pielonefrite

Cistite

Tra le varie malattie del sistema urinario la pielonefrite, o l'infiammazione della pelvi renale e del parenchima renale, può essere definita la più frequente. Viene diagnosticato in vari gruppi di età della popolazione, e durante l'infanzia è paragonabile nella sua incidenza con patologie respiratorie acute, producendo solo un po '. Tra i pazienti adulti prevalgono ragazze e giovani donne e uomini più anziani. Perché questo accada, diventerà chiaro dopo aver chiarito le cause e i fattori predisponenti della malattia.

Cos'è la pielonefrite, le sue cause

L'infiammazione nei tessuti che formano il calice e il bacino renale, inizia come conseguenza della penetrazione di microrganismi patogeni in essi. Questo processo inizia, di regola, con la sconfitta delle singole strutture. Ma con lo sviluppo della malattia, l'infiammazione si diffonde ad altre coppe e bacino, così come all'interstizio dei reni. A poco a poco, cambiamenti patologici si verificano in tutto il corpo, che riduce significativamente la sua funzionalità.

La pielonefrite della malattia può essere causata da quei batteri che hanno la capacità di essere fissati sullo strato epiteliale che riveste il calice e il bacino. Questi sono due tipi di microrganismi: condizionatamente patogeni e patogeni. Gli agenti patogeni condizionali sono simbionti del corpo umano, costantemente coesistenti con esso. Ma con vari fattori avversi, diventano patogeni, cioè in grado di provocare il processo di infiammazione.

Gli agenti patogeni e patogeni condizionali della pielonefrite sono principalmente gli abitanti del tratto intestinale:

  • E. coli;
  • Proteus;
  • Enterococcus;
  • aureus;
  • streptococco;
  • Klebsiella.

Nella maggior parte dei casi clinici, ai pazienti viene assegnato non un solo microrganismo, ma due o più, cioè la microflora delle urine viene miscelata. Inoltre, nella forma cronica di pielonefrite, ridotta immunità e trattamento antibiotico a lungo termine, è possibile la stratificazione della flora fungina con lo sviluppo di candidosi nelle strutture urinarie dei reni.

La penetrazione di agenti patogeni nel sistema coppa-bacino è possibile in tre modi:

  • Ascendente, lungo il muro del tratto urinario.
  • Ematogena.
  • Linfonodale.

Il secondo in frequenza è il percorso ascendente, cioè la penetrazione di microrganismi o dalle parti inferiori del sistema urinario (vescica, uretra), o in generale dal perineo. Questo ultimo punto spiega l'incidenza più frequente di pielonefrite nelle donne rispetto agli uomini, a causa delle caratteristiche anatomiche. La via linfogena, come quella ematogena, è causata dalla diffusione dell'infezione da altri focolai attraverso i vasi linfatici.

Oltre alla causa principale della malattia, i microrganismi, ci sono una serie di fattori predisponenti. Se il paziente ha almeno uno di questi, allora lo sviluppo della pielonefrite può essere considerato al 100% m. Questi fattori avversi sono:

  • violazione del deflusso delle urine dal sistema di placenta della coppa del bacino, che provoca la pielonefrite ostruttiva;
  • disturbi circolatori e drenaggio linfatico nel rene.

Durante il normale deflusso di urina dai reni, tutti i microrganismi vengono rimossi insieme ad esso, anche dalle parti inferiori. Ogni minzione è una sorta di purificazione di tutti i canali urinari. Ma non appena inizia il ristagno delle urine, indipendentemente da quale livello, l'urina diventa un ambiente favorevole per l'attività vitale dei batteri. Sulla mucosa, si diffondono per tutto il tratto urinario, raggiungendo i reni, dove danno origine al processo infiammatorio.

Le cause più comuni di stasi urinaria sono vari ostacoli anatomici. Questo è un restringimento o flessione dell'uretere, il blocco dell'uretere con una pietra nella urolitiasi. Negli uomini più anziani, un restringimento dell'uretra nell'adenoma, il cancro o l'infiammazione della prostata diventa un fattore predisponente. Ci sono fattori funzionali che non sono correlati alla struttura anatomica. Questo è il trasferimento dell'urina dalla vescica all'uretere a causa del reflusso, una vescica neurogena.

Si creano condizioni molto favorevoli per lo sviluppo della pielonefrite durante la gravidanza. Il tono ridotto degli ureteri, della vescica e dell'uretra a causa di cambiamenti ormonali, così come la compressione di queste parti da parte dell'utero in crescita e la progressiva violazione del deflusso dell'urina - questi fattori determinano l'alta possibilità di patologia. Quasi il 2,5% delle donne in gravidanza si ammalano di pielonefrite ei ceppi di E. coli svolgono il ruolo principale in questo (63%). La pielonefrite dopo il parto è principalmente causata da enterococchi, molto meno spesso da Klebsiella, Proteus e vari cocchi.

Alcuni esperti tra le cause di questa patologia dei reni sono assegnati e fattori emotivi negativi, cioè psicosomatici. Si ritiene che una persona aperta e socievole che condivide i suoi problemi con altre persone non si ammalerà mai di pielonefrite, poiché non sperimenta la stagnazione delle emozioni negative. Viceversa, se una persona tiene tutto in sé ed è un introverso, allora i reni cominciano a soffrire e collassano rapidamente. Pertanto, secondo il parere di tali specialisti, si verifica la pielonefrite.

Forme della malattia

La pielonefrite renale può essere classificata secondo i seguenti criteri:

  • condizione di fondo dei reni;
  • volume della lesione;
  • caratteristiche della malattia.

A seconda di quale fosse lo stato dell'organo prima della manifestazione della malattia renale, la pielonefrite è primaria e secondaria. Teoricamente, la forma primaria della malattia è possibile sullo sfondo della salute assoluta dei reni. Ma, di regola, la forma secondaria associata a qualsiasi violazione dell'urodinamica (escrescenza delle urine) viene sempre diagnosticata, in questi casi prevale la pielonefrite ostruttiva.

Se i disturbi urodinamici si verificano su un lato, si manifesta una forma unilaterale della malattia. Quindi, quando un'infezione attraverso il sangue o la linfa entra nel secondo rene, si sviluppa la pielonefrite bilaterale. Quando si diffondono inizialmente vie ematogene o linfatiche di infezione, la malattia colpisce entrambi i reni contemporaneamente.

Secondo il corso clinico di pyelonephritis è diviso in affilato e cronico. La forma acuta è caratterizzata da un esordio brillante, un quadro clinico diversificato e sintomi intensamente pronunciati. Nella forma cronica, in cui è evidenziato anche il recidivo, la malattia procede a lungo, con riacutizzazioni e remissioni alternate, con una graduale e progressiva diminuzione della funzionalità renale.

Qual è il pericolo della pielonefrite

Una volta nel rivestimento endoteliale del calice renale, gli agenti causali della malattia causano un processo infiammatorio. La distruzione delle cellule e la proliferazione dei batteri inizia, in risposta a questo, il corpo mobilita le difese. Molte cellule speciali, chiamate linfociti T, si precipitano nei reni per distruggere i patogeni.

