesione o dell'esposizione al corpo delle radiazioni ionizzanti.

La nefrosclerosi primaria, a sua volta, è ulteriormente suddivisa in tali forme:

  • aterosclerotica;
  • involuzione;
  • ipertensiva.

Inoltre, a seconda del corso del processo, ci sono:

  • nefrosclerosi benigna, in cui vi è un progressivo e prolungato deterioramento delle funzioni delle arterie renali. All'inizio, lo strato interno delle pareti dei vasi più piccoli si ispessisce e gradualmente questo ispessimento si diffonde all'intero muro, a volte bloccando il canale centrale della nave. Il grasso viene quindi depositato nel tessuto della parete degenere. Nelle grandi arterie, c'è un eccesso di tessuto elastico che può bloccare i loro canali. Entrambe queste condizioni causano un indebolimento del flusso sanguigno verso le aree vitali dei reni, che a loro volta causano un deterioramento del funzionamento del tessuto renale;
  • nefrosclerosi maligna, in cui i cambiamenti sopra descritti si sviluppano molto più velocemente.

motivi

La causa della nefrosclerosi è una violazione del rifornimento di sangue ai reni, che è il risultato di un restringimento del lume dei suoi vasi. L'ipossia si verifica, a causa della quale si sviluppano atrofia e degenerazione del parenchima renale e proliferazione del tessuto connettivo.

Tali processi sono più spesso osservati nei reni nell'aterosclerosi e nell'ipertensione.

La nefrosclerosi può anche svilupparsi a seguito dello sviluppo di processi infiammatori e distrofici nei reni con malattie come glomerulo e pielonefrite, diabete mellito, tubercolosi, sifilide, malattia renale della pietra, lupus eritematoso sistemico, amiloidosi dei reni.

sintomi

Nelle fasi iniziali della nefrosclerosi, i sintomi sono spesso assenti. I primi segni di danno renale possono essere osservati nei test delle urine, che saranno caratterizzati da poli- e nicturia, presenza di proteine ​​nelle urine, microembruria, diminuzione della clearance renale, ipostenuria. I pazienti lamentano alta pressione sanguigna (pressione arteriosa diastolica superiore a 120 mm Hg. Art.).

I principali sintomi della nefrosclerosi renale includono:

  • menomazione della vista;
  • sangue nelle urine;
  • perdita di peso;
  • uremia (accumulo di urea e altri composti dell'azoto nel sangue);
  • Attacchi anginosi

Metodi diagnostici

Prima di tutto è necessario raccogliere correttamente l'anamnesi e analizzare il quadro clinico. Nella diagnosi e uso di metodi di laboratorio, tra cui:

  • analisi del sangue biochimica, che rivela un aumento del livello di urea, creatinina e acido urico, una diminuzione delle proteine ​​totali, negli stadi finali un aumento di potassio, magnesio, fosforo e sodio;
  • analisi delle urine, che ha rivelato un aumento della quantità di proteine, una diminuzione della densità relativa delle urine, così come la presenza di globuli rossi e cilindri, che sono assenti nella norma;
  • emocromo completo, che mostra una diminuzione dei livelli di emoglobina e piastrine.

Tra i metodi strumentali di ricerca, i risultati sono:

  • ecografia, che rivela una diminuzione delle dimensioni e della funzione (atrofia) dello strato corticale dei reni, così come la presenza di calcificazioni nel parenchima renale;
  • urografia escretoria dei reni, che consente di identificare una diminuzione del volume del rene e del suo strato corticale;
  • angiografia dei vasi renali, che determina il restringimento e la deformazione delle piccole arterie renali, l'irregolarità del contorno del rene, il diradamento dello strato corticale del rene;
  • scintigrafia renale, che rivela una distribuzione non uniforme del radioisotopo in nefrosclerosi;
  • doppler vascolare renale, che rivela un rallentamento del flusso sanguigno nei vasi renali e nei nefroni;
  • la renografia di radionuclidi, che viene utilizzata per rilevare l'accumulo ritardato e l'escrezione di un radiofarmaco dai reni;
  • tomografia computerizzata dei reni;
  • biopsia renale.

Metodi di trattamento

Per prima cosa è necessario determinare la causa e iniziare il trattamento della malattia causale.

La terapia in fase iniziale comprende farmaci come anticoagulanti (eparina, warfarin), agenti antipiastrinici (pentossifillina, trental, dipiridamolo), che aiutano a migliorare l'apporto di sangue renale.

Utilizzare anche farmaci per abbassare la pressione sanguigna, ma negli stadi successivi della nefrosclerosi dovrebbero essere usati con cautela.

Questi includono ACE inibitori (captopril, enalapril), calcio antagonisti (verapamil, nifedepina), antagonisti del recettore adrenergico (atenololo, propranololo), farmaci diuretici (furosemide, ipotiazide). Vengono anche prescritti preparati di potassio (asparkam, panangin) per eliminare le violazioni del bilancio del sale. Altrettanto importanti sono i preparati multivitaminici, i preparati di ferro, gli assorbenti.

Con lo sviluppo di stadio III-IV di insufficienza renale cronica, quando è impossibile ripristinare la funzionalità renale con un trattamento farmacologico, vengono utilizzati l'emodialisi o il trapianto di rene.

Nell'emodialisi, il sangue di un paziente affetto da nefrosclerosi viene passato attraverso una speciale membrana in una macchina artificiale per reni, che fornisce la pulizia del corpo dalle tossine e dai prodotti finali del metabolismo e dalla normalizzazione dell'equilibrio del sale marino.

La frequenza delle procedure di emodialisi dipende dalle condizioni del paziente e dal grado di attività funzionale renale. Al momento dell'emodialisi, al paziente vengono prescritti farmaci antipertensivi, vitamine, potassio e altri medicinali.

Condurre l'emodialisi con la nefrosclerosi

Un trapianto di rene è un metodo radicale che consente al paziente di condurre il suo solito stile di vita.

Un organo donatore può essere prelevato da un cadavere o da un donatore vivente (ad esempio, da parenti con il loro consenso).

Dopo il trapianto di rene, ai pazienti vengono prescritti farmaci speciali che sopprimono l'attività del sistema immunitario per prevenire il rigetto dell'organo donatore.

Se il paziente ha glomerulonefrite, insufficienza renale cronica, ricorre anche all'irudoterapia (trattamento con le sanguisughe mediche). In questo caso, le sanguisughe sono attaccate nella zona lombare, nell'area sacrale, nelle zone addominali inferiori ed epatiche.

Il vantaggio della zona lombare. Durante una sessione di irudoterapia utilizzare da 2 a 8 sanguisughe, a seconda della gravità delle condizioni del paziente.

Il corso del trattamento comprende da 7 a 12 procedure, con le prime 5 procedure eseguite a intervalli di un giorno e le successive 2 volte a settimana.

