Sintomi e trattamento dell'insufficienza renale cronica

Pielonefrite

Lascia un commento 6.043

Riduzione della funzionalità renale fino alla completa distruzione della capacità di filtrazione e alla capacità di eliminare le tossine dal corpo - insufficienza renale cronica. L'eziologia di questa malattia è una conseguenza della malattia o della presenza di processi cronici nel corpo. Soprattutto spesso questo danno renale è diagnosticato negli anziani. L'insufficienza renale cronica è una malattia renale abbastanza comune e il numero di pazienti aumenta di anno in anno.

Patogenesi e cause dell'insufficienza renale cronica

  • malattia renale cronica - pielone o glomerulonefrite;
  • disordini metabolici sistemici - vasculite, gotta, artrite reumatoide;
  • presenza di cammei o altri fattori (muco, pus, sangue), intasamento dell'uretere;
  • neoplasie maligne dei reni;
  • neoplasie degli organi pelvici, in cui vi è la compressione dell'uretere;
  • disturbi dello sviluppo del sistema urinario;
  • malattie endocrine (diabete);
  • malattie vascolari (ipertensione);
  • complicanze di altre malattie (shock, intossicazione tossica, medicinali);
  • consumo di alcool e droghe.

La patogenesi di questa malattia è una conseguenza delle precedenti ragioni, in cui si sviluppano il danno cronico e i disturbi strutturali del tessuto renale. Il processo di ripristino del parenchima è compromesso, il che porta a una diminuzione del livello di funzionamento delle cellule renali. Il rene allo stesso tempo diminuisce di dimensioni, si restringe.

Sintomi e segni della malattia

I sintomi di insufficienza renale cronica si verificano sullo sfondo della disfunzione renale per eliminare le tossine, oltre a mantenere processi metabolici, che porta a un malfunzionamento di tutti i sistemi e gli organi del corpo. I sintomi dell'insufficienza renale cronica sono inizialmente scarsamente espressi, ma nel processo di progressione della malattia nei pazienti ci sono malessere, affaticamento, secchezza delle mucose, cambiamenti nei test di laboratorio, insonnia, spasmi nervosi degli arti, tremore, intorpidimento dei polpastrelli. Con l'ulteriore sviluppo della malattia, i sintomi peggiorano. Edema persistente di tipo renale (mattina e intorno agli occhi), pelle secca, anoressia, nausea, ipertensione si sviluppa. Le forme di insufficienza renale cronica sono divise in cinque fasi, a seconda della gravità del corso.

Classificazione dello stadio

  • CKD Stage 1: latente. Passa senza i sintomi espressi. I pazienti non si lamentano di nulla, tranne l'aumento della fatica. Nei test di laboratorio c'è una piccola quantità di proteine.
  • Stadio CKD 2 - compensato. I pazienti hanno le stesse lamentele, ma compaiono più spesso. Nelle urine e nel sangue ci sono cambiamenti nei parametri di laboratorio. C'è un aumento nell'assegnazione della quantità giornaliera di urina (2,5 litri).
  • Stadio CKD 3 - intermittente. C'è un'ulteriore riduzione nel lavoro dei reni. Gli esami del sangue hanno un aumento del livello di creatinina e urea. C'è un deterioramento.
  • Stadio CKD 4 - scompensato. C'è un cambiamento difficile e irreversibile nel lavoro di questo corpo interno.
  • CKD Art. 5 - la fase terminale dell'insufficienza renale cronica è caratterizzata dal fatto che il lavoro dei reni si ferma quasi completamente. Il sangue ha un alto contenuto di urea e creatinina. Il metabolismo degli elettroliti cambia nei reni, si verifica l'uremia.

Gli stadi dell'insufficienza renale cronica sono classificati in base al grado di danno al parenchima dell'organo, alle sue funzioni escretorie e hanno cinque gradi. Le fasi della malattia renale cronica si distinguono in base a due criteri: velocità di filtrazione glomerulare, livello di creatinina e livello di proteine ​​nelle urine.

Classificazione della malattia renale cronica per GFR

Danno renale nei bambini

La malattia renale cronica nei bambini si verifica raramente, ma ci sono ancora alcuni casi. Questa è una malattia molto pericolosa perché è nell'infanzia che si verifica un'insufficienza renale, con tali disturbi, che porta alla morte. Pertanto, il rilevamento di CKD e CKD nelle primissime fasi è un compito importante della nefrologia pediatrica. Le cause dello sviluppo della CKD nei bambini sono:

  • basso peso alla nascita;
  • prematurità;
  • anomalie dello sviluppo intrauterino;
  • trombosi della vena renale nei neonati;
  • malattie infettive passate;
  • ereditarietà.

La classificazione delle malattie croniche negli adulti e CKD nei bambini è la stessa. Ma il segno principale che il bambino ha questa malattia è la sindrome nefrosica, che si verifica nei bambini in età scolare. La principale manifestazione della sindrome è una forte violazione dei reni e, di conseguenza, grave intossicazione del corpo. Richiesto il ricovero urgente.

Complicazioni della malattia

Questa è una malattia molto pericolosa, la cui fase 1 passa con sintomi nascosti e la fase 2 con lievi segni di malattia. Il trattamento dell'insufficienza renale cronica dovrebbe essere il più precoce possibile. L'insufficienza renale cronica nella fase iniziale non è caratterizzata da profondi cambiamenti nel tessuto renale. Quando la fase 5 della CKD sviluppa processi irreversibili che portano all'avvelenamento del corpo e al deterioramento dei pazienti. I pazienti hanno aritmia, albuminuria, ipertensione persistente, anemia, confusione, fino a coma, ipertensione nefrogenica, angiopatia, insufficienza cardiaca ed edema polmonare. L'esacerbazione di CKD e CKD causa l'uremia. In questo caso, l'urina, entrando nel flusso sanguigno, porta a uno shock uremico, che spesso porta alla morte.

Diagnosi della malattia

La diagnosi di CKD coinvolge i medici di consulenza:

  • terapeuta;
  • urologo;
  • cardiologo;
  • endocrinologo;
  • optometrista;
  • neurologo;
  • nefrologo.
La diagnosi di CKD coinvolge la raccolta di anamnesi, dopo aver consultato un numero di specialisti, e uno studio abbastanza obiettivo.

Il medico raccoglierà l'anamnesi (tutti i sintomi della malattia, le comorbidità, nei bambini - la presenza di ritardo nello sviluppo fisico e le caratteristiche della storia familiare). Lo studio obiettivo include la percussione e la palpazione dei reni. Nei bambini - uno studio della cresta, la presenza di deficit di peso., Ritardo della crescita, la presenza di aumento della pressione, segni di anemia, ecc. L'insufficienza renale cronica è determinata dall'analisi:

  • Analisi delle urine: una piccola quantità di proteine, bassa densità, presenza di globuli rossi, cilindri e un numero maggiore di globuli bianchi.
  • Un esame del sangue è caratterizzato da un aumento di leucociti e ESR, una ridotta quantità di emoglobina e globuli rossi.
  • Analisi biochimiche: aumento della creatinina, dell'urea, dell'azoto, del potassio e del colesterolo nel sangue. Abbassando proteine ​​e calcio.
  • Determinazione della velocità di filtrazione glomerulare - calcolata sulla base di un esame del sangue per creatinina, età, razza, sesso e altri fattori.
  • Ultrasuoni dei reni e del sistema urinario aiuteranno a vedere lo stato del rene.
  • La RM esegue la scansione della struttura del rene, dei suoi componenti, dell'uretere e della vescica.
  • L'ecografia Doppler esamina le condizioni dei vasi renali.
  • Esempio Zimnitsky: mostra lo stato delle funzioni dei reni e puoi vedere la quantità di urina al mattino e al pomeriggio.
Torna al sommario

Trattamento dell'insufficienza renale

Inizialmente, il trattamento della malattia renale cronica ha lo scopo di ridurre la pressione, migliorare la formazione delle urine, abbassare il pH dello stomaco e normalizzare i microelementi nel sangue. Successivamente, a seconda delle condizioni del paziente, sono prescritti l'emodialisi, la dialisi peritoneale o il trapianto di rene. Con questa malattia non puoi raffreddare, sollevare pesi e soccombere a situazioni stressanti. È molto importante aderire alla corretta alimentazione. Ai pazienti viene assegnata la dieta numero 7. I suoi principi principali sono: assunzione limitata di proteine, riduzione della quantità di sale e fosforo nel cibo, riduzione e monitoraggio della quantità di potassio, controllo dell'assunzione di liquidi nel corpo (non più di 2 litri), monitoraggio del valore energetico del cibo.