Come risultato della "lotta" in corso, intere parti dell'endotelio sono danneggiate, frammenti di queste cellule, così come tossine e patogeni stessi, entrano nel sangue, nella linfa e nelle urine. Questi processi determinano il quadro clinico della pielonefrite con le sue caratteristiche. Le aree più colpite del tessuto del rene, più pronunciato i sintomi della malattia.

Il processo di infiammazione, causando la distruzione delle strutture renali, porta alla loro sostituzione con un altro tessuto: connettivo. Di conseguenza, il rene perde interi frammenti che forniscono la sua funzionalità. Con ogni nuovo episodio di pyelonephritis acuto o l'esacerbazione della forma cronica di tali aree danneggiate diventa sempre più, e il tessuto connettivo gradualmente sostituisce l'intero organo, che conduce alla sua "perdita" completa per il corpo.

Se il processo infiammatorio è bilaterale, la perdita della capacità dei reni di svolgere le loro funzioni diventa pericolosa per la vita del paziente. In questi casi è necessaria l'emodialisi.

L'esito del processo infiammatorio può essere non solo una graduale "increspatura" del rene dovuta alla crescita del tessuto connettivo in esso. Ci sono anche complicazioni in più rapida evoluzione della pielonefrite: shock batteriotossico e sepsi. La mortalità da queste condizioni raggiunge più del 60%.

Segni di

Il quadro clinico della malattia dipende dalla sua forma, stadio, grado di disturbi urodinamici e gravità della sindrome da intossicazione, immunità e virulenza dell'agente infettivo. La forma acuta della malattia è caratterizzata da un decorso rapido e luminoso, una combinazione di sintomi generali e locali. I segni più comuni includono la sindrome da intossicazione grave (febbre, brividi, grave debolezza). A livello locale - dolore alla schiena, tensione muscolare sul lato del rene interessato, aumento della minzione e dolore. I sintomi e il trattamento della pielonefrite sono correlati; più grave è la malattia, più intenso dovrebbe essere il trattamento.

La forma cronica di pielonefrite nella maggior parte dei casi diventa il risultato di una cura acuta che non è curata. Se i segni di infiammazione possono essere fermati, ma i patogeni vitali rimangono nel corpo e rimangono le barriere al normale flusso di urina, allora l'insorgenza di pielonefrite cronica può essere considerata solo una questione di tempo. Prima o poi, che è determinato dallo stato di fondo del corpo, dall'immunità o dall'età, si svilupperà un processo infiammatorio cronico nel rene.

I sintomi locali della pielonefrite cronica sono particolarmente pronunciati nella forma secondaria della malattia, quando ci sono condizioni patologiche di fondo dei reni. I pazienti lamentano dolori alla schiena e disturbi della minzione. I segni comuni includono la sindrome di intossicazione, ma pronunciato non intensivo, pallore e gonfiore della pelle, aumento della pressione sanguigna.

L'uso attivo di agenti antibatterici negli ultimi decenni e la modificabilità dei patogeni hanno portato al fatto che le manifestazioni di pielonefrite sono diventate più sfocate, anche con una forma acuta. Cronico ha cominciato a procedere più latente, senza esacerbazioni pronunciate, che non si possono dire sulle sue conseguenze, che rimangono altrettanto pericolose. Maggiori dettagli sui segni clinici di varie forme di pielonefrite possono essere trovati in questo articolo.

Diagnosi della malattia

La comparsa di dolore lombare, febbre e disturbi disurici, debolezza e mancanza di appetito dovrebbe portare immediatamente il paziente a un appuntamento medico. Dopo aver esaminato il paziente, dopo aver ascoltato le sue lamentele e aver specificato le caratteristiche dell'inizio e del decorso della patologia, il medico sospetterà la presenza di malattie renali o di altre parti del sistema urinario. Per confermare o escludere la diagnosi di pyelonephritis, è necessario non solo tracciare la relazione di sintomi clinici tra di loro. La fase diagnostica più importante sono i test di laboratorio.

Processi distruttivi nelle coppe e nella pelvi renale troveranno sicuramente la manifestazione in tali mezzi biologici come sangue e urina. Pertanto, vengono sempre nominati esami del sangue clinici e biochimici. La pielonefrite è caratterizzata dai seguenti cambiamenti nel sangue, che possono essere rilevati, ma non in piena forza:

  • leucocitosi (aumento del numero totale di leucociti);
  • aumento della VES;
  • l'aspetto di giovani forme leucocitarie;
  • segni di anemia (riduzione del numero di globuli rossi e dei livelli di emoglobina);
  • livelli ridotti di proteine ​​totali;
  • aumento dei livelli di gamma globuline, alfa globuline, acido urico.

Oltre agli esami del sangue, l'urina del paziente viene necessariamente esaminata. Tali studi come un'analisi generale, secondo Nechiporenko, un campione di Amburget, Addis-Kacowski, i test provocatori con prednisone sono effettuati. I dati ottenuti aiutano a determinare il grado di batteriuria, l'acidità e il peso specifico dell'urina, la presenza di proteine, epitelio, leucociti, eritrociti, sali e altri componenti del sedimento urinario. La loro presenza è evidenza diretta o indiretta di pielonefrite.

In alcuni casi, richiede un esame strumentale del paziente. Ecografia utilizzata, metodo a radionuclidi, metodi a raggi X con agenti di contrasto, meno cistoscopia.

I principi di base del trattamento

È necessario iniziare a trattare la pielonefrite il prima possibile al fine di preservare la funzionalità della maggior parte delle strutture renali. Data la natura infettiva della malattia, la presenza di fattori predisponenti, i principali sintomi clinici, le principali aree terapeutiche sono:

  • controllo delle infezioni (farmaci antibatterici);
  • eliminazione dell'ostruzione degli ureteri o della pelvi renale, nonché altri ostacoli anatomici o neurogenici che rendono impossibile il normale deflusso delle urine;
  • ridurre la gravità della sindrome da intossicazione (bere più liquidi, riposo a letto, antipiretici);
  • correzione di potenza.

Particolare attenzione è rivolta al trattamento di una dieta, con la quale si può avere un effetto parsimonioso sui reni infiammati, normalizzare il metabolismo, rimuovere le tossine dal corpo, ripristinare la diuresi, ridurre la pressione sanguigna. La principale caratteristica della nutrizione è la limitazione di alimenti proteici, carboidrati e grassi non possono essere limitati. Che altro non è possibile con pielonefrite nei volumi precedenti - questo è il sale, la cui quantità giornaliera non dovrebbe essere superiore a 6 grammi. È importante mangiare più frutta possibile, diuretici vegetali (mirtilli rossi, mirtilli rossi, anguria).

Dettagli sui vari metodi di trattamento della pielonefrite acuta e cronica possono essere trovati in questo articolo.

La pielonefrite è prevenibile

Affinché la microflora infettiva penetri nei reni, è necessaria la presenza di vari fattori stimolanti. Si tratta di malattie renali e patologie concomitanti di altri organi interni, ridotta immunità. Pertanto, la prevenzione della pielonefrite, acuta o cronica, si basa principalmente sull'esclusione di questi fattori o sulla riduzione dei loro effetti sul corpo.