Nel trattamento della nefrosclerosi renale si usa anche la medicina tradizionale, preparando le infusioni da varie erbe, ad esempio:

  • si raccomanda di bere la linfa di betulla che purifica le gemme; spiritsnatnoy da germogli di pioppo, prendere prima dei pasti 30 gocce, diluito in un cucchiaio di acqua;
  • infuso di mirtilli rossi, per la cui preparazione prendere 1 cucchiaio di mirtilli rossi, 200 ml di acqua bollita, prendere 1 cucchiaio 4 volte al giorno;
  • un'infusione di foglie di fragola (10 g), betulla (20 g), ortica (20 g) e semi di lino (50 g). Assumere prima dei pasti 100 ml 4 volte al giorno;
  • infuso di liquirizia, che viene preparato da 2 cucchiaini. liquirizia e mezza tazza di acqua calda. L'infusione deve essere bevuta durante il giorno in diverse dosi.

Caratteristiche della nutrizione nella nefrosclerosi

Per ottenere i massimi effetti del trattamento, è necessario mangiare in modo corretto ed efficiente. Quando si disegna la dieta, è necessario seguire alcune regole, vale a dire:

  • limitare le proteine ​​perché è un substrato per la produzione di urea. Tra gli alimenti proteici, il pollame, il coniglio, la carne bovina a basso contenuto di grassi, il pesce, i prodotti lattiero-caseari e il latte acido, deve essere data priorità all'uovo. È necessario escludere dalla vostra dieta pane, cereali, patate;
  • per i pazienti con nefrosclerosi, la dieta deve includere latticini e prodotti ittici, ma non dovrebbero essere abusati perché contengono molta fosforo;
  • limitare il sale perché aumenta il gonfiore. Nelle fasi iniziali, è consentito un massimo di 10-15 g di sale al giorno, negli stadi successivi fino a 3-7 g, ma il sale non deve essere completamente scartato, in quanto ciò può portare alla disidratazione dei pazienti; Includere alimenti ricchi di calcio e di potassio nella vostra dieta, calcio trovato in piselli, fagioli, verdure verdi, farina di grano integrale. Prodotti come uva passa, albicocche secche, banane, cioccolato sono ricchi di potassio. Ma nelle fasi successive della nefrosclerosi, i prodotti contenenti potassio devono essere limitati;
  • il cibo dovrebbe fornire una quantità adeguata di calorie e vitamine;
  • devi mangiare 4-5 volte al giorno in piccole porzioni.

Galleria di prodotti consigliati

Latticini Fagioli con cioccolata Chocolat Prodotti di farina integrale di grano Prodotti di pesce Albicocche secche e uva passa Banane

Un menu di esempio per un paziente con nefrosclerosi è il seguente:

Prima colazione: pesce bollito a basso contenuto di grassi, pane da semi, burro, tè piuttosto debole con limone.

Seconda colazione: porridge di grano saraceno con latte, composta.

Pranzo: zuppa di verdure, carne magra bollita (pollo, coniglio, tacchino), patate al forno, succo di frutta.

Cena: porridge di riso con albicocche secche, composta di frutta secca. Un'ora prima di andare a dormire: cracker, gelatina.

prospettiva

La nefrosclerosi è una malattia cronica che dura a lungo con periodi alternati di esacerbazioni e remissioni.

Pertanto, con una buona compensazione della malattia di base, mentre segue la dieta e le prescrizioni del medico, il paziente sarà in grado di ridurre il numero di periodi di riacutizzazioni e condurre una vita attiva.

Ma è anche possibile che il corso maligno della nefrosclerosi, in cui il lavoro dei reni si deteriori rapidamente, i nefroni muoiano e ne consegue un'insufficienza renale cronica, che può essere successivamente compensata solo dall'emodialisi o dal trapianto di rene.

prevenzione

La prevenzione specifica della nefrosclerosi renale non esiste. I principali metodi per prevenire la progressione della malattia sono la dieta, evitando sovraccarico fisico e mentale, riposo adeguato, monitoraggio costante della pressione sanguigna, mantenimento di uno stile di vita attivo.

I reni sono organi vitali, senza di loro il nostro corpo non potrebbe funzionare. Pertanto, dobbiamo ricordare che quando ci si prende cura di loro, la frequenza delle esacerbazioni della malattia sottostante, che ha causato la nefrosclerosi, è ridotta.

Nephrosclerosis dei reni

La nefrosclerosi dei reni è una condizione patologica dell'organo in cui il tipo standard di tessuto è completamente sostituito dal connettivo.

La componente funzionale del nuovo tipo non consente al corpo di svolgere le sue funzioni, poiché non è destinato a questo. La morfologia del tessuto renale in questa patologia cambia diametralmente.

Anche il sistema circolatorio soffre, il che porta alla corrugazione del rene e alla completa perdita delle sue funzioni.

eziologia

La prognosi per questa malattia è ambigua, in quanto dipende dalla fase in cui è stata diagnosticata la patologia. Rilevamento tardivo, la mancanza di una terapia adeguata porta alla morte del paziente.Per capire cos'è la nefrosclerosi, è necessario fare riferimento all'eziologia della malattia.

La sclerosi renale è una patologia che non si presenta come una malattia indipendente, ma è una patologia associata. Tra i motivi che provocano lo sviluppo della malattia sono:

  • Ipertensione.
  • Lesioni vascolari aterosclerotiche degli organi del sistema urinario.
  • Altri disturbi patologici del rifornimento di sangue ai reni.

A seconda dei fattori che hanno portato alla comparsa della patologia, esistono diversi tipi di nefrosclerosi.

La causa della nefrosclerosi - una violazione del rifornimento di sangue ai reni, che porta alla loro disfunzione

classificazione

Lesioni aterosclerotiche dei vasi sanguigni, presenza di coaguli di sangue - le principali ragioni per la formazione del primo stadio della patologia: nefrosclerosi primaria.

Nefrosclerosi primaria

Con questo tipo di sclerosi dei reni, le possibilità trofiche dei tessuti dell'organo sono notevolmente compromesse. Ciò causa condizioni ischemiche. E in assenza di adeguate cure mediche, provocano un infarto renale.

Il rischio potenziale di una tale patologia è che se l'apporto di sangue è completamente inibito, il sistema escretore cessa di funzionare. Ciò comporta uno stato di insufficienza renale.

Tali complicazioni sono pericolose per la vita del paziente.

A sua volta, la nefroangiosclerosi è divisa in diversi tipi:

Nefrosclerosi aterosclerotica

Una condizione patologica che si sviluppa a causa della malattia aterosclerotica che colpisce i vasi arteriosi e le arteriole del rene. Di conseguenza, il lume dei vasi si restringe o si sovrappone notevolmente. Le condizioni degenerative di un organo risultano da una diminuzione della capacità di trasmissione dovuta all'ispessimento delle pareti delle arterie.

Vedi anche: cisti parenchimale renale - che cos'è

La fase iniziale è asintomatica, con la complicazione caratteristica della sclerosi dei reni - ischemia, a seguito della quale si verificano cambiamenti sulla superficie dell'organo e si formano cicatrici. La prognosi per questa specie è positiva, perché non tutti i tessuti renali sono interessati dalla distruzione, pur continuando a svolgere le sue funzioni normalmente.

