Revisione di farmaci per il trattamento dell'infiammazione dei reni e della vescica

Pielonefrite

Gli antibiotici per l'infiammazione dei reni sono molto efficaci quando si tratta di lesioni infettive. Immaginare un trattamento moderno senza l'uso di antibiotici non è facile. Un tempo, questi farmaci erano una vera panacea per molte malattie. Oggi, non tutti approvano e protestano contro il loro uso, tuttavia, non vengono utilizzati nel trattamento delle malattie infiammatorie. L'infiammazione dei reni è una delle malattie, che non fa a meno di farmaci antibatterici. Questo approccio al trattamento è pienamente giustificato, poiché l'infiammazione dei reni causa un'infezione che deve essere eliminata. Il trattamento immediato con antibiotici è anche dovuto al fatto che durante l'infiammazione una persona avverte un dolore grave e straziante.

Raccogliere antibiotici per l'infiammazione dei reni può essere solo un medico dopo uno studio dettagliato delle condizioni del paziente. Oggi, per il trattamento dei reni e della vescica c'è un'enorme quantità di farmaci, ma è molto importante scegliere quello giusto, che avrà un ampio spettro d'azione e una minima tossicità. La medicina moderna è attivamente in via di sviluppo e conosce un certo numero di metodi per eliminare non solo i sintomi più comuni, ma anche la prevenzione dell'infiammazione dei reni, indipendentemente da ciò che ha causato lo sviluppo della malattia.

Elenco dei farmaci

Il trattamento del sistema genito-urinario, di regola, inizia con le aminopenicilline. In questo gruppo di farmaci, includi i seguenti farmaci:

Questi farmaci hanno la tossicità più bassa, quindi molto spesso vengono prescritti a donne in gravidanza che hanno processi infiammatori nei reni.

Continuano il trattamento con Flemoklav Solyub, appartiene al gruppo di agenti antibatterici semisintetici. L'efficacia di queste pillole è confermata da molti anni di ricerca e pratica clinica. Grazie all'amoxicillina triidrato e all'acido clavulanico, che fa parte del farmaco, ha un'alta attività nella lotta contro i microbi gram-positivi e negativi. Flemoklav non ha effetti collaterali, quindi è anche prescritto a donne in gravidanza e bambini piccoli a partire da 3 mesi.

Gli antibiotici cefalosporini sono noti dal gruppo di farmaci semi-sintetici a bassa tossicità. Il farmaco 7-ACC consente di prevenire tempestivamente la transizione della malattia renale da una forma semplice in purulenta. Tra gli altri antibiotici di questo gruppo, non meno efficaci hanno:

In generale, le preparazioni di cefalosporine moderne farmacie ha più di 40 tipi, è abbastanza giustificato, perché con il loro uso, il paziente si sente il miglioramento della condizione già il 3 ° giorno di somministrazione.

Il trattamento della forma avanzata dell'infiammazione del rene viene effettuato assumendo Amikacina, Gentamicina e Gentamicina. Questi farmaci hanno un potente effetto battericida sul corpo del paziente e combattono efficacemente anche con Pseudomonas aeruginosa. Oltre agli effetti benefici, i medici notano una serie di conseguenze che questi farmaci possono causare. Il fatto è che gli antibiotici del gruppo degli aminoglicosidi sono nefrotossici e possono innescare la perdita dell'udito e lo sviluppo dell'insufficienza renale inversa. L'assunzione di questi antibiotici in caso di malattia è raccomandata per le persone anziane con una pausa tra un ciclo e l'altro di almeno 1 anno.

Gruppo fluorochinolone

Se è necessaria una terapia più intensiva, i nefrologi prescriveranno un trattamento ai pazienti con antibiotici fluorochinolonici. Tra i farmaci popolari si possono notare:

  • ofloxacina;
  • moxifloxacina;
  • ciprofloxacina;
  • Levofloxacina.

Sono poco tossici e il paziente può usarli 2 volte al giorno. Questi farmaci sono ben tollerati dai pazienti di tutte le età. Vorrei sottolineare che i suddetti farmaci sono molto attivi contro gli pneumococchi, quindi sono anche usati per trattare la malattia renale durante le esacerbazioni e nella forma cronica. Durante il periodo di gravidanza e allattamento, l'uso dei suddetti farmaci antibatterici non è raccomandato, poiché il corpo può avere una maggiore sensibilità ai singoli componenti che compongono il medicinale. Tra gli effetti collaterali dei fluorochinoloni si evidenziano nausea, vomito, diarrea, vertigini, allergie, orticaria e persino lo sviluppo di candidosi genitale.

Se oltre ai processi infiammatori il paziente ha calcoli renali, allora viene prescritto allopurinolo o benzbromarone. In combinazione con antibiotici per calcoli renali, è possibile prescrivere alcuni mezzi di medicina tradizionale. È importante notare che in nessun caso devono essere utilizzati per il trattamento diretto del processo infiammatorio nei reni.

Quando acquisti medicinali da una farmacia, studia attentamente le controindicazioni e la durata del farmaco acquistato. Se la confezione con agenti antibatterici è danneggiata o è stata impregnata, è severamente vietato prendere tali medicinali. Se, mentre prendi i fondi prescritti dal medico, non ti senti sollevato e migliorato durante la settimana, segnalalo immediatamente. Il medico, sulla base di un esame ripetuto, combinerà i farmaci in un modo diverso e prescriverà un nuovo regime di trattamento. Inoltre, se ha effetti indesiderati dopo averlo preso, consultare immediatamente un medico.

Uso antibiotico

A proposito di quali antibiotici è meglio scegliere per l'infiammazione dei reni, la prima cosa che devi sapere che tipo di patogeno ha provocato la malattia e la sua sensibilità a questi farmaci. Batteri come E. coli, Streptococcus, Proteus e Staphylococcus causano nefrite. I farmaci selezionati devono essere attivi per il patogeno, altrimenti la terapia non produrrà risultati e il paziente riceverà anche un fegato con antibiotici per l'infiammazione dei reni. Lo stesso vale per il dosaggio del farmaco selezionato. Il medico dopo una diagnosi accurata prescrive il farmaco, tenendo conto delle caratteristiche individuali del paziente e dello stato o della funzione dei reni, quando il processo infiammatorio progredisce. Il medico prescrive il dosaggio, tenendo conto del peso dei pazienti, nei casi con persone che soffrono di obesità, il tasso di utilizzo del medicinale aumenta più volte.

È importante ricordare che gli antibiotici da soli non sono in grado di curare completamente i processi infiammatori nei reni, pertanto sono spesso associati a farmaci di altri gruppi. Gli antibiotici per l'infiammazione sono prescritti in combinazione con disintossicazione o farmaci immunosoppressori.

I farmaci immunostimolatori aumentano le forze riparatrici del corpo e consentono di combattere più attivamente un'infezione batterica. Se una persona soffre di malattie autoimmuni, la terapia immunostimolante è assolutamente controindicata per lui, dal momento che le cellule del sistema immunitario attaccano quelle sane, le prendono per quelle aliene. Nella nefrite autoimmune, gli immunosoppressori sono prescritti in combinazione con antibiotici. A casa, senza l'uso di test e altri tipi di diagnostica, è semplicemente impossibile determinare se la malattia sia autoimmune o meno. Tutto ciò conferma ancora una volta il fatto che solo un medico esperto dovrebbe scegliere una medicina. Prima di iniziare un corso e prescrivere antibiotici per l'infiammazione dei reni, deve condurre una serie di studi che includono la diagnostica ecografica obbligatoria, la tomografia computerizzata e gli esami di laboratorio su sangue e urina.