L'intera gamma di misure preventive per la pielonefrite può essere rappresentata come segue:

  • attività esterne (normalizzazione della nutrizione, riposo e lavoro, per evitare l'ipotermia);
  • misure interne finalizzate al trattamento delle patologie associate e all'eliminazione dei focolai infettivi (trattamento di carie, gastrite, vaginiti, uretrite e altre malattie infiammatorie).

Affinché durante la gravidanza non si verifichi la pielonefrite, la prevenzione dovrebbe essere mirata a ridurre la pressione dell'utero sulla vescica e sugli ureteri, normalizzando il tono delle loro pareti, ripristinando la funzione scheletrica dell'apparato legamentoso dell'utero. Per questo, è necessario effettuare ogni giorno elementi fattibili di ginnastica terapeutica.

Le conseguenze e le complicanze della pielonefrite possono essere molto pericolose per la salute e la vita del paziente. Pertanto, il trattamento della malattia deve essere iniziato in modo tempestivo, utilizzando un complesso di vari metodi.

Cos'è la pielonefrite renale e come viene trattata?

La pielonefrite è un'infiammazione batterica dei reni, è il risultato della diffusione di batteri dalla vescica. I sintomi di infiammazione dei reni sono dolore renale e febbre alta. L'infiammazione dei reni può portare a complicazioni come gravi malattie, come l'urosepsis (quando i batteri entrano nel sangue) o l'insufficienza renale. Cos'è la pielonefrite e come trattare la pielonefrite renale?

Caratteristica della malattia

La pielonefrite è una malattia infiammatoria dei reni causata da batteri. L'infiammazione acuta nei reni è una delle malattie più gravi del sistema urinario. Tipico di questa malattia è la necrosi purulenta. Un ascesso può svilupparsi nei reni. Nel decorso acuto della malattia, c'è un accumulo di essudato purulento nei reni. Questa condizione è chiamata pironefrosi. Per prevenire lo sviluppo del processo infiammatorio, è necessario iniziare immediatamente il trattamento con antibiotici. Come riconoscere i sintomi tipici della pielonefrite?

La malattia si sviluppa nei bambini e negli adulti a seguito di un'infezione batterica. I patogeni più comuni sono Escherichia Coli Gram-negativi. Questi batteri sono presenti nella normale flora fisiologica del colon umano. Svolgono una funzione importante nel corpo: prendono parte alla distruzione dei residui di nutrienti e alla sintesi di alcune vitamine. Ma se i microrganismi entrano nel sistema urinario, possono causare molte malattie. La pielonefrite si verifica più frequentemente in individui con anomalie congenite o acquisite del sistema urinario. Gli stati associati a una diminuzione delle funzioni del sistema immunitario contribuiscono allo sviluppo di microrganismi patogeni non solo nel sistema urinario, ma in tutto il corpo nel suo insieme.

Pielonefrite cronica

Questo è un processo infiammatorio nei reni, durante il quale il parenchima renale è cicatrizzato. Nel caso di pyelonephritis cronico, il dolore improvviso non è osservato (come nel corso acuto della malattia). La malattia è spesso accompagnata da ipertensione arteriosa. Il motivo più comune per cui i pazienti richiedono il parere di un medico sono i risultati scarsi dei test di laboratorio. Se un paziente ha un'infiammazione di entrambi i reni, si verifica una poliuria e una nicturia (minzione notturna) associate a una ridotta concentrazione di urina.

La pielonefrite cronica è associata a un flusso urinario alterato. La violazione del deflusso di urina provoca il verificarsi del suo volume specifico nella vescica, nonostante la minzione frequente. Questa condizione contribuisce allo sviluppo dell'infezione. Se non trattata, possono verificarsi complicazioni, come insufficienza renale.

Cause di patologia

Le cause della pielonefrite renale sono gli enterobatteri e lo stafilococco. L'infezione si verifica in un momento in cui il sistema immunitario umano è indebolito. Le persone che hanno assunto antibiotici o immunosoppressori per lungo tempo, così come le persone che hanno subito interventi chirurgici sulle vie urinarie sono a rischio di infezione. I microrganismi trasmessi sessualmente sono responsabili dell'infiammazione delle vie urinarie - clamidia, micoplasma, gonococco e virus. Il più spesso si sviluppano in donne che sono sessualmente attive. L'infiammazione del sistema genito-urinario è più frequente nelle donne che negli uomini. Ciò accade perché il tratto urinario di una donna è disposto in modo diverso: nelle donne l'uretra è più corta e per i batteri è più facile penetrarla.

Il rischio di malattia aumenta a causa di:

  • indebolire l'immunità del corpo;
  • gotta;
  • calcoli renali;
  • anomalie nella struttura delle vie urinarie;
  • diabete mellito.

L'infiammazione delle vie urinarie è particolarmente sensibile alle donne durante la gravidanza e gli anziani.

La bocca dell'uretra è abitata da alcuni tipi di batteri, la cui presenza non è associata alla comparsa del processo infiammatorio. I ceppi di batteri iniziano a moltiplicarsi quando le condizioni appaiono favorevoli nel corpo (ridotta immunità) e causano processi infiammatori nel tratto urinario.

I microrganismi che causano l'infiammazione del rene includono:

  • stafilococchi;
  • streptococchi;
  • E. batteri Coli;
  • gonococchi;
  • meno comunemente, i batteri della specie Proteus mirrabilis e Klebsiella pneumoniae.

La pielonefrite può anche essere causata da funghi o virus, quindi è necessaria una visita preliminare dal medico prima di iniziare un trattamento antibiotico per escludere altri fattori eziologici.

Fattori nello sviluppo dell'infiammazione renale

Ci sono fattori che contribuiscono all'infiammazione batterica dei reni. Prima di tutto, dovresti elencare tutte le condizioni associate al ristagno di urina o alle difficoltà nel suo passaggio. Queste condizioni includono:

  • restringimento o lesione dell'uretra;
  • nefrolitiasi;
  • ipertrofia prostatica negli uomini.

La difesa naturale contro l'ingresso di microrganismi patogeni nel tratto urinario superiore è la corretta peristalsi degli ureteri e della loro struttura.

L'atto stesso della minzione, cioè lo svuotamento della vescica, contribuisce alla pulizia fisica delle vie urinarie.

Altre condizioni di insorgenza della malattia

I fattori di rischio per l'infezione del tratto urinario sono:

  • età avanzata;
  • la gravidanza;
  • periodo postparto;
  • eventuali anomalie anatomiche delle vie urinarie;
  • cateterizzazione della vescica;
  • altre procedure strumentali all'interno del sistema urinario;
  • diabete mellito;
  • immunità ridotta.

I casi più comuni sono quelli in cui i batteri entrano nei reni dal tratto urinario. In rari casi (circa il 2%), i batteri entrano nei reni attraverso il sangue.

Sintomi principali

I sintomi di infezione del tratto urinario sono molti. I segni più comuni di infiammazione nei pazienti sono:

  • dolore o bruciore durante la minzione;
  • minzione frequente, causando il bisogno di svegliarsi di notte (nicturia);
  • dolore costante nella regione sovrapubica e nella parte bassa della schiena.

Succede che il paziente perda tutto o parte del controllo sul processo di minzione. Inoltre, possono esserci segni generali di infiammazione, come:

  • febbre alta;
  • nausea;
  • vomito;
  • dolore addominale;
  • mal di testa.