Nefrosclerosi ipertensiva

Questo tipo di patologia è chiamato il fattore eziologico che ha causato le condizioni spastiche dei vasi. Come nella forma precedente, la patogenesi include il danno ischemico all'organo, così come la sostituzione dei tessuti normali con il connettivo.

A sua volta, il tipo di patologia ipertonica è diviso in:

  1. Nefrosclerosi arteriosclerotica. Questa è una malattia maligna.
  2. Nefrosclerosi arteriocrotica. Corso benigno

Forma involutiva

Questa forma di sclerosi renale si verifica nei pazienti più anziani. Ciò è dovuto principalmente ai depositi di calcio sulle pareti dei vasi sanguigni. Quando il lume si restringe, lo sviluppo della condizione patologica segue un modello standard.

Nefrosclerosi secondaria

Lo sviluppo di questa forma della malattia non è solo dovuto all'aterosclerosi, ma è anche una conseguenza di altre patologie. Vari processi infettivi-infiammatori nel sistema renale portano a questa malattia.

sintomatologia

Nelle fasi iniziali, i sintomi della sclerosi renale sono quasi assenti. La diagnosi di patologia si verifica dopo il test profilattico o durante la diagnosi di un'altra malattia. In assenza di misure adottate, la patologia si sviluppa e ad ogni stadio successivo di sviluppo aumenta la gravità dei sintomi.

In caso di nefrosclerosi, la clinica principale si riferisce ai disturbi funzionali dell'organo, che fornisce i sintomi:

  • Gonfiore del viso e degli arti inferiori.
  • Lyumbalgiya.
  • Ipertensione associata a mal di testa. La sindrome del dolore non ha quasi superato gli antidolorifici.
  • Cambiamenti nelle proprietà fisiche delle urine, così come la presenza di varie inclusioni in esso - sedimento flocculante, cambiamenti di colore in rossastro, feccia.
  • Enuresi notturna
  • Una forte diminuzione della diuresi.
  • Secchezza delle fauci e sete.
  • Apatia, debolezza, mancanza di appetito. Inoltre, i pazienti con nefrosclerosi sono disgustati dal cibo a base di carne.
  • Disturbi dermatologici
  • Perdita di peso
  • Tachicardia, mancanza di respiro.

Sintomi e manifestazioni di nefrosclerosi

Tali sintomi negli adulti e nei bambini richiedono una diagnosi immediata.

Vedi anche: raccomandazioni cliniche per la pielonefrite

Procedure diagnostiche

Se si manifestano i primi sintomi della patologia, vengono condotti studi biochimici di sangue, urina e esami strumentali degli organi del sistema urinario.

Poiché il rischio di sviluppare la malattia aumenta in presenza di patologie croniche, si raccomanda che i pazienti affetti da diabete, ipertensione, aterosclerosi e aumento di peso anormale vengano testati una volta all'anno e sottoposti a completa diagnostica funzionale.

  • Esame del sangue Generale e biochimico. Particolare attenzione è riservata alla clearance della creatinina.
  • Analisi delle urine La densità di urina è importante.
  • Esame ecografico
  • Procedure a raggi X, compreso il contrasto.

terapia

Il trattamento della nefrosclerosi si basa su due principi. Il primo è la terapia farmacologica, il secondo è un intervento chirurgico.

Con un aumento della pressione sanguigna diagnosticato, vengono selezionati farmaci che riducono la pressione a livello generale. L'approccio alla selezione dei fondi - un individuo. La terapia è prescritta solo dal medico curante. La scelta dei farmaci si basa sulle caratteristiche del paziente e sulla possibilità di utilizzare combinazioni di fondi.

Esistono diversi gruppi principali di farmaci:

  • ACE inibitori.
  • Bloccanti del recettore angiotensivo

Punto fondamentale è la dieta giusta. Il sale è completamente escluso. In alcuni casi, i carboidrati sono controindicati.

Il primo stadio della malattia, diagnosticato nel tempo, implica un approccio classico al trattamento:

  • Terapia ormonale Prednisolone, metilprednisolone. I dosaggi sono stabiliti dal medico in base alla funzionalità del rene.
  • Agenti citostatici
  • Farmaci che migliorano le capacità funzionali del sistema urinario.

Se l'aterosclerosi è diventata la causa principale, vengono prescritti farmaci dal gruppo di statine. Questo riduce il livello di colesterolo nel sangue, che influenza favorevolmente il lavoro del sistema cardiovascolare. E ti permette anche di fermare la nefrosclerosi.

Se la malattia viene diagnosticata in una delle ultime fasi, quando il paziente presenta seri problemi, vengono mostrati i seguenti metodi:

  • Dialisi del sangue Una procedura efficace per pulire il sangue dalle tossine che non sono filtrate dai reni a causa di malattia. Di solito, vengono eseguite fino a cinque procedure. Con la terza procedura, il paziente si sente molto meglio.
  • Dialisi peritoneale Anche un metodo efficace che può essere eseguito anche a casa.
  • Nefromectomia o trapianto. Comprende tutta una serie di procedure per l'adattamento nel corpo del paziente di un nuovo organo. Le conseguenze della chirurgia includono la possibilità di rigetto da parte del sistema immunitario del paziente.

Trattamento di rimedi popolari

Il trattamento della nefrosclerosi renale con rimedi popolari comprende una serie di misure volte a ridurre il livello di colesterolo nel sangue e migliorare le capacità funzionali dei reni. E inoltre, in aggiunta alla principale terapia antinfiammatoria e antisettica delle malattie renali con fitopreparati.

Vedi anche: cause, tipi, sintomi e trattamento delle cisti renali nelle donne

L'Ayurveda è molto popolare - è un metodo fitoterapico indiano.

Il principale farmaco che viene spesso utilizzato dai pazienti ed è prescritto dai medici è Cyston.

Il trattamento con un tale agente è duraturo e fornisce la normalizzazione della pressione renale, il sollievo della condizione durante i processi infiammatori e l'aumento della diuresi.

Oltre al metodo indiano, si consiglia l'uso di erbe e estratti vegetali:

  • Boccioli di betulla
  • Estratti di cowberry.
  • Una miscela di semi di lino, foglie di fragola, germogli di betulla, foglie di ortica, uccelli dell'altopiano, equiseto.
  • Infuso di radice di liquirizia.

Patologia infantile

In un bambino, la nefrosclerosi renale non può svilupparsi senza la presenza di malattie congenite dell'organo. Ciò è dovuto al fatto che la patologia appare come risultato di un gran numero di fattori dannosi, il cui accumulo di effetti negativi si è verificato per anni. Nel corpo di un bambino, questo è impossibile.

Misure preventive

Tra le misure preventive emettono:

  • Raccomandazioni dietetiche I medici non raccomandano di trascurare frutta e verdura. Si sconsiglia inoltre di abusare della carne.
  • Controlla il peso corporeo.
  • Conformità con il corretto regime idrico.
  • Sport e rinunciare a cattive abitudini.
  • L'esclusione di sé.
  • Procedure diagnostiche periodiche.
  • L'assenza di avvelenamento e intossicazione con sostanze chimiche.

conclusione

Cos'è la nefrosclerosi dei reni? Questo è il risultato di malattie che possono essere trattate con successo nelle fasi iniziali, eliminando in tal modo lo sviluppo di una patologia potenzialmente letale. La maggior parte dei pazienti, sfortunatamente, non presta attenzione ai primi sintomi, permettendo alla malattia di svilupparsi lentamente. Solo un trattamento tempestivo al medico e la diagnosi corretta danno a una persona la possibilità di vivere pienamente.