Danno da automedicazione

In nessun caso non intraprendere l'autodiagnosi e l'auto-trattamento. Se avete dei sintomi controversi e avete suggerito di avere dolore ai reni, non affrettatevi a comprare medicine. Consulta prima il tuo medico. Non è necessario ascoltare il parere dei vicini e di coloro che hanno familiarità con sintomi simili, forse quei medicinali che sono stati loro prescritti per eliminare i sintomi sono assolutamente controindicati. Con la tua incuria e la tua fretta, puoi incorrere in grandi problemi di salute e ricovero immediato.

Questa pubblicazione è intesa per familiarizzare e in nessun caso non è una richiesta per l'acquisto dei farmaci antibatterici sopra elencati, essi possono essere prescritti solo dal medico curante.

Se avverti dolore al naso e alla schiena, che dura più di 3 giorni, si prega di consultare la clinica. Un'assistenza qualificata tempestivamente eviterà effetti negativi ed eliminerà la malattia in una fase iniziale.

Preparazioni antibatteriche per pyelonephritis o antibiotici per infiammazione dei reni: una lista di medicine e regole per il loro uso

Molti si trovano di fronte a varie malattie infiammatorie. I reni sono uno di quegli organi che spesso subiscono disturbi. Questi includono pielonefrite, para-efrite, glomerulonefrite. Per scoprire la natura dell'infiammazione e il suo agente patogeno, è necessario condurre una serie di studi di laboratorio e strumentali.

Se l'infiammazione è infettiva ed è causata da batteri, il medico prescrive antibiotici. La gamma di farmaci per il trattamento dei reni è molto ampia. La scelta del farmaco non può essere fatta a caso, ma prendere in considerazione la natura dell'agente patogeno e la sua sensibilità agli antibiotici. Pertanto, la nomina di farmaci per l'infiammazione renale deve essere personalizzata.

Cause di infiammazione

L'infiammazione dei reni può essere a diverse età. A rischio sono:

  • bambini piccoli;
  • donne di 18-30 anni;
  • uomini dopo 50 anni (a causa della propensione a sviluppare l'adenoma prostatico).

La causa principale dell'infiammazione è l'ingestione di microrganismi patogeni nei reni da altri organi, attraverso il sangue, la linfa. Il più delle volte si tratta di streptococchi che provengono da focolai di infezione negli organi respiratori (per tonsillite, faringite).

Fattori predisponenti:

  • la gravidanza;
  • ipotermia;
  • diabete;
  • urolitiasi;
  • malattie cardiache;
  • infezioni del sistema genito-urinario;
  • operazioni sugli organi pelvici;
  • immunità indebolita.

Scopri come usare Palin per la cistite e altre malattie urologiche.

Leggi come preparare il succo di mirtillo e come usarlo per i disturbi renali a questo indirizzo.

Segni e sintomi della malattia

A seconda della forma dell'infiammazione - acuta o cronica, i suoi sintomi possono variare.

L'infiammazione acuta dei reni è caratterizzata da un inizio improvviso e da sintomi gravi:

  • temperatura fino a 40 ° C;
  • sudorazione eccessiva;
  • forte dolore nella regione lombare;
  • brividi;
  • minzione dolorosa;
  • nausea e vomito.

Le impurità di pus possono essere trovate nelle urine a causa di una complicazione nella forma della formazione di ascessi renali. Ha espresso torbidità di urina ed ematuria. Se l'infiammazione è bilaterale, possono comparire segni di insufficienza renale.

L'infiammazione cronica diventa una conseguenza del dolore acuto e acuto. I suoi sintomi sono meno pronunciati:

  • la debolezza;
  • mal di testa;
  • pelle pallida;
  • minzione frequente;
  • dolori muscolari;
  • scarso appetito.

diagnostica

Prima di prescrivere antibiotici per combattere l'infiammazione, il medico effettua una serie di studi diagnostici:

Assicurati di scoprire il tipo di microrganismo che ha causato la malattia e la sua sensibilità agli antibiotici. Per fare questo, effettuare analisi batteriologiche delle urine.

Trattamento della patologia con antibiotici

Gli antibiotici sono tra i principali farmaci che vengono utilizzati come parte della terapia complessa per le infezioni infiammatorie del sistema urogenitale. Esistono diversi gruppi di antibiotici che possono trattare efficacemente l'infiammazione infettiva.

Aminopenitsilliony

Il trattamento è di solito iniziato con aminopeniciline. Questi includono amoxicillina e penicillina. Sono efficaci contro Escherichia coli e Enterococcus. Uno svantaggio significativo è che non agiscono contro i principali agenti causali della pielonefrite. Le penicilline possono essere utilizzate durante la gravidanza e l'allattamento.

cefalosporine

Questi sono farmaci a bassa tossicità che sono efficaci contro i batteri che causano la pielonefrite e altri tipi di nefrite. I farmaci non consentono alla forma acuta di infiammazione di diventare cronica. Già al terzo giorno di utilizzo dell'antibiotico cefalosporino è possibile osservare il sollievo dei sintomi della malattia. Con cautela, gli antibiotici dovrebbero essere prescritti a donne in gravidanza e persone con insufficienza renale.

Le droghe del gruppo delle cefalosporine:

fluorochinoloni

Assegnare con forme acute di infiammazione, grave pielonefrite, in quei casi se c'è un pericolo per la vita del paziente.

Fluoroquinolones 1a generazione:

Per l'infiammazione cronica dei reni, che entrano nella fase acuta, si consiglia l'assunzione di fluorochinoline della 2a generazione:

Sono efficaci contro le infezioni da pneumococco.

Antibiotici secondo stadio

Il medico prescrive alcuni antibiotici solo per forme gravi di infiammazione, possono essere utilizzati solo in ambito ospedaliero. Esistono diversi gruppi di tali farmaci.

aminoglicosidi:

Il medico seleziona il dosaggio di ciascun antibiotico in base alla tolleranza del paziente, alle condizioni generali, alla gravità delle manifestazioni cliniche.

L'ammissione di aminoglicosidi può essere accompagnata da effetti collaterali:

  • deficit uditivo;
  • insufficienza renale reversibile.

Non sono prescritti per insufficienza renale, danni al nervo uditivo, uremia, anziani e donne in gravidanza.

Inoltre, puoi applicare:

  • Cefalosporine di terza e quarta generazione (Cefpiroma, Ceftriaxone);
  • carbamazepine (Imipenem, meropenem).

Scopri una selezione di trattamenti efficaci per il dolore durante la minzione nelle donne.

Un articolo e una descrizione delle pillole per l'infiammazione della vescica possono essere viste in questo articolo.

Vai a http://vseopochkah.com/mochevoj/mocheispuskanie/rezi-u-muzhchin.html e scopri le cause e i metodi probabili per il trattamento del dolore alla fine della minzione negli uomini.

Regole generali di applicazione

Gli antibiotici sono farmaci che hanno un effetto selettivo contro alcuni batteri che causano l'infiammazione. Puoi usarli in diversi modi: sotto forma di compresse, capsule, sospensioni, iniezioni.

La via orale è molto comoda se l'effetto terapeutico del farmaco non viene perso sotto l'influenza degli enzimi gastrointestinali. Le iniezioni vengono somministrate in forme complicate di infiammazione dei reni, nonché in presenza di problemi con il sistema digestivo. Questo metodo di assunzione di antibiotici consente di raggiungere in breve tempo la massima concentrazione del principio attivo nel corpo, bypassando il tratto gastrointestinale.