Ci può essere una scarica dall'uretra e l'escrezione delle urine diventa di colore torbido, può contenere sangue e ha un odore fetido.

Il medico al primo esame del paziente prescrive più spesso un'analisi generale delle urine e analisi che confermano la presenza di batteri e globuli bianchi nelle urine e altri segni del processo infiammatorio.

Dopo aver analizzato uno striscio uretrale o una coltura di urina, è possibile determinare con precisione il fattore eziologico dell'infezione, che accelera significativamente il trattamento usando l'antibiotico più appropriato.

Nel caso di infezioni ricorrenti del tratto urinario, sono necessarie ulteriori diagnosi per spiegare questa condizione. I difetti anatomici all'interno del tratto urinario vengono ricercati usando:

  • tomografia computerizzata;
  • Ultrasuoni degli organi pelvici;
  • urography.

Se l'infezione va ai reni, si verifica la malattia da pielonefrite. Sintomi di infiammazione renale:

  • febbre;
  • malessere generale;
  • forte dolore nella regione lombare, che è definito come dolore nei reni;
  • brividi;
  • vomito.

Devi sapere cos'è la pielonefrite pericolosa. Nel peggiore dei casi, si sviluppa l'urosepsis, cioè la sepsi dell'uretra. Quindi, il trattamento ospedaliero è necessario perché i batteri entrano nel flusso sanguigno, che è una vera minaccia per la vita del paziente. Sarà necessaria un'attenta osservazione delle funzioni vitali e un intenso trattamento antibiotico.

Metodi di trattamento

Nella stragrande maggioranza dei casi, il processo infiammatorio del sistema urinario è semplice e termina con un recupero rapido e completo dopo terapia antibatterica a breve termine. Non richiede esami di follow-up, ma solo una corretta igiene del sistema urinario.

Tuttavia, se il processo infiammatorio è complicato e viene diagnosticata la pielonefrite, potrebbe essere necessario indirizzare il paziente all'ospedale.

Il trattamento con antibiotici, di regola, inizia con la somministrazione endovenosa e poi viene somministrato per via orale. La scelta del farmaco dipende dai risultati dell'analisi delle urine e delle emocolture, che consentono di determinare con precisione il fattore eziologico.

Nel trattamento dell'infiammazione batterica dei reni, anche la terapia sintomatica è necessaria, pertanto il paziente è raccomandato:

  • ricreazione;
  • prendere una grande quantità di liquido;
  • assumere droghe con antipiretici, analgesici e talvolta con effetti antiemetici.

Dopo la scomparsa della febbre e il miglioramento delle condizioni cliniche del paziente, il medico prescrive il trattamento con antibiotici per via orale. Per il trattamento della pielonefrite acuta di solito richiede 10-14 giorni di terapia in ambiente ambulatoriale.

Come trattare la pielonefrite? I gruppi di antibiotici più comunemente usati sono i fluorochinoloni, gli aminoglicosidi e le cefalosporine di terza generazione.

Spesso il trattamento richiede restrizioni dietetiche. La dieta è limitare la quantità di sale, proteine ​​consumate e il consumo di un numero appropriato di calorie.

In caso di complicazioni della malattia e dello sviluppo di insufficienza renale, è necessario il trattamento sotto forma di emodialisi o trapianto di rene.

prevenzione

Vale la pena menzionare modi per prevenire le condizioni con un'infiammazione pronunciata dei reni. I principali sono i seguenti:

  • corretta igiene del sistema urinario;
  • assunzione di liquidi appropriata;
  • evitare la disidratazione;
  • prevenire l'uso di un eccesso di farmaci che danneggiano i reni;
  • prevenire l'esposizione a tossine ambientali;
  • prevenzione di infezioni batteriche e virali;
  • le vaccinazioni;
  • monitoraggio sistematico da parte di un medico.

La prevenzione si basa sul rafforzamento del sistema immunitario, sul trattamento tempestivo delle malattie infettive e infiammatorie e sul contatto con i medici se si sospetta una malattia. Ti benedica!

Pyelonephritis di malattia renale

La pielonefrite è la malattia più comune tra le malattie infiammatorie renali.

La pielonefrite è una malattia infiammatoria infettiva dei reni, che interessa inizialmente il sistema calico-pelvico e i canalicoli, per poi diffondersi ai glomeruli e ai vasi renali.

CAUSE DI MALATTIA

Pyelonephritis secondo le statistiche è trovato in ogni decima persona. In termini di frequenza di insorgenza, è inferiore solo alle malattie infettive dei polmoni e del tratto respiratorio. La pielonefrite può presentarsi come una malattia indipendente e come complicazione dopo una varietà di disturbi. La causa della comparsa della malattia è spesso l'infezione: sinusite, tonsillite, carie dentaria, processi infiammatori nella cavità addominale, nei polmoni o nei genitali.

La pielonefrite può apparire come risultato dell'ingestione del flusso sanguigno di Escherichia coli, che di solito non è pericoloso. Ma semplicemente ottenere microbi nel tessuto renale per lo sviluppo della pielonefrite non è sufficiente.

La malattia succede sotto l'influenza di un complesso di ragioni:

- mancanza di vitamine nel corpo,

La maggior parte contribuisce alla comparsa di pielonefrite che provoca un ritardo nel deflusso delle urine. Questi possono essere:

- pietre negli ureteri e nella vescica,

- adenoma prostatico negli uomini,

- Difetti congeniti del sistema urinario.

La pielonefrite e l'urolitiasi sono strettamente collegate l'una all'altra. L'infiammazione stimola la formazione di calcoli e pietre, rendendo difficile l'eliminazione dell'urina, contribuisce all'infiammazione della pelvi renale.

Tra i pazienti con pielonefrite, predominano le donne. Molto spesso, la malattia si verifica durante la gravidanza. Questo perché l'utero allargato schiaccia gli ureteri e il flusso delle urine è disturbato. E a volte la gravidanza aiuta semplicemente a identificare un processo infiammatorio pigro e invisibile nel sistema urinario.

CLASSIFICAZIONE

In generale, la classificazione della malattia è la seguente:

Dalla natura del flusso:

Dal numero di reni colpiti:

Come la pervietà del tratto urinario:

Secondo le condizioni di insorgenza della malattia:

Forme rare della malattia:

La pielonefrite del lato destro, è più comune a causa delle caratteristiche anatomiche e fisiologiche della struttura del rene destro, contribuendo al ristagno di urina in esso.

Le forme di pielonefrite si manifestano sia nella progressione acuta che cronica della malattia. I casi primari sono quando la malattia non è stata preceduta da danni ai reni e alle vie urinarie. Secondario è chiamato pielonefrite, che è stata preceduta da lesioni funzionali o organiche dei reni o delle vie urinarie, come pietre o malformazioni.

Pielonefrite acuta e le cause della sua comparsa

Esistono le seguenti forme di pielonefrite acuta:

A loro volta, sono divisi in:

Prognosi - come un recupero completo o transizione della malattia allo stadio cronico.

Pielonefrite sierosa procede più calmo.

Per la forma purulenta della malattia è caratterizzata da un flusso rapido.

Secondo le condizioni di insorgenza della malattia, la pielonefrite acuta può essere secondaria. Si distingue da quello primario per una maggiore manifestazione dei sintomi locali, che rende possibile riconoscere più rapidamente e con precisione la malattia.

