Gravidanza e pielonefrite cronica

Test

La pielonefrite - infiammazione delle strutture renali (bacino, coppe, parte dell'apparato tubulare) - è acuta e cronica. La forma acuta si verifica più spesso nelle ragazze, come una complicazione di infezioni infantili, mal di gola. In connessione con sintomi oscuri o nascosti, può essere perso e impercettibilmente diventare cronico.

Le statistiche indicano che l'infiammazione dei reni è rilevata in ogni decima donna incinta (secondo altri autori - 5%). Applicare il trattamento più ottimale senza intaccare il feto è un compito serio che richiede la decisione congiunta di ostetrico-ginecologi, medici generici e urologi.

Quali tipi di pielonefrite cronica sono possibili durante la gravidanza?

La selezione di due tipi di pielonefrite cronica è importante:

  • cronica primaria - una malattia acuta era latente, molto rapidamente, quasi immediatamente ha rivelato segni di infiammazione cronica;
  • secondaria - la donna aveva una precedente patologia renale (urolitiasi, anomalie congenite, cistite e uretrite) molto prima della gravidanza, grande importanza è legata alla presenza di annessite cronica, enterocolite.

Nel processo primario, i sintomi compaiono immediatamente dopo l'infezione del tessuto renale, e l'infiammazione secondaria dura per anni, può fluire un po 'impercettibilmente. L'infezione entra e riempie gli organi vicini.

Se la pielonefrite cronica viene provocata e identificata sullo sfondo di una fase iniziale della gravidanza, allora si chiama gestazionale. Si ritiene che sia associato a un sovraccarico di reni malati. È caratterizzato dalla rapida progressione della malattia con lo sviluppo di insufficienza renale cronica.

Per la scelta del trattamento è ancora importante stabilire la presenza di ostruzione delle vie urinarie (ostacoli al deflusso delle urine).

  • In un processo non ostruttivo, la malattia è molto più facile, dal momento che il flusso di urina lava via e rimuove alcuni dei batteri. Serve come uno dei meccanismi di difesa.
  • La pielonefrite cronica ostruttiva provoca il ristagno di urina, una migliore riproduzione di microrganismi e l'iniezione in aree più alte utilizzando un meccanismo di reflusso o corrente inversa. Questo modulo non può essere curato senza normalizzazione del deflusso.

L'infiammazione può verificarsi solo in un rene o colpire contemporaneamente (pielonefrite bilaterale e bilaterale).

Cause di pielonefrite durante la gravidanza

È stato dimostrato che la pielonefrite cronica è più spesso rilevata in donne senza nascita durante la prima gravidanza. È associato a un tono muscolare sufficientemente alto della parete addominale anteriore. Trasferiscono la pressione dell'utero in crescita dagli addominali agli ureteri e alla vescica. La compressione si verifica più intensamente rispetto alle gravidanze successive. Ciò contribuisce allo sviluppo del meccanismo di ristagno delle urine e aumenta il rischio di infezione.

  • cambiamenti ormonali - un aumento del livello di progesterone al periodo di 3 mesi rilassa i muscoli della vescica e degli ureteri, che porta alla curvatura, alla flessione, e quindi al ristagno delle urine nella pelvi renale e alterata circolazione sanguigna nei tessuti;
  • la placenta produce attivamente estrogeni, contribuiscono alla riproduzione della flora patogena;
  • le vene dilatate delle ovaie contribuiscono anche alla compressione degli ureteri adiacenti, anatomicamente le condizioni più "convenienti" per l'infezione sono create nel rene destro, quindi la pielonefrite cronica è più spesso registrata sulla destra;
  • un utero allargato nel caso di una gravidanza multipla, una pelvi ristretta o un feto grande provoca la compressione più pronunciata degli ureteri, le donne con queste caratteristiche hanno una maggiore probabilità di infezione;
  • attività fisica ridotta - una donna, in preparazione per diventare madre, soffre spesso di tossicosi nelle prime fasi della gravidanza, poi diventa difficile indossare un addome allargato, il suo stesso peso cresce, appaiono vene varicose nelle gambe, quindi il suo solito stile di vita è sostituito da debolezza, stanchezza aumentata, lei tira più a sdraiarsi.

Tutti insieme, crea e mantiene un circolo vizioso, contribuendo alla penetrazione dell'infezione e alla cronicizzazione del decorso dell'infiammazione nei reni.

Quali agenti patogeni hanno bisogno di temere?

L'infezione si verifica da microrganismi che provengono dall'ambiente esterno (esogeno) e dai loro batteri da focolai cronici con tonsillite, sinusite, colecistite, colite e carie.

  • ematogena - i microorganismi sono introdotti nel flusso sanguigno, è possibile l'attivazione di vecchi fuochi non trattati a distanza (ad esempio, in caso di sinusite, otite cronica);
  • linfogena - un'infezione che persiste nei linfonodi entra nei reni attraverso i vasi linfatici, si trova nei tessuti adiacenti al tratto urinario (intestino, genitali).

Durante la gravidanza, l'infezione attraverso il tratto urinario inferiore (uretra, vescica) si verifica meno frequentemente.

Nelle urine delle donne incinte trovate:

  • E. coli;
  • stafilococchi;
  • enterococchi;
  • pus blu;
  • Proteus;
  • klebsiellu.

Molto meno spesso gli agenti causali della pielonefrite sono:

  • funghi tipo lievito;
  • clamidia;
  • micoplasma;
  • ureoplazma.

È importante che non venga rilevato solo un agente patogeno, ma diversi contemporaneamente.

Sintomi di pyelonephritis in donne incinte

I segni di pielonefrite cronica non ostruttiva sono difficili da identificare. Sono più spesso mascherati dalle lamentele generali di donne in gravidanza su:

  • aumento della fatica;
  • la debolezza;
  • sensazione di pesantezza nella parte bassa della schiena;
  • gonfiore del viso al mattino.

Il dolore intenso e l'alta temperatura non si verificano Forse l'identificazione di segni di patologia renale con ultrasuoni.

La presenza di ostruzione peggiora significativamente la clinica di infiammazione cronica. Note di donna:

  • il dolore di una natura piuttosto intensa da un lato o entrambi nella parte posteriore e posteriore, è possibile l'irradiazione all'inguine;
  • aumento della temperatura a 38 gradi e oltre;
  • minzione frequente con taglio, bruciore.

Questa condizione è provocata da qualsiasi opzione per ridurre la difesa immunitaria:

  • sofferto di influenza o ARVI;
  • stress e ansia;
  • la malnutrizione.

La manifestazione del dolore dipende dalla durata della gravidanza:

  • nel primo trimestre - il dolore è molto intenso, che ricorda un prolungato attacco di colica renale;
  • dopo 20 settimane - diventa moderato e gradualmente scompare.

Se la pielonefrite cronica ha una lunga storia, allora una donna incinta può rilevare l'ipertensione. Nello stesso momento la pressione diastolic considerevolmente supera livelli normali. L'ipertensione di origine renale è caratterizzata da un decorso grave, una scarsa reazione ai farmaci. Una donna ha una clinica di crisi ipertensive:

  • mal di testa;
  • nausea e vomito;
  • vertigini;
  • palpitazioni;
  • dolore nel cuore

Quanto è pericolosa la pielonefrite per una donna incinta?

