Come rompere i calcoli renali

Cistite

Quando sceglie un metodo per schiacciare calcoli renali, il nefrologo prende in considerazione molti fattori, tra cui l'età, il sesso e la salute generale del paziente. I moderni metodi diagnostici consentono la visualizzazione della dimensione del calcolo e la sua posizione sullo schermo del computer. Il medico valuta il pericolo che può insorgere se la pietra comincia a muoversi lungo gli ureteri verso la vescica. Un fattore importante quando si sceglie un metodo di frantumazione è la composizione chimica delle pietre.

Vantaggi e svantaggi del processo di frantumazione dei calcoli renali

Come tutti gli interventi chirurgici, la distruzione di pietre in parti più piccole ha i suoi pro e contro. Dopo il completamento della procedura, molte persone non hanno bisogno di riabilitazione in un ospedale. Ma ci sono quelli che poi sentono sintomi dolorosi nella regione lombare per lungo tempo, sono costretti a prendere pillole con un effetto antispasmodico. Dipende dalla sensibilità individuale della persona, dalla sua soglia del dolore.

L'indubbio vantaggio della distruzione delle pietre con tali metodi è la velocità. Le procedure non richiedono una lunga preparazione preliminare. Un'operazione per schiacciare calcoli renali viene effettuata immediatamente dopo aver studiato i risultati dei test di laboratorio e l'esame a raggi X. Durante il periodo di riabilitazione, il paziente a volte ha bisogno di assumere farmaci farmacologici. È anche importante seguire una dieta raccomandata da un nefrologo.

Dopo aver valutato la condizione del sistema urinario e la velocità di cristallizzazione e formazione di calcoli, il chirurgo seleziona uno dei seguenti metodi di frantumazione:

  • la litotrissia è un metodo remoto basato sulla distruzione di un calcolo con l'aiuto di un'onda d'urto;
  • chirurgia addominale aperta;
  • chirurgia laparoscopica;
  • chirurgia endoscopica;
  • distruzione di calcoli renali attraverso una piccola puntura nella regione lombare.

Gli svantaggi di tali procedure includono possibili conseguenze negative. Condurre le operazioni addominali implica una violazione dell'integrità del tessuto, l'uso di farmaci per l'anestesia. Dopo l'intervento chirurgico, alcune persone hanno sviluppato processi infiammatori negli organi pelvici dopo il periodo di riabilitazione.

I pazienti con una predisposizione all'aumentata cristallizzazione e alla formazione di calcoli, i nefrologi raccomandano dopo l'intervento un uso permanente di farmaci farmacologici: urosettici e diuretici. Questo è necessario per prevenire una procedura di schiacciamento ripetuta che possa influire negativamente sulla salute umana.

La distruzione di pietre da parte di un'onda d'urto

Pietre frantumanti con ultrasuoni

Lo schiacciamento ultrasonico dei calcoli renali è uno dei metodi più comuni per trattare l'urolitiasi. I concrementi vengono distrutti dall'azione di un'onda ultrasonica senza disturbare l'integrità della pelle umana. Questo metodo senza contatto consente di schiacciare una pietra, la cui dimensione non superi i 20 mm di diametro. Per le controindicazioni relative alla procedura remota sono inclusi:

  • periodo di trasporto di un bambino;
  • disturbi emorragici;
  • malattie di eziologia infettiva;
  • patologie gravi dell'apparato muscolo-scheletrico;
  • sovrappeso significativo.

A differenza della maggior parte delle operazioni chirurgiche, la frammentazione dei calcoli renali con ultrasuoni non provoca serie complicazioni, dal momento che per eseguirlo non è necessario eseguire tagli e punti.

Ma la procedura è abbastanza dolorosa, quindi viene eseguita in anestesia locale o generale. Il paziente viene posto su un tavolo speciale e viene somministrato un medicinale anestetico. Un calcolo viene visualizzato sullo schermo dell'apparato diagnostico, a cui è diretta l'unità ad ultrasuoni.

Per schiacciare le pietre, è necessario utilizzare circa duemila tratti d'onda. Per eseguire l'operazione il più rapidamente possibile, i chirurghi colpiscono prima con un intervallo di tempo ridotto, riducendo gradualmente l'intervallo. Dopo che la pietra è stata schiacciata, un sottile tubo flessibile viene inserito attraverso l'uretra al paziente per facilitare lo scarico delle particelle di pietra.

L'intervento chirurgico dura non più di 60 minuti. Il paziente viene lasciato nel reparto per controllare il suo stato di salute per diverse ore, quindi viene dimesso, fornendo raccomandazioni mediche:

  • raccogliere parti di pietre che escono ad ogni minzione;
  • usare molta acqua pulita e non gassata;
  • assumere antispastici e antagonisti del calcio.

I farmaci contribuiscono alla rapida scarica dei calcoli ed eliminano il dolore risultante. E l'assunzione di grandi quantità di liquido aumenta la minzione, aiuta le parti dei calcoli renali a lasciare il corpo umano. Per diverse settimane, i pazienti possono sperimentare gli effetti dello schiacciamento:

  • la comparsa di sangue fresco o coaguli di sangue scuro nelle urine;
  • fa male nella regione lombare e nell'addome;
  • spasmi dolorosi acuti che si estendono all'addome inferiore durante lo scarico di gran parte del calcolo.

Il corretto funzionamento garantisce lo scarico di piccole pietre entro un mese dopo lo schiacciamento ultrasonico. Raramente grossi pezzi di pietra rimangono nelle strutture renali che non possono lasciare il corpo da soli. In questo caso, nefrologi e chirurghi eseguono un re-schiacciamento o scelgono un metodo terapeutico più appropriato. Pertanto, questo tipo di trattamento della urolitiasi è indicato in presenza di fosfati o ossalati di piccole dimensioni.

Di norma, ciò accade raramente. Di solito, la maggior parte dei pazienti non ha bisogno di un lungo periodo di riabilitazione e può visitare il luogo di servizio dopo pochi giorni. Ma con la comparsa di dolore acuto e minzione ridotta, dovresti contattare il tuo nefrologo per una diagnosi approfondita della condizione degli organi pelvici.

Rene prima e dopo la procedura di frantumazione della pietra

Contatto schiacciamento

Schiacciare calcoli in uno o entrambi i reni mediante il metodo di contatto viene eseguito per i pazienti se i chirurghi hanno dubbi sull'efficacia della procedura remota. Questo metodo di schiacciamento elimina l'uso di anestesia locale: il paziente è immerso in un'anestesia profonda. Attraverso l'uretra, il chirurgo entra nell'uretroscopio nel lume di uno degli ureteri. Dopo l'accensione del dispositivo, le onde ultrasoniche iniziano ad agire sul calcolo con un certo intervallo di tempo.

Dopo aver rimosso l'apparecchio di frantumazione, viene inserito un dispositivo speciale. Con esso, raccogli le pietre usate per ulteriori analisi. Il metodo di contatto schiacciante dura circa mezz'ora. La procedura è uno dei trattamenti più efficaci per l'urolitiasi, poiché con questo metodo di utilizzo delle onde ultrasoniche, quasi tutti i calcoli vengono distrutti.

Dopo il contatto schiacciante di pietre durante la settimana, il paziente può avere sangue nelle urine, dolore nella regione lombare. I nefrologi raccomandano i farmaci per eliminare i sintomi spiacevoli. È estremamente raro quando la scarica del calcolo acuto si verifica la rottura dei vasi sanguigni.

Litotrissia laser

La frantumazione laser dei calcoli renali è uno dei metodi più sicuri per trattare l'urolitiasi a causa della bassa percentuale di casi diagnosticati di complicanze. La procedura viene eseguita in anestesia generale. Attraverso l'uretra del paziente, la vescica e uno degli ureteri sul luogo di localizzazione del calcolo viene fornito un dispositivo speciale per l'esposizione al laser. La pietra si divide in minuscole particelle che lasciano facilmente il corpo quando la vescica è vuota.

Rispetto ad altri metodi, lo schiacciamento dei calcoli renali ha molti vantaggi:

  • smaltimento del calcolo di diversa composizione chimica;
  • non è richiesta la ri-conduzione della procedura;
  • probabilità estremamente bassa di formazione di frammenti taglienti;
  • distrugge pietre di qualsiasi dimensione;
  • dopo la procedura non ci sono cicatrici;
  • nessuna sensazione dolorosa.

Recentemente, durante la procedura nelle grandi cliniche regionali (Mosca, Novosibirsk, Rostov-on-Don), viene utilizzato uno speciale laser chiamato laser a olminio. L'uso di un tale dispositivo consente di evitare complicazioni durante lo scarico di pietre, in quanto vi è una penetrazione a una profondità ridotta. Il nefrologo osserva l'andamento dell'operazione - l'immagine del campo viene visualizzata sul monitor.

30 minuti prima dell'inizio della frantumazione, il paziente assume farmaci antimicrobici per prevenire il processo infiammatorio negli organi del sistema urinario. A volte è un po 'doloroso quando si introduce un dispositivo o un tubo per lo scarico del calcolo, quindi l'operazione viene eseguita in anestesia generale o locale. Il suo aspetto è determinato dall'anestesista, a seconda dell'età del paziente e del suo stato di salute.

Frantumazione dell'apparato di calcoli renali

Modi per dissolvere i calcoli renali

Dissolvere i calcoli renali è un modo per evitare un intervento chirurgico. Prima di utilizzare i preparati farmacologici, il nefrologo studia i risultati dei test di laboratorio per determinare la composizione chimica del calcolo. Il fatto è che le medicine hanno una gamma terapeutica limitata - ogni tipo di pietra ha una sua preparazione.