Cibo con malattia renale cronica

La limitazione dell'assunzione di proteine ​​è già raccomandata all'inizio della malattia - fino a 1 g / kg, quindi - 0,8 g / kg e negli stadi rimanenti - 0,6 g / kg. Il controllo dell'assunzione di sale è un elemento molto importante nella dieta, dal momento che un eccesso di sodio nel sangue porta ad ipertensione ed edema, pertanto, si raccomanda di usarlo non più di due grammi al giorno. Limitare inoltre l'assunzione di fosforo a 1 g al giorno (limitare il consumo di cibo con un alto contenuto di fosforo). Per ridurre il potassio nel corpo, che può portare ad arresto cardiaco, frutta secca, banane, avocado, patate, verdure, noci, cioccolato, legumi sono esclusi dalla dieta. Il valore energetico del cibo dovrebbe essere 2,5-3 mila calorie. La dieta di pazienti - frazionaria (5-6 volte, in piccole porzioni). Il menu dovrebbe essere ricco di frutta e verdura sotto forma di composte, zuppe, ecc. Prendere cibo in forma bollita o al forno.

La dieta dovrebbe includere tali prodotti:

  • cereali;
  • pane integrale;
  • minestre dietetiche;
  • carne e prodotti a base di pesce a basso contenuto di grassi;
  • verdure e frutta;
  • uova;
  • latte, ricotta;
  • gelatina e mousse;
  • succo diluito e tè debole, decotto di rosa canina;
  • spezie.
  • cibi salati e piccanti;
  • bevande alcoliche, tè forti, caffè.
  • funghi;
  • verdi;
  • fagioli e pasta;
  • affumicato e conservato;
  • banane e frutta secca;
  • spezie: senape e rafano;
  • aglio e ravanello.
Torna al sommario

Terapia farmacologica

  1. Per eliminare le violazioni del bilancio idrico, i pazienti vengono somministrati per via endovenosa al 5% di glucosio o soluzione di NaCl.
  2. Con un aumento del potassio, la somministrazione di glucosio al 5% viene prescritta insieme all'insulina e al gluconato di potassio al 10%.
  3. Sorbenti - Polysorb, Smekta, Atoksil.
  4. Diuretici - Furosemide, ipotiazide.
  5. Farmaci antiipertensivi: ACE inibitori - "Berlipril", "Captopril"; Antagonisti del recettore dell'angiotensina - Lozartan, Irbesartan; bloccanti dei canali del calcio - Verapamil, Nifedipina.
  6. Eritropoietina per l'anemia - Eprex. La preparazione del ferro "Ferrum-lek".
  7. Farmaci anti-azothemic - Lespenephril, Hofitol.
  8. Con aumento della coagulazione del sangue - "Aspirina", "Clopidogrel".
  9. Terapia vitaminica - "Aevit", "Irrigazione".
Torna al sommario

Trattamento dell'insufficienza renale nei bambini

Prima di iniziare a curare la malattia nei bambini, è necessario eseguire esami del sangue e delle urine, nonché controllare la concentrazione di oligoelementi e proteine ​​nel corpo. Se è necessaria la correzione proteica, allora viene data solo di origine animale. Assicurati anche di monitorare il sodio nel sangue. Con un livello ridotto di calcio, vengono prescritti farmaci con contenuto di calcio e vitamina D. Se la clearance è molto bassa, i bambini devono essere dializzati. Questa terapia è finalizzata alla pulizia del sangue attraverso l'introduzione di farmaci. La rilevanza del metodo sta nel fatto che aiuta a curare la malattia in forme croniche del suo corso.

Dialisi peritoneale Tenuto all'interno del corpo. Le indicazioni per questa procedura sono intolleranza all'emodialisi, disturbi emorragici, gravi malattie del sistema cardiovascolare. Il trapianto di rene viene utilizzato quando altri metodi sono già inefficaci e la vita deve essere salvata. Un tale metodo può prolungare la vita di una persona per molto tempo.

Vita con una malattia cronica

La formulazione della diagnosi - l'insufficienza renale cronica implica l'ulteriore sviluppo della malattia. Una diagnosi del genere non è facile da prendere, ma la vita con malattia renale cronica non è una frase. In futuro, il paziente dovrà cambiare il loro stile di vita. Può fare il suo lavoro preferito, imparare, ma ha anche bisogno di andare in dialisi. Assicurati di smettere di fumare, segui la pressione. Inoltre, ad ogni paziente viene prescritta una dieta terapeutica, che elenca il menu con il calcolo della quantità di proteine, vitamine, microelementi, liquidi e calorie che dovrebbe consumare al giorno. Il medico sviluppa una serie di esercizi che devono essere eseguiti ogni giorno per mantenere la salute. Un punto obbligato è quello di rimanere in contatto con il medico per prevenire il verificarsi di complicazioni e la progressione della malattia.

Trattamento di rimedi popolari

Per il trattamento dell'insufficienza renale cronica mediante infusione di radice di bardana. Tritare finemente la radice, prendere un cucchiaio e versare un bicchiere di acqua calda. Prepariamo l'infuso la sera e lo mangiamo al mattino. Bere in diversi ricevimenti in un giorno. Gli stigmi di mais sono anche usati per trattare l'insufficienza renale. È necessario prendere 3 cucchiai di stimmi di mais schiacciato e infornare in un litro di acqua calda. Far bollire a fuoco basso per 30 minuti, filtrare. Bere bevanda по tazza 4 volte al giorno. Usato anche tintura di echinacea, lino, semi di aneto, motherwort, biancospino, rosa canina. Trattamento di rimedi popolari usati in CKD 1 e 2 gradi.

Prognosi per i pazienti con malattia renale cronica

La prognosi della malattia dipende dalla qualità della terapia, dallo stadio della malattia, dalla presenza di complicazioni o da malattie concomitanti. L'ulteriore prognosi della malattia dipende dal paziente: come condurrà il suo ulteriore stile di vita e aderire alle raccomandazioni mediche. Dopo che l'emodialisi e il trapianto di rene sono diventati ampiamente usati, la morte è meno comune. I moderni metodi di trattamento (nefrologia impegnata) aiutano a rimuovere queste sindromi e continuano la vita dei pazienti con malattia renale cronica fino a 20 anni.

Prevenzione e raccomandazioni

Nella prevenzione dell'insufficienza renale cronica, la cosa principale è rilevare in tempo le malattie concomitanti, che possono provocare la malattia. Il punto principale nella prevenzione è seguire le linee guida cliniche dopo la dimissione. L'osservazione dell'erogazione è stabilita per ogni paziente. Ciò contribuirà a controllare ulteriormente il decorso della malattia ea prevenirne la progressione, nonché a regolare la dieta e il trattamento. I pazienti con insufficienza renale cronica nella fase di compensazione dovrebbero essere testati una volta ogni tre mesi e con intermittenza, una volta al mese. Si raccomanda ai pazienti con questa malattia di visitare le località: Truskavets, Zheleznovodsk, Evpatoria, acque minerali di Berezovsky e altre.

Insufficienza renale cronica: cause, patogenesi, classificazione, sintomi

L'insufficienza renale cronica (CRF) è una disfunzione della funzione renale causata dalla morte di nefroni e dalla loro sostituzione con tessuto connettivo dovuta a malattia renale cronica. La frequenza di questa condizione varia tra 100-600 persone per 1.000.000 di adulti.

Cosa causa CRF?

La causa dell'insufficienza renale cronica può essere:

  • pielonefrite cronica;
  • glomerulonefrite cronica;
  • nefrite interstiziale;
  • nefrite da radiazioni;
  • idronefrosi;
  • urolitiasi;
  • tumori del sistema genito-urinario;
  • ipertensione;
  • stenosi (restringimento) delle arterie renali;
  • malattie sistemiche del tessuto connettivo (sclerodermia sistemica, lupus eritematoso sistemico, vasculite emorragica, periarterite nodosa);
  • malattie metaboliche (gotta, diabete, amiloidosi);
  • malattia renale congenita (ipoplasia, policistica, sindrome di Fanconi e Alport).