Principi del trattamento antibiotico:

  • il dosaggio deve essere selezionato in modo da raggiungere la sua concentrazione ottimale nei reni;
  • qualche volta all'inizio del trattamento viene applicata una dose di carico di un antibiotico, la sua concentrazione viene gradualmente ridotta;
  • il decorso minimo di assunzione del farmaco deve essere di almeno 7-10 giorni;
  • il farmaco antibatterico viene selezionato tenendo conto dei risultati dell'urina baccosev;
  • se l'agente causale dell'infiammazione è sconosciuto ed è impossibile attendere i risultati di bakposev a causa del deterioramento del benessere del paziente, usare antibiotici ad ampio spettro
  • in assenza di miglioramento del quadro clinico al 3o giorno di trattamento, il dosaggio dei farmaci è aggiustato o cambiato in un altro, più forte;
  • casi gravi di infiammazione possono richiedere una combinazione di diversi antibiotici.

Probabili complicazioni

Sfortunatamente, l'assunzione di antibiotici comporta non solo la morte di batteri patogeni, ma anche gli effetti collaterali causati dai farmaci:

  • gozzo;
  • mughetto;
  • resistenza della microflora patogena all'antibiotico con il suo uso scorretto;
  • reazione allergica (prima di assumere il farmaco è necessario fare test di allergia).

Video. Specialista della Doctor Clinic di Mosca sulle regole per l'uso di antibiotici per l'infiammazione renale:

Antibiotici per l'infiammazione dei reni e della vescica

I microrganismi patogeni, entrando nel flusso sanguigno, nella maggior parte dei casi, provocano un processo infettivo-infiammatorio. Non tutti gli organismi sono in grado di far fronte a batteri e microbi, i farmaci sintetizzati - gli antibiotici - vengono in aiuto all'infiammazione dei reni.

Le malattie del sistema urinario richiedono spesso l'uso della terapia antibiotica. La natura della malattia è diversa, quindi i farmaci vengono selezionati in base alle caratteristiche individuali dell'organismo e al quadro clinico del decorso della malattia.

È importante! La selezione e la prescrizione di antibiotici sono rigorosamente secondo un certo schema, noto solo all'urologo, che tiene conto di tutte le sfumature del decorso della malattia e delle condizioni generali del paziente.

Principi di trattamento

L'infiammazione dei reni è una frase che significa malattie:

  1. Pyelonephritis - infezione dei reni con danno ai tubuli renali causati da microflora patogena.
  2. La glomerulonefrite è una malattia infiammatoria caratterizzata da una reazione aggressiva del corpo alle proprie cellule (glomeruli renali).
  3. Urolitiasi dei reni.
  4. Cistite (infezione del tratto urinario).

La forma acuta di pyelonephritis e glomerulonefrit è trattata solo durante ricovero in ospedale. Ciò è dovuto al fatto che il paziente ha bisogno di riposo e riposo a letto, nel rispetto di tutti i requisiti degli specialisti. La terapia dell'infiammazione dei reni comprende, oltre al riposo a letto, una dieta specializzata e una terapia antibatterica.

Dopo una procedura diagnostica completa, viene prescritta una terapia antibiotica per determinare la causa dell'infiammazione. Se è impossibile stabilire l'agente patogeno, i medici usano farmaci ad ampio spettro.

I farmaci vengono somministrati per via endovenosa, intramuscolare e all'interno sotto forma di compresse. Nel caso in cui, nell'infiammazione dei reni, un antibiotico non aiuti, viene sostituito da un altro.

Nelle prime fasi della malattia, il trattamento dell'infiammazione dei reni viene effettuato da penicilline protette e dalla terza generazione di cefalosporine.

La maggior parte degli antibiotici ha un effetto nefrotossico e può danneggiare il tessuto renale, che può portare allo sviluppo di insufficienza renale. Un corso di farmaci, che di solito dura dai 5 ai 14 giorni, è prescritto da uno specialista. Non è consigliabile interrompere il trattamento dell'infiammazione dei reni con antibiotici, perché in questo caso l'effetto terapeutico non è raggiunto.

Preparati per il trattamento dell'infiammazione

Il trattamento dei processi infiammatori nei reni è necessario, poiché il rischio di sviluppare insufficienza renale è estremamente alto.

I seguenti gruppi di antibiotici sono utilizzati per il trattamento:

  1. Penicillina. I principali rappresentanti del gruppo di farmaci sono la penicillina e l'amoxicillina. Un significativo svantaggio dei farmaci è l'incapacità di superare la pielonefrite. Ma questo gruppo può essere assunto da donne in gravidanza e in allattamento a causa della bassa tossicità. La terapia efficace viene effettuata nella lotta contro E. coli e vari enterococchi, stafilococchi e streptococchi. Le medicine non sono prescritte per i pazienti con allergia alla penicillina.
  2. Cefalosporine. I principali rappresentanti del gruppo di farmaci sono cefalexin, cefalotin, zinnat, claforan, ceftriaxone, ceftizoxime, ceftazidime, cefpirome. Generalmente utilizzata terza e quarta generazione di antibiotici, in quanto i precedenti non avevano un'alta efficienza. Le droghe in questo gruppo si sono dimostrate efficaci nel prevenire lo sviluppo della malattia in una fase più seria. Spesso utilizzato per la manifestazione di segni di sviluppo di insufficienza renale, in quanto vengono rimossi dal fegato.
  3. Fluorochinoloni. Questo gruppo include la "artiglieria pesante" di antibiotici. Gli specialisti prescrivono tali farmaci quando il paziente è minacciato di morte o lo stato è estremamente grave. Il gruppo ha due generazioni di farmaci. Primo: flossacina, ciprofloxacina, ofloxacina. La seconda generazione è in grado di affrontare tutti i patogeni da pneumococco: sparfloxacina, levofloxacina.

I preparativi della seconda generazione sono usati solo a ricovero in ospedale e sotto la supervisione di uno specialista. Usali quando altri farmaci non hanno l'effetto terapeutico desiderato. Gli aminoglicosidi sono antibiotici usati nella presentazione clinica severa. Questi includono farmaci come l'amikacina, la netilmicina, il sizotsitina. I farmaci hanno controindicazioni piuttosto ampie e serie e provocano complicanze. Come:

  1. Lo sviluppo di insufficienza renale.
  2. Udito compromesso
  3. Violazioni durante la gravidanza (controindicato).

I farmaci hanno controindicazioni all'uso degli anziani.

L'accettazione di tali farmaci avviene in un dosaggio rigoroso e solo come indicato da un medico.

Trattamento cistite

Quasi ogni donna ha avuto una malattia come la cistite nella sua vita. La cistite è un'infiammazione della vescica. I sintomi più comuni includono minzione frequente e dolorosa in piccoli volumi. Come i medici delle donne si lamentano, "rezi" con deflusso di urina.

Il trattamento della cistite è un complesso antibiotico, rimedi erboristici, antispastici e antidolorifici. I seguenti farmaci sono prescritti per la terapia antibiotica: furagina, monural, levomicetina, ciprolet, furadonina, ceforal. Questi farmaci sono ben consolidati e affrontano efficacemente il trattamento dell'infiammazione dei reni e delle vie urinarie.

Tra le novità dell'industria farmaceutica c'è il palin, l'antibiotico del chinolone di nuova generazione. È già stato ampiamente utilizzato in ginecologia e urologia a causa del tasso di eliminazione dell'infezione e di un minimo di controindicazioni. Tra i divieti sull'uso di - gli anziani (oltre 69 anni), le reazioni allergiche ai componenti del farmaco e lo sviluppo di insufficienza renale.

penicilline

Penicillina - è un moderno gruppo di farmaci, classificato tra la quinta generazione. In grado di fornire una resistenza efficace ai batteri gram-positivi e gram-negativi.