La dimensione e la dimensione del calcolo. Se la pietra formata è grande, con spigoli vivi, allora non ha senso usare medicinali. Ma per le formazioni piccole e morbide si adattano bene i preparativi per una rapida frantumazione. Sciogliere i calcoli con l'aiuto di tali farmaci:

  • Asparkam. Il farmaco è in grado di distruggere grandi cristalli e pietre di acido ossalico e urico. Nel processo di dissoluzione compaiono effetti collaterali: una sensazione di forte sete, nausea, vomito. Questo metodo è strettamente controindicato nelle donne in gravidanza e nei pazienti con malattie del sistema cardiovascolare;
  • Blemaren. Il farmaco sotto forma di compresse per la preparazione della soluzione è in grado di distruggere ossalati e urati di piccole dimensioni. E 'vietato l'uso per le persone con patologie del sistema urinario. Prima del trattamento, il paziente viene diagnosticato - ecografia, tomografia computerizzata;
  • Allopurinolo. Il farmaco è usato per trattare la gotta a causa della sua capacità di espellere i sali di acido urico, il componente principale degli urati morbidi. Il farmaco può provocare reazioni allergiche sotto forma di eruzioni cutanee, alterata circolazione sanguigna. Le proprietà schiaccianti di Allopurinol compaiono quando seguono una dieta delicata.

Ci sono molti modi popolari di sciogliere e rimuovere le pietre con l'aiuto di erbe. La medicina ufficiale avverte del pericolo del loro uso senza un esame preventivo, determinando la composizione delle pietre formate.

Opinioni di pazienti

Tutti hanno dei dubbi sulla scelta dei metodi operativi. In questo caso, le recensioni più informative di persone che sono state schiacciate in calcoli renali.

Vladimir Zhurov, Nizhny Novgorod:

Margarita Sherstneva, Mosca:

Peter Maleev, Volgograd:

Poiché i calcoli renali sono schiacciati con vari metodi, i nefrologi e i chirurghi dovrebbero essere la scelta più efficace. La principale causa di urolitiasi è una violazione dell'equilibrio acido-base nel corpo umano. I medici non solo rimuovono le pietre in modo rapido ed efficace, ma offrono anche misure preventive efficaci per prevenire le reinterventi.

Procedure per schiacciare calcoli renali con un laser e ultrasuoni - cosa scegliere?

I calcoli renali sono una condizione patologica che si sviluppa sotto l'influenza di molti fattori esterni e interni. Quando raggiungono una grande dimensione e provocano complicazioni, al paziente viene offerta la frantumazione dei calcoli renali usando uno dei metodi moderni - ultrasuoni o laser. Quando ricorrono a queste procedure, come vengono svolte, qual è il loro vantaggio? Le risposte a queste domande possono essere trovate nel nostro articolo.

Calcoli renali: cosa sono e perché si formano?

Il motivo principale per la formazione di calcoli renali, gli esperti ritengono violazioni del metabolismo di minerali e sali. Possono insorgere a causa di predisposizione genetica, malattie associate e sotto l'influenza di fattori esterni avversi. Ad esempio, una persona consuma troppe proteine ​​o cibo salato, beve un disco rigido, o consuma poco liquido, vive in una zona con ecologia sfavorevole.

Per composizione chimica, i calcoli renali sono ossalato, fosfato, urico, misto.

  1. Gli ossalati sono composti da sali di ossalato, hanno una struttura densa, una superficie pungente e un colore nero e grigio. Tali formazioni causano il dolore più intenso, poiché le protrusioni acute feriscono la mucosa dei dotti urinari. Tali pietre possono riempire l'intera cavità del rene, differiscono in una struttura estesa e assomigliano a coralli nella loro struttura.
  2. Fosfati - pietre grigio-biancastre, formate da sali di acido fosforico. Hanno una superficie ruvida, una struttura sciolta, friabile, sono facilmente frantumabili e lasciano rapidamente il tratto urinario.
  3. Gli urats sono pietre cristalline formate da sali di acido urico. Il colore di tali formazioni va dal giallo al rosso scuro, hanno una superficie liscia e una trama densa.

Tra le altre formazioni ci sono le proteine, il colesterolo, il carbonato o le pietre di cistina, che possono avere diversa densità, forma e struttura. Alcuni di essi possono essere sciolti con l'aiuto di farmaci speciali, altri possono essere rimossi solo chirurgicamente o con la litotrissia (frantumazione).

Quale metodo di trattamento scegliere, decide il medico-neurologo, tenendo conto di molti fattori: il sesso e l'età del paziente, la gravità della condizione, la presenza di malattie concomitanti e le possibili controindicazioni.

Indicazioni per la litotripsia

Un'indicazione diretta per la litotripsia è la colica renale, accompagnata da intenso dolore. I dolori in questa condizione sono così gravi che i pazienti li caratterizzano come "pugnali" e sono pronti a tutto per ottenere sollievo. Lo schiacciamento di emergenza dei calcoli renali viene effettuato in ospedale, utilizzando uno dei metodi moderni e minimamente invasivi per rimuovere rapidamente il tartaro e salvare il paziente dal dolore, dal gonfiore e da altre manifestazioni di nefrolitiasi.

L'indicazione per la chirurgia elettiva è una diagnosi di malattia renale. Si ricorre ai casi in cui le pietre raggiungono grandi dimensioni che superano il diametro degli ureteri e dell'uretra. Se non rimuovono i calcoli nel tempo, continueranno a crescere e causano disfunzione renale o cominceranno a muoversi e bloccare gli ureteri, causando coliche renali. La frantumazione delle pietre aiuta ad evitare molte gravi complicanze: ascessi purulenti nei reni, sviluppo di ipertensione persistente o grave insufficienza renale.

Controindicazioni

Il processo di frantumazione dei calcoli renali presenta una serie di controindicazioni che vengono necessariamente prese in considerazione dal medico quando si sceglie il metodo ottimale di trattamento. La litotripsia non può essere utilizzata nelle seguenti condizioni:

  • stadio acuto di malattie infettive;
  • malattia del rene policistico;
  • esacerbazione di prostatite o pielonefrite (con complicanze purulente);
  • disturbi emorragici;
  • restringimento del lume dell'uretra;
  • malattie cardiache (aritmia), presenza di un pacemaker;
  • aneurisma aortico;
  • periodo di gestazione;
  • processo oncologico nell'area di impatto;
  • sovrappeso (oltre 130 kg).

Nel decorso acuto delle patologie renali (pielonefrite, glomerulonefrite), le pietre frantumanti possono complicare il decorso della malattia, dal momento che piccole particelle di calcolo, che entrano nella pelvi renale e negli ureteri, aumentano le manifestazioni del processo infiammatorio.

Metodi di frantumazione di pietra

Oggi nella pratica medica, ci sono due metodi principali di frantumazione dei calcoli renali:

  • contatto litotrissia - la distruzione delle pietre avviene con il metodo endoscopico;
  • litotripsia senza contatto - lo schiacciamento delle pietre viene effettuato senza penetrazione nell'uretere.

Il medico sceglie il metodo di frantumazione dopo aver eseguito una serie di procedure diagnostiche volte a chiarire la localizzazione del calcolo, la loro varietà, dimensione, densità e altre caratteristiche.

Sminuzzare i calcoli renali con gli ultrasuoni

Lo schiacciamento ultrasonico di pietre è effettuato solo nelle condizioni di un ospedale e è effettuato in parecchi modi:

Litotripsia a distanza

Questo è un metodo a onde d'urto in cui le pietre vengono rimosse senza penetrare nel corpo del paziente. Si ricorre a quei casi in cui il diametro delle pietre nei reni non supera i 20 mm, nell'uretere -15 mm e il deflusso delle urine non è ostruito.

La distruzione del calcolo avviene quando esposto a un'onda acustica diretta a un punto specifico. Questo è il metodo meno traumatico, eliminando i danni ai tessuti molli. Perché la procedura abbia successo, è molto importante determinare la posizione esatta delle pietre nel rene o nell'uretere.

Contattare la litotrissia

Questa tecnica comporta la divisione e la rimozione di pietre attraverso l'accesso transuretrale. È usato per schiacciare pietre fino a 25 mm di dimensioni, con attacchi di colica renale, calcoli multipli e deflusso urinario difficile. La procedura viene eseguita in anestesia locale o generale.

Durante l'operazione, il chirurgo inserisce l'uretroscopio nel lume dell'uretere, dopodiché accende un dispositivo che schiaccia le pietre con onde ultrasoniche. Dopo la frantumazione, i calcoli renali si disintegrano in piccole particelle: alla fine della procedura, i frammenti vengono rimossi con un nefroscopio e uno speciale stent viene posto nell'uretere. Viene rimosso una settimana dopo l'intervento, se il recupero ha esito positivo, senza complicazioni.

Dopo l'operazione, effettuata per contatto, il paziente può avvertire crampi dolorosi nella regione lombare per una settimana e notare la comparsa di sangue nelle urine. Per eliminare le sensazioni spiacevoli, al paziente vengono prescritti antidolorifici, antispastici e, se necessario, viene eseguita una terapia antibatterica. In generale, questo metodo di litotripsia è considerato il più efficace, dal momento che l'ecografia distrugge quasi tutti i tipi di pietre.

Litotripsia percutanea (percutanea)

L'operazione viene eseguita in anestesia generale e viene utilizzata per rimuovere pietre di grandi dimensioni (da 25 a 35 mm), che non possono uscire da sole. L'accesso al calcolo viene effettuato attraverso una puntura nella regione lombare. Sotto il controllo degli ultrasuoni, viene introdotto un nephroscope, portato alla pietra e schiacciamento e rimozione del calcolo. Quindi viene effettuato un drenaggio attraverso il quale sangue e urina verranno drenati dal rene per diversi giorni. Questo metodo di intervento consente di rimuovere anche i densi concrementi di corallo che non sono suscettibili all'esposizione a distanza.

Pietre renali schiaccianti con un laser

La litotripsia laser è considerata uno dei metodi di trattamento più sicuri e indolore, raramente accompagnato da complicanze. La procedura viene eseguita su attrezzature moderne, utilizzando un laser dorato e viene utilizzata se il diametro delle pietre non supera i 2 cm. L'operazione viene eseguita in anestesia generale.

Per la posizione del calcolo, il chirurgo porta un dispositivo speciale attraverso il quale viene alimentato il raggio laser. L'accesso è attraverso l'uretra. Dopo aver acceso il sistema laser, la radiazione rompe le pietre in minuscole particelle, che in seguito lasciano il corpo nel processo di minzione.