Tra le cause della pielonefrite acuta secondaria in primo luogo vi sono le pietre nei reni e negli ureteri, seguite da anomalie nello sviluppo delle vie urinarie, gravidanza, restringimento dell'uretere e dell'uretra, adenoma prostatico.

Lo sviluppo della pielonefrite acuta è influenzato dallo stato del sistema immunitario e dalla salute del corpo nel suo complesso. La probabilità di ammalarsi è maggiore nelle persone che hanno avuto una malattia grave, che stanno vivendo carenze vitaminiche, affaticamento, ipotermia, diabete mellito e donne in gravidanza. Altrettanto importanti sono le difficoltà con il ritiro dell'urina e il reflusso vescico-ureterale - una condizione patologica in cui vi è un'espulsione inversa dell'urina dalla vescica nell'uretere.

La pielonefrite acuta si verifica nelle donne cinque volte più spesso che negli uomini. Ciò è dovuto al percorso dell'infezione, che è fortemente facilitato da una breve uretra femminile situata vicino alla vagina e al retto.

Le cause della pielonefrite acuta negli uomini sono la prostatite, i calcoli nella vescica o il suo tumore.

La pielonefrite acuta si sviluppa rapidamente, le condizioni generali del paziente sono gravi con febbre, brividi e alta, fino a 39-40 ° C, febbre, dolore lombare (oltre a muscoli e articolazioni), frequente e dolorosa produzione di urina dal corpo, sudorazione profusa, nausea, vomito bocca secca Il mal di schiena può essere sia unilaterale che bilaterale. Inoltre, i pazienti possono soffrire di mancanza di appetito, esperienza del dolore nella parte superiore dell'addome e dolore lombare aggravato dal camminare, semplicemente muovendo o battendo l'area dei reni. Per la pielonefrite acuta, l'edema e l'ipertensione non sono tipici.

I pazienti possono sviluppare un sintomo psoas - una postura accettata forzatamente con una riduzione al tronco delle estremità. Ciò è causato dalla transizione dell'infiammazione alla cellulosa peri-renale e, di conseguenza, dalla reazione difensiva del corpo sotto forma di tensione del muscolo lombare. Nel caso della malattia sullo sfondo dello sviluppo di un processo purulento in cui i coaguli di pus ostruiscono l'uretere, il dolore può essere lo stesso della colica renale.

DIAGNOSTICA DELLA PIELONEFRITE ACUTA

Quando si diagnostica la pielonefrite acuta, i seguenti sintomi secernono esternamente:

La fonte principale nella diagnosi di pielonefrite acuta è l'urina. Se il numero di leucociti è al di sopra della norma, l'analisi viene ripetuta. Viene inoltre eseguito un en gibiogramma: è una coltura di microbi che consente di determinare il tipo di agente infettivo e la sua sensibilità agli antibiotici.

Gli agenti patogeni possono essere:

Importante nella diagnosi e analisi del sangue: un'analisi complessiva e analisi biochimiche.

In generale, vengono rilevati cambiamenti infiammatori generali.

Quando biochimico - lo sviluppo di insufficienza renale.

Inoltre, per determinare la causa del ritardo, il deflusso di urina mediante ultrasuoni dei reni, che aiuta il medico a scegliere la tattica del trattamento. Con l'aiuto degli ultrasuoni, è possibile determinare il processo purulento e la presenza di pietre.

Se il sangue viene trovato nelle urine, ai pazienti viene assegnato un urrgrafia escretoria. In questo studio, una sostanza radiopaca viene iniettata per via endovenosa e vengono prese diverse radiografie, in cui i reni, il tratto urinario e tutti i cambiamenti patologici in essi sono chiaramente visibili.

I metodi endoscopici e strumentali includono cromocitoscopia, ecografia, tomografia computerizzata a raggi X. Nei casi difficili, una biopsia di aspirazione del rene viene eseguita sotto il controllo di un'ecografia settoriale.

Diagnosi differenziata - con cistite acuta. Fai un test a tre vetri. Quando pielonefrite nel terzo campione, il numero di elementi formati è inferiore. Inoltre, la pielonefrite acuta è caratterizzata da difficoltà molto più pronunciate nella minzione, mancanza di sangue nelle urine e dolore alla fine della minzione.

TRATTAMENTO DELLA PYELONEFRITE ACUTA

Se le forme semplici di pyelonephritis affilato possono esser curate a casa sotto supervisione medica. In questo caso, al paziente viene prescritta una dieta salva, bevendo abbondantemente circa 2-3 litri al giorno, avvolgendo la regione lombare, assumendo * sotto forma di compresse antibiotiche e nitrofuraniche. Molto spesso questo è sufficiente per un malato di recuperare in 5-7 giorni. Ma se la malattia non diminuisce, ripetere i test del sangue e delle urine, gli ultrasuoni. È anche meglio consultare un ginecologo o un urologo.

Nelle forme gravi di pielonefrite acuta, i pazienti vengono inviati negli ospedali medici. Con le forme sierose della malattia - nel reparto terapeutico, con purulento e secondario - nel urologico. Nel reparto terapeutico, ai pazienti vengono prescritti antibiotici, farmaci sulfa e agenti antibatterici.

Nel reparto di urologia, si raccomanda un esame, e se risulta che il rene è coperto di pustole, il medico può suggerire un'operazione per aprire le pustole e pulire il rene ei tessuti circostanti. A volte nei casi più gravi, il rene deve essere rimosso. Un'indicazione per il trattamento chirurgico può anche servire come un ascesso, un carbonchio del rene, la forma apostematica di pielonefrite.

Gli analgesici possono essere assunti per il dolore al rene.

Le candele con belladonna, papaverina e luminal sono raccomandate per il taglio durante la minzione, l'aumento o il ritardo del deflusso delle urine, l'incontinenza notturna e urinaria.

Il riscaldamento locale ha un buon effetto. Allo stesso tempo usare bottiglie d'acqua calda, sollux o diatermia. Sollux è uno speciale irradiatore a infrarossi, ovvero una lampada ad incandescenza posizionata in un riflettore. La radiazione infrarossa calda penetra nei tessuti del corpo più in profondità rispetto ad altri tipi di energia luminosa, che provoca il riscaldamento dell'intero spessore della pelle e in parte dei tessuti sottocutanei.

La diatermia è un metodo che consiste nell'esposizione locale o generale del corpo di un paziente a una corrente elettrica alternata di alta frequenza e alta resistenza, che porta ad un aumento della temperatura del tessuto.

Nelle forme gravi di pielonefrite acuta, i pazienti hanno solo riposo a letto, con una dieta delicata, da cui tutto è affilato, affumicato, in scatola e altri prodotti che influenzano negativamente i reni. Puoi mangiare la ricotta, il kefir, i piatti leggeri di farina, i frutti crudi e bolliti. Per quanto riguarda il sale da tavola, la sua quantità è limitata solo leggermente, a soli 4-6 g al giorno. La cosa principale nella dieta è bere molti liquidi. È meglio se è succo di mirtillo, ma puoi usare e succo. Il paziente ha bisogno di bere ogni 2 ore in un bicchiere di liquido, in modo che diventi da 2 a 2,5 litri al giorno.