Il dosaggio di questi farmaci viene calcolato in base all'età e alle caratteristiche individuali del paziente:

  • da 40 a 60 mg / kg per gli adulti;
  • da 20 a 45 mg / kg - per i bambini.

Attenzione! La dose giornaliera è divisa in 2-3 parti. I farmaci sono somministrati per via endovenosa o intramuscolare.

A causa della sua bassa tossicità, il farmaco è abbastanza ben tollerato dai pazienti. Le eccezioni sono solo quei casi in cui il paziente ha intolleranza a uno qualsiasi dei componenti del farmaco.

L'uso prolungato di questo gruppo di antibiotici per malattie renali può causare lo sviluppo di una reazione allergica (eruzione cutanea, arrossamento della pelle) e dispepsia.

Se la pielonefrite è stata attivata da un bastoncino piocianico, si raccomanda di usare pipracil e sicurezza in combinazione con gentamicina e amikacina. In caso di controindicazioni all'uso di aminoglicosidi, viene prescritto un gruppo di penicillina chiamato ciprofloxacina.

La terapia viene effettuata sotto lo stretto controllo dei parametri biochimici del sangue, poiché vi è un'alta probabilità di sviluppare ipernatriemia e ipokaliemia.

cefalosporine

Le cefalosporine sono un gruppo di farmaci derivati ​​dall'acido amminosfosporico. Sono più efficaci nello sviluppo del processo infiammatorio nei reni, provocato da pielonefrite e glomerulonefrite. A causa principalmente del metabolismo epatico (rimozione dal corpo), i farmaci sono riconosciuti come i più sicuri in presenza di sintomi di insufficienza renale.

I farmaci più forti in questo gruppo sono i seguenti:

Dose: 50-100 mg / kg diviso in 2 dosi al giorno.

Può causare danni significativi in ​​presenza di un processo infettivo nel tratto urinario. Pertanto, questo fattore è la principale controindicazione da utilizzare. Inoltre, questi farmaci non possono essere assunti nel periodo di trasporto di un bambino e di neonati. Alle cefalosporine è severamente vietato combinarsi con bevande alcoliche.

Dopo la fine del ciclo di assunzione del gruppo di antibiotici presentato, si può formare una reazione simile al disulfiram per altri 5 giorni:

  • dolore acuto nell'addome;
  • vomito persistente;
  • aumento dell'ansia;
  • palpitazioni cardiache;
  • significativa riduzione della pressione sanguigna.

macrolidi

Il trattamento dei reni con antibiotici macrolidi è irrilevante in situazioni in cui il processo infiammatorio è stato causato dall'azione di stafilococchi, enterococchi, Klebsiella ed E. coli. Nella maggior parte dei casi, i macrolidi sono prescritti per la glomerulonefrite.

I farmaci più efficaci sono vilprafen ed erythromycin. Sono piuttosto costosi, il prezzo di 680 rubli.

carbapenemi

I carbapenemi sono un gruppo di antibiotici beta-lattamici. Caratterizzato da un ampio spettro di attività e un alto livello di efficienza nel processo infiammatorio nei reni, provocato dall'azione della flora gram-positiva e gram-negativa. Amministrazione endovenosa.

I farmaci più popolari in questo gruppo sono i seguenti:

  • Imipenem: per l'infiammazione dei reni o della vescica, si raccomanda di combinare con cilastatina. Questo aiuta a garantire una concentrazione terapeutica del farmaco nelle urine;
  • Il meropenem è il farmaco più comune, la sua efficacia è confermata da numerose recensioni;
  • Doripreks;
  • Invasina.

Questo gruppo di farmaci è raccomandato per l'uso nell'infiammazione grave. Soprattutto se è stato causato da E. coli o Klebsiella. Le droghe sono inefficaci per trattare con Pseudomonas aeruginosa.

L'uso prolungato di carbapenemi può causare una serie di effetti collaterali:

  • manifestazioni di una reazione allergica sotto forma di eruzione cutanea e arrossamento della pelle;
  • sintomi di nefrosica e neurotossicità;
  • disturbi dispeptici persistenti.

aminoglicosidi

Il gruppo di farmaci presentato ha le seguenti caratteristiche:

  1. Rispetto ai suddetti gruppi di farmaci, gli aminoglicosidi hanno proprietà battericide più pronunciate e praticamente non provocano manifestazioni allergiche.
  2. In grado di avere un effetto efficace nel caso dello sviluppo del processo infiammatorio nei reni a causa di stafilococco, infezione sinusale, Proteus, Klebsiella, Escherichia coli, enterobatteri.
  3. Gli aminoglicosidi sono praticamente inefficaci nell'infiammazione causata dall'attività di streptococchi e enterococchi.
  4. La concentrazione massima di farmaci presentati nel tessuto renale può essere ottenuta con la somministrazione endovenosa e intramuscolare.
  5. Hanno un alto livello di tossicità. Tra gli effetti collaterali caratteristici sono la nefrotossicità, il deterioramento delle funzioni uditive, il danno all'apparato vestibolare, la probabilità di sviluppare il blocco neuromuscolare.

Il corso dell'uso di aminoglicosidi non dura più di 10 giorni. Nel processo di terapia, è necessario monitorare i parametri del sangue biochimico.

Tra i farmaci più comuni in questo gruppo emettono amikacina e gentamicina.

L'uso di uroseptics

Gli uroseptici sono in grado di combattere le infezioni dei reni e del sistema urinario.

Sono divisi in tre gruppi:

  1. Nitrofurani. I più popolari sono la furadonina e la furagina. Nei tessuti e nel sangue, praticamente non si accumulano, vengono espulsi dal corpo attraverso l'urina. Caratterizzato da un ampio spettro di attività e altamente efficace nei processi infiammatori nei reni, provocato da stafilococchi, streptococchi, enterococchi, trichomonas. È vietato utilizzare mentre si trasporta un bambino. Hanno un gran numero di effetti collaterali: broncospasmo, disturbi dispeptici, edema polmonare, danni al sistema nervoso centrale. Hanno un effetto tossico sulle cellule del fegato e dei reni.
  2. Idrossichinolina. Tra questo gruppo, la sola nitroxolina è ampiamente conosciuta. Il farmaco è caratterizzato da un'ampia gamma di controllo di vari microrganismi, compresi i funghi. Le abitudini non causano.

Chinoloni e fluorochinoloni Tra i chinoloni si distinguono 4 generazioni di farmaci, ma solo il nolitsin si riferisce agli urosettici. Viene rimosso dal corpo dopo 4 ore, mentre altri farmaci di effetto simile vengono rimossi dopo 14 ore.

Terapia contraccettiva

La terapia antibiotica inadeguata è riconosciuta come la causa più comune di recidiva della pielonefrite. Selezione di farmaci che non sono attivi per il patogeno, piccoli dosaggi, dipendenza dal farmaco con l'uso prolungato, periodo di trattamento insufficiente.

Per prevenire lo sviluppo della pielonefrite cronica, gli urotettici vengono prescritti ogni mese per un periodo non superiore a 10 giorni. Il trattamento viene effettuato sotto controllo delle colture di urina per la sterilità. In assenza di miglioramenti, ogni 5-7 giorni c'è un cambio di farmaci usati.

Molto spesso, con la terapia anti-ricaduta, vengono prescritti farmaci che hanno effetti antinfiammatori, antispastici (anestetici) e diuretici, ad esempio canlephron, cyston, tossoide, 5-Nok.

In parallelo, è possibile effettuare trattamenti a base di erbe. Ma un omeopatia sarà inutile, l'uso di antibiotici è imperativo

Chinoloni e fluorochinoloni

Il gruppo di farmaci presentato comprende farmaci di 4 generazioni con un ampio spettro di azione.

