I sintomi dei calcoli renali: come sapere che i calcoli renali

Test

Quando ci sentiamo normali e non ci disturbano, non pensiamo a che tipo di acqua beviamo e mangiamo cibo.

Ma, non appena il dolore nei reni si dichiara, iniziamo a pensare alla salute e ad adottare tutte le misure necessarie per eliminare la colica renale e la formazione di calcoli renali.

Cosa sono i calcoli renali e perché si verificano?

Il rene è un organo associato la cui funzione principale è la filtrazione degli elettroliti e dei prodotti dei metaboliti. Con l'urina, questi composti vengono espulsi dai reni dal corpo, ma alcuni rimangono nell'urina, formando cristalli. Depositi sulle pareti dei reni, questi composti gradualmente formano concrementi.

Pietre - massa simile al cristallo solido costituita da sali, che fanno parte dell'urina in piccole quantità.

I calcoli renali hanno dimensioni diverse, si formano su qualsiasi parte del sistema urogenitale e, a seconda della vera causa della loro formazione, hanno una composizione diversa. Suddividi il calcolo in:

Pertanto, è necessario limitare l'uso di prodotti: pesce in scatola e carne, brodi di carne, prodotti a base di salsicce, caffè, cioccolato, limoni, pepe e senape, frutta secca, fagioli e piselli, prezzemolo, ravanello, uva spina e ribes. I prodotti a base di latte sono raccomandati per essere usati con cautela.

Qual è la "campana" della presenza di pietre nei reni?

Dolore: il principale sintomo di muovere il rene attraverso l'uretere. Se le pietre sono piccole, allora il dolore può non manifestarsi, ma si manifesta solo nei piccoli dolori a breve termine durante la minzione.

I principali sintomi della presenza di urolitiasi includono:

  • dolori acuti o puntiformi nella zona lombare o laterale, dolore nella zona renale (colica renale);
  • dolore da irradiazione nel rene, che si estende agli organi vicini;
  • dolore nell'addome;
  • periodi di nausea e vomito;
  • minzione disturbata (ritardata o frequente);
  • minzione frequente;
  • dolore e bruciore durante la minzione;
  • scarico di sabbia o ghiaia
  • febbre;
  • sudore freddo;
  • flatulenza;
  • aumento della pressione.

L'aumento della temperatura corporea può essere dovuto a processi infiammatori nei reni. La colica renale dura circa 1-2 ore, ma a volte dura più di un giorno con brevi pause. Dopo che il dolore si è calmato, a volte è possibile osservare escrezione di sabbia o piccoli sassi con l'urina. In rari casi, l'urina ha una miscela di sangue, che si spiega con il sanguinamento dalle pareti danneggiate dell'uretere. Ai primi tali segni è consigliato andare al dottore.

Qual è la differenza tra i sintomi negli uomini e nelle donne?

L'incidenza di urolitiasi è in media fino al 5% tra gli adulti di tutto il mondo. Gli uomini si ammalano un po 'più spesso della metà femminile. Ma le donne spesso formano forme complesse di pietre che occupano l'intera regione coppa-bacino del rene.

Per il trattamento delle malattie renali, i nostri lettori usano con successo il metodo Galina Savina.

Durante la colica renale, il dolore inizia nella zona lombare sotto le costole, diffondendosi all'inguine e alla coscia. Negli uomini e nelle donne, tutti gli organi del sistema urinario sono uguali, quindi il dolore in entrambi i sessi è lo stesso. L'unica cosa che gli uomini hanno dolore dà ai testicoli e al pene, e nelle donne irradia verso le labbra.

Come sapere che le pietre escono da sole?

Il dolore parossistico improvviso nella regione lombare dovuto alla presenza di una pietra nell'uretere indica il suo movimento. In questo caso, il dolore può essere tagliente, acuto o crampi. Fa male all'inguine e diventa più doloroso quando urina. Possono verificarsi nausea e vomito, flatulenza e mal di testa. La circolazione sanguigna nei reni viene improvvisamente disturbata. L'ischemia è la causa di forti dolori.

Come risultato della ridotta produzione di urina dai reni, vi è un aumento della pressione intraepatica, una dilatazione della capsula fibrosa del rene, una violazione della circolazione linfatica e del sangue in essi. Grave dolore si diffonde all'addome, che porta alla rottura del lavoro e dell'attività motoria dell'intestino.

Come mezzo rilassante per i muscoli lisci del sistema urinario e dei reni, si raccomanda di mettere il paziente in un bagno caldo e assumere un antispasmodico come shpy o papaverina.

Modi efficaci per trattare una malattia

Per liberare il rene di pietre è necessario eseguire tre compiti principali:

  1. Rimuovere la pietra dal rene;
  2. Ripristinare il corpo dopo la rimozione;
  3. Effettuare la prevenzione al fine di prevenire le ricadute.

La rimozione di calcoli dai reni viene eseguita in determinati modi.

Chirurgia addominale aperta

Il metodo è noto da molto tempo e viene utilizzato se non esiste un'alternativa ad esso. Può causare complicanze: polmonite, sanguinamento, morte. A causa della tendenza della malattia a ricaduta, il seguente intervento chirurgico può portare a circostanze impreviste, inclusa la morte del paziente.

Chirurgia endoscopica e laparoscopica

Uno speciale strumento manipolatore viene introdotto nella cavità renale, attraverso la quale avviene la frantumazione. Dal metodo precedente è meno traumatico e veloce recupero.

foratura

Per distruggere una pietra nel rene, puoi usare lo strumento attraverso una perforazione nella regione lombare. La pietra viene rimossa usando un tubo di metallo con un LED, un nefroscopio. Attraverso questo tubo strumenti iniettati destinati alla distruzione e alla rimozione di pietre. La puntura è minima, quasi invisibile. Il metodo è ottimale nel caso in cui non ci siano altre malattie del sistema urinario. È il più accurato tra tutti.

Rimozione attraverso il tratto urinario

Il metodo prevede l'introduzione di uno strumento attraverso l'uretra per schiacciare e rimuovere la pietra dal rene. Il metodo è utilizzato principalmente nel caso della presenza di pietra nell'uretere e nella vescica.

Litotripsia ad onde d'urto

Questo metodo di frantumazione remota delle pietre è il più benigno di tutti. Nel processo di distruzione avviene per mezzo dell'azione delle onde, dopo di che le pietre vengono rimosse naturalmente. La litotripsia ad onde d'urto è più efficace quando il diametro della pietra non supera i 2 cm.

Con l'aiuto di droghe

Il metodo più preferito e il più sicuro di tutti. Ma solo in quei casi in cui un ciottolo di diametro non è superiore a 4 mm. Solo in questa condizione è in grado di uscire da solo. Pertanto, dovrebbe aiutarlo a uscire e non a crescere in grandi taglie. Nel trattamento, la pianta viene utilizzata a metà caduta, i farmaci "Fitozilin", "Urolesan", "Kanefron" e altri.

Raccomandazioni e consigli generali

È una regola bere il volume richiesto di liquidi al giorno. È necessario per il pieno lavoro dei reni e la lisciviazione dei sali di scarto. Le bevande al mirtillo sono utili: aiutano l'acidificazione delle urine, che impedisce ai batteri di crescere e prevenire le infezioni.

Nel periodo acuto, non puoi bere bevande alcoliche e gassate. È meglio bere brodo dai fianchi - contribuisce alla rimozione della sabbia dagli organi urinari.