Cosa succede nel corpo con CRF

Come risultato di un processo patologico cronico, si verificano cambiamenti irreversibili nel parenchima renale, associati a una diminuzione del numero di nefroni funzionanti e alla sostituzione delle cellule affette con tessuto connettivo. Inizialmente, nefroni sani assumono la funzione degli affetti, ma nel tempo le capacità compensative dei reni sono esaurite, i prodotti metabolici non vengono espulsi nelle urine, ma si accumulano nel corpo, danneggiando altri tessuti e organi:

  • a causa di una violazione della funzione escretoria dei reni nel corpo si accumulano prodotti del metabolismo dell'azoto, che hanno un effetto tossico sul sistema nervoso centrale;
  • a causa di un equilibrio idrico disturbato, aumenta il carico sui nefroni, che porta ad una diminuzione della densità relativa delle urine (ipostenuria) e all'assenza di fluttuazioni giornaliere nella sua densità (isostenuria); minzione frequente (nicturia); nelle fasi iniziali si osserva un aumento della quantità di urina escreta (poliuria) e nel periodo terminale il volume di urina escreta diminuisce gradualmente (oliguria) fino alla completa cessazione (anuria);
  • la ritenzione di urea porta ad alterazioni del metabolismo dei minerali (sodio, il calcio di potassio è fortemente escreto, i fosfati vengono trattenuti - si verificano aritmie, iperparatiroidismo secondario, osteoporosi, osteomalacia, polineuropatia);
  • i reni perdono la capacità di sintetizzare l'eritropoietina (una sostanza che promuove la formazione dei globuli rossi); l'anemia si sviluppa; il suo sviluppo contribuisce anche agli effetti tossici delle tossine uremiche sul midollo osseo e all'aumento emolisi intravascolare (distruzione) degli eritrociti;
  • il risultato dell'accumulo di prodotti metabolici è una violazione dell'equilibrio acido-base - si sviluppa l'acidosi;
  • il metabolismo dei carboidrati è disturbato - il livello di glucosio nel sangue aumenta, la tolleranza dell'organismo ad esso è disturbata;
  • il rapporto tra i fattori che regolano la pressione sanguigna viene interrotto, con il risultato che si nota un'ipertensione arteriosa persistente.

Classificazione CKD

In precedenza, il grado di insufficienza renale cronica era determinato dal livello nel sangue di una sostanza chiamata creatinina, il prodotto finale del metabolismo delle proteine. È ora dimostrato che il livello di creatinina dipende direttamente dal sesso, dall'età e dal peso corporeo di una persona e può variare nell'intervallo 50-115 μmol / L. Attualmente, per valutare il grado di CRF, viene utilizzato un indicatore come la velocità di filtrazione glomerulare o GFR, che viene calcolato utilizzando una formula speciale.

Quindi, a seconda del GFR, ci sono 5 gradi di insufficienza renale cronica:

  • 0 - GFR ˃ 90 ml / min;
  • I - GFR 60-89 ml / min;
  • II - GFR 30-59 ml / min;
  • III - GFR 15-30 ml / min;
  • IV - GFR ˂ 15 ml / min.

A seconda delle manifestazioni cliniche, ci sono 4 fasi di CRF:

  • latente (non si manifesta clinicamente, sono possibili solo lieve affaticamento e secchezza delle fauci);
  • compensato (le manifestazioni cliniche dello stadio latente diventano più pronunciate, compaiono più spesso, la poliuria si manifesta fino a 2-2,5 litri al giorno);
  • intermittente (l'equilibrio elettrolitico e acido-base è disturbato, ci sono lamentele di debolezza generale, aumento dell'affaticamento, perdita o perdita di appetito, sete; periodicamente, a causa di esacerbazione della malattia di base, peggiora la condizione dei pazienti, e dopo il trattamento c'è un trend positivo);
  • terminale (caratterizzato da pronunciata disfunzione di organi e sistemi, i cambiamenti in essi sono irreversibili).

Sintomi di insufficienza renale cronica

La CKD può manifestarsi in modi diversi, ma nella maggior parte dei casi è caratterizzata da un andamento progressivo lento e progressivo con periodi successivi di esacerbazioni e remissioni. L'ESRD è aggravato dal contesto di malattie infettive acute o esacerbazioni della causa principale di esso - malattia renale. Con un adeguato trattamento del processo che ha causato l'esacerbazione, la funzione renale migliora e i sintomi del regresso della CRF.

Con questa malattia, sono possibili reclami da qualsiasi sistema del nostro corpo. Considera ognuno di essi separatamente.

  • colore pallido, giallastro della pelle, dovuto all'accumulo di urocromo;
  • "Uremic frost" - la deposizione di cristalli di urea bianca sulla pelle;
  • pelle secca;
  • prurito;
  • gonfiore del viso.

Danni al sistema respiratorio:

  • tosse;
  • attacchi di asma fino a edema polmonare (chiamato edema uremico);
  • propensione alle infezioni.

La sconfitta del sistema cardiovascolare:

  • aumento della pressione sanguigna, spesso a numeri elevatissimi (fino a 280-300 mm di mercurio.), non suscettibili di aggiustamento con farmaci antipertensivi;
  • sensazione di svanire, interruzioni nel lavoro del cuore;
  • diminuzione del numero di battiti cardiaci;
  • impulso intenso.

Danno del sistema urinario:

  • prima poliuria, allo stadio terminale di oligo e anuria;
  • diminuzione della densità urinaria (esternamente, l'urina è quasi trasparente, incolore);
  • minzione notturna frequente (nicturia).

Danno al sistema nervoso:

  • malessere generale;
  • sonnolenza o insonnia;
  • tremore (tremore);
  • deterioramento della memoria;
  • irritabilità;
  • discorso lento;
  • letargia;
  • disturbi della coscienza (stupore, coma);
  • polineuropatia;
  • convulsioni;
  • tic nervoso;
  • "Uremia silenziosa" - un progressivo aumento dell'apatia;
  • "Uremia rumorosa" - eclampsia (convulsioni + edema + aumento della pressione sanguigna);
  • colpi.

Danni al tratto gastrointestinale:

  • nausea e vomito;
  • la sete;
  • gusto perversione;
  • diminuzione o completa mancanza di appetito;
  • sintomi di stomatite (ulcerazione della mucosa orale), parotite (infiammazione delle ghiandole salivari parotidee);
  • sintomi di gastrite (dolore "sotto il cucchiaio", disagio, pesantezza allo stomaco);
  • sintomi di lesioni ulcerative intestinali (forte dolore addominale, sanguinamento gastrointestinale);
  • riduzione del peso;
  • diarrea.

La sconfitta del sistema scheletrico:

  • ritardo della crescita;
  • osteodistrofia e ammorbidimento delle ossa (osteomalacia), manifestate dal dolore lungo le ossa e i muscoli, l'insorgenza di fratture patologiche e deformità delle ossa;
  • segni di iperparatiroidismo (debolezza muscolare, affaticamento, dolore alle ossa, fratture di guarigione a lungo termine, deformità dello scheletro osseo).
  • diminuzione della temperatura corporea;
  • odore di urina dalla bocca;
  • debolezza generale;
  • malattie infettive frequenti (indicare una diminuzione dell'immunità);
  • diminuzione dell'attività sociale umana.

In alcuni casi, l'insufficienza renale cronica progredisce rapidamente, raggiungendo la fase terminale già 6-8 settimane dopo l'insorgenza della malattia.

Quale dottore contattare

L'insufficienza renale è curata da un nefrologo. Con la sconfitta di vari organi e sistemi, possono essere prescritte consultazioni aggiuntive: un dermatologo (con grave prurito, graffi, infezione delle ferite), un pneumologo (con polmonite), un cardiologo (con ipertensione resistente al trattamento), un neurologo (con danno cerebrale o nervi periferici), un gastroenterologo (con sviluppo di sanguinamento), un dentista (con stomatite) e infine un traumatologo o un chirurgo quando compaiono fratture.

Insufficienza renale cronica: che cos'è, trattamento, fasi, sintomi, segni, cause

L'insufficienza renale cronica è causata dalla morte di un gran numero di nefroni, che si manifesta con funzionalità renale compromessa e omeostasi del corpo.

Cos'è l'insufficienza renale cronica?

Insufficienza renale cronica (CRF) è una condizione risultante dalla morte graduale di nefroni, accompagnata da compromissione delle funzioni emostatiche, dallo sviluppo di azotemia, anemia, osteopatia, ipertezia arteriosa, ecc.