La frantumazione laser ha molti vantaggi:

  • elimina la formazione di frammenti taglienti;
  • elimina qualsiasi tipo di pietre, indipendentemente dalla loro composizione chimica;
  • differisce in assenza di dolore e il rischio minimo di complicazioni postin vigore;
  • non richiede una procedura ripetuta, allo stesso tempo allevia il paziente dalle pietre;
  • la procedura richiede solo 15-20 minuti, il paziente ritorna a casa dopo 1-2 giorni;
  • Il medico può monitorare visivamente il corso della procedura, poiché l'immagine viene trasmessa al monitor, che riduce significativamente il rischio di danni ai tessuti circostanti.

Il metodo di litotripsia laser può essere utilizzato nel processo infiammatorio delle vie urinarie, nonché in condizioni associate ad un alto rischio di sviluppare urosepsi, pielonefriti o disfunzioni renali.

Dopo la procedura di frantumazione della pietra con il laser, al paziente vengono prescritti antispastici, che contribuiscono all'espansione del tratto urinario. Per accelerare la rimozione di piccole particelle, si consiglia di utilizzare un regime di bere potenziato (2-2,5 l di liquido al giorno), e consiglia inoltre di aumentare l'attività fisica (eseguire esercizi speciali, camminare di più, salire le scale). Inoltre, il medico fornirà le raccomandazioni necessarie sulla regolazione della nutrizione e l'aderenza a una dieta speciale, limitando l'assunzione di sale.

La durata della degenza del paziente in ospedale è individuale e dipende dal tipo di intervento e dalla dimensione dei calcoli renali. Quindi, se le pietre sono piccole (fino a 12 mm), i medici possono lasciare l'ospedale dopo alcune ore (se le condizioni del paziente non causano preoccupazione). Se l'intervento è stato effettuato al fine di rimuovere le pietre di grandi dimensioni, si consiglia di rimanere sotto la supervisione di specialisti per 2-5 giorni.

Il costo di schiacciare calcoli renali

Il costo della litotripsia varia ampiamente e dipende dal metodo di funzionamento, dalla qualifica del chirurgo, dall'area di residenza, dallo stato della clinica e da altri fattori. Il costo finale dell'operazione è determinato tenendo conto delle procedure diagnostiche, della consulenza specialistica, della gravità delle condizioni del paziente, delle sue caratteristiche individuali (peso, altezza, sesso), dimensioni, struttura e tipo di calcoli renali.

In media, il costo della litotripsia ad ultrasuoni varia da 15.000 a 65.000 rubli. Crollare i calcoli renali con un laser costerà tra 12.000 e 50.000 rubli.

Metodi alternativi

Rimuovere le pietre non richiede sempre un intervento chirurgico. In un certo numero di casi, le masse renali possono essere divise con l'aiuto di speciali agenti farmacologici. Prima di prescrivere, un nefrologo deve esaminare attentamente i risultati di un esame diagnostico e determinare la composizione chimica delle pietre.

Le medicine sono selezionate in base alla struttura e al tipo di pietre, poiché una preparazione specifica è destinata a ciascun tipo di formazione. Questo metodo di trattamento è adatto per pietre piccole e morbide, che possono essere facilmente divise. È più facile dissolvere i calcoli di urato, in altri casi l'uso di droghe ha un effetto ausiliario, rallentando il processo di formazione delle pietre e l'ulteriore crescita di tali formazioni.

Compresse per la frantumazione di calcoli renali

I seguenti farmaci contribuiscono alla scomposizione dei calcoli di urato:

Per sciogliere i concimi di ossido di potassio usati:

Le formazioni di fosfato di calcio sciolgono i seguenti farmaci:

La vitamina C contribuirà a far fronte ai calcoli di cistina, che dovrebbero essere assunti per lungo tempo, i preparati di Blemarin e Penicillamina.

Sminuzzare calcoli renali con rimedi popolari

La medicina tradizionale offre molte ricette collaudate che ti permettono di dividere e rimuovere i calcoli renali. Considerare i più popolari:

Dieta all'anguria

Ben adatto per dissolvere e rimuovere i concrements morbidi e sciolti. Puoi mantenere questa dieta da 7 a 14 giorni. La base della dieta è la polpa di anguria, che si consiglia di mangiare durante il giorno, mangiando un pezzetto di pane nero.

Inoltre, ogni sera, dovresti fare un bagno caldo, che ti aiuterà ad alleviare lo spasmo dei muscoli lisci, espandere il tratto urinario e accelerare l'escrezione della sabbia. L'anguria ha pronunciato proprietà diuretiche, attiva il flusso sanguigno renale, che consente di sciogliere i depositi renali e rimuoverli dal corpo il più rapidamente possibile.

Succhi e decotti

L'assunzione giornaliera di uva appena spremuta, succo di mela, cavolo o succo di mirtillo aiuta a dissolvere le piccole pietre fosfatiche. Lo stesso effetto ha un decotto di rosa selvatica o di crespino. Inoltre, puoi dividere le pietre con un decotto di stimmi di mais, bardana. Per la preparazione del brodo terapeutico i guaritori popolari usano spesso una collezione di radici di dente di leone, l'erba di Hypericum e l'alpinista, presa in parti uguali. Anche l'infusione di semi di lino, che può essere integrata con foglie di salvia, mostra una buona efficacia.

Avena non raffinata

L'avena non pulita viene spesso utilizzata per scindere i calcoli di urato. Per fare questo, molti cucchiai grandi di cereali vengono posti in un thermos, versare acqua bollente e insistere per almeno 10 ore. La massa di avena vaporizzata viene macinata da un frullatore in un impasto liquido e consumata senza sale e zucchero al mattino, invece della colazione.

Acqua di miele

Una ricetta universale che aiuta a dissolvere tutti i tipi di pietre è l'acqua del miele, che viene preparata al ritmo di 2 cucchiaini. miele in un bicchiere di acqua calda e bollita. È necessario accettarlo su 100-150 ml ogni mattina, a stomaco vuoto. Questo è il metodo più sicuro perché, a differenza dei diuretici, non causa il movimento delle pietre, ma contribuisce solo alla loro graduale dissoluzione. Prendi l'acqua del miele per lungo tempo, fino a 6 mesi.

Inoltre, nell'eliminazione del calcolo del rene, l'osservanza di una certa dieta è di grande importanza. È necessario limitare l'uso di piatti salati, in salamoia, speziati, salare il cibo già in forma pronta, proprio sul tavolo. Si consiglia di aumentare l'assunzione di liquidi a 2-2,5 litri per anatra e aggiungere alla dieta più frutta e verdura fresca, che sono una fonte di fibra e vitamina C, che è particolarmente necessaria per dissolvere le pietre di calcio.

Cambiando la dieta, aumentando l'attività fisica, la terapia fisica, prendendo diuretici, decotti di piante medicinali - tutto questo, insieme, aiuterà a sbarazzarsi di calcoli renali e contribuire a migliorare la salute.

Recensioni di rimozione di calcoli renali

Verifica numero 1

Deciso su una procedura laser. Mi è sembrato il più sicuro e meno traumatico. Pertanto, il costo della procedura è elevato, ma non ho rimpianto la mia decisione per un minuto. Le pietre sono state rimosse dalla prima volta, non c'era dolore, ho recuperato rapidamente, dopo 3 giorni sono andato a lavorare. Spero che non ci sarà alcuna ricorrenza della malattia.

Arkady, 52 anni - Ekaterinburg

Rivedi il numero 2

Quindi il medico spiegò che era una litotripsia percutanea. Nella regione lombare è stata fatta una puntura e attraverso di essa è stato inserito uno strumento speciale che ha schiacciato la pietra con onde ultrasoniche. L'operazione fu eseguita in anestesia generale, dopo che se ne fu andato, c'erano dolori, ma fui trattato con antidolorifici.

Per circa una settimana, il lombo era ancora dolente, a volte il sangue appariva nelle urine, mentre piccole particelle e sabbia uscivano, quindi diventava più facile. In generale, sono molto contento di essere stato fatto per litotripsia, perché la riabilitazione non ha richiesto molto tempo e non ci sono state complicazioni. Prese un ciclo di antibiotici prescritto da un medico e presto tornò alla sua solita vita e al lavoro.

Indicazioni e controindicazioni per schiacciare calcoli renali

Lo schiacciamento ultrasonico o laser dei calcoli renali è uno dei metodi più comuni per la rimozione del tartaro. La loro educazione è un fenomeno molto pericoloso. I risultati di recenti studi affermano che l'incidenza di questa patologia è aumentata tra adulti e bambini.

Negli uomini, l'ICD si manifesta 3 volte più spesso che nelle donne, ma c'è ancora una tendenza a sviluppare l'urolitiasi nelle persone anziane. Questa malattia è pericolosa non solo la formazione di effetti tardivi e irreversibili (rughe del rene), ma è anche la causa principale dello spasmo doloroso delle vie urinarie. La colica renale si sviluppa dopo il blocco o la flessione dell'uretere. È caratterizzato dallo sviluppo del dolore nella regione lombare sullo sfondo del benessere completo, negli uomini il dolore spesso si sposta nell'inguine e nello scroto. Senza un trattamento adeguato, la patologia minaccia la vita del paziente.

Metodi di trattamento della urolitiasi

Ci sono metodi conservatori e chirurgici di trattamento di ICD. La tattica di gestione ottimale è sviluppata dal medico curante.

Il metodo di trattamento dipende dalle caratteristiche del calcolo (dimensione, forma, posizione, composizione), nonché dalle condizioni generali del corpo, dalla comorbilità, dal sesso e dall'età.

Nell'arsenale della medicina moderna, metodi non invasivi o minimamente invasivi per rimuovere le pietre. Tali metodi includono la litotripsia ad ultrasuoni, laser e chirurgica.

La distruzione ad ultrasuoni di calcoli renali è molto diffusa. Questo è il metodo di trattamento più popolare. Attira in esso il numero minimo di complicanze, la capacità di rimuovere le pietre senza chirurgia, l'accessibilità per la popolazione, la riabilitazione rapida.