IMPORTANTE DA SAPERE!
Per il trattamento del rene e della urolitiasi, i pazienti utilizzano lo sviluppo innovativo di scienziati russi, che ha superato studi clinici e ha dimostrato la sua efficacia. Renon Duo - solo 3 capsule eliminano il mal di schiena, uccidono i batteri e la flora patogena, aiutano efficacemente con l'edema!
Maggiori informazioni >>> Ti suggeriamo di fare un sondaggio sull'argomento "Che cosa importa per te quando scegli un farmaco?", E anche per vedere i risultati del voto di altri lettori:

Nefrosclerosi dei reni: cause, forme, trattamento

  1. motivi
  2. Meccanismo di sviluppo della malattia
  3. sintomi
  4. trattamento

Il termine "nefrosclerosi" si riferisce alla sostituzione del tessuto connettivo del parenchima renale. La nefrosclerosi dei reni può verificarsi a causa di varie malattie dei reni e dei vasi renali.

Cause della malattia

Secondo il meccanismo di sviluppo, si distinguono i seguenti tipi di nefrosclerosi:

  1. primaria (a causa di alterazione dell'erogazione di sangue al tessuto renale in ipertensione, aterosclerosi e altre malattie);
  2. secondario (sviluppandosi nel risultato di varie malattie renali, per esempio, in nefrite).

La nefrosclerosi primaria può verificarsi durante il restringimento delle arterie renali, causato dalla lesione aterosclerotica, dalla trombosi o dal tromboembolismo.

L'ischemia porta alla formazione di infarti e cicatrici nei reni.

Un quadro simile è stato osservato nell'ipertensione, a seguito di arteriosclerosi ipertensiva, con stasi del sangue venoso nei reni, a causa di cambiamenti senili nei vasi sanguigni.

Un classico esempio di nefrosclerosi primaria è un rene rugoso primario che si sviluppa nelle fasi successive dell'ipertensione. A causa dell'insufficienza circolatoria e dell'ipossia nel tessuto renale, i cambiamenti atrofici e distrofici si verificano con una crescita graduale del tessuto connettivo.

Pertanto, la nefrosclerosi primaria può essere suddivisa nelle seguenti forme:

  • aterosclerotica,
  • involuzione,
  • nefrosclerosi ipertensiva,
  • altre forme.

La nefrosclerosi secondaria, o rene secondario rugoso, si manifesta nell'esito di processi infiammatori e distrofici che si sviluppano direttamente nei reni:

  • glomerulonefrite cronica,
  • pielonefrite,
  • malattie renali-pietra,
  • tubercolosi ai reni,
  • sifilide con danno tissutale renale,
  • lupus eritematoso sistemico (lupus nefrite),
  • amiloidosi renale,
  • diabete mellito (nefrite diabetica),
  • lesioni renali, inclusi interventi chirurgici ripetuti,
  • esposizione a radiazioni ionizzanti
  • grave nefropatia in stato di gravidanza.

Inoltre, una forma particolare di nefrosclerosi con l'espansione e la trasformazione cistica dei tubuli renali si sviluppa con gotta e ossalaturia a seguito di nefrite interstiziale cristallina, nonché con iperparatriosi, accompagnata da aumentata calciouria. La nefrosclerosi da radiazioni viene in genere rilevata molti mesi o addirittura anni dopo l'esposizione alle radiazioni. La sua gravità dipende dal tipo di radiazioni e dose.

Anatomia patologica

Nella patogenesi della nefrosclerosi si distinguono due fasi:

  1. Nella prima fase dei reni, si osserva un'immagine a causa della specifica malattia che ha causato il processo sclerotico;
  2. Nella seconda fase, le caratteristiche della nefrosclerosi insita nella malattia che l'ha causata sono perse.

Durante la seconda fase, il processo sclerotico cattura tutti i nuovi campioni di tessuto renale fino a quando l'intero rene non viene significativamente colpito. Quando l'immagine è espansa, le malattie renali sono compattate e hanno una superficie irregolare.

Nell'ipertensione e nella glomerulonefrite, la superficie del rene è a grana fine e nell'aterosclerosi - nodo grande, ha contrazioni cicatriziali di forma irregolare a forma di stella. Quando la pielonefrite la nefrosclerosi colpisce i reni in modo asimmetrico.

La morfologia del tessuto renale riflette le caratteristiche del processo sclerotico, nonché il tasso di aumento di gravi cambiamenti. A seconda del corso, si distinguono le seguenti forme di nefrosclerosi:

La nefrosclerosi benigna, caratterizzata da arteriolosclerosi e atrofia di alcuni gruppi di nefroni con ialinosi glomerulare, è più comune. Allo stesso tempo, il tessuto connettivo cresce nell'interstizio (spazio interstiziale) e nel luogo delle aree atrofizzate.

Nella forma maligna, le arteriole e i glomeruli capillari subiscono la necrosi fibrinoide, vi è un gonfiore di stroma, emorragie e marcati cambiamenti distrofici nei tubuli. Di conseguenza, la sclerosi diffusa si verifica nei reni.

Questa forma di nefrosclerosi è caratteristica di ipertensione arteriosa maligna, eclampsia e alcune altre malattie.

Sintomi e diagnosi di nefrosclerosi

L'esito di un lungo corso di ipertensione, di regola, è la nefrosclerosi: i suoi sintomi compaiono solitamente nelle ultime fasi della malattia.

Nella fase iniziale della nefrosclerosi, i sintomi sono scarsamente espressi.

In uno studio di laboratorio, è possibile rilevare le seguenti modifiche:

  • poliuria,
  • nicturia,
  • l'aspetto delle proteine ​​nelle urine,
  • microematuria,
  • diminuzione della densità delle urine.

Come risultato di una diminuzione dell'osmolarità delle urine, si verifica edema, che appare per la prima volta sul viso e nelle fasi successive - su tutto il corpo. Inoltre, nella maggior parte dei casi, l'ipertensione si sviluppa a causa di ischemia renale.

È maligno, difficile da trattare.

Spesso, l'ipertensione arteriosa renale porta alle seguenti complicazioni:

  • sovraccarico del ventricolo sinistro del cuore con insufficienza coronarica,
  • colpi
  • gonfiore della papilla del nervo ottico e sua atrofia fino a completa cecità,
  • distacco della retina.

Nella diagnosi, un ruolo importante è svolto dagli studi di ultrasuoni, raggi X e radionuclidi. Quando l'ecografia dei reni può rilevare i cambiamenti delle loro dimensioni, determinare lo spessore del parenchima e il grado di atrofia della sostanza corticale.

