Pyelonephritis - sintomi e trattamento

Diete

La pielonefrite è un'infiammazione dei reni che si presenta in forma acuta o cronica. La malattia è abbastanza diffusa e molto pericolosa per la salute. I sintomi della pielonefrite comprendono dolore nella regione lombare, febbre, gravi condizioni generali e brividi. Si verifica più spesso dopo l'ipotermia.

Può essere primario, cioè si sviluppa in reni sani, o secondario, quando la malattia si verifica sullo sfondo di malattie renali già esistenti (glomerulonefrite, urolitiasi, ecc.). Anche distinguere pyelonephritis affilato e cronico. I sintomi e il trattamento dipenderanno direttamente dalla forma della malattia.

Questa è la più comune malattia renale in tutte le fasce d'età. Molto spesso, sono malati di donne giovani e di mezza età - 6 volte più spesso degli uomini. Nei bambini dopo le malattie respiratorie (bronchite, polmonite) prende il secondo posto.

Cause di pielonefrite

Perché si sviluppa la pielonefrite, e che cos'è? La causa principale della pielonefrite è l'infezione. Sotto l'infezione si riferisce a batteri come E. coli, Proteus, Klebsiella, Staphylococcus e altri. Tuttavia, quando questi microbi entrano nel sistema urinario, la malattia non si sviluppa sempre.

Per far comparire la pielonefrite, hai anche bisogno di fattori che contribuiscono. Questi includono:

  1. Violazione del normale flusso di urina (reflusso di urina dalla vescica al rene, "vescica neurogena", adenoma prostatico);
  2. Rifornimento di sangue al rene alterato (deposizione di placche nei vasi, vasculite, spasmo vascolare in ipertensione, angiopatia diabetica, raffreddamento locale);
  3. Immunosoppressione (trattamento con ormoni steroidei (prednisone), farmaci citotossici, immunodeficienza a seguito di diabete mellito);
  4. Contaminazione dell'uretra (mancanza di igiene personale, con incontinenza di feci, urina, durante i rapporti sessuali);
  5. Altri fattori (ridotta secrezione di muco nel sistema urinario, indebolimento dell'immunità locale, alterazione dell'afflusso di sangue alle membrane mucose, urolitiasi, oncologia, altre malattie del sistema e qualsiasi malattia cronica in generale, riduzione dell'assunzione di liquidi, anormalità dell'anatomia renale).

Una volta nel rene, i microbi colonizzano il sistema coppa-pelvi, quindi i tubuli e di essi il tessuto interstiziale, provocando l'infiammazione in tutte queste strutture. Pertanto, non è necessario posticipare la domanda su come trattare la pielonefrite, altrimenti sono possibili gravi complicanze.

Sintomi di pyelonephritis

Nella pielonefrite acuta, i sintomi sono pronunciati - inizia con brividi, quando si misura la temperatura corporea, il termometro mostra oltre 38 gradi. Dopo un po 'di tempo, c'è un dolore lancinante nella parte bassa della schiena, "tiri" nella parte bassa della schiena e il dolore può essere piuttosto intenso.

Il paziente è preoccupato per il frequente bisogno di urinare, che sono molto dolorose e indicano l'aderenza di uretrite e cistite. I sintomi della pielonefrite possono avere manifestazioni comuni o locali. I segni comuni sono:

  • Febbre alta intermittente;
  • Grave brividi;
  • Sudorazione, disidratazione e sete;
  • C'è intossicazione del corpo, con conseguente mal di testa, aumento della fatica;
  • Sintomi dispeptici (nausea, mancanza di appetito, mal di stomaco, comparsa di diarrea).

Segni locali di pielonefrite:

  1. Nella regione lombare del dolore, sul lato colpito. La natura del dolore è noiosa, ma costante, aggravata dalla palpazione o dal movimento;
  2. I muscoli della parete addominale possono essere stretti, specialmente sul lato affetto.

A volte la malattia inizia con cistite acuta: minzione frequente e dolorosa, dolore alla vescica, ematuria terminale (comparsa di sangue alla fine della minzione). Inoltre, ci possono essere debolezza generale, debolezza, muscoli e mal di testa, mancanza di appetito, nausea, vomito.

Al verificarsi dei sintomi elencati di pielonefrite deve consultare un medico il più presto possibile. In assenza di una terapia competente, la malattia può trasformarsi in una forma cronica, che è molto più difficile da curare.

complicazioni

  • insufficienza renale acuta o cronica;
  • varie malattie suppurative dei reni (carbuncle renale, ascesso renale, ecc.);
  • sepsi.

Trattamento della pielonefrite

In caso di pielonefrite acuta primaria, nella maggior parte dei casi il trattamento è conservativo, il paziente deve essere ricoverato in ospedale.

La principale misura terapeutica consiste nell'influenzare l'agente eziologico della malattia con antibiotici e farmaci antibatterici chimici in conformità con i dati dell'antibiogramma, la disintossicazione e la terapia di miglioramento dell'immunità in presenza di immunodeficienza.

Nella pielonefrite acuta, il trattamento deve iniziare con gli antibiotici più efficaci e con i farmaci antibatterici chimici a cui è sensibile la microflora delle urine, al fine di eliminare il più rapidamente possibile il processo infiammatorio nel rene, impedendone la transizione verso una forma purulenta-distruttiva. In caso di pielonefrite acuta secondaria, il trattamento dovrebbe iniziare con il ripristino del massaggio urinario dal rene, che è fondamentale.

Il trattamento della forma cronica è fondamentalmente lo stesso di acuto, ma più lungo e più laborioso. Nel trattamento della pielonefrite cronica dovrebbero essere incluse le seguenti misure principali:

  1. Eliminazione delle cause della violazione del passaggio dell'urina o della circolazione renale, soprattutto venosa;
  2. Scopo di agenti antibatterici o agenti chemioterapici che prendono in considerazione i dati dell'antibiogramma;
  3. Aumentare la reattività immunitaria del corpo.

Il recupero del deflusso delle urine è ottenuto principalmente mediante l'uso di uno o un altro tipo di intervento chirurgico (rimozione dell'adenoma prostatico, calcoli renali e del tratto urinario, nefropessi con nefroptozie, uretroplastica o segmento uretero-pelvico, ecc.). Spesso, dopo questi interventi chirurgici, è relativamente facile ottenere una remissione stabile della malattia senza trattamento antibatterico a lungo termine. Senza un massaggio urinario sufficientemente restaurato, l'uso di farmaci antibatterici di solito non dà una remissione duratura della malattia.