Come misura preventiva, è necessaria una modalità attiva, più movimento, esercizio (camminare, correre, saltare). Al giorno è necessario bere almeno due litri di acqua, assumere antispastici e analgesici, uroseptics vegetali.

Diagnosi di urolitiasi

Lascia un commento 11,740

I pazienti apprenderanno l'urolitiasi con l'insorgenza della colica renale. Informazioni su come identificare i calcoli renali, sbarazzarsi di loro, molti non sono interessati alla fase acuta. Ma le risposte a queste domande dovrebbero riguardare tutte le persone anziane che conducono uno stile di vita inattivo. In effetti, senza informazioni accurate sulla dimensione della pietra, sulle caratteristiche della sua formazione, è impossibile trovare il giusto trattamento.

Test di laboratorio

La fase primaria dello studio dopo aver esaminato il paziente sarà test di laboratorio. I loro risultati rivelano al medico informazioni sul funzionamento funzionale dei reni, determinano la presenza di un processo patologico. I metodi di laboratorio sono sicuri, estremamente accurati. Il risultato può essere ottenuto in un periodo di tempo abbastanza breve.

Analisi delle urine

Uno dei primi pazienti con sospetta malattia renale è un campione di urina. Non richiede preparazione preventiva, investimenti in denaro. Dai suoi risultati, è possibile conoscere immediatamente il problema nel lavoro dei reni. Il paziente deve passare:

  • analisi delle urine del mattino;
  • analisi dell'urina quotidiana.

L'indicatore principale - globuli rossi nelle urine. Elevati livelli di globuli rossi accompagnano non solo l'urolitiasi. Ma il medico, dopo aver studiato la storia della malattia, confrontandolo con i risultati dell'analisi, farà facilmente la diagnosi prevista. Oltre ai globuli rossi, nelle urine vengono rilevati cristalli di sale, proteine ​​e batteri. Con i calcoli renali, il loro numero sarà sopravvalutato. Lo studio della composizione chimica dei sali parlerà del tipo di pietra.

Esami del sangue

Molto spesso, un esame emocromocitometrico completo nei pazienti mostra risultati normali, ma è necessario prenderlo. Nel periodo di esacerbazione, si osserva un aumento dei leucociti. Il loro rapporto percentuale si sposta a sinistra e questo indica lo sviluppo del processo infiammatorio. Inoltre, prestare attenzione al cambiamento di ESR e alla manifestazione di anemia. Secondo questi indicatori, è possibile concludere che i reni sono alterati.

Analisi chimiche di pietre

Un punto importante nell'esame dei pazienti è l'analisi chimica dei calcoli renali. Secondo le informazioni sulla composizione del calcolo renale, è possibile tracciare la storia dello sviluppo della malattia: un disturbo metabolico, un processo infiammatorio e persino cambiamenti nella struttura chimica dei farmaci nei tessuti del corpo. L'analisi chimica può essere eseguita solo in un laboratorio speciale.

Calcoli renali - sedimenti che non si dissolvono. Più spesso i depositi formano sali minerali: fosfati, ossalati, urati, cistina. I depositi possono depositarsi non solo nel rene, ma anche in qualsiasi parte del sistema urinario. La dimensione della pietra raggiunge da 1 mm a diversi centimetri. Ossalati e urati sono ben tracciati sui raggi X.

La struttura, i contorni della pietra e delle vie urinarie, la loro forma può essere rintracciata con l'aiuto di una recensione urografica.

Diagnostica strumentale

Metodi diagnostici a raggi X.

Radiografia panoramica

La diagnosi di urolitiasi si basa sulla storia della malattia, disturbi fisiologici, calcoli con le urine. Informazioni importanti I medici ricevono con l'aiuto di studi radiologici. Visibile sulle pietre dei raggi x più di 3 mm, costituito da ossalati. Le pietre di una composizione diversa sono difficili da identificare, non consentono i raggi X. Le ombre sulle immagini della recensione non sono visibili da loro.

Questo è il solito studio del rene con i raggi X. Gli agenti di contrasto non si applicano. Per l'uso della preparazione ai raggi X non è necessario, quindi è utilizzato in casi di emergenza. A volte i risultati sono imprecisi, quindi si raccomanda di pulire l'intestino prima dell'esame.

Urografia escretoria

La diagnosi di calcoli renali viene effettuata utilizzando una radiografia del sondaggio, con somministrazione endovenosa di un mezzo di contrasto. Una volta nel corpo, il contrasto viene espulso dai reni dopo un po ', il che rende possibile identificare chiaramente le pietre, determinare la presenza di patologie e controllare il funzionamento dei reni. Questo tipo di urografia richiede più della preparazione dell'intestino. Assicurati di analizzare, che determina la reazione allergica ad un agente di contrasto.

Pielografia retrograda

Questo metodo mostrerà un'immagine chiara dello stato anatomico del rene e delle vie urinarie. Il metodo viene eseguito utilizzando un cationization tsitoskop. Attraverso il catetere introdotto nel rene, un fluido di contrasto viene introdotto gradualmente sotto una piccola pressione. Dopo l'introduzione del contrasto e dell'estrazione del catetere, scattare una foto. Usando il metodo, è possibile ottenere un'immagine chiara della pelvi renale e dell'intera lunghezza dell'uretere.

Esame angiografico dei reni

L'angiografia è un metodo per studiare le arterie renali. Dopo aver applicato un composto di contrasto attraverso un catetere nei vasi arteriosi, l'immagine viene fissata usando i raggi X. L'angiografia indicherà possibili patologie del flusso sanguigno, lo stato della rete vascolare, restringimento, spasmi. I risultati del metodo sono estremamente accurati.

L'angiografia dei reni non è il principale metodo di ricerca, è utilizzato nel complesso come esame aggiuntivo.

Ultrasuoni (ultrasuoni)

L'esame ecografico dei reni è un metodo economico ed efficace. L'esame ecografico dei reni rivelerà:

  • la presenza di pietre;
  • la quantità di inclusioni;
  • quantità;
  • parametri dimensionali del rene;
  • sabbia nel rene;
  • disturbi patologici nel corpo.

Una caratteristica distintiva è che la diagnostica ecografica può rilevare piccole pietre con sabbia, una pietra nell'uretere e persino quelle inclusioni che non sono visibili ai raggi X. Non ci sono controindicazioni per la procedura. Ci vorrà un po 'di preparazione sotto forma di alimentazione dietetica e prima dell'esame è necessario bere circa 2 litri di acqua (questo riempirà la vescica con del liquido).

Il medico esamina l'area con un gel e invia un manipolatore (il paziente giace sulla schiena o su uno dei lati). Con l'aiuto di uno speciale manipolatore, sullo schermo del monitor viene visualizzata un'immagine e il medico vede lo stato degli organi, può misurare le loro dimensioni, determinare le pietre e il luogo della loro concentrazione. Il risultato è stampato su un modulo separato o scritto.

Se i calcoli renali non sono visibili sugli ultrasuoni, è possibile diagnosticarli mediante la caratteristica sovrapposizione del dotto urinario. Ciò è indicato da cambiamenti visibili nelle vie urinarie: al sito di ostruzione, la dilatazione del dotto è visibile, e dopo di essa si osserva un restringimento evidente. Se necessario, gli esperti usano metodi aggiuntivi di esame per confermare la presunta diagnosi.

Diagnosi di radionuclidi

Metodi di diagnostica dei radionuclidi sono utilizzati per rilevare patologie nefrologiche. È usato per determinare la patologia nella fase iniziale di sviluppo. Il metodo si basa sull'introduzione nel corpo di sostanze radioattive consentite in un caso particolare e sulla successiva fissazione della loro radiazione. Il metodo con cui viene monitorato il corretto funzionamento dei reni è chiamato radiorenografia.