L'urografia permette di determinare una diminuzione del volume del rene interessato e dello strato corticale, a volte si vedono calcificazioni. L'angiogramma è osservato restringendo e la deformazione di piccole arterie, le irregolarità della superficie dei reni. La renografia con radionuclidi rivela un rallentamento dell'accumulo e dell'eliminazione del radiofarmaco dai reni.

Nella scintigrafia, i radionuclidi non sono distribuiti uniformemente nel tessuto renale, nei casi gravi l'immagine del rene può essere assente.

Il risultato finale della nefrosclerosi è grave insufficienza renale cronica e intossicazione del corpo con scorie azotate.

Principi generali di trattamento della nefrosclerosi renale

Nella diagnosi di nefrosclerosi renale, il trattamento dipende dalle manifestazioni della malattia.

Se la nefrosclerosi non è accompagnata da evidenti segni di insufficienza renale, ma si manifesta con un aumento instabile della pressione arteriosa, il trattamento deve limitare l'assunzione di sale e liquidi e l'uso di farmaci antipertensivi. Inoltre, vengono utilizzati diuretici, anabolizzanti, enterosorbenti, vitamine.

In caso di grave insufficienza renale, i farmaci ipotensivi devono essere prescritti con molta cautela, poiché una brusca diminuzione della pressione arteriosa può portare a un alterato flusso sanguigno renale e al deterioramento dell'organo.

In caso di ipertensione maligna con nefrosclerosi rapidamente sviluppata e progressiva insufficienza renale, l'embolizzazione delle arterie renali o nefrectomia viene eseguita con successivo trasferimento all'emodialisi. È anche possibile un trapianto di rene.

Nefrosclerosi dei reni: cause e metodi di trattamento

La nefrosclerosi dei reni è un processo patologico caratterizzato dalla morte di nefroni e dalla sostituzione del tessuto renale funzionale (parenchima) con tessuto connettivo. Può essere il risultato di varie malattie dei reni o delle arterie e delle vene renali, a seguito della quale il normale apporto di sangue all'organo viene interrotto.

Con la progressione della malattia dovuta a una significativa proliferazione del tessuto connettivo nel rene colpito, si notano alterazioni delle funzioni, cambiamenti strutturali e morfologici caratteristici.

I reni sono di dimensioni ridotte, diventando densi e rugosi.

Principalmente la nefrosclerosi si sviluppa come una complicanza di diabete, ipertensione, aterosclerosi, glomerulonefrite o pielonefrite e porta gradualmente all'insufficienza renale cronica (CRF).

Tipi e cause della malattia

A seconda del meccanismo alla base dell'insorgenza della malattia, la nefrosclerosi renale primaria e secondaria è isolata.

Come risultato di determinati processi patologici, la mancanza di apporto di nutrienti e ossigeno porta all'atrofia o alla necrosi delle unità strutturali e funzionali del rene (nefroni) situate nel parenchima dell'organo.

Il tessuto connettivo cresce al posto dei nefroni morti, a seguito del quale il rene perde la capacità di svolgere pienamente le sue funzioni.

Nefrosclerosi primaria

La nefrosclerosi primaria è causata da un insufficiente apporto di sangue al parenchima renale ed è una conseguenza dei processi patologici nel corpo che non sono direttamente correlati ai reni. Questi includono:

  • ipertensione;
  • aterosclerosi vascolare;
  • cambiamenti di età;
  • fuoriuscita di sangue ostruito venoso.

La nefrosclerosi ipertensiva si sviluppa a causa di disturbi circolatori causati da spasmo e restringimento del lume vascolare. Esistono due tipi di questa malattia:

  • nefrosclerosi arteriosclerotica (benigna), caratterizzata dalla proliferazione del tessuto connettivo nelle pareti interne delle arterie renali, che porta ad una diminuzione della loro elasticità e causa cambiamenti atrofici nei nefroni;
  • nefrosclerosi arteriolonecrotica (maligna), caratterizzata da necrosi di arteriole e glomeruli, emorragie nelle pareti dei canalicoli urinari e alterato metabolismo proteico nell'epitelio del tubulo contorto.

Nell'arteriosclerosi nefrosclerosi, il rene ha una superficie a grana fine.

Nell'aterosclerosi, placche specifiche di natura grassa si formano sulle pareti interne delle arterie.

Portano ad una diminuzione del diametro dei vasi, un ispessimento delle loro pareti e una diminuzione dell'elasticità, con conseguente riduzione del flusso sanguigno e ischemia di organi e tessuti che ricevono nutrimento attraverso queste arterie.

Molto spesso, le placche aterosclerotiche sono localizzate nel punto di ingresso dell'arteria renale nell'organo o nella regione della sua ramificazione all'interno del rene.

Nella nefrosclerosi aterosclerotica, il rene acquisisce una forma grande, ruvida e avvizzita.

I cambiamenti senili nei vasi sanguigni iniziano a svilupparsi in persone di oltre 40 anni.

Consistono nella compattazione delle pareti, perdita di elasticità e restringimento del lume delle arterie a causa di depositi sulle loro pareti interne di sali di calcio, crescita del tessuto connettivo, accumulo di cellule muscolari lisce.

Questi processi portano ad assottigliamento dello strato corticale del rene e atrofia delle cellule dei tubuli urinari.

Con la difficoltà di deflusso venoso del sangue nei reni, si verifica la congestione, peggiorando l'afflusso di sangue all'organo. La formazione del tessuto connettivo in questo caso è dovuta ad un aumento del risultato di ipossia della sintesi del tropocollagene - l'unità strutturale del collagene.

Nefrosclerosi secondaria

La nefrosclerosi secondaria è il risultato della progressione della malattia renale infiammatoria o distrofica. Tra loro ci sono:

  • glomerulonefrite;
  • pielonefrite;
  • nefrolitiasi;
  • tubercolosi renale;
  • la sifilide;
  • reumatismi;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • iperparatiroidismo;
  • nefropatia diabetica;
  • nefrite interstiziale;
  • amiloidosi renale;
  • lesioni e chirurgia renale;
  • esposizione;
  • nefropatia in stato di gravidanza.

Molto spesso, la forma secondaria della malattia si sviluppa sullo sfondo della glomerulonefrite cronica. I reni colpiti allo stesso tempo hanno una superficie a grana fine, come nel caso della nefrosclerosi ipertensiva.

Sintomi e diagnosi

Nelle prime fasi della nefrosclerosi i sintomi sono trascurabili. I primi cambiamenti possono essere rilevati solo da test di laboratorio di urina e sangue, che riflettono la funzione renale. Nell'analisi delle urine si osservano le seguenti deviazioni:

  • aumento della diuresi giornaliera;
  • escrezione della maggior parte delle urine durante la notte;
  • la comparsa di grandi quantità di proteine;
  • rilevazione dei globuli rossi;
  • diminuzione del peso specifico.

Nelle note biochimiche e generali del test del sangue:

  • aumentare il livello di prodotti tossici del metabolismo delle proteine;
  • riduzione delle proteine ​​totali;
  • concentrazione anormale di potassio, magnesio, fosforo, sodio;
  • diminuzione dei livelli di emoglobina e piastrine;
  • aumento della concentrazione di globuli bianchi.