La litotripsia laser è diventata un metodo rivoluzionario di trattamento. Combina la terapia laser e la tecnica endoscopica. L'endoscopio viene inserito attraverso l'uretra e alimentato alla pietra. Sotto l'influenza degli uroliti laser vengono distrutti. Le concrezioni si sciolgono e vengono eliminate senza dolore nelle urine. Ma il costo della litotrissia laser è molte volte di più, quindi il metodo non è ampiamente utilizzato.

Sminuzzare i calcoli renali con gli ultrasuoni

La rimozione delle onde d'urto delle pietre è uno dei metodi principali per il trattamento della nefrolitiasi. Secondo il tipo di generazione di onde d'urto, è suddivisa in frantumazione piezoelettrica, elettroidraulica, elettromagnetica.

La base della litotripsia elettromagnetica è la capacità di rompere una pietra focalizzando un'onda con una lente ottica. Lo svantaggio dell'apparato con questo tipo di generazione di onde è l'alto costo e la fragilità dei suoi componenti.

La litotripsia elettroidraulica consente di rompere le pietre di medie e grandi dimensioni. Il dispositivo ha la migliore efficienza. I suoi svantaggi includono la rapida usura di parti e materiali di consumo costosi, quindi nella medicina moderna perde gradualmente il suo valore.

La litotripsia piezoelettrica viene utilizzata per rimuovere i calcoli dal tratto urinario - pietre così frantumate di piccole dimensioni (fino a 15 mm di diametro). L'apparato di questo tipo funziona grazie alla messa a fuoco del riflettore dell'impulso proveniente da una varietà di piastre realizzate in ceramica speciale. Lo svantaggio del dispositivo è una piccola vita.

Metodi di Lithotripsia di calcoli renali

Ci sono indicazioni specifiche per ciascun metodo di trattamento. Puoi schiacciare i calcoli renali in 3 modi:

  • a distanza - non più di 20 mm nei reni e 15 mm nell'uretere, densità non superiore a 1000 HU;
  • transuretrale - dimensione non superiore a 25 mm, la densità non è importante;
  • per via percutanea (attraverso un'incisione cutanea) - la dimensione delle pietre è superiore a 25 mm, la densità non è importante.

Litotrissia a distanza - l'effetto di un fascio diretto di onde ultrasoniche attraverso il tessuto muscolare. Schiacciare le pietre del rene con gli ultrasuoni è un processo doloroso, viene eseguito in anestesia generale o locale (anestesia spinale). La procedura richiede non più di un'ora. Sotto il controllo visivo (ultrasuoni o raggi X), viene determinata la posizione del calcolo, un dispositivo speciale (litotripter) si trova sopra l'area di localizzazione della pietra e genera onde ultrasoniche con un aumento graduale della frequenza e una diminuzione degli intervalli di tempo tra le onde.

Per 1 sessione produci fino a 2000 battiti, a volte di più. Tutto dipende dalle caratteristiche individuali del calcolo in un caso particolare. Durante l'intera sessione, il medico curante monitora lo stato del calcolo e seleziona lui stesso le tattiche di litotripsia. Una volta completata la procedura, nel paziente viene installato un catetere speciale per rimuovere rapidamente piccoli frammenti di calcoli dai reni.

I pazienti vengono trattati in modo diverso in ogni ospedale. La maggior parte dei medici preferisce lasciare i pazienti sotto osservazione per altri 1-2 giorni. Il primo giorno dopo l'intervento sono possibili febbre, dolore durante la minzione, un attacco di colica renale e colorazione delle urine in rosso. Questi fenomeni vanno via da soli, ma si raccomanda di seguire scrupolosamente le istruzioni del medico curante per minimizzare le complicazioni.

Sebbene la percentuale di risultati favorevoli sia elevata, i problemi non possono essere ancora evitati. Le principali complicanze derivanti dalla litotrissia a distanza sono le seguenti:

  • contusione renale;
  • emorragia d'organo;
  • esacerbazione o comparsa di pielonefrite;
  • la formazione di "sentieri di pietra" è un fenomeno pericoloso, che porta a ritenzione urinaria acuta;
  • pietre residue - possono causare recidive.

La litotripsia transuretrale o di contatto viene eseguita utilizzando un endoscopio inserito attraverso l'uretra. Quindi, il medico visualizza il calcolo e gli ultrasuoni direttamente sulla pietra. Usando l'aspirazione per rimuovere i residui di nefroliti dal rene. Questo tipo di litotripsia è doloroso e viene eseguito solo in anestesia generale.

Viene data preferenza a questo metodo di trattamento se, dopo 2-3 sessioni di terapia con onde d'urto, non vi è alcun effetto desiderato o vi sono controindicazioni: localizzazione della pietra nel lume dell'uretere, sviluppo della colica renale, disturbi della minzione. Dopo l'intervento, il paziente è in ospedale da circa una settimana. La terapia postoperatoria comprende antidolorifici, antinfiammatori e antibatterici.

La nefrolitotripsia percutanea è un'operazione endoscopica eseguita su grandi pietre nel rene, più spesso coralli. Il metodo, essendo invasivo, viene eseguito in anestesia generale. L'essenza della procedura chirurgica è la seguente: attraverso una piccola incisione cutanea, la pietra viene schiacciata da un nefroscopio sotto controllo visivo. Quando il calcolo viene rimosso, un tubo di drenaggio viene installato nella ferita per rimuovere l'urina e il sangue. Il drenaggio viene rimosso dopo alcuni giorni. Il paziente viene dimesso 5-7 giorni dopo l'intervento.

Controindicazioni

Nonostante l'uso diffuso di vari metodi di litotripsia nella pratica urologica, hanno controindicazioni. Sono divisi in aspetti tecnici (obesità, posizione complessa della pietra, impossibilità di posizionare il sensore rigorosamente sulla zona di localizzazione della pietra) e medica.

Principali controindicazioni mediche:

  • mestruazioni;
  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • patologia urologica (tubercolosi, cisti, neoplasie renali, insufficienza renale cronica, restringimento dell'uretra e dell'uretere, localizzazione della pietra nell'uretere per più di 3 mesi);
  • processi purulenti e infiammatori (pielonefrite, cistite, polmonite, otite media);
  • patologia cardiovascolare (presenza di un pacemaker, aneurisma aortico, insufficienza cardiaca scompensata, infarto miocardico);
  • lesione del tratto gastrointestinale (durante esacerbazioni);
  • la gravidanza.

Se ci sono controindicazioni, prendere in considerazione metodi alternativi di trattamento: gestione conservativa del paziente, schiacciamento dei calcoli renali con un laser o chirurgia a cielo aperto.

Preparazione e svolgimento della procedura

Per un trattamento corretto ed efficace è necessario sottoporsi ad un esame completo. Le fasi principali della diagnosi includono i seguenti metodi:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • coagulazione;
  • glicemia;
  • analisi delle urine;
  • gruppo sanguigno e fattore Rh
  • determinazione dei marcatori di epatite B e C, infezione da HIV;
  • Reazione di Wasserman (analisi per l'infezione sifilitica);
  • fluorografia (non più vecchia di 6 mesi);
  • ECG (per pazienti dai 40 anni necessariamente, fino a 40 anni - con sospetta patologia cardiovascolare);
  • urography;
  • Ultrasuoni dei reni, delle vie urinarie, della prostata;
  • esame da parte di un ginecologo per donne;
  • uno studio della prostata negli uomini di oltre 45 anni.

Alcuni giorni prima della procedura, i sedativi sono prescritti. Una settimana prima dell'operazione, i farmaci antipiastrinici sono aboliti (aspirina, clopidogrel). Immediatamente prima dell'intervento, gli intestini del paziente vengono purificati.

Il paziente entra nella sala operatoria preparata, si spoglia e si sdraia su un divano speciale. La posizione ottimale del paziente è selezionata. A seconda del metodo di litotripsia, viene eseguita l'anestesia necessaria. Quando si rileva un calcolo mediante ultrasuoni o apparecchi a raggi X con terapia remota o visivamente (con contatto, schiacciamento transdermico), un raggio di onde ultrasoniche viene diretto sulla pietra. La procedura viene eseguita fino alla distruzione del calcolo o al numero massimo consentito di battiti ad ultrasuoni. Dopo la litotripsia, il paziente viene trasferito in reparto per ulteriori osservazioni.

conclusione

Qualsiasi patologia, nefrolitiasi o coledocolitiasi, richiede un approccio integrato al trattamento. Per il successo del trattamento della urolitiasi e la riduzione delle recidive, la litotrissia viene combinata non solo con metodi conservativi, ma anche con un cambiamento nelle preferenze alimentari, nel regime di bere, nell'attività fisica e nel rifiuto delle cattive abitudini. Il pegno di felicità e salute è sempre nelle mani della persona stessa.

Pietre renali schiaccianti con laser: recensioni e prezzi

Sfortunatamente, le pietre localizzate nella pelvi renale o nella vescica (urolitiasi) sono comuni. Chiunque può essere interessato A rischio sono le persone anziane e i bambini.

Le concrezioni si formano per vari motivi: l'uso di acqua dura, cibo povero, predisposizione genetica, danni al sistema urinario, scorrimento in forma cronica, ecc. La medicina moderna offre un tale metodo di intervento come i calcoli nei reni.

La gravità della malattia per il paziente

Se una persona non sta bene, ha periodicamente una colica renale. Questa condizione è accompagnata da un forte dolore. Il paziente non può mangiare tranquillamente, sdraiarsi, sedersi, deve muoversi costantemente per distrarsi dall'attacco. Prendere antidolorifici aiuta ad alleviare le coliche, ma non risolve il problema. La frantumazione dei calcoli renali è l'unica procedura che rimuove i calcoli in modo sicuro ed efficace senza il rischio di ricaduta.

Diagnosi e scelta dei metodi di trattamento

Prima dell'inizio delle attività terapeutiche, una persona deve sottoporsi a una serie di studi. Al paziente vengono assegnate procedure diagnostiche come ultrasuoni e radiografie. Il medico, sulla base dei dati ottenuti, determina la posizione esatta delle pietre, la loro composizione chimica e le dimensioni.