Antibiotici e farmaci antibatterici chimici devono essere prescritti tenendo conto della sensibilità della microflora delle urine del paziente ai farmaci antibatterici. Inoltre, gli antibiogrammi prescrivono farmaci antibatterici con un ampio spettro di azione. Il trattamento per la pielonefrite cronica è sistematico e prolungato (almeno 1 anno). Il corso continuo iniziale di trattamento antibatterico è di 6-8 settimane, poiché durante questo periodo è necessario raggiungere la soppressione dell'agente infettivo nel rene e la risoluzione del processo infiammatorio purulento in esso senza complicazioni al fine di prevenire la formazione di tessuto connettivo cicatriziale. In presenza di insufficienza renale cronica, la somministrazione di farmaci antibatterici nefrotossici deve essere effettuata sotto il controllo costante della loro farmacocinetica (concentrazione ematica e urina). Con una diminuzione degli indici di immunità umorale e cellulare, vari farmaci vengono utilizzati per aumentare l'immunità.

Dopo che il paziente ha raggiunto lo stadio di remissione della malattia, il trattamento antibatterico deve essere continuato in cicli intermittenti. I termini di interruzione nel trattamento antibatterico sono stabiliti a seconda del grado di danno renale e del tempo di insorgenza dei primi segni di esacerbazione della malattia, cioè l'insorgenza dei sintomi della fase latente del processo infiammatorio.

antibiotici

Le medicine sono selezionate individualmente, tenendo conto della sensibilità della microflora a loro. I seguenti antibiotici sono più comunemente prescritti per la pielonefrite:

  • penicilline con acido clavulanico;
  • cefalosporine 2 e 3 generazioni;
  • fluorochinoloni.

Gli aminoglicosidi sono indesiderabili a causa della loro azione nefrotossica.

Come trattare i rimedi popolari pielonefrite

Il trattamento domiciliare dei rimedi pielonefriti popolari deve essere accompagnato da riposo a letto e da una dieta salutare costituita principalmente da alimenti vegetali in forma cruda, bollita o vapore.

  1. Nel periodo di esacerbazione aiuta una tale raccolta. Mescola anche foglie di betulla bianca, erba di erba di San Giovanni e poligono, fiori di calendula, frutti di finocchio (aneto farmaceutico). Versare in un thermos 300 ml di acqua bollente 1 cucchiaio. l. raccolta, insistono 1-1,5 ore, scarico. Beva l'infusione sotto forma di calore in 3-4 ricezione per 20 minuti prima dei pasti. Il corso dura 3-5 settimane.
  2. Al di fuori della esacerbazione della malattia, utilizzare un'altra raccolta: erba grossolana - 3 parti; l'erba del frassino (ortica sorda) e l'erba (paglia) dell'avena, le foglie di foglie medicinali, foglie d'inverno, cinorrodi e radici di liquirizia - in 2 parti. Prendi 2 cucchiai. l. raccolta, versare in un thermos 0,5 litri di acqua bollente, insistere 2 ore e filtrare. Bere un terzo di bicchiere 4 volte al giorno per 15-20 minuti prima dei pasti. Il corso dura 4-5 settimane, poi una pausa per 7-10 giorni e si ripete. Totale: fino a 5 corsi (fino a quando non si ottengono risultati stabili).

dieta

Quando l'infiammazione dei reni è importante per mantenere il riposo a letto e una dieta rigorosa. Usa molti liquidi per fermare la disidratazione, che è particolarmente importante per le donne incinte e le persone di età superiore ai 65 anni.

Nei processi infiammatori nei reni sono consentiti: carne magra e pesce, pane raffermo, zuppe vegetariane, verdure, cereali, uova sode, latticini, olio di semi di girasole. In piccole quantità, è possibile utilizzare cipolle, aglio, aneto e prezzemolo (essiccato), rafano, frutta e bacche, succhi di frutta e verdura. Proibito: carne e brodo di pesce, carne affumicata. È inoltre necessario ridurre il consumo di spezie e dolci.

Dolore ai reni e nausea con pielonefrite

Lascia un commento 2.846

Quando si diagnostica l'infiammazione nel rene, la terapia efficace deve essere eseguita immediatamente. Il dolore alla pielonefrite e altri sintomi caratteristici hanno un impatto negativo sulla qualità della vita di una persona. Per evitare complicazioni pericolose non è necessario impegnarsi nell'auto-trattamento e lasciare che la malattia faccia il suo corso, questa negligenza può trasformarsi in insufficienza renale.

Cos'è la pielonefrite?

La pielonefrite è un processo infiammatorio nei reni, che è diffuso principalmente da vari microbi e batteri nel sistema urinario. Questa malattia è capace di un lungo periodo di asintomatica e questo è il suo effetto pericoloso sul corpo umano. In assenza di un trattamento corretto e tempestivo, i microrganismi si diffondono in tutto l'organo e infettano completamente i reni.

Sintomi principali

La natura del dolore e della nausea nella pielonefrite cronica

Pyelonephritis cronico è determinato da sintomi inespressi o mancanza di esso. Fondamentalmente, la forma acuta del processo infiammatorio è un fattore stimolante nello sviluppo della forma cronica. I sintomi principali sono i seguenti:

  • sensazione di dolore nella regione lombare;
  • condizione generale debole del corpo;
  • perdita di appetito.

Nei periodi acuti, può essere accompagnato da uno scarico involontario di urina e sensazioni dolorose durante la minzione. I sintomi di avvelenamento interno del corpo (brividi, dolore alla testa e febbre) non sono tipici. La lombalgia è più comune nei climi umidi e freddi. Il quadro clinico della malattia ha l'aspetto di un'onda. I periodi di remissione sono caratterizzati da normali indicatori nell'analisi delle urine. Rilevazione della pielonefrite cronica si verifica spesso in modo casuale negli studi di fluido urinario.

Dolore e nausea nella pielonefrite acuta

I sintomi più comuni nella pielonefrite acuta sono:

La lombalgia è il sintomo più comune di pielonefrite acuta. I dolori possono essere noiosi o doloranti in natura con intensità variabile. In alcuni casi, si può avvertire un forte dolore all'addome e questo può rendere difficile la diagnosi della malattia. Dolore simile a colica renale, manifestata in pielonefrite con nefrolitiasi. Quando l'infiammazione bilaterale nella simmetria dei reni nella manifestazione dei sintomi non viene osservata.

C'è qualche differenza nel dolore nelle donne e negli uomini?

I sintomi del processo infiammatorio negli organi renali sono specifici, a seconda degli indicatori generali della condizione umana e dei singoli parametri. Nella pielonefrite nelle donne con uno strato formato di tessuto adiposo intorno agli organi renali, il dolore è registrato nella regione lombare con un leggero aumento degli indicatori di temperatura. Negli uomini, il disagio può essere la tensione dei muscoli addominali da parte dell'organo malato. Uomini e donne indiscriminati sono inclini a sviluppare la pielonefrite acuta.

Gli indicatori di età lasciano il segno sulla patologia. La massima malattia dei giovani e accompagnata da un dolore più acuto (febbre rapida, vomito, dolori muscolari e dolore associato). La diagnosi di pielonefrite negli anziani è complicata a causa del quadro clinico offuscato.