Dopo l'introduzione di un radionuclide, il dispositivo monitora la curva del passaggio di una sostanza dal momento in cui entra nel rene per completare l'eliminazione dai reni. È possibile determinare la presenza di pietre aumentando la curva, mentre nel luogo di localizzazione del calcolo la curva non diminuisce. Il metodo è sicuro. Le dosi di sostanze radionuclidee sono basse e la durata della loro attività è ridotta.

CT (tomografia computerizzata)

La scansione TC dei reni mediante elaborazione computerizzata delle aree radiografate attraverso i raggi X fornisce informazioni volumetriche sull'organo, sulla presenza delle pietre e sulla loro posizione. L'elevata precisione della procedura si ottiene evidenziando vasi e condotti, introducendo un agente di contrasto. Pertanto, ci sono controindicazioni per la sua attuazione: gravidanza, diabete, insufficienza renale funzionale. Dopo l'introduzione del contrasto, il paziente viene posizionato su una speciale superficie mobile e posizionato all'interno del dispositivo. Durante la procedura, scattare foto dell'area indagata. La TC nei calcoli renali è utilizzata come metodo diagnostico e un modo per controllare lo stato di avanzamento dell'operazione.

RM (risonanza magnetica)

La risonanza magnetica per urolitiasi viene utilizzata, come unico metodo diagnostico e con una diagnosi già stabilita, per confermare la correttezza del trattamento scelto. L'accuratezza della risonanza magnetica determina l'uso di impulsi a radiofrequenza e un campo magnetico. Di conseguenza, l'immagine mostra un'immagine dettagliata e ingrandita dell'organo studiato. La risonanza magnetica del rene è divisa in due modi:

  • Con contrasto Aumenta la precisione dell'immagine. Ma c'è una possibilità di sviluppo di complicazioni sotto forma di fibrosi, quindi, è prescritto in caso di sospetto tumore maligno.
  • Senza contrasto Questo metodo è usato più spesso. È innocuo per i pazienti e fornisce un'immagine tridimensionale accurata del rene. Le pietre chiaramente visibili di grandi dimensioni, che bloccano il deflusso delle urine, provocano l'allargamento visibile dell'uretere.

È importante capire! I piccoli calcoli renali non sono visibili alla risonanza magnetica.

Diagnosi differenziale per calcoli renali

I metodi diagnostici descritti sopra determinano la presenza di una pietra nel rene di qualsiasi tipo senza troppe difficoltà. Di norma, l'urolitiasi non richiede differenziazione da altre malattie. L'unico caso in cui può essere necessaria una diagnosi differenziale è la colica renale acuta. In questo caso, è importante differenziare le coliche da un attacco di appendicite, colecistite, pancreatite e anche ulcere perforate.

La base nella formulazione della diagnosi corretta è la conoscenza dei sintomi clinici di quelle patologie con cui differenziare la colica renale. L'attenzione è focalizzata sul luogo di concentrazione del dolore, disturbi nella minzione, cambiamenti nelle caratteristiche fisiche delle urine. Ci sono patologie degli organi pelvici e della cavità addominale, i cui sintomi sono simili ai segni della urolitiasi. Raccolta attenta di anamnesi, esami di laboratorio consente di fare la diagnosi corretta e prescrivere il trattamento corretto.

Come determinare la presenza di calcoli renali

Postato da Admin · Pubblicato il 06/06/2016 · Aggiornato il 22/03/2018

Dolore frequente o acuto nella regione lombare o lombare fa sì che molti riflettano sulla gravità di un problema di salute. La colica renale è esattamente la patologia da cui hai bisogno di temere e in tempo per guarire, altrimenti attendi conseguenze irreversibili. Sia gli adulti che i bambini sono affetti da questa patologia. Secondo i dati statistici, i calcoli renali sono presenti in ogni 5 pazienti, cioè il 65% della popolazione mondiale. Molti non sanno nemmeno della malattia fino al primo attacco di colica.

Calcoli renali o nefrolitiasi è una malattia renale con formazione di conglomerati solidi all'interno dello spazio renale. Le pietre sono costituite da urea, acidi e sali, si trovano all'interno del bacino e delle coppe. Le dimensioni delle formazioni variano dalle dimensioni di un granello di sabbia a un uovo di passero. Per escludere le complicanze, tutti hanno bisogno di sapere da dove vengono i calcoli renali, queste informazioni aiuteranno a prevenire lo sviluppo di calcoli ea trattare la malattia in tempo in una fase precoce.

Cause di urolitiasi

Il cambiamento della composizione dell'urina in determinate condizioni porta allo sviluppo della litiasi. Le cause dello sviluppo delle pietre possono essere suddivise condizionalmente in interne ed esterne.

  1. Fattori endogeni: processi infettivi infiammatori nei reni, intossicazione da veleni, malattie infettive, pielonefrite, malattie oncologiche, disturbi endocrini e squilibri ormonali durante la menopausa, così come patologie congenite con ureteri stretti. E i calcoli renali nei bambini si sviluppano a causa di ureteri stretti e un'abbondanza di calcio nel latte.
  2. Cause esogene: lesioni, dieta malsana, struttura chimica dell'acqua, surriscaldamento o sovraraffreddamento del corpo e alcolismo.

L'epitelio del bacino, il coagulo di sangue, i leucociti morti o il muco possono essere il nucleo di una futura pietra renale. Per molti anni, la pietra viene costruita strato dopo strato attorno al nucleo fino a raggiungere determinate dimensioni e forme, a seconda dell'origine. Le pietre sono suddivise in urati, ossalati, fosfati, xantine, carbonati, cistina e misti. Secondo la coerenza, sono morbidi e duri.

Sintomi di urolitiasi

La pietra, venuta fuori dalle tazze o dal bacino, tende ad uscire attraverso gli ureteri nella vescica. I parametri delle pietre e della loro superficie (ruvida o ricoperta di punte) non consentono loro di muoversi facilmente, causano un dolore acuto insopportabile nella regione lombare e nell'addome. La sindrome del dolore è il primo sintomo di avere pietre. Il dolore intenso è accompagnato da nausea, vomito e distensione addominale. Il paziente vuole costantemente svuotare la vescica, ma la minzione è scarsa e non porta sollievo.

Muovendosi attraverso gli ureteri, le pietre possono graffiare la mucosa, così sangue fresco appare nelle urine. Nella vescica sotto l'influenza dell'urea, il sangue diventa un colore viola scuro. Nel caso in cui l'infezione si unisca, allora il pus (piuria) appare nelle urine. Tale quadro appare quando gli ossalati sono presenti nei reni.

Più sintomi di dolore "lieve" si verificano nel caso della stabilità delle pietre nello spazio pelvico. È dolorante, noioso e si manifesta solo con sforzo fisico o agitazione. Si irradia spesso all'inguine e ai genitali. Perché si verifica l'irradiazione? Il processo colpisce i nervi intervertebrali, che trasmettono un impulso doloroso verso l'inguine e gli organi genitali.

Altri sintomi si osservano in presenza di piccole pietre, granelli di sabbia fino a 2-3 mm. Possono causare un processo infettivo-infiammatorio con febbre e malessere generale. Le loro dimensioni permettono una rapida rimozione dai reni, a meno che la loro posizione anatomica non sia aggravata, cioè quando i reni vengono omessi, la sabbia è difficile da espellere a causa della stasi urinaria, si accumula e solo allora appare il quadro clinico completo della urolitiasi.