Nel primo trimestre, con esacerbazione della pielonefrite cronica, si verifica un'intossicazione sufficientemente forte. Questo, insieme a un intenso dolore, può portare a un aborto spontaneo, poiché il tono dell'utero aumenta drammaticamente.

La situazione è complicata da restrizioni all'uso di droghe. È difficile trovare agenti antibatterici efficaci e sicuri. L'effetto sull'utero gravido della maggior parte degli antibiotici causa una patologia irreversibile del feto, aumentando il tono.

I seguenti effetti avversi sono considerati complicanze della pielonefrite cronica:

  • preeclampsia;
  • aborto spontaneo nelle fasi iniziali (fino a 22 settimane) o parto prematuro;
  • insufficienza della placenta, ipossia, distacco e morte del feto - ritenzione urinaria e dilatazione acuta del volume della coppa renale causa uno spasmo della rete capillare, restringimento delle arterie, rispettivamente, l'alimentazione della placenta peggiora;
  • lo sviluppo dell'anemia è caratteristico del secondo trimestre;
  • flusso di acqua alta;
  • ipertensione renale;
  • la formazione accelerata di insufficienza renale sullo sfondo di un rene rugoso;
  • shock tossico infettivo con massiccia riproduzione batterica.

Quali disturbi possono verificarsi nel feto?

La pielonefrite madre cronica non è meno pericolosa per un bambino.

Le conseguenze più gravi sono:

  • la formazione di malformazioni congenite e anomalie dello sviluppo che causano carenza di ossigeno (ipossia) e anemia materna;
  • il rischio di infezione intrauterina aumenta quando i batteri entrano nel sangue;
  • morte in diverse fasi e periodi di gravidanza.

Il meno grave, ma molto significativo, include un'immunità fortemente ridotta del bambino. Questo gli impedisce dopo la nascita di adattarsi alla vita indipendente, minaccia costantemente con le infezioni in arrivo, ostacola la crescita e lo sviluppo.

Metodi per la diagnosi della pielonefrite durante la gravidanza

Dopo aver chiarito i reclami, il medico effettua un esame obbligatorio della donna incinta. Nei primi stadi delle donne magre, puoi palpare il bordo dei reni. Dolore alla palpazione e un sintomo positivo di Pasternack (toccando sulla parte bassa della schiena) può causare il sospetto di pielonefrite.

Durante la gravidanza, tutte le donne devono sottoporsi regolarmente a esami del sangue e delle urine. I segni della pielonefrite cronica includono:

  • accelerazione della VES nel sangue e nelle leucocitosi;
  • nelle urine - un numero significativo di leucociti, la formazione di cellule attive, proteine, livelli elevati di batteri.

Quando si identifica batteriuria inviata per analisi batteriologiche delle urine con chiarificazione della sensibilità agli agenti antimicrobici. Aiuta a scegliere il trattamento.

L'esame a raggi X con contrasto o sullo sfondo della bolla d'aria nelle donne in gravidanza non viene utilizzato a causa dell'aumentata irradiazione della zona dell'utero. Ma dopo il parto, una donna deve completare un esame per avere un quadro completo delle cause del danno renale cronico.

Come può essere trattata la pielonefrite cronica durante la gravidanza?

La difficoltà di trattamento durante la gravidanza è dovuta all'aumentata tossicità dei farmaci per il nascituro. Pertanto, i requisiti per i metodi non farmacologici di influenzare l'infiammazione aumentano al massimo.

Per il periodo di esacerbazione, una donna è ricoverata nel reparto di patologia della gravidanza nel centro perinatale. Lei è assegnata a:

  • riposo a letto per il massimo risparmio dei reni con sintomi di intossicazione;
  • il sonno è consigliato da un lato sano;
  • ginnastica terapeutica nel periodo di cedimento del processo principale e con soddisfacente benessere;
  • dieta con l'aggiunta obbligatoria di verdure fresche e frutta, prodotti lattiero-caseari;
  • bevande a base di frutti di bosco, composte di frutta secca, succo di mirtilli rossi freschi, mirtilli rossi, uva passa, ribes, uva spina, acqua minerale.

Nel caso di un corso delicato, le misure di cui sopra sono sufficienti. Ma in caso di sindrome da dolore grave, febbre alta e altri segni di intossicazione, vengono prescritti farmaci con azione antibatterica. Il vantaggio sono gli antibiotici ad ampio spettro che possono distruggere vari tipi di microrganismi. Il corso del trattamento dipende dall'efficacia. Per le donne in gravidanza cerca di limitare l'uso di sette giorni delle iniezioni di antibiotici.

Per alleviare il dolore usato antispasmodico.

Nello stesso momento nominato vitamine. I preparati probiotici che ripristinano la normale flora intestinale (Bifidumbacterin, Acipol) sono considerati utili.

Per migliorare l'effetto del lavaggio, sono prescritti i diuretici delle piante (Canephron, Brusniver). Raccomanda alcune tisane dalle punte dei guaritori popolari. Le piante non dovrebbero aumentare il tono dell'utero. Sono meglio usati in remissione, per la prevenzione delle esacerbazioni.

La composizione del tè del rene può essere inclusa dopo il permesso del medico:

  • calamus palude;
  • uva ursina;
  • semi di lino;
  • boccioli di betulla;
  • radice di liquirizia.

Quando il liquido per intossicazione grave viene iniettato addizionalmente per via endovenosa.

Se il corso di pyelonephritis cronico è complicato da processi soppressivi nei reni, ipertensione con arresto cordiaco, allora deve pensare a salvare la vita della madre. In qualsiasi fase della gravidanza, viene eseguita un'operazione per rimuovere il rene in anestesia generale.

Come evitare l'esacerbazione della pielonefrite?

La prevenzione della pielonefrite deve essere affrontata sia prima che durante la gravidanza. Conoscendo la sua malattia, una donna dovrebbe passare un esame completo prima di concepire e, se necessario, ricevere una terapia anti-batterica sufficiente.

Tutte le donne incinte possono raccomandare:

  • per supportare il più possibile la modalità di movimento (ginnastica mattutina, passeggiate sulle passeggiate, nuoto);
  • il cibo deve essere completo, deve contenere frutta, verdura, proteine, carne e pesce;
  • modalità di bere nella quantità di due litri al giorno contribuirà a risciacquare il sistema urinario;
  • vestirsi calorosamente con tempo umido;
  • per non ritardare lo svuotamento della vescica, regolarmente andare in bagno ogni 3-4 ore;
  • non ti auto-medicare, contatta prontamente il tuo ostetrico-ginecologo, fai dei test e racconta in modo veritiero le violazioni di disturbo.

La fiducia di alcune future madri nella loro salute può essere apprezzata solo se confermata dall'analisi. L'osservazione nella clinica prenatale e il ricovero periodico aiuta a evitare situazioni difficili durante il parto, per proteggere il bambino.

Pyelonephritis durante la gravidanza

Come sapete, le donne sono inclini alla pielonefrite 5 volte più spesso della metà maschile dell'umanità, a causa delle caratteristiche anatomiche del sistema urinario del corpo femminile. Nelle donne incinte, la pielonefrite è una delle più frequenti malattie extragenitali e viene diagnosticata nel 6 - 12% dei casi. Il trattamento di questa malattia durante la gravidanza dovrebbe iniziare immediatamente, poiché l'infezione influisce negativamente non solo sulla condizione della donna, ma anche sulla salute e sullo sviluppo del feto.