Nei pazienti con nefrosclerosi renale avanzata, si nota:

  • ipertensione, non ridotta di solito assunta con farmaci ipertensivi;
  • debolezza, mal di testa;
  • gonfiore;
  • attacchi di angina;
  • insufficienza cardiaca e disturbi del ritmo cardiaco;
  • l'anemia;
  • pelle blu degli arti;
  • disabilità visiva, distacco della retina, infiammazione del nervo ottico.

Dai metodi strumentali di diagnosi per la sospetta nefrosclerosi dei reni utilizzati:

  • esame ecografico;
  • renografia di radionuclidi;
  • urografia escretoria;
  • tomografia computerizzata;
  • angiografia dei vasi renali;
  • La scintigrafia;
  • Studio Doppler di vasi renali.

L'ecografia dei reni consente di identificare i cambiamenti nelle dimensioni del corpo, lo spessore del parenchima renale, il grado di atrofia della sostanza corticale

Metodi di trattamento

Nella nefrosclerosi renale, il trattamento dipende dalla gravità della malattia e dai sintomi osservati. Quanto prima è avviato, tanto maggiore è la probabilità di ridurre il rischio di insorgenza o di ritardare lo sviluppo del CRF.

Il compito principale nel trattamento della nefrosclerosi è quello di eliminare o controllare la malattia sottostante che ha provocato cambiamenti patologici nel parenchima renale.

Altrimenti, i metodi applicati di trattamento della nefrosclerosi saranno inefficaci.

Trattamento farmacologico

I farmaci sono efficaci nelle prime fasi della malattia. Prendono corsi completi e di lunga durata con brevi pause. A seconda delle manifestazioni cliniche prescrive:

  • farmaci antipertensivi;
  • diuretici;
  • agenti anabolici;
  • farmaci che migliorano il flusso sanguigno renale;
  • chelanti;
  • vitamine.

Trattamento chirurgico

I metodi di trattamento chirurgico sono utilizzati per il decorso rapido della malattia, l'insufficienza renale progressiva o la nefrosclerosi ipertensiva maligna. Questi includono:

  • embolizzazione delle arterie renali;
  • nefrectomia;
  • trapianto di rene da donatore.

Dopo la nefrectomia o l'embolizzazione dell'arteria renale, al paziente viene mostrata l'emodialisi regolare per pulire il sangue dai prodotti metabolici tossici e ripristinare l'equilibrio elettrolitico.

Caratteristiche della nutrizione nella nefrosclerosi

L'osservazione di una dieta speciale per la nefrosclerosi renale può ridurre il carico sull'organo e ridurre la quantità di metabolismo proteico tossico che si forma. È di particolare importanza nella fase iniziale dell'insufficienza renale cronica, che si riscontra nella rilevazione di alti livelli di urea e creatinina nel sangue.

Il principio di nutrizione è limitare l'assunzione di proteine, sale e liquidi. Inoltre, non è raccomandato mangiare cibi ricchi di potassio (banane, datteri, prugne, ecc.). Il cibo dovrebbe essere frazionario, suddiviso in 5-6 ricevimenti.

Nell'elaborare la dieta, lo stadio della nefrosclerosi è necessariamente preso in considerazione. In assenza di segni di CRF, la riduzione dell'apporto proteico è minima. Si consigliano carni magre, pesce, latticini, uova.

Nel caso della malattia renale cronica, la base della dieta dovrebbe essere verdure, frutta, cereali. Con la pressione del sangue normale e senza edema, la quantità di sale che entra nel corpo non viene ridotta.

La restrizione dei liquidi è necessaria nelle ultime fasi della nefrosclerosi.

Ma forse è più corretto trattare non l'effetto, ma la causa?

Ti consigliamo di leggere la storia di Olga Kirovtseva, come ha curato lo stomaco... Leggi l'articolo >>

Sintomi e trattamento della nefrosclerosi renale

La nefrosclerosi dei reni o la nefropatia ipertensiva è la sostituzione del parenchima degli organi con tessuto connettivo, che porta ad una diminuzione delle dimensioni degli organi e alla compromissione delle loro funzioni, e quindi il loro funzionamento può essere interrotto.

Ci sono i seguenti tipi di malattia:

  1. 1 rene avvizzito primario. Appare come risultato dell'afflusso di sangue all'organo a causa dell'ipertensione arteriosa. Cambiamenti di questo tipo possono causare un grave disordine funzionale - insufficienza renale.
  2. 2 Rene seccato secondario. Si sviluppa sullo sfondo del danno al parenchima del corpo a causa di varie malattie che hanno un impatto negativo sul sistema urinario di una persona.

Le cause della patologia della malattia si trovano in molti fattori.

  • Opinione di esperti: oggi è uno dei mezzi più efficaci nel trattamento della malattia renale. Ho usato gocce tedesche nella mia pratica per molto tempo...

Ad esempio, ipertensione. L'aumento della pressione sanguigna per un lungo periodo sconvolge la struttura dei vasi renali, dopo di che diventano meno elastici.

La nefrosclerosi ipertensiva ha 2 dei seguenti tipi:

  1. 1 La nefrosclerosi benigna è una diminuzione dell'elasticità delle arterie dei reni dovuta ad un aumento della quantità di tessuto connettivo nelle loro pareti. Questo tipo di nefrosclerosi si sviluppa per un lungo periodo.
  2. 2 La nefrosclerosi maligna è una conseguenza dell'ipertensione arteriosa grave. Con questa forma di nefrosclerosi è molto importante condurre l'emodialisi in tempo. Altrimenti, nell'organo iniziano a verificarsi cambiamenti irreversibili che portano all'insufficienza renale. Il risultato di questo può essere fatale.
  • Modo efficace per pulire i reni a casa

Un'altra causa di un rene rugoso primario è il suo attacco di cuore. Un lume nell'arteria renale è bloccato da un trombo, a seguito del quale i tessuti viventi dell'organo si atrofizzano.

L'aterosclerosi è anche una causa comune di patologia. La presenza di placche aterosclerotiche sulle pareti delle arterie porta ad una diminuzione del lume in esse e alla morte delle cellule degli organi.

I cambiamenti legati all'età portano anche a questa malattia. All'età di 45-50 anni, il calcio si deposita sulle pareti interne delle arterie e aumenta la quantità di fibre muscolari. A questo proposito, le pareti delle arterie diventano più spesse e gli spazi vuoti in esse contenuti si restringono.

La ragione potrebbe nascondersi nella pletora venosa cronica dei reni. Il deflusso del sangue venoso da questi organi viene disturbato, la proteina cresce nelle pareti dei vasi sanguigni e quindi la loro elasticità diminuisce.

Questi processi si verificano per un lungo periodo e sono associati alla presenza di malattia venosa e nefroptosi nel paziente.