Nel trattamento della pielonefrite acuta è spesso abbastanza lungo. Solo i farmaci antibatterici devono essere assunti almeno un mese e mezzo e gli antibiotici - anche più a lungo. E non pensare che tutto sia dietro e puoi calmarti, se non ci sono più segni della malattia - la temperatura si è abbassata, i brividi sono scomparsi, il dolore si è attenuato e l'urina è diventata il solito colore giallo chiaro. La pielonefrite è una malattia molto pericolosa che deve essere curata fino alla fine, altrimenti la forma acuta può diventare cronica.

La prevenzione della pielonefrite acuta si riduce al trattamento e, soprattutto, alla prevenzione dell'insorgere di carie, tonsillite cronica, sinusite, colecistite cronica, appendicite cronica, nonché i motivi che impediscono la produzione di urina. Un ruolo importante nella prevenzione è giocato dalla lotta contro la stitichezza, il trattamento della colite e l'igiene personale. Le donne incinte, in particolare quelle con feti multipli, polidramnios, feti grandi e bacino stretto, dovrebbero eseguire analisi batteriologiche e urodinamiche almeno una volta al mese.

Dopo che il paziente è dimesso dall'ospedale, viene monitorato dal terapeuta o dall'urologo per almeno 6 mesi. In questo momento è necessario fare un'analisi delle urine mensile. La rimozione dal registro è possibile solo con il pieno recupero e nessun cambiamento nei test delle urine.

L'articolo utilizza materiali provenienti da fonti aperte: Autore: Trofimov S. - Libro: "Malattie renali"

sondaggio:

Condividi il post "pielonefrite da malattie renali - cause della malattia, classificazione, diagnosi, trattamento"

Pyelonephritis - quello che è, sintomi, primi segni, trattamento e conseguenze

Una delle più comuni malattie urologiche di natura infettiva, che colpisce il sistema a coppa-bacino e il parenchima renale, è la pielonefrite. Questa patologia piuttosto pericolosa in assenza di un trattamento tempestivo e competente può portare a una violazione delle funzioni escretorie e di filtraggio dell'organo.

Che tipo di malattia renale è, perché è così importante conoscere i primi sintomi e consultare un medico in tempo, e anche a che cosa inizia il trattamento delle diverse forme di pielonefrite, sarà discusso ulteriormente nell'articolo.

Cos'è la pielonefrite?

La pielonefrite è una malattia infiammatoria del rene, caratterizzata da danni al parenchima renale, alle coppe e alla pelvi renale.

Nella maggior parte dei casi, la pielonefrite è causata dalla diffusione di infezioni dalla vescica. I batteri entrano nel corpo dalla pelle attorno all'uretra. Poi si sollevano dall'uretra nella vescica e poi entrano nei reni, dove si sviluppa la pielonefrite.

La pielonefrite può essere una malattia indipendente, ma più spesso complica il decorso di varie malattie (urolitiasi, adenoma prostatico, malattie degli organi genitali femminili, tumori del sistema urogenitale, diabete mellito) o si presenta come una complicanza postoperatoria.

classificazione

La pielonefrite renale è classificata:

  1. A causa dello sviluppo - primario (acuto o non ostruttivo) e secondario (cronico o ostruttivo). La prima forma è il risultato di infezioni e virus in altri organi, e la seconda è l'anomalia dei reni.
  2. Nella posizione dell'infiammazione - bilaterale e unilaterale. Nel primo caso, entrambi i reni sono affetti, nel secondo - solo uno, la malattia può essere lasciata o destra.
  3. La forma di infiammazione del rene - sierosa, purulenta e necrotica.
  • La pielonefrite acuta è causata dall'ingestione di un gran numero di microrganismi nei reni, nonché dall'indebolimento delle proprietà protettive dell'organismo (debole immunità, raffreddore, affaticamento, stress, cattiva alimentazione). Il processo infiammatorio è pronunciato brillante. Il più delle volte, viene diagnosticato in donne in gravidanza, il cui corpo è particolarmente vulnerabile.
  • Qual è la pielonefrite cronica? Questa è la stessa infiammazione dei reni, caratterizzata solo da un decorso latente. A causa di cambiamenti nel sistema urinario, il deflusso delle urine viene disturbato, in conseguenza del quale l'infezione raggiunge i reni in modo ascendente.

Secondo le fasi del flusso:

  • L'infiammazione attiva è caratterizzata da sintomi: febbre, pressione, dolore all'addome e bassa schiena, minzione frequente, edema;
  • L'infiammazione latente è caratterizzata dall'assenza di qualsiasi sintomo e, di conseguenza, dalle lamentele del paziente. Tuttavia, la patologia è visibile nell'analisi delle urine;
  • Remissione - non ci sono patologie nelle urine e nei sintomi.

cause di

Nella pielonefrite, come abbiamo già indicato, i reni sono colpiti e fondamentalmente l'effetto dei batteri porta a questo risultato. I microrganismi, che sono comparsi nella pelvi renale o in essa in maniera urogenogenica o ematogena, sono depositati nel tessuto interstiziale del rene, così come nel tessuto del seno renale.

La malattia può verificarsi a qualsiasi età. Più spesso si sviluppa la pielonefrite:

  • nei bambini di età inferiore ai 7 anni (la probabilità di comparsa di pielonefrite aumenta a causa della natura dello sviluppo anatomico);
  • giovani donne di età compresa tra 18 e 30 anni (l'insorgenza di pielonefrite è associata con l'inizio dell'attività sessuale, la gravidanza e il parto);
  • negli uomini anziani (con ostruzione delle vie urinarie dovuta allo sviluppo dell'adenoma prostatico).

Qualsiasi motivo organico o funzionale che impedisca il normale flusso di urina, aumenta la probabilità di sviluppare la malattia. Spesso la pielonefrite compare nei pazienti con urolitiasi.

La causa più comune di infiammazione delle vie urinarie è:

  1. Batterio Kolya (E. coli), stafilococco o enterococco.
  2. Altri batteri gram-negativi hanno meno probabilità di provocare un processo infiammatorio aspecifico.
  3. Spesso i pazienti presentano forme combinate o multiresistenti di infezione (queste ultime sono il risultato di un trattamento antibatterico incontrollato e non sistematico).

Modi di infezione:

  • Ascendente (dal retto o dai fuochi dell'infiammazione cronica, situato negli organi urogenitali);
  • Ematogena (realizzata attraverso il sangue). In questa situazione, la fonte dell'infezione può essere qualsiasi lesione distante situata al di fuori del tratto urinario.

Per il verificarsi di pielonefrite non è sufficiente una penetrazione della microflora nel rene. Per questo, inoltre, sono necessari fattori predisponenti, tra i quali i principali sono:

  1. violazione del deflusso di urina dal rene;
  2. disturbi della circolazione sanguigna e linfatica nell'organo.

Tuttavia, si ritiene che in alcuni casi, microrganismi altamente patogeni possono causare pielonefrite acuta nei reni intatti in assenza di cause predisponenti.

Fattori che aiuteranno i batteri a svilupparsi negli organi appaiati:

  • Mancanza di vitamine;
  • Immunità ridotta;
  • Stress cronico e superlavoro;
  • la debolezza;
  • Malattia renale o predisposizione genetica alla rapida sconfitta degli organi appaiati.