Quando la pietra è bloccata, i sintomi consistono in un dolore grave e persistente che si diffonde in tutto l'addome. Così come una scarsa quantità di urina o nessuna minzione. Successivamente, l'urina accumulata espande i volumi della pelvi renale per formare idronefrosi. Si sviluppa un'insufficienza renale, le cui conseguenze sono l'ipertensione persistente e la temperatura subfebrilare costante.

Diagnosi di calcoli renali

Come identificare i calcoli renali? Sintomatologia, esame e anamnesi sono i primi passi per la diagnosi finale. Un'ulteriore diagnosi è uno studio di laboratorio sull'analisi delle urine. Inoltre, viene data preferenza alla radiografia e agli ultrasuoni, così come all'urografia escretoria. Ma il metodo più affidabile e costoso per determinare le pietre è la tomografia computerizzata.

Cosa viene rilevato in uno studio di laboratorio sull'analisi delle urine? Nell'analisi si osserva un gran numero di leucociti, eritrociti, epitelio, acido urico, creatinina, sali e acidi di cui è fatta la pietra (calcio, fosforo, acido ossalico, urati). Radiodiagnosi rivela cambiamenti nella pelvi renale e rivela la dimensione esatta delle pietre.

Un'ecografia mostra cambiamenti radicali negli ureteri, nel parenchima dei reni e nelle condizioni degli organi vicini. Inoltre, un'ecografia esamina i cambiamenti anatomici nei reni, nonché la presenza, la localizzazione e il movimento delle pietre. La tomografia computerizzata aiuta ad esaminare le pietre in dettagli sottili: la loro posizione esatta, forma, dimensione e rivestimento esterno. Questo è uno studio dei reni con l'ottenimento della loro immagine strato per strato usando la radiazione a raggi x. La tomografia computerizzata dei reni viene eseguita a scopo diagnostico per rilevare lesioni traumatiche, tumori, disturbi della struttura anatomica dei reni e degli ureteri, idronefrosi, calcoli e ascessi.

Se necessario, l'esame urologico è integrato da radioisotopo nefroscintigrafia e risonanza magnetica. La nefroscintigrafia statica si basa su uno studio radiologico dei reni mediante l'assorbimento del parenchima dell'isotopo iniettato. Questo esame mostra l'entità del danno al parenchima, la posizione delle pietre, la loro dimensione e forma, così come altri processi patologici come tumori e tubercolosi. Non ci sono conseguenze dell'introduzione dell'isotopo, viene rapidamente espulso dal corpo, non lascia traccia e non arreca danni alla salute.

Dopo tali studi, è possibile prescrivere i metodi di trattamento necessari e rimuovere l'educazione dai reni una volta per tutte. I calcoli renali nei bambini sono determinati con gli stessi metodi, la procedura di studio non differisce dalla diagnosi strumentale negli adulti.

Trattamento della nefrolitiasi

I fondi da calcoli renali, o piuttosto, i metodi per liberarsi da nefrolitiasi sono divisi in due tipi. Consistono in trattamento conservativo e operativo. Questi metodi hanno un obiettivo comune: l'eliminazione delle pietre, la lotta contro gli effetti infettivi e infiammatori e la prevenzione della riformazione della litiasi.

Le misure conservative sono composte da antispastici, forti antidolorifici e antibiotici ad ampio spettro. I seguenti farmaci sono prescritti per il sollievo di un attacco: Baralgin, No-spa, Platyphyllin, Spazmolgon. Il paziente dopo l'introduzione di uno di questi farmaci, viene immerso in un bagno caldo, in posizione seduta. Se il dolore non scompare per molto tempo, il blocco di Novocainic viene eseguito con una dissezione dell'uretere o la sua cateterizzazione. Un altro metodo è la litotripsia e la litolisi. Il primo è basato sullo schiacciamento e il secondo sullo scioglimento. Ma, se non è possibile rimuovere i calcoli e la colica non si ferma, viene indicata un'operazione.

Perché la chirurgia viene eseguita con la nefrolitiasi? La rimozione chirurgica dei calcoli renali è necessaria per coliche renali frequenti o pielonefrite, così come per grosse pietre (a punta, a forma di tondo e corallo), stenosi ureterale, idronefrosi, blocco renale, sanguinamento abbondante e rene singolo.

Come determinare la presenza di pietre nei reni?

Nel dominare i metodi su come identificare i calcoli renali, tutti dovrebbero essere interessati.

Questa esigenza presenta una realtà moderna, dimostrando un forte aumento della patologia e con gravi complicazioni.

sintomi

L'urolitiasi è una delle malattie comuni del sistema urinario. Il più importante e il primo sintomo, che riferisce che l'urolitiasi ha origine nei reni, è il dolore lombare.

Sfortunatamente, a volte il dolore non compare all'inizio della malattia, ma quando si formano grosse pietre nei reni.

Dolore, nausea, vomito, ematuria permettono al paziente di determinare la presenza di calcoli renali. La sindrome da dolore grave si verifica quando una grossa pietra ostruisce i dotti, provocando una violazione del deflusso delle urine.

Le superfici affilate delle pietre durante il movimento possono danneggiare i tegumenti interni dei reni, provocando anche forti dolori.

I sintomi che consentono di determinare il processo di formazione di calcoli nei reni comprendono una violazione del processo urinario, una grave sensazione di bruciore.

In caso di febbre, grave emorragia, il paziente è soggetto a ricovero immediato, poiché un'assistenza medica tardiva porta a insufficienza renale cronica, idronefrosi.

I calcoli renali possono avere diverse dimensioni, rispettivamente, per provocare vari sintomi. Piccole pietre e sabbia, quando si beve abbastanza acqua, possono liberamente lasciare il corpo.

I grandi conglomerati non possono muoversi attraverso le strette vie urinarie e quindi provocare forti dolori.

Dopo aver determinato una grossa pietra nei reni, è molto comune eseguire un intervento chirurgico per prevenire il blocco dei dotti urinari.

L'intensità del dolore dipende dalla dimensione delle pietre e dalla loro composizione fisico-chimica. Dolori dolorosi si manifestano all'inguine, all'area lombare, all'addome.

Possono essere crampi o kolikoobraznymi. Cambiare la posizione del corpo non porta all'estinzione dell'intensità del dolore. Questo è ciò che ti permette di determinare e pre-assumere l'urolitiasi.

diagnostica

Determinare la presenza di pietre negli organi renali di un paziente aiuta ad analizzare il quadro clinico della malattia.

Ma al fine di stabilire una diagnosi accurata, solo dopo la prescrizione del trattamento, si consiglia al paziente di sottoporsi a un esame diagnostico.

La diagnostica di laboratorio include analisi delle urine e analisi del sangue al fine di determinare la presenza di calcoli nei reni con la massima accuratezza.

L'analisi biochimica del sangue aiuta a identificare i disordini metabolici, aumentando il livello di acido urico, la concentrazione di calcio, fosforo e magnesio. L'analisi clinica permette di identificare non solo questa patologia, ma anche altri.

L'analisi generale e l'esame biochimico delle urine consentono di determinare l'eccesso della quantità di sali, rispettivamente, per stabilire il tipo di sedimenti, che facilita l'attuazione di misure terapeutiche.

Per la determinazione delle pietre negli organi renali, in alcuni casi, ai pazienti viene offerto un test con la deambulazione. Esaminato per la presenza di sedimenti urinari presi prima dell'inizio del test e dopo un'ora di cammino.

Con l'aumento della concentrazione di sali, viene determinata l'urolitiasi.