Classificazione dell'insufficienza renale cronica

L'insufficienza renale cronica è divisa in stadi.

Il primo stadio (latente, nascosto) dell'insufficienza renale cronica praticamente non si manifesta e si rivela solo con un attento esame del paziente, di regola, per caso. In questo periodo, viene rilevata una diminuzione della filtrazione glomerulare a 50-60 ml / min, la densità relativa delle urine diminuisce. Inoltre, ci sono proteinuria periodica, la presenza di zucchero nelle urine.

Il secondo stadio della malattia (compensato) si sviluppa con una diminuzione ancora maggiore della funzione renale. In questa fase, il livello di urea nel sangue rimane entro il range normale. diminuzione marcata della velocità di filtrazione glomerulare 30 ml / min, osmolalità urinaria (la presenza in essi di ioni e molecole disciolte) ridotto a 350 mmol / l, m. E. circa 7 volte. I principali sintomi di insufficienza renale cronica in questa fase è quello di aumentare il flusso di urina di 2,5 litri al giorno, a causa di una ridotta riassorbimento del liquido nei tubuli renali, la sete, secchezza delle fauci, stanchezza.

Il terzo stadio di insufficienza renale cronica si verifica in seguito alla morte continua di nefroni. In questa fase si sviluppa l'acidosi - lo spostamento della reazione del sangue acido-base al lato acido. La filtrazione glomerulare scende a 25 ml / min. Caratterizzato da periodi di miglioramento in combinazione con periodi di deterioramento. Lo stato di salute dei pazienti soffre di esacerbazione di malattie croniche esistenti causate da una diminuzione dell'immunità. Il sangue ha un alto contenuto di composti azotati, il livello di urea aumenta a 15 mmol / l, creatinina - a 0,32-0,35 mmol / l. Se non trattata, l'insufficienza renale cronica procede allo stadio successivo.

Il quarto stadio è terminale. Aumenta l'acidosi La filtrazione glomerulare scende a 12-15 ml / min e al di sotto, il contenuto di urea nel sangue aumenta a 27-30 mmol / l, ci sono violazioni di tutti i tipi di metabolismo, compreso il sale dell'acqua. In questa fase della malattia, si distinguono 3 periodi clinici.

Periodo I - funzionalità renale escretoria è conservata: urina viene assegnato più di 1 litro al giorno, acidosi compensati, non disturbi saline acquose, filtrazione glomerulare ridotta a 10-15 ml / min, indicatori di livello di urea nel sangue fino a 30 mmol / l. Il trattamento in questo periodo è emodialisi o trapianto di rene.

periodo IIa è caratterizzata da una diminuzione della produzione di urina a 0,3 litri al giorno, v'è ritenzione di liquidi nel corpo, disturbi minerali acquosi marcati, acidosi, o parzialmente compensato è presente lo scompenso. I livelli di urea nel sangue sono almeno 33 mmol / l. L'ipertensione arteriosa e insufficienza circolatoria dell'II grado appaiono. Il trattamento in questo periodo è emodialisi o trapianto di rene.

Il periodo IIb è caratterizzato da manifestazioni del periodo, ma vi è un grave insufficienza circolatoria nei circoli grandi e piccoli della circolazione sanguigna, ipertensione arteriosa. Il trattamento in questo periodo è emodialisi.

Per il trattamento dell'insufficienza renale cronica, i centri di emodialisi sono attualmente aperti nelle principali città. I pazienti 2-3 volte alla settimana arrivano a una seduta di emodialisi, che di solito dura 6 ore.

III periodo è caratterizzato da uremia (prodotti autointoxication degradazione delle proteine ​​del corpo), acquose metabolismo minerale gravemente compromessa, acidosi scompensato, comparsa di edema massiccio, scompenso cardiaco; figure livello di urea nel sangue costituiscono oltre il 66 mmol / L, creatinina - più di 1,1 mmol / l. Il trattamento in questa fase della malattia è l'emodialisi, l'emodialisi.

Cause di insufficienza renale cronica

L'insufficienza renale cronica si sviluppa a causa della progressione della malattia renale cronica.

Da causa insufficienza renale cronica primaria di danno tubulare renale che si verifica durante l'avvelenamento cronico con sali di metalli pesanti, aumento cronico della concentrazione di calcio nel sangue è causata da alcune malattie congenite. La causa può essere lesioni secondarie dei tubuli renali, che si verificano in pielonefrite cronica; malattie causate da disturbi metabolici (diabete e diabete insipido, giperparatireodizm primaria - sovrapproduzione di ormone paratiroideo, gotta).

Bilaterali anomalie congenite di reni e ureteri - policistico, spugna del rene, la displasia neuromuscolare di ureteri può anche causare insufficienza renale cronica. Malattie del ostruzione del tratto urinario inferiore e superiore causato da diversi origini e successiva aggiunta di un pielonefrite cronica, nonché lesioni glomerulari renali primarie dovute alla glomerulosclerosi, glomerulonefrite cronica può anche portare ad insufficienza renale cronica.

Un certo numero di malattie renali, diabete e / o ipertensione portano alla fine alla distruzione del tessuto renale. Se il tessuto intatto rimanente non è in grado di svolgere adeguatamente i suoi compiti, si sviluppa un quadro di insufficienza renale acuta.

Un ruolo decisivo nel corso della malattia è una diminuzione dell'escrezione renale. A causa della perdita di nefroni nei restanti glomeruli, la filtrazione aumenta. Una diminuzione del GFR porta ad un aumento inversamente proporzionale della creatinina plasmatica. Anche la concentrazione plasmatica di sostanze riassorbite aumenta, ma è meno pronunciata, poiché nell'insufficienza renale il riassorbimento nei tubuli renali è indebolito. Quando la funzionalità renale è insufficiente, il riassorbimento di Na + e acqua è inibito da una varietà di fattori, tra cui i peptidi natriuretici e il PTH. Il riassorbimento ridotto di Na + nel tubulo prossimale riduce l'assorbimento di altre sostanze, come i fosfati, l'acido urico, l'HCO3 -, Ca 2+, urea, glucosio e amminoacidi. Il PTH inibisce anche il riassorbimento del fosfato.

Riducendo riassorbimento di NaCl nella parte ascendente dell'ansa di Henle viola meccanismo concentrazione. Ricezione di un grande volume di fluido e NaCl nefrone prossimale attiva il riassorbimento di Na + nel nefrone distale e promuove la secrezione di K + e H +. Come risultato la concentrazione di elettroliti nel plasma è praticamente normale anche con una significativa riduzione del GFR (insufficienza renale compensato). Le violazioni si verificano solo quando il GFR scende sotto 1/4 del livello normale. Tuttavia, questa compensazione è dato di prezzo restrizione regolamentare: danni renali non può aumentare adeguatamente l'escrezione di acqua, Na +, K +, H +, fosfati, ecc (per esempio, se l'assunzione per via orale viene aumentata)...

Ad alte concentrazioni di acido urico può essere precipitato come cristalli, soprattutto nelle articolazioni, causando gotta. Lo stress ossidativo ritardato e l'infiammazione nei reni aumentano lo stress ossidativo. stress ossidativo e l'eliminazione renale diminuita di ossidanti aumentano la concentrazione plasmatica di tossine uremici (acetone, dimetilarginina, glicole 2,3-butilene, ippurico, acido guanidinosuccinic, methylguanidine, gliossale metile, indoli, fenoli, dimetilarginina, alifatici e ammine aromatiche, omocisteina e t. d.), e molecole medi (lipidi o peptidi aventi un peso molecolare di 300-2000 Da). Queste sostanze esercitano il loro effetto tossico attraverso vari meccanismi. Dimetilarginina, ad esempio, inibisce la sintesi di NO, con conseguente aumento della pressione sanguigna e l'ischemia. Methylglyoxal induce la morte cellulare e negativamente influisce sulla salute dei globuli bianchi (degrado accelerato e l'inibizione della funzione degli eritrociti). L'alta concentrazione di urea destabilizza le proteine ​​e causa l'increspatura delle cellule. Tuttavia, questo effetto è parzialmente compensato dall'assorbimento del materiale stabilizzante di cella pressione osmotica (particolarmente betaina, glicerofosforilcolina). Se l'urea viene decomposta dai batteri per la produzione di ammoniaca, che causa l'alitosi (odore di urina) e interrompe la gastrointestinale (nausea, ulcera peptica, diarrea). L'urea e alcune tossine uremiche sono prodotti del metabolismo proteico; pertanto, la loro concentrazione può essere ridotta limitando l'assunzione di proteine ​​dal cibo.

rilascio ridotto del rene eritropoietina porta allo sviluppo di anemia renale, che aumenta la tonicità del sistema nervoso simpatico. renina intrarenale e la formazione di prostaglandine possono sia aumentare (ad esempio, ischemia) o caduta (morte o cellule prostaglandinprodutsiruyuschih renina). Aumento della formazione renina può portare allo sviluppo di ipertensione - spesso accompagna insufficienza renale, mentre la ridotta formazione di renina o aumento della formazione di prostaglandine impediscono. L'ipertensione contribuisce a danneggiare ulteriormente i reni. Quando geneticamente causato un aumento dell'attività di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) progressione dell'insufficienza renale cronica è accelerata.