Sintomi di pyelonephritis in adulti

I sintomi della pielonefrite possono variare a seconda dell'età della persona e possono includere quanto segue:

  • malessere generale;
  • Febbre e / o brividi, specialmente nel caso di pyelonephritis affilato;
  • Nausea e vomito;
  • Dolore al lato sotto le costole inferiori, nella parte posteriore, che irradia verso la fossa iliaca e l'area sovrapubica;
  • Confusione di coscienza;
  • Minzione frequente e dolorosa;
  • Sangue nelle urine (ematuria);
  • Urina torbida con un odore pungente.

La pielonefrite è spesso accompagnata da disturbi disurici, manifestati sotto forma di minzione frequente o dolorosa, separazione delle urine in piccole porzioni, predominanza della diuresi notturna durante il giorno.

Sintomi di pyelonephritis renale acuto

In questa forma, la pielonefrite si verifica in concomitanza con sintomi quali:

  • febbre alta, brividi. I pazienti hanno aumentato la sudorazione.
  • Il rene dal lato della lesione fa male.
  • A 3-5 giorni dalla manifestazione della malattia con la palpazione, si può determinare che il rene interessato è in uno stato ingrandito, inoltre, è ancora doloroso.
  • Inoltre dal terzo giorno il pus viene rilevato nelle urine (che è indicato dal termine medico piuria).
  • Brividi e febbre sono accompagnati da mal di testa, dolori alle articolazioni.
  • In parallelo a questi sintomi, c'è un aumento del dolore nella regione lombare, principalmente questo dolore si manifesta ancora dal lato con cui il rene è interessato.

Segni di Pyelonephritis cronico

I sintomi della forma cronica della malattia renale sono molto condizionati e il decorso non ha segni pronunciati. Spesso il processo infiammatorio nella vita di tutti i giorni viene percepito come un'infezione respiratoria:

  • debolezza muscolare e mal di testa;
  • temperatura febbrile

Tuttavia, oltre a questi segni caratteristici della malattia, il paziente ha una minzione frequente, con la comparsa di un odore sgradevole di urina. Nella regione lombare, una persona sente un dolore dolorante costante, sente il desiderio di urinare frequentemente.

I sintomi comuni tardivi della pielonefrite cronica sono:

  • secchezza della mucosa orale (inizialmente insignificante e incostante)
  • disagio nella regione surrenale
  • bruciore di stomaco
  • eruttazione
  • passività psicologica
  • gonfiore del viso
  • pallore della pelle.

Tutto questo può servire come manifestazione di insufficienza renale cronica e sono caratteristici del danno renale bilaterale, il rilascio di fino a 2-3 litri di urina al giorno o più.

complicazioni

Gravi complicanze della pielonefrite includono:

  • insufficienza renale;
  • paranephritis;
  • sepsi e shock batterico;
  • germogli di carbonchio.

Qualsiasi di queste malattie ha gravi conseguenze per il corpo.

Tutti i suddetti sintomi e segni di malattia urologica dovrebbero avere un'adeguata valutazione medica. Non dovresti tollerare e sperare che tutto si formi da solo, così come impegnarsi in un'autotrattamento senza un precedente esame di un medico.

diagnostica

La diagnosi di infiammazione della pelvi renale e del parenchima renale, come al solito, inizia con un esame generale dopo la raccolta dei reclami del paziente. Gli studi strumentali e di laboratorio che danno un quadro completo di ciò che sta accadendo stanno diventando obbligatori.

I metodi di laboratorio includono:

  1. Analisi delle urine generali: un aumento del numero di leucociti e batteri nel campo visivo viene rilevato durante la semina del sedimento urinario su un vetrino. L'urina normale dovrebbe essere di natura acida, con una patologia infettiva, diventa alcalina;
  2. Analisi del sangue clinico generale: tutti i segni di un processo infiammatorio compaiono nel sangue periferico, il tasso di sedimentazione degli eritrociti aumenta e il numero di leucociti nel campo visivo aumenta in modo significativo.
  • nel test del sangue è determinato dall'aumento dei leucociti con uno spostamento della formula a sinistra, accelerato ESR;
  • urina torbida con muco e scaglie, a volte ha un odore sgradevole. Rivela una piccola quantità di proteine, un numero significativo di globuli bianchi e globuli rossi isolati.
  • la vera batteriuria è determinata nelle colture di urina: il numero di corpi microbici per millilitro di urina è> 100 mila.
  • Il test di Nechiporenko rivela la predominanza dei leucociti nella porzione centrale dell'urina rispetto agli eritrociti.
  • in un processo cronico, si osservano cambiamenti nelle analisi biochimiche: un aumento della creatinina e dell'urea.

Tra i metodi di ricerca strumentale prescritti:

  • Ultrasuoni dei reni e dell'addome;
  • tomografia computerizzata o raggi X per rilevare i cambiamenti nella struttura del rene interessato.

Trattamento della pielonefrite renale

Il trattamento della pielonefrite renale deve essere completo, compresi i metodi di trattamento farmacologico e fisioterapico. Completamente trattato con malattia renale contribuisce al rapido recupero del paziente da una patologia infettiva.

di farmaci

L'obiettivo del trattamento farmacologico è mirato non solo a distruggere gli agenti infettivi e ad alleviare i sintomi sintomatici, ma anche a ripristinare le funzioni vitali del corpo mentre la pielonefrite è progredita.

  1. Antibiotici. Durante le esacerbazioni, non possono fare a meno di loro, ma è ottimale se sono prescritti da un medico, ancora meglio, se allo stesso tempo spiega come raccogliere e dove passare l'urina per la semina sulla microflora e la sensibilità agli antibiotici. Il più delle volte in pratica ambulatoriale sono utilizzati:
    • penicilline protette (Augmentin),
    • Cefalosporine di seconda generazione (Ceftibuten, Cefuroxime),
    • fluorochinoloni (ciprofloxacina, norfloxacina, ofloxacina)
    • nitrofurans (Furadonin, Furamag), così come Palin, Biseptol e Nitroxoline.
  2. Farmaci diuretici: prescritto per la pielonefrite cronica (per rimuovere l'eccesso di acqua dal corpo e possibile edema), con acuto non è prescritto. Furosemide 1 compressa 1 volta a settimana.
  3. Immunomodulatori: aumentano la reattività del corpo con la malattia e per prevenire l'esacerbazione della pielonefrite cronica.
    • Timalin, per via intramuscolare su 10-20 mg una volta al giorno, 5 giorni;
    • T-activin, per via intramuscolare, 100 mcg 1 volta al giorno, 5 giorni;
  4. Multivitaminici, (Duovit, 1 compressa 1 volta al giorno), la tintura di Ginseng - 30 gocce 3 volte al giorno, sono utilizzati anche per aumentare l'immunità.
  5. I farmaci antinfiammatori non steroidei (Voltaren) hanno effetti anti-infiammatori. Voltaren dentro, su 0,25 g 3 volte al giorno, dopo pasto.