Oltre ai test di laboratorio, la diagnostica strumentale, che comprende ultrasuoni, raggi X, cistoscopia, imaging a risonanza magnetica e computerizzata, aiuta a determinare la presenza di calcoli.

L'ecografia è il metodo di diagnosi più comune, consente non solo di rilevare le pietre stesse, ma anche di determinare il grado di alterazioni anatomiche nell'organo.

Sfortunatamente, nella posizione della pietra nell'uretere, la diagnosi ecografica è impotente.

Pietra nell'uretere

L'esame a raggi X è molto efficace, ma è impossibile determinare i calcoli di urina o di cistina durante la sua conduzione, poiché tali calcoli sono negativi ai raggi X.

L'imaging a risonanza magnetica e computata consente di ottenere un'immagine obiettiva della patologia, per differenziare l'urolitiasi da altre malattie.

trattamento

Dopo che i medici sono riusciti a determinare l'urolitiasi, per determinare la composizione fisico-chimica delle pietre, procedono allo sviluppo di regimi di trattamento efficaci. Possono essere conservatori e operativi.

Il trattamento conservativo prevede la somministrazione di farmaci che contribuiscono alla dissoluzione delle pietre esistenti, nonché la loro ulteriore rimozione dal corpo.

Il trattamento conservativo è necessariamente accompagnato dall'osservanza di una dieta speciale, che impedisce la formazione di nuove pietre, oltre a migliorare l'effetto delle droghe mediche.

Questo trattamento è adatto a quei pazienti le cui pietre sono di piccole dimensioni e non provocano forti dolori.

Le medicine moderne possono efficacemente dissolvere le piccole pietre, ma non dovrebbero essere prese senza prescrizione e controllo medico, in modo da non provocare un deterioramento della salute.

In presenza di grandi conglomerati effettuano il trattamento strumentale, coinvolgendo più schiacciamento di pietre con onde elettromagnetiche.

Il trattamento della urolitiasi attraverso la medicina tradizionale è in forte domanda. La medicina moderna non rifiuta metodi utili e molto efficaci di trattamento popolare, ma raccomanda vivamente di evitare l'auto-trattamento.

Solo dopo il permesso del medico di prendere infusi e decotti come agenti aggiuntivi che influenzano positivamente il trattamento farmacologico principale.


L'autotrattamento è controindicato, dal momento che è impossibile determinare il tipo di calcoli renali, e per ogni tipo di calcolo ci sono diversi metodi e farmaci.

I reni sono l'organo più importante che filtra il corpo. Prima si determina la urolitiasi, maggiori sono le probabilità che il paziente riceva per una riabilitazione efficace dei reni.

Trattamento domiciliare

Come determinare quali calcoli renali?

Come scoprire quali calcoli renali?

Spesso, la presenza di pietre e sabbia nei reni può essere rilevata utilizzando un test delle urine generale. Per scoprire esattamente quali pietre hai nei reni, devi contattare il tuo urologo o nefrologo, che nominerà un esame completo:

  • analisi generali e chimiche delle urine (controllo del livello di acidità e dei sali emessi);
  • Ultrasuoni dei reni (con esame regolare, è possibile monitorare la crescita dei calcoli renali);
  • urografia escretoria con l'uso di un mezzo di contrasto (non tutte le pietre sono visibili sulla radiografia).

Inoltre, se l'urina ha sabbia o piccoli ciottoli, è possibile determinare la composizione chimica approssimativa dei calcoli renali per colore e consistenza. Se sei in grado di raccogliere sassi dai tuoi reni, dovresti salvarli e portarli dal medico per analisi di laboratorio e diagnosi.

  • Ossalati - calcoli renali contenenti ossalato di calcio, sono formati da basi di acido ossalico e calcio. Le pietre di ossalato sono il tipo più comune di pietre (circa il 75% dei casi). Pietre di calcio-ossalato dei reni - i più difficili dei calcoli renali, sono molto difficili da sciogliere. Queste pietre sono dense, collinose, di colore bruno-nero, con una superficie pungente. Loro facilmente feriscono la membrana mucosa, causando il pigmento di sangue per macchiarli marrone scuro o nero. Gli ossalati sono chiaramente visibili sulla radiografia.
  • Urati - calcoli di acido urico, costituiti da cristalli di sali di acido urico - urato di ammonio e urato di sodio. Le pietre urotiche si trovano nel 5% - 15% dei casi, il più delle volte nelle persone che soffrono di gotta. Le persone che preferiscono vino, carne, uova e pesce sono predisposti alla formazione di calcoli di urato. Gli urati si formano quando un'alta concentrazione di sali di acido urico nelle urine (ad esempio, con un volume piccolo e ad alta densità) e reazioni di urina acide (pH inferiore a 5,5). Gli urat sono di solito di colore giallo mattone, con una superficie liscia, consistenza solida. Gli Urati non sono visibili alla radiografia.
  • Fosfati - calcoli renali contenenti sali di calcio di acido fosforico (fosfato di calcio). I calcoli renali di fosfato si trovano nell'8% -10% dei casi. I fosfati si formano nell'urina alcalina (pH superiore a 7), crescono rapidamente, si schiacciano facilmente. La superficie del fosfato è liscia o leggermente ruvida, la forma è varia, la consistenza è morbida, sono bianche o grigio chiaro. Le pietre fosfatiche si formano nelle persone che preferiscono una dieta vegetale e, più spesso, appaiono in persone la cui dieta è povera di carne e prodotti a base di carne, il che porta all'aliquizzazione delle urine (l'analisi delle urine mostra una reazione alcalina). I fosfati sono visibili durante la radiografia.
Inoltre, si riscontrano a volte tipi più rari di calcoli renali della seguente composizione chimica: struviti, calcoli di cistina, calcoli proteici, calcoli di carbonato, calcoli di colesterolo, ecc.
  • Gli struviti sono pietre di corallo composte da magnesio, fosfato di ammonio e carbonato di calcio. Gli struviti sono caratterizzati da una rapida crescita, sono formati dalla scissione dell'urea con l'aiuto di un enzima speciale, l'ureasi, secreto dai batteri. Gli struviti sono bianchi o giallastri, hanno una struttura ramificata e spesso riempiono l'intera cavità del rene.
  • Pietre di cistina - un amminoacido costituito da cistina - un composto di zolfo. Le pietre di cistina sono di colore bianco-giallastro, arrotondate, consistenza morbida, con una superficie liscia. Sui raggi X, i calcoli di cistina sono leggermente traslucidi.
  • Pietre Xantine - calcoli renali, costituiti da xantina. Sono formati come risultato di un difetto genetico che porta a una carenza dell'enzima xantina ossidasi. Le pietre xantiniche non sono visibili durante i raggi X, ma sono chiaramente visibili sugli ultrasuoni, non sono suscettibili di trattamento conservativo.
  • Pietre proteiche - formate principalmente da fibrina mista a sali e batteri. Le pietre proteiche nei reni sono piccole, piatte, morbide, di colore bianco.
  • Pietre carbonatiche - formate da sali di calcio dell'acido carbonico. Carbonati bianchi, con una superficie liscia, morbida, di diversa forma.
  • I calcoli di colesterolo sono composti da colesterolo, sono molto rari nel rene. Le pietre di colesterolo sono nere, morbide, facili da sbriciolare.

Per saperne di più sulla composizione e le proprietà dei calcoli renali, nonché sulla corretta alimentazione per diversi tipi di calcoli renali, puoi leggere qui sotto:

Come scoprire se ci sono calcoli renali? Diagnosi.