La forma acuta e cronica del processo infettivo negli organi renali è diversa nelle sue manifestazioni. Pyelonephritis primario è caratterizzato da dolore intenso. L'intensità del dolore e altri sintomi del processo infiammatorio sono determinati dalle comorbidità. Ci sono frequenti casi di pielonefrite sullo sfondo di uretrite o cistite.

Trattamento della pielonefrite

Nella diagnosi di infiammazione, il medico prescrive una terapia complessa, che aiuta a rimuovere i sintomi del dolore, la minzione compromessa e la causa alla radice della patologia. Quando la natura batterica della malattia è attribuita ai farmaci antibatterici. Il dosaggio di medicine è calcolato dal medico generico essente presente separatamente per ogni caso. Nella maggior parte dei casi, il decorso antibatterico aiuta a rimuovere tutti i sintomi che portano disagio al paziente e viene sostituito da medicinali con effetto antisettico. Inoltre, nel trattamento completo di infiammazione utilizzando farmaci per migliorare la circolazione renale, corsi di vitamine e vari antidolorifici.

Un fattore importante nel trattamento della malattia renale è una dieta speciale e un regime alimentare. Nei periodi acuti di malattia, si consiglia di assumere cibi e piatti facilmente digeribili con moderata contrazione meccanica del sistema gastrointestinale. Viene mostrata l'esclusione di prodotti che causano un'eccessiva formazione di gas (cavolo bianco, rappresentanti di legumi, ecc.) E prodotti nocivi. Il cibo è usato in porzioni frazionarie - circa 6 ricevimenti al giorno. Con una manifestazione poco pronunciata della malattia e il decorso cronico della pielonefrite, non vengono prescritte diete speciali, ma la dieta deve essere limitata alle regole del mangiare sano. Assicurati di bere una grande quantità di liquido.

Nel trattamento della malattia medicina popolare efficace. Tuttavia, non si dovrebbe pensare che la fitoterapia sostituirà l'assunzione di farmaci antibatterici. Il trattamento a base di erbe è appropriato solo in combinazione con la terapia principale o durante l'indebolimento della pielonefrite cronica. L'appuntamento e la ricezione di alcuni preparati a base di erbe e il loro dosaggio devono essere sotto la stretta supervisione del medico curante.

Misure preventive

Il medico le dirà quali misure dovrebbero essere prese per evitare la re-infezione della pielonefrite. Le principali misure preventive contro la patologia renale comprendono l'igiene intima (uso di speciali gel intimi), l'analisi periodica delle urine (anche se non ci sono sintomi caratteristici dell'infiammazione renale), non permettendo l'ipotermia del corpo (vestirsi per il clima, tenere i piedi caldi, non sedersi su una superficie fredda) e il sistematico rafforzamento del sistema immunitario (mantenendo uno stile di vita attivo, seguendo le regole del mangiare sano ed eliminando le cattive abitudini). I primi sintomi di pielonefrite (se la schiena è spesso ferita, il dolore all'addome e periodicamente mal di testa) è un motivo per contattare uno specialista per un esame completo. Non automedicare - le complicanze dell'infiammazione renale sono pericolose per la vita.

Dolore alla pielonefrite

I nostri vantaggi:

  • Appuntamento medico a buon mercato da 900 rubli
  • Analisi urgenti il ​​giorno del trattamento da 20 minuti a 1 giorno
  • Vicino a 5 minuti dalla stazione della metropolitana Varshavskaya e Chistye Prudy
  • Lavoriamo comodamente ogni giorno dalle 9 alle 21 tutti i giorni (festività comprese)
  • Anonimo!

Il dolore nella pielonefrite disturba i pazienti molto spesso. Il processo infiammatorio in qualsiasi organo, specialmente di natura acuta, causa un numero di fenomeni patologici che accompagnano la sindrome del dolore. I reni non fanno eccezione. Il dolore è di natura e intensità diversa, quasi sempre interrompendo il solito modo di vivere e il benessere generale dei pazienti. I medici-urologi aiutano a sbarazzarsi di questo spiacevole sintomo prescrivendo farmaci anti-infiammatori non steroidei e farmaci di altre classi. Certo, il dolore di qualsiasi natura non può essere lasciato senza attenzione.

Perché i dolori ai reni con la pielonefrite?

La malattia è accompagnata da una lesione non solo del sistema pelvico renale, ma anche del parenchima, cioè del suo tessuto. Come risultato dell'infiammazione, si sviluppa edema, il rene interessato aumenta leggermente di volume. Con una progressiva violazione del deflusso di urina, il dolore aumenta con l'allungarsi della capsula del rene.

Il dolore al rene con pielonefrite ha una natura diversa. Disegno, dolorante, di varia intensità, parossistica o permanente. Dipende anche da malattie concomitanti. Ad esempio, se c'è urolitiasi, il movimento delle pietre è accompagnato da forti sensazioni dolorose di piercing e carattere di ripresa. I dolori nella pielonefrite acuta sono piuttosto intensi, persistenti, accompagnati da nausea e vomito, aumento della sudorazione. Dolore nella pielonefrite cronica meno intensa, tirando o facendo male alla natura. Più spesso, aumentano dopo l'esposizione a qualsiasi fattore iniziale: ipotermia, infezione virale, ecc.

Il dolore nella parte bassa della schiena con pielonefrite è localizzato sul lato del rene interessato, e se entrambi i reni sono coinvolti nel processo, l'intero lombo è dolorante.

Il dolore severo in pyelonephritis qualche volta si diffonde all'intera cavità addominale, è difficile da determinare la loro localizzazione chiara. Di regola, sono trovati in processo infiammatorio bilaterale acuto. È necessario un attento esame perché la crescente intensità del dolore può indicare complicazioni pericolose.

Il dolore nella pielonefrite può essere localizzato non solo nella parte posteriore. Ciò è dovuto al fatto che la malattia colpisce non solo il tessuto renale, a volte porta a gravi violazioni dell'urodinamica e, quindi, a processi metabolici.

Perché lo stomaco fa male nella pielonefrite?

Il dolore addominale è correlato alla diffusione del processo infiammatorio agli ureteri, così come l'irradiazione del dolore alla cavità addominale.

Perché può ferire i piedi con pielonefrite cronica?

Ci sono diversi motivi Innanzitutto, aumentando l'edema. È noto che il processo infiammatorio cronico porta all'interruzione del deflusso delle urine e all'escrezione di sodio. In secondo luogo, a causa della difficoltà della minzione, il metabolismo di alcuni oligoelementi viene disturbato: fosforo, magnesio, calcio e altri. Si sta sviluppando la cosiddetta "sindrome delle gambe senza riposo".

Deve informare l'urologo del dolore esistente nella pielonefrite al fine di prendere le misure necessarie in tempo ed evitare lo sviluppo di complicanze.