Per implementare una diagnosi e una valutazione più accurate delle condizioni del paziente, è possibile assegnare un ulteriore set di misure:

  • Fluorography.
  • ECG - elettrocardiogramma.
  • Esame del sangue per lo zucchero, biochimica.
  • Tomografia computerizzata

A seconda dei risultati dell'esame, può essere proposto lo schiacciamento di calcoli renali a ultrasuoni o laser. Tali manipolazioni sono riconosciute come le più efficaci e sicure, sono incluse nel piano di trattamento nei moderni centri medici. L'intervento chirurgico, che prevede l'accesso alle pietre attraverso un'incisione nella regione lombare o nell'addome, non viene praticamente utilizzato. Le uniche eccezioni sono i casi di emergenza.

Controindicazioni e possibili complicazioni

La conduzione di misure diagnostiche elimina la presenza di altre condizioni patologiche del paziente. Quindi, quando si individuano formazioni cistiche sui reni, tumori cancerosi, pietre di tipo corallo, il metodo non viene eseguito.

Il paziente è indubbiamente guarito da eventuali malattie infettive acute. Inoltre, la frammentazione dei calcoli renali con un laser non può essere implementata quando si rilevano disturbi emorragici (deviazione dalla norma verso un aumento) nelle donne in gravidanza.

I medici dicono che tra le complicazioni possono sviluppare ematoma renale, peggioramento della pielonefrite, la formazione del cosiddetto sentiero di pietra, che può portare alla ricaduta. Cercare assistenza medica professionale aiuterà a evitare questi problemi. È importante che la procedura sia eseguita da un medico qualificato ed esperto.

La sessione di trattamento è implementata su base ambulatoriale. Prima che il paziente sia in grado di schiacciare calcoli renali con un laser (il prezzo del trattamento aumenterà leggermente), subisce una serie di procedure preparatorie. In particolare, l'intestino viene liberato dalle masse fecali e dal gas, che determina il normale corso del trattamento.

Caratteristiche distintive dell'esposizione laser

La frantumazione di calcoli renali con un laser viene eseguita nel caso in cui l'effetto ultrasonico sia inefficace, cioè il problema è in uno stato trascurato. È questa tecnica necessaria per combattere le grandi formazioni.

Durante la sessione di trattamento il paziente viene fatto un'incisione puntuale. Può essere localizzato nella vescica o nella parte bassa della schiena. Attraverso l'apertura ricevuta viene portato il suggerimento speciale del dispositivo. Il dispositivo si accende e agisce sulla formazione patologica, che è completamente distrutta o si trasforma in polvere. Successivamente, tutte le sostanze vengono espulse naturalmente per minzione.

I vantaggi della procedura laser sono descritti come segue:

  • Elevato impatto su ciottoli di qualsiasi dimensione.
  • Sul corpo del paziente non rimangono tracce postoperatorie.
  • L'azione del raggio è mostrata per distruggere pietre di rocce complesse.
  • Il recupero completo può essere raggiunto dopo una procedura.
  • Il paziente non è in anestesia.
  • Rapida eliminazione del dolore, infiammazione, miglioramento del deflusso delle urine.

La terapia laser non è effettuata nel rilevamento di prostatitis acuto in uomini, con pyelonephritis purulento, con una condizione seria generale di una persona.

48-72 ore dopo l'implementazione del trattamento, la persona può tornare al lavoro e dopo 14 giorni è considerata completamente sana.

Caratteristiche dell'esposizione agli ultrasuoni

La schiacciamento dei calcoli renali con ultrasuoni è indicato se la dimensione delle formazioni patologiche non supera i 2 cm. Durante la sessione di trattamento, il paziente riceve l'anestesia e non ha dolore.

La sequenza di azioni è la seguente:

  • La persona si trova sul tavolo operatorio e viene messa in anestesia.
  • Medic determina la localizzazione esatta del calcolo.
  • Il paziente si adatta alla posizione che fornisce l'esatto effetto degli ultrasuoni.
  • Una speciale bolla riempita d'acqua è installata nella proiezione della formazione patologica. L'attrezzatura crea onde d'urto mirate che interrompono la struttura delle pietre.
  • Il monitoraggio viene effettuato con l'aiuto di monitor su cui viene visualizzato lo stato delle pietre.
  • L'operazione viene interrotta quando la pietra si rompe e si formano piccole particelle che possono passare liberamente attraverso l'uretra e l'uretere.

Al paziente viene assegnato un piano di misure terapeutiche, il cui scopo è quello di facilitare il rilascio degli elementi rimanenti. Questi sono vari antibiotici, antispastici, antidolorifici e tè diuretici.

Dopo il completamento della sessione di trattamento, la persona è sotto controllo medico (24-48 ore), seguita da un estratto. Il medico prescrive raccomandazioni speciali relative alla dieta, al bere e ai farmaci.

Valutazioni del paziente

Ora è consigliabile familiarizzare con ciò che le recensioni di schiacciamento dei calcoli renali hanno meritato tra le persone che hanno avuto urolitiasi.

La maggior parte dei pazienti nota che la lotta alle neoplasie nella pelvi renale con un raggio laser è il metodo più indolore della terapia. Litotrepcia (il nome ufficiale della procedura) viene eseguito una sola volta, aiutando a dimenticare il dolore grave e dà il recupero.

Le persone si liberano di pietre molto grandi, il cui diametro supera i 12 mm. Tuttavia, tra le recensioni ci sono lamentele sul costo molto elevato della sessione di trattamento. Tale terapia potrebbe essere troppo costosa per le persone con bassi redditi.

I medici integrano le valutazioni positive con le loro raccomandazioni. Una persona che ha avuto l'urolitiasi dovrebbe radicalmente riconsiderare il proprio modo di vivere in modo che la malattia non possa tornare di nuovo. Richiede una dieta adeguatamente organizzata, il regime di bere corretto (solo acqua pura filtrata).

Non ci sono valutazioni meno positive rispetto all'esposizione agli ultrasuoni. I pazienti osservano che una sessione di trattamento aiuta a liberarsi di diverse formazioni contemporaneamente. Inoltre, l'anestesia (il più delle volte è l'anestesia epidurale) rende l'effetto il più confortevole possibile, che è molto importante per i pazienti delle fasce di età più anziane e più giovani.

Cosa succede dopo aver distrutto i calcoli renali?

Immediatamente dopo manipolazioni mediche, il paziente viene esaminato. Il primo giorno, il paziente può sperimentare minzione frequente, che è abbastanza normale. Le inclusioni di sangue possono verificarsi nelle urine a causa del rilascio naturale di residui di pietra. Tali sintomi dovrebbero scomparire dopo 72 ore, altrimenti si dovrebbe visitare un medico.

Durante il passaggio di frammenti lungo le vie urinarie si possono sviluppare convulsioni di colica renale. Non provocano tale dolore, come prima, ma una persona può assumere un antispastico per alleviare i sintomi spiacevoli. In rari casi, la temperatura aumenta.

Costo del trattamento

Se i calcoli renali vengono schiacciati con un laser, il prezzo di una sessione di trattamento sarà di almeno 27-30 mila rubli. Il costo totale dipende dalle condizioni generali del corpo e dalla dimensione degli elementi patologici.

La frantumazione dei calcoli renali (il cui prezzo varia da 15 a 40 mila rubli) con l'aiuto degli ultrasuoni è un po 'più economica, ma comporta anche gravi costi finanziari. Il trattamento costoso è effettuato in cliniche private, le istituzioni mediche pubbliche offrono servizi a un costo inferiore.

Invece del completamento

L'urolitiasi causa sintomi estremamente sgradevoli. La qualità della vita del paziente diminuisce e lui prova un dolore insopportabile. I moderni metodi di trattamento, nonostante i costi elevati, possono ripristinare la salute e ottenere la gioia della vita.

Apparecchio per schiacciare calcoli renali

Lo schiacciamento ultrasonico o laser dei calcoli renali è uno dei metodi più comuni per la rimozione del tartaro. La loro educazione è un fenomeno molto pericoloso. I risultati di recenti studi affermano che l'incidenza di questa patologia è aumentata tra adulti e bambini.

Negli uomini, l'ICD si manifesta 3 volte più spesso che nelle donne, ma c'è ancora una tendenza a sviluppare l'urolitiasi nelle persone anziane. Questa malattia è pericolosa non solo la formazione di effetti tardivi e irreversibili (rughe del rene), ma è anche la causa principale dello spasmo doloroso delle vie urinarie. La colica renale si sviluppa dopo il blocco o la flessione dell'uretere. È caratterizzato dallo sviluppo del dolore nella regione lombare sullo sfondo del benessere completo, negli uomini il dolore spesso si sposta nell'inguine e nello scroto. Senza un trattamento adeguato, la patologia minaccia la vita del paziente.

Metodi di trattamento della urolitiasi

Ci sono metodi conservatori e chirurgici di trattamento di ICD. La tattica di gestione ottimale è sviluppata dal medico curante.

Il metodo di trattamento dipende dalle caratteristiche del calcolo (dimensione, forma, posizione, composizione), nonché dalle condizioni generali del corpo, dalla comorbilità, dal sesso e dall'età.

Nell'arsenale della medicina moderna, metodi non invasivi o minimamente invasivi per rimuovere le pietre. Tali metodi includono la litotripsia ad ultrasuoni, laser e chirurgica.

La distruzione ad ultrasuoni di calcoli renali è molto diffusa. Questo è il metodo di trattamento più popolare. Attira in esso il numero minimo di complicanze, la capacità di rimuovere le pietre senza chirurgia, l'accessibilità per la popolazione, la riabilitazione rapida.

La litotripsia laser è diventata un metodo rivoluzionario di trattamento. Combina la terapia laser e la tecnica endoscopica. L'endoscopio viene inserito attraverso l'uretra e alimentato alla pietra. Sotto l'influenza degli uroliti laser vengono distrutti. Le concrezioni si sciolgono e vengono eliminate senza dolore nelle urine. Ma il costo della litotrissia laser è molte volte di più, quindi il metodo non è ampiamente utilizzato.