Pyelonephritis in donne incinte: definizione e classificazione

La pielonefrite è il processo infiammatorio nel rene, che cattura sia il tessuto interstiziale dell'organo che il sistema di placche a bacino (il luogo in cui si accumula l'urina).

classificazione

  1. Secondo il meccanismo di sviluppo:
    • pielonefrite primaria (la malattia è sorta da sola, non è stata preceduta da alcuna patologia del sistema urinario);
    • secondario - un processo infiammatorio nei reni sviluppato sullo sfondo di nefroptoz esistente (prolasso renale), urolitiasi (urolitiasi) o altre malattie dei reni e delle vie urinarie.
  2. alla deriva:
    • acuta - un processo infiammatorio nei reni sviluppato per la prima volta durante la gestazione o la gestazione, quindi è chiamato pielonefrite durante la gravidanza o la pielonefrite gestazionale;
    • cronica - la malattia si è verificata prima del concepimento e si è manifestata durante la gravidanza (esacerbazione del processo cronico).
  3. Per localizzazione:
    • bilaterale, quando entrambi i reni sono coinvolti nel processo;
    • unilaterale (destra o sinistra) - durante la gestazione, l'utero si sposta verso destra man mano che cresce e "opprime" il rene destro, in conseguenza del quale la pielonefrite della madre destra viene più spesso diagnosticata nelle future mamme.
  4. Secondo il modulo:
    • sierosa;
    • purulenta (la forma più sfavorevole della malattia, specialmente durante la gestazione);
    • latente (senza manifestazioni cliniche);
    • ipertensivo (con aumento della pressione sanguigna);
    • azotemico (con lo sviluppo di insufficienza renale) e altri.

Inoltre, la pielonefrite gestazionale è divisa in 3 tipi:

  • pielonefrite durante la gravidanza;
  • pyelonephritis in parto (cioè, che si alza nel processo di parto);
  • pielonefrite post-partum o puerperas (clinica di pielonefrite post-partum gestazionale appare nei giorni 4-6 e nella seconda settimana del periodo post-partum).

Cause e meccanismo della malattia

La pielonefrite gestazionale è causata da microrganismi patogeni e condizionatamente patogeni: batteri e virus, protozoi e funghi. Gli agenti causali più comuni della malattia sono i batteri gram-neurologici del gruppo intestinale: Proteo, Enterococco, E. coli, Staphylococcus, Klebsiella e altri, nonché Streptococco e Staphylococcus. Gli agenti infettivi sono distribuiti principalmente per via ematogena (con flusso sanguigno) dai focolai esistenti di infezione cronica (tonsille, denti cariati, vie respiratorie, cistifellea infiammata, ecc.). Ma è possibile e il percorso ascendente dell'infezione dall'uretra, dalla vescica o dai fuochi cronici degli organi genitali (cervicite, colpite, endometrite, ecc.).

Meccanismo di sviluppo

Perché la pielonefrite si verifica così spesso durante la gravidanza? Il principale fattore predisponente è meccanico. L'utero in crescita schiaccia gli organi vicini, in particolare gli ureteri, che interrompono il deflusso delle urine dal sistema pelvico renale, si attarda lì e funge da mezzo nutriente favorevole per la crescita e la riproduzione di agenti infettivi. A questo proposito, la pielonefrite si sviluppa spesso nel secondo e terzo trimestre di gravidanza.

Il secondo punto, che predispone allo sviluppo della malattia, sono i cambiamenti ormonali e umorali nel corpo associati alla gravidanza. A causa di questi fattori, il tratto urinario superiore subisce cambiamenti anatomici (ipotensione, ipocinesia, discinesia del sistema pelvico renale). In particolare, sotto l'influenza dell'ormone della gravidanza - progesterone, che è progettato per rilassare non solo i muscoli dell'utero, ma tutti gli altri muscoli lisci degli organi interni, gli ureteri si dilatano, si allungano e si piegano in curva, in loop. Inoltre, l'apparato legamentoso dei reni è indebolito, il che aumenta la nefroptosi.

In terzo luogo, l'aumento del livello di estrogeni nelle donne in gravidanza dà origine alla crescita della flora patogena, principalmente E. coli. Inoltre, non dimenticare un'immunità leggermente ridotta durante il periodo gestazionale - che impedisce all'organismo materno di rifiutare il feto come oggetto estraneo.

Molto più spesso la pielonefrite soffre di donne in gravidanza. Nel 93% dei casi, il rene destro è coinvolto nel processo infiammatorio a causa della destrarotazione dell'utero gravido e delle caratteristiche anatomiche della vena ovarica destra.

Fattori di rischio

Alcuni fattori possono provocare l'insorgere della malattia nelle donne in gravidanza:

  • precedente infezione del tratto urinario (cistite, uretrite, batteriuria asintomatica, o batteriospermia partner asintomatica);
  • anomalie del sistema urinario;
  • urolitiasi (i calcoli renali aggravano la stasi urinaria nella pelvi renale, che porta all'attivazione della flora opportunistica e allo sviluppo del processo infiammatorio);
  • infiammazioni degli organi genitali femminili (il più delle volte sono colpite e vulvovaginite);
  • vaginosi batterica;
  • basso tenore di vita (cattiva alimentazione e condizioni di vita, produzione pesante e nociva);
  • diabete mellito;
  • patologia extragenitale cronica (malattie della tiroide, malattie cardiovascolari, disturbi endocrini).

Nel periodo postpartum

Nei primi giorni dopo la nascita, il rischio di sviluppare la malattia aumenta in modo significativo, il che è facilitato dall'emergere di nuovi fattori:

  • la contrazione (involuzione) dell'utero avviene lentamente, che nei primi 5-6 giorni del periodo postparto crea compressione (compressione) degli ureteri;
  • conservazione nell'organismo materno del progesterone (fino a tre mesi), che supporta la dilatazione (espansione) degli ureteri e dell'uretra;
  • complicanze del periodo postpartum (sanguinamento tardivo dovuto a ipotonia dell'utero o residui della placenta);
  • infiammazione dei genitali;
  • disturbi urologici causati da ritenzione urinaria acuta o cateterizzazione prolungata della vescica (nelle prime 2 ore dopo la nascita).

Gradi di rischio

  • 1 grado (a basso rischio)
    Questo rischio è assegnato a donne in gravidanza con pielonefrite non complicata, che è comparsa per la prima volta durante il periodo gestazionale. Quando si fornisce un trattamento tempestivo e adeguato, una seria minaccia per la salute della madre e del feto è minima. Il corso della gravidanza e la consegna senza complicazioni.
  • 2 gradi (rischio moderato)
    Nella storia delle donne esiste una pielonefrite cronica che, fino al 30% dei casi, diventa la causa di complicate gravidanze. Se le complicazioni non si sviluppano, allora il corso della gravidanza e del parto termina favorevolmente, altrimenti sono possibili una nascita prematura o un aborto spontaneo.
  • Grado 3 (alto rischio)
    L'alto rischio di pielonefrite è assegnato alle donne in cui il decorso della malattia è complicato dall'insufficienza renale e dall'ipertensione o dall'infiammazione di un singolo rene. L'ulteriore prolungamento della gravidanza è controindicato.