Centro medico a Chistye Prudy e Varshavka

Ricevimento nelle nostre cliniche tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00

Nel sud Okrug amministrativo e Okrug amministrativo sudoccidentale - la stazione della metropolitana Varsavia, Kakhovskaya, Sevastopolskaya - ul. Bolotnikovskaya building 5 bldg 2, tel. 8-499-317-29-72

Nel centro (CAO) - Metro Chistye Prudy, Turgenevskaya, Lubyanka - Krivokolenny lane house 10, edificio 9, tel. 8-495-980-13-16

Sintomi clinici di pyelonephritis

I reni sono gli organi più importanti del sistema escretore, che rimuovono dal corpo i prodotti di decadimento di sostanze organiche e inorganiche, tossine di vari microrganismi, metalli pesanti e scorie. Nelle malattie del sistema urogenitale, si verifica lo sviluppo della sindrome da intossicazione, che è principalmente associato a funzionalità renale compromessa per adsorbire sostanze nocive. Le malattie infiammatorie del tessuto renale presentano uno speciale gruppo di sintomi clinici, che consente loro di distinguersi dalla massa totale e di condurre correttamente una diagnosi differenziale di patologia.

Pyelonephritis: una sintesi della malattia

La pielonefrite, altrimenti chiamata infiammazione diffusa del tessuto renale, è una malattia batterica che colpisce il sistema del calice e del bacino situato nel rene.

La struttura della pelvi renale li rende vulnerabili alle infezioni.

I fattori eziologici che causano la pielonefrite acuta o cronica sono microrganismi patogeni dai gruppi di streptococchi, stafilococchi, Proteus, Klebsiella, micoplasma, clamidia e ureoplasma. Nel verificarsi della malattia, particolare importanza viene posta sui fattori di smaltimento. Aumentano indirettamente la probabilità di sviluppare una malattia infettiva in alcune persone.

Non è possibile proteggersi completamente dalle influenze ambientali. Limitare il numero di fattori dannosi è abbastanza reale: vale la pena di essere più attento al proprio stile di vita e allo stato di salute.

I principali fattori scatenanti della pielonefrite:

  • raffreddori frequenti e influenza;
  • deficienza immunitaria primaria e secondaria;
  • chirurgia recentemente trasferita;
  • malattia infettiva-infiammatoria del corpo di eziologia extrarenale;
  • cavità nei denti;
  • frequente ipotermia o surriscaldamento;
  • costante cambiamento climatico;
  • indossare abiti troppo caldi o troppo freddi in diversi periodi dell'anno;
  • malformazioni congenite del sistema urogenitale;
  • malattia ereditaria del tessuto connettivo.

L'agente patogeno può entrare nel corpo in diversi modi:

  • con sangue dalla regione di qualsiasi infezione purulenta (meningite, carbonchio, flemmone, carie);
  • con una corrente di linfa che fuoriesce dal sito della ferita;
  • il percorso ascendente dal tratto urinario sottostante. Questo è più caratteristico delle donne incinte e dei bambini piccoli ed è direttamente correlato alle caratteristiche anatomiche e fisiologiche del corpo.

Video: l'eziopatogenesi della pielonefrite

Principali sintomi clinici della malattia

Tutti i sintomi che si verificano durante il corso dei processi acuti e cronici di infiammazione dei reni, possono essere suddivisi in due gruppi: specifici e non specifici. Sintomi specifici caratterizzano lo stato dell'organo in generale e in particolare il sistema di placche a bacino. Quelli non specifici non indicano una malattia, ma possono servire da indizio quando si effettua una diagnosi definitiva.

I sintomi specifici della pielonefrite

Sintomi clinici specifici caratterizzano il grado di coinvolgimento dei tessuti renali nel processo di infiammazione. I sintomi compaiono al primo o al secondo giorno della malattia, il che semplifica enormemente la diagnosi e il successivo trattamento. Le principali manifestazioni specifiche della pielonefrite includono tradizionalmente:

  • disagio nella regione lombare;
  • sindrome di edema;
  • decolorazione delle urine;
  • minzione e disturbi colici.

Dopo che i sintomi specifici scompaiono, possiamo parlare del recupero o del paziente che entra nella fase di remissione.

Dolore ai reni

Il dolore nella pielonefrite è abbastanza tipico. Sensazioni spiacevoli sono localizzate nella regione lombare, a livello della quarta o quinta vertebra lombare. Nella pielonefrite cronica, il dolore è doloroso, tira in natura, può dare all'area pubica, aree laterali e iliache. Abbastanza spesso, questa sindrome del dolore è presa per miosite - infiammazione dei gruppi muscolari della zona lombare e lombare, che complica enormemente la diagnosi di una malattia clinica. Lo sviluppo di spiacevoli sensazioni dolorose è direttamente correlato allo stiramento della capsula renale, che si verifica a causa del rigonfiamento del rene e del suo aumento dimensionale. Quando l'infiammazione diminuisce, il disagio scompare.

Dolore doloroso nella parte bassa della schiena - il primo segno di danno renale

Nella pielonefrite acuta, il dolore è acuto, più pronunciato. Di solito, il disagio si presenta sotto forma di un attacco a lungo o breve termine della sindrome acuta del dolore, durante il quale il paziente non può muoversi e giace in una posizione forzata con gli arti inferiori tirati verso il petto.

Una tale posizione forzata viene altrimenti chiamata posizione fetale: questo è il modo in cui il feto si trova nel grembo materno. Si ritiene che questo metodo aiuti ad alleviare leggermente il disagio.

La comparsa di edema

La sindrome di edema è una raccolta di fluidi in vari organi e tessuti, che si manifesta con il loro gonfiore, un aumento di volume e un cambiamento di forma. L'edema renale differisce significativamente dal cuore per le sue proprietà:

  • consistenza del tessuto elastico morbido;
  • distribuzione del liquido nella parte superiore del torso: viso, collo, fascia scapolare sono interessati in primo luogo;
  • lividi sotto gli occhi in congiunzione con le palpebre gonfie sono un segno importante di pielonefrite;
  • la comparsa di edema principalmente dopo il sonno al mattino, che è associato alla ridistribuzione del fluido nel corpo;
  • buona reazione all'assunzione di farmaci diuretici: il gonfiore scompare in mezz'ora.
Il gonfiore del viso è caratteristico dell'edema renale.

La patogenesi della formazione di edema renale è direttamente correlata alla filtrazione e al riassorbimento compromessi, che sono causati dall'infiammazione. Normalmente, tutto il liquido in eccesso viene escreto dai reni e gli ioni sodio e le proteine ​​vengono risucchiati. Nella pielonefrite, questa funzione è significativamente inibita, con conseguente accumulo di acqua e prodotti di decomposizione nel corpo. Il fluido viene ridistribuito dal settore intracellulare a quello extracellulare, causando gonfiore nella parte superiore del corpo e sul viso.

Sindrome urinaria: un cambiamento nella composizione e nel colore delle urine

La sindrome urinaria è un complesso sintomatico di cambiamenti patologici nelle urine e la natura della minzione, che può essere vista ad occhio nudo. Molti processi infiammatori dei reni si manifestano con manifestazioni patologiche pronunciate, ma alcuni tipi di pielonefrite possono essere riconosciuti solo dopo aver esaminato l'urina escreta dal paziente.