La perdita della capacità del rene di inattivare gli ormoni rallenta i cicli regolatori ormonali. L'eliminazione ritardata di insulina, ad esempio, porta all'ipoglicemia. L'iperprolattinemia inibisce il rilascio di gonadotropine e quindi abbassa i livelli plasmatici di estrogeno e testosterone. Le conseguenze di questo sono amenorrea e impotenza.

L'assunzione ridotta di reni di acidi grassi contribuisce all'iperlipidemia, mentre l'indebolimento della gluconeogenesi favorisce lo sviluppo dell'ipoglicemia

La ridotta formazione di ammoniaca e l'escrezione portano all'acidosi, che a sua volta stimola il catabolismo proteico.

Un eccesso di NaCl e acqua provoca un aumento del volume del liquido extracellulare, l'ipervolemia e l'edema si sviluppano; la complicazione più pericolosa è l'edema polmonare. Se l'edema si sviluppa principalmente a causa di un eccesso di acqua che entra nella cellula secondo le leggi dell'osmosi e aumenta il volume intracellulare, esiste un rischio di edema cerebrale.

Due ipervolemia fattori natriuretici che vengono rilasciati parzialmente inibire la Na + / K + ATPasi. Inibizione della Na + / K + ATPasi porta ad una diminuzione intracellulare K +, che provoca depolarizzazione delle cellule in vari tessuti. La concentrazione intracellulare di Na + sta aumentando. Ciò indebolisce la funzione dello scambiatore 3Na + / Ca 2+. Di conseguenza, aumenta la concentrazione intracellulare di Ca 2+. Le conseguenze di questa depolarizzazione - abnorme eccitabilità neuromuscolare (polineuropatia, confusione, coma, convulsioni), accumulo di cellule Cl - e gonfiore delle cellule. Aumento della concentrazione intracellulare di Ca 2+ provoca vasocostrizione e aumenta il rilascio di ormoni (ad esempio, gastrina, insulina) e gli effetti ormonali (ad esempio, epinefrina).

Manifestazioni di insufficienza renale sono anche in gran parte a causa di compromissione del metabolismo dei minerali. Se il GFR viene ridotto a meno del 20% del normale, il fosfato viene filtrato meno di quanto viene assorbito nell'intestino. Anche se l'intera quantità di fosfato filtrato viene escreta, cioè non avviene il riassorbimento, l'eliminazione renale è in ritardo rispetto all'assorbimento intestinale, a seguito della quale aumenta la concentrazione di fosfato nel plasma. I fosfati si combinano con Ca 2+ per formare fosfato di calcio poco solubile. Il fosfato di calcio precipitato (calcifilassi) si accumula nelle articolazioni (artrite) e nella pelle. La deposizione di fosfato di calcio nella parete vascolare porta alla calcificazione dei vasi sanguigni. CaNRO4 meno solubile di Ca (H2PO4)2. In acidosi, prevalentemente Ca (H2PO4)2, che impedisce la precipitazione di CaHPO4. Pertanto, la correzione dell'acidosi con iperfosfatemia non risolta favorisce la calcificazione vascolare.

Nella formazione di un complesso di Ca 2+ con fosfati, la sua concentrazione nel plasma diminuisce. L'ipocalcemia stimola il rilascio di PTH da parte delle ghiandole paratiroidi, che mobilitano il calcio fosfato dalle ossa. Di conseguenza, la degradazione delle ossa (osteite fibrosa) viene accelerata. Normalmente, il PTH diminuisce le concentrazioni di fosfato nel plasma, mentre simultaneamente inibisce il loro riassorbimento nei reni, quindi, nonostante la mobilitazione dei fosfati di calcio dalle ossa, la solubilità dei fosfati plasmatici non supera la norma, quindi aumenta la concentrazione di Ca 2+. In caso di insufficienza renale, l'escrezione renale non può aumentare, quindi aumenta la concentrazione plasmatica di fosfato, CaHPO4 precipita, e quindi la concentrazione di Ca 2+ nel plasma rimane bassa, e quindi, la stimolazione del rilascio di PTH continua. A causa di questa continua stimolazione secretoria, l'ipertrofia delle ghiandole paratiroidee, si instaura un circolo vizioso con il rilascio di una quantità ancora maggiore di PTH.

Poiché i recettori PTH, oltre ai reni e alle ossa, sono espressi in molti altri organi e tessuti (nervoso, stomaco, cellule del sangue, ghiandole), il PTH può avere un ruolo nello sviluppo dei cambiamenti in questi organi.

In caso di insufficienza renale, la formazione di calcitriolo è ridotta, il che influenza anche il cambiamento nel metabolismo dei minerali. La carenza di calcitriolo contribuisce allo sviluppo dell'osteodistrofia renale e dell'osteomalacia. I recettori di calcitriolo sono disponibili in vari organi. Il calcitriolo ha anche proprietà immunosoppressive e il deficit di calcitriolo contribuisce ad aumentare l'infiammazione nell'insufficienza renale. Insieme, la terapia sostitutiva con calcitriolo può essere pericolosa per un paziente con insufficienza renale a causa della stimolazione dell'assorbimento del fosfato nell'intestino.

Patogenesi. I glomeruli funzionanti subiscono un carico pesante, a seguito del quale si sviluppa l'iperfiltrazione, un aumento della pressione intraglomerulare, la filtrazione delle proteine, a seguito della quale la sclerosi dei glomeruli progredisce.

A causa del deterioramento del metabolismo nei reni, il sistema renina-angiotensina viene attivato con un aumento della pressione sanguigna, l'anemia si sviluppa a causa della ridotta produzione di eritropoietina.

La diuresi rimane allo stesso livello, ma la creatinina aumenta gradualmente. A conservazione di meno di 5% di nefroni, l'uremia si sviluppa.

Sintomi e segni di insufficienza renale cronica

Nello stadio I della malattia renale cronica, i sintomi sono causati dalla malattia di base e, allo stadio II e III, si verificano sintomi di intossicazione di varia gravità, che vanno dalla debolezza e alla perdita di appetito.

Le principali sindromi cliniche sono:

  • violazione dell'equilibrio idrico ed elettrolitico;
  • chetoacidosi;
  • cardiaco (pericardite, aritmie, insufficienza cardiaca);
  • ipertensione arteriosa;
  • sindrome polmonare;
  • sindrome del tratto gastrointestinale;
  • sindrome anemica;
  • encefalopatia uremica (fino a coma e convulsioni);
  • osteodistrofia uremica;
  • sindrome di complicazioni infettive.

L'accumulo di prodotti tossici porta allo sviluppo di gastrite e colite con la comparsa di sintomi fino a nausea e vomito.

Si sviluppa una pericardite "uremica", che in precedenza era considerata un segno prognostico sfavorevole prima della dialisi.

La crescita di scorie azotate porta alla comparsa di odore uremico.

In assenza di ipertensione arteriosa nella fase latente di insufficienza renale cronica, non ci sono praticamente lamentele. Nella fase compensata di insufficienza renale cronica, ci sono lamentele di aumento della fatica, mal di testa, perdita di appetito, dolore addominale, gonfiore sul viso e sugli arti. I pazienti diventano letargici e lenti. Nella fase di decompensazione, sono più pronunciati. Nella fase terminale dell'insufficienza renale cronica, tutti questi sintomi aumentano, l'insufficienza cardiaca, l'uremia si sviluppano, i cambiamenti si verificano in molti organi e tessuti.