Il trattamento della pielonefrite cronica viene eseguito secondo gli stessi principi della terapia del processo acuto, ma è più duraturo e più laborioso. La terapia della pielonefrite cronica comprende le seguenti misure terapeutiche:

  • eliminazione dei motivi che hanno portato all'ostruzione del deflusso delle urine o alla compromissione della circolazione renale;
  • terapia antibatterica (il trattamento è prescritto tenendo conto della sensibilità dei microrganismi);
  • normalizzazione dell'immunità generale.

Il compito del trattamento nel periodo di esacerbazione è ottenere una remissione completa clinica e di laboratorio. A volte anche un trattamento di 6 settimane con antibiotici non dà il risultato desiderato. In questi casi, in pratica lo schema quando per sei mesi su base mensile è assegnato ad alcun farmaco antibatterico per 10 giorni (ogni volta - l'altra, ma tenendo conto della sensibilità dello spettro), e altre volte - erbe diuretiche.

Trattamento chirurgico

L'intervento chirurgico è prescritto nel caso in cui durante il trattamento conservativo le condizioni del paziente rimangano gravi o peggiorino. Di regola, la correzione chirurgica è effettuata quando un pyelonephritis purulento (apostemozny), un ascesso o un rene di carbonchio è rivelato.

Durante l'operazione, il chirurgo esegue il ripristino del lume dell'uretere, l'escissione del tessuto infiammatorio e la creazione di drenaggio per il deflusso di liquido purulento. Se il parenchima renale viene significativamente distrutto, viene eseguita un'operazione - nefrectomia.

Dieta e corretta alimentazione

L'obiettivo perseguito dalla dieta per la pielonefrite -

  • risparmiando la funzione renale, creando condizioni ottimali per il loro lavoro,
  • normalizzazione del metabolismo non solo nei reni, ma anche in altri organi interni,
  • abbassando la pressione sanguigna
  • riduzione dell'edema,
  • massima escrezione di sali, sostanze azotate e tossine dal corpo.

Secondo la tabella delle tabelle mediche secondo Pevzner, la dieta con pielonefrite corrisponde alla tabella n. 7.

La caratteristica generale del tavolo di trattamento n. 7 è una piccola restrizione delle proteine, mentre i grassi e i carboidrati corrispondono alle norme fisiologiche. Inoltre, la dieta dovrebbe essere fortificata.

Prodotti che devono essere limitati o, se possibile, esclusi per il periodo di trattamento:

  • brodi e zuppe di carne, brodo di pesce - si tratta dei cosiddetti "primi" brodi;
  • primi piatti di legumi;
  • pesce in forma salata e affumicata;
  • eventuali varietà grasse di pesce di fiume e di mare;
  • caviale di qualsiasi pesce;
  • frutti di mare,
  • carne grassa;
  • lardo e grasso;
  • pane con sale;
  • qualsiasi prodotto di farina con aggiunta di sale;
  • funghi di qualsiasi tipo e cucinati in qualsiasi modo;
  • tè e caffè forti;
  • cioccolato;
  • confetteria (torte e torte);
  • acetosa e spinaci;
  • ravanello e ravanello;
  • cipolle e aglio;
  • salsicce e salsicce - bollite, affumicate, fritte e al forno;
  • eventuali prodotti affumicati;
  • formaggi affettati e grassi;
  • carne e pesce in scatola;
  • sottaceti e sottaceti;
  • panna acida ad alto contenuto di grassi.

Alimenti ammessi:

  • Carni magre, pollame e pesce. Nonostante il fatto che i cibi fritti siano accettabili, si consiglia di bollire e cuocere a vapore, cuocere a fuoco lento e cuocere senza sale o spezie.
  • Le bevande sono consigliate per bere più tè verde, varie bevande alla frutta, composte, tisane e decotti.
  • Zuppe povere di grassi, preferibilmente su base vegetale vegetariana.
  • Le verdure più preferite per questa dieta - zucca, patate, zucchine.
  • I cereali dovrebbero essere evitati, ma il grano saraceno e l'avena sono accettabili e utili in questa malattia.
  • Si consiglia di mangiare il pane senza l'aggiunta di sale, non è consigliato immediatamente. Si consiglia di fare un toast di pane, asciugarlo nel forno. Sono ammessi anche pancakes, pancakes.
  • Quando pielonefrite è consentito prodotti lattiero-caseari, se sono senza grassi o a basso contenuto di grassi.
  • I frutti possono essere consumati in qualsiasi quantità, sono utili nel processo infiammatorio dei reni.

Dieta con pielonefrite facilita il lavoro dei reni malati e riduce il carico su tutti gli organi del sistema urinario.

Rimedi popolari

Prima di usare rimedi popolari per la pielonefrite, assicurati di consultare il tuo medico, perché Ci possono essere controindicazioni individuali da usare.

  1. 10 grammi di raccolta (preparati da foglie di mirtillo rosso, farfara, fragole, fiordaliso, erba veronica di bosco, ortica e seme di lino) versare acqua bollente (0,5 litri) e riporre in un thermos per 9 ore. È necessario consumare 1/2 tazza almeno 3 volte al giorno.
  2. Il succo di zucca è particolarmente richiesto, che ha un forte effetto anti-infiammatorio durante la cistite e la pielonefrite. Dal vegetale, puoi cucinare te stesso porridge medicinali per colazione o cucinarlo per una coppia, così come nel forno.
  3. Seta di mais - capelli di mais maturo - come diuretico con maggiore pressione. Inoltre, la pianta ha un effetto antispasmodico, che eliminerà la sindrome del dolore nel processo infiammatorio nei reni e in altre parti del corpo, tuttavia, se i coaguli di sangue si formano troppo spesso nel sangue del paziente, la seta di mais dovrà essere abbandonata.
    • Asciugare e macinare la pianta.
    • Versare 1 cucchiaio di pelo con 1 tazza di acqua bollente.
    • Cuocere per 20 minuti.
    • Insistere 40 minuti.
    • Prendi 2 cucchiai. decotto ogni 3 ore.
  4. Raccolta di pyelonephritis di rene: 50 g - coda di cavallo, fragole (bacche) e bacche di rosa canina; 30 g - ortica (foglie), piantaggine, mirtillo rosso e uva ursina; su 20 g - luppolo, ginepro e foglie di betulla. L'intera composizione medicinale mescola e riempie 500 ml di acqua. Porta a ebollizione tutta la massa medica. Dopo il filtraggio, utilizzare 0,5 tazze 3 volte al giorno.

prevenzione

Per la prevenzione della pielonefrite raccomandata:

  • visitare un urologo (una volta ogni 3-4 mesi);
  • tempo di trattare le malattie urologiche e ginecologiche;
  • consumare grandi quantità di liquidi per normalizzare il flusso di urina;
  • evitare l'ipotermia;
  • condurre uno stile di vita sano;
  • attenersi a una dieta equilibrata;
  • non abusare di alimenti proteici;
  • per gli uomini, per controllare lo stato del sistema urinario, soprattutto se in passato ci sono state trasferite malattie urologiche;
  • in presenza di urgenza di urinare per non ritardare il processo;
  • seguire le regole dell'igiene personale.

La pielonefrite renale è una malattia grave che deve essere trattata quando compaiono i primi segni in modo che non ci siano complicazioni. Assicurati di sottoporti a una diagnosi da un nefrologo o urologo, 1-2 volte l'anno.