Le principali manifestazioni della sindrome urinaria includono:

  • variazione della quantità di urina in una minzione a venti o dieci millilitri;
  • ematuria - colore marrone o rosso delle urine, che è direttamente correlato all'aspetto del sangue a causa di danni ai vasi sanguigni;
  • torbidità dell'urina, che indica la comparsa di impurità patologiche in esso sotto forma di proteine, leucociti, cellule epiteliali desquamate e microrganismi batterici;
  • un aumento della minzione di due o tre volte rispetto alla norma.

Disturbi della minzione

In caso di pielonefrite, il processo di rimozione delle urine dal corpo cambia in modo significativo. L'infiammazione può passare alle vie sottostanti, causando cistite e uretrite. I principali disturbi urinari che si verificano con pielonefrite includono:

  • un aumento del numero di urine, che è associato ad un'irritazione prolungata di specifici recettori localizzati nel tessuto renale;
  • spiacevoli sensazioni dolorose sotto forma di bruciore e prurito, che accompagnano il processo di minzione. Indicano l'accessione della flora batterica secondaria;
  • falsa voglia di urinare, che si verificano sotto l'azione dello spasmo riflesso della vescica;
  • difficoltà a urinare di notte o al mattino;
  • sensazione di svuotamento incompleto della vescica, che si forma sotto l'influenza delle contrazioni muscolari dello sfintere tra l'uretra e la vescica.

La violazione della minzione nei bambini piccoli è accompagnata da aumento del pianto, irritabilità, apatia e sindrome dei pannolini leggermente bagnati. Molti genitori accettano erroneamente questa come una variante della norma in cui la dentizione si verifica in un bambino.

oliguria

L'oliguria è una condizione patologica in cui la quantità di urina è ridotta a cento o cinquecento millilitri al giorno. Una persona normale produce circa l'ottanta percento del liquido totale che beve al giorno, che è in media tra uno e mezzo e due litri.

Un aumento della quantità di urina può essere osservato nel diabete mellito, nei disordini metabolici patologici e in altre anomalie congenite non correlate all'attività renale.

La pielonefrite è caratterizzata da una diminuzione della quantità di urina che si forma nei tubuli renali e passa attraverso il sistema di coppe e bacino. I pazienti di solito lamentano una minzione scarsa e molto frequente, in cui si ha la sensazione di una vescica completamente vuota. I processi infiammatori che si verificano nel tessuto renale influenzano negativamente i processi di riassorbimento e filtrazione, in conseguenza dei quali la maggior parte del fluido circolante nel corpo non viene rimosso con l'urina, ma ridistribuito tra altri organi e tessuti.

La completa assenza di urina nella vescica è chiamata anuria. Questo è un sintomo clinico piuttosto grave che può verificarsi nella pielonefrite acuta e cronica. Allo stesso tempo, le condizioni del paziente si stanno deteriorando rapidamente, può svenire per un lungo periodo e cadere nel coma uremico che dura fino a diversi mesi.

Colica renale

Colica renale si verifica in violazione del deflusso di urina nel sistema pelvico renale dei reni nella regione degli ureteri e della vescica. Esiste un traboccamento del sistema canalicolare, allungamento della capsula e delle sue rotture microscopiche, a seguito del quale i recettori tissutali del dolore sono irritati e si forma una sindrome del dolore pronunciata.

Posa di embrioni - posizione difensiva nella patologia renale

La causa principale della patologia è il blocco del lume dell'uretere o del bacino con la pietra. I bordi taglienti della formazione irritano le delicate membrane mucose e muscolari, aumentando lo spasmo. Di solito, il dolore si verifica dopo l'esercizio fisico, l'ipotermia o lo stress. Durante un attacco di colica renale, il paziente perde la capacità di articolare i reclami in modo articolato, accetta una posizione forzata, non può normalmente inalare o espirare. Il dolore è descritto come una "pugnalata acuta", che i pazienti possono considerare un attacco di appendicite o colecistite. Il dolore dura da cinque minuti a mezz'ora. È quasi impossibile smettere di soffrire da soli: vale la pena chiamare dottori d'emergenza.

Sintomi aspecifici di pyelonephritis

L'immagine sintomatica non specifica o secondaria della pielonefrite include manifestazioni cliniche che possono verificarsi anche in altre malattie: infezioni gastrointestinali, danni al sistema nervoso centrale e periferico, patologie degli organi circolatori. Tuttavia, anche i sintomi secondari sono molto importanti: aiutano a costruire un quadro olistico della malattia, a stabilire la sua gravità e il grado di coinvolgimento nel processo infiammatorio di altri organi e tessuti.

Aumento della temperatura

Come ogni altro processo infiammatorio che si verifica in un organismo vivente, la pielonefrite è accompagnata da un aumento della temperatura corporea sia generale che locale. La febbre è un aumento della temperatura corporea complessiva sopra i trentasette gradi Celsius.

Il regime di temperatura è determinato dall'azione dell'ipotalamo, che è in grado sia di adattare il corpo all'azione dell'ambiente, sia di indirizzare le sue riserve alla protezione contro i patogeni patogeni.

Il calore è una risposta del tutto normale e adeguata del corpo a una situazione stressante, che è l'infiammazione del tessuto renale.

Un aumento della temperatura corporea è caratteristico della pielonefrite acuta e cronica.

I microrganismi patogeni che causano la pielonefrite emettono composti tossici nel corso della loro attività vitale, chiamati pirogeni. Queste sostanze entrano nel flusso sanguigno e raggiungono l'ipotalamo lungo il letto vascolare, dove si trova il centro di termoregolazione, che è rappresentato dal nucleo principale. In risposta all'azione dei microrganismi, si sviluppa una risposta con il rilascio di interleuchine, citochine e altri mediatori dell'infiammazione.

Nell'area del nucleo dell'ipotalamo avvengono complesse reazioni biochimiche che portano al ripristino del punto di termo-installazione, a seguito del quale la normale temperatura corporea viene considerata abbassata e il corpo inizia a sollevarlo. Il metodo principale per aumentare la temperatura è il brivido freddo, manifestato da spasmi muscolari e crampi.

Nausea e vomito

Si ritiene che la nausea e il vomito siano le tipiche manifestazioni di un'infezione gastrointestinale. Con pielonefrite, si verificano il primo giorno dopo l'esordio della malattia e durano almeno una settimana o anche due. In parallelo, ci può essere una diminuzione significativa dell'appetito e del rifiuto di mangiare.

Ricordati che la nausea e il vomito possono anche essere associati ad avvelenamento, gravidanza, gastrite, ulcera gastrica e ulcera duodenale.

La nausea è uno dei primi sintomi di intossicazione.