Quadro clinico

La pielonefrite gestazionale inizia acutamente, con segni di intossicazione e sintomi urologici. La gravità della sindrome da intossicazione dipende dalla forma e dalla durata della malattia. Inoltre, non sono importanti il ​​tipo di agente patogeno, la gravità dell'infezione, la via di accesso alle infezioni, l'immunità delle donne, il periodo di gestazione.

I principali sintomi di intossicazione comprendono: febbre fino a 38 - 40 gradi, brividi e sudorazione, mal di testa, letargia, nausea e vomito. Inoltre, ci sono dolore tirante o dolorante nella regione lombare. Se un rene è affetto, il dolore appare dalla sua parte, se entrambi lo sono, quindi il dolore si preoccupa da entrambi i lati. Si può verificare una minzione frequente e dolorosa, il paziente può notare un'urina torbida miscelata con pus o scaglie.

Diagnosi di pielonefrite durante la gravidanza

Differenziare la pielonefrite è necessaria con la minaccia dell'aborto. Per chiarire la diagnosi, vengono assegnati i seguenti test di laboratorio:

  • emocromo completo (leucocitosi, aneosinofilia, anemia, linfopenia, accelerazione della VES);
  • analisi biochimica del sangue (aumento della creatinina, azoto, può aumentare la bilirubina, AST e ALT);
  • analisi delle urine (aumento dei leucociti, degli eritrociti e dei cilindri);
  • urina secondo Nechyporenko;
  • urina secondo Zimnitsky (isohypostenuria e nicturia);
  • coltura urinaria batteriologica per identificare il patogeno e determinarne la sensibilità agli antibiotici.

Dai metodi strumentali, il ruolo principale è svolto dall'ecografia dei reni, che consente non solo di diagnosticare l'espansione del sistema pelvico, ma anche di identificare il carbonchio o l'ascesso del rene, l'infiammazione del tessuto pararenale. Anche la cromocistoscopia e la cateterizzazione ureterale vengono utilizzate per ripristinare il deflusso delle urine. Nel periodo postpartum e in situazioni estreme, quando c'è una minaccia per la vita di una donna, vengono prescritte urologia escretoria e scintigrafia dinamica.

Pyelonephritis in donne incinte: complicazioni, effetti sul feto

La malattia non rappresenta solo una minaccia per la salute della gestante e il corso della gravidanza, ma ha anche un effetto negativo sulla crescita e sullo sviluppo del feto.

Termini di gravidanza, che aumenta la probabilità di sviluppare la malattia, chiamato il periodo critico:

  • 24 - 26 settimane (l'emergere della minaccia di interruzione causata non solo dall'aumentata eccitabilità dell'utero, ma anche dalla condizione febbrile della donna, dalla sindrome del dolore e dall'azione delle esotossine dei batteri del gruppo intestinale);
  • 32 - 34 settimane - la dimensione dell'utero è massima, che influenza in modo significativo la topografia dei reni e causa la compressione degli ureteri;
  • 39 - 40 settimane - alla vigilia della nascita, la parte presentante del feto affonda nel piccolo bacino e preme contro il suo ingresso, provocando la compressione della vescica, il ristagno delle urine nelle vie urinarie e nella pelvi renale;
  • 4 - 12 giorni dopo la consegna.

Complicazioni durante la gravidanza

La malattia (soprattutto durante l'esacerbazione del processo cronico) aumenta il rischio delle seguenti complicanze ostetriche:

  • gestosi tardiva (fino all'89% e oltre nelle donne con pielonefrite cronica);
  • la minaccia di interruzione e aborto spontaneo nel primo trimestre;
  • consegna pretermine;
  • insufficienza della placenta secondaria;
  • l'anemia;
  • anomalie di forze generiche;
  • sanguinamento durante e dopo il parto;
  • setticemia (infezione del sangue) e setticopoiemia (infezione del sangue e formazione di focolai purulenti nel corpo);
  • shock tossico contagioso;
  • malattie settiche purulente dopo il parto;
  • insufficienza renale acuta.

Complicanze fetali

A sua volta, questa o quella complicazione ostetrica influisce negativamente sullo sviluppo prenatale del bambino e porta alle seguenti conseguenze:

  • ipossia e ritardo della crescita fetale (il risultato di preeclampsia, anemia e insufficienza placentare);
  • morte fetale fetale, durante il parto o nei primi 7 giorni di vita (la mortalità perinatale raggiunge il 30%);
  • infezione intrauterina (nelle prime fasi porta a malformazioni fetali);
  • ittero prolungato;
  • sviluppo di malattie purulento-settiche dopo la nascita;
  • immunità ridotta.

Trattamento e consegna

L'ostetrico-ginecologo insieme all'urologo (nefrologo) è impegnato nel trattamento della pielonefrite gestazionale. Tutte le future madri con processo acuto o esacerbazione cronica sono soggette ad ospedalizzazione obbligatoria.

Terapia non farmacologica
Il primo passo nel trattamento è quello di ripristinare il passaggio delle urine utilizzando le seguenti misure:

  • Riposo a letto
    La posizione orizzontale e il calore migliorano il flusso sanguigno nei reni e prevengono il ristagno delle urine nella pelvi renale e negli ureteri. Il riposo a letto è prescritto per un periodo di 5-7 giorni (fino a quando i sintomi di intossicazione scompaiono e la temperatura diminuisce). In un processo unilaterale, una donna viene posta su un lato sano con le ginocchia piegate e alcuni sollevano l'estremità del piede del letto. In questa posizione, l'utero si discosta dal rene infiammato e diminuisce la pressione sull'uretere. Nel caso di pyelonephritis bilaterale, la donna incinta è raccomandata di prendere (da 3 a 5 volte al giorno) la posizione di ginocchio-gomito, in cui anche l'utero è deviato e smette di premere sui reni e gli ureteri.
  • dieta
    Quando l'infiammazione dei reni mostra una ricca bevanda acida, fino a 3 litri al giorno. Bevande di mirtilli e mirtilli rossi, decotto (infuso) di foglie di uva ursina, mirtilli rossi, equiseto, avena, rosa selvatica, camomilla, hanno proprietà curative. È necessario escludere tè, caffè, bevande gassate dolci, cioccolato, cibi grassi, fritti e piccanti, cibi affumicati e sottaceti, fast food. Il cibo dovrebbe essere cotto, cotto in umido o bollito.

Trattamento farmacologico

  • Terapia antibiotica
    La base della terapia della malattia è la nomina di farmaci antibatterici. Nelle prime 12 settimane vengono prescritte ampicillina, oxacillina o penicillina. Nel secondo trimestre, la somministrazione di antibiotici cefalosporinici (kefzol, claforan) e macrolidi (josamicina, rovamicina) è consentita per una durata compresa tra 7 e 10 giorni.
  • nitrofurani
    A partire dal secondo trimestre, agli antibiotici vengono aggiunti uroantisettici o nitrofurani (5-NOK, nitroxolina, furadonina, nevigramone).
  • Antispastici e farmaci desensibilizzanti
    La soprastinina e la claritina sono prescritte da agenti desensibilizzanti, ma senza spa, papaverina, baralina come antispastici. Inoltre, mostra l'uso di sedativi (estratto di valeriana o motherwort).
  • Droghe diuretiche
    Per aumentare l'effetto degli antibiotici, i diuretici sono prescritti in un piccolo dosaggio (diclothiazide, furosemide).
  • Terapia infusionale
    Ai fini della disintossicazione, reopiglugina, emodez, soluzioni saline vengono gocciolate per via endovenosa.
  • Vitamine e preparati di ferro

Trattamento chirurgico
In caso di fallimento del trattamento conservativo, viene eseguito un intervento chirurgico:

  • cateterizzazione degli ureteri;
  • nefrostomia, decapsulazione o resezione del rene, e in casi gravi, e la rimozione del rene quando si verifica un'infiammazione purulenta-distruttiva (nefrite apostematica, carbonchio o ascesso del rene).