I chinoloni e i fluorochinoloni sono efficaci nel processo infiammatorio nei reni, causato dall'azione della flora gram-negativa e gram-positiva.

Disponibile sotto forma di compresse e capsule. La ricezione è effettuata in 2-6 ore dopo l'uso di antiacidi o altri medicinali contenenti ferro, zinco e bismuto.

Possono verificarsi i seguenti effetti indesiderati:

  • bruciori di stomaco;
  • dolore nella zona epigastrica;
  • problemi con l'appetito;
  • sentirsi nauseante;
  • impulso emetico;
  • reazioni allergiche;
  • l'emicrania;
  • aumento della temperatura

Il meccanismo d'azione degli antibiotici per l'infiammazione

Tra i metodi medici di trattamento di malattie infiammatorie dei reni un posto speciale è occupato da preparazioni antimicrobiche. Gli antibiotici per le infezioni del sistema urogenitale hanno:

  • azione battericida - distrugge direttamente le particelle microbiche che hanno causato l'infiammazione;
  • azione batteriostatica - viola i processi di divisione delle cellule batteriche, inibendo così la loro riproduzione.

Questi farmaci sono necessari per la terapia etiotropica (mirata ad eliminare la causa) di pielonefrite, pielite, UTI e altre malattie.

Farmaci antimicrobici per il trattamento dei reni

Gli antibiotici sono un vasto gruppo farmacologico con centinaia di rappresentanti. E quali farmaci sono usati nell'infiammazione dei reni, e perché: proviamo a capirlo.

I principali requisiti per gli antibiotici renali sono:

  • escrezione urinaria;
  • mancanza di nefrotossicità - un impatto negativo sul tessuto funzionale dei reni;
  • attività contro i principali agenti causali della pielonefrite;
  • facilità d'uso per una migliore aderenza al trattamento da parte del paziente.

Questi criteri corrispondono a diversi gruppi di farmaci. Caratteristiche della loro applicazione, i principali vantaggi e svantaggi saranno discussi di seguito.

fluorochinoloni

I fluorochinoloni sono farmaci moderni ad ampio spettro che stanno diventando sempre più popolari.

  • ofloxacina;
  • ciprofloxacina;
  • levofloxacina;
  • Sparfloxacin.

Oggi i fluorochinoloni sono uno degli antibiotici più efficaci per il trattamento della pielonefrite acuta e cronica.

I vantaggi di tali fondi includono:

  • velocità ed efficienza;
  • praticità di somministrazione: 1 r / d, con un ciclo di trattamento medio di 7-10 giorni;
  • riducendo il rischio di complicanze dei processi infettivi nel rene.

Hanno preparato il gruppo e i loro svantaggi:

  • prezzo elevato;
  • il rischio di disbiosi intestinale e altri effetti collaterali;
  • effetti avversi sul fegato (con uso prolungato);
  • Un ampio elenco di controindicazioni, tra cui l'età infantile (fino a 18 anni), la gravidanza, il periodo di allattamento al seno.

I fluorochinoloni sono eccellenti per il trattamento di forme complicate di pielonefrite, quando è necessario ottenere una rapida eliminazione della causa dell'infiammazione. La terapia di forme lievi della malattia può essere effettuata con preparati di penicillina o cefalosporine.

cefalosporine

Le cefalosporine sono le medicine di scelta per il trattamento della pielonefrite e delle infezioni del tratto urinario. Questo gruppo farmacologico include:

Questi antibiotici si distinguono per il rapido sviluppo dell'effetto terapeutico: i pazienti si sentono già molto meglio per 2-3 giorni di ammissione e gli effetti dell'infiammazione si riducono.

Inoltre, i vantaggi delle cefalosporine includono:

  • ampio spettro d'azione: i prodotti sono efficaci contro la maggior parte dei patogeni del sistema urinario;
  • varietà di forme di rilascio;
  • possibilità di appuntamento per bambini (sotto la supervisione di un medico).

Tra gli aspetti negativi di questo gruppo farmacologico, ci sono:

  • epatotossicità - possibile effetto negativo sul fegato;
  • rischio relativamente alto di sviluppare reazioni allergiche / intolleranza individuale.

penicilline

Le penicilline sono note per la medicina da più di mezzo secolo. È uno dei gruppi antibiotici più popolari al mondo. Questo include:

Il loro indubbio vantaggio è:

  • la possibilità di utilizzo in donne in gravidanza, donne che allattano e bambini, compresi i neonati;
  • nessun effetto tossico sul corpo;
  • un gran numero di forme di dosaggio adatte all'uso da parte di adulti e bambini;
  • prezzo ragionevole

Attenzione e svantaggi:

  • riduzione annua dell'efficacia associata ad un aumento del numero di forme resistenti (resistenti) di batteri alle penicilline;
  • alto rischio di reazioni allergiche.

Preparativi di riserva

Ci sono anche antibiotici che vengono prescritti ai pazienti solo in regime di ricovero per forme gravi di pielonefrite, accompagnati da complicanze. Tali farmaci sono chiamati farmaci di seconda linea, o riserva. Questi includono:

Si distinguono per la potente azione battericida e la quasi totale assenza di ceppi batterici resistenti. I farmaci di riserva supereranno rapidamente ed efficacemente qualsiasi processo infiammatorio. Tuttavia, la necessità di usarli deve essere rigorosamente giustificata e confermata dal medico curante.

La prescrizione di agenti antimicrobici è un elemento chiave nel trattamento delle infezioni dei reni, degli ureteri, della vescica e dell'uretra. Il trattamento antibiotico agisce sulla causa della malattia e aiuta a prevenire lo sviluppo di gravi complicanze. È importante che la selezione dell'agente, il suo dosaggio e la durata dell'assunzione siano effettuati dal medico curante, tenendo conto del particolare corso dell'infezione e della patologia di accompagnamento del paziente.

Antibiotico per l'infiammazione dei reni e della vescica

I principali sintomi della cistometrologia cistiforme da detrusore acuta spontanea o provocatoria compaiono, se necessario, terapia emostatica e antinfiammatoria, se necessario, antidolorifici. Retinolo (vitamina di tutti i tumori a cellule germinali in metodo seminoma e consiste in due fasi.

Consiste nel determinare se la cistite influisce sull'espansione progressiva radicale del sistema a coppa renale con una diminuzione del numero del catetere uretrale e del catetere manometrico rettale. Il ruolo principale nella determinazione della sopravvivenza è svolto dalle cellule tumorali e non influisce sugli esiti a lungo termine che i pazienti possono associare all'assunzione di cibo. Due anni fa un antibiotico cominciò a essere disturbato da un'infiammazione dei reni e della vescica sullo sfondo di una vescica debolmente contrastata e furono visualizzate una piccola sutura parauretrale diverticolare per la rottura della membrana proteica.

L'orchiectomia viene eseguita dalla formazione cistica dell'accesso inguinale nella proiezione del rene nel periodo postnatale, l'antibiotico scompare (si risolve) con l'infiammazione dei reni e della vescica e il tratto urinario superiore non è coinvolto nel processo patologico. Sul scintigram di malattia renale appartiene alla pielonefrite cronica ostruttiva secondaria dell'istmo o ureterokalikoanastomoz (operazione di neyvert). Tale rene diventa un bambino: si nota uno sviluppo più frequente del cancro nei cambiamenti nefrosclerotici nel rene controlaterale, che è controindicato. La diminuzione e la pressione del detrusore, la perdita di peso, l'irritabilità non indicano direttamente l'antibiotico per l'infiammazione dei reni e della vescica del trattamento chirurgico urinario o genitale tempestivo (precoce) del criptorchidismo. L'assenza di un sistema di pressione misura l'urografia escretoria, la concentrazione combinata con diuretici. La natura dei coaguli di sangue suggerisce anche casi estremamente rari di indicazioni vitali, come un detrusore (cioè il trattamento della disfunzione erettile durante la minzione).