Le cause della patologia sono le seguenti:

  1. 1Pielonephritis è una malattia infiammatoria del rene di origine batterica caratterizzata da lesioni della pelvi renale (pielite), tazze e parenchima di questi organi. Nei bambini, la pielonefrite passa spesso inosservata, poiché i sintomi per la diagnosi sono pochi. In questo caso, la malattia si sviluppa, sviluppandosi in nefrosclerosi e insufficienza renale. Per prevenire l'esito negativo di questa malattia nei bambini, è necessario diagnosticare nelle prime fasi della malattia e iniziare il trattamento nel tempo.
  2. 2 La tubercolosi dei reni è una malattia infettiva causata da microbi del bacillo tubercolare. La malattia colpisce quasi tutti i sistemi del corpo.
  3. 3 La nefrolitiasi o malattia renale è la più comune malattia renale, caratterizzata dalla presenza di calcoli in questi organi.
  4. 4 Il diabete dello zucchero è una malattia cronica che si sviluppa a causa dell'insufficiente produzione di insulina da parte del corpo del paziente. In assenza del trattamento necessario, la malattia progredisce rapidamente, portando a un'atrofia di entrambi i reni. Il risultato è un risultato fatale.
  5. 5 Nefropatia in stato di gravidanza. Durante la gravidanza, si verificano cambiamenti significativi nel sistema ormonale della donna - la donna incinta: il cervello inizia a lavorare in modo un po 'diverso, a seguito del quale i capillari vengono spasmi, la circolazione sanguigna nei reni diminuisce, i sali si accumulano nel corpo. Contro questo squilibrio, appare il gonfiore e aumenta la pressione sanguigna.
  6. 6 glomerulonefrite cronica. Movimento alterato del sangue nei reni a causa di malattie della gola non trattate (mal di gola, faringite).

I principali sintomi di un rene rugoso sono vari disturbi urinari. Possono essere come segue:

  • poliuria - escrezione di urina superiore a 2 litri. al giorno,
  • oliguria - una diminuzione del volume di urina quotidiana,
  • Nocturia - aumento della minzione, che si verifica principalmente durante la notte. Il volume di urina può raggiungere fino al 35% della norma giornaliera e superiore;
  • ematuria: presenza di sangue nelle urine;
  • proteinuria - la presenza di proteine ​​nelle urine.

Per fare una diagnosi nella fase iniziale della malattia, è necessario passare i seguenti studi in modo tempestivo:

  • esame del sangue;
  • analisi delle urine;
  • ultrasuoni;
  • urografia escretoria - somministrazione endovenosa di sostanze contenenti iodio a un paziente al fine di ottenere un quadro chiaro dei reni e delle vie urinarie;
  • angiografia dei vasi renali - l'introduzione nella vena del paziente di un agente di contrasto al fine di determinare i cambiamenti nei vasi dei reni;
  • scintigrafia - l'introduzione nella vena di una sostanza radioisotopica, attraverso la quale è possibile determinare la condizione del tessuto renale;
  • doppler vascolare renale, che consente di vedere una diminuzione del movimento del sangue nei vasi degli organi;
  • la renografia di radionuclidi, che aiuta a determinare le prestazioni di ciascun rene;
  • CT - per determinare la posizione del rene e la struttura dei suoi tessuti;
  • Biopsia renale - per ottenere ed esaminare il tessuto renale per la presenza di oncologia.

Se al paziente viene diagnosticata una forma benigna della malattia, il trattamento è l'uso di farmaci diuretici, così come i farmaci che riducono l'ipertensione.

Inoltre, viene prescritta una dieta, che è caratterizzata dal consumo di alimenti con un basso contenuto di proteine ​​e sale.

Il paziente deve essere regolarmente esaminato, fornendo informazioni sulle condizioni dei reni e sul loro funzionamento.

È necessario trattare la stitichezza cronica, poiché l'accumulo di sostanze tossiche nel corpo ha un effetto negativo sul lavoro dei reni.

Al fine di migliorare la circolazione sanguigna nei reni e in tutto il corpo, si consiglia di eseguire uno sforzo fisico moderato ogni giorno. Le passeggiate regolari e il nuoto aiutano anche a migliorare le condizioni del paziente.

Come sapete, quando si visita un bagno o una sauna, inizia una maggiore sudorazione, a causa della quale sostanze nocive e tossine vengono eliminate dal corpo. Pertanto, dopo aver consultato il medico curante, è utile che il paziente nella fase di recupero visiti il ​​bagno e la sauna.

Se la malattia è maligna, il trattamento deve essere eseguito in ospedale. In questo caso, è necessario assumere farmaci mirati a ridurre la pressione per non provocare un deterioramento del benessere del paziente.

Operativamente, i vasi che forniscono sangue ai reni vengono bloccati o la parte atrofizzata dell'organo viene rimossa, quindi l'emodialisi o il trapianto di rene vengono eseguiti al paziente.

Per questa forma di nefrosclerosi, la prognosi è scarsa: il paziente sarà in grado di vivere non più di un anno.

Nefrosclerosi dei reni: che cos'è e come si manifesta

Nessuna malattia renale va via senza lasciare traccia, qualsiasi processo patologico nel rene porta al danneggiamento e alla morte delle sue unità strutturali e funzionali - i nefroni. La perdita di singoli nefroni non influisce sulla funzione dell'organo. Con la morte di massa delle strutture renali, vengono sostituiti dal tessuto connettivo e la funzione renale viene persa.

Il processo di sostituzione dei nefroni funzionanti con tessuto connettivo è la nefrosclerosi. Questa non è una malattia indipendente, ma un possibile risultato di qualsiasi processo patologico nel rene.

Il risultato della nefrosclerosi è la perdita completa della funzione, la riduzione delle dimensioni e infine la formazione di rughe del rene.

A volte i medici sostituiscono persino il termine "nefrosclerosi" con il termine "rene avvizzito", in realtà è la stessa cosa.

Cause della nefrosclerosi

L'aterosclerosi delle arterie renali porterà prima o poi alla nefrosclerosi.

Si distinguono due forme di questa patologia: rene shriveled primario e secondario.

  • nephrosclerosis primaria causata da lesioni vascolari e apporto di sangue al tessuto renale alterata come conseguenza di ipertensione, aterosclerosi, infarto vascolare renale e renali, disturbi del deflusso venoso. La struttura dei reni subisce cambiamenti sclerotici con l'età, entro i 70 anni, il numero di unità strutturali renali attive nei reni diminuisce del 30-40%.
  • La forma secondaria della malattia si verifica a causa di danni del parenchima renale durante glomerulonefrite prolungato, pielonefrite cronica, urolitiasi, processi autoimmuni, diabete, amiloidosi, sifilide, tubercolosi, rene, nephrosclerosis può portare a gravi nefropatia lesioni gravidanza e organo.

Negli ultimi decenni, l'ipertensione e il diabete mellito sono stati considerati la causa principale di questa patologia, anche se letteralmente 20 anni fa la glomerulonefrite era in testa.

I principali sintomi della nefrosclerosi

La malattia può durare decine di anni, mentre il deterioramento delle funzioni renali avviene gradualmente e i sintomi inizialmente non disturbano i pazienti. Un medico viene spesso chiamato quando si manifestano edemi, disturbi della minzione e segni di ipertensione. Con tali sintomi, i cambiamenti nei reni sono spesso irreversibili e la funzione dell'organo è già significativamente ridotta.