Indicazioni per la chirurgia:

  • nessun effetto dopo la terapia antibiotica (1-2 giorni), oltre a segni di intossicazione e infiammazione (aumento della leucocitosi, ESR, creatinina);
  • ostruzione (blocco) delle pietre del tratto urinario.

consegna

La consegna in caso di pielonefrite gestazionale è raccomandata attraverso il canale del parto. Il piano di gestione del lavoro include la nomina di antispastici, antidolorifici e prevenzione dell'ipossia fetale. Il taglio cesareo viene eseguito solo sotto severe indicazioni ostetriche.

Pyelonephritis cronico o affilato durante gravidanza

Le donne durante una "posizione interessante" possono sperimentare una malattia come la pielonefrite. Questo termine medico si riferisce al processo infiammatorio che si verifica nei reni con una lesione del sistema pelvico renale. La malattia è più comune nel sesso giusto. Il 6-12% delle donne sperimenta la pielonefrite durante la gravidanza. È pericoloso per la madre e il bambino. Se non trattata, la malattia può causare l'aborto spontaneo.

Cause del processo infiammatorio nei reni

La pielonefrite è una malattia infettiva. Può causare microbi che vivono nel corpo umano. Inoltre, l'infiammazione dei reni può essere innescata da microrganismi che penetrano negli organi interni dall'ambiente esterno.

I patogeni più frequenti sono:

  • stafilococchi;
  • bacillo blu del pus;
  • enterococchi;
  • Proteus;
  • E. coli

Nella maggior parte dei casi, gli agenti patogeni penetrano nel rene ematogena dai fuochi delle infezioni presenti nel corpo. Molto raramente, la pielonefrite gestazionale durante la gravidanza si verifica a causa di microrganismi intrappolati nel rene attraverso il tratto urinario (vescica, uretra).

Lo sviluppo della pielonefrite è facilitato da fattori locali e generali. Il primo gruppo include la violazione del deflusso di urina dagli organi a causa della presenza di ostacoli. Questa condizione può essere osservata con tumori renali, urolitiasi, restringimento degli ureteri.

Tra i fattori comuni ci sono lo stress cronico, la debolezza, l'affaticamento cronico, la mancanza di vitamine, la presenza di malattie che riducono le forze protettive del corpo umano, l'immunità ridotta.

Tipi di pyelonephritis

Ci sono molte classificazioni differenti di questa malattia. Secondo le condizioni di comparsa di pyelonephritis primario e secondario.

Il tipo principale di malattia è l'infiammazione, in cui non vi sono violazioni dell'urodinamica e non vi sono altre malattie renali. Molti urologi credono che la pielonefrite primaria all'inizio della gravidanza non esista affatto. Sulla base della loro pratica medica, notano che la malattia è sempre preceduta da violazioni dell'urodinamica, alterazioni patologiche delle vie urinarie e dei reni.

Sotto pielonefrite secondaria si riferisce al processo infiammatorio che si verifica sullo sfondo di eventuali malattie del sistema urinario.

Secondo la natura del corso, si distinguono le forme acute e croniche della malattia. La pielonefrite acuta appare all'improvviso. Di solito i suoi sintomi si fanno sentire dopo poche ore o giorni. Con un trattamento adeguato, la malattia dura per 10-20 giorni e termina con il recupero.

La pielonefrite cronica durante la gravidanza è un processo infiammatorio lento e periodicamente esacerbante dei batteri. Questo tipo di malattia può verificarsi a seguito del passaggio dallo stadio acuto a quello cronico. A causa della malattia, il tessuto renale viene sostituito con tessuto connettivo non funzionale. Abbastanza spesso, la pielonefrite cronica è complicata da insufficienza renale e ipertensione arteriosa.

I sintomi della malattia

Nella forma acuta della malattia, una donna incinta sperimenterà i seguenti sintomi di pielonefrite:

  • dolore nella parte bassa della schiena. Possono essere taglienti o noiosi. Il dolore può essere aggravato piegandosi in avanti;
  • cambiare la tonalità delle urine. Il liquido può essere torbido con una sfumatura rossastra;
  • odore acre e sgradevole;
  • alta temperatura corporea (38-40 gradi);
  • nausea, in alcuni casi vomito;
  • diminuzione dell'appetito;
  • brividi;
  • debolezza generale.

Forma cronica per un lungo periodo di tempo può verificarsi senza segni di pielonefrite durante la gravidanza. Nella forma latente, c'è un prolungato, ma allo stesso tempo, un leggero aumento della temperatura. La forma ricorrente di pyelonephritis cronico è manifestata da sintomi comuni (debolezza, febbre, cambiamento di colore di urina).

L'effetto della pielonefrite sul corso della gravidanza

Le donne che si trovano di fronte a un processo infiammatorio nei reni sono interessate alla questione di ciò che è pericoloso per la pielonefrite durante la gravidanza. Molte persone che lasciano che la malattia segua il loro corso e non vadano dal medico possono affrontare seri problemi. La malattia colpisce principalmente il feto. Il bambino può soffrire di infezione intrauterina. Nella maggior parte dei casi, l'infiammazione del rene causa aborto spontaneo, insorgenza prematura del travaglio.

Nei neonati, gli effetti dell'infezione intrauterina appaiono in modo diverso. Alcuni bambini possono avere congiuntivite, che non rappresenta una minaccia per la vita, mentre altri hanno gravi lesioni infettive di organi vitali.

Durante la gravidanza con pielonefrite c'è una possibilità di ipossia intrauterina. Il frutto riceverà meno ossigeno del necessario. Questa situazione minaccia la mancanza di sviluppo del bambino, meno peso.

Diagnosi di pielonefrite

Per identificare il processo infiammatorio nei reni e gli effetti della pielonefrite sulla gravidanza, i medici prescrivono un'analisi completa delle analisi delle urine e del sangue. Si possono concludere i risultati sull'assenza o presenza di infezione e infiammazione nei reni. Può anche essere effettuato colorazione urina Gram. Questo metodo di ricerca fornisce informazioni sull'agente causale della malattia. Per una determinazione più accurata dei microrganismi che hanno causato la pielonefrite e la loro sensibilità agli antibiotici, viene effettuato l'esame batteriologico delle urine.

Tutti i metodi diagnostici sopra indicati sono di laboratorio. Esistono anche metodi strumentali. Tra questi ci sono gli ultrasuoni (ultrasuoni). Questo metodo consente di vedere l'eterogeneità dei tessuti nei reni, la presenza di aree con foche, l'espansione della pelvi renale.

Trattamento della pielonefrite

Se si riscontra un processo infiammatorio nei reni, il medico può prescrivere antibiotici. In gravidanza, l'uso di droghe è indesiderabile, ma con la pielonefrite il loro uso è giustificato. Il medico selezionerà tali antibiotici che non causeranno gravi danni al bambino e contribuiranno a far fronte alla esacerbazione della pielonefrite durante la gravidanza. Le donne incinte non dovrebbero rifiutare la droga, perché la pielonefrite può portare a gravi conseguenze.