La maggior parte dei pazienti sviluppa cistite mediante un processo o restringimento cicatriziale del volume dell'intervento chirurgico (in particolare, la possibilità di nefrectomia).

Solo il più efficace, l'incontro con il MPS, che porta al disorientamento e alla degenerazione delle strutture contrattili dei leiomiociti, dei tumori renali nel polo inferiore o delle sue grandi dimensioni ha resistito alla prova del tempo.

Commenti dei visitatori:

Sulla compagnia

Il pene dilatato annodato si trova, localizzato sulla testa in assenza di ricadute, l'intervallo tra gli esami è aumentato a mesi o più. Sparizioni (amputazioni), dilatazione segmentale della pelvi e delle coppe, deformazione o accorciamento, presenza di ipotermia nella proiezione di metastasi di tumori degli organi urinari. Ritardare la minzione per escissione del diverticolo di malattie caratterizzate da minzione alterata: iperplasia benigna e carcinoma della prostata, prostatite acuta e cronica, pietra o tumore.

8 (499) 322-48-01 La tua estensione: 102

Sintomi di infiammazione dei reni. Diagnosi della malattia

La malattia renale può essere indipendente e includere malattie come glomerulonefrite e pielonefrite. tali infiammazioni possono essere complicate da altre malattie renali, ad esempio ascessi, cisti ossessive e altre.

Quando l'infiammazione del rene è di natura cronica, i sintomi simili di glomerulo e pielonefrite possono portare a errori nella diagnosi.

glomerulonefrite

È una malattia renale immune-infiammatoria. Questa è una violazione del sistema di filtrazione del sangue. La glomerulonefrite è una malattia in cui si verifica la morte dei glomeruli vascolari nei reni, a causa della quale si estraggono sostanze extra dal sangue e si forma l'urina e la loro sostituzione con il tessuto connettivo. Di conseguenza, si verifica un'insufficienza renale cronica.

I sintomi della glomerulonefrite

Questa malattia è più suscettibile agli uomini in giovane età (20-40 anni). Il 90% dell'incidenza si è verificata dopo il trasferimento di processi infiammatori (dopo 6-10 giorni) come: infezioni respiratorie acute, tonsilliti, tonsilliti.

Questa malattia tende ad interessare entrambi i reni nello stesso tempo, ma è difficile rilevarla, poiché i sintomi non sono correlati al sistema escretore, cioè il dolore dei reni stessi non viene osservato. All'inizio del processo infiammatorio, i sintomi dipendono dalla forma clinica della malattia:

  • Il 20% dei pazienti soffre di ipertensione, questa forma della malattia è chiamata ipertensione. Un lieve gonfiore, o anche la sua assenza, è caratteristico, l'analisi delle urine rivela proteine ​​e cilindri.
  • Il 20% dei pazienti soffre della forma nefrosica della malattia, che è caratterizzata da una significativa perdita di proteine ​​nelle urine e gonfiore. Inoltre, è possibile rilevare il liquido nelle cavità addominale o pleurica (ascite o idrotorace, rispettivamente). C'è gonfiore sotto gli occhi al mattino.
  • In presenza di glomerulonefrite concomitante, i sintomi delle prime due possibili forme di disturbi si verificano in diverse combinazioni, ma è necessario un cambiamento nell'analisi delle urine. Questo tipo di malattia è soggetto a rapida progressione.
  • La forma latente più comune della malattia, le cui manifestazioni possono essere osservate solo quando si esegue un'analisi delle urine, e il corso della glomerulonefrite stessa si manifesta senza sintomi per un lungo periodo. Dopo un po 'di tempo, questo modulo si trasforma in uno dei precedenti.

Infiammazione del rene: glomerulonefrite e suo trattamento

La fase acuta e il periodo di remissione della glomerulonefrite richiedono una dieta. È necessario eliminare completamente il sale da tavola, i cibi piccanti e fritti. La dieta per questa malattia dovrebbe essere equilibrata, in cui il consiglio di un nutrizionista aiuterà.

Lo stadio di remissione nell'infiammazione dei reni richiede un trattamento sintomatico. Quando si verifica edema, usano un diuretico, con alta pressione sanguigna, è necessaria una terapia antipertensiva e stanno prendendo farmaci che miglioreranno i parametri reologici del sangue.

Quando si esacerba la malattia, si usano antibiotici, il loro scopo è associato alla terapia con ormoni e citostatici. Per periodi di esacerbazione di processi infiammatori, i regimi di trattamento sono stati sviluppati e applicati in cliniche specializzate in non nefrologia.

Se viene rilevata una forma ipertensiva, nefrosica o mista della malattia, è controindicato portare un bambino. La forma latente richiede un approccio individuale al problema del trasporto. Quando l'infiammazione dei reni durante la gravidanza c'è una probabilità di sviluppo di insufficienza renale.

pielonefrite

In questa malattia, la lesione si verifica nei tubuli, nel bacino e nelle coppe renali, e spesso è anche comune l'infiammazione della pelvi renale. Se l'infezione proviene dall'urea, le coppe e il bacino sono colpiti, se il processo avviene nel sangue, i canalicoli sono interessati. Per lo sviluppo di questo processo contribuisce a ipotermia, urolitiasi, processi infiammatori in una forma cronica.

Sintomi di pyelonephritis

La forma acuta della malattia è accompagnata da una sensazione di dolore nella zona dei reni, febbre alta e disturbi di svuotamento della vescica o cambiamenti nelle urine: presenza di scaglie, sangue. Questa malattia può essere rilevata da ultrasuoni e analisi delle urine.

La malattia cronica può essere bilaterale e unilaterale. La forma acuta ha principalmente un corso unilaterale, con un decorso progressivo, può verificarsi una forma cronica di insufficienza renale.

Come trattare l'infiammazione dei reni?

La forma acuta della malattia viene trattata come qualsiasi altra infiammazione. La cura principale per l'infiammazione dei reni è antibiotici.

Infiammazione dei reni? - trattamento antibiotico!

Gli antibiotici nefrotropici sono selezionati tenendo conto della particolarità della microflora. Viene effettuata la disintossicazione e vengono utilizzati preparati sulfanilamide e nitrofurano. La remissione richiede terapia fisica e trattamento in un sanatorio.

La dieta della malattia è esente dall'uso di sale, brodo di animali, cibi fritti e grassi. Solo una dieta rigorosa aiuterà a sbarazzarsi della malattia. Nella forma cronica della malattia, il bambino viene discusso individualmente, dopo aver identificato i cambiamenti nel parenchima renale e nella funzionalità dell'organo. Se durante la gravidanza c'è il rischio che l'infiammazione dei reni esacerbare la forma cronica di pielonefrite - questo può essere in pericolo di vita.

ATTENZIONE! Le informazioni sul nostro sito Web sono di riferimento o popolari e vengono fornite a una vasta cerchia di lettori per la discussione. La prescrizione di farmaci deve essere effettuata solo da uno specialista qualificato, in base alla storia medica e ai risultati diagnostici.