La sconfitta del sistema cardiovascolare è determinata dal livello di disidratazione del corpo e ipertensione arteriosa. Con lo sviluppo di insufficienza cardiaca, mancanza di respiro, tosse dovuta al ristagno di sangue nella circolazione polmonare, compaiono disturbi del ritmo cardiaco. Più tardi si unisce al fallimento circolatorio in una grande cerchia. Spesso c'è un'anemia pronunciata riducendo la formazione di globuli rossi (globuli rossi), aumenta l'attività del sistema anticoagulante del sangue.

I cambiamenti nelle ossa e nelle articolazioni sono spiegati da una violazione del metabolismo dell'acqua e dei minerali. La sindrome articolare si manifesta - l'acido urico inizia a depositarsi nelle articolazioni. Ci sono dolori alle ossa, causati dall'osteoporosi e dall'osteofibrosi.

Danneggiamento del sistema respiratorio dovuto alla ritenzione di liquidi nel corpo e allo sviluppo di insufficienza cardiaca. Negli stadi finali della malattia, il liquido si accumula nella cavità pleurica. L'acidosi porta alla comparsa di un tipo patologico di respirazione.

La sconfitta del tratto gastrointestinale è associata al fatto che assume la funzione dei reni - i sottoprodotti del metabolismo dell'azoto vengono rilasciati nella cavità dello stomaco e dell'intestino, che provoca vomito, nausea, perdita di appetito. Spesso ha rivelato stomatite ulcerosa, secchezza delle fauci. Ci sono gonfiore, dolore, può esserci sanguinamento dello stomaco.

Ci possono essere convulsioni, disturbi mentali, ma si verificano già nelle fasi successive della malattia.

Trattamento dell'insufficienza renale cronica

Il trattamento nelle prime fasi della malattia renale cronica rallenta la progressione e la gravità dei sintomi.

La composizione principale del cibo dovrebbe includere carboidrati, grassi e proteine ​​dosate. L'apporto calorico giornaliero dovrebbe essere di 2000-2500 kcal. Il calcolo del valore energetico dei prodotti e la quantità di proteine ​​è possibile utilizzando tabelle speciali.

La quantità di liquido assunto dovrebbe fornire una diuresi giornaliera di 2,5-3,0 litri, che migliori la filtrazione glomerulare e promuova l'eliminazione delle scorie.

In assenza di ipertensione ed edema, la quantità di sale non può essere limitata. Una dieta a basso contenuto di sale prolungata può portare alla disidratazione.

Quando ipokaliemia raccomandato nelle patate alimentari, albicocche secche, prugne, uva passa, banane.

Per eliminare iperkaliemia, specialmente in condizioni di acidosi pronunciata, vengono iniettati 100-300 ml di soluzione di bicarbonato di sodio al 4% in / in.

Con lo stadio I - II di malattia renale cronica, gli ACE inibitori (captopril) e ARB (losartan) sono utilizzati per ridurre la pressione intragranulare e ridurre la proteinuria. La limitazione dell'assunzione di questi farmaci è l'iperkaliemia. In questo caso, con l'ipertensione usare calcio antagonisti e diuretici.

Il trattamento dell'anemia è effettuato con preparazioni di ferro.

Per il trattamento dell'osteodistrofia uremica al fine di aumentare il livello di calcio, si prescrive il carbonato di calcio.

Il trattamento delle complicanze infettive viene effettuato con antibiotici che non hanno un effetto nefrotossico (cefalosporia, penicillina, macrolidi, ecc.) E sono secreti dai tubuli renali. Le tetracicline non vengono utilizzate a causa dell'aumento dell'azotemia e dell'acidosi.

Trattamento di pazienti con insufficienza renale cronica nella fase terminale. La modalità di guida dovrebbe essere delicata.

La quantità di liquido iniettato è determinata dalla diuresi giornaliera.

Applicare metodi di disintossicazione artificiale con malattia renale cronica. I metodi di dialisi sono utilizzati nello sviluppo della pericardite ogni giorno per 2 ore.

Il trapianto di rene è sempre più utilizzato nella pratica clinica. Per la prevenzione del rigetto, questi pazienti utilizzano una terapia immunosoppressiva per tutta la vita ed è importante effettuare la prevenzione delle complicanze infettive in considerazione della loro ridotta immunità.

L'uso di metodi attivi di trattamento può essere accompagnato da gravi complicanze, ma può prolungare la vita dei pazienti fino a 10-20 anni.

Criteri per l'efficacia della terapia. Sollievo delle principali sindromi cliniche e raggiungimento della relativa normalizzazione della concentrazione e delle funzioni escretorie dei reni.

Esame clinico Supervisione costante di un medico, se necessario, consultare un nefrologo.

Ha condotto un trattamento completo. Assegnare una dieta con una limitazione della quantità giornaliera di proteine ​​a 20-50 g, il numero richiesto di calorie si ottiene a causa di un aumento della dieta di grassi e carboidrati. È necessario consumare almeno 2 litri di acqua al giorno. È importante monitorare l'uso del sale. Con un aumento della concentrazione di ioni sodio nel sangue e ipertensione arteriosa, è fortemente limitata. Per compensare la perdita di sodio e alcalinizzare il plasma, vengono iniettati 400 ml di una soluzione di glucosio al 5%, 400 ml di una soluzione di sodio idrogenocarbonato al 5%. Con un basso contenuto di calcio nel sangue, vengono prescritti 50 ml di soluzione di gluconato di calcio al 10% al giorno. Con la funzione escretoria conservata dei reni, vengono somministrati liquidi per via endovenosa.

Per ridurre l'intensità dei processi di decadimento nel corpo, vengono prescritti ormoni anabolizzanti: methandienone, soluzione propionata al 5% di testosterone. Il trattamento con farmaci ormonali viene eseguito con due corsi di 20 giorni con una pausa di 10 giorni tra di loro. I glucocorticosteroidi vengono utilizzati per lungo tempo con l'attivazione della sindrome nefrotossica.

Per ridurre la concentrazione di prodotti di degradazione delle proteine ​​nel sangue, viene utilizzata la tintura alcolica di Lespedesa capitate.

La stimolazione della minzione si ottiene prescrivendo farmaci dal gruppo di furosemide, soluzione di glucosio al 10% con insulina, mannitolo.

Purificazione del sangue extracorporea

Nelle fasi finali dell'insufficienza renale cronica, il trattamento conservativo non ha l'effetto desiderato, pertanto è consigliabile l'uso di un apparato renale artificiale. L'emodialisi è un metodo per purificare il sangue dalle tossine a basso peso molecolare disciolte in esso utilizzando membrane semipermeabili e soluzioni per dialisi. Il sangue viene pulito extracorporeo - al di fuori del corpo umano. Le autostrade collegate al dializzatore sono collegate alle vene centrali del paziente. Il sangue attraverso di loro entra nei capillari del dializzatore, fatto di membrane semipermeabili. I capillari sono lavati da una soluzione di dialisi, una soluzione salina di una certa composizione e concentrazione. A causa della differenza di pressione osmotica, le tossine dal flusso sanguigno attraverso le membrane capillari semipermeabili nella soluzione di dialisi, che viene rimossa nel sistema fognario. Passando attraverso il dializzatore, il sangue viene purificato e quindi viene restituito al paziente. In questo momento, viene presa la prossima porzione di sangue.

Tutti i materiali di consumo (linee, dializzatori, soluzioni di dialisi) necessari per l'emodialisi sono monouso e smaltiti dopo l'uso. Gli oggetti che entrano in contatto con il sangue del paziente vengono disinfettati.

Purtroppo, allo stesso tempo vengono eliminate le tossine dal corpo e le sostanze nutritive (glucosio, calcio, ecc.).

Per l'emodialisi cronica si forma un'anastomosi artero-venosa sull'avambraccio, che è "connesso" al dispositivo. La sessione di emodialisi dura fino a 6 ore; viene effettuato 3 volte a settimana. L'emodialisi cronica porta a complicanze: amiloidosi renale, anemia, insufficienza cardiaca, pericardite, alterazione della circolazione cerebrale, complicazioni infettive, che vengono trattate con successo con farmaci antibatterici. Forse lo sviluppo di osteodistrofia (decadimento osseo), neuropatia periferica (danni ai nervi periferici). Nonostante questo, le sessioni di emodialisi possono prolungare la vita dei pazienti con insufficienza renale cronica per 10-15 anni.

Nella dialisi peritoneale, il peritoneo svolge il ruolo di una membrana semi-permeabile; l'efficacia di questo metodo è piuttosto alta: i pazienti tollerano bene questa procedura, il loro benessere migliora rapidamente e il trattamento può essere effettuato a casa.