I pazienti, indipendentemente dal grado e dal tipo di malattia, sono prescritti farmaci analgesici e antispastici. Anche durante il trattamento, i medici prescrivono uroantiseptics, vitamine, sedativi, fisioterapia, terapia di disintossicazione, cateterizzazione ureterale e terapia posizionale.

Le donne in ospedale durante il trattamento devono essere supervisionate da un ostetrico-ginecologo e un nefrologo. I medici prima di tutto eseguono "terapia posizionale". Grazie a esso, in la maggior parte casi è possibile restaurare il deflusso disturbato di urina.

L'essenza della "terapia posizionale" è che il rappresentante del gentil sesso nella posizione è collocato sul lato in cui si trova il rene sano. Una donna dovrebbe giacere sul letto in una posizione piegata del ginocchio-gomito. L'estremità del letto è sollevata in modo che le gambe del paziente si trovino sopra la testa. In questa posizione, l'utero mette meno pressione sugli ureteri. Se le condizioni di una donna non migliorano dopo un tale trattamento di pielonefrite in un giorno, allora l'uretere del rene malato viene cateterizzato.

La malattia può essere complicata dalla suppurazione. In questo caso, il rene viene decapsulato, cioè la capsula fibrosa viene rimossa. In casi avanzati può essere necessaria la rimozione completa dell'organo. Spesso i medici insistono sull'interruzione artificiale della gravidanza.

Le donne che avevano la pielonefrite durante la "situazione interessante" dovrebbero essere sotto la supervisione di un medico locale dopo il parto. Dopo la dimissione dall'ospedale di maternità un rappresentante del gentil sesso dovrebbe entrare nel conto del dispensario. Questo è necessario perché la malattia non può essere completata.

Peculiarità dello stile di vita della pielonefrite

Quando si diagnostica il processo infiammatorio nei reni, si consiglia alle donne incinte di seguire una dieta speciale. Ad esempio, nella pielonefrite acuta durante la gravidanza è necessario utilizzare più liquido (più di 2 litri). Dalla dieta dovrebbe escludere cibi piccanti, grassi e fritti. Si raccomanda di mangiare quante più verdure e frutta fresca possibile.

Nella forma cronica della malattia, viene mostrata una dieta con le seguenti caratteristiche:

  • restrizione dell'uso di carne, brodo di pesce, condimenti;
  • aumentare il volume del fluido consumato (almeno 2 litri al giorno);
  • limitare il consumo di sale (fino a 8 g al giorno);
  • le donne in gravidanza richiedono un maggiore apporto di vitamine.

Durante lo stadio acuto della malattia, quando compaiono dolori gravi, la temperatura aumenta, si osservano i segni di intossicazione e si richiede riposo a letto. Questa condizione in una donna incinta può essere osservata entro 4-8 giorni. Dopo questo periodo, si raccomanda di condurre uno stile di vita attivo. Assicurerà il flusso di urina.

Prevenzione della pielonefrite

La principale raccomandazione riguardante la prevenzione dello sviluppo del processo infiammatorio nei reni è il trattamento di malattie che provocano una violazione del deflusso di urina dal rene.

Un ruolo molto importante nella prevenzione della pielonefrite durante la gravidanza è svolto da uno stile di vita sano. Devi seguire le regole dell'igiene personale, svuotare regolarmente e tempestivamente la vescica. Si raccomanda inoltre di evitare l'ipotermia.

In conclusione, vale la pena notare che per prevenire il verificarsi di pielonefrite durante la gravidanza e lo sviluppo di varie complicanze, si dovrebbe visitare regolarmente la clinica prenatale. Prima viene diagnosticata una malattia, più facile sarà combatterla. Assicurati di ascoltare il parere del medico curante, di eseguire tutti gli appuntamenti e prendere i farmaci rigorosamente secondo il programma che determina.

Pyelonephritis cronico in donne incinte

Lascia un commento 502

Nel periodo di attesa del bambino può manifestare malattie che hanno un impatto negativo sulla salute della madre e del nascituro. La pielonefrite cronica durante la gravidanza è una malattia pericolosa che può diventare un fattore fondamentale nello sviluppo di un'anemia grave in una donna e persino portare all'aborto spontaneo o alla morte del feto.

Informazioni generali

La pielonefrite è una malattia infettiva causata da microbi che vivono nel corpo umano e microrganismi che penetrano nel corpo dal mondo esterno. In generale, durante la gravidanza, l'infezione si verifica attraverso il flusso sanguigno da focolai infettivi trovati nel corpo. Lo sviluppo della pielonefrite può provocare un disturbo nel deflusso del fluido urinario, tumori negli organi renali, urolitiasi e restringimento degli ureteri.

Tipi di patologia

Ci sono varie classificazioni di questa malattia. Per origine la pielonefrite è di tipo primario e secondario. Il tipo primario della malattia è un processo infiammatorio con disturbi nell'urodinamica e lo sviluppo di altre patologie degli organi renali. La maggior parte degli esperti, basandosi sulla propria esperienza medica, nota che nelle fasi iniziali della gravidanza la pielonefrite è accompagnata da una violazione dell'urodinamica e da alterazioni patologiche nei canali del canale urinario e negli organi renali. Il tipo secondario di malattia è l'infiammazione, che si verifica a causa di altre patologie del sistema genito-urinario.

C'è un decorso acuto e cronico della malattia. Nelle manifestazioni acute della pielonefrite, i sintomi sono caratterizzati da repentinità (entro un paio d'ore o giorni dal momento dell'infezione). Con una terapia tempestiva ed efficace, la durata della malattia è di circa 20 giorni con esito favorevole. La forma cronica di pielonefrite in attesa di un bambino è caratterizzata dal suo stato pigro con periodi di esacerbazione. Questa forma della malattia si verifica durante la transizione da acuta a cronica. A causa dell'afflizione della malattia, i tessuti renali sono sostituiti da un tessuto connettivo incapace di funzionare. Insufficienza renale e ipertensione arteriosa sono frequenti complicanze della pielonefrite cronica.

sintomatologia

La forma acuta di patologia in una donna nella posizione si manifesta sotto forma di:

  • dolore nella zona lombare (dolore di diversa natura: da opaco a parossistico);
  • cambiamenti nell'indice dei colori delle urine (opacità e colore rosso);
  • odore acre e sgradevole;
  • la temperatura aumenta a distanze elevate;
  • nausea con vomito;
  • appetito ridotto;
  • brividi;
  • debolezza generale nel corpo.

Nel caso di un tipo cronico di malattia durante la gravidanza, i sintomi della pielonefrite per un lungo periodo possono essere completamente assenti, può anche essere presente una temperatura prolungata lievemente elevata. Il processo infiammatorio cronico presenta gli stessi sintomi della forma acuta della malattia.

Cause di pielonefrite cronica durante la gravidanza

La gravidanza ha un effetto speciale su tutti i sistemi del corpo. I cambiamenti nel corpo che accompagnano questo periodo possono sviluppare un processo infettivo negli organi renali. I reni diventano suscettibili alle infezioni a causa del ristagno del sangue in essi. Sotto gli effetti ormonali, i movimenti nelle pareti dell'uretere vengono disturbati e il tono nella vescica diminuisce. L'aumento delle dimensioni dell'utero stringe gli ureteri, portando alla stasi urinaria. Non l'ultimo ruolo nell'infezione è svolto dalla ridotta immunità della donna incinta. Tutti questi cambiamenti stanno provocando fattori del processo infettivo nel sistema urinario.