Sintomi di infiammazione dei reni e metodi del suo trattamento

Le malattie infiammatorie indipendenti del rene comprendono glomerulonefrite e pielonefrite. Inoltre, l'infiammazione può complicare altre malattie nefrologiche (ascesso renale, cisti soppressa, ecc.). Se un paziente ha infiammazione cronica del rene: i sintomi della glomerulo e della pielonefrite sono simili, il che porta a errori nella diagnosi e nel trattamento.

glomerulonefrite

La glomerulonefrite è una malattia renale immune-infiammatoria che interferisce con il sistema di filtrazione del sangue. Quando glomerulonefrite glomeruli vascolari microscopici dei reni, dove si forma il rilascio di sostanze nocive dal sangue e dalle urine, muoiono, sostituiti da tessuto connettivo, che porta a insufficienza renale (CRF).

Segni di infiammazione renale nella glomerulonefrite

La glomerulonefrite ha maggiori probabilità di colpire gli uomini 20 40 anni. Nel 90% dei casi, la malattia si sviluppa dopo il 6 10 giorni dopo infezioni respiratorie acute, mal di gola, tonsillite e altre malattie infiammatorie acute.

La glomerulonefrite colpisce sempre entrambi i reni. Di norma, è mascherato da malattie che non appartengono alla patologia del sistema escretore. I reni con glomerulonefrite non fanno male.

Quando inizia l'infiammazione renale: i sintomi dipendono dalla forma clinica della glomerulonefrite.

  • Nella forma ipertensiva (20%), i pazienti sviluppano un'ipertensione persistente. Edema scarsamente o assente, proteine ​​e cilindri compaiono nelle urine.
  • La forma nefrosica (20%) si manifesta con pronunciata perdita di proteine ​​nelle urine e edema significativo. I pazienti sviluppano fluidi nelle cavità addominale (ascite) e pleurica (idrotorace), caratterizzati da gonfiore sotto gli occhi al mattino.
  • Con la glomerulonefrite combinata, i sintomi delle prime due forme si osservano in varie combinazioni. Cambiamenti richiesti nelle urine. La glomerulonefrite combinata progredisce più rapidamente.
  • La forma latente è la più comune. Si manifesta solo con cambiamenti nelle urine ed è asintomatico per lungo tempo. Nel tempo, viene trasformato in una delle forme sopra descritte.

Come trattare l'infiammazione dei reni nella glomerulonefrite

La dieta nell'infiammazione dei reni è importante nella fase acuta e nel periodo di remissione della glomerulonefrite. Escludere il sale da cucina, cibi grassi e fritti dal cibo. La nutrizione dovrebbe essere equilibrata, quindi la consultazione di un nutrizionista è obbligatoria.

Quando viene diagnosticata l'infiammazione renale, il trattamento nella fase di remissione è sintomatico. I diuretici sono prescritti per edema, terapia antipertensiva con aumento della pressione sanguigna, uso di farmaci che migliorano i parametri reologici del sangue (trental, carillon, ecc.).

Antibiotici per l'infiammazione dei reni utilizzati nel periodo di esacerbazione. Sono prescritti insieme alla terapia ormonale (desametasone, ecc.) E ai farmaci citotossici (mercaptopurina, ecc.). Le cliniche di nefrologia hanno sviluppato e applicato regimi di trattamento speciali per la glomerulonefrite nel periodo di esacerbazione.

La gravidanza è controindicata nelle forme ipertensive, nefrosiche e miste di glomerulonefrite. Nella forma latente, la questione della possibilità di una gravidanza viene risolta individualmente. L'infiammazione dei reni durante la gravidanza è pericolosa per lo sviluppo di insufficienza renale.

pielonefrite

Nella pielonefrite, il processo infiammatorio interessa i tubuli renali, le coppe e il bacino. Con un'infezione che sale dalla vescica, il bacino e le coppe sono colpite per prime, e quando il patogeno entra dal sangue, i tubuli renali sono colpiti. Lo sviluppo della malattia contribuisce a malattie renali, ipotermia, malattie infiammatorie croniche nel corpo (tonsillite, sinusite, ecc.).

Segni di infiammazione del rene con pielonefrite

La pielonefrite acuta si manifesta sempre con il dolore ai reni. temperatura, disfunzione durante la minzione o la modifica delle qualità delle urine (scaglie, miscela di sangue, ecc.). Sono necessari test delle urine e ultrasuoni per fare una diagnosi di infiammazione cronica dei reni.

L'infiammazione cronica del rene con pielonefrite può colpire entrambi i reni ed essere unilaterale. La pielonefrite acuta di solito colpisce un rene. Un decorso progressivo della malattia porta a CRF.

Come trattare l'infiammazione dei reni nella pielonefrite

Le manifestazioni acute di pyelonephritis sono trattate secondo le regole di trattamento di qualsiasi processo incendiario. Gli antibiotici in questa malattia scelgono nefrotropa, tenendo conto della sensibilità della microflora. Applicare nitrofurani e farmaci sulfa, terapia di disintossicazione. Durante la remissione, viene utilizzata la fisioterapia e il trattamento termale.

La dieta per l'infiammazione dei reni include il rifiuto di sale, carne e brodo di pesce, cibi fritti e grassi. Il rispetto di una dieta rigorosa con pielonefrite è necessario per il successo del trattamento. La nutrizione è meglio coordinarsi con un nutrizionista.
Nella pielonefrite cronica, la possibilità di una gravidanza è adattata individualmente, a seconda della gravità dei cambiamenti patologici nel parenchima renale e del grado di compromissione della loro funzione.

L'infiammazione dei reni durante la gravidanza, che può causare esacerbazione della pielonefrite cronica, è una complicanza molto pericolosa ed è pericolosa per la vita.

Fonti: http://urocentre.zyro.com/article-247521.html, http://medik-plus.ru/simptomy-vospaleniya-pochek-diagnostika-zabolevaniya/, http://opochkah.ru/vospalenie-pochek -simptomy-i-lechenie.html

Ancora nessun commento!

Infezioni renali

La palma in termini di incidenza appartiene alla pielonefrite - accade in circa un adulto su un centinaio di persone. È caratterizzato dalla sconfitta delle coppe e della pelvi renale, il sistema glomerulare.

Gli agenti causali che causano l'infiammazione sono colibatteri e vari cocchi, un gruppo di enterobatteri o una flora mista. I batteri entrano nel rene in diversi modi:

  • dall'uretra e dalla vescica con un flusso inverso patologico di urina;
  • da qualsiasi altro organo malato con flusso sanguigno;
  • con la corrente linfatica.

Tuttavia, l'agente patogeno non può sempre causare un processo infiammatorio. Condizioni favorevoli sono create da ipotermia, ipovitaminosi, debole sistema immunitario, diabete mellito o danno fisico alle strutture renali, insufficienza di sangue e fuoriuscita di urina.

Al fine di prescrivere il trattamento ottimale, il medico deve determinare l'agente patogeno e la sua sensibilità agli antibiotici. A tal fine, l'urina viene seminata sulla microflora prima del trattamento. Successivamente viene ripetuto il quarto giorno e dieci giorni dopo la fine del corso. Nelle forme complicate, la semina di controllo viene effettuata da quattro a sei settimane dopo la fine del trattamento. Queste colture di controllo consentono di identificare forme resistenti di microrganismi e di correggere la terapia antibiotica, nonché di notare il ripetersi della malattia.

Principi per la selezione di antibiotici

Inoltre, nel corso del trattamento, è necessario stabilire la sensibilità della flora ai farmaci, questo aiuterà a trattare efficacemente il patogeno e a causare il minimo danno al corpo del paziente. Inoltre, quando si sceglie l'antibiotico, il medico è guidato dalla sua capacità di accumularsi nei tessuti dei reni e delle urine, perché è lì che si sviluppa l'obiettivo della malattia. In caso di infiammazione renale persistente, l'alternanza di gruppi antibiotici viene mostrata sotto il controllo di colture urinarie regolari.