Organizzare correttamente il trattamento dei calcoli renali può essere solo un urologo specialista che, dopo un esame approfondito, farà una diagnosi definitiva e scriverà farmaci e metodi di trattamento.

Un grande ruolo è giocato dalla corretta diagnosi della malattia, perché il tipo di pietre, la posizione e le dimensioni del metodo di trattamento e l'esito positivo del trattamento dipendono da esso.

Pertanto, non auto-medicare. Solo un medico può aiutare a scoprire se si hanno calcoli renali e prescrivere una dieta, procedure e farmaci in caso di risposta positiva.

Diagnosi di urolitiasi

La prima cosa che fa un dottore quando arriva un paziente è, naturalmente, condurre una prima indagine, durante la quale scopre:

  1. prima si sono verificati calcoli renali;
  2. se la chirurgia è stata applicata per l'urolitiasi;
  3. la presenza di una malattia del sistema scheletrico;
  4. se il sangue è apparso in precedenza nelle urine (ematuria);

Consultazione con un urologo. Cosa fa l'urologo?

Di norma, durante l'esame iniziale, questo specialista scopre:

  1. se hai avuto dolore nella tua parte o nella parte bassa della schiena. In alcuni casi, il dolore può essere dato nella zona inguinale;
  2. la minzione può causare una forte sensazione di bruciore;
  3. minzione frequente;
  4. la sensazione costante che la vescica non sia sufficientemente svuotata.

Vale anche la pena ricordare altri sintomi di calcoli renali: lombalgia acuta, leggera febbre, cattive condizioni generali, brividi, nausea, vomito.

Esame del paziente. Palpazione.

Durante l'esame esterno, non è possibile eseguire la maschiatura (percussione), la palpazione, una diagnosi esatta. L'unica cosa che può essere determinata è un aumento del rene (sintomo di Pasternatsky), ed è possibile rilevare la malattia renale con la palpazione solo in un paziente magro.

Test per l'urolitiasi

  • OAK (emocromo completo) - se la malattia è cronica, non ci sono quasi cambiamenti significativi, se c'è un caso di urolitiasi acuta, quindi la VES, la conta dei leucociti e i bassi livelli di emoglobina saranno aumentati;
  • OAM (analisi delle urine) - è possibile rilevare epitelio cilindrico, piuria, proteinuria, batteriuria, ematuria macroscopica e macroscopica.
  • Biochimica - l'acido urico, il fosforo, la creatinina, il calcio saranno sopravvalutati;
  • Il test di Zimnitsky - si basa sulla densità di urina prelevata in 8 proporzioni entro un giorno. Il valore della densità urinaria in una persona sana è 1005-1025;
  • Bakposev (cultura di urina batteriologica) - con il suo aiuto determinano il tipo di microflora;
  • La determinazione del livello ormonale è necessaria per determinare il livello di ormone paratiroideo e calcitonina in pazienti con storia di corallo e calcoli renali ricorrenti.

A seconda delle preferenze di gusto del paziente e dell'acidità della sua urina, c'è anche una predisposizione alla formazione di cristalli di sale, da cui vengono create le pietre.

Determina calcoli renali su ultrasuoni

Con l'aiuto degli ultrasuoni, puoi valutare le condizioni generali del corpo. Oltre a identificare malattie croniche o incipienti, dalle quali, con l'inizio tempestivo del trattamento, sarà possibile sbarazzarsi rapidamente.

A raggi X

  • immagine panoramica: consente di determinare la presenza e la posizione delle pietre positive ai raggi X negli ureteri, nella vescica, nei reni;
  • urografia escretoria - questo esame viene effettuato dopo che i calcoli dei raggi X sono stati rilevati con l'aiuto degli ultrasuoni.

È meglio condurre tutti gli esami nel momento in cui non c'è dolore.

Ulteriore diagnosi di urolitiasi

  • anterograda o ureterpyelography retrograda - questi esami possono essere prescritti quando gli ultrasuoni e i dati dei raggi X sono discutibili, perché con l'urolitiasi il trattamento non può essere iniziato senza conoscere la diagnosi;
  • CT (tomografia computerizzata) - può essere usato per studiare più dettagliatamente la struttura del rene di un particolare paziente, dopo di che saranno visibili varie anomalie e malattie. Verranno anche identificate le malattie degli organi vicini;
  • MRU (urography di risonanza del manitone) - questo studio è prescritto da un medico in caso di intolleranza a pazienti con una sostanza radiopaca o con colica renale grave.

[suggerimento] Solo una diagnosi dettagliata consente di determinare la presenza, le dimensioni e il tipo di pietre, dopo di che l'urologo sarà in grado di prescrivere un trattamento efficace. Vale la pena ricordare che l'auto-trattamento non è solo inefficace, ma può anche portare a un significativo deterioramento. [/ Suggerimento]

Calcoli renali

Secondo gli indicatori medici nel campo dell'urologia, una delle più comuni malattie urologiche è l'urolitiasi - urolitiasi.

Una delle forme di questa malattia è lo sviluppo di sigilli (concrezioni) nel sistema urinario - nei reni. Questa patologia è chiamata nefrolitiasi. La formazione e la crescita delle pietre possono essere causate da vari fattori, che vanno dalla predisposizione congenita all'abuso di alcool e all'immobilità.

A proposito di un fenomeno come i calcoli renali, sapeva nell'antichità. Secondo i dati ottenuti dagli scavi, questa patologia è stata trovata nelle mummie egiziane.

Nefrolitiasi è a rischio

In questo articolo, riveleremo quali sono le cause delle pietre, oltre a considerare le prime manifestazioni della malattia, i metodi per determinare e cosa fare in caso di diagnosi tristi.

Cosa significa "calcoli renali"?

Calcoli renali ad ultrasuoni, foto. Calcinato denso iperecogeno visibile nella pelvi renale con acus shadow.

I reni sono un organo gemellare bigeminale che filtra e rimuove i prodotti metabolici dal corpo. Se esposti a condizioni negative esterne, si può verificare una violazione dell'attività dell'organo, motivo per cui i sali disciolti nell'urina si cristallizzano e si attaccano alle pareti delle coppe dei reni (bacino). Nel tempo, questi depositi si trasformano in pietre: formazioni simili a pietre.

La malattia si manifesta rapidamente e acutamente.

  • Il taglio del dolore nell'addome, nella parte bassa della schiena e negli organi interni può a volte portare alla perdita di coscienza.
  • Negli uomini e nelle donne, i sintomi sono quasi gli stessi, non possono essere confusi con un altro disturbo.
  • La nausea, il riflesso del vomito, l'alta temperatura, i dolori acuti del taglio nell'addome sono manifestazioni caratteristiche nella patologia.

Perché compaiono i calcoli renali?

Ci sono varie supposizioni che spiegano la formazione di pietre negli organi interni. Nessuno di loro può essere definito il più preciso e vero.

Gli esperti identificano due fattori di stress che contribuiscono alla formazione di calcoli:

In altre parole, i principali catalizzatori che provocano uno squilibrio del sistema renale e la formazione di calcoli sono:

  • assunzione di acqua insufficiente (idealmente, la quantità raccomandata di fluido necessario dovrebbe essere superiore a 2 litri al giorno);
  • inattività, lavoro sedentario, mancanza di attività fisica;
  • consumo di caffè e prodotti contenenti caffeina in grandi quantità: tale cibo aumenta il contenuto quantitativo di sostanze che formano calcoli (calcio, ad esempio) nelle urine;
  • malattie infettive degli organi urinari;
  • in sovrappeso;
  • acqua dura e roba

Una varietà di tipi di calcoli renali. descrizione

Prima di iniziare la terapia per l'urolitiasi, è necessario conoscere i diversi tipi di calcoli che si formano. In nessun caso puoi diagnosticare ed eliminare autonomamente la patologia. Il contenuto chimico delle pietre è determinato solo da una visita medica. La pietra è una formazione densa di un composto di sostanza organica e minerali.