Posso rimanere incinta con la diagnosi di pielonefrite gestazionale?

Con una diagnosi di pielonefrite cronica gestazionale, una donna prima della gravidanza deve essere esaminata da uno specialista che, sulla base dei risultati del test, predice i rischi attesi durante il periodo di attesa per il bambino. Con gravi danni agli organi renali, con concomitante aumento della pressione sanguigna e insufficienza renale, la gravidanza è controindicata.

Se non vengono rilevate controindicazioni, la donna deve essere costantemente monitorata da uno specialista durante l'intero periodo per evitare o correggere un possibile peggioramento della situazione. La donna incinta, a cui è stata diagnosticata la pielonefrite, deve essere preparata durante la gravidanza per l'esame e il trattamento del paziente. Anche le gravidanze ripetute devono essere gestite attentamente da uno specialista. La severa prima gravidanza con questo disturbo non dice che il resto sarà lo stesso. Il parto nella pielonefrite cronica è per lo più naturale. In alcuni casi, secondo la testimonianza della salute generale della donna o del bambino, è ricorso all'intervento chirurgico sotto forma di taglio cesareo o altri tipi di procedure stimolanti.

Pyelonephritis in donne incinte

La manifestazione della pielonefrite cronica durante la gravidanza si manifesta sotto forma di periodi alternati di esacerbazione a un significativo indebolimento dei sintomi delle manifestazioni infettive. La patologia più pronunciata nel mezzo della gravidanza. La sintomatologia è più pronunciata durante la pielonefrite cronica secondaria. I disturbi esistenti sotto forma di formazioni di pietra o di ureteri ristretti sono considerati le cause dei disturbi nel normale flusso di urina. Ciò porta a forti dolori nella regione lombare, che si sviluppa in colica renale. Distrugge anche la minzione.

I sintomi generali della pielonefrite predominano durante l'attesa del bambino, in assenza di ritenzione urinaria. Si manifesta in generale debolezza, rapida stanchezza e leggero freddo. La pressione sanguigna può aumentare temporaneamente e i sintomi di insufficienza renale si uniscono.

Diagnosi di patologia nelle donne in gravidanza

I sintomi dell'infiammazione infettiva sono ampi e possono sovrapporsi ad altre anomalie durante la gravidanza. Per una diagnosi accurata ricorrere a tali procedure:

  • esame del sangue clinico;
  • prove di laboratorio di urina (metodi per Nechiporenko, per Zimnitsky, indicatori batterici).

Sono stati registrati casi di pielonefrite cronica esacerbata senza sintomi caratteristici e con lievi modifiche nelle analisi. In tali situazioni, viene utilizzata una tecnica di ecografia, il metodo è in grado di mostrare l'aumento delle dimensioni del parenchima e il volume degli organi renali durante una riacutizzazione o un tipo acuto di disturbo; con manifestazioni croniche di patologia, le dimensioni saranno ridotte.

Caratteristiche del trattamento in donne in gravidanza

Quando viene rilevato un processo infettivo, il medico può prescrivere una terapia con farmaci antibatterici. Anche se in attesa del bambino dovrebbe astenersi dal prendere droghe, ma il loro consumo con pielonefrite è obbligatorio. Esistono speciali farmaci antibatterici che non danneggiano la futura mamma e il bambino. Non si deve rifiutare il trattamento: la pielonefrite provoca complicazioni irreversibili.

Il trattamento complesso comprende farmaci antispasmodici, sedativi, anti-antisettici e vitamine per mantenere le difese della donna incinta, terapia fisica, trattamento di disintossicazione, cateterizzazione ureterale e terapia posizionale possono anche essere inclusi. In caso di complicazione purulenta, i reni vengono decapsulati (rimozione della capsula fibrosa). In casi trascurati di patologia, è necessaria un'operazione per rimuovere completamente l'organo, in questi casi i medici ricorrono all'aborto.

Caratteristiche di pyelonephritis cronico in donne incinte

La pielonefrite cronica è una delle più comuni malattie delle donne incinte, è un pericolo per la salute della madre e del bambino. Si verifica in ogni decima donna incinta, in alcuni casi porta a gravi complicazioni, sia durante la gravidanza che dopo di esso.

A questo possiamo aggiungere che la gravidanza stessa è un fattore provocante che porta allo sviluppo di forme acute di pielonefrite. Naturalmente, questo causa un decorso più grave di una malattia renale cronica già formata.

Perché la pielonefrite cronica peggiora durante la gravidanza

La causa principale è una violazione (più precisamente, una complicazione) del passaggio dell'urina, dovuta a cambiamenti nella posizione e nelle dimensioni dell'utero, così come l'effetto del progesterone sui recettori del tratto urinario interno.

L'utero (nella seconda metà della gravidanza) si discosta leggermente e gira a destra, facendo pressione sul rene destro. Questo, tra l'altro, spiega il fatto che durante l'esacerbazione della pielonefrite nelle donne in gravidanza, di solito è il rene giusto che soffre di più. Nell'organo stesso, c'è un'espansione degli elementi urinari (sistema pielocalicea), gli ureteri si espandono. La capacità del tratto urinario sale a 50-70 ml (per rene).

Il rene e l'uretere, sovraccaricati di urina (congestione e aumento della pressione), si trovano in una situazione favorevole per l'esacerbazione della pielonefrite cronica. In questo caso, può anche essere formata pielonefrite primaria.

Questi processi sono osservati in donne in gravidanza con malattie renali dal 3 ° all'8 ° mese (fino a quando il feto non viene spinto).

Dall'ottavo mese c'è un miglioramento delle condizioni della donna incinta. Infine, i reni tornano alla normalità, di norma, entro il 4 ° mese dalla consegna.

Fattori che provocano aggravamento

Un ruolo significativo è giocato dalla condizione dell'apparato legamentoso dei reni, così come dalla condizione della capsula grassa.

Se la gravidanza è combinata con un basso peso corporeo, la probabilità di esacerbazione della pielonefrite aumenta significativamente. Cerca di regolare la nutrizione nel primo trimestre di conseguenza.

Naturalmente, lo stato attuale dei reni, così come la gravità del reflusso vescico-ureterale (cioè il reflusso urinario di ritorno) gioca un ruolo.

Spesso l'esacerbazione della pielonefrite è associata a valori di picco degli ormoni, che è abbastanza tipico per le donne incinte.

In questo caso, il problema non è tanto nella disfunzione dell'apparato della valvola renale, quanto nell'effetto di estrogeni e progesterone su certi tipi di recettori. Questa situazione può essere sospettata nel tempo e aiutare a correggere il ginecologo-endocrinologo.

Anche in assenza di un focolaio di infezione cronica nel corpo (o con la sua passività relativa), nelle donne in gravidanza, l'infezione spesso sale dalla vescica, o si diffonde attraverso le vie linfatiche o circolatorie.

Nel primo caso ciò è facilitato dalla stagnazione degli ureteri e dei reni stessi, nel secondo - una diminuzione dell'immunità, che non è rara durante la gravidanza.

Come risultato, si sviluppa la esacerbazione della pielonefrite cronica o infezione renale acuta (glomerulonefrite acuta, pielonefrite).