L'intossicazione inizia dai primi tre giorni dopo l'inizio della malattia: una grande quantità di prodotti di decomposizione di sostanze organiche e inorganiche, tossine batteriche, corpi chetonici, amminoacidi e pigmenti biliari si accumulano nel corpo. A causa del ridotto apporto di sangue al rene, la loro escrezione con il flusso di urina è significativamente ostacolata, il che provoca il riassorbimento nel flusso sanguigno. Con la corrente del fluido biologico, i microrganismi e le loro tossine si diffondono in tutto il corpo, entrano nel flusso sanguigno del cervello, causando l'irritazione del centro di vomito, che si trova nel midollo.

Mal di testa e vertigini

Il primo segno di intossicazione associato a qualsiasi malattia è il mal di testa. I recettori del dolore nei vasi cerebrali e nelle membrane sono particolarmente sensibili alla pressione differenziale e agli effetti delle sostanze tossiche che il patogeno secerne durante la sua morte. Il dolore più spesso è di natura diffusa, non ha una chiara localizzazione nelle aree frontali o temporali, ma può dare alla parte posteriore della testa. Vertigini si verifica quando un forte aumento dal letto, soprattutto al mattino, a causa dell'accumulo di liquido nella metà superiore del corpo.

Le vertigini si verificano spesso quando si passa da una posizione orizzontale a una verticale.

Vertigini dura non più di pochi secondi. Una caratteristica del mal di testa nella pielonefrite è la sua comparsa principalmente al mattino e la scomparsa quando si assumono diuretici, che è associato a una riduzione del volume di fluido circolante nel corpo, una diminuzione della gittata cardiaca totale e un calo della pressione sanguigna.

Disturbi della sedia

In pyelonephritis, abbastanza spesso ci sono varie violazioni della sedia come diarrea o costipazione. Ciò è dovuto alla stretta vicinanza dei loop intestinali agli organi pelvici, nonché ai fenomeni di intossicazione generale che si verificano nel corpo durante le malattie infiammatorie dei reni.

Nel dieci percento dei casi, i pazienti con pielonefrite sviluppano diarrea, il venti percento sono costipazione.

La diarrea, altrimenti chiamata diarrea, è una condizione in cui il paziente lamenta un aumento della frequenza delle feci e un cambiamento nella sua consistenza. La sedia diventa liquida, il paziente può visitare il bagno fino a diverse decine di volte al giorno. Sotto l'azione dei mediatori dell'infiammazione che circolano nel corpo, c'è un'irritazione dei recettori meccanici situati nella parete intestinale. Ciò causa un'onda peristaltica attiva, a causa della quale si verifica una contrazione dell'intestino. La durata della diarrea nella pielonefrite va dai due ai cinque giorni. Una manifestazione più prolungata di feci molli indica un'altra patologia intestinale.

La stitichezza è l'opposto della diarrea. Il motivo principale è la ridistribuzione impropria dei liquidi nel corpo. Durante la pielonefrite, la maggior parte dell'acqua si accumula nella parte superiore del corpo, causando la formazione di edema, mentre nell'intestino c'è una forte penuria di liquido.

Cambiamenti nella pressione sanguigna

L'ipertensione arteriosa renale è una patologia piuttosto grave causata da disturbi nei tessuti dell'organo e dei vasi di alimentazione. Il principale meccanismo di aumento della pressione è associato all'attivazione del sistema renina-angiotensina ormone-dipendente. Con lo sviluppo di processi infiammatori nel tessuto renale, si forma una mancanza di ossigeno e di approvvigionamento energetico del rene, chiamata ischemia. In risposta a una malnutrizione nel rene, si sviluppa una reazione patologica riflessa sotto forma di attivazione del sistema renina-angiotensina: come risultato di complessi processi biochimici, una sostanza si forma nel corpo che ha un effetto vasocostrittore piuttosto forte.

Il mal di testa può essere il primo segno di una malattia.

I vasi spassati si comportano come un tubo flessibile trasferito: il sangue non può circolare attraverso il tessuto renale, il che causa un'interruzione ancora maggiore dell'approvvigionamento di ossigeno. In medicina, questo processo è chiamato il "circolo vizioso".

L'ipertensione renale di solito ha tre forme:

  1. Ipertensione benigna parenchimale. In questa forma di patologia, la pressione sanguigna è stabile, non ha tendenza ad alzarsi o abbassarsi bruscamente, causando il paziente svenire o collassare. La pressione diastolica di solito aumenta molto più della sistolica (trenta millimetri di mercurio). I pazienti lamentano mal di testa, vertigini e debolezza agli arti inferiori. Inoltre, questa forma è caratterizzata da affaticamento, rigidità muscolare (tono aumentato) e mancanza di respiro.
  2. Ipertensione parenchimale maligna È caratterizzato da salti acuti della pressione sanguigna, principalmente con incrementi diastolici fino a centotrenta millimetri di mercurio. Ciò può inoltre essere complicato dal distacco della retina, dalla retinopatia o persino dall'ictus. I pazienti lamentano deficit visivi, mal di testa a vomito e improvvisi attacchi di soffocamento.
  3. La forma mista ha caratteristiche sia di ipertensione arteriosa maligna e benigna di natura renale.

Pielonefrite asintomatica

La pielonefrite asintomatica, altrimenti chiamata latente, è una delle opzioni più pericolose per lo sviluppo della malattia. Molto spesso, questa patologia si forma dopo che il paziente ha subito le seguenti malattie:

  • pielonefrite acuta;
  • glomerulonefrite acuta;
  • carie;
  • flemmone;
  • carbonchio o foruncolo;
  • stomatite o glossite;
  • mal di gola;
  • deficienza immunitaria primaria e secondaria;
  • scarlattina;
  • vulvite e vulvovaginite.

Il più delle volte, la pielonefrite asintomatica si verifica nei bambini sotto i dieci anni di età. Ciò è dovuto al sottosviluppo del sistema urogenitale, alle formazioni della coppa del bacino, alla lunghezza relativamente piccola dell'uretra e alla bassa attività del sistema immunitario. L'agente eziologico dell'infezione infiammatoria entra nel corpo allo stesso modo di altri tipi di pielonefrite. La particolarità è che quando entra nel tessuto renale, inizia a moltiplicarsi e rilascia le sue tossine in quantità molto minori rispetto alla pielonefrite tradizionale.

Staphylococcus - gli agenti causativi più frequenti di pyelonephritis nascosto

Dopo la riproduzione, l'agente patogeno lascia il tessuto renale per un breve periodo ed entra nel flusso sanguigno: questo spiega il leggero aumento della temperatura a trentasette gradi Celsius, debolezza e leggero mal di testa. Questi sintomi sono piuttosto aspecifici, il che non consente nemmeno a uno specialista esperto di sospettare in questo caso la clinica della pielonefrite. Dopo che l'agente causale pielonefrite ritorna al tessuto renale, si sviluppa il processo di infiammazione cronica a bassa intensità, che è accompagnato da un leggero rilascio di essudato e un periodo relativamente breve di intossicazione.