Sminuzzare i calcoli renali con gli ultrasuoni

La rimozione delle onde d'urto delle pietre è uno dei metodi principali per il trattamento della nefrolitiasi. Secondo il tipo di generazione di onde d'urto, è suddivisa in frantumazione piezoelettrica, elettroidraulica, elettromagnetica.

La base della litotripsia elettromagnetica è la capacità di rompere una pietra focalizzando un'onda con una lente ottica. Lo svantaggio dell'apparato con questo tipo di generazione di onde è l'alto costo e la fragilità dei suoi componenti.

La litotripsia elettroidraulica consente di rompere le pietre di medie e grandi dimensioni. Il dispositivo ha la migliore efficienza. I suoi svantaggi includono la rapida usura di parti e materiali di consumo costosi, quindi nella medicina moderna perde gradualmente il suo valore.

La litotripsia piezoelettrica viene utilizzata per rimuovere i calcoli dal tratto urinario - pietre così frantumate di piccole dimensioni (fino a 15 mm di diametro). L'apparato di questo tipo funziona grazie alla messa a fuoco del riflettore dell'impulso proveniente da una varietà di piastre realizzate in ceramica speciale. Lo svantaggio del dispositivo è una piccola vita.

Metodi di Lithotripsia di calcoli renali

Ci sono indicazioni specifiche per ciascun metodo di trattamento. Puoi schiacciare i calcoli renali in 3 modi:

  • a distanza - non più di 20 mm nei reni e 15 mm nell'uretere, densità non superiore a 1000 HU;
  • transuretrale - dimensione non superiore a 25 mm, la densità non è importante;
  • per via percutanea (attraverso un'incisione cutanea) - la dimensione delle pietre è superiore a 25 mm, la densità non è importante.

Litotrissia a distanza - l'effetto di un fascio diretto di onde ultrasoniche attraverso il tessuto muscolare. Schiacciare le pietre del rene con gli ultrasuoni è un processo doloroso, viene eseguito in anestesia generale o locale (anestesia spinale). La procedura richiede non più di un'ora. Sotto il controllo visivo (ultrasuoni o raggi X), viene determinata la posizione del calcolo, un dispositivo speciale (litotripter) si trova sopra l'area di localizzazione della pietra e genera onde ultrasoniche con un aumento graduale della frequenza e una diminuzione degli intervalli di tempo tra le onde.

Per 1 sessione produci fino a 2000 battiti, a volte di più. Tutto dipende dalle caratteristiche individuali del calcolo in un caso particolare. Durante l'intera sessione, il medico curante monitora lo stato del calcolo e seleziona lui stesso le tattiche di litotripsia. Una volta completata la procedura, nel paziente viene installato un catetere speciale per rimuovere rapidamente piccoli frammenti di calcoli dai reni.

I pazienti vengono trattati in modo diverso in ogni ospedale. La maggior parte dei medici preferisce lasciare i pazienti sotto osservazione per altri 1-2 giorni. Il primo giorno dopo l'intervento sono possibili febbre, dolore durante la minzione, un attacco di colica renale e colorazione delle urine in rosso. Questi fenomeni vanno via da soli, ma si raccomanda di seguire scrupolosamente le istruzioni del medico curante per minimizzare le complicazioni.

Sebbene la percentuale di risultati favorevoli sia elevata, i problemi non possono essere ancora evitati. Le principali complicanze derivanti dalla litotrissia a distanza sono le seguenti:

  • contusione renale;
  • emorragia d'organo;
  • esacerbazione o comparsa di pielonefrite;
  • la formazione di "sentieri di pietra" è un fenomeno pericoloso, che porta a ritenzione urinaria acuta;
  • pietre residue - possono causare recidive.

La litotripsia transuretrale o di contatto viene eseguita utilizzando un endoscopio inserito attraverso l'uretra. Quindi, il medico visualizza il calcolo e gli ultrasuoni direttamente sulla pietra. Usando l'aspirazione per rimuovere i residui di nefroliti dal rene. Questo tipo di litotripsia è doloroso e viene eseguito solo in anestesia generale.

Viene data preferenza a questo metodo di trattamento se, dopo 2-3 sessioni di terapia con onde d'urto, non vi è alcun effetto desiderato o vi sono controindicazioni: localizzazione della pietra nel lume dell'uretere, sviluppo della colica renale, disturbi della minzione. Dopo l'intervento, il paziente è in ospedale da circa una settimana. La terapia postoperatoria comprende antidolorifici, antinfiammatori e antibatterici.

La nefrolitotripsia percutanea è un'operazione endoscopica eseguita su grandi pietre nel rene, più spesso coralli. Il metodo, essendo invasivo, viene eseguito in anestesia generale. L'essenza della procedura chirurgica è la seguente: attraverso una piccola incisione cutanea, la pietra viene schiacciata da un nefroscopio sotto controllo visivo. Quando il calcolo viene rimosso, un tubo di drenaggio viene installato nella ferita per rimuovere l'urina e il sangue. Il drenaggio viene rimosso dopo alcuni giorni. Il paziente viene dimesso 5-7 giorni dopo l'intervento.

Controindicazioni

Nonostante l'uso diffuso di vari metodi di litotripsia nella pratica urologica, hanno controindicazioni. Sono divisi in aspetti tecnici (obesità, posizione complessa della pietra, impossibilità di posizionare il sensore rigorosamente sulla zona di localizzazione della pietra) e medica.

Principali controindicazioni mediche:

  • mestruazioni;
  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • patologia urologica (tubercolosi, cisti, neoplasie renali, insufficienza renale cronica, restringimento dell'uretra e dell'uretere, localizzazione della pietra nell'uretere per più di 3 mesi);
  • processi purulenti e infiammatori (pielonefrite, cistite, polmonite, otite media);
  • patologia cardiovascolare (presenza di un pacemaker, aneurisma aortico, insufficienza cardiaca scompensata, infarto miocardico);
  • lesione del tratto gastrointestinale (durante esacerbazioni);
  • la gravidanza.

Se ci sono controindicazioni, prendere in considerazione metodi alternativi di trattamento: gestione conservativa del paziente, schiacciamento dei calcoli renali con un laser o chirurgia a cielo aperto.

Preparazione e svolgimento della procedura

Per un trattamento corretto ed efficace è necessario sottoporsi ad un esame completo. Le fasi principali della diagnosi includono i seguenti metodi:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • coagulazione;
  • glicemia;
  • analisi delle urine;
  • gruppo sanguigno e fattore Rh
  • determinazione dei marcatori di epatite B e C, infezione da HIV;
  • Reazione di Wasserman (analisi per l'infezione sifilitica);
  • fluorografia (non più vecchia di 6 mesi);
  • ECG (per pazienti dai 40 anni necessariamente, fino a 40 anni - con sospetta patologia cardiovascolare);
  • urography;
  • Ultrasuoni dei reni, delle vie urinarie, della prostata;
  • esame da parte di un ginecologo per donne;
  • uno studio della prostata negli uomini di oltre 45 anni.

Alcuni giorni prima della procedura, i sedativi sono prescritti. Una settimana prima dell'operazione, i farmaci antipiastrinici sono aboliti (aspirina, clopidogrel). Immediatamente prima dell'intervento, gli intestini del paziente vengono purificati.

Il paziente entra nella sala operatoria preparata, si spoglia e si sdraia su un divano speciale. La posizione ottimale del paziente è selezionata. A seconda del metodo di litotripsia, viene eseguita l'anestesia necessaria. Quando si rileva un calcolo mediante ultrasuoni o apparecchi a raggi X con terapia remota o visivamente (con contatto, schiacciamento transdermico), un raggio di onde ultrasoniche viene diretto sulla pietra. La procedura viene eseguita fino alla distruzione del calcolo o al numero massimo consentito di battiti ad ultrasuoni. Dopo la litotripsia, il paziente viene trasferito in reparto per ulteriori osservazioni.

Cos'è la litotripsia ad ultrasuoni?

Il metodo per schiacciare il calcolo renale mediante ultrasuoni è l'azione diretta di un'onda d'urto ad ultrasuoni ad alta energia sulla pietra. Di conseguenza, nel calcolo si verificano tensione e vibrazione che portano alla comparsa di crepe in esso.

La litotripsia viene utilizzata per rimuovere pietre di qualsiasi tipo, localizzate in diverse parti del tratto urinario, se non sono in grado di uscire da sole o il loro numero e le dimensioni sono così grandi da minacciare il paziente con attacchi persistenti di colica renale.

La frammentazione dei calcoli renali è possibile solo dopo aver ricevuto informazioni complete sullo stato di salute del paziente, che consente non solo di determinare la corretta sequenza di manipolazioni, ma anche di evitare lo sviluppo di gravi complicanze. Pertanto, ai pazienti viene assegnato un numero di esami, tra cui:

  • ultrasuoni;
  • urografia escretoria;
  • radiografia del torace;
  • Scansione TC;
  • risonanza magnetica;
  • KLA;
  • OAM;
  • ECG;
  • determinazione della glicemia e così via.

Importante: non a tutti i pazienti viene assegnato lo stesso elenco di procedure diagnostiche, ad esempio, un ECG è solitamente indicato per le persone di età superiore ai 40 anni.

Come è la procedura?

Lo schiacciamento delle pietre può essere fatto per contatto e da remoto. Nel primo caso, in anestesia generale con l'aiuto di apparecchiature endoscopiche, un dispositivo che emette onde ultrasoniche è posto nel rene, direttamente accanto alla pietra. Questo porta alla distruzione di pietre nei frammenti più piccoli, che vengono espulsi dal corpo dal fluido iniettato o dall'aspirazione speciale. Questa operazione è caratterizzata da un basso grado di trauma.

Nella litotrissia remota, l'emettitore di onde ultrasoniche si trova all'esterno del corpo del paziente. A causa dell'assenza delle più piccole forature sul corpo, molte persone preferiscono questo tipo di frantumazione della pietra, ma c'è un'opinione che, a causa della grande forza dell'onda d'urto, è in grado di oscillare i reni e causare le loro contusioni. In ogni caso, la sequenza di azioni per lo schiacciamento remoto delle pietre può essere descritta come segue.