In nessun caso puoi diagnosticare ed eliminare autonomamente la patologia.

Il tipo di calcoli renali dipende dalla loro composizione chimica. Considera di più:

L'alto contenuto di sali di acido ossalico nell'organismo con un'assunzione di calcio insufficiente può indurre lo sviluppo di tenute solide di colore nero-grigio. Se queste formazioni non sono identificate in modo tempestivo, la patologia assume la forma di una pietra dura con una struttura spinosa. Questa è una pietra di ossalato, che può essere rilevata usando i raggi X. Rimozione dal corpo è possibile solo attraverso la chirurgia.

Calcoli renali sulla radiografia, foto. In radiografia, puoi confonderli con le pietre della cistifellea, per rispondere a questa domanda, devi eseguire una TC o un'ecografia.

La disidratazione a lungo termine del corpo porta al fatto che il volume di urina diminuisce e la sua acidità diminuisce. Questo fenomeno si osserva nei residenti di paesi con climi particolarmente caldi, così come nei pazienti sottoposti a chemioterapia o con determinati tipi di cancro. Se non carichi il corpo con abbondante acqua potabile, può contribuire alla formazione di calcoli di urato. L'analisi dell'urina e del sangue nella fase iniziale della malattia contribuirà a prevenire l'ulteriore sviluppo di calcoli.

Le pietre di struvite sono considerate uno dei più pericolosi tipi di pietre a causa della loro rapida crescita in dimensioni, che può portare a calcoli più complessi e difficili da sviluppare - sottospecie di corallo spinoso. Le pietre di struvite iniziano in caso di infezione negli ureteri. L'aumento del contenuto dell'urina dell'enzima nelle urine porta alla sua scissione e cristallizzazione di sali che assomigliano a "coperture della bara" (i cristalli possono essere rilevati usando il test delle urine). Per eliminare i depositi formati, viene applicato il metodo operativo ESWL - Litrotrypsy. Al fine di evitare la recidiva della malattia, il paziente deve essere sorvegliato anche dopo l'intervento chirurgico.

Le persone che hanno una patologia dei reni, o ci sono stati casi nel genere, sono predisposti alla malattia nefrolitiasi. Un difetto genetico può causare l'amminoacido (cistina) a non dissolversi nelle urine, formando formazioni cristalline. Man mano che queste forme crescono e si combinano, inizia la crescita e lo sviluppo della pietra di cistina. Secondo la trama, la pietra giallo-bianca è morbida, liscia, arrotondata. È difficile da rilevare con i raggi X. Pertanto, una scansione TC dell'organo e dell'urografia endovenosa sono più adatti qui. Cristalli di molecole di cistina possono essere rilevati attraverso l'analisi delle urine. Sfortunatamente, anche la completa eliminazione dei depositi densi non fornirà sollievo dalla successiva colica renale.

Esempi di norma (sulla radiografia a sinistra) e patologia (a destra) nella urografia escretoria.

Il numero 1 a sinistra mostra le tazze contrastate, il numero 2 - la pelvi renale, 3 - gli ureteri. A destra, le frecce blu segnano le tazze notevolmente allargate. Prestare attenzione alla mancanza di contrasto della pelvi renale e dell'uretere - tutti questi sono segni di urolitiasi. In questo caso, la situazione è acuta: per descrivere le coppe espanse, è necessario utilizzare il termine "calicectasia" (dal latino "Calyx" - coppa renale e "-ectasia" - estensione). Il termine "idronefrosi" è usato in condizioni croniche e di lunga durata associate ad un aumento della pressione nelle vie urinarie; in contrasto con la calicoectasia, i cambiamenti atrofici nel parenchima renale sono rilevati in idronefrosi.

Esempi di condizioni che possono ridurre l'affidabilità della ricerca. Urogramma escretore.

A sinistra, viene rilevata una significativa espansione del sistema addominale del rene. Una vescica piena di urina contrastata è chiaramente visibile. Nota le viscere gonfie di gas che mascherano il rene destro. Sulla destra, le frecce indicano più calcificazioni nella pelvi, che possono imitare i calcoli ureterali. Questi sono di solito calcificazioni nell'utero o nelle appendici (nelle donne) o nella ghiandola prostatica (negli uomini).

Calcoli renali che si verificano raramente:

La combinazione di sali di fosforo nell'urina alcalina porta alla formazione di calcoli fosforici di colore grigio chiaro.

I cristalli di sale delle urine, i batteri e la proteina della fibrina durante la disfunzione d'organo possono portare allo sviluppo di una pietra proteica.

Raramente, ma puoi trovare colesterolo e calcoli di carbonato nei reni.

Classificazione dei calcoli renali per quantità e forma

A seconda del numero di "ciottoli" che si trovano nei reni, i medici dividono il fenomeno in formazioni singole, multiple e due formazioni di calcolo e tre di calcolo.
Le dimensioni e il peso delle pietre variano da 0,1 a 15 cm e oltre, e da meno di un grammo a 2,5 kg e oltre, rispettivamente. Spesso, la pietra tentacolare assume la forma di un sistema fessurato dalla coppa (come un'impressione), con le estremità spesse sigillate. Si chiamano coralli. Le pietre possono formare in uno o entrambi i reni.
La varietà di forme di pietre è piuttosto impressionante: da informe a perfettamente rotonde.

I sintomi della malattia del sistema urinario

Una persona potrebbe non sospettare per molto tempo che negli organi vi sia un'educazione straniera. I primi sintomi di patologia, di regola, compaiono solo quando una pietra formata cambia la sua posizione. O meglio, quando inizia a muoversi lungo il tratto urinario. L'acutezza e la tangibilità del dolore dipendono dalla forma e dalle dimensioni delle formazioni di pietra. Piccole pietre (sabbia) non causano sempre disagio.

I primi sintomi di patologia, di regola, compaiono solo quando la pietra formata inizia a progredire lungo il tratto urinario.

Ecco i segni più elementari di danno renale:

  • Diverso grado di sensazione di dolore, a seconda della posizione della pietra negli organi
  • La presenza di sangue, pus e altre impurità nelle urine
  • Violazione del processo di minzione, fino all'anuria (blocco dei canali urinari con calcoli renali)

Dipendenza dei sintomi sulla dimensione e sulla posizione delle pietre

Le pietre possono essere identificate per caso, ma più spesso vengono trovate quando ci sono già lamentele - durante gli studi a ultrasuoni oa raggi x. La gravità dei sintomi dipende in gran parte dalla posizione della pietra nel tratto urinario, dalla sua forma e dimensione, dalla presenza di spigoli vivi. Quindi, possono essere localizzati:

1. Nel calice renale (tazze).

Tuttavia, anche se la dimensione della formazione di grandi dimensioni, i sintomi potrebbero non essere affatto. Una pietra a lungo esistente rende difficile l'uscita dell'urina dalla coppa, e può innescare l'atrofia del parenchima renale e la sua rigenerazione cistica.