I pazienti non mostrano i tipici disturbi del mal di schiena, minzione frequente, feci anormali, gonfiore e ipertensione. Né sono preoccupati per l'aumento del tasso di urinazione, debolezza o disturbi nel tratto gastrointestinale. Nell'esito della malattia, si forma una sclerosi estesa dei tubuli e del sistema renale pelvi-renale, che è accompagnato da una diminuzione della loro attività funzionale. La pielonefrite asintomatica può esistere negli esseri umani fino a sei anni. Molto spesso, la diagnosi viene fatta casualmente dopo un'ecografia, una risonanza magnetica degli organi pelvici o una cistoscopia.

Per evitare il verificarsi di pielonefrite, seguire le regole di base della prevenzione: non raffreddare eccessivamente, aderire alla corretta modalità di sonno e riposo, seguire una dieta equilibrata e consumare abbastanza liquidi. Sarà anche utile smettere di bere alcolici e nicotina, aggiungere al solito programma giornaliero di esercizio fisico o un'attività fisica adeguata. Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta al controllo della propria salute: sottoporsi regolarmente a visita medica, eseguire tutti i test. In questo modo sarai in grado di mantenere il tuo corpo in salute per lungo tempo e di evitare l'aggiunta di un'infezione batterica.

Dolore alla pielonefrite

La comparsa di disagio nella regione lombare può essere il primo segnale dello sviluppo di patologie renali, in particolare una malattia come la pielonefrite. La malattia appartiene alle patologie comuni del sistema urinario di origine infettiva o non infettiva, può verificarsi in forma acuta o cronica. I segni caratteristici della pielonefrite sono il dolore, che ha diversa intensità, localizzazione ed è in grado di irradiare ad altri organi. La comparsa di dolore nella pielonefrite, indipendentemente dalla sua natura, è sempre un motivo per andare da un medico, una diagnosi completa, i cui risultati vi permetteranno di determinare la causa, lo stadio della malattia, per scegliere il regime terapeutico ottimale.

Perché compaiono i dolori

Nella pielonefrite c'è un processo infiammatorio nel sistema di placche a bacino e nel parenchima dell'organo. L'infiammazione si sviluppa a causa della penetrazione di batteri patogeni nel tessuto renale, che, moltiplicandosi, riduce la sua funzionalità. La sindrome del dolore è uno dei primi sintomi tipici della malattia. La sua localizzazione è più spesso osservata a livello della quarta o quinta vertebra lombare, può irradiarsi all'addome, alla coscia e ad altre parti del corpo. La sua intensità dipende dal decorso della malattia. Nel decorso cronico, i segni clinici sono meno pronunciati, il che rende difficile la diagnosi. In forma acuta, i sintomi sono pronunciati, il dolore è acuto.

Nei tessuti renali non ci sono recettori del dolore, quindi le sensazioni dolorose compaiono come risultato dell'allungamento della capsula renale, a causa del rigonfiamento dell'organo, aumentandone le dimensioni. Maggiore è l'infiammazione e il danno al tessuto renale, più il dolore è acuto. Può essere causato da aderenze che si formano tra la capsula fibrosa e la capsula grassa del rene, i processi congestizi nei condotti, le pietre nell'uretere o nei reni.

La natura e la posizione del dolore

La lombalgia nella pielonefrite è uno dei primi sintomi della malattia, che richiede un trattamento tempestivo a un medico. Dolore piagnucoloso, carattere opaco o tagliente, hanno una diversa localizzazione. Spesso c'è dolore all'addome che rende difficile la diagnosi. La loro intensità dipende dalla localizzazione: posizione unilaterale con danno a un rene o bilaterale, quando l'infiammazione colpisce entrambi gli organi. Più spesso, il dolore nella pielonefrite è asimmetrico, con la sconfitta di un organo, il dolore è presente sull'altro lato. Questa condizione è spiegata dall'intersezione di innervazione a livello del plesso pelvico. Pertanto, al fine di determinare la localizzazione dell'infiammazione, è indispensabile sottoporsi a un'ecografia del rene, è necessario esaminare entrambi gli organi.

Clinica pyelonephritis pronunciata. Il dolore può essere presente a riposo o aumentare quando si cammina, lo sforzo fisico. A volte è così forte che una persona è costretta a prendere una certa posizione, che consente di ridurne l'intensità. Se la malattia si presenta in forma purulenta o è accompagnata da concomitanti patologie dell'apparato urinario, il dolore è simile alla colica renale.

Le principali differenze nel dolore nella pielonefrite includono quanto segue:

  • localizzazione della sindrome del dolore - i lombi, dà allo stomaco, alla schiena, all'area pubica;
  • dolore o crampi costanti;
  • intensità - tirando, premendo, acuto, dolorante, aggravato dalla palpazione o da qualsiasi movimento del corpo;
  • dolore unilaterale o bilaterale.

Nel decorso cronico della malattia il paziente può essere disturbato dai dolori dolorosi del carattere parossistico, mentre nel decorso acuto la clinica si manifesta molto più fortemente.

Dolore atipico nella pielonefrite

In caso di pielonefrite nel periodo acuto, è sempre presente un aumento della temperatura corporea, che provoca l'intossicazione del corpo. Sullo sfondo della sindrome da intossicazione, le sostanze tossiche si accumulano nel corpo, provocando altri sintomi, incluso il dolore in altre parti del corpo.

Il primo segno di intossicazione è considerato un mal di testa, manifestato come risultato dell'irritazione dei recettori del dolore nei vasi cerebrali e nelle membrane. Non ha una localizzazione chiara, è più spesso osservato nella regione frontale o temporale, appare al mattino, diminuisce dopo aver assunto diuretici.

Per il dolore atipico nella pielonefrite c'è dolore all'addome. Il suo aspetto è dovuto al fatto che l'intestino si trova vicino agli organi pelvici. In caso di pielonefrite, ci sono altre manifestazioni che interrompono le condizioni generali del paziente, richiedono un trattamento adeguato e tempestivo.

Come ridurre il dolore

I farmaci possono aiutare a ridurre le manifestazioni cliniche, eliminare l'infiammazione e normalizzare il funzionamento dei reni. Per il sollievo dal dolore, i medici prescrivono antinfiammatori, antidolorifici e antispasmodici. Tali farmaci influenzano la causa e i sintomi generali della malattia.

Antinfiammatori e antidolorifici sono prescritti nel periodo acuto della malattia per alleviare il dolore. La durata dell'ammissione è di 5-7 giorni. L'assunzione di tali farmaci riduce il dolore, l'infiammazione, ha effetti antipiretici (Diclofenac, Ibuprofen, Ortofen, Nimid, Nimesulide e altri).

Antispasmodici - con infiammazione renale sono parte integrante della terapia, alleviare lo spasmo muscolare liscio, migliorare il flusso delle urine, avere un effetto analgesico (Papaverina, No-Spa, Spazgan, Spazmalgon e altri). Si raccomanda di assumere tali farmaci per non più di 5-10 giorni.