  1. Immediatamente prima della procedura, i pazienti devono liberare l'intestino dalle masse fecali.
  2. Il paziente si spoglia e si sdraia su un tavolo speciale.
  3. Gli vengono somministrati antidolorifici o sedativi.
  4. Il medico determina il livello esatto della pietra in piedi.
  5. Il paziente viene posizionato in una posizione che consentirà un effetto diretto delle onde ultrasoniche sul calcolo.
  6. Installare un cuscino speciale con acqua nella proiezione del calcolo.
  7. Effettuare la distruzione diretta della pietra con successivi colpi ultrasonici fino a quando i frammenti separabili sono commisurati alle dimensioni dell'uretere e del canale uretrale.

Attenzione! Il medico monitora costantemente la procedura attraverso il monitor e, mentre la pietra è schiacciata, può cambiare rotta se necessario, ad esempio, chiedere al paziente di cambiare la sua postura.

Effetti della procedura

Dopo la litotripsia, i pazienti sono invitati a rimanere in ospedale per un giorno. Inoltre, sono assegnati a:

  • antispastici;
  • antibiotici;
  • tè diuretici;
  • FANS;
  • alfa-adrenergici bloccanti.

Consiglio: i pazienti devono seguire esattamente tutte le raccomandazioni del medico e prendere tutte le medicine prescritte per loro, nel pieno rispetto del dosaggio e delle condizioni d'uso, poiché ciò consentirà di rimuovere rapidamente i frammenti di calcoli dal corpo il più rapidamente possibile ed evitare anche lo sviluppo di complicazioni.

La rimozione delle pietre dai reni mediante ultrasuoni non passa senza lasciare traccia. Nei primi giorni dopo che la procedura è stata osservata:

  • minzione frequente, accompagnata da piccoli dolori da taglio;
  • l'aspetto delle impurità del sangue nelle urine;
  • escrezione urinaria di piccole pietre;
  • attacchi di colica renale;
  • aumento della temperatura corporea.

Ovviamente, la litotripsia ad ultrasuoni consente di ottenere risultati eccellenti e la sua implementazione è accompagnata da un basso rischio di complicanze e non richiede una riabilitazione a lungo termine. Tuttavia, rende impossibile schiacciare pietre con dimensioni superiori a 2 cm.

Inoltre, se le pietre sono caratterizzate da un'alta densità, possono essere necessarie diverse procedure successive per la loro distruzione e l'uscita di piccoli frammenti con spigoli vivi può essere accompagnata da un forte dolore. Se non tutti i frammenti escono, possono causare la formazione di nuove pietre. Inoltre, la frantumazione non protegge il paziente dal blocco degli ureteri da parte di grossi frammenti, che possono richiedere l'introduzione di un cappio speciale attraverso l'uretra e la vescica da rimuovere.

Controindicazioni

Nonostante l'elevata sicurezza, la procedura potrebbe non essere sempre eseguita. Controindicazioni per questo sono:

  • la gravidanza;
  • basso numero di piastrine nel sangue;
  • aneurisma aortico;
  • anomalie ossee;
  • grandi cisti renali;
  • malattie cardiache;
  • malattie infettive acute;
  • oncologia.

complicazioni

Poiché lo schiacciamento ultrasonico dei calcoli renali è uno dei metodi più moderni di litotripsia, le complicazioni sono estremamente rare dopo di esso. Tuttavia, i pazienti devono essere avvertiti della possibilità del loro sviluppo. Questo è:

  • formazione di ematoma nel rene;
  • la creazione di un sentiero di pietra residuo che può causare una ricaduta della malattia;
  • sviluppo o esacerbazione della pielonefrite.

La litotripsia ad ultrasuoni è solo uno dei metodi per combattere i calcoli renali. Ulteriori informazioni sui principi generali di trattamento di questa malattia, nonché su altri metodi che sono anche ampiamente utilizzati oggi, dall'articolo: Caratteristiche del trattamento dei calcoli renali con metodi moderni.

Ma forse è più corretto trattare non l'effetto, ma la causa?

Ti consigliamo di leggere la storia di Olga Kirovtseva, come ha curato lo stomaco... Leggi l'articolo >>

Le cause dei calcoli renali sono:

  1. disordini metabolici;
  2. infezioni croniche del tratto urinario;
  3. passaggio difficile di urina.

A seconda della sostanza iniziale del calcolo, si possono distinguere i seguenti tipi di pietre:

  1. Urata. Formata in violazione del metabolismo dell'acido urico.
  2. Ossalati. Appaiono con una quantità eccessiva di sali di acido ossalico nel corpo.
  3. Fosfati. Si verificano quando si modifica il metabolismo del fosforo, che può essere causato dalla patologia del sistema endocrino, dall'uso prolungato di cibo alcalino e da altri motivi.

Ci sono anche carbonato, cistina, proteine, xantina e altre pietre, ma sono molto più rari.

Metodi di trattamento della nefrolitiasi

Il metodo più comune è la chirurgia addominale (laparotomia) per rimuovere le pietre. In considerazione delle frequenti complicazioni, della complessità dell'operazione, della ricorrenza della malattia, questo metodo è usato nella medicina moderna molto meno di 10 anni fa.

Un'alternativa alla chirurgia addominale aperta è la laparoscopia. Questo metodo di eliminazione della nefrolitiasi è meno traumatico a causa della riduzione al minimo degli accessi operativi.

Il metodo della litotrissia a onde d'urto a distanza dei reni si basa sulla distruzione di pietre da parte di un'onda d'urto con conseguente eliminazione di residui attraverso percorsi naturali.

I metodi non chirurgici per il trattamento dei calcoli renali includono un metodo medicinale basato sull'azione di alcune sostanze per sciogliere calcoli con un diametro fino a 4 mm.

Il metodo più popolare nella medicina moderna è il metodo di rimozione ultrasonica (frantumazione) delle pietre, i cui principali vantaggi sono: breve durata del periodo operatorio, basso trauma ai tessuti renali, dolore minimo.

Tipi di litotripsia ad ultrasuoni

  1. Litotripsia distante. L'onda d'urto agisce sulla pietra attraverso i tessuti del corpo. Questo metodo è usato raramente, poiché lo shock di un rene può causare la sua contusione.
  2. La litotripsia da contatto, che viene effettuata attraverso la puntura della parete addominale anteriore o attraverso il tratto urinario, ha un effetto più benigno.

Tecnica per eseguire lo schiacciamento ultrasonico (rimozione) di pietre

La litotripsia ad ultrasuoni viene eseguita con attrezzature speciali: nefroscopio e litotripter. Con l'aiuto degli ultrasuoni, è possibile schiacciare e rimuovere dal corpo fosfati, urici e pietre simili a quelle del recinto. La procedura per rimuovere le pietre con il suono si basa sull'effetto distruttivo di un'onda d'urto su grandi pietre. Le pietre si dividono in elementi più piccoli e vengono escreti nelle urine. L'operazione viene eseguita sotto il controllo degli ultrasuoni. La durata dell'operazione dipende dal numero di pietre, dalla loro dimensione e composizione, ma, di regola, non supera le 2-3 ore.

La preparazione del paziente per lo schiacciamento ultrasonico delle pietre dai reni si riduce ai seguenti punti:

  1. Chiarimento di indicazioni e controindicazioni per l'operazione.
  2. Determinazione del tipo di anestesia.
  3. Condurre la terapia anti-infiammatoria due settimane prima dell'operazione prevista.
  4. Immediatamente prima della procedura, gli intestini vengono puliti.

Calcoli renali

Le ragioni per la formazione di calcoli renali includono:

  • predisposizione genetica;
  • disturbi del metabolismo minerale e salino;
  • squilibrio di calcio (primario, che si sviluppa sullo sfondo di varie patologie, o secondario, causato dalla compromissione della funzionalità renale);
  • assunzione di liquidi insufficiente (acqua);
  • abuso di proteine ​​e cibi salati.

Il dolore più intenso è causato da piccole pietre con protrusioni multiple e punte, raschiando la cavità dei dotti urinari. Grandi pietre di diametro possono bloccare i dotti dei tubuli, il che porta ad un deterioramento della capacità escretoria dei reni e alla riduzione del flusso di urina.

È necessario liberarsi da calcoli renali. Piccole pietre (sabbia) vengono lavate via da sole, ma se il diametro supera 0,5 mm, la frantumazione è necessaria per prevenire il blocco dell'uretere o del canale uretrale. I moderni metodi urologici consentono di liberarsi dei calcoli renali in modo non invasivo o con un intervento chirurgico minimo.

Sminuzzare i calcoli renali con gli ultrasuoni

Il principale metodo di frantumazione di piccoli calcoli renali è la litotripsia ad onde d'urto - un metodo hardware per influenzare le pietre (pietre) di piccolo e medio diametro usando onde ultrasoniche. L'essenza della procedura è di influenzare le pietre con un'onda d'urto diretta ad alta frequenza, che causa la loro distruzione.

La litotripsia può essere eseguita nei seguenti modi:

  • remoto;
  • transuretrale (contatto);
  • percutaneamente (con accesso attraverso la pelle).

testimonianza

L'indicazione principale per la procedura di litotripsia è la formazione di calcoli renali.

Il metodo di frantumazione è selezionato in base ai parametri delle pietre:

  • dimensioni:
    • remoto - non più di 20 mm;
    • transuretrale - non più di 25 mm;
    • percutanea - oltre 25 mm.
  • densità:
    • remoto - non superiore a 1000 HU sulla scala delle unità Hounsfield (altrimenti, il trattamento non sarà limitato a una sessione);
    • transuretrale e percutanea - non importa.