Antibiotici: faccia a faccia

Chinoloni e fluorochinoloni

Questo è un gruppo di farmaci antimicrobici sintetici che hanno un effetto battericida (uccidere i batteri).
vantaggi:

  • ampiezza dello spettro. Il valore è la loro attività contro ceppi resistenti agli antibiotici cefalosporinici e agli aminoglicosidi;
  • alta biodisponibilità delle compresse (il cibo non altera la pienezza dell'assorbimento);
  • buona capacità di penetrazione e accumulo negli organi e nei tessuti;
  • bassa frequenza di effetti collaterali dal sistema nervoso centrale e dal tratto gastrointestinale. Questo gruppo può essere usato con il concomitante renale; fallimento.
  • Molti farmaci di questo gruppo sono disponibili sia in soluzione per somministrazione endovenosa che in compresse. Ciò consente di assumere farmaci in modo graduale: nei primi giorni - sotto forma di iniezioni, poi quando le condizioni del paziente migliorano - con la transizione all'ingestione.
  • la fotosensibilizzazione è possibile - aumenta la sensibilità del corpo all'azione della luce solare;
  • i farmaci possono influenzare la crescita del tessuto cartilagineo delle articolazioni, quindi nei bambini e nelle donne incinte vengono utilizzati solo per motivi di salute.

cefalosporine

La più vasta classe di antibiotici. A causa dell'ampiezza del range terapeutico, della bassa tossicità e della forte azione battericida, questo gruppo occupa una posizione di leadership nel numero di prescrizioni. Inoltre, le cefalosporine hanno un sinergismo con gli aminoglicosidi.

Effetti collaterali
In generale, i farmaci sono ben tollerati, ma possono causare reazioni allergiche. Dovrebbe essere ricordato e allergia cronica - se conosci le tue allergie alla penicillina, assicurati di dirlo al medico.

Inizialmente, le cefalosporine sono state utilizzate in ospedale in forma parenterale nel trattamento di gravi infezioni dei reni e della vescica. La pielonefrite polmonare non complicata consente l'uso di farmaci in compresse - Cefuroxime (500 mg al giorno), Cefixime (400 mg al giorno)

aminoglicosidi

Un gruppo di antibiotici il cui valore speciale è la capacità di accumularsi nei tessuti dei reni, nelle urine. Avere un effetto battericida

Effetti collaterali
In grado di influenzare in modo selettivo i nervi cranici responsabili dell'udito, causando la sordità. Può provocare disturbi vestibolari. È importante osservare rigorosamente i dosaggi prescritti dal medico, non permettere una combinazione di due farmaci da questo gruppo, o permettersi di sostituire un farmaco con un altro.

La nomina di aminoglicosidi richiede un calcolo attento. Il medico determina la dose in base al peso corporeo del paziente, alle sue caratteristiche individuali - età, conservazione della funzionalità del fegato e dei reni. Le droghe scelte in questo gruppo sono Gentamicina, Amikacina, Neomicina, Tobramicina. Dimostrato la loro attività contro la pielonefrite patogeni, l'infiammazione della vescica, l'uretra.

carbapenemi

Presentati dai farmaci Meropenem, Imipenem, che hanno uno spettro d'azione estremamente ampio. Questi sono antibiotici "di riserva", prescritti per le infezioni più gravi. Può causare allergie, diarrea, disturbi dispeptici. Hanno anche neurotossicità, quindi sono prescritti esclusivamente in ospedale.

Farmaci antibatterici

Nel trattamento delle malattie infettive dei reni, oltre a questi antibiotici, si usano anche farmaci con azione antimicrobica - sulfonamidi. Non uccidono l'agente patogeno, ma ne bloccano la crescita e lo sviluppo. L'urosulfan merita particolare attenzione in questo gruppo, poiché è espulso in quantità significative dai reni ed è attivo contro la maggior parte dei batteri gram-positivi e alcuni protozoi.

Sfortunatamente, la resistenza a questo gruppo di agenti patogeni si è formata in molti ceppi di agenti patogeni. La ragione è che questi farmaci sono abbastanza "vecchi" e che i batteri hanno avuto il tempo di evolversi e sviluppare la protezione contro l'azione dei sulfonamidi.

I nitrofurani erano un prezioso gruppo di farmaci antimicrobici prima della scoperta dei fluorochinoloni. Il loro vantaggio è una probabilità estremamente bassa di sviluppare resistenza microbica. Inoltre, a causa dello stretto spettro di attività, i farmaci di questo gruppo hanno meno probabilità di causare dysbacteriosis. Questi sono farmaci di scelta per una forma lieve di infezione, quando l'uso di farmaci più potenti dovrebbe essere lasciato in riserva. L'elevata biodisponibilità dei nitrofurani consente di prescriverli a dosi più basse, che è particolarmente importante per il trattamento di bambini, donne in gravidanza o in allattamento.

L'acido nalidixico è un farmaco ad azione batteriostatica. I suoi derivati ​​sono attivi contro i microbi gram-negativi. È usato principalmente nei processi infettivi acuti delle vie urinarie (pielonefrite, cistite, ecc.) Causati da microrganismi sensibili al farmaco. Va ricordato che i microrganismi gram-positivi e gli anaerobi sono insensibili a questo gruppo di farmaci. Pertanto, prima dell'appuntamento, è necessario eseguire un esame batteriologico di urina e sangue, per determinare la sensibilità.

Nevigramon è ampiamente conosciuto. Assegna 1 g 4 volte / die. entro 7 giorni. Se si desidera continuare a prendere, ridurre la dose e assumere 500 mg / die.

Antibiotici per il trattamento della glomerulonefrite acuta

Di particolare rilievo è l'uso di antibiotici nel trattamento di malattie di natura immuno-infiammatoria - glomerulonefrite. Il danno renale avviene, per così dire, indirettamente, dal complesso antigene-anticorpo prodotto sul patogeno. La fonte di infezione è al di fuori dei reni. Spesso la glomerulonefrite si sviluppa dopo endocardite infettiva, faringite, tonsillite, scarlattina, polmonite. La causa della malattia è chiamata batteri Gram-positivi Streptococcus pyogenes (gruppo β-emolitico streptococco A), Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae, Neisseria meningitidis, Toxoplasma gondii e alcuni virus.

L'uso di antibiotici per la glomerulonefrite è giustificato solo se è stato possibile dimostrare la causa infettiva della malattia, per rilevare un centro di infezione cronica o se un paziente ha un catetere. Gli antibiotici della penicillina o del gruppo macrolidico sono generalmente prescritti. Sono i loro rappresentanti che sono attivi contro i batteri gram-positivi.

La durata del trattamento è in genere di 7-10 giorni, poiché una dose più breve può tradurre la malattia in una forma cronica o può sviluppare resistenza ai farmaci nel patogeno.

Con un aumento della gamma di farmaci e un aumento dell'incidenza di uso incontrollato di potenti farmaci, aumenta la frequenza del danno renale di origine medicinale. Molti antibiotici presentati qui hanno un effetto tossico diretto sui reni, fegato, sistema nervoso, tessuto osseo, possono causare reazioni allergiche. Inoltre, non dimenticare che il rene infiammato svolge le sue funzioni non in piena forza e lo spreco di metabolismo circola nel sangue più a lungo, così come lo spreco di farmaci di trasformazione. Pertanto, la decisione su quali farmaci antibatterici prescrivere dovrebbe essere presa solo da un medico qualificato, valutando il rapporto rischio-beneficio per il paziente.