L'agente eziologico molto spesso diventa E. coli, proteo, enterococco, stafilococco, candida.

Qual è la malattia pericolosa durante la gravidanza

L'esacerbazione della pielonefrite porta alla gestosi precoce (tossicosi), con sintomi sviluppati: la pressione aumenta, gli edemi si sviluppano, ci possono essere delle convulsioni. C'è una perdita di proteine ​​nelle urine.

La gestosi, come è noto, è ancora la causa principale della mortalità materna.

Sullo sfondo di esacerbazioni, si verificano spesso aborti spontanei e parto prematuro. La placenta può esfoliare prematuramente, il che porta anche a un aborto spontaneo.

Nell'immunodeficienza grave della madre, il feto può essere infetto da un agente patogeno che ha avviato la riacutizzazione della pielonefrite. In questo caso, il bambino può svilupparsi in modo anomalo, poiché i suoi tessuti presentano ipossia (mancanza di ossigeno e sostanze nutritive).

Dopo l'esacerbazione durante la gravidanza, la pielonefrite nel periodo postpartum è molto peggio, il che influenza la qualità della vita della madre.

Gravi complicanze della malattia: sepsi (setticemia, setticopatia), shock tossico (batterico). Data l'elevata mortalità di queste condizioni, le donne in gravidanza con pielonefrite sono sempre considerate un gruppo ad alto rischio.

Se ha (o ha avuto, almeno una volta) pielonefrite o qualsiasi altra malattia renale - assicurati di informare il ginecologo a riguardo.

Sintomi di pyelonephritis cronico in donne incinte

La forma cronica può durare per un periodo piuttosto lungo in assenza di una clinica espansa. Più precisamente - sono presenti alcuni dolori nella parte bassa della schiena e un leggero aumento della temperatura corporea, ma il paziente spesso non attribuisce la giusta importanza a questo.

Ciò accade sia per l'abbondanza di "effetti speciali" caratteristici della gravidanza come condizione (vomito, gonfiore, perversione del gusto, irritabilità, ecc.), Sia per l'abitudine al dolore costante dei reni (con trattamento minimo o nullo). grave pielonefrite, urolitiasi, ecc.).

Segni sulla foto

La debolezza aumenta gradualmente, il colore dell'urina può cambiare. Tutto ciò, a proposito, può anche essere attribuito al paziente alla gravidanza stessa, soprattutto se si tratta della prima gravidanza. Ci sono dolori nella zona lombare, che possono essere sia noiosi che acuti (lancinanti). Il dolore è solitamente esacerbato inclinando il corpo in avanti.

Ai primi segni di esacerbazione della pielonefrite cronica in una donna incinta, è necessario chiamare un medico

L'esacerbazione del processo cronico è accompagnata dai seguenti fenomeni:

  • La temperatura corporea sale a 39-40 ° C, appaiono i brividi;
  • Una donna incinta inizia a sentirsi male fino a vomitare, il suo appetito diminuisce;
  • L'urina può avere un odore acre e sgradevole. Il colore può diventare rossastro;
  • Grande debolezza
  • alta temperatura corporea (38-40 gradi);

I medici differenziano l'esacerbazione con appendicite acuta, colica, colecistite, nonché con nefropatia e manifestazioni di ipertensione. Non funzionerà da solo, quindi, con i sintomi di cui sopra, la donna incinta è ricoverata in ospedale.

Durante l'esacerbazione della pielonefrite cronica (anche se sospettata), la donna incinta deve essere ricoverata incondizionatamente.

Gradi di rischio

Ci sono 3 gradi di rischio per prevenire la mortalità materna. Il primo è la pielonefrite primaria non complicata durante la gravidanza. In questo caso, non ci sono particolari controindicazioni alla gravidanza.

Se una donna ha avuto pielonefrite cronica prima della gravidanza, cade già nel secondo gruppo a rischio.

Il primo e il secondo gruppo vengono inoltre osservati da un nefrologo o terapeuta e la maggior parte di queste gravidanze viene risolta in modo sicuro.

Se la pielonefrite viene combinata in una donna incinta con ipertensione, anemia o solo un rene, la gravidanza è controindicata.

Certo, puoi lasciare la frutta, ma dovrai firmare molti documenti necessari e ascoltare diversi esperti specializzati. Il rischio per la tua vita in questo caso è abbastanza reale e la salute del feto è minacciata (e durante) prima della nascita.

Trattamento di pyelonephritis cronico in donne incinte

La pielonefrite viene trattata secondo i rigidi principi della terapia, ad es. L'agente patogeno viene seminato e viene selezionato un antibiotico, tenendo conto delle controindicazioni e degli effetti collaterali del farmaco. È necessario comprendere che il rapporto rischio / beneficio può andare ben oltre i limiti delle istruzioni per i farmaci.

La necessità della nomina di un farmaco dovuta alla preoccupazione per la sicurezza della madre e del feto. Poiché la vita è il valore più alto, è consentito l'uso di farmaci che non sono mostrati nel periodo di esacerbazione della pielonefrite cronica in donne in gravidanza.

Oltre agli antibiotici, sono prescritte vitamine, acque minerali (Essentuki n. 20), antispastici e farmaci diuretici, fisioterapia ed esercizio fisico.

La terapia di disintossicazione viene eseguita per le donne in gravidanza - reopolyglukine, soluzioni proteiche, emodez gocciolano. Per prevenire i disturbi dello sviluppo fetale, viene prescritto trental (riduce l'ipossia tissutale).

Se il trattamento non è sufficientemente efficace, gli ureteri possono essere cateterizzati per un passaggio stabile di urina.

Si raccomanda di dare alla luce donne incinte con pielonefrite attraverso il canale del parto, poiché il taglio cesareo è estremamente indesiderabile in presenza di infezioni di questo tipo.

L'eccezione può essere un'indicazione ostetrica molto rigida, ad esempio la discrepanza tra i parametri lineari del bacino e la testa del bambino.

Se la pielonefrite è accompagnata da grave tossicosi, viene eseguito un parto prematuro.

La donna in travaglio viene osservata in ospedale per 10 giorni, dopo di che viene dimessa dalla casa di maternità, sotto la supervisione di un nefrologo (urologo).

Raccomandazioni generali per la malattia

È necessario utilizzare un sacco di liquido (più di 2 litri al giorno), cibi fritti, piccanti e grassi sono esclusi. In assenza di patologie combinate da parte del sistema digestivo, è consigliabile consumare un sacco di frutta e verdura ogni giorno.

La carne, il pesce e il brodo di funghi sono controindicati (carne, pesce e funghi possono essere aggiunti a verdure e cereali), poiché gli estratti possono provocare un peggioramento della pielonefrite.

Per ridurre il carico sui reni, è necessario ridurre l'uso di sale da cucina (consumo totale al giorno fino a 8 g).

Quando compaiono i primi segni di esacerbazione, viene indicato un rigoroso riposo a letto. Nel periodo di remissione - al contrario, è desiderabile essere abbastanza attivi, perché migliora il flusso di urina.

Il rispetto di queste regole e le consultazioni tempestive di specialisti competenti riducono significativamente il rischio di esacerbazione della pielonefrite cronica durante la gravidanza. Ai primi segni di un processo acuto (febbre, debolezza, mal di schiena), chiamare immediatamente un medico.