La densità delle pietre dipende dai sali e dalle sostanze con cui sono formati. Le pietre sono divise in:

  • Gli ossalati sono le formazioni più comuni che hanno molti picchi e causano forti dolori quando attraversano il tratto urinario. La loro densità varia da 970 a 1518 HU. Spesso queste pietre hanno una struttura ramificata simile al corallo, da cui vengono chiamati calcoli renali di corallo. Possono riempire l'intera cavità del rene: in questo caso, la massima somiglianza con il corallo.
  • Fosfati e pietre di struvite si formano e crescono piuttosto rapidamente, ma relativamente morbidi (da 390 a 969 HU), quindi sono facilmente suscettibili alla litotripsia lontana. Hanno una forma arrotondata e ruvida e non provocano gravi lesioni quando si esce in modo naturale.
  • Gli uri sono pietre molto morbide la cui densità è 202-377 HU. Spesso vengono trattati sciogliendo con l'aiuto di soluzioni speciali e solo in rari casi è richiesto lo schiacciamento ultrasonico.
  • Le pietre di sali misti sono relativamente rare, ma sono considerate le più difficili (anche se possono essere morbide - tutto dipende dalle sostanze e dai sali con cui sono formate).

Ci sono altri tipi di calcoli formati nei reni, ma sono abbastanza morbidi, non provocano lesioni e non subiscono schiacciamenti.

Le pietre di ossalato di corallo non subiscono uno schiacciamento a distanza dovuto alla forma ramificata. La loro distruzione può portare a gravi complicazioni nello scarico di frammenti. La litotripsia da contatto transuretrale può essere utilizzata con la rimozione di parti di formazione simile al corallo usando un vuoto. Ma la litotripsia percutanea, la laparoscopia o la rimozione chirurgica di pietre con accesso chirurgico completo sono considerate il metodo preferito.

Il principio del processo di frantumazione delle pietre mediante ultrasuoni

Esecuzione della procedura

Per frantumare calcoli renali viene utilizzato un apparecchio speciale: il litotritore. La maggior parte dei modelli moderni è universale, ha una guida ai raggi X incorporata, una messa a fuoco a ultrasuoni e può essere utilizzata per altre procedure. La procedura viene eseguita senza tagli e penetrazioni: uno speciale cuscino riempito di liquido viene applicato alla proiezione della posizione della pietra, attraverso la quale un'onda d'urto passa con l'aiuto di un generatore e agisce su un calcolo. I litotritori differiscono nel meccanismo di generazione delle onde d'urto.

La procedura per la distruzione delle pietre inizia con l'impatto degli impulsi di onde d'urto di potenza minima con un grande divario, che consente ai tessuti di adattarsi. Questo riduce il rischio di ematoma e sanguinamento. A poco a poco, la frequenza e la potenza degli impulsi aumentano.

Una sessione è considerata efficace se fosse possibile frammentare la pietra in particelle che passano facilmente attraverso il canale ureterale e uretrale. Per facilitare la rimozione dei calcoli residui, è possibile installare uno stent ureterale o nefrostomia percutanea.

  1. Generatore elettroidraulico Ha la massima efficienza, fino al 1987 è stato considerato l'unico metodo, e ora è utilizzato solo sul 30% dei dispositivi. La potenza è fino a 3 milioni di impulsi, il che rende possibile regolare la forza dell'impulso dell'onda d'urto. Richiede una frequente preparazione dell'acqua (1 volta in 3 sedute) e una sostituzione regolare degli elettrodi alla velocità di 1 elettrodo per frantumare 1 pietra. Pertanto, i generatori elettroidraulici sono considerati costosi.
  2. I generatori elettromagnetici sono utilizzati sul 50% di tutti i litotritori prodotti. La messa a fuoco può essere una lente o un riflettore parabolico, il raggio d'onda non può essere regolato. La messa a fuoco dell'obiettivo viene utilizzata per pietre più grandi - la sua messa a fuoco è di 6-12 mm. La messa a fuoco del riflettore non supera gli 8 mm. A causa di una concentrazione così ristretta, non vi è alcuna possibilità di schiacciare grossi calcoli renali.
  3. Il generatore piezoelettrico si concentra usando un riflettore sferico, sulla cui superficie ci sono molte piastre piezoelettriche che generano un'onda d'urto. Di regola, la messa a fuoco non supera i 3 mm, quindi i dispositivi di questo tipo di generazione di onde sono considerati efficaci quando si frantumano pietre fino a 1 cm. La qualità delle pietre da 1,5 cm diminuisce bruscamente e aumenta la probabilità di dividere in grandi frammenti, il che porterà a ripetute sessioni ripetute.

La seconda caratteristica importante del litotritore è la distanza di lavoro - la profondità a cui può arrivare l'onda d'urto. La distanza di lavoro viene selezionata in base al fisico del paziente e alla distanza del calcolo.

La distanza della zona focale (distanza di lavoro) può essere:

  • piccolo - 13-14 cm;
  • la media è di 14,5-15,5 cm;
  • grande - 160-170 cm.

In Russia, una distanza di 14 cm è considerata critica, quindi l'uso di dispositivi con una distanza focale più bassa è estremamente raro.
Nel video sui tipi e le indicazioni per la procedura di frantumazione delle pietre nel rene mediante ultrasuoni:

Litotripsia extracorporea

La litotripsia extracorporea viene spesso chiamata onda d'urto remota, poiché viene eseguita in modo non invasivo, senza penetrazione nel corpo del paziente. Abbreviazioni anche spesso usate - DLT o ESWL. La procedura è consentita con calcoli renali fino a 20 mm di diametro e con pietre nell'uretere fino a 15 mm. Il deflusso delle urine non dovrebbe essere impedito.

Esistono numerose controindicazioni per la litotrissia a distanza:

  • Altezza critica (sopra i 200 cm).
  • Sovrappeso (peso superiore a 130 kg).
  • Gravidanza.
  • Le mestruazioni.
  • Malattia infiammatoria acuta, compresi organi urinari (rene, vescica, uretra).
  • Patologia del sangue, compresa la coagulazione insufficiente.
  • Patologia cardiaca
  • Il restringimento dell'uretere, portando a una violazione del deflusso di urina sotto il calcolo.

Se il paziente sta assumendo farmaci che fluidificano il sangue, devono essere cancellati 7-10 giorni prima della procedura.

La frantumazione remota delle pietre non viene eseguita con:

  • densità della pietra oltre 1000 HU (a volte 900 HU);
  • di grandi dimensioni (più di 20 mm).

Ciò riduce l'efficacia della procedura e molto probabilmente richiederà più di una sessione per eliminare completamente i calcoli.

Prima di iniziare la procedura, vengono eseguiti i seguenti test:

  1. Analisi delle urine.
  2. Analisi cliniche e biochimiche del sangue.
  3. Determinazione della presenza di anticorpi contro l'HIV.
  4. La reazione di Wasserman è un'eccezione alla sifilide (RW).
  5. Coagulogramma (coagulazione del sangue).
  6. Rilevazione dell'HCV (epatite C) HBsAg (epatite B).
  7. Determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh.

Prima della procedura, viene nominato un numero di esami standard:

  • ECG.
  • Ultrasuoni dei reni, della vescica, degli organi pelvici.
  • Radiografia del torace (fluorografia).

Durante la procedura viene utilizzata la guida ecografica, che consente al medico di non rilasciare il calcolo dal campo visivo e di monitorarne attentamente la frammentazione.

La durata della degenza ospedaliera è determinata individualmente. Nel caso di piccole pietre fino a 10-12 mm, il paziente può lasciare l'ospedale 4-5 ore dopo la procedura. Con pietre da 15 mm si consiglia di rimanere in ospedale per 2-5 giorni.

Lo schiacciamento extracorporeo di calcoli renali è considerato una procedura con invasività minima, ma i frammenti possono danneggiare la superficie interna dell'uretere, della vescica o dell'uretra all'uscita.

Pertanto, è spesso osservato dopo la procedura:

  • Sangue nelle urine.
  • Bruciore durante la minzione.
  • Aumento della temperatura fino a segni subfebrilla (37-38 ° C).
  • La formazione di ematomi e sanguinamento (raro).

Nel video sulla litotropia remota:

contatto

La litotripsia da contatto è il metodo per schiacciare e rimuovere i calcoli renali attraverso l'accesso transuretrale. La procedura viene eseguita in anestesia generale, raramente spinale. L'invasività è minima, poiché gli strumenti sono inseriti attraverso il canale uretrale.

I principali motivi di preferenza per la litotripsia da contatto sono:

  1. Controindicazioni per la modalità remota.
  2. Grandi dimensioni di pietre.
  3. Alta densità di formazioni (oltre 1000 HU).
  4. Un attacco di colica renale con ostruzione del lume dell'uretere e violazione del deflusso delle urine.
  5. Con il calcolo a lungo termine nel lume.
  6. Calcoli multipli.
  7. Inefficienza 2-3 sedute di litotripsia.

Rispondendo alla domanda su come avviene la frammentazione, va detto che il metodo di litotripsia transuretrale è considerato più efficace, perché il medico ha accesso diretto, può influenzarlo direttamente, e la rimozione dei frammenti viene effettuata aspirando (letteralmente - aspirazione attraverso un tubo a vuoto).

Prima della procedura, vengono condotte una serie di analisi e studi generali, simili alla litotripsia extracorporea.

Recensioni

Secondo gli urologi, l'efficacia dello schiacciamento ultrasonico dei calcoli renali dipende dalla validità del metodo scelto. Per le piccole pietre, si può tranquillamente usare la litotrissia a onde d'urto. Ma con dimensioni di calcolo superiori a 2 cm, specialmente con ossalati, è necessario lo schiacciamento transuretrale di contatto. I concimi corallini di grandi dimensioni non sono soggetti a schiacciamento e vengono rimossi dal punto di vista operativo.

Secondo le recensioni dei pazienti, lo schiacciamento a distanza, condotto senza anestesia, è molto doloroso. Non è sempre possibile ottenere un'eliminazione completa in 1 sessione, quindi è necessario ripetere la procedura. I pazienti ritengono che i principali vantaggi siano l'assenza di invasione: non esiste un periodo post-invasivo, la terapia antibatterica non è sempre prescritta e lo sviluppo dell'infiammazione causato dalla rimozione strumentale di calcoli non è semplicemente possibile. Ogni sessione di frantumazione remota è piuttosto costosa - circa 7.000 rubli.