Trattamento chirurgico

Il trattamento chirurgico consiste in un trapianto di rene da un donatore. È molto importante riprenderlo correttamente. I donatori ideali l'uno per l'altro sono gemelli identici. I donatori possono essere una sorella, fratello, madre, padre. Controindicazioni al trapianto di rene sono un processo infettivo attivo, una condizione grave del paziente, malattie endocrine, disturbi mentali, ulcera peptica. Con un trapianto di rene di successo, la sua funzione dovrebbe riprendersi entro il 20-40 ° giorno postoperatorio. Successivamente, i pazienti possono eseguire esercizi leggeri. Un rene trapiantato può essere affetto da varie malattie nel periodo postoperatorio; questi includono urolitiasi, rigetto cronico del trapianto, pielonefrite cronica, glomerulonefrite.

Insufficienza renale cronica: sintomi e trattamento

Insufficienza renale cronica - i sintomi principali:

  • nausea
  • Perdita di peso
  • Perdita di appetito
  • Sapore sgradevole in bocca
  • diarrea
  • fatica
  • Bocca secca
  • Perdita di capelli
  • Gonfiore del viso
  • Pelle secca
  • Peeling della pelle
  • Imbavagliare
  • Dolore muscolare
  • Sete intensa
  • fatica
  • Pelle che brucia
  • Dolore osseo
  • Aumento della produzione di urina
  • Ingiallimento della pelle
  • Odore di urina dalla bocca

L'insufficienza renale cronica è un processo patologico in cui i reni cessano di funzionare pienamente. Il disturbo è causato da una varietà di malattie, le cui cause e localizzazioni non sono sempre associate ai reni. La malattia è caratterizzata dalla morte del tessuto strutturale dei reni, che consiste in nefroni ed è responsabile della produzione e della filtrazione delle urine.

A seconda della forma della malattia, l'insufficienza renale si verifica dopo tre o più mesi. Senza un adeguato trattamento, si può riversare nell'insufficienza surrenalica cronica. La diagnosi della malattia consiste in una serie di misure e comprende numerosi test di laboratorio e esami strumentali del paziente. Il trattamento si basa sull'eliminazione del disturbo principale che ha portato a questo disturbo, ma, in aggiunta, è necessario sottoporsi a ripetuti corsi di emoregolazione. Per il completo recupero dall'insufficienza renale cronica nei bambini e negli adulti, è necessario eseguire il trapianto di organi.

Il disturbo è una violazione irreversibile di alcune delle funzioni dei reni, tra cui l'isolamento e la filtrazione delle urine. Nella fase iniziale, la malattia può passare inosservata da una persona, ma più progredisce, più luminosi saranno i segni - mancanza di appetito, forte debolezza del corpo, cambiamento nel tono della pelle. Ma la cosa principale è un aumento del volume di urina rilasciata al giorno. Senza un trattamento adeguato e tempestivo, la progressione delle complicanze può essere fatale.

eziologia

L'insufficienza renale appare come una conseguenza di altre malattie nel corpo, tra cui la pielonefrite, l'amiloidosi o la malattia del rene policistico. Inoltre, le ragioni per la comparsa di un tale disturbo nel funzionamento dei reni possono essere:

  • patologie congenite della struttura o funzionamento dei reni, presenza di un solo rene o disturbi irreversibili in uno di essi;
  • diabete mellito;
  • deposizione di calcoli renali;
  • il peso corporeo è molto più alto del normale;
  • cirrosi;
  • malattia del rene policistico;
  • gotta;
  • diagnosi tardiva di altre malattie renali;
  • lupus eritematoso;
  • una vasta gamma di disturbi del sistema urinario;
  • mancata osservanza delle istruzioni o abuso di determinati farmaci;
  • neoplasie oncologiche;
  • intossicazione del corpo;
  • avvelenamento acuto con sostanze chimiche.

specie

Esiste una classificazione dell'insufficienza renale cronica secondo lo stadio dei sintomi:

  • i segni latenti non appaiono praticamente. Una persona può sentirsi un po 'stanca. È spesso determinato nella diagnosi di un problema completamente diverso, per la diagnosi di quali esami del sangue o delle urine sono stati eseguiti;
  • compensato - il volume di urina escreta aumenta (più di due litri al giorno), c'è un leggero gonfiore al mattino;
  • intermittente - grave affaticamento preoccupa una persona, così come secchezza delle fauci. La debolezza muscolare appare;
  • terminale - un brusco cambiamento nell'umore del paziente, ridotta immunità. C'è una violazione del lavoro e di altri organi interni, inclusi cuore e polmoni. Ma più chiaramente la fase terminale dell'insufficienza renale cronica è caratterizzata da un sintomo simile all'apparizione dell'odore di urina dalla bocca della vittima.

sintomi

Ogni stadio, dalla classificazione di cui sopra, ha i suoi sintomi di insufficienza renale cronica. Come accennato in precedenza, durante la fase iniziale della malattia, una persona potrebbe non avvertire alcuna manifestazione o sentirsi molto affaticata, il che si manifesta verso la sera.

Per la forma compensata è caratteristica:

  • forte sensazione di stanchezza;
  • al giorno una persona emette più di due litri di urina;
  • appare la bocca secca;
  • dopo il sonno, gonfiore del viso.

Il tipo intermittente della malattia è accompagnato da segni quali:

  • una persona si stanca rapidamente, nonostante le azioni fisiche inattive;
  • una forte diminuzione dell'appetito;
  • bocca secca e costante, indipendentemente da quanto sete;
  • c'è un sapore sgradevole in bocca;
  • periodi di nausea e vomito;
  • il tegumento cambia colore e diventa una sfumatura giallo pallido;
  • pelle secca e traballante;
  • piccole contrazioni involontarie delle dita delle mani e dei piedi;
  • dolore nei muscoli e nelle ossa.

Con la manifestazione di tali sintomi di insufficienza renale cronica, esiste una probabilità della complicazione di alcune malattie, come angina, faringite e altri processi infiammatori del sistema respiratorio. Se il farmaco viene eseguito, è possibile migliorare le condizioni del paziente, ma qualsiasi effetto avverso sotto forma di carichi pesanti, disturbi mentali, mancato follow-up di una dieta, infezione o intervento chirurgico provocherà un forte deterioramento dei reni, sintomi acuti.

La fase terminale è espressa dai seguenti sintomi:

  • instabilità emotiva;
  • violazione del sonno - durante il giorno la persona è addormentata e di notte sveglia;
  • cambiando l'ombra del viso, diventa giallo-grigio;
  • sensazione di bruciore sulla pelle;
  • grave perdita di capelli e fragilità;
  • una diminuzione del peso corporeo dovuta alla mancanza di appetito;
  • cambiamento del timbro;
  • diarrea, con sgabello odore sgradevole e colore scuro;
  • frequente bavaglio;
  • la comparsa di insufficienza cardiaca;
  • perdita di memoria;
  • un odore sgradevole accompagna una persona - l'odore di urina viene dalla bocca.

L'insufficienza renale cronica nei bambini si manifesta:

  • aumento della produzione di urina;
  • gonfiore delle caviglie e del viso;
  • ritardo della crescita;
  • deformità degli arti;
  • mani e piedi perdono la loro normale sensibilità;
  • sensazione di bruciore sulla punta delle dita degli arti superiori e inferiori;
  • debolezza muscolare;
  • secchezza e amarezza in bocca;
  • forte dolore addominale;
  • periodi di crampi;
  • ipertensione;
  • una diminuzione dell'immunità, in conseguenza della quale il bambino è suscettibile a varie infezioni;
  • emoglobina inferiore.

complicazioni

Con una diagnosi tardiva o un trattamento improprio, possono essere espresse le seguenti complicanze da insufficienza renale:

  • insufficienza surrenalica cronica;
  • disturbi della coagulazione del sangue, che causano sanguinamento e lividi sulla pelle;
  • insufficienza cardiaca;
  • infarto miocardico;
  • insufficiente afflusso di sangue al cuore;
  • disturbi del ritmo cardiaco;
  • infiammazione della sacca cardiaca;
  • gastrite cronica;
  • rallentare le funzioni di pulizia e filtrazione dei reni;
  • perdita di sensibilità negli arti;
  • aumento persistente della pressione sanguigna;
  • violazione dell'assorbimento di calcio, a causa di ciò che una persona sarà incline ad aumentare la fragilità ossea;
  • ulcerazione nello stomaco o nel duodeno;
  • diminuzione del desiderio sessuale;
  • violazione del ciclo mestruale o un'anomalia come non la maturazione dell'uovo;
  • la nascita di un feto morto, se l'insufficienza renale cronica è stata diagnosticata durante la gravidanza;
  • coma uremico, che può portare alla morte di una persona malata.