La tomografia computerizzata nel rilevamento di calcoli renali è un metodo di indagine molto prezioso. La freccia blu sulle immagini indica un grosso calcinato situato nel gruppo inferiore di tazze del rene sinistro e (parzialmente) nel bacino. Si può notare che sia il calice che il bacino sono notevolmente ingranditi, nelle sezioni inferiori il tessuto renale è assottigliato, atrofico, che indica la durata della malattia.

Lo stesso paziente, una TAC con ingrandimento e ricostruzione tridimensionale. La pietra è contrassegnata da una freccia.

TC dei reni con contrasto, fase parenchimale arteriosa.

Un calcinato denso piccolo (non più di 4-5 mm di diametro) è stato trovato nella tazza inferiore a sinistra. Tali pietre sono più pericolose di quelle grandi, dal momento che possono (quando vengono lavate e passate nell'uretere) causare l'ostruzione delle vie urinarie e provocare coliche renali.

2. Nella pelvi renale.

Qui di solito si accumulano accumuli di sali di calcio di grandi dimensioni, nella loro forma che seguono i contorni interni del bacino - le cosiddette pietre di corallo. Calcoli renali di corallo - cosa fare? Prima di tutto, devi analizzare attentamente i risultati della TC e contattare il tuo urologo per decidere la questione dell'intervento. L'operazione è necessaria in caso di rischio di complicanze, perché se il lume del bacino si sovrappone, possono esserci segni di aumento della pressione nelle vie urinarie e sviluppare ulteriormente idronefrosi (espansione persistente del calice e del bacino, spesso in associazione con atrofia del suo parenchima). I dettagli delle complicazioni saranno discussi di seguito.

Pietre di corallo nel rene, foto.

Tomografia computerizzata (CT). La formazione ha una grande dimensione, ma chiaramente non ostacola il flusso delle urine - non ci sono segni di idronefrosi, assottigliamento del parenchima.

3. Nell'uretere.

Quando si sposta verso il basso (dalla pelvi renale all'uretere) sorgono sensazioni dolorose, la cui gravità dipende dalla dimensione della pietra e dalla sua forma, dalla presenza di spigoli vivi. Come determinare la pietra nell'uretere? L'ultrasuono può essere utilizzato come metodo principale, ma un metodo più accurato è CT.

Come vedere una pietra nell'uretere.

La TAC della piccola pelvi con contrasto nella riga superiore a sinistra mostra un piccolo calcolo nella bocca dell'uretere (al posto del suo ingresso nella vescica), che provoca l'espansione del bacino (in alto a sinistra) e dell'uretere (nelle immagini nella riga inferiore). In questo caso, la condizione è acuta, il paziente ha un attacco di colica renale, quindi, è una questione di ureteropyelectasia (espansione dell'uretere e del bacino), e non di idronefrosi.

4. Nella vescica.

Tali pietre sono di solito sotto forma di "uova" o "palla", le dimensioni di 10-20 mm di diametro - si trovano liberamente nella cavità della vescica (perché sono formate in esso), di solito non causano alcun sintomo. Se ce ne sono molti e occupano una parte significativa del volume della vescica, la minzione può essere disturbata.

Osservazione diagnostica interessante

Una grossa pietra nella cavità della vescica, rilevata dall'esame a raggi X delle articolazioni dell'anca (come reperto accidentale). Le immagini nella riga superiore mostrano una radiografia del bacino e una sezione assiale (TC della piccola pelvi), un'ombra densa nella forma di un uovo di 8x6 cm è visibile.L'immagine sottostante mostra la stessa pietra dopo l'intervento chirurgico. La sua struttura stratificata è chiaramente visibile.

Tipicamente, le pietre che si formano nelle sezioni superiori del sistema urinario passano attraverso l'uretra, e i sintomi del dolore sono pronunciati, e se la parete dell'uretra è danneggiata, l'urina diventa rosa dal sangue - ematuria.

Diagnosi medica dei calcoli renali

Per un corretto e completo trattamento della urolitiasi, è necessario diagnosticare correttamente. Prima di condurre studi di laboratorio, le informazioni del paziente vengono raccolte su tutte le possibili cause della patologia. Sulla base dell'ispezione, vengono determinate le tattiche di ulteriori esami e trattamenti.

Per un corretto e completo trattamento della urolitiasi, è necessario diagnosticare correttamente.

In medicina, vengono utilizzati vari metodi per identificare un calcolo renale, a seconda della durata della ricaduta e della gravità della malattia:

  • Fare un'ecografia renale
  • Ultrasuoni della vescica
  • spendere urography
  • Fai un esame delle urine e del sangue
  • Grazie nefroscintigrafii: determina il grado di compromissione renale
  • La TC multispirale consente di determinare il tipo e la dimensione dell'istruzione
  • Determina il grado di infiammazione

Un esempio del rilevamento delle calcificazioni renali con tomografia computerizzata

Un esempio del rilevamento delle calcificazioni renali nella tomografia computerizzata (piccole pietre nella pelvi renale sono cerchiate). Anche la pietra nella bocca dell'uretere a sinistra è chiaramente visibile (è contrassegnata da una freccia verde). L'uretere sinistro ingrandito (ureteroectasia) è visibile.

La freccia blu indica una grande formazione nella parte inferiore del rene sinistro, descritta quando decodifica CT come un calcolo ovoide, con bordi lisci, di una struttura omogenea.

Diagnosi di complicanze di urolitiasi

La presenza di pietre non passa inosservata. Se esistono da molto tempo, il rischio di sviluppare varie complicanze è alto. Ad esempio, in tutti i casi, anche dopo che la pietra passa attraverso l'uretere, per qualche tempo vi è un'espansione del suo lume (ureteroectasia), può anche essere rilevata un'espansione del lume del bacino (pielettasie) e delle coppe (calicoectasia). Questa condizione è temporanea e scompare dopo l'eliminazione della causa della violazione del deflusso dell'urina

Se le pietre esistono per molto tempo, il rischio di varie complicanze è alto.

Se l'ostacolo al deflusso di urina esiste per lungo tempo, l'espansione del tratto urinario diventa permanente e si combina con una diminuzione del volume del parenchima renale. Questa condizione è chiamata "idronefrosi". L'idronefrosi può essere di diversi gradi di gravità - dall'espansione minima del sistema di placche a bacino-pelvico a quella terminale (a cui il rene sembra una "sacca" a parete sottile piena di liquido). Certo, un rene di questo tipo non svolge la sua funzione.

Scansione TC dei reni. Idronefrosi grave e idrourometro destro severo.

La degenerazione cistica del sistema pielocalitico destro, il normale tessuto renale non è praticamente visibile a causa del diradamento e dell'atrofia. La freccia destra indica la causa dell'idronefrosi: una pietra nel terzo inferiore dell'uretere che occlude (si sovrappone) il suo lume.

Sullo sfondo del ristagno del sistema a coppa e bacino (specialmente con il diabete concomitante), vi è un alto rischio di complicanze infettive - pielonefrite (e persino la pironefrosi - una condizione in cui il rene diventa una borsa piena di pus), cistite, uretrite.

Idronefrosi destra a causa di ICD, complicata da pielonefrite.

Le frecce sulle immagini nella riga superiore e inferiore indicano le tazze estese. Notare anche la drammatica difficoltà nel flusso di urina a destra nella fase escretoria (10 minuti dopo l'introduzione di ulcera nella vena) nell'immagine in basso a destra. La fibra perirenale è torbida, ha una struttura eterogenea (a causa di edema, infiltrazione). Nei test delle urine - leucociti.

Quali sono i pericolosi calcoli renali?

La tabella mostra le possibili conseguenze della nefrolitiasi.