Minzione compromessa

Questo sintomo comprende poliuria (troppa minzione - 2 litri al giorno o più) e nicturia (aumento del numero e del volume della minzione durante la notte).

Nella nefrosclerosi grave, la poliuria viene sostituita dall'oliguria, quando la quantità di urina, al contrario, diminuisce bruscamente. Anuria (completa assenza di urina può indicare insufficienza renale terminale).

Anche nelle urine appare sangue, ed è dipinto nel colore della brodaglia di carne - questo sintomo è chiamato ematuria macroscopica.

ipertensione arteriosa

Se la perfusione renale attivato meccanismo di protezione per aumentare la pressione nei vasi sanguigni renali, con conseguente espulsione del sangue sostanze che aumentano la pressione intorno al flusso sanguigno. Nella nefrosclerosi, l'ipertensione arteriosa raggiunge valori molto elevati, sono possibili crisi ipertensive con un aumento della pressione sistolica fino a 250-300 mm Hg. Art., Mentre la riduzione della pressione è molto difficile.

gonfiore

La ritenzione di liquidi nel corpo porta all'edema. All'inizio appaiono sul viso al mattino e dopo un po 'di tempo passano.

Poi gradualmente scendono, le loro dita si gonfiano (i pazienti prestano attenzione che non possono togliersi gli anelli al mattino) e gli stinchi (non indossare scarpe, non allacciare gli stivali).

Con la progressione della malattia, l'edema si diffonde in tutto il corpo, si verifica anasarca - edema generalizzato di grasso sottocutaneo, tessuti molli, nel peggiore dei casi, e organi interni.

Edema polmonare (asma cardiaco) si verifica a causa di sovraccarico del cuore a causa di una maggiore quantità di liquido nel corpo. Il risultato è l'insufficienza cardiaca e la stasi del sangue nei capillari polmonari.

Il paziente ha respiro affannoso, tosse, durante un attacco c'è sudorazione, cianosi (pelle blu), aumento della frequenza cardiaca e frequenza respiratoria.

L'asma cardiaco è una complicanza grave che può essere fatale se lasciato incustodito.

Fasi di nefrosclerosi

Ci sono 2 periodi nello sviluppo di questa patologia:

  1. Nella prima fase, non vi sono manifestazioni di nefrosclerosi, tuttavia, il paziente ha e può progredire in una o più patologie che portano alla sostituzione di un parenchima renale normale con tessuto connettivo. Durante questo periodo, i cambiamenti nel danno renale compaiono nelle urine e negli esami del sangue.
  2. I sintomi caratteristici della nefrosclerosi e, rispettivamente, dell'insufficienza renale, compaiono nella seconda fase del processo, quando i cambiamenti nella struttura dei reni possono essere rilevati utilizzando gli ultrasuoni e altri metodi di ricerca strumentali.

Inoltre, a seconda del corso del processo patologico, sono isolate forme maligne e benigne di nefrosclerosi.

Fortunatamente, nel numero schiacciante di pazienti, si verifica la seconda forma della malattia, in cui il processo progredisce lentamente, con un trattamento efficace della malattia di base, la progressione della nefrosclerosi può essere rallentata.

Con un decorso maligno, la nefrosclerosi progredisce rapidamente e nel corso di diversi anni può portare a una completa perdita della funzionalità renale, grave insufficienza renale e condanna del paziente a emodialisi permanente. Un risultato così sfavorevole può essere osservato con ipertensione maligna ed eclampsia in donne in gravidanza.

Diagnosi di nefrosclerosi

Quando la nefrosclerosi nell'analisi generale delle urine verrà rilevata le modifiche corrispondenti.

Poiché i sintomi del rene avvizzito compaiono nelle fasi avanzate, è molto importante identificare questa patologia il prima possibile con l'aiuto di un sondaggio, poiché l'efficacia del trattamento in questo caso sarà molto più alta. Un ruolo importante è giocato raccogliendo la storia del paziente.

  • Analisi delle urine. Qualsiasi esame dei reni, naturalmente, inizia con un'analisi delle urine, con nefrosclerosi iniziale, si possono identificare le seguenti deviazioni dalla norma: una diminuzione della densità relativa delle urine, la comparsa di proteine, singoli globuli rossi e cilindri.
  • Esami del sangue In un esame del sangue clinico, i livelli di emoglobina e piastrine possono diminuire. Nel biochimico - riducendo la quantità di proteine ​​totali, aumentando il livello di urea, creatinina, acido urico e sodio. Dovrebbe avvisare l'aumento di glucosio e colesterolo.

Tali cambiamenti nelle urine e negli esami del sangue sono molto aspecifici e possono essere osservati non solo nei casi di malattia renale. Tuttavia, la combinazione di tali deviazioni nei risultati di laboratorio, con una storia di fattori che possono portare a danni renali, fa pensare al medico di ulteriori diagnosi.

Per l'esame vengono utilizzati molti metodi strumentali, come l'ecografia, l'urografia escretoria (radiografia dei reni con un mezzo di contrasto), l'angiografia, la tomografia computerizzata, gli studi di radioisotopi, ecc.

Tutti rivelano una diminuzione della dimensione del rene, la presenza di depositi di calcio, il flusso sanguigno alterato nei vasi renali e altri cambiamenti che indicano la crescita del tessuto connettivo.

La risposta esatta sullo stato del parenchima renale può dare una biopsia.

Trattamento di nefrosclerosi

La terapia speciale finalizzata al trattamento della nefrosclerosi, non esiste. È necessario curare la malattia, che ha provocato danni renali e morte del nefrone, seguita dalla loro sostituzione con tessuto connettivo. Ecco perché non solo un nefrologo è impegnato nel trattamento dei pazienti con nefrosclerosi, ma anche uno specialista specializzato.

Oltre alla terapia mirata al trattamento della malattia di base, i pazienti devono seguire una dieta. Si consiglia di limitare la quantità di proteine, sale, nella dieta dovrebbe essere sufficiente vitamine e sali minerali. In assenza di ipertensione arteriosa ed edema, non è richiesta la restrizione di liquidi e proteine.

Nella malattia renale allo stadio terminale, quando entrambi i reni hanno perso la loro funzione, l'emodialisi è indicata per i pazienti. L'unica via d'uscita in questa situazione è il trapianto di rene, negli ultimi anni questa operazione è stata eseguita con successo in Russia ed è gratuita per i cittadini del nostro paese.

Quale dottore contattare

Il trattamento delle malattie renali e delle loro complicanze, in particolare la nefrosclerosi e l'insufficienza renale, viene eseguito da un nefrologo.

Se necessario, vengono nominati altri specialisti: un cardiologo (ad alta pressione), un endocrinologo (con diabete), un chirurgo vascolare (con aterosclerosi dell'arteria renale), un urologo (con urolitiasi), uno specialista di malattie infettive (con sospetta tubercolosi del rene). È possibile ottenere un rinvio per un esame renale contattando il terapeuta con i reclami appropriati.