diagnostica

La diagnosi di insufficienza renale cronica viene eseguita in più fasi, tra cui:

  • scoprire la storia completa della malattia - quando sono stati rivelati i primi segni, quanto sono forti, quanto urina viene emessa al giorno, quanto una persona è stanca. Esame della storia medica del paziente di ciò che avrebbe potuto causare la malattia, determinazione dello stadio secondo la classificazione di cui sopra, se questa malattia disturbasse qualcuno dei parenti più stretti;
  • esame del paziente per gonfiore, alterazioni della sensibilità degli arti e del colore della pelle. Inoltre, il medico semplicemente non può mancare l'odore sgradevole di urina dalla bocca del suo paziente;
  • condurre un test delle urine. Con questa malattia, la densità del fluido sarà abbassata, una piccola quantità di proteine ​​sarà osservata nelle analisi. Con infezioni, tumori, lesioni, l'urina conterrà globuli rossi, e i disordini autoimmuni conterranno globuli bianchi. Se la causa della malattia era un batterio, verrà identificata durante l'analisi. Inoltre, è possibile determinare l'agente infettivo che è diventato l'agente eziologico della malattia e indicare il grado della sua sensibilità ai farmaci. Campione di urina condotta Zimnitsky. Questo è fatto per determinare la densità e il volume del fluido rilasciato;
  • analisi generale e biochimica del sangue. Con questa malattia, la concentrazione di leucociti sarà aumentata, l'emoglobina, i globuli rossi e le piastrine saranno abbassati. Un esame del sangue biochimico rivela un alto livello di acido urico, un aumento del livello di potassio, colesterolo e fosforo, una diminuzione del calcio e delle proteine;
  • metodi diagnostici hardware, inclusi ultrasuoni, TC e MRI, che consentono di individuare le cause del restringimento dei percorsi di uscita delle urine. Usando la dopplerografia, viene valutato il flusso di sangue attraverso i vasi. I raggi X rivelano possibili disturbi del sistema respiratorio, che in alcuni disturbi possono causare insufficienza renale. La biopsia viene utilizzata per confermare la diagnosi. Durante questo processo, viene raccolto un piccolo pezzo di tessuto renale, che sarà quindi esaminato al microscopio. L'ECG aiuta a identificare le violazioni del cuore.

Dopo aver ricevuto tutti i risultati dei test che sono stati condotti durante la diagnosi, il medico prescrive il trattamento.

trattamento

Il trattamento dell'insufficienza renale cronica si basa sulla corretta diagnosi e determinazione del suo stadio. Nella fase iniziale, viene eseguita la terapia farmacologica mirata a:

  • eliminazione della pressione alta;
  • stimolazione della produzione di urina;
  • prevenzione di un processo autoimmune in cui il corpo stesso attacca i suoi organi interni. Questo viene fatto con l'aiuto di sostanze ormonali;
  • eliminazione dell'anemia da parte dell'eritropoietina;
  • diminuzione dell'acidità nello stomaco;
  • farmaci contenenti calcio, vitamina D, che rafforzeranno le ossa e preveniranno le loro fratture.

Nelle fasi più gravi della malattia vengono utilizzate altre terapie:

  • emodialisi, durante la quale il sangue viene pulito e filtrato. Questo viene effettuato fuori dal corpo, attraverso un apparecchio speciale. Il sangue lo penetra da una vena di una mano, passa attraverso i processi necessari e ritorna al corpo umano attraverso un tubo attaccato all'altra mano. Tale trattamento viene eseguito a vita più volte alla settimana o fino a quando l'organo viene trapiantato;
  • dialisi peritoneale, in cui vi è una simile pulizia del sangue, solo con una correzione aggiuntiva del bilancio del sale marino. Questo viene eseguito attraverso la cavità addominale del paziente, nel quale viene iniettata la soluzione, e quindi aspirata;
  • infatti, un trapianto di rene - un organo appropriato viene selezionato in base a tutti i criteri del donatore. Ma non dovremmo escludere il fatto che il rene possa non stabilizzarsi, quindi il paziente dovrà sottoporsi nuovamente a tutti i metodi di terapia. Per evitare che ciò accada, stanno seguendo un corso di trattamento con farmaci che riducono la loro immunità in modo che non inizi a rifiutare il nuovo organo.

La dieta per l'insufficienza renale cronica è un collegamento importante nella terapia. Fornisce:

  • consumo di cibi ipercalorici, ma non grassi, non sovradimensionati e non taglienti, ma arricchiti con carboidrati. In qualsiasi quantità, puoi mangiare dolci, riso, verdure e patate. È meglio se i piatti sono al vapore o al forno. Assumere il cibo in piccole porzioni cinque volte al giorno;
  • assunzione di proteine ​​ridotta;
  • la quantità di liquido non deve superare i due litri al giorno;
  • rifiuto dell'assorbimento di legumi, funghi, noci, che sono ricchi di proteine;
  • ricevimento in quantità limitata di uva, albicocche secche, caffè e cioccolato.

prevenzione

Le misure profilattiche per l'insufficienza renale cronica includono:

  • eliminazione delle cause che possono diventare patogeni della malattia;
  • mantenere uno stile di vita sano ed evitare di bere bevande alcoliche, tabacco e droghe;
  • razionalizzazione della nutrizione, che dovrebbe essere bilanciata e arricchita con calcio e vitamine;
  • astenendosi dall'usare droghe senza una ragione apparente;
  • esame regolare da parte dei medici per diagnosticare la malattia nelle fasi iniziali, per aumentare le possibilità di un completo recupero e per prevenire l'insorgenza di complicanze.

Se pensi di avere un'insufficienza renale cronica e i sintomi caratteristici di questa malattia, allora puoi essere aiutato dai medici: nefrologo, urologo.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

La nefrite in medicina è chiamata l'intero gruppo di varie malattie infiammatorie dei reni. Tutti hanno una diversa eziologia, così come un meccanismo evolutivo, caratteristiche sintomatiche e patologiche. In questo gruppo, i clinici includono processi locali o comuni, durante i quali il tessuto renale cresce, parzialmente o completamente distrutto.

La sindrome nefrotica è una disfunzione nel funzionamento dei reni, caratterizzata da una forte perdita di proteine, che viene eliminata dall'organismo insieme all'urina, una diminuzione nell'albumina nel sangue e un metabolismo alterato di proteine ​​e grassi. Accompagnato da edema malattia con localizzazione in tutto il corpo e una maggiore capacità del sangue di coagulare. La diagnosi si basa sui dati relativi ai cambiamenti nei test del sangue e delle urine. Il trattamento è complesso e consiste in una dieta e una terapia farmacologica.

L'iperparatiroidismo è una patologia cronica delle ghiandole paratiroidi, che progredisce a seguito della comparsa di tumori o dell'aumento della proliferazione dei loro tessuti. La patologia è caratterizzata da un aumento della produzione di ormone paratiroideo che colpisce il metabolismo del calcio. Il suo eccessivo contenuto nel sangue provoca il lavaggio del calcio dalle ossa e questo, a sua volta, porta a gravi complicazioni.

L'amiloidosi renale è una patologia complessa e pericolosa in cui il metabolismo delle proteine-carboidrati è disturbato nei tessuti dei reni. Di conseguenza, si verifica la sintesi e l'accumulo di una sostanza specifica, l'amiloide. È un composto di proteina-polisaccaride, che nelle sue proprietà di base è simile all'amido. Normalmente, questa proteina non è prodotta nel corpo, quindi la sua formazione è anormale per gli esseri umani e comporta una violazione delle funzioni dei reni.

La chetoacidosi è una complicanza pericolosa del diabete mellito, che senza un trattamento adeguato e tempestivo può portare al coma diabetico o alla morte. La condizione inizia a progredire se il corpo umano non è in grado di utilizzare pienamente il glucosio come fonte di energia, perché manca l'insulina ormonale. In questo caso, il meccanismo di compensazione viene attivato e il corpo inizia a utilizzare i grassi in entrata come fonte di energia.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.