In caso di infiammazione renale, l'uso di antibiotici è considerato parte integrante del trattamento e non interrompe la sindrome del dolore, ma ha un effetto distruttivo sui batteri che hanno causato la malattia. L'assunzione di farmaci antibatterici aiuterà ad alleviare l'infiammazione. I medici preferiscono prescrivere antibiotici ad ampio spettro che sono attivi nella lotta contro vari batteri patogeni: Augmentin, Sumamed, Fromilid, Cefalexin, Ceftriaxone e altri. La terapia può richiedere da 7 a 14 giorni.

Oltre ai farmaci per alleviare il dolore e l'infiammazione, il medico prescrive altri farmaci di origine vegetale o sintetica. Quali farmaci prescritti dal medico dipendono dal grado di sviluppo della malattia, dall'intensità dei segni clinici e dalle malattie concomitanti. In ospedale, tutti i farmaci vengono somministrati per via endovenosa o intramuscolare, il dosaggio è prescritto singolarmente per ciascun paziente.

Consigli e raccomandazioni per il trattamento della pielonefrite

La pielonefrite è una patologia renale comune, che deve essere trattata in modo completo sotto la supervisione di un medico. Nel periodo affilato della malattia è consigliato aderire a riposo di letto, rigorosamente aderisca a tutte le prescrizioni di dottore. Una parte integrante della terapia è seguire una dieta che comporta il consumo di alimenti con un contenuto minimo di sale.

Per ridurre il rischio di complicanze e recidive della malattia, è necessario attenersi alle seguenti raccomandazioni.

  1. Evitare l'ipotermia.
  2. Ridurre lo sforzo fisico.
  3. Alla prima voglia di fare un viaggio in bagno.
  4. Per osservare l'igiene intima.
  5. Esegui periodicamente esami delle urine e del sangue.
  6. Migliora l'immunità.
  7. Preferisci una dieta sana e uno stile di vita corretto.
  8. Rifiuta l'automedicazione e le medicine incontrollate.
  9. Elimina l'uso di alcol.
  10. Al giorno bevi almeno due litri d'acqua.

Il rispetto di semplici regole aiuterà a ridurre il rischio di recidiva ea prevenire il passaggio della malattia alla forma cronica. L'infiammazione renale è una malattia grave in cui il tessuto renale è danneggiato. È possibile far fronte alla patologia, ma per questo è necessario consultare un medico in tempo.

Iscriviti agli aggiornamenti

Contatto con l'amministrazione

Questo è il trattamento della malattia sottostante che causa la comparsa di impurità nel sangue

Vecchio prezzo 20 000 ₽ da 10 000 ₽ offerta speciale

Esistono metodi conservativi e operativi di trattamento del varicocele, ma il trattamento chirurgico è considerato il più efficace.

Vecchio prezzo da 20 000 ₽ da 15 000 ₽ promozione

In assenza di un trattamento tempestivo della pielonefrite, può portare a complicazioni così gravi come insufficienza renale, ascesso di carbuncolo o rene, sepsi e shock batterico.

Vecchio prezzo da 15 000 ₽ da 10 000 ₽ promozione

trattamento efficace, prezzi accessibili, medici della più alta categoria

Vecchio prezzo da 30 000 ₽ da 20 000 ₽ promozione

trattamento moderno di tutte le malattie urologiche e andrologiche

Vecchio prezzo 1 500 ₽ 1 000 ₽ promozione

Consultazione con un urologo-andrologo (DMN) e prescrizione di trattamento

Complesso diagnostico complesso di terapia antibatterica

Massaggio della prostata e riscaldamento della prostata laser

Vecchio prezzo da 20 000 ₽ da 15 000 ₽ promozione

consultazione del complesso ospedaliero urologo-andrologo (chirurgo), emocromo completo, anestesia locale

Vecchio prezzo 18 000 ₽ da 6 000 ₽ offerta speciale

Dolore alla pielonefrite

La pielonefrite è una malattia infettiva infiammatoria dei reni, che si verifica più spesso con la diffusione di vari microbi e batteri nel sistema genito-urinario. Il pericolo di questa malattia è che può essere asintomatico per molto tempo. A questo proposito, non c'è trattamento e la malattia continua a svilupparsi. In assenza di un adeguato trattamento del sistema urogenitale, i batteri e i microbi aumentano nel corpo e infettano i reni. Il più spesso c'è un dolore severo in pyelonephritis. Come ogni altra malattia, la pielonefrite è più facile da prevenire che curare. Ecco perché i primi sintomi della malattia dovrebbero essere indirizzati a un istituto medico a un nefrologo. Questo è uno specialista nella diagnosi e nel trattamento dei reni.

I sintomi della malattia

A seconda della forma di pielonefrite, i sintomi della malattia differiscono in modo significativo. Quindi, nel decorso acuto della malattia i principali sintomi della malattia includono i seguenti fattori:

• intenso dolore nella regione lombare. Il dolore non dipende dalla posizione del corpo;


Questi sintomi indicano un decorso acuto della malattia, in cui è urgente l'assistenza medica. Nel caso di pyelonephritis cronico, i sintomi saranno completamente diversi. La malattia procede piuttosto calmo, ma con possibili focolai di esacerbazioni, nei loro sintomi simili alla forma acuta della malattia. Nella pielonefrite cronica, è importante capire che le frequenti recidive della malattia portano a compromissione della funzionalità renale, che può in seguito portare all'insufficienza renale.

Diagnosi della malattia

Affinché una diagnosi sia fatta con precisione, è necessario diagnosticare la malattia. Prima di scegliere il trattamento giusto, il medico deve capire quale forma di pielonefrite è stata applicata e anche quale sia stata la ragione del suo verificarsi. Quando si riferisce a un nefrologo, il medico ascolterà i vostri reclami, oltre a scrivere le istruzioni per un'analisi generale delle urine e l'analisi delle urine secondo Nechyporenko. Molto spesso, quando si ricevono i risultati dell'analisi delle urine, il medico vede un numero molto elevato di globuli bianchi, oltre a proteine, batteri e globuli rossi. Di solito, un medico esperto può diagnosticare immediatamente un test delle urine, ma può essere effettuata una diagnosi ecografica per chiarire la diagnosi.

Trattamento della pielonefrite

A seconda della forma di insorgenza e dell'insorgenza dei sintomi della malattia, dipende anche la tattica del trattamento. Nella pielonefrite lieve, la malattia si riduce alla terapia antibatterica e antinfiammatoria. Il trattamento dura circa 7 giorni. Nella forma acuta della malattia, l'obiettivo principale è fermare l'esacerbazione del ciclo degli antibiotici per almeno 14 giorni. Lo stesso metodo di trattamento è usato nella pielonefrite cronica. Con l'inefficacia della terapia antibiotica, così come il deterioramento della salute del paziente, è possibile che venga applicato un metodo chirurgico. Durante l'operazione, l'obiettivo è quello di pulire in modo rapido ed efficiente il rene dal processo infiammatorio e ripristinare il normale flusso di urina.